Skip to main content

Full text of "Rerum italicarum scriptores : raccolta degli storici italiani dal cinquecento al millecinquecento"

See other formats


■B 







ff 



Digitized by the Internet Archive 

in 2011 with funding from 

University of Toronto 



http://www.archive.org/details/p1rerumitalicarums18card 



CORPUS CHRONICORUM BONONIENSIUM 



T. XVIII, p. i, v. iv — i. 




NOV 15 1949 
151 Gì 



Cronaca A 

c.437b Anno Christi Mcccc26, el canpanile 
del vescoado, zoè de Sam Piero, zoè el 
capello, si se fé de preda coverto de piom- 
bo cum quello fiorone dorado, et costò du- 
cati quaranta a dorare. Et in prima si era 
de legname cuverto de piombo. Et si lo fé 
fare lo vescovo de Bologna a spese de la 
fabricha de Sam Piero. 

In lo dicto anno, adì 13 de mazo, venne 
la frascha in Bologna comò Philippo Ma- 
ria ducha de Milano si de de soa volon- 
tade la città de Forlì et d'Imola al papa; 
et si fé festa et gran falò in Bologna tri 
dì. Et lo legato de Bologna si andò alle 
diete terre cum certi cittadini de Bologna; 
et adì 25 4 del dicto mese tornò a Bologna 
et si gli andò incontra la cheresia de Bo- 
logna et tucte le conpagnie de le arte; et 
comò el fu al palazo el fu messo a saco- 
manno el baldachino che gli era portado 
sopra et la mulla in su la quale era a ca- 
vallo. 

In quello anno, adì xx 2 de mazo, venne 
lettere in Bologna a lo legato, zoè misser 
Ludovigo arcevescovo 3 , comò el papa si lo 
havea facto cardenale. Et adì 12 de zugno 
venne a li Croxadi 4 de fuora de la porta de 
Strà Maore uno Antonio de Savoglia, et si 



10 



15 



20 



25 



Cronaca B 

H2b. — El champanile del veschoado e. 197 b- coi. 1 
de San Piero, zoè el chapelo, fo fato de 
pryeda coperto de -piombo con quello fiorone 
dorado, el quale fiorone costoe a dorare xxxx 
duchati. E f ecelo fare el vescovo de Bologna 
a le spexe de la fabricha de San Piero. 

Nota che V dito capelo prima era de 
Ugnarne coperto de piombo. 

Come el ducha de Milane donoe al papa 
la signoria de forlì e d'imola. 

1426. — Philipo Maria ducha de Mil- 
lane donoe la segnoria de Forlì e d' Imola 
al papa Martino quinto, e venne adì xiii 
de mazo la frascha a Bologna, e fesse gran- 
de festa in Bologna Hi dì. El legato de 
Bologna andoe con alquanti citadmi a torre 
la tegnuta delle dite terre; et adì xxii de 
mazo tornoe a Bologna et andò gli yncontra 
la chierexia de Bologna e tute le compa- 
gnie de li arte ; e come el fo in piaza apres- 
so le schale de Santo Petronio, fuo messo a 
sachomano el baldachino che gli era portado 
sopra e la mula ne la quale era a chavallo. 

1426. — Venne litere a Bologna adì 
xxv de mazo a lo legato de Bologna come 



5 l Nella cronaca B si ha la data del 22 in luogo 

del 25. 

2 La cronaca B ha la data del 25 maggio. 

3 Di questo Lodovico si parlò più su all'anno 
1424, vedi p. 573 e sg. del voi. III. 



5. xxxx] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 
16-18. xiii, iii] lettere scritte con inchiostro rosso nel cod. 
— 20. xxii] lettere aggiunte più tardi in nero — 29-I. 3 
p. 4 xxv, xii] lettere^scritte con inchiostro rosso nel tod. 



4 II caseggiato, denominato i Crociali anche ora, io 
posto a un chilometro circa dalla porta di Strada Mag- 
giore, lungo la via Emilia Era il luogo dove di so- 
lito andavansi ad incontrare le autorità, che giungevano 
a Bologna, dal Comune e dalla cittadinanza. 



CORPUS CHRON1CORUM 



[A. 1426] 



e. 4jSa 



Cronaca A 

non venne più inanzi per allora: la casone 
perché elio si aduseva el capello a lo le- 
gato et lo legato li mandò a dire che non 
venisse s'elo non gli mandasse a dire. Al- 
lora lo legato mandò per multi cittadini et 
per li massari de le arte et si li disse comò 
el capello si era ai Croxadi; et gli omini 
delle conpagnie voleano bagordare et fare 
gran festa, ma lo legato non volse che 
f esseno quella spexa. Et adì 13 del dicto 
fu aducto el capello dentro et si gli andò 
incontra multi cittadini a cavallo et si se 
fé festa tucto quello dì. Et adì 16 fé dire 
una messa molto solenne in Sam Petronio 
et si de desenare a multi cittadini ; et si fu 
rotto le presune che gli era da trenta per- 
sone. Et chiamosse el cardinale de Santa 
Cizilia '. 

In quello anno papa Martino quinto 
mandò a dire al vescovo de Bologna che 
andasse da lui a Roma, el quale vescovo 
havea nome fra Nicolò de Piero Nicola 
degli Albergati, cittadino de Bologna, che 
in prima si era di fra de la Certoxa, et fu 
una devota creatura. Et quando fu a Ro- 
ma lo papa lo volea fare cardinale, et el 
dicto vescovo non volea aceptare el capello, 
in tanto che '1 papa gli comandò sotto pena 
de scomunicatione ch'elo dovesse aceptare 
el capello. Allora elio lo aceto ; et fu adì 
3 de zugno, in lunedì matina, et chiamase 
monsignore de Santa Croxe de Iherusalem 2 . 
Et poi venne a Bologna adì 17 de seten- 
bre, et fesse festa tucto quello dì in Bo- 
logna, et si gli andò incontra lo legato de 
fuora tre miglia, et la cheresia et tucte le 
conpagnie de le arte, et si sonò tucte le 
canpane de Bologna. Et poi andò a Vi- 
nexia adì JO del dicto mese per mettere 



31. fu] aggiunto più tardi sopra la riga 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



c>97b 



Cronaca B 

el papa Martino l'uvea facto chardcnalc. 
Et ady xii de zugno Antonio de Savoglia 
venne ai Croxadi e lì stctc perché monsi- 
gnore li mandò a dire che non venisse se 
non li mandava a dire. Costui portava el 
capello al dito legato. Et per questo mon- 
signore mandoe per li masari delle arte e 
per molti cittadini e di'seli come Antonio de 
Savoglia era agli Croxadi con lo capello, e 
gli ottieni delle 'compagnie voleano fare ba-c»i_ 2 
gordarc e fare una bella festa. Ma el dito 
monsignore non volse che f esseno quella spe- 
xa. Et adì xiii de zugno f ito aduto el dito 
capello e andò gli incontra molti cittadini a 
chavallo, e tuto quello zorno se fece festa. 
Et adì xvi de zugno el dito legato fece dire 
una mesa molto solenne nella ghiexia de san- 
cto Petronio e diede dexenare a multi cita- 
dini e chiamosse monsignore de Sancta Ci- 
cilia. E le prexune fuono rotte che gli era 
dentro circha xxx huomeni. 

1426. — El papa Martino quinto man- 
doe a dire al veschovo de Bologna che an- 
dasse a lui a Roma, el quale veschovo avea 
nome fra Nicola de Priero Nicolò degli Al- 
bergadi, citadino de Bologna. Et quando 
fuo a Roma el papa el volea fare chat 'dena- 
ie. El dito vescovo non volea aceptare el 
capello ; e 7 papa li disse che, sotto pena 
de schomunig adone, dovesse azetare el ca- 
pello. Alora el dito veschovo aceptò el ca- 
pello adì Hi del mese de zugno e fuo in 
lunedi matina} e chiamosse monsignore de 
Sancta Crose de Jeruxalem. Et adì xvii del 
mese de setembre venne a Bologna e fesse 
festa in Bologna tuto quello dì, e andogli 
incontra el legato e Ila chierexia e tute le 
compagnie de le arte, bene tre miglia, et 



1 II card. Lodovico Alamandi vescovo di Arles 
fu creato cardinale da Martino V il 24 maggio 1426; 
furono creati insieme a lui altri tredici cardinali. 

2 Secondo l'Eubel (voi. I, 34) il vescovo Alber- 



14-22. xiii, xvi, xxx] lettere scritte con inchiostro 
rosso nel cod. — 14. fuo] segue nel cod. a cancell. — 34- 
1. 3 p. 5. iii, xvii, iii, xx] lettere tutte scritte con in- 
chiostro rosso nel cod. — 37. setembrej il b è corretto 
sopra un p nel cod. 



gati fu creato cardinale insieme a Lodovico Alamandi io 
il 24 maggio 1426. L'Albergati continuò ad avere poi 
la diocesi bolognese in amministrazione anche dopo la 
sua promozione al cardinalato. 



[AA. 1426-1428] 



BONON1ENSIUM 



Cronaca A 

acordo fra Veneziani et el ducha de Mil- 
lano che guerezavano inseme. Ancora si 
era in quella guerra el ducha de Savoglia, 
Fiorentini, el signore de Mantoa et el mar- 
chexe de Ferara. 

In quello anno la torre de li Asinegli 
si arse a la vetta, et si non arse se non e' 
letto de la guarda et certo legname che 
gli era intorno; et non posse ardere altro 
per amore de la volta. Et fu adì primo de 
luglio. 

Anno Christi Mcccc27, lo spedale de 
la Morte se cominzò a fondare et si gli 
misse la prima preda monsignore de Santa 
Cezilia, legato de Bologna *, adì 21 de ze- 
naro; et fu messa in lo pilastro primo del 
portego verso la piaza, dove è l'arma soa 
scolpida in masegna. Et si sagrò doe prede 
in lo dicto spedale, et poi ne misse una 
corno ò dicto de sopra * ; l'altra gli misse el 
podestà de Bologna, et fu a hore 18 et si 
nevava molto forte. Et si era rettore del 
dicto spedale ser Bernardino de' Mulitti, 
procuradore et priore Zeno del Bene, afra- 
padore, et massaro Zohanne de Nicolò de 
Carlino, speciale. 



c.jjsà Anno Christi Mcccc28, adì primo d'a- 
gosto, la notte, a hore otto 3 , in la città de 
Bologna se livò uno romore ; et funo qui- 
sti, zoè : 

Baptista da Canedolo, 

Baldisera da Canedolo, 

misser Galeotto da Canedolo, 

Guasparo da Canedolo, 



[I. spazio bianco in testa nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

sortono tute le champane de Bologna. Et 
adì xx de setembre andoe a Venexia -per 
metere acordo fra Veneciani, el ducha de 
Millane e Fiorentini, el ducha de Savoia, ci 
segnore de Mantova, el marchexe de Fe- 
rara, che guerezavano inseme.' 

1426. — La torre degli Axeneli arse e. r>;8a-coi. t 
a la veta adì -primo de luio, e non arse se 

non el ledo de la guarda e certo legniame 
che gli era intorno; e non -pose ardere altro 
per amore de la volta. 

1427. — El spedale de la compagnia 
da la Morte se comenzò a fondare adì xxi 
del mese de zenaro e miseli la prima prieda 
monsegnore de Sancta Cicilia, legato de 
Bologna, et fuo messa in lo primo pilastro 
verso la piaza, donde e l'arma soa scolpida. 
El quale monsignore sagrò doe priede in 
lo dito spedale, e po' ne mise una, come è 
dito de sopra * ; l'altra glie mise el podestà 
de Bologna e fo a hore 8 5 e nevava molto 
forte. Et ser Bernardino di Mulitti, prochu- 
radore, era retore del dito spedale, et mae- 
stro Zero 6 del Bene era priore, et Giovanne 
de Nicolò de Charlino, spiciale, era masaro. 

Come Batista da Chanedolo e fradeli, 
con molti altri, chazono el stado 

DE LA GhIEXIA. 

1428. — Alquanti citadini de Bologna 
chazono el stado de la Ghiexia adì primo 
del mese d'aghosto, a hore vii, a tempo de 
nocte ; zoè fuono li infrascriti, e in prima : 

Batista, 



Valdesera, 
meser Galoto, 
Guasparo, 



de Matio da Chanedolo, 



7. guerecavano] nel cod. — 14-22. xxi, 8] cifre 
scritte con inchiostro rosso nel cod. — 17. lo] segue nel 
cod. p cancell. — 21. dito] segue nel cod. pilastro can- 
celi. — 33. vii] lettere scritte in nero più tardi nel cod. 



5 ' Il card. Lodovico Alamandi, di cui si è parlato 

nella pagina precedente. 

2 Vedi in questa cronaca alla 1. 15. 

3 C'è una piccola divergenza nell'ora : il testo B 
ha le ore sette. 

io 4 Vedi in questa cronaca stessa alla 1. 15. 



5 La cronaca A ha le ore 18, e molto probabil- 
mente si appone al vero : qui fu dall'amanuense dimen- 
ticato l'i avanti l'S. 

6 Zero assai probabilmente è un errore in luogo 

di Zeno che leggesi nella cronaca A, riferendosi que- 15 
sta stessa notizia. 



403 

.M85 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1428] 



e. 439 a 



Cronaca A 

Ludovigo da Canedolo, 

misser Bartolomio abbà de' Zambe- 
chari, 

Tomaso de' Zambechari, 

Bonifazio de' Zambechari, 

Carlo de' Zambechari, 

Tomase de misser Lippo de' Ghixi- 
lieri, 

misser Aluvixe de' Griffuni, 

Firiano de' Griffuni, 

Zohanne de Mathio de' Griffuni, 

misser Piero de' Rampuni ', 

lacomo dalle Coreze, 

Bernardino dalle Coreze 2 , 

li Pepuli, 

li Gozadini, 

li Mezivilani, 

li Baronzini, 

li Guidotti, 

li Muzarelli, 

li Foscharari, 

li Papazuni, 

li Bolognini, 

li Barbieri, 

quilli d'Arzile, 

quilli da Vizano 
et multi altri li quali seriano troppo longo 
a scrivere, et multi merchadanti et altri 
artesani; et si andono in piaza et si ficho- 
no' el fuocho in lo pavaglione, et per quello 
fuocho si arse de molte boteghe, che gli 
era intorno, et specialmente da quelle de' 
nodari, che iarse de molte scripture, et si 
arse la cecha de la moneda ; et li preditti 
non gridavano niente. Et siando la dieta 
brigata in piazza, la parte de misser An- 
tonio di Bentivogli feno recolta in strà Sam 
Donado, alla casa de Zohanne Malvezo, 
apresso el sagrado de Sam lacomo. Et in 
quella volta lo dicto misser Antonio di Ben- 
tivogli si era a Roma, che '1 papa lo tenea 



13. segno d'attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 



Lodovigo, de meser Lambertin da 
Valdesera, J Chanedolo, 
l'abà Bartolomeo, 



dì Zambechari, 



Tomaxe, 

Bonifacio, 

Charlo, 

Tomaxe de meser Lipo di Ghixilicri, 1 

meser Aloixe, 

Friane, 

Giovanne, 

lacomo, 

Bernardino, 



C.19S11 

Ol. 2 



de Matto di Grifuni, 



1 



1 



da le Chorezc, 

con inulti loro amici; et andono in piaza e 
miseno fuocho nel paviglionc dai folexely, 
et arse el dito paviglione com molte boteghe, 
ch'erano lì -presso, spicialmente quelle di 
nodari, ch'erano dalla schala del formazo, 
e arse la zecha da la moneda ; et i prediti 
non e ridavano niente. Et esendo la dita bri- 
gada in piaza, la parte de meser Antonio 
di Bentivogly feccno adunanza in strà San 
Donado in chaxa de Giovanne Malvezo. Et 
in quel tempo el dito meser Antonio di Ben- 
tivogli era a Roma, che 'l papa Martino el 
tegnia a Roma, et eragli stato anni viii. 
Et esendo facto l'adunanza in strà San Do- 
nado, el legato de Bologna ch'era in palazo, 
zoe meser Lodovigo chardenale de Sancta 
Cicilia, mandò a dire a quilli de strà San 
Donado, chi era amadore de sancia Ghiexia 
andasse in palazo con le loro arme, unde 
che quilli de strà San Donado andono verso 
piaza. E quando fono in piaza, quilli da 
Chanedolo li veneno incontra con soa briga- 
da e fono a le mane, cridando, l'una parte 
e l'altra; u Viva la Ghiexia „ ; e multi de 
amedue le parte fono feriti. Infine li Ben- 
tivogli fono remisi fuor a de piaza, però 
ch'erano asai meno che non erano quilli da 
Chanedolo. Et esendo quela maiina monsi- 
gnore de Sancta Croxe, ch'era vescovo de 



14. e] segue nel cod. fi cancell, — 26. viii] scritto 
con inchiostro rosso nel cod. — 29. Sancta] segue nel 
cod. cy cancell. 



1 II nome di messer Pietro Ramponi leggesi solo 
5 in questa cronaca e non nella cronaca B. 

2 I nomi di famiglie che qui seguono non sono 
affatto indicati nella cronaca Z?; e può fare un po' 



meraviglia perchè i due testi da qualche anno e per 
tutti quelli che seguono hanno uno stretto rapporto fra 
di loro, pur mantenendo qua e là qualche divergenza, io 
non sostanziale. 



[A. 1428] 



BONONIENSIUM 



C439à 



Cronaca A 

là, et si gli era stado otto anni. Et sian- 
olo facto la recolta in strà Sam Donado, lo 
legato ch'era in palazo, che havea nome 
misser Ludovigo cardenale de Santa Cezi- 
lia *, mandò a dire a quilli de strà Sam Do- 
nado, chi era amadore de Santa Chiesia si 
andasse in palazo cum le arme soe, donde 
quilli de strà Sam Donado si andono verso 
piazza. Et quando funo a la piazza, la parte 
de quilli da Canedolo gli venne incontra 
et si funo alle mano, gridando l'una parte 
e l'altra: tt Viva la Chiesia „ : et si gli ne fu 
de molti guasti de l'una parte et l'altra.' In- 
fine quilli di Bentivogli funo renchuladi 
indreto, perché erano assai meno che loro. 
Et siando dì, la matina, monsignore de 
Santa Croxe, che era vescovo de Bologna *, 
si intrameteva de mettere acordo et cossi 
intrando in palazo et insando fuora, la parte 
de quilli da Canedolo intrò in palazo, gri- 
dando : " Viva el puovolo e li arte „ , et si pre- 
seno lo cardinale et si rubono tucto el pa- 
lazo et cossi quello del podestà ; et poi me- 
nono lo dicto legato in chasa de misser 
Marcho da Canedolo. Et poi si feno nove 
signuri et funo quisti, zoè : 

Per lo quartiero de porta Sam Proculo: 

Misser Marcho da Canedolo, confalo- 
niero de zustisia, 

Nicolò de' Zambechari, 

Piero de' Mezivilani ; 
Per porta Stieri : 

Mathio de' Mareschalchi, merzaro, 

Tomaxe de' Ghixilieri; 
Per porta Sam Piero : 

Nicolò de' Manzoli, 

Zohanne de' Malvizi; 

Per porta Ravignana : 

misser Bartolomio da Campezo, 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Bologna, se inframetea de metere acordo et 
chosì, intrando im 'palazo et insendo fuora, 
quilli da Chanedolo introno in -palazo, cri- 
dando : " Viva el puovelo e li arte „ ; e pre- 
seno el chat denaie et rodono el palazo. An- 
cora rodono el podestà, ch'era ' da Spoliti *. '9* « - coi. i 
e fuo ferito uno suo zudexe; possa menono 
el dito legato in caxa de meser Marcho da 
Chanedolo. Facto questo, f eceno viiii se- 
gnor i, zoè fuono quisti: 

Meser Marcho da Chanedolo, confalo- 
niero de zostixia, 

Nicolò Zambecharo, 

Piero di Mizivilani, 

Matio di Marschalchi, merzaro, 

Tomaxe di Ghixilieri, 

Nicolò di Manzuoli, 

Giovanne di Malvici, 

meser Bartolomio da Champezo, 

Chastelano di Gozadini 3 . 

Possa faceno xvi chonf aloni eri. 

Facto questo, la mazore parte de lefor- 
leze del conta de Bologna se rexeno, salvo : 

Chastelo San Piero, 

Chastelo Bolognexe, 

Cento, ì queste doe chastelle tegnia 

la Pieve, \ monsignore de Sancta Cro- 
xe, però ch'erano del veschoado. 

1428. — El se gnor e Aloixe da San 
Severino, capetanio de sente d'arme, el quale 
era in Romagna, nel contado d'Imola, venne 
a Bologna adì Hi del mese d'aghosto con 
viiii cento chavagli, e alozoe a le Ruvere * de 
fuora da strà San Vidale ; e i Bolognixi el 
toseno per suo capetanio. Ft adì vi dito, 
la matina per tempo, el dito capetanio coni 
soa brigada chavalchoe al Medexane 5 ; dove 
era Nicolò da Tolentino capetanio de zente 



IO 



1 Vedi sopra in questa stessa cronaca a p. 4. 

2 II cardinale Niccolò Albergati, sopra ricordato. 

3 I nomi sono in questa cronaca posti nello stesso 
ordine che nella cronaca A; ma mancano qui le indi- 
cazioni dei quartieri a cui i nominati appartenevano, 
quali leggonsi nel testo A. 

4 Le Roveri, località assai nota per i cittadini 



10-22. viiii , xvi] scritto con inchiostro rosso ttelcod. 
— 34-37. iii, viiii cento, vi] lettere scritte ton inchiostro 
rosso nel cod. 



Bolognesi, a circa due chilometri dalla città fuori porta 
San Vitale. 

5 Medesano, località della pianura bolognese non 
lontana da Medicina, assai spesso ricordata nelle cro- 
nache bolognesi per il suo castello. Da non confon- 
dersi col Medesano del circondario di Borgo San Don- 
nino in provincia di Parma. 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1428] 



Cronaca A 

Castelam de' Gozadini. 
Et poi feno 16 confalonieri et sedese 
refermaduri del stado de la libertà. Li con- 
falonieri sono quieti, zoè: 

Per porta Sam Progulo : 
Zohanne di Zambechari, 
Firiam de Mathio di Griffuni, 
Marchiom de Nanne da Vizam, 
Tadio de misser Guido di Pepuli ; 

Per porta Ravignana: 
Zohanne de misser BonifazioGozadino, 
Zohanne de Minotto, 
Pelegrino de Iacomo da Manzolim, 
Francesco de Andrea de Bolognino; 

Porta Sam Piero : 
Zohanne da Castagnolo, chanbiatore, 
Francesco da Argile chanbiatore, 
Baptista Ramondino, chanbiatore, 
Bernardino da le Coreze ; 

Porta Stieri ; 
Zohanne de Luchino, chalegaro, 
Iacomo Bochadechani, 
Ludovigo da Canedolo, 
Zohanne de Zorgio da Villanova. 

Sedexe refermaduri : 
Baptista da Canedolo, 
Zohanne de Iacomo di Griffuni, 
ser Stevano di Ghixilardi, 
Scardoino Scardoini, 
Ludovigo di Bentivogli, 
misser Braiguerra de' Chazanemixi, 
Iacomo da le Coreze, chanbiatore, 
misser Nicolò de li Ariosti, dotore, 
Tomase di Zambechari, 
misser Guido di Pepuli, 
misser Romio Foscararo, 
Francesco de' Guidotti, 
misser Bartolomio de' Manzoli, 
misser Scipiom Gozadino, 
ser Zohanne da Manzolim, procuradore, 



3-I. 2 p. 9. et sedese .... de' Bolognini] il tutto 
fu aggiunto dalla stessa mano del cod. nel margine destro 
con chiamata 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

d'arme, el quale era soldato di Fiorentini 
e vegnia de Lombardia, delle terre di Ve- 
neciani, e non se volea -partire del contado 
de Bologna e avea con lui mile doxento 
chavagli; el quale Nicolò fuo asaltado da 
la zente di Bolognixi con grande ardire 
e fuo roto con suo danno e vergogna, e 
fuo -preso Cristovalo so figliolo ' con molti coi. * 
capi de schuadra; et retrovose a butino vi 
cento chavagli. Possa i segnori de Bolo- 
gna mandono sua zente a canpo a Chastelo 
San Piero, i quali poxeno campo in lo bor- 
gho del dito chastelo e bombardono la porta 
del chastelo ; et Iacomo da le Choreze e Fran- 
cescho di Guidoti erano comesarii del dito 
camfo. 

Nel quale campo era li infrascriti ca- 
petanii, zoè: 

El segnore Aloixe da San Severino, ca- 
pitanio zenerale del campo, 

Lodovigo di Michilozi, 

Lionelo da Peroxa, 

Raimero del Froxo, 

Agnolo Ronchone, 
et non poseno avere el dito castelo. La cha- 
xone fuo che 7 papa mandò a Imola la soa 
zente d'arme, zoè erano quisti : Micheleto da 
Chudignola, Nicolò da Tolentino. Fd adì 
ii del mese de setembre la zente di Bolo- 
gnixi livò campo da Chastelo San Piero e 
bruxono tuti i lozamenti e 'l borgho del cha- 
stello, e veneno a lozare a l'Idexe i , et adi 
x de setembre andono a San Zohanne in 
Persexeda e lì fortificano con fossi intorno 
a la rocha, perchè la zente del papa dovea 
andare a darli scchorso 2 . 

1428. — La zente de la Gkiexia venite 
nel contado de Bologna ady xviii de se- 
tembre e aveno Chastelo Guelfo, possa an- 



5-11. mile doxento, vi tento] scritto con inchio- 
stro rosso nel cod. — 5. doxento] segue nel cod. e can- 
cell. — 37. mandò] segue nel cod. ay cancell. — 30-34. 
ii, xj scritto con inchiostro rosso nel cod. — 40-I. H-p. 9. 
xviii, xxliii , xxviiìi ] scritto con inchiostro rosso nel cod. 



1 L'Idice, fiumiciattolo che scorre a ovest di Imola ; 2 In tutta questa narrazione la cronaca B ha molti 

vedi Rosetti, La Romagna cit., al nome. maggiori particolari del testo A. 



[A. 1428] 



BONONIENSIUM 



Cronaca A 

Zeronimo de' Bolognini *. 

Facto questo, tucte le fortezze del con- 
tado de Bologna si se reseno salvo Castello 
Sam Piero 2 et Castello Bolognese, Cento 
et la Pieve 3 , che queste doe si stevano a 
posta de monsignore de Santa Croxe, per- 
ché le erano sotto lo suo vescoado 4 . 

Et poi li dicti signuri si mandono la soa 
gente a Castello Sam Piero et si poseno 
campo in lo borgo del diete castello et si 
lo bonbardono; et si era capitanio del dicto 
campo Alovixe da Sam Sevrino, et lì Steno a 
campo circha uno mese et non lo posseno 
havere. Et la caxone si fu che '1 papa si 
mandò soa gente a Ymola 5 , la quale città 
si era soa, et tornadi la dieta gente a 
Bologna. 

Et in quello anno, del mese de set- 
tenbre 6 , venne la gente del papa suso el 
Bolognese, et cum quella gente si era mis- 
ser Antonio di Bentivogli cum multi soi 
sequaci, et si andono a Sam Zohanne in 
Percesedo per sochorere la rocha, che se 
tenea per lo papa, et non li posseno dare 
sochorso, et el castelano si la rese al comum 
de Bologna. Allora la gente de la Chiesia 
se partì et si andono al castello d'Arzele 7 



IO 



l S 



iS. Bologna] nei margini della p. 440 sono ag- 
giunte nel cod. informa abbreviata alcune notizie che in 
gran parte corrispondono a qttelle delle pp. 7-8 della 
cronaca B 



10 



15 



20 



25 



Cronaca B 

dono a San Zoane in Persexeda 8 per dare 
secorso a la rocha che se tegnia -per lo -pa- 
pa; e con quela zente era meser Antonio 
di Bentivogli con multi suoi amici, et noti 
poseno dare secorso a la dita rocha. Alora 
el chastelano la restituì al comune de Bolo- 
gna adì xxiiii de setembre 9 ; et per questo 
la zente de la Ghiexia se parti e andono a 
campo al' castelo d'Argele e si li tolseno 
V acqua \ e dì xxviiii de setembre aveno el 
dito castello in questo modo, zoe che gli uo- 
meni del dito castello li doveano dare la 
mitade de la roba che igli aveano, zoe cosa 
mobile, e volseno tuta la roba di zitadini de 
Bologna, ch'era in lo dito castelo, e li ci- 
tadini, che si retrovono in quelo luoco,fono 
prexuni. 

1428. — Le messe fuor on intradite a 
Bologna adì Hi del mese de otobre, nel 
quale dì se revelò contra Bologna el ca- 
stello de San Zorzo i0 , la bastìa de la Peola " 
e Crovara d' Imola i2 , et adì xx de otobre 
se revelò ci castelo de Medexina l3 et adì 
xxi dito aveno Budrio et adì 22 aveno Fra- 
seneda i4 et adì xxiiii dito aveno Varignana l5 
e Hozano 16 e Chastello di Briti " : et adì 



1 I nomi dei sedici Confalonieri e dei sedici Ri- 
formatori mancano nel testo B, anzi in esso non c'è 
neanche la notizia che Riformatori fossero eletti. 

2 Castel San Pietro dell'Emilia, comune del cir- 
condario di Bologna, lungo la via Emilia. 

3 È la Pieve di Cento, poco distante da Cento, ora 
in provincia di Ferrara. 

4 È noto, perchè è stato ripetuto molte volte in 
queste cronache, che Cento e la Pieve di Cento dipen- 
devano direttamente dal Vescovo di Bologna così in 
spirituale come in temporale. 

5 Imola era stata data al papa da Filippo Maria 
Visconti, come è detto sopra all'anno 1426 in questa 
stessa cronaca. 

6 Più preciso è il testo B che fissa anche il giorno, 
20 17 settembre. 

7 Castel d'Argile, comune del circondario di Bo- 
logna, nella pianura, a nord. 

8 San Giovanni in Persiceto, ora Persiceto, co- 
mune del circondario di Bologna, nel piano, a nord. 

25 9 Questa data manca nella cronaca A. 



e. 199 & - col. 1 



4" 5- segno d'attenzione nel lato sinistro — 21-1. 4 
p. io. iii, xx, xxi, xxiiii , xxvi, xxviiii ] lettere scritte 
tutte con inchiostro rosso nel cod. — 26. 22] scritto più 
tardi in nero nel cod. - 27. dito] segue a cancell. nel cod. 



10 È l'attuale San Giorgio di Piano, comune del 
circondario e provincia di Bologna, in pianura, a nord, 

11 Peola, detta anche Pegola, località fortificata 
del contado di Imola nel bolognese, in pianura. 

12 La Croara, celebre fortezza contesa tra i bolo- 30 
gnesi e gli Imolesi, non distante da Imola, di cui spesso 
parlano le cronache bolognesi. 

13 Medicina, comune del circondario d'Imola pro- 
vincia di Bologna, a nord della via Emilia. 

14 E il Frassineto, frazione del comune di Castel 35 
San Pietro dell'Emilia, circondario di Imola, prov. di 
Bologna. 

15 Varignana, frazione del comune di Castel S. 
Pietro dell'Emilia, circondario d'Imola, prov. di Bo- 
logna. 40 

16 Ozzano dell'Emilia, comune del circondario di 
Bologna, a est, non distante da Castel S. Pietro, sulla 
via Emilia. 

17 Castel de' Britti, frazione del comune di S. Laz- 
zaro di Savena, circondario e prov. di Bologna, a est, ^5 
sul colle. 



10 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1428] 



e. 440 a 



Cronaca A 

et si gli tolseno l'aqua, et adì 28 de se- 
tenbre l si l'aveno : et gli omini del dicto 
li conveneno dare la mitade de quella robba 
ch'egli haveano, zoè cosa mobile, et si 
voi seno tucta quella di cittadini de Bolo- 
gna ch'era in lo dicto castello, et quilli 
cittadini che se retrovono in lo dicto ca- 
stello funo soi presuni. Et inanzi che ve- 
gnesse el mese d'aprile haveno tucte le ca- 
stelle et forteze del contado de Bologna, 
salvo Sam Zohanne im Percesedo et Cre- 
valchore, Sant'Agada *, Manzolino 8 , Sali- 
gnum 4 et Caxale 5 del contado d'Imola. 

Et in quello anno, adì 28 de setenbre fl , 
el papa mandò lo intradicto a Bologna, et 
non se disse più messa et si non era messo 
nessuno in sagrado. 

Et in quello anno, adì 24 d'otobre, la 
gente del papa si andò a Chasalechio et 
si tolseno l'aqua del canale de le moline ; 
et poi se partino de lì et si andono a campo 
a Corte'xella, tra Savena et el canale de 
Rheno, et lì Steno circha quatro misi et 
si desfeno molte caxe per le circumstantie 
et si le portono al dicto campo et si gli 
feno burghi de chase, et si f eno una bastìa 
suso el ponte da Cortexella ; et adì 19 



10 



15 



20 



25 



Cronaca B 

xxvi dito veneno al fonte da Chasalechio 7 e 
tolseno l'aqua del chanale de Reno', et adì 
xxviiii dito avena Batidizo 8 , e tuto Val de 
Reno fu siegho in concordio; et adì Hi de 
novembre aveno Bazano e la rocha e Mon- 
tiveglio ', Olevedo 10 , Cr espelano u e tuta la 
valada de Val de Samuoza; et adì iiii° dito 
aveno Pimazo n et adì vi dito veneno a cam- 
po al fonte da Cortexela l3 e al fonte dal 
Gombedo 14 , tra Savena e 7 chanale de Reno, 
e lì steno iiii mixi e desfeno molte chaxe 
nel contado de Bologna, portandole al dito 
camfo, et fez e no una bastìa suxo el fonte da 
Chortexela; et adì xii de novembre veneno 
a la forta de Gallerà e poseno una bom- 
barda apreso le mura a doe balestrade e 
treno viiii baio te dentro da la ci t ade,- che 
pexava l'una lyvere 115, e arivava fino in 
piaza, e tale paso la piaza ; e li artexani 
serono le boteghe e andono a la dita 1 porta c ' c ' ) 
a scharamuzare con loro, et multi de quilli 
del campo fuoron feriti e de quili de Bo- 
logna ne fuor on feriti puochi. Et adì xxvi 
de novembre fuo imfichato Guidesto da Pa- 
nigo e tenagliato in piaza, perchè lui avea 
facto revelare Val de Reno. Et adì xxviiii 
dito fuo rexa V acqua del chanale de Reno. 



Vf>a 



5-18. iii, iiii , vi, iiii , xii, viiii ] lettere scritte 
tutte con ine Mostro rosso nel cod. — 12. iiii ] segue nel 
cod. mi canali. — 19-37. 115, xxvi, xxviiii ] scritto 
con inchiostro rotto nel cod. — 35. impichato] segue 
nel cod. o cane eli. 



io 



1 II testo B pone la conquista del castello al 29 
settembre, e non al 28 come qui. 

2 Sant'Agata bolognese, comune del circondario 
e provincia di Bologna, a nord-ovest, nella pianura. 

3 Manzolino, frazione del comune di Castelfranco 
dell'Emilia, circondario di Bologna, in piano, a nord 
della via Emilia. 

4 Si vuole alludere molto probabilmente a Sasso- 
leone, parrocchia e castello del comune di Casalfìuma- 

15 nese, circondario di Imola, provincia di Bologna. 

'• Casalfiumanese, comune del circondarlo d'Imola 
a sud della via Emilia, sul colle. 

6 L'interdetto fu lanciato sulla città di Bologna 
il 3 ottobre secondo il testo B. 

7 Il ponte di Casalecchio, che unisce il capoluogo 
del comune di Casalecchio di Reno alla città di Bolo- 
gna lungo la via di Saragozza. 

8 Battedizzo, frazione del comune di Praduro <• 



20 



Sasso, circondario e provincia di Bologna, in montagna, 
a sud. 25 

9 Monteveglio, celebre castello della Val di Sa- 
moggia, comune del circondario e prov. di Bologna, a 
nord di Bazzane 

10 Oliveto, frazione del comune di Monteveglio, 
circondario e provincia di Bologna, a ovest, sul colle, 30 
in Val di Samoggia. 

11 Crespellano, comune del circondario e prov. di 
Bologna, a ovest, non distante da Bazzano. 

11 Piumazzo, frazione del comune di Castelfranco, 
circondario e prov. di Bologna, a nord della via Emilia. 35 

13 Corticella, frazione del comune di Bologna, a 
cinque chilometri di distanza, a nord nel piano; il ponte 
unisce le due parti del casolare. 

14 II ponte del Gomito o del Gombito è a breve 
distanza da Bologna a nord-ovest, quasi nei sobborghi 40 
della città. 



[A. 1428] 



BONONIENSIUM 



11 



Cronaca A 

de novenbre del dicto anno venne tucta 
la gente del dicto campo apresso la porta 
de Galiera et lì poseno una bonbarda et 
si treno nove balotte de peso de lire 115 
l'una et si arivono infino a la piazza et 
tale ne passò la piazza, et la dieta bon- 
barda si era longe da le mure più de do' 
balestrade *. 

In quello anno, adì x de dexembre, fu 
elletto per lo conseglio de sie cento uno 
vescovo, zoè fu misser Bartolomio de mis- 
ser Carlo de' Zambechari 2 . 

In lo dicto anno, adì 1 7 de desenbre 3 , 
venne la gente del papa a la porta de Ga- 
liera, cum molta fantaria da pè, infino suso 
lo rastello de la porta; et fune de molti 
guasti de l'una parte et l'altra, ma più de 
quilli de fuora. Et quello dì se treno cinque 
balotte de bonbarda del peso sopradicto 4 , 
et allora se roppe la dieta bonbarda. 

In quello anno, adì 29 5 dicto, si se de- 
seuverse uno tratado in Bologna, lo quale 
menava uno fra Antonio de la Fornara da 
Bologna, de' fra' Eremitani de Sam Iacomo, 
cum alquanti cittadini et contadini, li quali 
doveano tore la porta de Strà Sam Vidale et 
darla a la gente del papa; per lo quale 
trattado funo prisi quisti, zoè : 

Fra Antonio sopradicto, de la Fornara, 

Alamanno de' Bianchitti, 

Iacomo suo figliolo, 

Bernardo da Granarolo, lavoradore, 

Landino dalla Croara, 

Zanino da Udene, 

Antonio, dicto Bolognino, dal ponte 
dal Gombedo, 



25. fra'] segue nel cod. Iacomo cancell. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

1428. — La zente del papa Martino 
quinto veneno a la -porta de Galiera adì 
xvii de dexembre, con le bandiere e con le 
bombarde, e treno v balote dentro da la ci- 
tade, del fexo de livere 115; alora se roppc 
la dita bombarda, e fogli una bella scha- 
ramuza e molti homeni fuoron guasti, ma 
più de quilli del campo che de quilli de 
Bolonia. 

1428. — Uno tratato fuo schoperto in 
Bologna adì xxx dexembre, el quale tratato 
menava uno frate Antonio de la Fornara 
del Vignazo, di frati Heremitani de Sancto 
Iacomo con li infrascriti citadini e vilani, 
e doveano tore la porta de Strà San Vidale 
e darla a la zente del papa Martino : 

Frate Antonio de la Fornara, 

Atamano di Bianchiti 

Iacomo figliolo del dito Alamano, 

Amigo, barbiero, 

Bernardyno da Garnarolo, 

Landino da la Crovara, 

Zanino da Udene, 

Antonio dito el Bolognin dal ponte dal 
Gombedo, 

Agniusdio Zarabello, 

lacoma, dona del gigante Pelachane. 

Et a dito dì, la sira a hore xxiii, fuo- 
rom impichati, per lo dito tratato, frate 
Antonio predito e Landino e Bernardino 
prediti f e gli altri fuoron morti, come se e. i 99 b-coi. r 
contene in lo mileximo del 14.29 6 . 

F la nocte sequente, a hore viii, gli 
nemici veneno a le mura de la cita de Bo- 
logna et aschalono el baracane del borgo 



4-6. xvii, v, 115] scritto con inchiostro rosso nel 
cod, — 13. xxx] scritto con inchiostro rosso nel cod. 
— 30-35. xxiii, 1429, viii] lettere e cifre scritte con 
inchiostro rosso nel cod. 



5 'La narrazione di questi avvenimenti d'armi è 

assai più estesa e particolareggiata nella cronaca B. 

2 È un vescovo intruso, che non figura ne nel 
Gams né nell'Eubel. Fu nominato dal Comune bolo- 
gnese in luogo dell'Albergati, per far fronte all'inter- 

10 detto lanciato dal papa sulla città. Non figura natu- 
ralmente nell'elenco dei vescovi bolognesi. 

3 La cronaca A ha la data del 19 novembre per 



la prima azione e del 17 dicembre per la seconda. Il 
testo B fa cenno di una unica azione. 

4 Vedi sopra in questa stessa pagina, 1. 5. 

5 La scoperta della congiura è riferita al 30 di- 
c embre nella cronaca B. 

6 Vedi in questa medesima cronaca più avanti alle 
pp. 12, 36-13, 6. 



15 



12 



CORPUS CHRONICORUM 



LAA. 1428-1429] 



Cronaca A 

Amigo, barbiere», 

Agnosdio Zarabello, 

Jacoma, fante del zigante Pelacham. 

Et lo dicto dì, la sira a hore 23, funo 
impichati, per lo dicto trattado, frate An- 
tonio predicto et Landino et Bernardino 
sopradicti ; et gli altri funo morti, comò 
se contene in lo millesimo del Mcccc29 l „ 
e. 4*ob In quello anno, adì 31 de desenbre, 

la notte a hore otto, venne la gente del 
papa al muro della cittade et si ascalono 
apresso el Baracham dal borgo de Sam 
Iacomo et si roppeno el muro. Allora sonò 
la campana del può volo, et tucto el può volo 
si treno là. Allora la dieta gente treno una 
balotta dentro da la cittade, et si andò la 
dieta balotta in fino a Sam Damiano, dal 
ponte dal ferro; et incontinenti funo cha- 
zadi zoxo dal muro, et funo presi dui de 
loro et morto uno. 

Anno Christi Mcccc29, adì x de ze- 
naro la gente del papa, la quale si era a 
campo a Cortexella si venne apresso a la 
porta de le Lame, et si poseno doe bon- 
barde da la via che va al porto da le nave, 
et treno 19 balotte dentro de la città, de 
peso de lire 225 l'una et tale ne fu la 
piaza 2 . 

Adì x dicto fu taià la testa a Bolo- 
gnino dal ponte dal Gombedo, per lo trat- 
tato de frate Antonio della Fornara 3 . 

Adì 31 dicto fu taià la testa, per lo 
sopradicto trattado, a quisti, zoè : 

Allamanno de' Bianchitti, 

Iacomo suo figliolo, 

Amigo, barbiero. 

Adì 4 de febraro fu taiata la testa a 
madonna Iacoma del gighante Pelacham, 
per lo dicto tratado, et a dì dicto fu taià 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

de San Iacomo e ropeno el muro, e -per 
questo se livò el popolo a remore e armosse 
et andono a la porta de Stra San Vidalc 
et fono con li nemici a le mane. Aloro i 
nemici treno una balota de bombarda dentro 
da la citade, la quale balota andò in fino a 
San Damiano, dal ponte del ferro. E li 
zitadini chazono li nemizi zoxo del muro, 
e fuoron prisi Hi de loro e morto uno, li 
quali fuoron impichati, come afare qui de 
soia, nel milesimo del iq.29 \ 



1429. — Adì iti del mese de zenaro 
fitoron impichati Hi fanti forastic?'i, i quali 
fuoron prisi al barachane del borgo de San 
Iacomo quando li nemici ropeno el muro 
de la citade. 

Et adì x del dito mese fo tagliato la 
testa al Bolognino dal ponte dal Gombedo 
per lo tratato de frate Antonio de la For- 
nara \ Nel qual zorno gli nemici veneno 
a la porta de le Lame e lì poseno ii bom- 
barde, da la via che va al porto de le nave, 
e treno xviiii baio te dentro de la citade, et 
pexava l'una lire 22$, e tale glie fo che 
paso la piaza. 

Et adì xxxi de zenaro fo tagliato la 
testa in piaza a Iacomo de Alamano di 
Bianchiti e Amigo, barbiero, e foe per lo 
dito t raiato de fra Antuonio de la Eornar a. 

Et adì iiii° de febraro fo tagliato la 



7. quale] segue nel cod. b cariceli. — 10-12. ili, 
uno, 1429] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 22-34. 
iii, iii, x, ii, xviiii", 225] scritto con inchiostro rosso 
nel cod. — 36-40. xxxi, iiii] scritto con inchiostro rosso 
nel cod. 



1 Vedi più avanti a p. 12, 11. 22-23, ' n ( l l " 9 Vedi in questa cronaca sopra a p. n, 11. 22 sg. io 
stessa cronaca. 4 Vedi più innanzi in questa stessa cronaca a 

2 L'amanuense lasciò indietro qualche parola; do- p. 13, 11. 28-39. 

veva dire: "tale ne fu che passò (sorpassò) la piazza „ r ' Vedi in questa cronaca sopra a p. 11, 11. 12 e sg. 



[A. 1429] 



BONONIENSIUM 



13 



Cronaca A 

la testa a Agnosdio Zarabello, per lo dicto 
trattado l . 

Adì 25 de febraro li nemisi del cam- 
po, zoè Nicolò da Tolentino, havé Castello 
Francho 2 in questo modo, zoè che uno fa- 
meglio del castelano li de la rocha ; et To- 
mase et Bonifazio de' Zambechari erano in 
lo dicto castello per comissarii, li quali 
fugino in la rochetta. Allora gli omini del 
castello preseno acordo cum lo dicto Ni- 
colò; et Tomase et Bonifazio de' Zambe- 
chari, zò vedendo, se reseno al dicto Ni- 
colò, et funo soi presuni, et Steno in pre- 
sone a guerra finida. 
44' a In quello anno, adì primo de marzo 
la gente del papa venne apresso a la porta 
de Galiera et si poseno una bonbarda et 
treno quatro balotte, et allora gli fu una 
bella meschia, tale che ne fu guasti più de 
centocinquanta de loro, et de' nostri assai, 
ma più de' loro 3 . 

Adì tri de marzo funo zustisiati tre 
fratelli carnali al campo del merchato, li 
nomi di quali sono quisti, zoè : 

Iacomo, 

Zohanne, 

Philippo, 

li quali voleano dare la porta de Sam Fe- 
lixe a li nemixi. 

Et nota che '1 dicto Zohanne fu aco- 
pado cum una manara, possa fu squartado, 
et gli altri dui funo impichadi. 

Adì lo del dicto mese se misse Sam 
Michele in Boscho 4 in fortezza per lo co- 
mmi de Bologna, perché dubitono che la 
gente del papa non si fesse forte. Et adì 
19 dicto andò la gente del papa a pore 
campo al Borgo da Panigale 5 . 



de Bartolomio da Pian- 
chaldi, 



16. segno d' attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

testa a madonna lacoma mugliere del gi- 
gante Pelacane, e foe -per lo dito tratato ; 
et adì x dito fo tagliato la testa a Agniu- 
sdio Zar abelo i -per lo dito tratato de fra' 
Antuonio. 

1429. — I nemici del canpo, zoè Ni- r. i 99 b- co! . 2 
colò da Tolentino, ave Castelo Francho adi 
xxv de febraro, in questo modo, zoe. che uno 
fameio del castelano li de la rocha, e To- 
maxe et Bonifacio di Zambechari erano in 
lo dito castelo per comesarii, i quali fugino 
in la rochetta. Alora gli uomeni de castelo 
preseno acordo con lo dito Nicolò ; e To- 
maxe e Bonifacio di Zambechari, zio ve- 
dendo, se reseno al dito Nicolò e fono suoi 
presuni, et steno in presone a guera fenida. 

1429. — / nemici veneno a la porta de 
Galiera adì primo de marzo et poseno una 
bombarda e treno 4. balote dentro da la ci- 
tade, et foli una bella scharamuza, tale che 
fo guasti de quitti del campo più che CL, 
e de li nostri asai, ma più de li nemici che 
de li nostri. 

1429. — Tri fratelli charnali fuoron 
zustixiati al campo del merchado, i numi 
di quali sono quisti, zoè: 

Iacomo, 

Giovanni, 

Philipo, 
i quali voleano dare la porta de Sam Fe- 
lixe agli nemici. 

Nota che 'l dito Giovanne foe achopado 
con una manara, possa foe squartado ; et 
Iacomo e Philipo fuoron impichadi adì Hi 
de marzo. 



de Bartolomio da Pian- 
chaldolo, 



io. xxv] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 
24. CL] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 38. iii] 
scritto con inchiostro rosso nel cod. 



1 Tutti componenti la congiura a favore della 
S Chiesa, di cui si è partato sopra. 

2 Castelfranco dell'Emilia, comune del circondario 
e prov. di Bologna, al confine modenese a ovest, lungo 
la via Emilia. 

3 Abbiam visto sopra un altro grande tentativo 
io dei soldati della Chiesa di forzare la porta di Galliera : 



vedi p. 10, 28 sg. 

4 San Michele in Bosco, colle che sovrasta Bolo- 
gna, con una chiesa e un convento già degli Olivetani. 
La località fu spesso fortificata a difesa di Bologna. 

5 Borgo Panigale, comune del circondario e prov. 
di Bologna, a cinque chilometri dalla città a ovest, sulla 
via Emilia. 



15 



14 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1429] 



e. 441 b 



Cronaca A 

Et adì 21 dicto la dieta gente si pre- 
seno la chiesia de Santa Maria in Monte x 
et si la misseno in f orteza ; et comò l'aveno 
facta forte, non feno mai se non bombardare 
la terra, che funo de le balotte più de uno 
centonaro, et per la gratia de Dio non feno 
male a nessuna creatura et non guastò caxe. 
Et uno dì, andando le conpagnie spirituale 
et quelle de le arte cum li signuri et confa- 
lonieri in processione, et le conpagnie de' 
batudi portavano le reliquie sante a la dieta 
processione, perché la cherexia non gli era, 
per lo intradicto, et siando suso la salegada 
de fra Menuri la dieta processione, quilli 
de la bastìa de madonna Santa Maria dal 
Monte si treno tre balotte de bonbarda 
verso la processione ; et per miracolo se 
roppe doe delle diete bonbarde, a quella 
tratta, et tra lì e pochi dì se roppe l'altra, 
et poi non treno più. 

In lo dicto anno, adì 31 de marzo, si 
se deseuverse uno tractado in la città de 
Bologna, lo quale trattado si menava qui- 
sti, zoè : 

Alberto dal Ferro, confaloniero, 

Merchione de' Nigri, 

Antonio nolo del priore de Sam Sire *. 

Lo quale tractado si menavano in que- 
sto modo, zoè che una sira che thochava la 
guarda al dicto confaloniero, zoè al dicto 
Alberto dal Ferro, a la porta de Strà Sam 
Vidale, el doveva essere in la chiesia de 
sam Iacomo Felippo, de fuora apresso le 
mura, de la gente del papa, et lo dicto 
Alberto dovea tore la porta de Strà Sam 
Vidale et mettere la gente del papa, dentro 
et el dicto Alberto dovea essere capitanio 
de la montagna per x agni ; et non li venne 
facto. 



26. cofaloniero cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

1429. — / segnori de Bologna f eceno 
metere in f orteza la ghiexia de Sam Michele 
im Bosco adi xvi de marzo, -perche dubi- 
tavano che la zente del papa non la forti- 
fichaseno. JEt adi ig de marzo el campo di 
nemici andoe alozare al Borgo da Pani- 
gale. 

COMB EL CAMPO DE LA GHIEXIA MIXE ITHcoTi 

fortezza la ghiexia de madona 
santa Maria in Monte. 

1429. — £1 campo di nemici andoe a 
la ghiexia de Madona sane t a Maria in 
Monte adì xxi de marzo. La quale ghiexia 
fortificarono molto bene. Possa comenzarono 
a bombardare per la citade e treno più de 
C baio te per la citade, che mai non gua- 
stono alcuna criatura, ne chasa alcuna, per 
la gratia de Dio. Et uno zorno, andando 
le compagnie spirituale e quelle delle arte 
con li segnori e confalonieri in procesione, 
e le compagnie di Batudi portavano le re- 
liquie sante a la dita processone, e li frati 
e preti non gli erano per lo intradito ; et 
essendo in suso la salegada de San Fran- 
ecscho la dita procesione, quili da la bastia 
dal Monte treno Hi balote de bombarda verso 
la procesione, e per la gratia de Dio, se ne 
rope ii delle dite bombarde, a quela volta, e 
da lì a puochi zorni se rope l'altra; possa 
non treno più, però che non aveano che trare. 

1429. — Uno tratato fuo scoperto in 
la cita de Bologna adì xxvi de marzo, el 
quale menava alquanti citadini, i numi di 
quali fuoron quisti, zoè, in prima: 
Alberto dal Ferro, confaloniero, 
maestro Giovanne Francescho da Tosi- 
gnano, 



4-6. xvl, 19] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 
6-7. segno d' attorniane nel lato sinistro — 15-30. xxl, 
C, iii, ii] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 23-24. 
reliquie] requliie cod. — 30. a] aggiunto sopra la riga 
dalla stessa mano del cod. — 35. xxxi] [scritto con in- 
chiostro rosso nel cod. 



1 Santa Maria in Monte, celebre chiesa e santuario villa Aldini all'Osservanza. io 

posto su una collina a nord di Bologna presso a poco * Nella cronaca B figurano molto più nomi di 

nel luogo ove fu eretta nel principio del sec. XIX la quelli che siano qui, tra i congiurati. 



[A. 1429] 



BONONIENSIUM 



15 



Cronaca A 

Et per lo dicto tractado fu tanagliado 
lo dicto Alberto et Guido de Francesco 
Paganello, nodaro, et Antonio figliolo del 
priore de Santo Sire, et poi funo api- 
chati tucti tre in piaza, adì 2 d'aprile. 
Et el dicto Antonio, po' che fu morto, fu 
strasinato in fine al merchato et squartado 
et metudo li quarti lì in su le forche ; et 
questo feno a lui perché el fu quello che 
portava le ambassade dal campo del dicto 
tractado. 

In quello anno, adì 14 de mazo, el 
campo della Chiesia, el quale era al Borgo 
da Panigale l , si retornò a Cortexella; et si 
era capitanio uno misser Iacopuzzo Chal- 
doro de lo reame de Napoli. Et si teneano 
molto assediata Bologna de aqua da le mo- 
line et de quella de strà Castigliuni, sì che 
el se convenia maxenare cum li pustrini; 
et fu grande carestia de legne, per la dieta 
guerra, che valeva lire doe et soldi x el 
centonaro de le legne et lire doe la cor- 
bella del carbone; et non venne in Bolo- 
gna pesse per tucta quella quaresima, ma 
la corba del formento non passò mai soldi 
xx et si non se somenò quello [anno]. 

In lo dicto anno, adì dui de zugno, 
venne la gente del papa a schalare le mura, 
la nocte a hore sei, apresso al baracham 
del Borgo de sam Piero, et si preseno una 
delle guarde che haveva Polo de Pariam 
tronbadore ; et comò funo sentidi, li signuri 
feno sonare la canpana del puovolo, et ogni 
homo tirò là, et subito funo chazadi zoxo 
del muro, et inanzi che andasseno zoso, si 
amachono cum li sassi uno homo d'arme. 
<f^aEt per quella' guerra fu murade cinque * 
porte de Bologna, zoè: 

la porta de Strà Maore, 

la porta de Strà Sam Donado, 

la porta della Mascharella, 

la porta de le Lame, 



10 



15 



20 



6. piaza] segue nel cod. et canali. 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

meser Giovanne Inghelese di Tomari, 

Merchione di JVigri, 

Bartolomio di JVigri, 

Guido Pagando, nodaro, 

Bartolomio de Zohanne dal Chalexe, 

Antuonio da San Sire. 
£1 quale tratato menavano in questo modo, 
che una nocte che tochava la guarda al dito 
Alberto dal Fero confaloniero, zoe a la 
■porta de Strà San Vidale, e la zente di ne- 
mici doveano venire* ne la ghiexia de sam e. looa-coi. 3 
Iacomo Philipo, de fuor a strà San Vidale 
e strà San Donado, apreso le mura; e 'l 
dito Alberto li dovea fare segno a la dita 
zente in questo modo, zoe che 'l dovea ba- 
tere Hi volte uno sasso in suso ci ferro de 
la gliavarina, possa dovea tore la porta de 
strà San Vidale e metere gli nemici dentro 
da Bologna ; ma gli nemici non veneno. El 
dito Alberto dovea esere capitanio de la mon- 
tagna per x angni, ma non li venne facto. 

F per lo dito tratato fuor on tenagliati 
e apichati gli infrascriti, zoè in prima: 

Alberto dal Ferro, confaloniero, 

Guido Paganello, nodaro, 

Antuono da San Sire, 
i quali fuoron apichati e tenagliati in piaza 
adì ii d'aprile. F 7 dito Antonio, possa 
che 7 fuo morto, fuo strasinato infino al 
campo del merchato, e li fuo squartato et 
metudo i quarti suso le forche. Ft questo 
f eceno a lui perché portava le ambasate dal 
campo del dito tratato ; e la caxa del dito 
Alberto fuo mesa a sachomano. 

1 429. — FI campo di nemici, el quale 
era al Borgo da Panigale, retornarono al 
ponte da Chortesela adì xiiii del mese de 
mazo, del quale campo era capetanio meser 
Iacopuzo Chaldora, segnore de l'Abruzo. 

Ft era grande chat estia de maxenare, 
e però se convenne fare li postrini; et fo 



17-29. iii, x, ii] scritto con inchiostro rosso nel 
cod. — 39-1- 6 p. 16. xiiii , 2, x, 2, xx] scritto con 
inchiostro rosso nel cod. 



1 Si confronti con quanto è detto a p. 13, 38-39. ne elenca sei : più esatto è il testo B ove parlasi di 
8 II cronista parla di cinque porte, ma viceversa sei porte e sei sono nominate. 



16 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1429] 



Cronaca A 

la porta del Peradello, 

la porta de Strà Castigliuni; 
et questa sté murada infìno che fu in for- 
tezza Sam Michele in Boscho, che allora 
se averse. 

Et in quello anno, adì 4 de zugno, si an- 
dò la gente del papa a pore campo al Ponte 
maore, che teniva infino a Sam Rofello i . 

Et in quello anno, el dì de sam Ro- 
fello, se corse el palio dentro de la terra 
per chasone della guerra, et li corsieri si 
Steno da Sam Zuliano apresso la porta de 
Strà Sam Stevano, et el palio si sté in 
santa Yxaia; et corseno per la croxe de 
strà Castigliuni et si andono alla Croxe di 
santi per la via dritta. 

In quello anno, el dì de sam Piero 2 , si 
se corse el palio dentro della terra, et li 
corsieri si Steno a la porta de Sam Felixe, 
et el palio si sté alla porta de Strà Maore, 
et si corseno per fino alla salegada de Sam 
Francesco, et poi deno volta su per la sa- 
legada infino al seraglio, et corseno per 
porta Nova et tirono a la piazza, et si andò 
zoxo per l'albergo de Lione infino a Strà 
Maore. 

Adì 26 de luglio una parte del puo- 
volo de Bologna cum la gente d'arme, si 
andono per conbattere la bastìa dal Monte 3 
et si gli Steno forsi una hora intorno, ma 
non la posseno havere, ma igli introno in- 
fino in la prima fossa et si li misseno da 
9ei schale; et fu la mattina, da otto hore. 
Adì primo d'agosto, la campana me- 
zana che è in suso la torre del comune, 
zoè quella che chiama li cholegii, si fu ti- 
rada et metuda in su la torre. 

Adì xi * d'agosto uno cardinale che se 
chiama el cardinale di Cunti da Roma, lo 
quale havea mandato lo papa Martino in 



4. segno d' attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

charestia de legne et valea lire 2 soldi x 
el cento di /assi e lire 2 la corbella del char- 
bone, et non x'enne in Bologna fesse in tuta 
quella quaresema, e la corbe del f or mento 
non -paso mai soldi xx e non se somenò 
quello anno. 



1429. — / nemici veneron adì ii de 



c.ioob 



zugno, aschalono el barachane del Borgo de 1 coi 1 
san Piero et preseno una de le guardie, 
nome Polo Pariane trombeta ; et in questo 
venne la guardia da chavallo che andava 
intorno a le mura et quando fuor 011 dove 
erano gli nemici, comenzarono a cridare : 
" Viva el popolo „, et quilli de la Ghiexia 
comenzarono a trare di sasi zoxo dal muro, 
sì che ucixeno uno Antonelo, homo d'arme 
del segnore Alvixe da San Severino, el quale 
stava in la via di Bagnar oli, dove sta quelo 
che fa i paroli. Alora i segnori f eceno so- 
nare le champanc et andono al merchado e 
chazotio i diti nemici zoxo del muro. Et 
per quela guerra fuoron murate vi puorte 
de Bologna, zoè in prima : 

La porta de Strà Mahore, 

la porta de Strà san Donado, 

la porta de la Mascharella, 

la porta de le Lame, 

la porta del Pradello, 

la porta de Strà Chastigliun, la quale 
slete murata infino che San Michele in Bo- 
scho stele in forteza. 

Et adì iiii de zugno i nemici andono 
a campo al Ponte mahore e teniano in fino 
a San Eh fello. 

1429. — / nemici aveno Chaxale Fiome- 
nese 5 adì ii de luio e bulonoli zoxo le mure 
e la porta con le bombarde, ina igli valenti 
huomcni e si se rexeno, salvo l'avere e le 



3-4. charbone] nel cod. : chabone — 9 _ 39- ii, vi, 
iiii , ii] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 18. uno] 
// cod. aveva huno, ma poi l'h fu cancell. 



1 San Rumilo, frazione del comune di Bologna a 
5 cinque chilometri dalla città, a nord-est sul Savena. 
* 29 giugno 1479. 



3 Vedi sopra a p. 14, 2-3. 

* Il testo B ha la data del io d'agosto. 

5 Casal Fiumanese, vedi p. io, nota 5. 



[A. 1429] 



BONONIENSIUM 



17 



Cronaca A 

lo campo el quale si era intorno Bologna, 
si fé cominzare de dare el guasto de fuora 
de strà Sam Stevano, et solamente devano 
el guasto alle vide. 
<*** Adì 13 d'agosto lo dicto cardinale, 
ch'era in lo campo, venne cum gran gente 
de fuora della porta de Strà Sam Stevano 
cum li guastaduri, et si mandò dui ambas- 
saduri alla dieta porta per vegnire a parlare 
a li signuri ; et li signuri non volseno che igli 
intrasseno dentro, ma gli mandò a dire ch'e- 
gli andarevono in fino a la porta, et si gli 
andò dui de' signuri, dui de' confalonieri, 
dui de' massari et dui degli otto da la guerra, 
et si Steno più de doe hore a parlamento; 
et facto lo parlamento, igli retornono al 
campo, ch'erano acanpadi da la chiesia da 
Rusi l . Et partiti che funo, si andò una gran 
parte del puovolo de Bologna, cum li fanti 
forastieri, a torno a la bastìa dal Monte, 
et le gente d'arme si andono a la porta de 
Strà Sam Stevano et a quella de Strà Ca- 
stigliuni, per devedare a quilli del campo 
che non vegnisseno a dare socorso a quilli 
da la bastìa ; et comò funo atorno la bastìa, 
igli feno fumo in suso el campanile et quilli 
del canpo se mosseno et si veneno per dare 
socorso et si funo a le mane cum la gente 
d'arme de' Bolognisi et si li chazono infino 
a la porta de Sam Mamolo, et fune presi 
assai de l'una parte et l'altra ; ma pure non 
possenno passare la dieta porta; et quilli 
ch'erano atorno a la bastìa si tornono a 
Bologna più presto che possenno, et si li 
romase dui gatti de legname, che igli dan- 
zavano, cum molte altre cose. 

Adì 14 dicto andò li fanti forastieri 
et alquanti cittadini a la bastìa dal Monte, 
et le gente d'arme si andono a la porta 
de Strà Castigliuni cum molti cittadini, che 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

-persone, et adì 28 de luto aveno Sasigliun 2 
del conta d' Imola. 

1429. — Una parte del popolo de Bolo- 
gna con la zente d'arme andono per com- 
batere la bastìa dal Monte ady xxvi de luto 
et si li steno una hora intorno, ma non la 
posseno avere, -perché igli li steno pocho, 
igli introno infino a la prima /osa e mixc- 
noli vi schale; et fo la matina a hore viii. 

1429. — La chanpana mezana eh' e in c - *»<>b-c»i. 1 
suxo la torre del comune, zoe quella che chia- 
ma i cholegii, fuo tirada e metuda in suxo 
la torre, adì primo de aghosto. 

El guasto fo dato a Bologna. 

1429. — Monsignore di Chunti da Ro- 
ma chardenale, ci quale avea mandato el 
papa Martino in canpo, fece co?ne?izare de 
dare el guasto a Bolonia, adì x d'agosto, 
de fuora da strà Sam Stievan, et tagliavano 
solamente le vide. 

Et adì xiii d' aghosto el dito chardenale 
venne con gran zente da chavallo e da pe 
e con multi guastaduri de fuora da la porta 
de Strà San Stievan, et mandoe dui amba- 
satori a la dita porta per vegnire a par- 
lar a agli segnori; ma gli segnori non vol- 
seno che igli intraseno dentro, ma i diti 
segnori andono in -fino a la porta da li diti 
ambasalori et andoj^li con loro ii di con- 
falonieri, ii di masari, ii degli oto da la 
guerra, i quali steteno pia de doe hore a 
parlamento inseme. Possa i diti ambasatori 
tornar 011 al campo, zoe a la ghiexia de Rusi. 
Et partiti che fuoron, una gran parte del 
popolo de Bologna con li fanti forastieri 
andono a combat ci e la bastia dal Monte, e 



2. 28] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 
7-1 1. xxvi, una, vi, viii] scritto con inchiostro rosso nel 
cod. — 23-36. x, xiii, ii, ii, ii, doe] lettere scritte in 
inchiostro rosso — 33. la] segue nel cod. p cancell. 



5 l Quasi certamente trattasi qui di Russo, frazione e non già di Russi, noto comune della provincia di 

del comune di San Lazzaro di Savena, nel circondario Ravenna, 
e provincia di Bologna, a pochi chilometri dalla città, 2 Sassoleone nel contado d'Imola, v. p. io, nota 4. io 



T. XVIII, p. 1, v. iv — 2. 



18 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1429] 



Cronaca A 

funo più de cinque milia persone; et que- 
sto fu per casone che quilli del campo ve- 
nisseno, perché igli haveano posto parichi 
aguaiti. Et quando el fu apresso a hore 23, 
veneno quigli del campo infino a presso a 
la porta de Strà Sam Stevano, ma quilli dal 
Monte si li mandono incontra, avisandogli 
corno gli era posto li aguaiti, de che non 
passonno più inanti. 
e. 4430. Adì 23 d'agosto venne in la città de 

Bologna uno ambassadore, che havea nome 
misser Rolando da Roma, per tractare lo 
acordo tra el papa et el comun de Bo- 
logna. 

El cavallo et la porchetta, che se cor- 
re lo dì de sam Bartolomio, se corse et li 
corsieri Steno dentro dalla porta de Slrà 
Maore, et corseno su per lo merchà de me- 
zo et poi se voltono per la via dalle Scu- 
delle, verso la piazza, et si andono infino 
alla porta de Sam Mamolo. 

Adì 27 d'agosto, lo dicto misser Ro- 
lando tornò a Bologna per ambassadore. 
Et adì 28 del dicto tornò al campo et si 
gli andò l'ambassaria da Bologna cum lui 
per tractare lo acordo cum lo cardinale: 
et el dicto misser Rolando, lo quale havea 
piena licentia dal papa che quello che '1 
dicto misser Rolando fesse, fusse facto. 
Et corno li ambassaduri funo al campo, fu- 
no a parlamento, et funo sì in discordia, 
che li dicti ambassaduri de Bologna se ne 
partino dal campo a male chomiato, et si 
funo a Bologna a cinque bore de notte. 

In lo dicto anno, adì 30 d'agosto, li 
ambassaduri de Bologna retornono al cam- 
po, che lo cardinale del campo, che havea 
nome misser Luzzo di Cunti ' da Roma, si 
mandò per loro, et mandogli el salvocon- 
ducto, et cossi andono et si tractono et ca- 



36. segno d' attentione nel margine destro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

la zente d'arme andoc a la -porta da Strà 
San Stievan e de Strà Citasti gliun -per ve- 
dare a quilli del campo che non vegniseno 
a secorcre la dita bastìa ; et come igli fuo- 
ron intorno la bastìa, i nemici de la bastìa 
f eceno fumo in suxo el campanile. J^jiilli 
del campo, ciò vedendo, veneno per dare se- 
corso a la bastìa e fono a le mane con le 
zente d'arme di Bologna e si li chazono in 
fino a la porta de San Mamolo, et multi ne 
fuoron presi de amedue le parte. Ma pure 
non posseno pasare' la dita porta, et quilli <■ 
ch'erano atorno la bastìa rctornaron a Bo- 
logna prestamente e lasono ii gatti de li- 
gname, et foli morto uno mestro de Ugnarne 
con una bombarda. 

Et adì xiiii d'aghosto li fanti fora- 
stieri con li citadini andono a la bastìa dal 
Monte e la zente d'arme andoe a la porla 
de Strà Chastigliun, con molti citadini, che 
fuoron più de v milia persone; e questo fe- 
ceno a intencione che quilli del campo ve- 
gniseno, però che igli aveano posti parichi 
aguaiti. Et quando el fo apresso xxiii hore, 
i nemici veneno presso la porta de Strà San 
Stievan, ma quilli dal Monte li mandono a 
dire che non veniseno perche el gli era stalo 
posto alquanti aguaiti, donde che igli non 
pasono più avanti. 

Db la paxe fatta tra el papa Marti- 
no E BOLOGNIXI ET COME VENNE UNO 

legato in Bologna per lo papa. 

1429. — In la cita de Bologna venne 
uno ambasadore del papa Martino adì 23 
del mese d'aghosto, che avea nome meser 
Rolando da Roma, per tratare F acordo tra el 
papa e i Bolognixi. Et adì xxvii d'agho- 
sto ci dito meser Rolando tornoe a Bologna 



2>i a 
ol. 1 



15-25. ii, xiiii", v milia, xxiii] scritto con inchio- 
stro rosso nel cod. — 32. De .... papa] parole scritte in 
calce alla colonna, non essendoci spatio in testa al capi- 
toletto — 37-I. 13 p. 19. 23, xxvii, xxvii i, v, xxx] 
lettere e cifre scritte con inchiostro rosso nel cod. 



1 È il cardinal Lucido de Cernite o De Corniti- 6 giugno 1411, che morì poi a Bologna il 6 novembre 
bus (De' Conti), creato cardinale da Giovanni XXJII il del 1437. Cf. Eubel, I, 33. 



[A. 1429] 



BONONIENSIUM 



19 



Cronaca A 

pitulono cum questo pacto, che s'areco- 
gliesse el conseglio di siecento da Bologna 
et che se mectesse a partido li dicti pacti ; 
et a chi piasesse che andasseno ad effetto, 
et se '1 se vinceva, fusse facto, et se non 
se vinceva, non fusse facto niente. Et adì 
primo de setenbre tornono li dicti am- 
ba8saduri et fesse lo conseglio de' sie cento 
et misesse el partido a chi piaseva che li 
pacti, che se contenea in li capituli facti 
tra el comun de Bologna et el cardenale 
predicto, metesse la fava biancha, et chi 
voleva el contrario metesse la fava negra. 
Et li pacti funo quisti, zoè che li Bolo- 
gnisi doveano fare li signuri, et confalo- 
nieri, et tucti li vicharii delle castelle re- 
magnano a li cittadini, et le chiave de le 
diete porte dopie, una parte al cardinale 
.^?*et una' a li signuri, l'offizio de le bolette, 
uno per la Chiesia et Uno per li signuri; et 
misser Bartolomio de' Zambechari, ch'era 
stato elletto vescovo l , si renonzava el ve- 
scoado, cum questo che '1 papa li feva da- 
re la badia de Sam Bertolo al marchexe 
de Ferara, et si romagnia lo dicto vescovo 
a monsignore de Santa Croxe 2 ; et che lo 
cardinale dovea stare in lo palazo maore 
et li signuri doveano stare in quello de' 
nodari, et fare conzare quello palazo a 
spese della camera; et lo cardinale dovea 
tenere tresento cavagli et dusento fanti et 
non più, et li signuri altretanti ; et el papa 
dovea fare eletione del podestà de uno che 
piasesse a li signuri, et che '1 papa non 
dovesse mandare a Bologna nessuno lega- 
to che non piasesse a li cittadini, zoè ali 
regimenti, et se in Bologna fusse per al- 
cuno tempo uno legato che non piasesse 
a li cittadini, el papa lo dovea tore via et 



8. setenbre] nel cod. leggevasi desenbre, poi fu can- 
al/, il de e aggiunto sulla riga il te — 9. nel margine 
destro, di mano tarda : cons." di 600 — 14-19. segno d'at- 
tenzione nel margine sinistro — 27. monsignore] modo 
signore cod. — 35. segno d'attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

per ambasadore. Et adì xxviii d'aghosto 
l'ambasaria dì Bolognixi andoe in campo con 
lo dito meser Rolando per tratare V acordo 
coti lo chardenale e con lo dito meser Ro- 
lando } el quale avea piena licentia dal papa 
Martino che quello che 'l fesse, fosse facto. 
Et come li ambasaduri fono in campo, an- 
dono a parlamento con li sopraditi et fono 
sì in discordia che li ambasaduri Bolognixi 
se partino de campo, a male cumiado, et 
zunseno a Bologna a hore v de note. Et 
ady xxx d'aghosto gli ambasaduri bolognixi 
retornaron in campo al dito cardenale et 
capitolono con questo patto, che gli segnori 
bolognesi facesseno congregare el conseglio 
di siecento et che li diti patti se me t esseno 
a partido et se 7 se veneta nel consiglio, 
fosse fato et se 'l non se veneta* non fosse c - 2 °< a - coL 2 
fato niente. Et adì primo de selembre gli 
ambasaduri bolognixi tornaron a Bologna 
et fecese el consiglio di siecento et misesse 
a partito a chi piacea che li patti che se 
conteniano in li capitoli fati tra el comune 
de Bologna e 7 chardenale predito, metesse 
la fava biancha, et chi volea el contrario 
metesse la negra. Li patti fuoron quisti: 
che gli Bolognesi doveano fare i segnori e 
confaloneri, et tuli gli vechariadi delle ca- 
stelle romagniano agli citadini, i chapilanii 
delle puorte a li citadini, e Ile chiave puorte 
fosseno dopie, una parte al chardenale, l'al- 
tra agli segnori, e Voficio de le bolete, uno 
per la Ghiexia e uno per li segnori ; et 
meser Bartolomio di Zambechari, chi era 
stato eletto vescovo de Bologna, renonzava 
el vescovato, con questo pato, che 7 papa li 
facea dare la badia de San Bartolo al mar- 
chexe de Ferara, e 7 dito vescovato roma- 
gnia a monsignore de Santa Croxe. El 



20. setembre] segue nel cod. de cancell. 



1 Sulla elezione irregolare di questo vescovo si 2 Niccolò Albergati cardinale di Santa Croce e 

parlò sopra in questa stessa cronaca; vedasi in prò- da lungo tempo vescovo di Bologna, che aveva dovuto io 
posito la nota 2 a p. 11. ritirarsi dalla città a cagione dell'interdetto. 



20 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1429] 



C 444 « 



Cronaca A 

mandarne uno altro che li piasesse, et facto 
le spese che bisogna a la corte di signuri 
et pagato li soi soldati e portieri, tucta la 
entrada dovea havere el papa. Et metu- 
do el partido in lo dicto conseglio, li fu 
fave bianche siecentodoe et 14 negre: et 
cossi se mandò ad efetto li dicti capitoli. 

Adì 5 de setenbre se rese l'aqua de 
Reno, la quale era stado tolta apresso xi 
misi, et in tucto quello tempo se masenò 
cum li pustrini ch'erano per le capelle, a 
ogni capella uno o dui. 

In lo dicto anno, adì 25 de setenbre 
uno cardinale, ch'era in lo campo del pa- 
pa, lo quale era in suso el contado de Bo- 
logna, comò ò dicto de sopra l , lo quale 
havea nome misser Luzzo di Chunti da 
Roma, intrò in Bologna per la porta de 
Strà Maore, et si gli andò incontra li si- 
gnuri de Bologna et confalonieri cum li 
confaluni, et tucte le conpagnie de le ar- 
te; et li dicti signuri si andono a cavallo, 
et lo dicto cardinale si chavò li dicti signu- 
ri de scomunichatione et li altri regimenti 
in la chiesia de Santo Homobom inanzi 
ch'elio intrasse in Bologna, et poi intrò 
in Bologna sotto uno baldachino et si non 
se gridò: tt Viva la Chiesia „, né: "Viva el 
u populo fl ; et corno fu in piazza, fu messo a 
sachomanno lo baldachino et tolto la mulla 
che havea sotto el dicto cardinale; et poi 
intrò' in lo palazo mazore et fé mettere le 
bandiere della Chiesia fuora, et li signuri 
feno mettere fuora le bandiere del puovolo 
et de la libertà in lo palazo de' nodari, do- 
ve andò a stare. 

Ed adì 25 del dicto el dicto cardinale 
disse messa in Sam Petronio et si de li- 
centia a li preti che dicesseno vespro quello 
dì; et poi l'altro cominzono a dire messa 
et fu levado via lo intradicto. Et lo dicto dì 
se livò el campo della Chiesia, ch'era a 
Rusi su el contado de Bologna, et si an- 



5. entrada] corretto su contrada nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

char donale dovea stare nel palazo grande et 
gli segnori dovea stare nel palazo di nodari 
et fare chunzare quel palazo a le spexc de 
la camera. El chardcnalc dovea tegnire ccc 
chavagli et ce fanti e non più, e gli segnori 
altri tanti. El papa dovea fare eledone 
del podestà zoe de uno che piacesse ai se- 
gnori, et che 7 papa non dovesse mandare 
a Bologna alcuno chardcnalc che non pia- 
cesse agli regimenti; et se in Bologna fosse 
per alcuno tenpo alcuno legato, che non pia- 
cesse a li citadini, el papa el dovea tore via 
e mandarne un altro che piazesse a li cita- 
diui • e fate le spexe che boxognava a la 
corte di segnori et pagado li suoi soldadi 
e portieri, et V avanzo dovea avere 1 ci papa. 
El metudo ci partido in lo dito conseglio, 
li fo fave bianche vi c ii et negre xiiii , et 
così se mandò ad efetto li diti patti. 

Et adì v de setembre se rexc l'aqua 
del chanalc de Reno, la quale era stata tolta 
circha xi mixi. In quel tempo se jnaxeuò 
con li pustrini ch'erano per le capelle, che 
hogne capella n'avea uno o dui di postrini. 

Meser Luzo di Chunti chardenale in- 
trò in Bologna per legato e tolse 
via l'intradito. 

1429. — Afescr Luzo, chardenale di 
Chunty, da Roma, intrò in Bologna per le- 
gato per lo papa Martino quinto adì xxv 
de setembre, et venne per la porta de Strà 
Mazore, et andò gli incontra gli segnori et 
confalonieri con li Gonfaloni, et li masari 
con le co?npagnie delle arte; e li ditti se- 
gnori andono a chavallo. El dito charde- 
nale chavò de schuminigatione li segnori e 
luti gli altri regimenti, e questo fuo nella 
ghiexia de santo Homobone inanci che lui 
intruse in Bologna. Possa intrò in Bolo- 
gna sotto uno baldachino, et non se cridò : 
u Viva la Ghiexia „ et non " Viva el puo- 



C.201 b 
col. 1 



4. chunzare] segue nel cod. q cancell. — 5-23. ccc, 
ce, vi c ii, xiiii , v, xi] scritto con inchiostro rosso nel cod. 
— 33-I. io p. 21. xxv, xx vi] scritto con inchiostro rosso 
nel cod. — 41. Homobone] parola sottolineata nel cod. 



' Vedi sopra a p. 18. 



[AA. 1429-1430] 



BONONIENSIUM 



21 



Cronaca A 

dono in verso Romagna l . Et Steno intra- 
ditte le diete messe uno anno. 

Adì 29 d'ottobre la bastìa de Sam 
Michele im Boscho, la quale si era facta 
per li Bolognisi, se cominzò a desfare 2 . 

Adì 30 del dicto la bastìa de Santa 
Maria in Monte, la quale si era facta per 
la gente della Chiesia, se cominzò a de- 
sfare 3 . 



Anno Christi Mcccc 30, adì 17 de 
febraro, Baptista da Canedolo, cum li fra- 
tegli, et misser Bartolomio de misser Charlo 
de' Zambechari, che era abbà, cum li fra- 
telli, si feno paxe cum li amixi de misser 
Antonio di Bentivogli et si li promisseno 
de fare retornare li fuora usiti, che n'era 
fuora circha ottantadui degli amisi del dicto 
misser Antonio; ma a quella volta non ne 
voleano fare tornare so no x, et cossi ne 
tornò x. 

Adì dui d'aprile se fé uno conseglio 
in lo palazzo di signuri, nel quale conseglio 



26. regno d' attentione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



5 l C'è qui la conferma che si tratta proprio di 

Russo vicino a San Lazzaro dì Savena. Vedi nota 1 
a p. 17. 



Cronaca B 

" velo „. Et come foe in piaza, fo messo a 
sacomano el baldachino e tolta la mula che 
avea sotta. Possa el dito chardenale intrò 
in fa lazo et fé metere le bandiere de la 
Ghiexia a la renghiera del palazo grande; 
e li se gnor i f eceno metere fuora le bandiere 
del puovelo e de la liberta in lo -palazo di 
nodari, dove andono a stare i diti scgnori. 
Et adì xxvi de setembre el dito char- 
denale disse una messa in Santo Petronio e 
diede licencia agli prieti che diceseno ve- 
spero quelo dì. Possa l'altro zorno comen- 
zono a dire messa e fuo livado via V intra- 
dito. £1 dito dy el campo de la Ghiexia, 
ch'era a Russi, nel contado de Bologna, se 
livò del Bolognexe et andò verso Romagna. 

1429. — La bastìa de San Michele in e.aoib-eoi.2 
Boscho, la quale era stata fata per lo co- 
mune de Bologna, se comenzò a desfare adì 
xxviiii del mese de otobre. 

1429. — La bastìa de Santa Maria in 
Monte, la quale era stata fata per la Ghie- 
xia, se comenzò a desfare ady xxx del mese 
de otobre. 

1430. — Batista da Chanedolo e fra- 
delli et l'abade Bartolomio di Zambechari 
con li fradeli feceno pace coni gli amici 
de meser Antonio di Bentivogli adì xvii 
del mese de febraro, e si li promiseno de 
fare retornare li fuor ausiti de la dita parte, 
i quali erano circha Ixxxii; ma per quelà 
volta non retornò se no x, i quali veneno a 
Bologna. 

De uno tratato dopio el quale fece 
fare l'abate di Zambechari con 

VOLONTADE DEGLI CaNIDOLI CONTRA 



13. zorno] segue nelcod. co cancell. — 31. xxviiii ] 
scritto con inchiostro rosso nel cod. — 24. xxx] scritto 
con inchiostro rosso nel cod. — 3 9 - 33' xvii, Ixxxii, x] 
scritto con inchiostro rosso nel cod. 



2 Vedi sopra a p. 16. 

3 Vedasi più su a p. 17. 



22 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1430] 



Cronaca A 

fu chiamato de molti cittadini de l'una 
parte et l'altra, fra li quali gli andò degli 
amisi de misser Antonio quisti, zoè: 

Egano de misser Aldregetto de' Lam- 
bertini, 

Nicolò de' Malvizi, 

Bagarotto de misser Vandino di Bian- 
chi, 

Tomase da Montechalvo, 

Philippo de Selvestro da le Anelle. 

Et siando congregado lo dicto conse- 
glio, se levò suso uno misser Nicolò degli 
Ariosti et disse cossi: " Se '1 fusse alchuno 
" lo quale volesse desmetere questo stado 
"che se ne vorìa fare?„: et nessuno non 
respose a quella volta: et elio lo redisse 
un'altra volta. Allora se livò suso uno Ni- 
c 4H f> 'colò de' Zambechari et disse: "Se io sa- 
tt pesse quello che 1' fusse, lo responderia, 
tt ma non sabiando quello che se sia, non so 
a che respondere „. Et allora si feno venire 
in lo dicto conseglio quisti, zoè: 

Alberto de' Chazanemisi pizoli, 

Iacomo de' Chazanemisi pizoli, 

Antonio dicto el Negro, strazarolo; 
et si feno dire a quisti tre in lo dicto conse- 
glio comò Egano predicto et Nicolò de' 
Malvizi cum alchuni altri menavano uno tra- 
tado cum consentimento de misser Antonio 
di Bentivogli, de volere retornare tucti li 
riverii de Bologna et de volere sottome- 
tere lo predicto stado. Allora lo dicto 
Egano et Nicolò Malvezo se livono suso et 
si li mentino per la gola. Allora li signuri 
si gli feno menare fuora del conseglio et 
si feno mectere in una camera quisti, zoè: 

Egano de' Lambertini, 

Nicolò de' Malvizi, 

Bagarotto di Bianchi, 

Tomase da Montechalvo, 

Philippo da li Anelle, 
et poi la sira gli feno dare da zena et si 
andò secho a zena uno de' signuri, zoè 
Iacomo Devexe ' de l'abà orevese, et ancora 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

DEGLI AMICI DE MESER ANTONIO DI BeN- 
TIVOGLI. 

1430. — I signinri anciani fcceno uno 
consiglio adì ii del mese d'aprile nel fa- 
lazo di nodari, dove demorava -per slancia 
i diti signiuri, nel quale conseglio fuo chia- 
mato multi citadini, fra li quali gli andò 
degli amici de' Bentivogli gli infrascriti, 
zoè : 

Egano di Lambertini, 

Nicolò di Malvici, 

Bagaroto di Bianchi, 

ìiicscr Giovanne di Marsilii, 

Tomaxe da Montechalvo, 

Philipo da li Anelle. 

Et escndo congregado el dito conse- 
glio se livò in piede uno meser Nicolò de- 
gli Ariosti et disse così: " Se 'l/osse alcuno 
tt che volesse desmetere questo stado che se ne 
a voriafare? v Ncsuno non respose alcuna co- 
sa, et meser Nicolò predito redisse un'altra 
volta.' Alora se livò in piede uno Nicolò^™ 2 ? 
di Zambechari et disc: a Se io savesse quello 
tt che 7 fosse io responderia, ma non sabiando 
14 quello che se sia non so che respondere „ . 

Alora f eceno venire tri huomcni amici 
di Zambechari, zoè fuoron quisti: 

Alberto di Chazanemixi pizoli, 

( l 'iacomo di Chazanemixi picoli, 

Antuonio, dito ci Negro, str acarolo, 
et feccno dire a quisti tri huomcni in lo dito 
conseglio come Egano predito et Nicolò di 
Malvizi, Bagaroto di Bianchi, Tomaxe da 
Montechalvo et Philipo da li Anelle, con al- 
cuni altri, menavano uno tratado, de con- 
sentimento de meser Antonio di Bentivogli, 
de volere fare retornare tati gli rivclli de 
Bologna, possa volere sotomeicre lo dito sta- 
do. Alora el dito Egano e Nicolò di Malvici 
se livono in piede e si li mentino per la 
gola. E dito questo, i signiuri anciani fe- 
ccno mcterc in una camera ci dito Alberto 
con li compagni', el dito Egano et Nicolò 



6. ii] scritto con inchiostro rosso nel cod. 
33. tri, tri] scritto con inchiostro rosso nel cod. 
segno d' attenzione nel lato destro 



28- 
38. 



E più esatto il nome di Denexe (Dainese) usato nel lesto li. 



[A. 1430] 



BONONIENSIUM 



23 



Cronaca A 

li zenò uno misser Zohanne de' Marsilii, 
che fu messo cum li sopradicti cinque ; et 
zenado che ebbeno, fu chiamado fuora el 
dicto Iacomo, ch'era de' signuri, et poi 
dreto a llui misser Zohanne de' Marsilii. 
Et in quella sira quilli da Canedolo feceno 
fare una grande armada et tra le cinque 
e le sei hore de notte Iacomo di Rece- 
vudi cum alchuni de quilli da Canedolo et 
de' Zambechari andono in la chamera dove 
era Egano cum li conpagni et si li taglio- 
no tucti cinque a pezzi, senza confessione, 
et si li rubono infino suso la chamisa, et 
poi li feno portare in lo spedale de la 
Morte. Et poi alchuni de li dicti armadi 
andono a chasa de Beninchà de' Bargelini 
et non lo trovono, ma era in chasa uno suo 
nevodo zovenetto, che havea nome Augu- 
stino de Domenego Bonzagno da Argile, 
et si lo tagliono a pezzi. 

Nota che questo tractado fece lo abate 
de' Zambechari, doppiamente, cum Valdi- 
serra da Canedolo, per sottometere la parte 
r.,,5«de ' misser Antonio di Bentivogli. Nel quale 
tempo era confaloniero de zustisia Firiano 
de Mathio de' Griffuni, lo quale fu colpe- 
vole al dicto assasinamento ; ma Dio ne fece 
vendetta, che ancora lui et lo fratello funo 
tagliati a pezzi, corno apare in questa cro- 
nicha nel 1434 '. 

Et adì 3 d'aprile si se partì da Bolo- 
gna lo cardinale, ch'era per legato in Bo- 
logna, et si andò a stare a Cento 2 . 

Et adì otto dicto feno tagliare la testa 
in su la piaza de Bologna a quisti, zoè : 

Alberto de' Chazanemisi pizoli, 

Iacomo de' Chazanemisi pizoli, 

Antonio dicto el Negro. 

In quello anno, adì 25 de zugno, pa- 
pa Martino si mandò uno vescovo de Tur- 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

di Malvizi et Bagaroto di Bianchi et To- 
maxe da Montechalvo, Philipo da li Anele, 
mescr Zohanne di Marsilii gli feceno me- 
tere in una camera, fossa la sira li fe- 
ceno dare cena et andogli a marnare con 
loro uno di scgnori, nome Iacomo Denexe 
de l'abade horevexe; et cenato eh 1 ebeno, fuo 
chiamato el dito Iacomo de l'aba fuora et 
mescr Giovanne di Marsilii. In questa sira 
quilli da Chanedolo feceno fare una gran- 
de armada et tra le v e le vi hore de note, 
Iacomo di Rezevudi con alcuni de quilli da 
Chanedolo e de li Zambechari andono in la ca- 
mera dov'era -Egano con li compagni et 
uciseno li infrascriti, zoè: 

Egano di Lambertini, 

Nicolò di Malvizi] 

Bagaroto di Bianchi, 

Tomaxe da Montechalvo, 

Philipo da li Anelle, 
e si li robono che non li romaxe indoso se 
non la chamixa, senza confesione et comi- 
nione alcuna; fossa li feceno portare al 
spedale de la Morte. Fato questo, alcuni di 
diti andono a chasa de Beninchà di Barze- 
lim per fare el simèle a lui e non trovan- 
do lui, uciseno uno suo nipote, nome Aghu- 
stino Bonzagno da Arzele, el quale zovene 
disse: u Che voliti vili ? non e in caxa, io sono 
" qui per lui „ ; alora igli lo uciseno in suxo 
l'uso suo. 

Nota che questo tratato feze l'abade 
di Zambechari. dopiamente, con Valdesera 
da Chanedolo, per sotometere la parte de 
mescr Antonio di Bentivogli. Nel qual 
tempo era confaloniero de zustixia Frianc 
de Matio di Ori firn, el quale fuo colpe ve le al 
dito asasinameuto. Ma Idio ne fece ven- 
deta, che ancora lui e 7 fradcllo fuo taiato 
a piczi, come apare in questo nel 1434. 3 . 



e . 20? a - col. 1 



12. v, vi] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 
16. nel cod. : infrasciti — 31. alora] il cod. aveva al- 
lora, poi il secondo \fu cancell. — 41-I. 5 p. 24. 1434, 
iii, viii] scritto con inchiostro rosso nel cod. 



1 Vedi infatti più avanti in questa cronaca sotto 
il 1434 a P- 70, 3-41. 

2 È il card. Lodovico Alamandi che abbiam visto 



ricordato più volte negli anni antecedenti. Vedi an- 
che la nota 1 a p. 4. 

3 Vedi in questa medesima cronaca a p. 20 1. 14 sg. io 



24 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1430] 



e 44 



Cronaca A 

pia al castello da Cento cum bolle della 
legatione de Bologna et de tucta la Ro- 
magna, et mostrado che ebbe quelle bolle 
al sopradicto cardinale, si se partì et si 
andò a Ymola. Et el predicto vescovo si fé 
fare comandamento a tucte le castelle et 
a tucte le ville che nessuna persona do- 
vesse portare a Bologna grassa nessuna, et 
che ogni homo posesse stare a lavorare su 
per lo contado; et si andava li soldadi della 
Chiesia intorno Bologna, et se trovavano 
nessuno che portasse robba in Bologna, si 
lo pigliavano. Et poi se partì lo dicto 
vescovo da Cento et si andò a castello de 
Sam Zohanne in Percesedo. 

Adì dui de luglio del dicto anno venne 
uno a Bologna per parte del papa, et si 
disse a li signuri et a tucto lo regimento 
che '1 papa voleva al tucto el dominio de 
Bologna; et fugli resposto che igli gli vo- 
leano oservare li capitoli, li quali si erano 
facti tra lui e la signoria de Bologna. 

Adì 14 de luglio el vescovo predicto 
si fé tore l'aqua del canale de Reno. 

In quello anno, adì 16 de luglio, la 
gente della Chiesia, cum la parte de misser 
Antonio di Bentivogli, si veneno a schalare 
le mura de Bologna, et una parte si andò 
a la porta de Strà Maore et misseno fuogho 
in lo rastello della dieta porta et Steno 
apresso una hora inanzi che '1 campo gros- 
so' se descoprisse; poi, sonado sette hore, 
si aschalono in dritto al baraccano del Cha- 
vadizo et si lo preseno et si rompevano 
la grada del dicto Chavadizzo, ondeel puo- 
volo se tré et si montono su el muro et 
per forza fu chazado fuora quilli della 
Chiesia, che gli erano bem da sesanta fanti 
su el muro, et si ne fu butado zoxo del 
muro quatro et fune presi tri in su el campo 
del merchato, et de fuora ne fu trovado 
dui morti cum le arme indosso, et assai ne 
fu guasti da le balestre da loro; et in quella 



26. segno d' attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Et adì Hi d'aprile el chat donale, ch'era 
-per legato in Bologna, se farti de Bolo- 
gna et andoe al castelo de Cento. 

Et adì vili d'aprile fuo tagliato la 

testa in piaza a li infrascriti, zoe: 

lacomo, \ . . 

Alh . > di Lhazanemixi pizoli, 

Antuonioy dito el Negro, strazarolo, -per 
lo dito tratado. 

Come fuo recomenzata la guerra in 

FRA EL PAPA E [LI BoLO]g[nIXI], 

1430. — El papa Martino mandoc uno 
vescovo de Turpia al castello de Cento, del 
mexe de zugno, con bolle de la ciccione de 
Bologna e de Romagna et mostrato eh' 
ebbe le dite bolle al chat • denaie di Chiniti, el 
dito char denaie se partì adì xxv de zugno 
et andò a Imola. El predito vescovo fé fare 
uno comandamento a tute le chastelle e ville 
del contado' de Bologna che nesuna perso- ^f, 
na non dovese portare grassa alcuna a Bolo- 
gna et che ogni homo potesse stare a lavorare 
per lo contado de Bologna, et fuo meso li 
termeni intorno a la diade, ch'erano apres- 
so a ire miglia e meno et se alcuno fosse stado 
preso fuora detti diti termeni erano presu- 
ni. El dito vescovo andoe puosa a San 
Zohanne in Persexeda a ho r datare alcune 
soc facende. 

1430. — El papa Martino quinto man- 
do e a Bologna, adì ii de luio, tino amba- 
sadore, ci quale disse a li signori et a tuti 
li regimenti che al luto ci papa volea Bo- 
logna. Al quale glie fuo resposto in que- 
sto modo t che igli li voleano oservare li ca- 
pitoli fati tra lui e gli Bolognixi. 

1430. — La gente de la Ghiexia con 
la parte de meser Antonio di Bentivogli 
aschalono le mure de Bologna adì xvi de 



io. dito] segue nel cod. ta cancell. — 20-23. xx v, 
tre] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 24. gr;iss;t] 
segue nel eod. n cancell. — 35. ii] scritto con inchiostro 
rotso nel cod. — 42. nel margine sinistro, di mano tarda: 
|i>] ntiuoli — 44-I. 16 p. 25. xvi, lxx, iiii , iii, xxiii, 
ii] lettere scritte con inchiostro rosso nel cod. 



[A. 1430] 



BONONIENSIUM 



25 



Cronaca A 

volta si era el campo a Cortexella '. Et poi 
se livò de lì et si se acampono al ponte 
de Santo Antonio de fuora de strà Sani 
Vidale. 

Et adì 20 del dicto si se concluse 
uno parlamento, che za era cominzato pri- 
ma che igli aschalasseno le mura; et lo 
acordo, che se fé in quello parlamento, si 
fu che li cittadini de Bologna si manda- 
vano dui ambassaduri a Roma per dovere 
acordarse ; et in questo che li dicti ambas- 
saduri infino che non erano tornati a Bo- 
logna, la gente della Chiesia non dovea pi- 
gliare, né fare novità nessuna, et che in 
Bologna non dovesse intrare grassa nessu- 
na, salvo che apresso a uno migliaro a Bo- 
logna, et che li Bolognisi non dovesseno 
scrivere soldati né da pè, né da cavallo; 
et per questo li Bolognisi li doveano dare 
sie ostadixi, quatro si ne andava a Parma 
et dui ne tegnia apresso de si el dicto ve- 
scovo de Torpia, et in chaso che li dicti 
asoldasseno alchuno, el dicto vescovo po- 
sesse fare degli ostadixi quello che a llui 
paresse et che, tornado che fusse gli am- 
bassaduri da Roma, o d'acordo, o no che 
fusseno cum lo papa, el dicto vescovo do- 
vea lassare in suo arbitrio li dicti ostadixi; 
et in questo tempo dovea rendere l'aqua 
del canale de Rheno et quella de strà Ca- 
stigliuni. Et poi una sira, siando misser 
Romio de' Foscharari al campo, el quale 
tractava le sopradicte cose, lo sopradicto 
vescovo si strazzò li dicti pacti et si se. 
schumiadono. Et tornado che fu misser 
Romio a Bologna, li Bolognisi subito man- 
dono a fichare lo fuocho in la chiesia de 
Sam Michele in Boscho, ch'era de fuora de 
la porta de Sam Mamolo. In la quale chie- 
sia li steva li frati da Monte Oliveto; et si 
era al più bello luogho che havesse quello 
ordine 2 . Et fugli fleto el fuocho adì 24 de 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

luio, et una -parte andoe a la -porta de Strà 
Mahore et miseno fuogo in lo rastello de la 
porta et steteno apresso un'ora inanci che 
V campo grosso se demostrasse. Poi, sona- 
to sette hore, aschalono indrito el barachane 
del Cavadizo, el quale baracane prexeno e 
rompeano la grada del dito Cavadizo. Hon- 
de el popolo, sentendo el remore, prese l'ar- 
me e andoe al dito baracane et muntoe suxo 
el muro et per forza chazono fuora gli ne- 
mici, che n'era in suxo el muro circha Ixx 
fanti, di quali ne fio butado zoxo del muro 
iiii et fone prixi Hi, et a hore xxiii fono 
impichadi al Canpo del merchado. JB de 
fuora delle mura ne fuoron trovadi ii huo- 
meni morti, armadi; et asai ne fuoron gua- 
sti de loro' con balestre. Nel quale tempo e. 202 - coi. ,- 
era el campo a Cortexella, possa livono 
campo e andono a lozare al ponte de Sancto 
Antonio de fuora da strà San Vidale. 

Come la. Ghiexia de san Michele in Bo- 
scho fo ARSA. 

1430. — Uno parlamento se concluxe adì 
xxi de luio tra Bolognixi e monsignore de 
Turpia legato de la Ghiexia, el quale parla- 
mento era prima comenzado avanti che igli 
aschalaseno le mtira de Bologna. LI acordo 
se fé in quello parlamento, che li citadini 
de Bologna si mandavano dui ambasadtiri 
a Roma per acordarse con el papa et infino 
che zìi diti ambasaduri non erano retorna- 
ti a Bologna, la zente de la Ghiexia non 
dovea fare alcuna novitade nel contado de 
Bologna, et ne la cita de Bologna non do- 
vea intrare alcuna grassa, salvo che apreso 
Bologna a uno migliaro et che gli Bolo- 
gnixi non debiano scrivere saldadi da pè 
né da chavallo, et per chiareza di zò, gli 
Bolognixi li davano vi huomeni per hosta- 
dexi. Gli itti andavano a Parma et gli dui 



1 Corticella, vedi nota 13 a p. io. 

2 Un accenno alla fortezza e alla Chiesa di san 



li. fuora] segue nel cod. li cariceli. — 27. de 
luio] agg. sopra la riga nel cod. — 27-43. xxi, dui, vi, 
iiii , dui] scritto con inchiostro rosso nel cod, — 38. 
alcuna] segue nel cod. cosa cancell. 



Michele in Bosco ritorna più volte nello pagine ante- 
cedenti ; vedi anche Ja nota 4 a p. 13. 



26 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1430] 



Cronaca A 

luglio in lo dicto anno ; et questo f eno per 
e. 4i6 a tema' che quilli del campo non se fessene- 
forti lì. Et poi la matina se levò el campo 
de lì et si se andono a le chastelle; et el 
dicto vescovo si andò al castello de Sani 
Zohanne im Perzesedo ', et ogni dì coreva- 
no infino apresso le porte, et si pigliavano 
da doe miglia apresso a Bologna, et da 
doe miglia in là tucti li contadini stavano 
a chasa soa a lavorare, ma non voleano che 
vegnisseno a Bologna per nessuno modo. 

In quello anno, adì 19 d'agosto, se 
deseuverse uno tractado in Bologna, el qua- 
le tractado si era questo, che uno misser 
Tomaso da Logliano et uno Galasso da 
Vedriano, ch'erano rivegli de Bologna, 
siando in la villa della Croara 2 , si haveno 
parlamento cum uno Zohanne da Ferrara 
et cum uno Zohanne da Cento et cum al- 
tri fanti da pè, li quali si erano a soldo 
della Chiesia, che igli dovesseno venire in 
Bologna a uno, et scriverse in Bologna; et 
siando scripti, el dicto Zohanne da Ferara 
si dovea atosegare uno Zohanne da Casale, 
ch'era* contestabile de' fanti da pè; et poi 
adì 22 o 23 del dicto la gente della Chie- 
sia dovea venire de notte a schalare le 
mura de Bologna in dui luoghi, zoè a la 
porta de Saragoza et da la porta de Strà 
Sam Vidale, et doveano venire cum multi 
hedificii; et quando el puovolo fusse an- 
dato per defendere le mura, el dicto Zo- 
hanne da Ferara et gli altri soi conpagni, 
ch'erano circha 22, doveano andare a ficha- 
re el fuocho in la chasa de Baptista da 
Canedolo et in quella de' Zambechari, in 
quella de' Griffuni et in quella de Tomase 
de' Ghixilieri, et poi doveano andare alla 
porta de Strà Sam Vidale, et montare suso 
el muro mostrando de volere essere contra 
li nemisi; et corno gli erano suso, doveano 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

né tenia apresso de lui, zoè del dito vescovo de 
Torpia et in caxo che gli Bolognixi scri- 
viseno ho asoldaseno alcuni soldati, el dito 
vescovo posesse fare degli hosladexi quello 
che a lui -piacesse, et che tornato che fosse 
gli ambasaduri da Roma, ho d'acordo, ho 
non d'acordo, el dito vescovo dovea lasare 
i diti hostadexi in suo albitrio', et in questo 
tempo fare rendere l'acqua del canale de 
Reno e quella de strà Chastigliun. Possa 
meser Romio di Foscharari andoe al campo 
el quale tractava le sopradite cose, e 'l dito 
vescovo strazò i diti pati e de chumiado al 
dito meser Romio. Et come meser Romio 
fuo a Bologna, Batista' da Chanedolo e /*«-"£ ^ 
bate di Zambechari mandono molti loro amici 
a la ghiexia de San Michele in Boscho, ne 
la quale ghiexia /eceno ficharc el fuogho 
e bruxarc e desfare. In la quale ghiexia 
demorava gli frati dal Monte Olive to. jgiiesto 
era el più bello luoco che avesse quello or- 
dene. Et questo fuo adì xxiiii de luio. 
La quale cosa fcceno per tema che quilli del 
campo non f eseno in quelo luoco una bastìa. 
Et adì xxiii de luio ci campo de la Ghiexia 
andoe a alozare a le chastelle, e 'l dito ve- 
scovo andoe alozare a San Zohanne in Per- 
sexeda. Ri hogni zorno coreano in fino 
apreso le porte et pigliavano da doe miglia 
in la e in tale luogo tre, secondo deve era- 
no li ter meni, et da li tcrmeni in la stavano 
li contadini a lavorare, che nesuno non li 
dava impazo. 

1430. — In Bologna fuo scoperto uno 
tratato adì xviiii° del mese d'aghosto, el 
quale tratato menava meserc Tomaxc da 
Logliano et Galasso da Vicinano rivegli de 
Bologna in questo modo, zoè che escndo loro 
ne la villa de la Cr ov ara fuor on a parlamento 
con uno Zohaimc da Ferara e uno Zohan- 



'). in] ripetuto due volte nel cori. — 23-26. xxiiii , 
xxiii] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 27. andoe] 
segue nel cod. a cancell. — 37-I. 15 p. 27. xviiii , uno, 
uno, xxii, dui, x\\\ lettere tutte scritte coti inchiostro rosso 



5 i San Giovanni in Persiceto, ora Persi ceto. Vedi contado d'Imola, di cui parlammo sopra, e non della 

nota 8 a p. 9. frazione posta vicino a San Rumilo, a poca distanza 

2 Tratta- i molto probabilmente della Croara del dalla città, nel comune stesso di Bologna. 10 



[A. 1430] 



BONONJENSIUM 



27 



Cronaca A 

butare zoso le schale, ch'era dentro, et 
gridare: "Vivala Chiesia„. Et per questo 
tractado, fu apichado el sopradicto Zohan- 
ne da Ferara in sul merchato. 

In quello anno, adì 17 de settenbre, 
fra la comunità de Bologna et el vescovo 
de Torpia ', ch'era in lo campo per lo papa, 
e la comunità de Bologna si se tractò uno 
acordo et si se concluse in questo modo, 
zoè che lo dicto vescovo cum lo legato de 
Forlì promiseno de lassare vegnire vettua- 
ria a Bologna et de rendere l'aqua del 
canale de Rheno et de strà Castigliuni, et 
la signoria de Bologna doveano mandare 
w**a Roma per acordarse' cum lo papa, et che 
li Bolognisi doveano dare 4 ostadisi a li 
dicti viscovi, che in chaso che non se poses- 
seno acordare cum lo papa, doveano pa- 
gare cento millia duchati, zoè se per loro 
romagnia che non stesseno contenti a quilli 
capitoli che s'erano facti fra li Bolognisi 
et li dicti vescovi; et che in caso che ro- 
magnisse per lo papa, el dovè estimare la 
grassa, ch'era vegnuda in Bologna, lo zusto 
presio et de quella pagare el dopio. Et 
per questo li fu dato li dicti ostadixi et poi 
fu mandato li capitoli per uno misser Lo- 
renzo al papa, lo quale misser Lorenzo 
havea menado questo acordo. Et el dicto 
andò a Roma et poi tornò adì 3 d'otobre 
a Sam Zohanne in Percesedo, dove era el 
vescovo de Torpia, et manifestogli comò 
el papa non volea stare contento a li dicti 
capitoli. Et adì 4 d'otobre la gente del- 
la Chiesia corseno atorno Bologna et pre- 
seno e rubono et si feno uno gran danno ; 
et poi lo dicto vescovo mandò a dire a li 
signuri de Bologna corno el papa non ste- 
va contento a li dicti capitoli, et la notte 
sequente fé tore l'aqua de le molline. 

Adì 12 d'otobre li Bolognisi feno fa- 
re una bastìa a Santa Maria in Monte, a sie 
hore de notte 2 . 



6. segno d'attenzione nel margine sinistro — 42. 
segno d' attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

ne da Cento con altri fanti da piede, gli 
quali erano soldati de la Ghtexia, che igli 
doveseno vegnire a Bologna a uno a uno 
e scrivere in Bologna; et esendo scriti, el 
dito Zohanne da Ferara dovea atosichare 
uno Zohanne da Chaxal da Milane, contesta- 
bele di fanti da -piede de Bologna] et adì 
xxii del dito mese la zente de la Ghiexia 
dove vegnire a schalare Bologna in dui 
luoghi, zoe a la -porta de Saraghoza e a la 
porta de 'Strà San Vidale, e quando el pò- e. 203 a - coi. 2 
polo fosse andato per defendere le mura e 
li dito Zohanne con li suoi compagni eh' e- 
rano xii, doveano andare a ficare el fuoco 
in caxa de Batista da Chanedolo et in caxa 
di Zambcchari et in caxa di Grifuni et in 
caxa di Tomaxc di Ghixilieri } et uno do- 
vea andare a la porta de Strà san Vidale 
e muntare suxo el muro mostrando de volere 
esere contra gli nemici, et come erano suxo el 
muro, doveano butare zoxo le schale, ch'erano 
dentro, et cridare " Viva la Ghiexia „ . JSt 
per questo tratato fuo impicato el dito Gio- 
vanne da Ferara al campo del merchado. 

1430. — Uno accordo se fece adì xvii 
del mese de setembre } tra la comunitade de 
Bologna e 'l vescovo de Tur pia, in questo 
modo, zoè che 'l dito vescovo una con lo le- 
gato de Forlì promiseno agli reginienti de 
Bologna de lasare vegnire vittualia a Bolo- 
gna et de rendere l'acqua del canale de Reno 
e quela de strà Castigliun, e gli Bolognixi 
doveano mandare a Roma acordarse con lo 
papa, e gli Bolognixi doveano dare iiii 
hostadexi a li diti vescovi: et in caxo che 
non s'acordaseno con lo papa doveano pa- 
gare C milza de duchati, se per loro man- 
chava che non se fesse l' acordo, zoè che non 
stese no contenti a li capitoli fati infra loro, 
et in caxo che roma guise per lo papa, el 
se dovea astimare la grassa, ch'era vigniu- 
da in Bologna, lo zusto priexio e de quela 



15. segno d'attenzione nel lato sinistro — 27-39. 
xvii, iiii , C milia] scritto con inchiostro rosso nel cod. 



1 La venuta del vescovo è stata narrata sopra a chi anni prima vi era stata innalzata, e poi era stata 
pp. 23, 40-24, 16. distrutta per l'accordo colla Chiesa, come risulta in 

S 2 Fu ricostruita cioè la bastita o fortezza che pò- questa cronaca a p. 21, 7-10. 



28 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1430] 



e. 4 41 a 



Cronaca A 

Et adì 21 del dicto la gente della Chiesia 
poseno campo al Borgo da Panigale ' et feno 
fare una bastìa a la chiesia de la Certoxa. 

Adì 12 de desenbre, in martedì, sian- 
do venuto el campo della Chiesia avanti 
per fino a Ravom 2 , et havendo posto li soi 
aguaiti per fino in le chase ch'eno apres- 
so a la porta de Sam Felixe, meno de dui 
tracti de mano; et aspianando loro alcuni 
revelini e tagliade, che li nostri haveano 
a quisti dì passati facto fare suso la dieta 
strada, ussì della dieta porta circha qua- 
trocento persone, tra cittadini et forastieri, 
et forsi quaranta cavagli, e funo suso la 
dieta strada, a le diete case, a le mano 
cum li dicti aguaiti, ch'erano multi fanti 
cura li targuni et circha cento cavagli, et 
qui feceno stretissimo facto d'arme, et fune 
guasti multi de li nemici; et durò pocho, 
perché subito se tirono indreto apresso le 
soe squadre, che haveano in Ravom et in 
la Ghiesiazza *, eh' è lì apresso pur sopra la 
dieta strada; et in effecto se ne tornono 
per li facti soi et cum danno et cum ver- 
gogna. Vero è che se igli haveseno' più 
aspetado, el puovolo moltiplicava per tale 
modo che haveriano possuto andare a tro- 
varli uno bom pezo lunge, quantunque sia 
perigoloso lassare andare li cittadini con- 
tra li forastieri, et maxime a la largha, per- 
ché male se pono regolare et portano la 
taglia a le spalle. 

Adì xv dicto tornò Iacomo da le Co- 
reze da Ferara cum salvoconduto del ve- 
scovo de Torpia 4 , comisario del campo 
della Chiesia, et cum grande dificultà et 
ingigni se ottenne; et non a potuto fare 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

■pagare el do fio. Et -per questo li /ito dato 
gli hostadexi, et non deno se non Hi hosta- 
[dixi], i numi di quali fono quisti: Valdese- 
ra de meser Lanberl[ino] da Chancdolo, To- 
maxe [de] mese?' Carlo Zambccharo, Valde- 
sera de Schardu\ino\ di Schar duini 5 ; i quali 
for\on\ mandati in prexone nel castelo d'Imo- 
la e sleno [ . . . . mi\xi nel dito castelo. Po- 
sa fuorom mandati gli capitoli al papa per 
uno meser Lorenzo, el quale avea menato 
questo acordo. ' El dito meser Lorenzo andoe^'^j 
a Roma dal papa Martino, possa tornoe 
adì Hi del mese de ottobre et andoe a San 
Zohannc im Persexcda, dove era el vesco- 
vo de Turpia, e discli come el papa non 
era contento de li diti capitoli. Et adì UH 
de ottobre la zentc de la Ghiexia feceno una 
coreria atomo Bologna et preseno e robono 
facendo grandisimo danno. Possa el dito 
vescovo mandoe a dire agli signiuri de Bo- 
logna come el papa non era contento de li 
diti capitoli fatti; e la note sequente fece 
torc Vaqua a le inoline. 

1430. — / Bolo gnixi feceno fare una 
bastìa a la ghiexia de madona sancta Maria 
in Monte adì xii de ottobre, a horc vi de note. 

1430. — La zentc d'arme de la Ghie- 
xia veneno a campo al Borgo da Paniga- 
le adì xxi de ottobre, et fezeno fare una 
bastìa a la ghiexia de la Zertoxa. 

1430. — El campo di nemici veneno 
adì xvi de dcxembre, a tempo de note, a la 
porta de Gallerà et miseno una schala a la 
torc per intrare per una robalta, ma non 



3-9. et non. . . . castelo] queste favole furono ag- 
giunte da mano diversa, ma antica, nel margine destro : 
qualche lettera fu tagliata via dal rilegatore — 1 3. 
Martino] corr. nelcod. su Ugenio — 14-17. ili, iiii] scritto 
con inchiostro rosso nel cod. — 16. disili | segue nel cod. 
co cancell. — 28. xii, vi] scritto con inchiostro rosso nel 
cod. — 32. xxi] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 
36-L 3 p. 29. xvi, xx] scritto con inchiostro rosso nel cod. 



1 Borgo Panigale, <om. del (irr. di Bologna, a ovest. Emilia, a ovest di Bologna, 
io 2 Kavone, torrentello a ovest di Bologna, a un ' Ricordato più volte sopra, vedi nota 1 a p. 27. 

chilometro dalla porta di S. Felli 5 I nomi degli ostadici non sono indicati nella ero- 15 

3 Chiesaccia, località accanto al Kavone, sulla via naca A. 



[A. 1430] 



BONONIENSIUM 



29 



Cronaca A 

covelle in condure Piero da Navarim cum 
cinquecento cavagli, secundo che havea 
capitulato cum nui, perché se aconzò cum 
la signoria de Venexia, la quale gli dà più 
denari che non potemo dare nui; ma ba- 
stazi assai che non è cum li nemici nostri '. 

Adì 16 dicto la gente del campo 
predicto si veneno per aschalare la torre 
de la porta de Galiera, de nocte, apresso 
dì, et si li misseno uno schala per intrare 
per una robalta, et non posseno, perché 
funo sentidi, et lassono la scala cum uno 
palo de ferro. Poi adì 20 del dicto le- 
vono campo et si andono alle castelle per 
lo contado de Bologna. Et per tucta quella 
guerra, zoè comò gli aveno le castelle del 
contado, tucti li contadini posseano stare 
a lavorare de fuora, da trea miglia in là. 

Adì 19 dicto, in martedì, lo campo 
della Chiesia, ch'era al Borgo da Panigale 
et che gli è stato da xxi dì d'otobre pas- 
sato 2 per fino al presente dì, s'è levato et 
si eno andati ad alozare alle fortezze del 
contado et si hanno lassato fornida la ba- 
stìa della Certosa 3 . Et nientedimeno niuno 
sosidio se dimostra per nui anchora, ma 
pure, per li volupamenti che se vedeno tra 
la liga et lo ducha de Millano, speremo che 
qualche cosa se recharà che serra per in- 
diretto a nostro alturio; che Dio el voglia. 

Nui havemo de forestaria solamente 
circha fanti tresento cinquanta et cavagli cin- 
quanta, et tanto semo extinuadi che non pos- 
semo satisfare a questa spesa; ma del male 
havemo una gratia, che quatunqua non ze 
se atrovi denari, nientedimeno z'è comunale 
derada de pane et de vino et abondantia 
de bello pane chotto in piaza, et per uno 
bolognino dasse trentasei unze de pane be- 
7*litissimo' che unze sei per quatrino, et la 
lira de la carne del bò per dinari x, et del 
porcho fresche per dinari 14; et per la 
gratia de Dio è cessado la moria in tucto. 

Adì 23 dicto misser Antonio de' Man- 



25. et] segue nel cod. siranno cariceli. 



10 



15 



20 



25 



30 



Cronaca B 

poscno, -però che fono scnditi, et lasono la 
schala con uno -palo de ferro. IZt adì xx de 
dexcmbre livonò campo e andono alozare a 
le chastelle, per lo contado de Bologna. 



35 



40 



1 Queste ultime notizie sui movimenti delle armi 2 Vedi alla pagina precedente, 11. 2-4 e la nota 1 5 

dei Bolognesi e collegati non figurano nel testo B, e relativa, 
qualcun'altra vi è, ma abbreviata. 3 Anche questa è ricordata più su a p. 28, 4. 



30 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1430] 



Cronaca A 

fridi arivò a Sarti Zohanne in Perzesedo al 
vescovo de Torpia ch'è alozado lì, el quale 
misser Antonio, per Zenzam nostro trom- 
betta, lo quale era lì per altre nostre fa- 
cende, ze mandò a dire corno elio era ro- 
tornato da Roma et che '1 papa non havea 
voluto fare né dare comissione al marchexe 
de Ferara circha la paxe de Bologna, la 
quale comisione sperava de ottenere am- 
plissimamente, benché diceva che, avanti 
che passi lo presente mese, ze serra chi 
vera per parte del papa cum piena co- 
missione circha la praticha de lo acordo l . 
Vero è che pare essere rimaso molto tur- 
bado lo marchexe che '1 papa non i' abia 
facto questo honore de darli questa comis- 
sione, benché cossi forsi corno lo dicto 
marchexe la impazzò al ducha de Milano, 
quando a' lo d'agosto proximo passato mis- 
ser Dalfìno de' Gozadini, vescovo de Civita 
de Penne, et misser Zohanne de' Griffuni, 
dottore de leze, andono per ambassaduri 
al papa cum speranza de obtenere paxe 
per mezo del dicto ducha : et cossi corno 
el marchexe allora impazzò che ducha non 
havesse questo honore, similmente forsi è 
sta impazado che '1 marchexe non l'abia. 

Et tucte queste garre per rìm qui pas- 
sano cum nostro danno, ma pure speremo 
che Dio, cossi corno per fino adesso à facto, 
similmente per l'avenire aiutarà la iustizia 
nostra contra tanta iniquità, quanta se pra- 
ticha contra nui poveriti, che ogni homo 
fa merchadandia de' facti nostri. 

Dicese che lo cardinale de Santa Cro- 
se 2 et lo cardinale de Sam Piero in vincula 3 
debeno venire presto da Roma qui cum 
comissione de fare questa nostra paxe; che 
Dio el voglia. Vero è che '1 mostra se sia 
desdignato che '1 papa non habia facto 
comisione a lui, per la qual cosa, secreta- 
mente ze fa oferire che se nui volemo pren- 
dere bona fede de lui, ch'elio ze darà bo- 
no susidio, et face dire ch'elio vole con- 
dure doa milia cavalli. Dubito che serano 
delle soe canze usade ; non so quello che 



10 



15 



20 



Cronaca B 



25 



30 



35 



40 



45 



1 A questo tentato accordo e all'interessamento 
dei Bolognesi presso il papa è accennato piìi su. 



2 II card. Niccolò Albergati. 

:; È il card. Giovanni Cervantes spagnuolo. 



[AA. 1430-1431] 



BONONIENS1UM 



31 



Cronaca A 

nui concluderemo, ma in effecto non ze 
fidemo de lui in volergli aprire li nostri 
^«secreti, perché' ze recordemo dello ingan- 
no che, corno è scripto di sopra, che ze 
fece de la rocha de Sam Zohanne et de 
Castello Prandio '. 

Anno Chrìsti MccccSl, adì 14 de zena- 
ro, lo marcii exe de Ferara fece la festa della 
soa sposa, ch'è figliola del marchexe de Sa- 
luzzo, et dicese che l'è una bella damisella: 
dicese che fa una bella festa, et nui tribu- 
lemo senza alchuno sochorso. 

Adì 17 de zenaro capitò una lettera 
de Nicolò de Ugano da Fiorenza, lo quale 
è notabile merchatante et posente cittadino 
in Fiorenza, et mandola a Baptista da Cane- 
dolo, in la quale gli significava corno Zo- 
hanne figliolo del signore Orolando da Za- 
nazano, lo quale Zohanne è carissimo et 
fidatissimo fameglio del papa, lo quale 
conforta et priegha lo dicto Nicolò che se 
voglia adoverare in tratare la pase tra '1 
papa e li Bolognisi, offerendo che '1 papa 
farà cose rasonevole verso Bolognisi; la 
quale proferta nui reputemo essere bona 
novella. 

Adì 18 de zenaro, per la dieta caso- 
ne, Marino da l'Aquila canzeliero de Bap- 
tista da Canedolo è partido da Bologna per 
andare a Fiorenza et da Fiorenza a Roma, 
se bisognarà, per intendere la soprascripta 
proferta. Che a Dio piaza che habia bom 
effecto. 

A dicto dì ebbese littera da Ferara da 
misser Nicolò degli Ariosti, la quale in ef- 
fecto contene che '1 marchexe ze darà mo- 
do che nui haremo della gente d'arme et 
daraze el transito suso per lo suo tereno. 



Cronaca B 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



1431. — El sole aschurò adì xxii del 
mese de febraro, a hore xii. 

1431. — El papa Martino quinto inori 
in Roma adì xviiii del mese de febraro, a 
kore iiii de note f et venne le novelle a Bo- 
logna adì xxiiii de febraro. 

1431. — El -pafa Eugenio quarto fuo 
creato in Roma adì Hi de marzo, el quale 
era avanti nominato meser Chabriele Con- 
dalmero da Vinexia; et venne le novelle a 
Bologna adì vii de marzo, et per questo se 
fece in Bologna grandissima festa, però che 
aspetavano d'avere paze da lui. 

Come in Bologna nacque doe creature 
.... deferenciate una da l,' altra. 

1431. — hi la cita de Bologna fuo 
una donna che fece doe creature adì x del me- 
xe de marzo, uno maschio, che avea tute le sue 
menbre, l'altra creatura era senza testa e 
senza braze e senza gambe et non avea se 
non el corpo con lo beligolo et parichi pili 
dove dovea esere el collo, et avea uno pocho 
de buxo che mostrava esere femena, et era 
longa apresso mezo brazo. La quale crea- 
tura stete viva circha Hi hore, et stele in 
suxo le schale de San Petronio uno grande 
pezo e chi la volea vedere la posete vedere ; 
et questo fuo grandisimo segno. Et la 
dita donna stava in lo Torlione. 



8-9. xxii, xii] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 
9. xii] il cod. aveva xxii, poi il primo xfu cancell. — 
13-14. xviiii , iiii , xxiiii ] scritto con inchiostro rosso 
nel cod. — 16. quarto] agg. più tardi sulla riga — 17- 
20. iii, vii] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 18. 

avanti] segue nel cod. era cancell, 35 ] alcune 

lettere coperte da una macchia non si leggono bene — 37- 
35. doe, x, uno, iii] scrìtto con inchiostro rosso nel cod. 



1 Queste ultime notizie riferentisi alle trattative 
o di accordi e alle relative disillusioni che si produssero 



nella città, mancano nella cronaca B. 



32 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1431] 



Cronaca A 

Non pare ch'el voglia spendere covelle del 
suo; non so che dire, noma che da ogni 
lato ze sono date canze. 

Adì 30 de zenaro recevemo littere da 
Nicolò da Uzano et Marino, comò hanno 
adì 25 del dicto mandato lettere a Zohan- 
ne de Rolando, per sapere s'ello, per par- 
te del papa, vole continuare circha la pra- 
ticha dello acordo, corno a quisti zorni à 
offerto volere fare, et in chaso che '1 re- 
c 44 8 b sponda de sì, andarà' a Roma Marino, lo 
quale è informato della intentione nostra, 
e uno altro che quello medesimo che Ni- 
colò da Uzano. 

A dicto dì 30 monsignore de Santa 
Croxe de' essere chavalcato a Ferara per 
dare principio cum lo marchexe a la pra- 
ticha de lo acordo tra el papa e Bologna. 
Dicese che '1 papa l'à mandato di qua cum 
pienissima comisione l . 

Adì primo de febraro, multiplicando 
multi furti et robarie, che per questo tem- 
po de guerra s'erano facti de nocte tempo 
in Bologna, et che ogni dì più se faceano, 
et siando lo populo in gran murmoratione, 
dubitando e chaluniando che li partesani cum 
chaldo de li nomini de le fameglie ardivam 
de amdare robando tucta la nocte, funo 
prisi dui, l'uno che fu za frate della Certosa, 
che havea nome Lione, lo quale era stato 
in habito seculare fuora del monistero cir- 
cha agni cinque et ito a soldo et per questa 
guerra redutose qui, et uno dom Zampiero 
zovene desviato, lo quale era prete; et 
retrovati che quisti haveam facto de gram 
furti et si erano molto defamati in puovolo, 
a furore funo impichati suso la piazza. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 



e. 036 



1431. — El pa pa Eugenio quarto fecé^ 
■pace con gli regimenti de Bologna, et a- 
dì xx del mese d'aprile intrò in Bologna 
per govemadore per lo papa meser Zohan- 
ne Boscho 2 . E adì xxviii del dito se livò 
li ofexe, et adì iiii de mazo se rexe l'acqua 
del chanalc de Reno, et adì xiiii de mazo 
gli ambasaduri de Bologna andono a Ro- 
ma dal papa, per chapitolare con lui. 

1431. — La bastìa de la Ccrioxa se 
comenzò a dèsfare adì xxx de mazo; et 
teniase a posta de la Ghicxia. 

Come l'armada de la signoria de Vene- 
xia fo rotta dall'armada del du- 
cha de mvlane. 

1431. — L'armada della signoria de 
Venexia fo rotta nel fiume Po, indriio Cre- 
mona, da l'armada del ducha de Milane a- 
dì xx de zugno, comenzando una zioba de 
sira a hore 22 e finendo el vegnere sequente 
a ora de vespero ; et fono prixi 28 ghaliuny 
tra grandi e pizolli, con tutte le monecione 
e vituaric e navi, che v'erano chariche d'uno 
ponte de Ugnarne con una chadena longa 
più de mezo miglio e grossa conte la ganba 
d'uno huomo zustissimo. Nella quale bata- 
glia morirono assaissimi homeni e in grande 
quantitade ne fono feriti, et alquanti ne bru- 
lotto de polvere de bonbarda e assai aneghati. 

JVotta, tu che Ucggi, che questo fo uno 
grandissimo danno a' Veneciany, e fo una 
delle mortalle bataglie che fosse mai nel 
Po per ricordo d'omo alchuno. Et io sen- 
tore 3 fui a la ditta [bataglia .... che non] 
sono scripti. 



4-8. xx, xxviii, iiii, xiiii ] scritto con inchiostro 
rosso nel cod. — 13. xxx] scritto con inchiostro rosso 
nel cod. — 19-38. L'armada .... scripti] notizia ag- 
giunta più tardi in fondo la pagina sotto tutte e due le 
colonne : le ultime parole non leggonsi perchè tagliate 
via dal legatore — 22-24. xx, 28] scritto con inchiostro 
rosso nel cod. 



1 A tale commissione datagli dal papa, insieme 
col card, di S. Pietro in Vincoli, si è accennato più su 

io a p. 30, 37 sg. 

2 II testo A ha Bartolomeo dal Pozo, ossia dal 
Poggio, come nuncio apostolico e inviato del papa Eu- 



genio per la pace. Il Boscoli lo pone entrato a Bolo- 
gna come messo del papa il 22 aprile. 

3 Questa testimonianza del cronista, di essere stato 15 
presente alla battaglia, che mal si legge perche la carta 



e lacera, e omessa dal testo A. 



[A. 1431] 



BONONIENSIUM 



33 



Cronaca A 

Item a principio de zen aro passato fu- 
ne ellecti otto cittadini cum arbitrio e bai- 
lia de persequitare e fare persequitare li 
ladri, cum pienissima podestà de farli pu- 
nire al vizio podestà, li nomi di quali otto 
sono quisti, zoè: 

Misser Zohanne di Chalonixi, dotore 
de leze, 

miser Guasparo Lupuri, merchadante 
da seda, per lo numero de' signuri anziani ; 

misser Zohanne d'Anzelino, iurispe- 
ritus; 

Zom dalla Volta, cambiatore, per li 
confalonieri ; 

mestro Piero Cizza, pelacham, 

Iacomo dal Panno de lino, per li mas- 
sari; 

misser Charlo de' Ghixilieri, cavaliero, 

Zohanne de Iacomo de' Griffuni, per 
li dodese de la bailia. 

Dio li dia gratia che fazino loro uffizio 
virilmente, senza aceptatiom de persona. 
t49a Adì 4 de febraro venne a Bologna 
novella certa che monsignore de Santa 
Croxe ' arivò a Ferara adì ultimo del pas- 
sato et lì ebbe alcuno rasonamento cum lo 
marchexe circha li facti de Bologna, et 
che adì 3 del presente lo dicto cardinale 
s'era partito da Ferara et ito a Vinexia per 
pratichare la paxe tra la liga e lo ducha, 
li quali hanno rotto; et credese sera una 
cruda guerra. 

Item, a dicto dì, venne novella certa 
che '1 cardinale dei Osolani era morto a 
Milano 2 , lo quale poteva havere circha 
otanta anni, et si gli è romaso dui figlioli 
et uno bastardo et àlli lassati richi ; la quale 
richeza à facto in la governatione della 
città de Zenoa, la quale elio governò pa- 
richi anni per lo ducha de Milano. Lo dicto 
cardinale è stato notabile homo et da più 
che Maltraverso che zamai se ricordi essere 



32. gratia] nel cod. segue a cariceli. 



IO 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

1431. — La bastìa de madona sancta 
Maria dal Monte se chomenzò a desfare a- 
dì ii del mese de zugno, et teniase a -posta 
di regimenti de Bologna 3 . 

De uno tratato dopio che feze meser 
Giovanni Boscho, governa dorè in 
Bologna per lo papa Eugenio quar- 
to, CONTRA GLI AMICI DE MESER AN- 
TONIO DI BeNTIVOGLI, SBANDITI IN Q.UE- 
LO TEMPO DE BOLOGNA. 

1431. — Alquanti fuor a usiti de Bolo- 
gna entrarono in lo castelo de San Zohanne 
in Persexeda adì xiii del mese d'aghoslo 1 , 
la note pasada. £>uisti erano li principali, e. 204 « - coi. 1 
zoè: 

Meser Giovanne Balduino, 

Piero di Muxuoti, 

Alberto, 

Nicolò, 

Friane, 

Jacomo, 

Baxoto de Guilielmo di Chazanemixi, 

Vergilio di Vergilii da San Zohanne 
et multi altri-, et el dito dì vene le novelle 
a Bologna come gli diti fuora usiti erano 
intrati in San Zohanne in Persexeda. In- 
continente el drie dexenare el govemadore 
de Bologna diede le sue zente d'arme a Ba- 
tista da Chanedolo ; e 'l dito Batista mandoe 
con le dite zente d'arme Tomaxe de meser 
Lipo di Ghixilieri, Lodovigo, Guaspara da 
Chanedolo con molti loro amici, i quali an- 
dono al dito castelo, et -parte degli uomeni 
del castelo gli deno una porta, e V dito To- 
maxe intra dentro con soa brigada et con 
quela parte del castelo andono a la piaza 
cridando: " Viva le channe „ et amazono gli 
infrascriti : 

Piero di Muxuoti, 

Friane, suo figliolo. 



de Piero di Muxuoti, 



1 II card. Albergati ; vedi nota i a p. 32. 
5 * Il cardinale Iacopo Isolani di famiglia bolognese, 

detto il cardinale di S. Eustachio, governatore di Roma 



4. ii] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 9. 
segno d'attenzione nel margine sinistro — 16. xiii] 
scritto con inchiostro rosso nel cod. 



e di Genova, morto a Milano il 19 febbraio del 1431. 
3 La notizia è fuori posto, perchè collocata dopo 
un'altra posteriore alla data del 2 giugno. 



T. XVIII, p. 1, v. iv 



34 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1431] 



C. 449 b 



Cronaca A 

sta in Bologna; esso fu prima doctore e 
famoso, poi fu facto cavaliero; poi, morta 
la sua donna, papa Zohanne lo fece cardi- 
nale; ebbe uno padre al quale, per altro 
tempo, li fo taiato lo capo suso la piazza 
de Bologna, per uno tradimento che faceva 
contra lo populo, a posta de' Vescunti da 
Milano; et havea nome Zohanne de Men- 
golo degli Oxolani. 

Adì 7 de febraro misser Antonio de' 
Manfridi venne a Bologna per parte del 
marchexe de Ferrara et si espose corno 
monsignore de Santa Croxe era stato a Fer- 
rara cum comisione pienissima dal papa 
che vogliando li Bolognisi dare lo dominio 
libero de Bologna al papa, che elio potesse 
obligare et prometere per parte del papa, 
al comun de Bologna et a chadauno par- 
tichulare cittadino alto e basso quanto gli 
piacesse l . De che lo marchexe à mandato 
per sentire la nostra volontà, per parte del 
dicto cardinale, lo quale è ito a Vinexia 
per pratichare che la liga non rompa con- 
tra lo ducha de Milano ; et poi de andare 
in Franza a pratichare la concordia tra lo 
re de Franza et lo ducha de Borgogna; 
né tornarà più a Ferara se '1 marchexe non 
gli manda a dire nui volere atendere a la 
dieta praticha de acordo cum lo papa, che 
credo non seguirà per questa via.' 

A quisti dì passati misser Zuliam Ce- 
sarino da Roma, cardinale de Santo Agnolo, 
è gito in Alamagna per parte del papa, per 
adoperare cum lo imperadore che '1 papa 
non vaghi al concilio, al quale elio è cit- 
tado cum summa instantia. 

Adì 9 de febraro le gente nostre asa- 
glino circha tresento cinquanta cavagli della 
Chiesia^ che ascortavam vittuaria ch'era 
menada a la bastìa dalla Certosa 2 ; et li dicti 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



1 Di questa andata a Ferrara del Cardinale Al- 
bergati si parlò già più su a p. 33, 22-25. 

2 Sulla bastìa o fortezza vedi sopra a p. 28, 3-4. 



Cronaca B 

* meser Giovanne Balanino, 

Bolognino Grosso, 

Zorzo de Chimcntc, pilizaro, 

Valdesera da le Champane, 

Jacomo \ , „. ,. _ 

~. > fratelli di Bono zi. 

Giovanne ) J 

Vergilio di Vcrgilii da San Zohanne, 

ci Darbiero da Descharegalascno 3 , con 

multi altri, i quali fuoron in tuto xxvi huo- 

meni, di quali gli ni era xi da Bologna e 

7 resto erano contadini', et multi ne fuoron 

prixi i quali fuoron lasati -per dinari et 

alquanti -per amezizia. 

Nota che questo fuo uno tralato dopio. 

el quale menoc el dito meser Giovanne Boscho 

governadore in Bologna 4 et conduse quisti 

citadini a la morte, daendo a loro ?ioticia 

de darli aitarlo et che 7 chastelano de la 

rocha de San Giovanne li daria alturo. Ma 

fio tuto el contrario, che 7 chastelano li 

traxea detti sassi, donde che ne fuo prexi 

e morti usai più che non seria staio per 

lato del chastcllatio. 

1431. — Meser Fantino da cha Dan- 
dolo da Vinexia protonotario del papa intrò 
in Bologna adi viti 6 del mese de setembre 
per governadore per lo papa Eugenio. 

Come el re d'Ungaria [venne] in Yta- 

LIA ET ANDOE A Ro[ma] A TORE LA 
CHORONA DE L'iMPEfRIo]. 

1431. — El re de Hangar ia venne in 
le parte d' Italia nel dito anno et arivoe a 
Milane per tore la chorona de la paglia e 
quella del ferro. Al quale re ci ducha li 
fece fare grandissimo honore ; et siete in 
Milano circha dui mixi et mai non spexe 
niente del suo, che 7 ducha non volea, et 



e. 2040 
col. 1 



10-11. xxvi, xi] scritto con inchiostro rosso nel cod. 
— 26. da] segue nel cod. vi cancell. — 28. vlii] scritto 
con inchiostro rosso nel cod. — 31 "33- Come.... im- 
perio] parole scritte nel margine destro ; alcune lettere 
furono tagliate fuori dal legatore — 40-I. 7 p. 35. dui, 
xx, xiiii"] scritto con inchiostro rosso nel cod. 

3 Scaricalasino. 

* Vedi sopra ricordato il Bosco o Boscoli. 

5 II testo A ha la data del 7 settembre. 



io 



[A. 1431] 



BONONIENSIUM 



35 



Cronaca A 

nemisi receveno danno e vergogna asais- 
sima. Li nostri non funo oltra quaranta 
cavagli et circha dusento fanti ; et si se 
poseno li nostri a gram perigolo, ma funo 
valenti homini. 

Adì x del predicto, misser Antonio 
de' Manfridi *, ambassadore del marchexe, 
fu licentiado cum la resposta de l'amba- 
sada, che in effecto nui non volemo dare 
Bologna al papa, se nui non havemo suffi- 
ciente sigureza per le persone e bieni de 
nui et de' parenti et amici nostri ; la quale 
domanda de segureza à molte parte in sì, 
che seria tucto quello ch'el papa ze con- 
cesse anno in l'altra paxe 2 . 

Adì xn de febraro, a hore 22, oscurò 
lo sole. 

Adì 24 de febraro venne, la matina 
per tempo, novella, per fante proprio da 
Fiorenza, corno adì 22 del predicto, a hore 
14, gli haveno per certo da Roma che papa 
Martino quinto, adì 19 del dicto mese a 
hore quatro de nocte, morì in Roma. La 
quale novella nui reputemo che serra bona 
per la sulevatione del stado de Bologna; 
che a Dio piaza che cossi sia. 

A quisti dì passati s'è descoverto uno 
tratado, che havea Baptista da Canedolo 
in lo castello d'Imola, per modo che gente 
del signore Nicolò di Fortibrazi, eh' è a 
soldo de' Fiorentini, doveano intrare in lo 
dicto castello et pigliare Ymola; la quale 
presa ze haveria levato presto la guerra 
da dosso. Non è piasuto a Dio, forsi eh' è 
per lo meglio. 

Adì ultimo de febraro, a doe hore de 

nocte, Bernardino dalle Coreze, cum una 

bona scorta, se partì de Bologna et portò 

asego tre milia' duchati et andò per da 

Spelinberti 3 et per lo Fregnano 4 , per andare 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

alozava in Sancto Ambruoso de Milano. E 
sempre al continuo demorava xx chortexani 
de quitti del ducha con lo dito re. Et in 
quelo tempo el ducha non era a Milano ' et e. 204 b - coi. i 
alozava a uno chastelo de Milanexe, nome 
Biagrassa, luntano da Milano xiiii miglia, 
e questo era -per lo morbo ch'era stato a 
Milano in quela stade; et el dito ducha non 
andò mai a Milano in fino che 'l dito re 
non fuo partito de Milano. E del mexe 
de novembre el dito re fuo incoronato, in 
la ghiexia de santo Ambruoxo, de la corona 
del ferro, e fé sene grandisima festa. Posa 
se partì da Milano e andoe a Piaxenza et 
ive stete circha uno mexe, posa andoe a 
Parma e ive stete alquanto tempo, et posa 
andoe a Lucha) et avea con lui ccc chavagli 
et ce fanti, la mazore parte arzieri. Et 
esendo el dito re in Lucha, Micheleto, cha- 
petanio de zente d'arme e soldado di Fio- 
rentini, fece una choreria nel contado de 
Lucha, unde el re li mandoe uno barone a 
reprendere el dito chapetanio, el quale am- 
basadore gli parlò molto altamente e diede 
al dito capetanio de una roncheta in suxo 
la zelada • el quale barone fuo tagliato a 
piezi da li famigli del dito Micheleto. 



1 Vedi alla pagina precedente, IL 10-12. 

2 Tutte le notizie del 1431 sinora qui riportate 
mancano nella cronaca B ; il che ci fa pensare a una 
lacuna dì quel codice ovvero del codice da cui esso fu 
tratto. Le due cronache infatti camminano da qualche 
anno di pari passo, con forme assai simili di esposi- 
zione e una identità, può dirsi, di contenuto. 



4. dito] seo-ue nel cod. impera cariceli. — 16-19. 
uno, ccc, ce] scritto con inchiostro rosso nel coi/. 



3 Spilamberto, comune del circondario e provincia io 
di Modena a sud-est della città. 

4 Ha il nome di Frignano, nella sua più larga 
significazione, il territorio montuoso della provincia o 
distretto modenese, specialmente la parte centrale di 
esso fra lo Scoltenna e il Dragone. Il nome fu dato 
in diversi tempi a diversa estensione territoriale. 



*5 



36 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1431] 



Cronaca A 

suso quello de Pisa, dove è alozado lo si- 
gnore Nicolò di Fortibrazi da Perosa, con- 
tra Lucha, a posta della comunità de Fio- 
renza. Et lo dicto Bernardino in lo dicto 
luogo, cum l'alturio del dicto signore Ni- 
colò, de condure de qua Raynaldo de Pro- 
venza cum sie cento cavalli et quatrocento 
fanti, a li servisii de Bologna. Che a Dio 
piazi che vengano senza impazzo, perché, 
corno siano arivati qua, speremo recuperare 
in pochi zorni tucto lo contado, che per 
questa guerra tucti li contadini eno sta sì 
male tratadi da le gente de la Chiesia, che 
gli voleno pezo che al diavolo, et non 
aspectano altro, noma che nui habiamo 
qualche gente da poterli defendere; che 
subito tornarano da la nostra et in specia- 
lità perché nui non havemo mai voluto che 
uiuno de' nostri fazi danno a niuno con- 
tadino. 

Adì primo de marzo venne novella a 
Bologna che Forlì s'era levato dal dominio 
della Chiesia et che s'è reduto a stato po- 
pulare; e non fu vero. 

Molte forteze del nostro contado s'eno 
mandate ad oferire, che quando voremo 
retornarano sotto Bologna ; aspetamo qual- 
che gente d'arme da poserli fare spalle et 
speremo haverle presto. 

Dicese che lo imperadore de venire 
in Italia et che '1 ducha de Milano, in de- 
specto de' Veneziani, gli à oferto xn milia 
cavalli. 

Fu cominzado et ordenado una pro- 
cesione solenne, che duri tri dì, per pre- 
gare Dio che ze dia gratia che '1 sia ellecto 
uno papa, che dia bona paxe alla città no- 
stra et che sia bono et utile a tucta chri- 
stianità. Vero è che non sonno state facte 
le exequie qui per la morte da papa Mar- 
tino, corno sole fare: nui non gli avemo 
hauto rasone perché z'à desfacto, ma pure 
non s'è restato per quello, ma più tosto per 
chasone che per la guerra z'è parso essere 
excusati l . 



25- 



vero] parole aggiunte più tardi 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 



1 Tutte le notizie che seguono alla morte eli Mar- tino V mancano nella cronaca li. 



[A. 1431] 



BONONIENSIUM 



37 



Cronaca A 



Al nome de Dio. Adì 7 de marzo venne 
novella certa in Bologna che misser Ga- 
brielle da Chodomiero ' da Vinesia, cardi- 
nale del titolo de Sam Clemente, et vulga- 
ioAremente chia'mato cardinale de Siena, era 
sta per lo chollegio de' cardinali creato papa 
in Roma adì tri del dicto mese a hore xx, 
o circha, a lo quale hanno posto nome 
misser Eugenio papa quarto. Lo quale, comò 
è scripto de sopra 2 , fu legato qui a Bologna 
doe volte al tempo de papa Martino, zoè 
in lo millequatrocento vinti, adì xxn de 
luglio, et steteze per fino a xxn d'agosto 
del dicto millesimo; et poi ze retornò 
un'altra volta in lo mille quatrocento xx3, 
adì xv d'agosto 3 , et poi lo dicto papa Mar- 
tino lo revocò del mese de zugno 1424. 
Questo papa novo è bono homo reputado 
et si vole bene alli Canidoli et a la brigata, 
et credese ch'elio ze darà bona paxe ; che 
a Dio piaza. 

Et per dare modo alla praticha della 
paxe, lo dicto dì 7 de marzo furono per 
lì regimenti de Bologna eletti li ambassa- 
duri, che deno andare a Roma al dicto 
papa; li quali sono quisti infrascripti, zoè: 

Misser Bartolomio fiolo che fu de misser 
Charlo de' Zambechari, abado de Sam Ber- 
telo da Ferrara, 

misser Piero, fiolo eh' è de Redolfo de' 
Rampuni chierego de la camera apostoli- 
dia et chalonego de Bologna, 

misser Romio, fiolo che fu de Fran- 
cesco de' Foscharari, doctore et cavaliere 

misser Galeotto, fiolo che fu de Matio 
da Canedolo, doctore. 

Sonò subito tucte le canpane per festa 
et alegreza della dieta eletione, et la sira 
funo facte lumiere e fallò per la terra et 
suso le turre del comun et degli Asinegli, 
corno è usanza. 



io. nel margine sinistro: PP. Eugenio quarto — 
38-30. nel margine sinistro, di mano tarda: Errore, che 
questo Zambeccari fu Nicolò di Bartolomeo, dottore 
di legge — 31. nel margine sinistro: R 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 



1 Condulmer. 3 Vedi il voi. Ili di questa opera a p. 571, 20-21 

2 Vedi infatti il voi. Ili del Corpus Chronicorum (là si ha veramente la data del 16 agosto a ore 15). 
don. a pp. 568, 20-22 e 571, 10-39. 



38 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1431] 



Cronaca A 

Adì x de marzo è venuto novella in 
Bologna che monsignore de Santa Croxe è 
in Lombardia 1 et si à speranza de conclu- 
dere la paxe tra la liga e lo ducha de Mi- 
lano, salvo se non lo impazasse la liga che 
à facto lo imperadore cum lo ducha de 
Savoglia et de Milano, lo quale imperadore 
à promesso che sera in Ytalia per sam 
Zorzo 2 che sera del mese che de venire. 
Credese che, s'ello vignirà, farasse gran 
facti in Ytalia 3 . 

In lo dicto dì in la città de Bologna 
fu una donna che fé doe creature, uno 
maschio che havea tucte le soe membre, 
e 451 a et poi ne fé una senza' testa e senza brazze 
et senza gambe, et non havea se non el 
corpo cum lo beligolo, et parichi pili donde 
dovea essere lo collo, et si havea uno pocho 
de buso che mostrava essere femina, et si 
era lunga presso mezo brazzo; et sté viva 
a presso tre hore. Et steva la dieta donna 
in lo Torlione. 

Adì xii de marzo misser Galeotto fra- 
tello de Baptista da Canedolo se partì da 
Bologna per andare a visitare papa Euge- 
nio novamente electo, come è scripto de 
sopra \ et per tentare quello eh' è la soa 
volontà circha li facti de Bologna avanti 
che gli altri ambassaduri gli vadino; spe- 
rando che comò quello che per lo passato 
à molto amato Baptista da Canetolo et fra- 
telli, disponea lo dicto papa a concedere a 
Bologna tucte quelle cose che gli debiano 
essere grate. 

Adì 19 del dicto andono circha sie 
cento cavalli utili, de quilli della Chiesia, 
per fino a Scoltena 5 e lì introno suso lo 
tereno de li signuri de Spelinberti 6 , zoè de' 
Ramguni, et preseno uno condutiero, chia- 
mato Guerrero, cum circha 45 cavalli, lo 
quale lo dì sequente licentiono cum tucti 
li dicti cavalli, dubitando per quello acto 
havere despiazuto al marchexe de Ferara, 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 



1 A questa ambasceria del card. Albergati, si al- 
luse più su a p. 33. 

* Il 24 aprile. 

1 Parecchie di queste notizie e di quelle che se- 

5 guono, mancano nel testo /i o vi sono più brevi, 

quasi schematiche. Le osservazioni personali poi del 



cronista non figurano quasi mai nella cronaca B. 

* Vedi a p. 37 11. 2 sg. 

5 È chiamato Scoltenna il fiume Panaro nella parte 
superiore del suo corso. io 

,; Spllamberto. Vedi nota 3 a p. 35. 



[A. 1431] 



BONONIENSIUM 



39 



Cronaca A 

del quale li dicti Ranguni sono racoman- 
dati. Questo asaglimento fé le diete gente 
della Chiesia alli predicti perché dubitavano 
che fusseno lì a posta de' Bolognisi; et bene 
è vero che secretamente el dicto Gueriero 
et uno Raynaldo de Provenza l erano lì cum 
dusento cavalli a posta e soldati de' Bolo- 
gnisi, et similmente Aldrovandino et Guido 
Rangone eno altri dusento cavalli a posta 
de' Bolognisi, lì quali aspectano lì lo signore 
Nicolò de' Fortibrazzi 2 , che è de la parte 
de Toscana, cum ottocento cavagli et qua- 
trocento fanti. In fra pochi dì se deno 
conzongere cum loro in quello luogo. Lo 
quale signore Nicolò molto s'è offerto per 
la recuperatione del stado nostro ; a la quale 
se vene pigramente perché le burse nostre 
eno suzade del dinaro et per modo che 
non z'è pure denari da mostarda et sine 
ipsis nichil fit. Faremo el meglio che po- 
remo et pure bem speremo, mediante la 
gratia de Dio. 

La comunità de Fiorenza al presente 
molto se solicita, et za ze à mandato dui 
ambassaduri domestighi, per doe volte, l'uno 
seperado da l'altro, eh' è ser Philippo da 
Fiorenzola et misser Bartolomio da Mon- 
tegonzo, doctore; et per zascheduno de 
quisti ze manda confortando che vogliamo 
continuare in salvarze, perché è venuto el 
c^/ètempo' che ze porano aiutare a conservare 
la nostra libertà et che spierano che me- 
diante la loro intercessione, zoè de' soi 
ambassaduri et de li ambassaduri della 
signoria de Venexia, apresso el papa, che 
ze f arano dare bona et honorevole paxe; 
et questo fano più caldamente che l'usato, 
perché dubitano che, siando questo papa 
segondo lo apetito de la liga, lo ducha de 
Milano asomma la inpresa della defensione 
nostra, per farze dalla soa. A nui non pò 
inanellare bom partito, quantunqua Fioren- 
tini infino qui non oferischano altro che 
canze. Vero è che '1 fa più per nui la 
pase cum meno avantazo che guerra cum 
molto aiuto et avantazo de gente d'arme, 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 



1 La condotta di Rinaldo di Provenza è indicata, 
in questa stessa cronaca, più su a p. 36, 6-9. 



2 Vedi a p. 36, 3 sg. 



40 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1431] 



Cronaca A 

la qual cosa farìa volontiera lo ducha de 
Miliario in despecto de la liga, zoè de' Ve- 
neziani et Fiorentini, di quali è grani ne- 
micho. Et, per certo, semo stati troppo 
abandonati da la ligha in questa nostra 
guerra et troppo gran paura hanno hauto 
della posanza de papa Martino. Dio ze 
aiuti, che bem bisogna. 

Li ambassaduri, che deno andare a 
papa Eugenio, eno sta publichati a dicto 
dì 19, et sono li infrascripti, zoè: 

Misser Piero de' Rampuni, 

misser Romio de' Foscharari, 

misser Galeotto da Canedolo, 
lo quale è andato za verso Roma per asa- 
zare l'aqua avanti che gli altri ambassaduri 
vageno, 

Nicolò de' Zambechari, 

Francesco de' Guidoni, 

Firiano de' Griffuni; 
et per li merchadanti: 

Piero de' Mezivilani, cambiatore ; 
per li artesani: 

Bechadello degli Arzenisi, speciale. 

Adì 22 del dicto, siando sta mandato 
al vescovo de Torpia comissario del papa 
im Sam Zohanne l , che ze fazzi uno salvo- 
conducto per mandare ambassaduri alla 
comunità di Venexia, à resposto non volerlo 
fare senza comissione del papa; anzi dice 
non volere fare salvoconducto alli ambas- 
saduri nostri per andare a Roma, se non 
prometeno andare per offerire al papa lo 
libero dominio de Bologna. Dio ze aiuti ; 
né questo è quello che nui speravam in 
questo papa novo. 

A quisti dì z'è venuto novella che lo 
castelam de Soncino, ch'è del ducha de 
Millano, havendo uno tractato dopio cum 
lo conte Charmagnola, capitanio dello exer- 
cito della signoria de Venexia, de darli 
Soncino, per certa quantità de denari, lo 
/ i a dicto conte andò cum' più de tre millia ca- 
valli utili et bene in ordine, per intrare, 
et cum più de doa millia fanti a pò et cum 



13. segno d'attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 



* San Giovanni in Persiceto. 



[A. 1431J 



BONONIENSIUM 



41 



Cronaca A 

grande aparechio, perché in le circumstan- 
tie era le gente del ducha molto grosse; 
de che andagando lo dicto conte per en- 
trare in Soncino la matina per tempo, le 
squadre delle gente del ducha de Millano 
comparseno et lì fu facto uno maraveglio 
facto d'arme, che durò tucto lo dì per fino 
a notte ; et in eff ecto, tucte le diete gente 
della signoria funo rotte e presi et morti 
asaissimi fanti da pè, in tanto che '1 dicto 
conte se ne fugì a Bressa forsi cum sette 
cavalli, et fu anche lui a grandissimo peri- 
golo. Questa fu mazore sconficta che non 
fu quella che recevé el ducha quando l'al- 
tro anno, per mezanità del cardinale de 
Santa Croxe, convenne condurse a fare paxe 
cum la ligha, cum suo gran damno e ver- 
gogna; et si è stata ancora mazore rotta che 
non fu quella, che adì otto de desenbre 
recevé li Fiorentini dal ducha. Et per certo 
queste eno doe grandissime rotte che in 
quatro misi à dato lo ducha de Milano a 
la liga. Dio voglia che questa sia bona 
novella per nui. 

Adì penultimo de marzo, a hore 16, 
o circha, Zohanne de Landò d'Anbroxino 
da Bologna venne da Roma a Bologna in 
meno de quatro dì, fece per certo uno gran 
cavalchare, et portò dui brevi de papa 
Eugenio, uno al vescovo de Torpia eh' è 
in Sam Zohanne et l'altro a misser Zohan- 
ne Boscholo da Fiorenza, nunzio aposto- 
liche in Sam Zohanne da quatro dì in qua; 
li quali brevi comandano ad ambidui li 
predicti che debiano levare le offexe a Bo- 
logna, liberamente. El quale Zohanne x a 
questo dì medesimo, a hore xx, è ito a 
Sam Zohanne per fare mandare ad execu- 
tione la continentia de' dicti brevi. Et 
questa concessione misser Galeotto da Ca- 
nedolo 2 ottenne dal papa, subbito ch'elio fu 
arivato a la presentia de la soa Santità. 

Adì ultimo del dicto, Zohanne pre- 
dicto tornò da Sam Zohanne et riportò 
lo breve che havea portado a Torpia, 
et adusselo cum licentia del dicto, perché 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 



1 Giovanni di Landò d'Ambrosino sopra ricor- 2 La partenza del Canetoli per andare al nuovo 

dato. papa e stata ricordata in questa cronaca a p. 38, 24 sg. 



42 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1431] 



e. 452 1> 



Cronaca A 

nui posessem vedere quello che scrivea el 
papa. Credo facesse questo perché nui ha- 
vessem casone de fare novi pensieri contra 
el papa, imperò che gli vole male. Et lo 
tenore del breve era molto salvaticho; co- 
metea che ce levasse le offexe se nui lo 
toleano al governo de Bologna, cum molte 
altre conditione stranie, in tanto che l'era 
molto deferentiado da quello che nui spera- 
vam et credevam' ch'elio dovesse havere 
comesso in nostro bene et consolatione, et 
cossi credeva misser Galeotto, et haveali 
dicto che molto favorevolmente havea scri- 
pto. Nui havemo subito remandato a Roma 
a misser Galeotto la copia del dicto breve, 
notificandoli che provi de sapere subito la 
finale intenzione del papa, perché s'el vorà 
stare pure suso le durezze comò fece l'altro, 
forsi ze farà pigliare partidi: si saram che 
nui poremo a pericolo lo stato nostro e 
quello d'altri, et faremo, corno se sole dire, 
che una cosa bem guasta se reconza me- 
glio. Questo mondo è tucto pieno de in- 
ganni; Dio pona in core al papa de darze 
bona paxe. 

Adì 4 d'aprile venne novella certa 
che Nicolò Pizinino, condutiero del ducha 
de Milano, e cum novecento cavalli et 
mille fanti da pie solamente alozato suso 
lo tereno de Pisa, et descorre tucto quello 
paese, in tanto che à facto revelare quasi 
tucte le fortezze del Pisano, che tengono 
li Fiorentini, altro che Pisa cum pochissi- 
me forteze del Pisano. Li Fiorentini hanno 
più de tre milia cavalli e fanti altri tanti, 
né pare che sapiano fare alcuno fructo che 
bom sia. Fiorentini eno in tanta travaglia 
che non sano che fare, in tanto che, segondo 
lo suo grado, stano forsi cum tanto peri- 
colo del suo stado quanto nui. Se ze haves- 
seno subsidiato quando potevam, che seria 
stato a loro pocha spesa, nui seriam forsi 
al presente che poriam alturiare loro; ma 
credo che tardi se serano aveduti havere 
mal facto de non haverze subsidiato, quan- 
tunqua ogni dì ze confortino che vogliamo 
havere pacientia perché procurarano cum 
papa Eugenio che ze conceda bona paxe. 
Questo confortare non fano per affetione 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



50 



Cronaca B 



[A. 1431] 



BONONIENSIUM 



43 



Cronaca A 

e amore che ze portino, ma per dubio che 
nui ze condugamo ad intendere cum lo 
ducha de Millano l . 

Adì 7 d'aprile s'è mandato Iacometo 
da Bologna al ducha de Millano, et ancho 
a Francesco 2 , ch'è di signuri da la Miran- 
dola, li quali altra volta ze hanno interpe- 
lato per lo dicto ducha, per sentire da lui 
quello che vorìa fare in nostro favore, se 
nui ze intendesseno cum lui a essere amigo 
de li amici et innemigo de li innemici. 

Lo principe de Salerno da la CoIona, 
nepote che fu de papa Martino quinto, in 
le forteze e terre, che tene atorno Roma, 
c.45jascrive gente d'arme quanto ' el pò, et presta 
cento duchati d'oro per lanza. Credesi che 
fazzi contra el papa Eugenio, lo quale è 
affecionato a' Veneziani et a' Fiorentini, et 
lo dicto principe se intende cum lo ducha 
de Millano. Quisti sono aparichi de pore 
grande tribulatione et desfasemento in 
Ytalia. 

Adì 5 d'aprile, passando la sira dalle 
avemarie, Bartolomio fìolo de Nicolò di 
Preti et Zohanne, fìolo che fu de Nicolò 
Beroaldo, per denanzi da chasa de Ludo- 
vigo da Canedolo, li quali veniano da Sam 
Progulo da misser l'abà de' Zambechari, lo 
quale aloza lì, siando Ludovigo, lo quale 
habita in la chasa che fu de Firiano Me- 
zovilano, a sedere davanti la dieta casa cum 
Piero Mezovilano, uno Domenegho da Ca- 
stello Bolognese, fameglio del dicto Ludo- 
vigho, lo quale Domenego era sta inzuriato 
dalli dicti dui de li Preti e Beroaldi, corse 
dreto anbedui per fino a chasa de Baptista 
da Lignano et prese el Beroaldo et mostro- 
li che ie possea fare despiacere, se havesse 
voluto. Ludovigo gli soprazunse sopra et 
toseglilo de le mano et despiaqueli l'acto 
che havea facto lo suo fameglio, quantun- 
que havesse rasone de farli quello e piezo, 
perché eno dui ladronzelli et amisi de misser 
Antonio de' Bentivogli. De che quisti dui 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 



1 In tutta la cronaca, come abbiamo notato anche quanto essa potesse resistere al signore di Milano o 5 

nel volume antecedente, si vede una diffidenza più o alle ambizioni lombarde e impedire così il valico del- 

meno velata contro i Fiorentini ; e in fondo non a l'Appennino, 
torto, perchè i Fiorentini si curavano di Bologna in 2 Francesco Pico. 



44 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1431] 



e- 453 b 



Cronaca A 

iottuni andono a chasa de l'abate et lamen- 
tonse de l'atto ; et lo abbate, mosso a furia, 
se armò inseme cum alchuni di soi et mandò 
a desfidare Ludovigo da Canedolo, et cum 
parole molto villane ; de che Ludovigo ebbe 
patientia et andò a chasa de Baptista da 
Canedolo et nottificolli la furia che menava 
lo abbate sopra questo facto ; et mandando 
lo abbate uno suo fameglio a Baptista cum 
ambassada rencrescevole, Baptista non ebbe 
patientia et mandoli resposta molto sal- 
vaticha et rencrescevole, de che gli animi 
eno romasti molto pregni, quantunqua per 
li comuni amici, o vero parenti de l'uno 
et de l'altro, se siano reconciliati. Et per 
accendere ancora piezo, el diavolo vose 
che lo dì sequente, che fu adì sei del dicto, 
uno cusino del dicto abbate, che à nome 
Guasparo Catanio, et Bartolomio predicto 
di Preti, et Zohanne dalla Rosa ebbeno 
parole inzuriose contra uno Zorgino da 
Tosegnano, contestabile de' fanti da pie in 
Bologna, lo quale era amicissimo de Ba- 
ptista da Canedolo, amazono lo dicto Zor- 
gino; et non fu' altro. Dio voglia che 
quisti inconvenienti non partorischam male 
assai, che molto ne dubito. 

Adì 9 del predicto, uno Baptista sarto, 
iotto, vicioso et desviato, amigo de' Grif- 
foni, la sira davanti havendo ferito uno 
figliolo de Guiduzzo da Montevieglio et 
havendo ordenato li collegii che '1 fusse 
preso, perché el podestà fesse rasone, et 
siando in piazza dreto ad Alovixe Griffone, 
et Merchadim et Zohanne Tignoso, volendo 
pigliare lo dicto Baptista, Alovise se voltò 
cum uno stochetto contra li dicti Mer- 
chadim et Zohanne Tignoso et forili an- 
bedui in mezo la piazza, a la presenti a de 
alcuni confalonieri, che sollicitavano la pre- 
sura del dicto Baptista. Feno alcuna reme- 
sedada de collegii. Lo dicto Alovixe et Bap- 
tista sarto se ne usino de piazza; et si non 
fu altro. Dio voglia che quisti non siano 
de' signali de Cesare 

Adì xx d'aprile venne a Bologna uno 
misser Bartolomio dal Pozo, scriptore et 
nuncio apostolicho, da Roma per parte del 
papa, lo quale dice h avere cornicione dal 



IO 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 



10 



45 



50 



[A. 1431] 



BONONIENSIUM 



45 



Cronaca A 

dicto papa Eugenio quarto de farze levare 
le offexe cum certi pacti, li quali dice che 
misser Galeotto da Canedolo à concluso 
cum lo papa et à promesso et sottoscripto 
de soa mano, et cossi se observarà ; et oltra 
li ostadixi, che funo dati al tempo de papa 
Martino quinto domanda anchora quatro 
altri ostadixi per observatione de quello 
ch'à promesso misser Galeotto; li quali osta- 
dixi sono quisti, zoè: 

Uno fratello de misser l'abate de' Zam- 
bechari, 

uno de li neputì de misser Piero de' 
Rampuni, 

uno de li fratelli de Firiano de' Grif- 
funi. 

el figliolo de Tomase de misser Lippo 
di Ghixilieri. 

Et perché non è arivato qui uno messo 
proprio de misser Galeotto, lo quale da 
Roma manda qui, informato de quanto nui 
havemo a fare sopra le diete cose, per tanto 
non è stato dato anchora resposta al dicto 
nuntio apostolico. 

Adì 14 del presente mese, segondo 
che dice lo dicto misser Bartolomio nontio 
apostolicho l t la comunità de Siena, corno 
aderente al ducha de Milano, roppe guerra 
alla comunità de Fiorenza, et za i' à tolto 
doe castelle, ch'eno tra Siena e Fiorenza. Li 
:.«*«facti de' Fiorentini stano ma'lissimamente, 
in tanto ch'ano fugito per fino apresso Fio- 
renza a cinque miglia; lo ducha de Millano 
li strenze molto da ogni lato et per modo 
che lo loro stato sta a grandissimo peri- 
golo. 

Adì 22 del dicto mese li nostri regi- 
menti condusseno li capitoli del levare le 
offexe cum lo dicto misser Bartolomio dal 
Pozo, scriptore et noncio apostolico. Li 
quali in effecto conteneno che '1 vescovo 
de Torpìa et misser Zohanne di Boscoli 
da Fiorenza, comissarii del papa Eugenio, 
vengano in Bologna ad habitare nel palaxio 



14. nel margine sinistro: R — 44. Eugenio] segue 
nel cod. in Bologna cariceli. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 



1 Bartolomeo dal Poggio. 



46 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1431] 



e. 454t> 



Cronaca A 

grande, dove soglino habitare l'altri legati, 
in nome del papa et cum le loro fameglie 
solamente. 

Item, che tucti li regimenti de Bologna 
zureno in mano del dicto vescovo che se- 
rano fìdeli et obedienti a papa Eugenio. 

Item, che in segno de vero dominio, 
siano presenta le chiave delle porte della 
città al dicto vescovo et poi subito resti- 
tuide a li dicti anziani. 

Item, che li regimenti de Bologna pro- 
vegano di capitanii delle porte, a loro vo- 
lontà, et quilli zureno obedientia in le mano 
del dicto vescovo. 

Item, che '1 dicto misser Zohanne 
Boscolo receva le intrade de' datii et ga- 
belle della città et conta de Bologna, re- 
servando a li nostri regimenti quello che 
per li capitoli de la paxe de l'altro anno 
fu concesso alli dicti regimenti. 

Item, che tucti li sbanditi et rivelli de 
Bologna siano chazati del contado e de- 
strecto de Bolocma. 

Item, à promesso lo dicto misser Bar- 
tolomio che subito farà livare le offexe et 
che ogni vicharia et merchantìa porà libe- 
ramente, de cadauna parte, vegnire in Bo- 
logna. Et cossi, el dicto dì medesimo, lo 
dicto misser Bartolomio, a hore 17, à ca- 
valchato a Sam Zohanne im Percesedo dal 
vescovo de Torpia, per mandare ad exe- 
cutione la levata delle offexe; et così spe- 
remo che seguirà. 

Adì 23 del predicto, a hore 22, tornò 
da Sam Zohanne lo dicto misser Bartolo- 
mio dal Pozo senza conclusione alcuna, et 
questo perché lo vescovo de Torpia disse 
ch'elio havea da Roma, là da li cardenali, 
la imformatione sopra li capitoli fermati a 
Roma per misser Galeotto da Canedolo in 
altra' forma che habia convenuto cum nui 
lo dicto misser Bartolomio. De che tucti 
remasemo de mala voglia. 

Adì 24 del predicto misser Zohanne 
Boscolo, doctore de leze et chierego della 
camera apostolicha et comissario del papa, 



5« segno d" attenzione nel margine sinistro 
ci ] corretto su al nel coJ. 



- 29- 



10 



13 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 



[A. 1431] 



BONONIENSIUM 



47 



Cronaca A 

venne da Sam Zohanne in Percesedo a la 
bastìa de la Certoxa, et andono arasonando 
lìcum lui lo dicto misser Bartolomio, noncio 
apostolicho, et l'abate de' Zambechari et 
Baptista da Canedolo, et in effecto con- 
clusene la paxe. Et alle 23 hore e mezo 
tornono in Bologna et misseno la frascha 
alle fenestre del palaxio di signuri, et in 
mezo del confalone del puovolo et della 
libertà, ch'erano alle fenestre per la festa 
de Sam Zorzo, miseno lo confalone a l'arma 
de papa Eugenio quarto, che fu novo et 
facto fare subito per li regimenti; et sonò 
le campane de Sam Piero et del comum a 
martello, et funo facti per la città molti 
faluò, la sira. Deo gratias. 

Adì 26 d'aprile, a hore 21, misser 
Zohanne Boscholo da Fiorenza, chierigho 
de la camera apostolicha, et comissario del 
papa, tose per lo papa la tegnuda de Bo- 
logna, et fu aconpagnado per lo confalo- 
niero de iustizia et quatro de' signuri an- 
ziani cum tucti li cittadini da bene de Bo- 
logna; et andogline incontra a cavallo per 
fino a la porta de Sam Felixe, et sonono 
tucte le campane a martello, per allegreza, 
comò è usanza, et fu introducto in lo pa- 
laxio grande ; et in lo intrare la bandiera 
della libertà andava inanzi, la quale por- 
tava Merchione de' Zentilhomini da Vizam, 
la segonda, quella del puovolo, la quale 
portava Alovise de' Griffuni, poi quella del 
papa, la quale portava Guasparo da Ca- 
nedolo et apresso lo comissario, zoè Charlo 
de' Zambechari, portava lo stendardo, o vero 
bandiera della Chiesia. Ma pure non fu 
mai alcuno che gridasse : " Viva la Chiesia „ , 
né che mai dicesse covelle. Et menò lo 
dicto comissario siegho Gatta Melada l cum 
circha cento cinquanta cavagli de gente 
d'arme et fanti ottanta ; et subito che fu in- 
trado in lo palaxio, li dicti cento cinquanta 
cavalli ussino de Bologna et andossene a Sam 
Zohanne im Percesedo. Vero che lo dì 



8. frasca] segue nel cod. s cariceli. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 



1 Erasmo Gattamelata di Narni, il famoso capi- tano di ventura. 



48 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1431] 



Cronaca A 

avanti dui di dodese della baylia, dui confa- 
lonieri et dui massari andono per parte del 
puovolo a castello Sam Zohanne a riche- 
c. 4ssa dere et pregare lo diete-' misser Zohanne 
Boscholo che vegnisse a tore la tegnuda de 
Bologna per lo papa; et lo vescovo de 
Torpia, per casone delle soe paccie et ren- 
cresimenti et troppo futilitade, ch'elio à 
voluto usare l , è romaso excluso, che li Bo- 
lognisi non l'anno voluto chiamare al go- 
verno de Bologna. 

Adì 27 d'aprile 2 misser Zohanne 
Boscholo, comissario o vero governadore 
de Bologna per lo papa, à per soa parte 
mandato una grida alla renghirola del pa- 
laxio, dove elio habita, notificando a cha- 
deuno comò le offexe eno tucte levate per 
le gente della Chiesia, et che da questo dì 
in là sera licito a chadauna persona po- 
tere portare liberamente ogni grassa, vit- 
tuaria et merchadandia in Bologna, senza 
dubio alchuno. Deo gratias. 

Adì 3 de mazo venne novella certa 
da Roma a Bologna che a' 23 d'aprile, 
doppo vespero, se deseuverse circha cento 
cinquanta fanti che preseno la porta d'Azzo, 
o vero d'Apio da Roma, a posta del prin- 
cipe de Salerno nepote, che fu de papa 
Martino quinto, et si la teneno tucta la 
nocte, non obstante alchune invasione che 
facesseno li cortesani et cittadini de Roma 
per recrovarla; poi in lo nasere del dì lo 
dicto principe, per la dieta porta, intrò in 
Roma, cum più de nove cento cavalli utili 
eteum multi fanti, gridando: "Viva el puo- 
a volo et la libertà „ ; de che lo populo et li 
cortesani se arostono et funo alle mano cum 
le diete gente del principe, de che, ve- 
dando lo principe non potere contra lo 
dicto populo, se retirò indredo, et niente- 
demeno la dieta porta romase a llui. 

Non so quello che più oltra seguirà: 
ma quisti sono mal signi per la Chiesia, 
attento che la è pocho possente de denari 
et meno de gente d'arme. 

Adì 14 de mazo li ambassaduri, zoè : 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 



1 Sulle sue opposizioni vedasi sopra a p. 46, 37 sg. 



2 II testo B ha la data del 28 aprile. 



[A. 1431] 



BONONIENSIUM 



49 



Cronaca A 

Misser Piero de' Rampuni, 

misser Romio de' Foscharari, doctore 
e cavaliere», 

Nicolò de' Zambechari, 

Francesco de' Guidotti, 

Firiano de' Griffuni, 

Iacomo dalle Coreze, banchiere 

Piero de' Mezivilani, banchiero, 

Bechadello degli Arzinixi, speciale, se 
partino da Bologna per andare, per parte 
55*della' nostra comunità, a Roma a papa Eu- 
genio quarto, per fermare la paxe cum la 
Soa Santità *. Credese che non porano ari- 
vare a Roma per casone del principe de 
Salerno, lo quale è da la CoIona da Roma, 
nepote che fu de papa Martino quinto ? ; lo 
quale, segondo che se dice, tene a soa po- 
sta doe porte de Roma et fa stare tucto el 
popolo de Roma sotto l'arme, et retrovase 
contra Roma cum circha tre millia cavalli. 

Adì 30 de mazo la bastìa della Cer- 
tosa se cominzò a desfare. 

Adì ultimo de mazo li confalonieri 
de Bologna si cominzono a fare portare li 
stochi cum li bocholieri, che prima porta- 
vano manarette, et si se contenea in li 
pacti quando se fé l'acordo. 

Adì dui de zugno la bastìa dal Monte 
se cominzò a desfare, et si se tenea a posta 
di Bolognisi, corno è dicto de sopra 3 . 

Adì xi de zugno intrò in Roma li 
dicti ambassaduri, li quali gl'introno cum 
gran periculo, perché tucto lo paese è 
in rotta e in guerra et de pochi zorni 
avanti lo papa havea recuperata la dieta 
porta d'Appio et aparechiase de gente 
d'arme per defenderse dal dicto principe. 

Adì xx de zugno l'armada della si- 
gnoria de Vinexia fu rotta in Po, indricto 
Cremona, da la armada del ducha de Mil- 
lano, et fu in zobia de sira a hore 22 et 
finendo a vegnere sequente a hora de ve- 
spero; et funo prisi 28 galliuni, tra grandi 



2. segno d'attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 



1 Si confronti l'altra lista di ambasciatori al papa 
data sopra, in questa cronaca, alla p. 40, 11. io sg., che 
è in tutto simile a questa. 

2 Ricordato più su, appunto come nipote di Mar- 

IT. XVIII, p. 1, v. iv — 4. 



tino V. 

3 Vedi sopra, 
altra volta. 



La bastia era già stata distrutta 



50 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1431] 



Cronaca A 

et pizoli cum tucte le monitione e vittuarie 
et nave che gli erano charegate d'uno ponte 
de Ugnarne cum una chadena longa più de 
mezo miglio et grossa corno la gamba de 
uno homo zustissimo. Ne la quale bataglia 
morirono asaissimi homini et in grande 
quantitade ne furono feriti et alquanti ne 
brusorono de polvere de bombarda et assai 
anegati. 

Nota, tu che liegi, che questo fu uno 
grandissimo danno a' Veneziani et fu una 
delle mortale bataglie, che fusse mai in 
Po, per ricordo de homo alcuno, et funo 
mazuri li facti che non sono scripti. 

Adì 7 de setenbre li ambassaduri che 
andono a Roma, zoè: 

Misser Piero de' Rampimi, 
misser Romio de' Foscharari, 
misser Galeotto da Canedolo', 
e- 456 a Xicolò de' Zambechari ', retornono in 

Bologna et menono siegho misser Fantino 
Dandolo, doctore utriusque iuris, zentilhomo 
de Vinesia, lo quale era a Roma per am- 
bassadore della signoria, et a' preghi delli 
dicti ambassaduri, lo papa lo fece proto- 
notario apostolicho et deputollo per go- 
vernadore de Bologna. Et a otto dì del dicto, 
la mattina, intrò in Bologna et andogli in- 
contra li dicti ambassaduri, li anziani, li con- 
falonieri cum li confaluni, la cheresia cum 
la processione, per lino a la porta de Strà 
Maore ; et lui era alozato alli Croxadi '; et de 
lì dalli ambassaduri et multi altri cittadini 
fu conducto per fino alla porta, et lì pre- 
sentadogli le chiave delle porte cum uno 
sermonzello. Vero è ch'elio non volse an- 
dare sotto el baldachino, ma mandoselo uno 
pochetto avanti, et cum grandissimo honore 
et allegrezza fu recevuto. Li ambassaduri 
hanno ottegnudo dal papa tucto quello che 
hanno domandato per la comunità, zoè che 
possino fare tucti li soi regimenti corno so- 



17. segno d'attentione nel margine sinistro — 20. 
segno d'attentione nel margine sinistro — 38-I. 16 p. 
51. di qui sino alla fine del capoverso un segno di at- 
tenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



5 ' Furono ricordati sopra in questa stessa cronaca 

a p. 49, 2 sg. 



Cronaca B 



2 I Crociali, v. nota 4 a p. 3. 



[A. 1431] 



BONONIENSIUM 



51 



Cronaca A 

leano fare a tempo populare, vero è che 
lo governadore li de confermare. Item, 
tucti li offizii da utile, dentro et de fuora, 
excepto la tesauraria et lo ufìzio dalle bo- 
lette, lo governadore li de dare alli citta- 
dini et cum conseglio de xx cittadini con- 
siglieri del dicto governadore, li quali sono 
facti in luogho di sedexe reformaduri del 
stado, et tucte le porte della città deno 
essere guardate da cittadini de Bologna. Et 
in effecto non tornò, grandissimo tempo 
passato, ambassaduri a Bologna, che por- 
tasseno novelle cum tanto contentamento 
de tucto lo populo, quanto hanno facto 
costoro. Deo gratias. 

A quisti dì passati, zoè circha la ffim 
d'agosto \ introno in castello Sam Zohanne 
circhà ottantatre partesani de misser An- 
tonio di Bentivogli et sbanditi et altri 
iottuni del paese, cum le spalle de Barto- 
lomio di Scozzi da Sam Zohanne, cum 
animo de tenere quello castello per lo ducha 
de Millano, o per lo principe, zoè per An- 
tonio CoIona; et credesi che in secretis se 
intendeano cum lo castellani della rocha 
de Sam Zohanne. Et questo subito fu no- 
tifficado a Bologna; de che incontinenti 
Guasparo da Canedolo et Tomase de' Ghixi- 
lieri cum quello pocho de forestaria che 
z'era et cum li partesani ad inzigni introno 
im Sam Zohanne et senza indusia se adri- 
«<*zono contra li predicti' rivelli, gridando: 
"Viva la Chiesia„; de che se misseno in 
fuga et fune taiati in pezzi una frotta, et 
parte se ne anegò in le fosse, et alchuni se 
ne f ugl che sepeno nodare ; ma, tra' tagliati 
im pezzi et li apichadi, ne morì circha 
trenta, et fu recuperado lo dicto castello 
cum grande desfaxemento delli amisi de 
misser Antonio ; et fu uno teribile atto per 
modo che sono sì spaventadi che quasi non 
ne apare più niuno per lo paese. Li prin- 
cipali, che funo morti, funo quisti, zoè; 



2-3. vero. . . . confermare] parole sottolineate nel 
cod. — 5-7. excepto.... cittadini] parole sottolineate 
nel cod. — 10-11. et tucte .... Bologna] parole sotto- 
lineate nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 



1 II testo B, che ha particolari più abbondanti e precisi, pone la data del 13 agosto. 



52 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1431] 



c - 4S7° 



Cronaca A 

Misser Zohanne, dolo che fu de misser 
Baptista Baldoino, 

Piero Veneziano, 

uno suo figliolo, 

Bolognino Grosso. 

Subito che misser Antonio di Benti- 
vogli ebbe sentido la novella, se ne fuzì 
da Roma, dubitando essere preso dal papa, 
comò quello che, de soa volontà, li dicti soi 
partesani fusseno intrati in Sam Zohanne; 
et dicese che venuto per fino a Faenza egli 
hauto l'ochio alle mane, non sa quello che 
'1 voglia fare, ma fa comò pocho savio. 

Adì 15 de setenbre venne da Fio- 
renza novella che la paxe era conclusa tra 
'1 Santo Padre et lo principe de Salerno, 
chiamato Antonio CoIona, nepote che fu 
de papa Martino quinto; et che '1 principe 
gli restituisse tucte le fortezze della Chiesia, 
ch'el tene, et dà al papa duchati setanta 
milia et che '1 non possa tegnire el principe 
più de centocinquanta cavalli, et simile non 
possa altro barom de Roma. 

Dicese ch'el conte de Urbino à man- 
dato el campo contra la città de Pesaro 
che anguanno se revellò a li signuri Ma- 
latesti de Pesaro, et sottomisesse a papa 
Eugenio. Multi se maravigliavano che el 
principe, ch'è cognado del conte de Ur- 
bino, se sia acordato cum lo papa, et el 
conte se ardisca fare guerra cum la Chiesia. 

Adì 26 de settenbre venne novella 
certa che nui haveam reauto la rocha de 
Castello sam Piero; sì che, per la gratia 
de dio, mo' havemo tucte le roche, excepto 
Batidizo '. 

Adì 9 d'otobre venne novella in Bo- 
logna che lo imperadore Sigismondo, re 
d'Ungaria, è capitado a Milano per tore la 
corona della paglia et quella del ferro. Al 
quale re lo ducha li fece fare grandissimo 
honore ; et stecte in Millano circha dui 
misi et mai non spese niente del suo, che 



38. segno d' attenzione nel margine sinistro — 38- 
39. nei margine destro, di mano tarda: Sigismundus 
imperator 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 



1 Battedizzo. Vedi nota 8 a p. io. 



[A. 1431] 



BONONIENSIUM 



53 



Cronaca A 

el ducha non voleva; et allozava in Santo 
Ambroxo de Millano, et sempre, al con- 
tinuo, demorava vinti cortesani de quilli, 
del ducha cum lo dicto re. Et in quello 
tempo el ducha non era a Milano et allo- 
zava a uno castello del Milanese chiamato 
Biagrassa l , lontano da Millano 14 miglia. 
Et questo era per lo morbo ch'era stato a 
Millano in quella stade. Et el dicto ducha 
non andò mai a Millano infino che '1 dicto 
re non fu partito da Millano. Et del mese 
de novembre el dicto re fu incoronato, in 
la chiesia de santo Ambroxo, della corona 
del ferro, et fessene grandissima festa. Possa 
se partì da Millano et andò a Piasenza et 
lì stecte circha uno mese, possa andò a 
Parma et lì stecte alquanto tempo et possa 
andò a Lucha; et havea cum lui tresento 
cavalli et dusento fanti, la mazore parte 
arzieri. Et essendo lo dicto re in Lucha, 
Michetetto capitanio de gente d'arme et 
soldato de' Fiorentini fece una coreria in 
lo contado de Lucha ; unde el re li mandò 
uno barone a reprendere lo dicto capitanio, 
lo quale ambassadore gli parlò molto alta- 
mente et de al dicto capitanio de una ron- 
chetta in suso la celada; el quale barone 
fu tagliato a pezzi dalli famigli del dicto 
Micheletto. 

Adì 22 del dicto mese cominzosse a 
rendere rasone in lo palazo del podestà de 
Bologna, ch'è tri anni passadi che, per ca- 
sone de la guerra et tribulatione che ha- 
vemo hauto, possemo dire che mai se sia 
reso rasone in civile. 

Adì 24 del predicto se principiò in 
Bologna lo Studio in tucte le f acuità; et 
per chasone delle guerre, ch'eno circum- 
stante, credese che '1 studio de Fiorenza, 
de Siena, de Padoa et de Pavia se desvia- 
rano per tale modo che quello de Bologna 
se refermarà bene ; et speremo che non 
passarà Nadale che qui haveremo più de 
cinquecento scolari. 
■4ò7b A quisti dì li nostri magnifici signuri 
anziani hanno facto ambassaduri che va- 
gino a visitare papa Eugenio per parte 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 



1 Abbiategrasso, comune della provincia di Mi- lano. 



54 



CORPUS CHRONICORUM 



[AA. 1431-1432] 



Cronaca A 

della comunità de Bologna, li quali sono 
quisti, zoè: 

Misser Dalfino de' Gozadini, vescovo 
de Civita de Penne in l'Abruzo, 

misser Piero de Redolfo de' Rampuni, 
chalonegho de Bologna et chierego de la 
camera apostolicha, 

Zohanne de Iacomo de' Griffuni. 

Anno Christi Mcccc32, adì 4 de ze- 
naro fu presentado a li nostri magnifici 
signuri anciani et collegii del conseglio una 
littera serata cum bolla de piombo, per 
parte de papa Eugenio quarto, che conti- 
gnia corno esse papa, cum conseglio et con- 
sentimento de' soi fratelli signuri cardenali, 
havé mandato in disolvere el concilio de 
Basilea ch'è in Alamagna, lo quale era sta 
deputado per papa Martino quinto et poi 
confermado per papa Eugenio. Et questa 
disolucione havea facto fare perché non 
pare che comodamente se possi fare lì per 
casone delle guerre che ieno cominzade, 
zoè tra el ducha de Borgogna ' et lo duxe 
de Austeriche 2 et anche tra altre potentie 
de Alamagna, et manda a comandare per 
lo primo, segondo e terzo et ultimo ter- 
mine et perentorio, et sotto pena de exco- 
municatione, a tucti li prelati de Christia- 
nità, che da 18 dì de desenbre proximo 
passato per fino a 18 misi proximi che vi- 
rano, tucti se debiano, in lo dicto termine, 
retrovare in la città de Bologna, in lo quale 
termine et luogho comenzarà lo concilio 
generale; in lo quale lo dicto papa e car- 
denali se vorano retrovare personalmente. 
Che a Dio piazza che segui. Et simile bolla, 
a dicto dì, fu presentada a lo nostro mon- 
signore lo governadore. Simile à mandato 
allo imperadore ch'è in la città de Piasenza 
et una allo ducha de Millano et sic de aliis 
e signuri temporali et prelati de Christia- 
nità. Credesi che seguirà de grandissimi 



(>. nel margine sinistro : R 



10 



15 



Cronaca B 



20 



25 



30 



35 



40 



D'una fredura e brina che fo in mol- 
ti LUOGHI. 

1432. — Del mexc de dexembre e de 
zcnaro fuo una grandisima fredura , per la 
quale se secharono la mazore -parte de le 
vide e olive, melori, fichi hoxemarini ; posa 
del ?nese d'aprile cade una brina con uno 
/redo, che guastò la mazore parte delle vide 
da basso. Et questo advene per tuta Lom- 
bardia infino a le confine de Alemagna, et 
io sentore vide questo : comenzando in la vale 
de Voltolina B ; la quale confina con Todischi, 
e vigilando a Como e posa a Milano, et così, 
de cita in cita in -fino ' a Bologna, che mai c C0 3 l 4 j 
non se vide tanta piatade quanta èra questa; 
in/ino a li boschi anguanini erano bruxadi. 

1432. — £1 conte Cremagnola *, capcla- 
nio zenerale de la se gnor ia de Vinexia, li 
fuo tagliato la testa in Vinexia in suxo la 
piaza de Santo Marcho, adì v de mazo ; et 
quando fuo menato a la zostixia avea in 
bocha uno sbadachio. Disesse ch'era stato 
traditore agli Vcneciani. 

» 
Come l'abade Bartolomio di Zambechari 
e frateli fuoron chazati de bolo- 
gna per le loro noglie. 

1432. — In la cita de Bologna se fece 
una armata adi xiiii" d'aghosto, zio fuor on 
quisti: Batista da Chanedolo con gli amici 
suoi, e prexeno la piaza de volontade de 



24. finoj segue a cancell. nel cod. — 31. v] scritto 
con inchiostro rosso nel cod. — 41. xiiii"] scritto con 
inchiostro rosso nel cod. 



' 'lioranni VI detto il lìi 1 
2 Albrrt.. V. 



» Valtellina. 
4 Carmagnola. 



[A. 1432] 



BONONIENSIUM 



55 



Cronaca A 

facti in Ytalia in questa estade, perché 
pare che sia tucta in disposi cion e de co- 
movemento. Che a Dio piazzi haverze pietà 
per soa misericordia. ' 
c.4ssa Adì x de febraro, et fu in domenega 
matina, monsignore lo governadore fé can- 
tare una messa sollenne in la chiesia de 
sam Petronio, aconpagnato dagli anziani, 
collegii, podestà et altri notabili cavalieri 
zentilhomini et cittadini et prelati de Bo- 
logna. Doppo la quale messa, subito che 
fu fenita, lo dicto governadore sedando 
suso la soa catedra, fece cavaliero Alovixe 
figliolo che fu de Mathio de' Griffuni: 
et monsignore liesse la beneditione et ora- 
tione che se conteneno suso el pontiticale, 
et lo podestà gli cinse la spada, et misser 
Guido de' Pepuli et misser Gozadino de' Go- 
zadini gli poseno li speruni. Et facto que- 
sto, subito misser lo vescovo de' Gozadini 
et misser l'abà di Pepuli ! andono a lo alta- 
ro et per comissione a lloro facta dal papa, 
vestirono l'abito de sam Zohanne Iheroso- 
lomitano al dicto misser Alovixe, zoè gli 
misseno uno mantello cum la croxe biancha, 
poi el drie desenare per autoritade aposto- 
licha gli conferino lo beneficio de la Ma- 
sone et derogli la posessione, la quale era 
vachato per la morte de misser Piero di 
Schappi da Bologna. 

Adì sei de marzo arivò in Bologna lo 
vescovo Magolanensis 2 oltramontano e Ilo 
abate de Santa Justina da Padoa, et veneno 
da Santo Paulo da Roma per andare a Pia- 
senza ambassaduri, per parte del papa, a 
Parma dallo imperadore ch'è lì 3 . Credese 
che vagino per pratichare la paxe tra la 
liga e lo ducha de Millano. 

Item, adì x del dicto arivò in Bolo- 
gna misser Palla di Strozzi cavaliero et cu- 



3. pare] parte cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

meser Fantino, governadore -per lo papa; 
e da l'altra -parte era l'abade Bartolomio 
di Zambechari con li fratelli et alquanti 
amici de meser Antonio di Bentivogli, e 
feceno sua aricolta ne la ghiexia de san 
Pruogolo, ma non se tochono, però che quitti 
da Chanedolo erano più fuor ti et aveano la 
piaza. De che uno Giovanne di Grifuni, con 
altri citadini, se intramiseno a fare V acordo 
infra le parte in questo modo, che l'abade 
andasse al dito governadore e stare a sua 
hobediencia, et Batista da Chanedolo gli de 
la fede, et così andoe a palazo et ogni huo- 
mo de sua parte si andò a dexarmare ; et 
gli fratelli de l'abade se n' andono per la 
porta de San M amolo la quale aveano tolta 
e aperta fino x la matina per tempo. FI go- 
vernadore li volea confinare, ma l'abade se 
fugì et andoe a Vignola di Grasun nel 
conta de Modena, et li fratcli de l'abade an- 
dono a trovare meser Antonio di Bentivogli. 

1432. — Meser Fantino Dandolo go- 
vernadore de Bologna per la Ghiexia fece to- 
re la porta de Strà san Stievan a uno suo ne- 
potè adi xxvi de zugno ; e la note seguente 
fece vegnire Gatamelada con sua brigada, 
el quale alozava a Imola et voleali metere 
dentro da Bologna; ma non venne a tempo. 
Alora Lodovigo da Chanedolo tolse la dita 
porta al dito nevodo de meser Fantino et 
Gatamelada torna a Imola; et adì xxviii 
de zugno meser Fantino governadore se 
partì da Bologna 4 . 



e. 105 a - col. 1 



14. ogni] nel cod. leggevasi hogni, poi V\\ fu cari- 
celi. — 27-33. xxvi, xxviii] scritto con inchiostro rosso 
nel cod. — 31. segno d'attenzione nel lato destro 



1 Ricordati più su in questa cronaca. Vedi p. 54. scana l'imperatore sostò infatti a Parma: vedi sopra a 

5 2 Sembra essere Roberto De Rouvre, cf. Eubel, pp. 52-53. 

II, 183. 4 Questa notizia manca nel testo A : forse c'era, io 

3 Nel passaggio che fece dalla Lombardia in To- e andò perduta nella grande lacuna clic esso presenta. 



56 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1432] 



Cronaca A 

sino di Medici, merchadante, amedui cit- 
tadini de più reputatione che habia Fio- 
renza, li quali vano a Ferara per ambas- 
saduri della soa comunità. Et lì se retro- 
varano ambassaduri del papa, dello impe- 
radore, della signoria, del ducha de Mil- 
lano et del signore de Mantoa, et questo 
per pratichare la paxe tra la ligha e lo 
dicto ducha. Che a Dio piazzi che, per lo 
bene d'Italia, seguire possa la dieta paxe. 

Adì 13 de marzo lo vescovo Magolo- 
nensis et lo abbate de Santa Justina da 
Padoa, ambassaduri de papa Eugenio l , se 
partì da Bologna per andare a Parma, dove 
se deno retrovare cum lo imperadore, per 
e. 4s8b essere a rasonamento cum' lui per li facti 
del concilio disoluto a Basilea; zoè che quella 
disolutione facta per lo papa, lo imperadore 
gli consenta et che '1 se fazzi el concilio 
a Bologna 2 . Credese non consentirà alla 
disolutione de Basilea. Et sopra de zò elio 
à mandato, a quisti dì proximi passati, soa 
ambassaria al papa. Et Dio voglia che que- 
sta contesa non fazzi nascere tale erexia 
in la nostra fede che qualche sisma nasca: 
de che molto se dubita sì per li signali che 
se vedeno, sì anche per quello che se anun- 
tia, che za è sta veduto gram tempo, o per 
astrologia, o per revelatione divina, che 
mostra che, avanti che passi l'anno del 
1433, de essere in Ytalia grandissime no- 
vitade, et anche in lo stado della Chiesia 
e in Ch ristia nità. A Dio piazzi non guar- 
dare a li pechati de' Christiani. Amen. 

Mostra che papa Eugenio sia benissi- 
mamente disposto circha la paxe de tucta 
Christianità, et dice de volere andare cum 
la possanza de' Christiani contra li iniì- 
deli; che, se lo imperadore fusse de simile 
dispositione, poria facilmente sieguere tanto 
bene. 

Adì 17 de marzo lo abbate de' Zam- 
bechari fé congregatione de soi iottuni, 
cum vose che dubitava de Baptista da Ca- 
nedolo, per casone de Bartolomio figliolo 
de Nicolò di Preti, el quale a quisti dì è 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 



1 Ricordati nella pagina preredente alla 1. 32 «;g. 
1 Del progetto del papa di tenere a Bologna il 



Concilio -,i è parlato a lungo sopra, in quest 
( ronaca. Vedi p. 53 sg. 



[A. 1432] 



BONONIENSIUM 



57 



Cronaca A 

sta ferito da uno figliolo de uno Zorzino 
da Tosignano amigo de Baptista predicto, 
el quale Zorzino mò fa uno anno, zoè adì 
sei d'aprile, che fu morto in Bologna dal 
dicto Bartolomio di Preti et d'alchuni altri 
amisi del dicto abbate *. Dise l'abate che 
'1 dicto Bartolomio è stato ferido cum chal- 
do del dicto Baptista, che non è vero niente. 
Ma io dubito che monsignore el governa- 
dore consenti a queste pacìe dello abate, 
sperando cum soa operatione ottegnire che 
li nostri signuri anziani se ne vagino a chasa 
et romaglirgli lo dominio libero per modo 
che '1 ze possi introdure le gente della si- 
gnoria di Venexia; che, se questo seguisse, 
subito nui haverevomo la guerra dal ducha 
de Millano; che Dio ze ne defenda. Di- 
cese che la casone, per la quale monsi- 
gnore lo governadore à consentido che 
l'abate fazzi la dieta congregatione, si è 
«■wperché esso monsignore à preso sospi'ciom 
che Baptista da Canedolo se intenda cum 
lo imperadore, che de essere a Parma. 
Non so che me dicha. 

Adì 18 del dicto lo conseglio di vinti 
se congregò in la soa stantia ch'è in lo 
palazo de' signuri anziani, et ebbeno lo ab- 
bate de' Zambechari et Baptista da Cane- 
dolo et ambedui pregono che non voles- 
seno essere casone della desfatione de Bo- 
logna. De che, doppo alcune excusatione 
che fece l'uno e l'altro et pregadi dal dicto 
conseglio che volesseno ussire de palazzo 
et andare a brazo per piazza, azzò che '1 
puovolo credesse che fusseno bem recon- 
ciliati inseme ; et cossi feceno. Ma Dio vo- 
glia che Baptista non sia inganato, o vero 
sforzato. Lo abbato s'è facto cavo de al- 
chuni iotti amisi de misser Antonio di Ben- 
tivogli et pissa suso una foia cum lo ve- 
scovo de' Gozadini 2 . Dio voglia che ze sia 
senno per la loro malitia. 



30. non] aggiunto dalla stessa mano del cod. sopra 
la riga 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 



1 II fatto è stato narrato ampiamente più su in 
questa cronaca. Vedi p. 43 sg. 
5 2 Questo vescovo de' Gozzadini che vediamo spes- 

so ricordato e che andò ambasciatore al papa (54, 4-5) 



è Delfino figlio di Nanni dottor di leggi, canonico di 
S. Pietro, abate di Nonantola e insignito di tre vesco- 
vadi : d'Adria, di Penne e di Fossombrone. Fu fratello 
del famoso Gabione Gozzadini. io 



58 



CORPUS CHRONICORUM 



IA. 1432J 



e. ,< v b 



Cronaca A 

Adi 25 del dicto monsignore lo go- 
vernadore fé ambassaduri, zoè : 

Lo vescovo de' Gozadini, a Roma, 

misser Romio de' Foscharari, a Fio- 
renza, 

Zohanne de Iacomo de' Griffuni, a Vi- 
nesia, per pratichare da lloro subsidio de 
denari o de gente, in caso che '1 ducha 
de Millano rompesse contra Bologna; de 
che alquanto se dubita per casone de le 
gente da pie et da cavallo che a soa posta 
se arechoglieno in Lugo. Ma alcuni cit- 
tadini se mosseno et andono a dire a mon- 
signore che la mandata alla signoria et a 
la comunità de Fiorenza non piaseva al 
puovolo, perché questo seria uno provo- 
chare al ducha de Millano et darli scusa 
legiptima de muovere guerra, cum allegare 
che nui ze volesem intendere cum li soi 
nemisi; sì che lo dicto monsignore revochò 
la dieta mandata da Vinesia et Fiorenza. 

Adì 27 del dicto capitò in Bologna 
li sopradicti ambassaduri del papa ', che tor- 
nano dallo imperadore et vano a Roma. 
Credese che habiano facto pocho fructo 
cum lo imperadore de quello per che an- 
dono. 

Adì 29 del predicto lo vescovo de' 
Gozadini, per parte de monsignore lo go- 
vernadore de Bologna andò a Roma per 
notifficare al papa li dubii che se prende- 
vano delle gente da pie et da cavallo che, 
a posta del ducha de Millano se congre- 
gano in lo castello de Lugho, et mostrarli 
quanto Bologna è abandonada da omne de- 
fesa et de gente d'arme et ancho de de- 
nari. Ma io dubito che la soa andata sia 
principalmente per pratichare cum lo papa, 
a posta del governadore e de l'abate de' 
Zambechari, che Bologna returni sotto lo 
dominio libero della Chiesia, la qual cosa 
summamente desideram tucti li cardenali, 
et cum quilli procurarano de avantazarse 



44. procurarano] // secondo ra fu aggiunto sopra 
la riga dalla stessa mano del cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



10 



Cronaca B 



1 Sono l'abate di Santa Giustina di Padora e il andati a l'arma a visitare l'imperatore e ora tornaTano 5 
vescovo francese ricordati due volte più su, clic erano a Roma. 



[A. 1432] 



BONONIENSIUM 



59 



Cronaca A 

in qualche dignità. Et se questo sera, 
non porrà sieguere senza la desfacione de 
Baptista da Cane dolo et di soi. Che Dio 
ne guardi, perché Bologna romagneria più 
vetuperata che mai. 

Adì 19 de marzo li ambassaduri dello 
imperadore, el quale è a Parma, el dicto 
dì exposeno im Roma a papa Eugenio la 
soa ambasata, et in effecto domandano al 
papa ch'elio revochasse la disolutiom ch'elio 
havea facto del concilio de Basilea, et la- 
silo continuare et dargli la autorità che 
non solamente possam reformare e livare 
via le guerre et discordie ch'è tra ri, si- 
gnuri et comunitade de Christianità, et 
emendare et correzere li erruri ch'eno in 
la fede chatolicha, ma etiamdio possano 
reformare el stado e la vita de tucti li pre- 
lati et de tucta la cheresia. De che el papa 
à resposto ch'el mandarà quatro al dicto 
concilio cum podestà de reformare ogni 
cosa che sia de bisogno per bene et paxe 
della Christianità, ma non vole che se im- 
pazzi lo dicto concilio, ch'el vole fare a 
Bologna da questo zugno a uno anno, dove 
elio se vorà retrovare in persona inseme 
cum tucti li cardenali. Credese che quilli 
del concilio de Basilea vorano onino la dieta 
auctorità de reformare li prelati e la che- 
resia, et a questo medesimo concorre lo 
dicto imperadore. El papa stagando duro 
a non volerglilo concedere, dubitase che '1 
dicto concilio procederà alla privatiom del 
dicto papa et si ne f arano uno altro papa; 
et cossi haremo la scisma. Che Dio ze ne 
guardi. Dicese per li astrologi che questo 
anno non sera altro che male et tribula- 
tione l . 
c.jóoa Questo zenaro passato durò alcuni zorni 
ch'el fu mazore fredo che fusse trenta anni 
passati, zelò le spine de' vasselli piem de 
bom vini 2 . 

Adì 6, vegnando al sette d'aprile, de 



14. livare] la parola fu in parte raschiata nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 



1 La previsione di grandi e tristi fatti per il 1430 

data dagli astrologi è stata ricordata sopra con parole 

paurose! Vedi pp. 54-55 in questa medesima cronaca. 

5 2 La notizia sul freddo di quell'inverno è espressa 



con molti particolari, alcuni di veduta personale, dalla 
cronaca B, la quale poi manca di quasi tutte le noti- 
zie politiche e d'ambascerie di cui è ripiena per questi 
mesi la cronaca A. 



60 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1432] 



Cronaca A 

nocte, venne una brina sì arabiada che 
brusò vide, albori, biave et ogni cosa de 
fuora. 

Adì 9 d'aprile papa Eugenio mandò per 
misser Piero de' Rampuni, chierego della 
chameraapostolicha, ch'elio andasse a Roma 
alla presentia soa, perché elio havea depu- 
tado governadore de Campagna de Roma 
e de Maretema. Molti credem ch'el papa 
habia mandato per lui, per trarlo de Bo- 
logna, et che forsi farà el simile a digli altri 
officiali al stado populare, corno lui; et 
forsi che pure l'à chiamato cum bona in- 
tenrione. Et se cossi è, esso gli farà grande 
honore a deputarlo a uno tanto relevato 
officio, al quale soglieno andare cardenali, 
o almancho arcevescovi et vescovi de gran- 
de extima. 

Adì x d'aprile venne novella a Bo- 
logna, certissima, corno adì 7 del dicto l , a 
hore sette de nocte, la signoria de Vine- 
sia, avendo conpito lo suo conseio, in lo 
quale haveno lo conte Carmagnola, desen- 
dando per usire de palazo et siando lo 
dicto conte in mezo de alcuni zentilho- 
mini del dicto conseglio, comò funo in- 
dricto le presune ch'eno apresso lo dicto 
palazzo, disseno : tt Misser lo conte, bisogna 
" che habiati patientia, perché la signoria à 
8 deliberato che vui intrati in presone „ ; et 
cossi fece senza alcuna resistentia. Dicese 
che questo hanno facto perché elio non 
feva lialemente per loro la guerra contra 
lo ducha de Millano, corno dovea, et ch'el 
se intendea cum lo ducha; altri dice che 
igli, comò quilli che vedeano tucto lo suo 
stado essere posto in le mane del conte, 
lo quale era capitanio de uno tanto exer- 
cito, et parendogli de stare a gran peri- 
golo et non savendo per che modo migliore 
lo potesseno depore, hanno trovato casone 
de tradimento contra de lui. Ma Dio voglia 
che habiano facto saviamente, perché pare 



6. nel margine sinistro: R — 12. siando lo] pa- 
role scomparse per un foro della carta — 26. rapitanio] 
un foro della carta ha tolto vìa le lettere tanio 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 



1 II testo D reca solo la morte del capitano, e dà la notizia inoltri più in succinto. 



[A. 1432] 



BONONIENSIUM 



61 



Cronaca A 

pure che per questo la signoria habia molto 
diminuito la soa possanza et exaitata quella 
del ducha de Millano. 
46ob Adì xx d'aprile misser Piero de' Ram- 
puni se partì da Bologna per presentarse 
a papa Eugenio, che havea mandato per lui ; 
dal quale adì 16 del dicto millesimo fu 
mandato governadore della città et provin- 
tia de Rieti, dove sté a governo del dicto 
paese dui anni et dui misi, o circha. Et in 
capo de sette misi della soa governatione, 
lo dicto papa lo fece prothonotario. 

Adì 5 de mazo del dicto anno el conte 
Carmagnola, capitanio generale della si- 
gnoria, si havé taiado la testa in Venexia 
in su la piaza de Sam Marcho, per la ca- 
sone dieta de sopra *. 

Adì 14 d'agosto in la città de Bolo- 
gna se fé una grande armada, zoè fu Bapti- 
sta da Canedolo cum la parte soa et prese 
la piazza d'acordo cum misser Fantino 2 go- 
vernadore per lo papa Eugenio quarto, et 
dall'altra parte misser Bartolomio de' Zam- 
bechari cum li fratelli et cum alquanti de- 
gli amixi de misser Antonio di Bentivogli 
si se arecholseno alla chiesia de sam Pro- 
culo, ma non se tochono mai perché quilli 
da Canedolo erano più forti de gente et si 
haveano la piazza; de che uno Zohanne de' 
Griffuni cum altri cittadini se imtramiseno 
a fare lo acordo che lo dicto Baptista an- 
dasse al dicto governadore e stare a soa 
obedientia et Baptista gli de la fé, et cossi 
andò a palazo et ognomo della soa parte 
se andò a dexarmare et li fratelli de lo 
abbà se n'andono per la porta de Sam Ma- 
molo. El governadore li voleva confinare 
et l'abbà se ne fugì et si andò a Vignola 
de' Grassuni 3 . 

Adì 29 de settenbre uno de' signuri 
de Bologna, el quale havé nome misser 



5. nel margine sinistro: R — 33. dicto Bapti- 
sta] le parole non si leggono più a cagione di un foro 
nella carta 



10 



15 



20 



Cronaca B 



25 



30 



35 



40 



1 Vedi infatti più su a p. 60, 20 sg. 

2 È Fantino Dandolo governatore di Bologna per 
la Chiesa. 

3 Vignola, comune del circondario di Modena ai 



piedi del monte, sul fiume Panaro. Fu detta dei Gras- 
soni per distinguerla dalla Vignola dei Conti, posta 
nel contado Bolognese, poco distante da Savignano sul io 
Panaro e da Bazzane 



62 



CORPUS CHRONICORUM 



[AA. 1432-1433] 



Cronaca A 

Zeronimo de Taddio de' Piastiegli, doctore, 
si intrò in gli frati de Sam Domenegho; 
et fu la vizilia de sam Zeronimo. Como 
haveno zenado, disse a li compagni che 
voleva andare albergho a chasa, et si andò 
a Sam Domenegho, et lì si gli fu messo 
la chappa. 



Del mese de desenbre Antonio dei 
Ordelaffi intrò in Forlì, che el puovolo lo 
chiamò per signore; et si chazono la gente 
del papa Eugenio \ 

Anno nativitatis Domini millesimo ecce 
33, in die santi Stefani prothomartirus, que 
est dies sequens immediate diem nativita- 
tis domini nostri Yhesus Christi, Papa Euge- 
nio papa quarto fé suo prothonotario mis- 
ser Piero de' Rampuni, lo quale era suo 
governadore in la città de Riete 3 . 



4. Como] la parola fu tolta via da un foro della 
carta — 15. nel margine ministro, di mano tarda. Adì 
26 dicembre 1433 



10 



15 



20 



25 



30 



Cronaca B 



1433. — Meser Marcho Comdalmeri 4 da 
Vinexia, vescovo de Vignone, venne in Bo- 
logna -per governadore per lo papa Euge- 
nio adi vili de febraro. 

1433. — L'impcr udore se partì da Siena 
adì xv del mexe d'aprile e andoe a Viterbo 
d'ackordo con lo papa Eugenio 5 . 

Come Gatamelada ebbe la rocha de 
Chastelo francho e possa ebbe el 

CASTELO. 

1433. — Gatamelada condutiero de zente 
d'arme el quale alozava in Castelo /rancho, 
prese la rocha e 7 castelano del dito castelo 
adì xvii d'aprile, in questo modo zoe, che 
lui prese dui huomeni d'arme de li suoi et 
menoli a la rocha e disc al chastclano : " Apri 
" e tuoi quisti dui tradii uri e mi teli ne la 
* prexonc „ . El chastclano glie fece aprir e % 



18. viii] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 21. 
xv] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 23-25. Co- 
me.... castelo] parole scritte in calce alla colonna, non 
essendovi spazio in testa al capitoletto — 29-32. xvii, 
dui, dui] scritto con inchiostro rosso nel cod. 



1 Qui c'è una grande lacuna nel codice 431 della 
Biblioteca Universitaria contenente la cosidetta Ram- 
pona: mancano probabilmente due carte. La lacuna 
potrebbe essere facilmente riempita con altri codici, 

io ma non occorre per noi, dal momento che il testo B 
corre con sufficiente fedeltà parallelo al testo A. 

2 Questa notizia riguardante gli Ordelaffi, che cor- 
risponde perfettamente alla narrazione del testo B, ap- 
partiene alla fine del 1433, e non al 1432 come potrebbe 



sembrare a chi guardasse il codice nelle condizioni in 15 
cui ora trovasi. 

3 Della chiamata del Ramponi a Roma fatta dal 
papa e della nomina di lui ad alte cariche, si ò parlato 
più su in questa stessa cronaca a p. 61, 5-13. La notizia 
manca al testo B e al Ghirardacci. 20 

4 Condulmer. Cf. Eubkl, II, 100. 

5 II cronista riprende qui le notizie sull'impera- 
tore e il suo viaggio date sopra, a pp. 34-35. 



[A. 1433] 



BONONIENSIUM 



63 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

e quando fuo aperto Gatamelada intrò den- 
tro con alquanti di suoi famigli, -possa aper- 
seno a tuta l'altra brigada et comenciaron 
a cridare: " Viva Gala?nelada „ ' et preseno e. tosa -coi. i 
el chaslelano e li suoi famigli et pasati al- 
quanti zorni, el dito Gatamelada fece porre 
el fuocho nelle hostarie de verso Modena et 
gire li contadini a mortare el dito fuocho ; 
et quando li contadini fuor on al fuocho, gli 
soldati preseno el castelo e livono i punti, 
et diseno a quilli huomeni che andaseno a 
stare in Modenexe per alquanti zumi. E 
non li fuo tolto niente de la sua roba. 

1433. — In la cita de Bologna fuo 
grande tremoto adi iiii° del mese de mazo, la 
matina. 

1433. — L'imperadore intrò in Roma 
adì xxi de mazo et adì xxxi dito fuo co- 
ronato de la corona de l'imperio per mane 
del papa Euzenio quarto. 

1433. — El sole aschuorò adì xvii del 
mese de zugno tra hore xx e xxi. 

Come fuo retrovato el [principio de la 
devocione de la [tavo]la de nostra 
donna da san [lucha] del monte da 
la Guarda. 

Del mese de zugno fuo una grandisema 
piovia, la quale faceva grandisimo danno 
a li f or menti, che non se poseano medere, 
et guastavase li formenti ne li campi, onde 
gli segnori de Bologna f eceno fare Hi zorni 
procesione e non zovò niente; posa la f eceno 
fare v dì e non zovò niente ; posa f eceno 
comandare a zaschuna persona che dovesse 
venire a la prozesione per viti zumi. Et 
fra li segnori fuo raxonamento de una ta- 
vola de nostra Donna, che fuo facta per 
mane de sancto Lucha evanzelista, la quale 



16. iiii ] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 
19. xxi, xxxi] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 
22-23. xvil, xx i xx i] scritto con inchiostro rosso nel cod. 

— 32. ili] prima leggevasi v, poi fu cancell. e sostituito 

— 32-I. 5 p. 64. iii, v, vlii, una, uno, v] lettere scritte 
in rosso nel cod. 



64 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1433] 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

avea gli Fiorentini, che ogni volta ck'el 
piovea tropo igli la portavano in procesio- 
ne et subito aveano buono tc?npo. Onde che 
fuo uno di sygnuri che disse : " JVui n'avemo 
" un altra che fuo fata dal dito sancto, la quale 
" e a Santo Lucha dal monte da la Guarda „ . 
Et alora mandono per alchuni huomeni de 
la compagnia del spedale de la Morte e si 
'li diseno se igli voleano andare per la ditaf^f* 
tavola, respoxeno che sì. Alora gli segnori 
anciani f eceno comandare a tute le compa- 
gnie spirituale e temporale che, la dome- 
ncga che venia, hogni huomo dovese vegnire 
a la procesionc. Et gli tiomeni de la com- 
pagnia del spedale de la Morte andono la 
domenega seguente, la malina a bon'ora, 
zoè adì v de zugno, da la champana dal 
dì, et si l'aduscno a Bolonia con grandi- 
sima reverenda, con uno baldachino de sopra 
e de molti dopieri; et andò gli i segnori an- 
ciani e tute le compagnie spirituale e tem- 
porale et tuta la chirexia. Et andono in 
fino a la porta de Saraghoza, con tanta reve- 
renda e devocione quanto posesse esere, che 
ogni huomo pianzca; et non fuo vezndo per 
huomo che fosse in Bologna la pia solenne 
procesionc. Et subito come la dita tavola 
fuo de fuor a de la ghiexia de sancto Lu- 
cha, el venne ci tempo chiaro quanto fosse 
mai) et portose in prozesionc vi zumi. Et 
adì xxii del dito, la dita compagnia portò 
la dita tavola a San Lucha, et andogli la 
chirexia e gli segnori dricto in fino a la 
porta, e le compagnie spirituale andono in 
fino a Santo Lucha\ et andogli dricto più de 
viii millia persone infino a Santo Lucha', e 
li frati de la Oservanza de san Francescho 
andono in fino a la dita ghiexia et cantono 
mesa solenne. Et quitti del spedale prèdito 
f eceno fare una grada de ferro da me ter e 
dinanci a la fenestra dove sta la dita tavola, 
che se sera con Hi chiave; una ne tene le 
suore de sancta Maria, V altra gli segnori 
anciani, V altra quitti del spedale de la Morte l . 
Nota che 7 buono tempo duroe molto 



i8-l. 4 p. 65. vi, xxii, viii millia, iii, due, una] 
lettere sfritte con inchiostro rosso nel cod. — 33. la] 
segue nel cod. g cancell. — 40. mesa] uiucsa cod. 



[A. 1433] 



BONONIENS1UM 



65 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

tempo, sì che se recolse le biave ; e valea la 
corbe del f or mento livere doe e subito venne 
a livere una, e fuo uno bono recolto. 

Come [li Zambechari con li Ghixilieri] c - 2 °so - *>/. * 
e meser Antonio di Bentivogli ve- 
neno a le mura de bologna. 

1433. — L'abade Bartolomio di Zam- 
bechari con li fradelli et Tomaxe di Ghi- 
xilieri, con altri rivegli de Bologna, ve- 
neno adì xxvii del mese d'aghosto, a hore 
vii, a le mura de Bologna e tolseno Vaqua 
del chanale de Reno -per rompere la grada 
per intrare dentro da Bologna', unde fuoron 
sentiti, et levato el remore, el puovelo andoe 
a le mura, e gli fuor ausiti andono al Borgo 
da Pani gale. JE questa malina da la mesa 
de San Piero meser Antonio di Bentivogli 
con alquanti rivegli e zente d'arme venne 
a la porta de Stra san Donado, et quilli da 
Chanedolo con gli Grifuni andono a la dita 
porta, et meser Antonio di Bentivogli se tirò 
indriedo et andoe al borgo e tolse li Zam- 
bechari; possa tuti inseme andarono a Chaste- 
lo Francho, credendo avere el dito Castelo 
per le mafie de uno Zohanne Merlo, ma non 
li venne fato 2 . Posa andono a Spilimberti 3 
nel contado de Modena, et non prexeno e 
non robono alcuna cosa, che non era fugito 
niente. 

El castelo de Montiveglio se revelò 
contra de bologna et fuo messo a 
sachomano. 

1433. — Alchuni contadini de Monti- 
veglio 4 denon el dito castelo a meser Antonio 



5-7. Come .... Bologna] parecchie lettere sono 
state tagliate fuori — 11-13. xxvii, vii] scritto con in- 
chiostro rosso nel cod. — 35. avere] segue el cancell. nel 
cod. — 31-33. El. . . . sachomano] parole poste in calce 
alla colonna, non essendovi spazio in testa al capitoletto 



1 Cf. il Ghirardacci, Historia di Bologna, voi. Ili, 
pubbl. nelle Accessiones novìssimae della collezione dei 
RR. II. SS., voi. XXXIII, parte I, p. 100. 

2 Era stato preso, come è narrato sopra, dal Gat- 



tamelata. 

3 Spilamberto. Vedi nota 3 a p. 35. 

4 Monteveglio. Vedi nota 9 a p. io. 



io 



T. XVIII, p. 1, v. iv 



66 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1433] 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

di Bentivogli adi xxx d'aghosto, et meser 
Antonio fredito li mise dentro uno Giovanne 
Biancheto con ce fanti; e gli regimenti de 
Bologna gli mandono el campo e se 'l non 
fosse che Gatamelada e 7 conte Brandulino 
gli andono a campo t non l'aveano. Ma Ga- 
tamelada era amico del dito Giovanne Bian- 
cheto, et avixolo che uno de li suoi soldati 
el dovea tradire ; e per questo el dito Gio- 
vanne s 'acordò salvo l'avere e le -persone. 
Et adì xxii de setembre rexeno el castelo, 
et Gatamelada gli acompagnò in fino a luo- 
co sechuro. 

El dito Giovanne fece ucidere el dito 
contestabele con Hi suoi compagni, per la 
via. 

1 433. — E Imperadore se parti da Roma ™^ 
del mese d'aghosto ' et venne a Perosa, posa 
andoe a Rimene, dove fece chavalieri el si- 
gnore Gismondo da Rimene e el signore 
Malatesta da Zexena, signori de le dite 
terre. Possa andoe a Fer ara per acqua; 
et adì viiii° de setembre fece chavaliero 
meser Charlo de meser Iacomo da Salexedo 
citadino de Bologna. Posa andoe a Man- 
toa e fece el segnore de Manioa marchexe 
de Mantoa, poi andoe a Baxilea dove se 
facea el concilio. 

1433. — Del mese de ottobre aparve 
una strela cometa che avea la coda longa 
et vedeuse da hore Hi de notte. 

1433, — El conduto de la fontana da 
Remonda, che conduce la dita aqua al speda- 
le da la Morte, fuo comenzado adi xxi de 
ottobre. 

1433. _ El puovelo de la cita de Forlì 
chazono via la zente del fapa Eugenio, del 



3-16. xxx, ce, xxil, iii] scritto con inchiostro rosso 
nel cod. — 34. vliii ] scritto con inchiostro rosso nel cod. 
— 33. iii] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 35. 
xxi] scritto con inchiostro rosso nel cod. 



* L'arrivo dell'imperatore a Roma e la sua inco- ronazione sono posti più su a p. 63, 17-33. 



[AA. 1433-1434] 



BONONIENSIUM 



67 



Cronaca A 



Anno Christi Mcccc34, del mese de 
genaro, lo dicto Nicolò Fortibrazzi fé pore 
dui campi atorno Rieti, dove misser Piero 
de' Rampuni prothonotario del papa era 
governadore; de che, doppo molta difesa, 
se salvò bene et andosene li dicti campi 
senza nulla 1 . 

Adì 21 de febraro la parte del puovolo 
menudo della città d'Imola tolseno la terra 
al papa, et si la deno al ducha de Milla- 
no. Intrò della gente del dicto ducha in 
la dieta cittade, la quale era a Lugo, et 
Guido Antonio signore * li fé gran guerra 
et prese tucte le castelle del contado 
d'Imola. 

Adì 22 de mazo, a hore quatro de 
notte, alquanti cittadini de Bologna cum 
volontade de' signuri si andono alla porta 
del palazzo de misser Marcho vescovo de 
Vignone 3 , el quale era governadore in Bo- 
logna per lo papa Eugenio, et disseno al 
portanaro che gli aprisse, che voleano 
parlare a monsignore. Elio gli averse, et 
corno funo dentro, chavono le arme et 
disseno che voleano le chiave del palazzo 
et si H haveno; et poi gli andò molti 
cittadini armati et si deno chomiato alli 
provisionadi de monsignore; et si andono 
dal dicto monsignore dui de' signuri, dui 
confalonieri et dui massari, et si Steno 
cum lo dicto dì e notte, et non posseva 
parlare cum nessuno che li dicti dui si- 
gnuri e li conpagni non lo odisseno, tanto 
che se possea dire che fusse in presone; 
et si li tolseno una grada de ferro, la quale 
elio havea facto mettere alla porta del pa- 
lazzo per una saraxinescha; et questo li 
feno perché non se fidavano de lui per ca- 



io 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



1 Anche questa notizia che si riferisce al Ram- 
poni manca tanto al testo B quanto al Ghirardacci. 
■ Guido Antonio Manfredi signore di Faenza. 



Cronaca B 

mese de dexembre, et chiamono Antonio de- 
gli Ordelaffi -per loro segnore. 

1434. — El fuovelo menudo d'Imola 
tolseno la citade al papa Eugenio e si la 
deno al ducha de Milano del ?nese de fe- 
braro; et adi xxi del dito mese la zente 
del ducha ch'era a Lugho intrò in Tmola, 
et Guido Antonio signore de Faenza li fece 
guerra et frese tute le chasielle del contado 
d'Imola. 

1434. — Alquanti citadini de Bologna 
con volontade di signori anciani e de tuti 
gli altri regimenti andono, adì xxii de 
mazo, a hore iiii de note, a la porta del fa- 
lazo de meser Marcho legato in Bologna -per 
la Ghiexid e diseno al portonaro : ■ Apri, e. 206 a - coi. 2 
u che volemo -parlare a monsignore „ . E 'l 
fortonaro gli averse, et come fuor on dentro, 
cavono fuora le sfade e diseno che voleano 
le chiave del falazo, e si le aveno. Posa gli 
andò multi citadini armadi et deno chumiado 
a li fanti de monsignore et andono dal dito 
monsignore dui di signuri, dui di confa- 
lonieri, dui di masari e steteno con lui di 
e note che non posea parlare ad alcuna per- 
na che li diti scgnori e compag ni non odi- 
seno ogni cosa, intanto ch'el posea dire 
ch'era in prexone. Ancora li tolseno una 
grada de ferro, la quale lui avea fato me- 
tere a la porta del palazo per una saraxi- 
nescha; et questo li f eceno perchè non se f- 
davano de lui per chaxone de uno chafe- 
tanio de zente d'arme, nome Gatamelada, 
ch'era soldato di Veneciani, e tenia Chastelo 
Francho et avea mille chavagli e molta fan- 
taria. El quale cafetanio tolse el castelo de 
Pimazo * e Manzolino e la rocha de San Zo- 
llane in Persexeda. 

Et adì x de zugno gli regimenti de 



7. xxi] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 15- 
26. xxii, iiiiO, dui, dui, duij critto con inchiostro rosso 
nel cod. — 37 - 4I . m iii e , x ] scritto con inchiostro rosso 
nel cod. 



3 Marco Condulmer veneziano di cui si è parlato 
più su. Vedi nota 5 alla p. sg. 

4 Piumazzo. Vedi nota 12 a p. io. 



io 



68 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1434] 



Cronaca A 

sone che uno capitanio che havea nome 
Gattamelada, ch'era soldato de' Veneziani, 
si era in Castello Francho cum mille ca- 
valli et fantaria da pè. Et poi lo dicto 
capitanio tolse el castello de Piumazo l et 
Manzolino et la rocha de Sam Zohanne 2 . 
Et poi li cittadini si feno x de la baylia 
adì 9 de zugno, li nomi di quali si funo 
quisti, zoè : 
e. ib Misser Rizardo de' Pepuli cavaliero, 

misser Ghozadino de' Ghozadini cava- 
liero, 

misser Zohanne de' Lodovixi cavaliero, 
misser Brayguerra de' Chazanemisi ca- 
valiero, 

Zohanne degli Oxolani, 
misser Ghalotto da Canedolo, 
ser Bernardino Muletto, 
Mericfho di Buchi, 
Alberto degli Albergati, 
misser Nicolò Ghixilardo; 
et comò funo facti, andono da monsignore 3 
et si lo retornono in suo albitrio. 

Adì primo de zugno lo populo de Ro- 
ma se livò a romore : ■ Viva la pace e '1 po- 
■ pulo „; de che el papa se resero in Tran- 
stevaro et cum pocho aiuto; et lo cardi- 
nale de' Orsini et di Cunti * se ne fugirono 
de Roma ed andorono a uno so castello, 
che se chiama Galera. Et adì dui del 
dicto lo dicto puovolo prese monsignore lo 
cardinale camerlengho, nepote del papa 5 , et 
si lo desteneno in Capitolio : de che, adi 
4 del dicto, el papa se ne fugì de Ro- 
ma in habito de frate de observantia, in- 
trò in Tevaro in uno bergantino armato 
cum una frotta de' balestrieri et andò al 
porto de Hostia et lì intrò in una galeota 
armada, che gli mandò la comunità de Fio- 



4. in.... Francho] parole sottolineate nel cod. — 
7. et ... . Zohanne] parole sottolineate nel cod. — 7-8. 
nel margine sinistro, di mano tarda. Rocca di S. Gio- 
vanni occupata dal Gattamelada 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Bologna feceno li diexe de la bailia, zoe 
fuoron quisti \ 

Meser Rizardo di Pepoli, 

tneser Gozadino di Gozadini, 

meser Giovanne di Lodovixi, 

meser Braigucra di Chazanemixi, 

meser Nicolò Ghixelardo, 

meser Galoto da Chanedolo, 

Giovanne degli Uxelam, 

ser Bernardino Muleto, 

Alberto degli Arbcrgadi, 

Merigo di Buchi ; 
et coinè fuoron facti, andono da monsignore 
e si lo retornono in suo slato et in suo al- 
bitrio. 

Come Gatamelada ebe el castelo de San 
Zohanne in Persexeda et come Gua- 
sparo da clianedolo fuo prexo con 
soa brigada e de la morte di gri- 

FUNI. 

1434. — Gatamelada capetanio de zente;. 2 ° l ib l 
d'arme se -partì da Chastelo Francho adì 
xv de zugno et andoe a Sam Zohanne in 
Persexeda con sua brigada, et gli uoment 
del chastelo el mixeno dentro con tuta soa 
brigada; et come fuorom dentro prexeno 
Guasparo da Chanedolo con ecce chavagh, 
ci quale alozava in lo dito castelo con soa 
brigada, et non champò huomo de loro che 
non fuosse prexone. El dito di, a hore xxii, 
venne le novelle a Bologna come Gatamela- 
da avea avuto San Zohanne in Persexeda 
et preso Guasparo con sua brigada, et per 
questo se serò le boteghe et armosc quih 
da Chanedolo e gli Grifuni, et la parte di 
Grifuni s'arecolscno a la Maxone in stra 
Mazorc, perchè meser Alovixe di Grifuni 



1. diexe] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 
18. ebe] segue nel cod. 1 cancell. — 26-33. xv > cccc ' 
xxii] scritto con inchiostro rosso nel cod. 



1 Piumazzo. Vedi nota 12 a p. io. 

2 San Giovanni in Persiceto. 

3 II governatore Marco Condulmer. 

4 I cardinali Giordano Orsini e Lucido Conti. 



Cf. EUBEL, II, 3 Sg. 

5 Francesco Condulmer, protonotario apostolico, i° 
veneto, nipote di Eugenio IV, da Ini creato cardinale 
il 19 settembre 1431. 



[A. 1434] 



BONONIENSIUM 



69 



Cronaca A 

renza, et cum quella se ne andò a Pisa; 
et poi, aconpagnato da Pisa da multi cit- 
tadini, intrò in Fiorenza la vigilia de sam 
Zohanne Baptista senza cardenali alcuno; 
et cossi lassò perduto tucto quello ch'el 
tignia in lo paese de Roma et del Patri- 
monio et della Marena, salvo che Riete, 
lo quale governava misser Piero de' Ram- 
puni i . 

In lo dicto anno, el dì del corpo de 
Christo, fu bataglia tra li Christiani e Ila 
setta delli Ussi, heretici in la Magna, o 
vero Boemia; et funo sconficti li dicti he- 
retici, et morine più de sedese millia. Et 
fu una gran gratia da Dio, perché troppo 
multiplicavano in gran danno del stato 
della Chiesia et confusione de la fede ca- 
tholicha. 

Adì 15 de zugno del dicto anno, sian- 
do retornato Guasparo fratello de Bapti- 
sta da Canedolo dalli servisii della signo- 
ria de Vinexia cum cinquecento cavalli 
bene in hordine et retrovandose in castello 
Sam Zohanne in Percesedo cum tucta la 
conpagnia et tignandose la rocha del dicto 
castello a posta del papa, Gattamelada 
<* condutiero della dieta signoria' cum circha 
mille cavalli, lo quale steva in Castello 
Francho, intrò perla dieta rocha; et li usiti 
de Sam Zohanne, havendo tratato in lo dicto 
castello, tucti se voltorono contra lo dicto 
Guasparo, et fu preso cum tucta la conpa- 
gnia. Or questa fu cosa ordenata per 
parte della dieta signoria cum consenti- 
mento del governadore de Bologna, nevodo 
de papa Eugenio 2 , perché sospectavano che 
Baptista da Canedolo se intendesse cum lo 



23-25. nel margine sinistro, di mano tarda : Ga- 
sparo Canetoli e sua gente in S. Giovanni — 24-25. 
et . . . . Percesedo] parole sottolineate nel co d. — 36-28. 
nel margine sinistro, di mano tarda. Rocca di S. Gio- 
vanni a devotione del Pontefice e Chiesa — 30. 
Francho .... rocha] parole sottolineate nel cod. — 30- 
33. nel margine sinistro, di mano tarda: Gattamelada 
entra per trattato nella rocca di S. Giovanni con 
consenso però del nepote del Pontefice 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

era chavaliero del tempio e avea quello be- 
neficio, et quitti da Ckanedolo andono in 
piaza. Et li Grifuni veneno in porta Ra- 
vignana et iv e /accano ricolta de huomeni. 
Meser Galoto da Ckanedolo, ciò udendo, 
venne da li Grifuni et fece tanto con loro, 
mostrando de volere acordare questa divi- 
xione che li condusse in piaza, et era circha 
hore ii de note; et meser Aloixe fuo mcnado 
in palazo di nodari dove stava li signiuri e 
fuo fato dexarmare, et come fuo dexarmato 
eravi alcuni huomeni che V voseno uccidere. 
Alora se ne fugi per lo palazo et andoe 
in suxo el chuverto del palazo et con li chupi 
facea sua difesa-, et di soto era alquanti 
amici de quili da Chanedolo che li foravano 
li pedi con le lanze et si lo butono zoxo dal 
palazo e così fenì sua vita. .Et Friane' suo 
fratello fuo lasato per morto in piaza. Posa 
la sua parte fuo chazata fuori de piaza, et fuo 
morto uno Giovanne Sbardelato, e Friane fuo 
portato al spedale de la Morte come morto, 
e ive se confesò, et seria schampato se 'l non 
fosse che alchuni amici di Chanischi anda- 
ron al spedale de la Morte a hore vi de note 
et diseno al guardiano del spedale : " JVuise- 
" ino amici de Friane e volemoli parlare „ . 
A le quale parole el guardiano gli aperse e 
li diti domandaron a Friane come lui stava, 
possa el prexeno per la testa e tiraronlo 
in suso la sponda del leto e ive li segar on 
la gola. SQuisti Grifuni erano chugnadi de 
meser Galoto da Chanedolo ; i quali Grifu- 
ni tegniano con monsignore e con Gata- 
melada, et quitti da Chanedolo tegniano 
con lo ducha de Mylano. JVe la quale note 
fuo destenuto monsignore lo governadore e 



e. 206 b - col. 2 



10-26. ii, vi] scritto con inchiostro rosso nel cod. 
16. era] il cod. aveva enra poi l'n fu canee II. — 35. 
segno d 1 attenzione nel margine sinistro 



1 Sul Ramponi a Rieti, vedi sopra a p. 67, 4-10. 



2 Monsignore Marco Condulmer. 



70 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1434] 



Cronaca A 

ducha de Miliario, et per questo cercha- 
vano la soa desfatione. De che siando 
portado la novella a Baptista della dieta 
rotta del fratello, subbito, dubitando che 
in Bologna non fusse facto a llui el simi- 
le, imperoché molto sospettava de' Griffuni 
che haveano le spalle del governadore et 
mostrava che se intendeseno cum la signo- 
ria, subito fé prendere l'arme a li soi ami- 
si et venne a piazza cum quello che posse 
fare; et simile fé li dicti Griffuni, li quali 
mostravano venire comò amisi de Baptista; 
et quando funo a piaza li dicti Griffuni, 
fu menado cum parole misser Alovixe 
Griffoni in palazzo de' nodari et fu facto 
desarmare et comò fu desarmato fuzì 
suso per li cuppi, sonò la canpana del 
puovolo et cum li cuppi se defendeva; et 
finaliter Baptista, intendendo quilli esserli 
nemici se adrizò contra loro et ropeli et 
ucise lo dicto misser Alovixe Griffoni ca- 
valiere de sam Zohanne Iherosolimitano 
de Bologna o vero de la Masone, che lo 
buttono zoxo dalli dicti cuppi perché gli 
andavano forando li piedi; et Firiam Grif- 
foni suo fratello fu lassato per morto in 
piazza. Possa la soa parte fu chazada fuo- 
ra de piazza. Et ancho fu morto uno Zo- 
hanne Sbardelado loro amico. Et poi fu 
portado lo dicto Firiano al spedale della 
Morte comò morto et lì se confesò, et se- 
ria campato sei non fusse che alchuni amici 
de quilli da Canedolo andono al spedale 
della Morte a hore sei de nocte et disseno 
al guardiano del spedale: tt Nui semo amici 
"de Firiano et volemogli parlare „; a le qua- 
le parole el guardiano gli aperse, e li do- 
mandorono a Firiano corno lui steva, possa 
el preseno per la testa e tironlo in suso la 
sponda del letto et lì gli segarono la gola. 
Quisti Griffuni si erano chugnadi de mis- 
ser Galotto da Canedolo et tegniano cum 
monsignore et Gattamelada ; et quilli da 
Canedolo tegniano cum lo ducha de Millano. 
Possa preseno lo dicto governadore et 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

meser Polo Troni ambasadore di Veneciani. 
Posa venne a Bologna uno ambasadore 
del papa per achunzare gli Bolognixi con 
Gatamelada, et non -pose fare alcuna cosa. 
Posa venne uno ambasadore di Fiorentini, el 
quale gli acordò in questo modo, che i Bolo- 
gnixi lasasscno el governadore e l' ambasa- 
dore di Veneciani, et Gatamelada lasasse 
Guasparo da Ckanedolo. £1 dito Guasparo 
dovea andare al papa a Fiorenza, e i Bolo- 
gnixi lasono li suoi prexuni, ma Gatamelada 
non volse lasare gli suoi, anci fece una co- 
reria in suxo el conta de Bologna. 



e. 207 a 



1434. — Dui ambasatori vencron a Bo- coi. 1 
logna adi xxvi del mese de luglio, zoc uno 
era del pafa, l'altro di Fiorentini) l'ambasa- 
tore del papa era vescovo de Rcchanati. 
Questo vescovo andoe a San Zohane i?i Perse- 
xeda, et Vambasatore di Fiorentini romaxe 
in Bologna. Et f eceno V acordo in questo mo- 
do, che meser Galoto da Ckanedolo andasse al 
papa per acordare li Bolognixi con lo papa 
et in questo mezo el dito vescovo fece salvo- 
conduto a' Bolognixi et a ogne altra per so - 
na de posere andare stare e tornare a Bo- 
logna e per lo contado, con robba e senza 
robba et adì xxviiii de luglio per parte 
degli infrascriii, zoè: 

Meser Lunardo Veneri, comesario di 
Vcnexiani, 

Gatamelada, capeianio del campo, 

Tadio Marchexe 

El conte Br ondulino, 

i quali mandaron la crida come e dito di 
sopra. Et in caxo che meser Galoto non se 
acordasse coti lo papa, li ditti capetanii non 
doveano fare alcuna novitade contra de Bolo- 
gna se prima non avixavano i Bolognixi de 
dui zumi innanci. Possa meser Galoto andoe 
a Fiorenza dal papa. Et in questo mezo se 
fece grandissimo batere de formcnto ; e V ve- 
scovo andoe con tute quelle brigade in Ro- 
magna et tolse Chastclo Bolognexc, et facea 
guerra a Imola et gli Veneciani e Fiorentini 



io. Guasparo] segue do cancell. nel cod. — 17- 
41. xxvi, uno, xxviiii , dui] scritto con inchiostro rosso 
nel cod. — 31. di] segue nel cod. ve cancell. 



[A. 1434] 



BONONIENSIUM 



71 



Cronaca A 

uno misser Polo Trom zenthilomo de Vi- 
nesia, lo quale era novamente venuto qui 
per ambassadore della signoria, et subito 
introdusse in Bologna circha dusento ca- 
valli de quilli del ducha de Millano, ch'e- 
ia rano a Ymola, la quale' se tene per lo dicto 
ducha. De che de lì e alcuni dì lo papa 
mandò ambassaria a Bologna, et similiter 
la comunità de Fiorenza, cum pregare la 
comunità et Baptista che stesse contento 
che lo dicto governadore et misser Polo 
ambassadore fusse licentiato e liberato et 
che quilli dusento cavalli del ducha fus- 
seno mandati fuora de Bologna et che le 
merchadandie de' merchadanti de Bologna, 
ch'erano sostenude a Vinesia, sedano rel- 
lasade ; et in lo conta de Bologna non se- 
ria facto novità alchuna, et Guasparo seria 
levato delle mane de Gattamelada et posto 
in la rocha de Sani Zohanne, a petitione 
del papa; et che li Bolognisi tolesseno per 
governadore lo arzivescovo de Spalatro l , 
che fu nevodo de misser Francesco Zaba- 
rella da Padoa, che fu cardinale de Fio- 
renza, et cossi fu facto : ma le merchadan- 
die non furono relasate, né fu observato 
lo non corere et danezare lo contado. 

Lo dicto millesimo del mese de luglio 
Aresimino et Bernardino della Carda con- 
dutieri del ducha de Millano veneno de 
Lombardia et passorono per lo bolognese 
cum circha doa millia cinquecento cavalli 
et andono a Ymola, la quale, per li de- 
spiasiri, che de parichi mesi avanti gli 
havea facto lo signore de Faenza, corno 
soldato de' Veneziani, s'era posta sotto lo 
dominio del ducha de Millano. 

Adì 29 2 de luglio del dicto anno ven- 
ne ambassaria dal papa, ch'era a Fiorenza, 
cum quella de' Fiorentini. Et quello del 



19-22. nel margine sinistro, di mano tarda: Trat- 
tata di condure nella rocca di S. Giovanni Gasparo 
Canelolo, et ciò a petitione del Pontefice, per libe- 
rarlo o levarlo dalle mani del Gattamelada — 20- 
32. et.... del) parole sottolineate nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

li mandono molta zente d'arme da chavalo 
e da pe. 

1434. — L'acqua del spedale da la Mor- 
te fuo compida e conduta in lo ditto speda- 
le adì xviiii d'aghosto, a hore xx, in zuoba. 

Come Nicolò Pezenino rope la zente 

DEL PAPA E DI VeNECIANI E DI FIO- 
RENTINI in Romagna, in lo fiume 
d'Imola. 

1434. — La zente del papa e di Vene- e. 207 a - coi. 2 
ciani e di Fiorentini fuor on rutti adì xxviii 
d'aghosto tra Imola e Chastelo Bolognexe 
da Nicolò Pezenino chapetanio del ducha 
de Milano] et gli infrascriti condutieri fuo- 
ron prexuni'. 

Nicolò da Tolentino, 

Pietro lampaulo degli Orsini, 

Fstor di Manfridi da Fenza, 

Zexaro da Martinengo, 

Nicolò da Pixa, 

Guiriero da Marzano; 
et quisti capetanii champono, zoè: 

Gatamelada, 

Guido Antonio segnore de Faenza, 

Tadio Marchexe. 

Nota che quilli che fuoron prexi e rutti 
erano per uno quatro. Questo fuo uno gran- 
dissimo butino; et quilli del ducha de Mi- 
lano poxeno campo a Castelo Bolognexe e 
si l'aveno e dennonlo a' Bolognixi. I quali 
capetanii fuoron menati a Milano al ducha 
et pasaron per Bologna adi xxxi dito. 

Ft i Bolognixi mandono per la zente 
d'arme del ducha et scriseron mille fanti e 
ecce chavagli et poxeno campo a Bazano 
adi vii de setembre, el quale castelo aveno 
adì viiii dito con la rocha, d' acordo. Posa 



7. xviiii , xx] scritto con inchiostro rosso nel cod. 
— 15. xxviii] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 
31-41. uno, xxxi, mille, ecce, vii, viiii ] lettere tutte 
scritte con inchiostro rosso nel cod. 



1 Jacobino Badoer. Cf. Eubel, II, Spalatili. 



2 II testo B ha la data del 26 luglio. 



72 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1434] 



e. sa 



Cronaca A 

papa si era un vescovo da Rechanati l et 
questo vescovo si andò a Sam Zohanne in 
Percesedo; et gli ambassaduri de' Fioren- 
tini veneno in Bologna et feno l'acordo 
in questo modo, zoè che misser Galotto 
da Canedolo andasse al papa per acordare 
la comunità de Bologna cum lo dicto papa. 
Et in questo mezo el dicto vescovo de Ra- 
chanati fé salvoconducto a' Bolosmisi e ogni 
altra persona de possere andare, stare et tor- 
nare a Bologna per lo contado cum robba et 
senza robba. Et si andò la grida adi 29 del 
dicto, cum consentimento de misser Lunar- 
do Vieneri, comissario de' Veneziani, et de 
Gattamelada capitanio de' Veneziani, et de 
Tadio Marchexe et del conte Brandelino, 
capitami de' Veneziani; et in chaso che 
misser Galotto non se acordasse cum lo 
papa, se le diete brigate voleseno corere 
per lo tereno de Bologna doveano fare 
avisato de dui dì inanzi. E poi misser 
Galotto andò a Fiorenza dal papa; et in 
questo mezo se fé grande batere' de for- 
mento. Et poi andò el vescovo cum tucte 
le brigate de' Veneziani in Romagna et 
tolseno Castello Bolognese et fevano gran 
guerra a Ymola. 

Adì 9 de agosto misser Piero de' Ram- 
puni prothonotario apostolicho, lo quale de 
pocho avanti era arivato a Fiorenza, retor- 
nato delle parte de Roma dove era stato 
governatore per lo papa in la città de Rie- 
ti *, arivò a Bologna mandato lì dal dicto 
papa Eugenio per ambassadore per tractare 
lo acordo tra Bolognisi e lo dicto papa; et 
haverialo cumcluso, ma Guasparo da Cane- 
dolo ch'era presom in la rocha de Sam 
Zohanne et che per comandamento del 



2-5. nel margine sinistro, di mano tarda: Vescovo 
da Recanati ambasciatore del Pontefice a' Bolognesi 
se ne va a S. Giovanni come quello che era a de- 
votione della Chiesa — 2-4. et .... Percesedo | parole 
sottolineate nel cod. — 36-38. nel margine sinistro, di 
mano tarda: Gasparo Canetoli prigione nella rocca 
del castel di S. Giovanni in Persiceto — 37-38. Ca- 
ni dolo) il ne fu aggiunto sopra la riga nel cod. — 38- 
39. in ... . Zohanne] parole sottolineate nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

andono a Pimazo 3 e avennolo adì xii dito. 
Posa andono a Crevalcore e si l'aveno adi 
xxviii del dito, salvo l'avere e le persone de 
quilli che abitavano in lo dito castelo; et 
fuoron prexi xxxx chavagli e Ixx fanti e 7 
vichario ch'era rivelo de Bologna, nome 
Francescho di Fantuzi, et uno ser Michele 
da Folze, canziliero de Gatamelada, et Sa- 
gramoro da Parma, conduticro de zente 
d'arme. Fece acompag tiare el dito Fran- 
cescho di Fantuci in suxo el frarexe. FI 
quale Sagra-moro era soldado del ducha de 
Milano. 

[Come ... .1 Chastelo san Piero fu MESo r •'•** 

L J col. I 

A sachomanno. 

1434. — Nicolò Pez enino caf etani o 
del ducha de Milano andoe a campo a Ca- 
stelo San Piero adi xxv de ottobre, a -po- 
sta di Bolognixi, et ave el dito castelo adì 
x.vxi del dito mese con quisti fatti, che li 
contadini del castelo li doveano dare xii mi- 
lia -fiorini d'oro et a sacomano el zudio che 
prestava e tuti li forastieri -per prexuni, 
ch'erano ccc fanti, e 'l vichario ch'era fio- 
rentino. 

F del mexe de novembre andò a cam-po 
a Castelo Franco ; et i Bolognixi f eceno 
grandisimo amanoamento de monezione e 
vituaria. FI ducha de Milano li mandò 
de Lombardia molte charra de monecionc 
in alturio di Bolognixi. Ft Gatamelada 
tegnia el dito castelo. Ft adì viiii° de de- 
xembre se parti el campo dal dito castelo 
per caxone de la piovia; et za aveano bula- 
do a terra uno barachane con le bombarde. 



2-7. xiii, xxviii, xxxx, lxx] scritto con inchiostro 
rosso nel cod. — 21-38. xxv, xxxi, xii milia, ccc, 
viiii", uno] scritto con inchiostro rosso nel cod. 



io ' Tomaso de' Tommasini dell'ordine dei Predica- 

tori vescovo di Recanati sino al 1435. Cf. Eubkl, JI. 



* Vedi sopra a p. 69, 8-10. 

3 Piumazzo. Vedi nota 12 a p. io. 



[A. 1434] 



BONONIENSIUM 



73 



Cronaca A 

papa dovea essere liberato, fu mandato a 
Vinesia in presone; et lo vescovo de Ra- 
chanati l , lo quale cum Gattamelada et cum 
altre gente della signoria era in Romagna, 
zoè a Castello Sam Piero per parte del 
papa, andò a campo a Castello Bolognese 
et per la rocha che se tegnia a soa posta 
del papa cum tractado ch'ebbe in lo dicto 
castello, occupò dicto castello. De che, 
parendo a li regimenti che non li fusse 
oservato quello che gli era offerto e pro- 
messo, fu sospeso la praticha dello acor- 
do, senza colpa alcuna del dicto misser 
Piero. 

Adì 18 del dicto mese Nicolò Picci- 
nino capilanio] del ducha de Millano, lo 
quale tornava de terra de Roma cum doa 
millia cinquecento cavalli et cum doa mil- 
lia fanti, capitò a Forlì, lo quale de pa- 
richi mesi avanti s'era revelato al papa et 
cum lo subsidio del dicto ducha havea tol- 
to per signore uno bastardo delli Ordelaffi, 
che antigamente loro erano stati signuri, e 
'1 dicto toseno perché niuno altro se retro- 
vava che fusse della dieta casa. 

Et similemente le gente della signoria 
de Venexia ingrossano in Romagna. lu- 
di case, a cui farà spalle Bologna, quella 
parte sera vincedrise de questa pugna. 

A dicto dì, nono che misser Piero de' 
Rampuni intrò in Bologna ambassadore, 
partisse lo dicto arcivescovo de Spalatro 2 
et andò a Fiorenza, chiamato dal papa, 
perché credeva che subito dovesse essere 
acceptado in Bologna per governadore lo 
dicto vescovo de Rechanati, lo quale è 
comissario in Romagna; ma non gli posse 
venire facto per casone che, comò è dicto 
de sopra, non fu oservato quello che '1 
dicto misser Piero de' Rampuni havea of- 
ferto a li dicti regimenti ; per parte de che 
al presente non è in Bologna persona al- 
cuna in nome del papa. 

Adi 19 d'agosto l'aqua della fontana 
del spedale della Morte fu compita et con- 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 



1 Vedi nota a i p. 72. 



Vedi sopra nota i a p. 71. 



74 



CORPUS CHRON1CORUM 



[A. 1434] 



Cronaca A 

ducta in lo dicto spedale; et fu in zobia a 
hore vinte \ 

Adì 28 d'agosto, retrovandose a Ymo- 
la Nicolò Piccinino cum alcuni condutieri 
de gente d'arme del ducha de Millano, in 
numero de quatro millia cavalli et cum 
circha doa millia fanti e a Castelo Bolo- 
gnese lo vescovo de Rachanati, lo quale 
era sta deputado da papa Eugenio gover- 
nadore de Bologna, ma non era sta ancora 
acceptado per casone della discordia ch'è 
per la presa de Guasparo da Canedolo 2 ; et 
cum lo dicto vescovo retrovandose a Ca- 
stello Bolognese lo signore de Faenza, Gat- 
tamelada, Piero Iampaulo et multi altri con- 
dutieri de gente d'arme della signoria de 
Vmexia, cum circha cinquemillia cavalli et 
cum Nicolò da Tolentino cum mille per 
parte de' Fiorentini et cum circha trea mil- 
lia tra fanti e cerne ; preseno tucti bapta- 
glia inseme, suso la strada da Castello Bo- 
lognese e Ymola, et in efecto funo tucte 
rotte le diete gente della signoria de Ve- 
nexia in la gliara de Sangonaro 3 . Et suso 
la dieta strada funo presi quisti, zoè: 

Nicolò da Tolentino, 

Pietro Iampaulo degli Orsini, 

Hestore de' Manfridi da Faenza, 

Cesaro de Martinengho, 

Nicolò da Pisa, 

Gueriero da Marzano; 
et quisti capitanii campono, zoè: 

Gattamelada, 

Guido Antonio, signore de Faenza, 

Tadio Marchexe. 

Nota che quilli che funo prisi e rutti 
erano per uno quatro ; ma fu una gran 
rotta, per modo che non se crede che ne 
sia campato cavalli mille, et tale che se 
crede che, in fra pocho tempo, li Fioren- 
tini convirano fare la volontà del ducha 
de Milano. Et della dieta rotta se ne ale- 
grò molto li cittadini de Bologna per de- 
specto de' Veneziani, che, sotto nome del 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 



' E la conduttura della fontana Remonda o Ha- ' Rio Sanguinario, affluente destro de! Senio, che 

monda, l'inizio del qual lavoro era accennato nella attraversa la via Emilia a pari distanza fra Imola e 

lacuna della cronaca di cui a p. 62. Castel bolognese e segna il confine fra la provincia di 

- Vedi sopra a p. 73, 3-10. Il nome del vescovo Ravenna e quella di Bologna. 
5 è ritornato più volte nelle vicende di quest'anno. 



[A. 1434] 



BONONIENSIUM 



75 



Cronaca A 

papa, hanno fatto occupare alle soe gente 
d'arme Castello Bolognese, Castello Sam 
Piero, Castello Sam Zohanne, Castello Fran- 
cho, Crevalcore, Manzolino, Piumazzo et 
Sant'Aghada l . 
4 a Al principio de settenbre Nicolò Pi- 
zinino, a pacti, recuperò Castello Bolognese 
in nome del comun de Bologna, et la ro- 
cha tose termine a renderse. La dieta ro- 
cha adì otto del dicto mese se rese. 

Adì 7 del dicto mese andò a campo 
circha mille cavalli del ducha de Millano, 
ch'erano ad Ymola, et andogli tresento ca- 
valli et mille fanti forastieri, soldati de 
Bologna, cum bombarde et altri aparichi 
oportuni, et andono verso Sam Zohanne in 
Percesedo, ch'è revello a Bologna, comò è 
scripto de sopra. 

Lo dì sequente andono a Bazano et 
si l'aveno adì xi del dicto mese. Et poi a 
xii del predicto andono a campo a Piu- 
mazo et si l'aveno pure, salvo l'avere e le 
persone, adì 13 del dicto mese. 

Adì 2 1 de settenbre per alchune gente 
d'arme del ducha de Millano che vegniano 
da Ymola, fu menato per fuora le mura de 
Bologna li sopradicti capitami che furono 
presuni in la sopradicta sconficta; et funo 
menati ad essere presentadi al dicto ducha. 

Adì 27 de setenbre lo campo de Bo- 
logna cum le gente del ducha de Millano 
era contra el castello de Crevalchore : ha- 
vé Crevalchore cum salveza de l'avere e 
persone de li vilani, et la forestaria che 
gli era, ch'erano setanta cavalli e fanti 
cento, andono a sacho, et si ebeno libera 
la rocha. 



3-5. nel margine sinistro, di mano tarda : Castello 
San Giovanni occupato da' Venetiani sotto nome 
del Pontefice, cioè a nome del Pontefice — 3-6. Ca- 
stello Sam .... Aghada] parole sottolineate nel cod, — 
15-17. nel margine sinistro, di mano tarda: Essercito 
del duca di!* Milano e de' Bolognesi vanno a castel S. 
Giovanni per combatterlo ; et ciò perché detto ca- 
stello teneva con la Chiesa e non con Bologna — 
17-19. et ... . sopra] parole sottolineate nel cod. — 33. 
era .... Crevalchore] parole sottolineate nel cod. 



10 



15 



Cronaca B 



20 



25 



30 



35 



IO 



1 Sant'Agata bolognese, comune del circondario di Bologna, nella pianura a nord-ovest. 



76 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1434] 



e 4b 



Cronaca A 

Adì ultimo del dicto Nicolò Pizinino 
capitani o de la gente del ducha, ch'era a 
campo contra Garnarolo apresso Faenza l , 
conbatendo lo dicto castello dove erano 
molti forastieri, ebbe lo dicto castello a 
descritione. 

Adì 24 del sopradicto mese fu con- 
cluso lo aconzo del conte Francesco da 
Codognola cum la ligha, zoè papa, Vene- 
ziani et Fiorentini cum mille cinquanta 
lanze. Se questo è vero, sera forza che in 
Ytalia sieguano grandissimi facti. Non ebbe 
effecto. 

De mese d'otobre lo cardinale de San- 
ta Croxe 2 et lo cardinale de Sam Piero in 
Vincula 3 arivono al ducha de Millano per 
parte del concilio de Baxilea; e stato al- 
cuni dì a pratichare cum lui, se partirono 
et andono a Vinexia per pratichare pace 
tra Veneziani e '1 ducha; et poi sono an- 
dati a Fiorenza dal papa per seguere que- 
sta medesima praticha. Dio voglia che 
sabiano et possano pore in paxe questa 
miserabile Ytalia. Dicese che, inter alia, 
lo concilio ' de Basilea li manda per coa- 
diutori del papa Eugenio, perché aliegano 
ch'elio non è idoneo a lo regimento del 
stato della Chiesia. Dio voglia che le cose 
passino bene, che non lo credo. 

Adì ultimo d'otobre, siando Nicolò Pi- 
zinino a campo contra Castello Sam Piero 
et havendolo bonbardezato et fatoli molti 
despiazeri, ebbe lo dicto castello e rocha 
per lo coraun de Bologna, cum questo che 
li vilani del dicto castello deno pagare al 
dicto Nicolò, a certi termini, duellati do- 
dese millia ; et tucti li fanti forastieri, che 
gli erano, eno sta mandati fuora del dicto 
castello et despogliati dalle gente del dicto 
Nicolò. 

Adì otto de novembre Nicolò Pizinino 
capitanio de la gente del ducha, partido 
da Castello Sam Piero, passò cum lo suo 
exercito per apresso le mure de Bologna 
et molte delle soe gente introrono per den- 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 



1 Granarolo, frazione del comune di Faenza, non 
distante da Cotignola. 

* Niccolò Albergati. 



3 Giovanni Cervantes, creato cardinale sino dal 
1436. 5 






[A. 1434] 



BONONIENSIUM 



77 



e. 5 a 



Cronaca A 

tro, et lo dicto dì andò ad alozare al Bor- 
go da Panigale et dalli regimenti de Bo- 
logna gli fu mandato a presentare molta 
polaglia, videlli scortegati, eira et confe- 
tione, et doa charra de pane et spelta et 
vino. 

Adì xx del dicto, de quatro hore inan- 
zi dì, lo dicto Nicolò Pizinino se livò cum 
tucto lo suo exercito dal Borgo da Panigale, 
dove l'è alozato per fino adesso per cha- 
sone ch'è oramai otto dì che non à facto 
altro che piovere. Et ogni dì s'è facto 
fare procesione et fu portado la nostra 
Donna da sam Lucha che fa miracoli; et 
finaliter s'è pure fermado el tempo tri dì 
passati, et si andò lo dicto Nicolò a campo 
contra Castello Franche 

Adì 9 de desembre Nicolò Pizinino se 
livò da campo da Castello Francho, dove 
stecte a campo circha 1 8 dì cum grandis- 
simo exercito et cum molte bombarde; et 
fulli forza de livarse però che per le gran- 
de et continue piovie gli era tamanti fan- 
ghi che in li alozamenti medesimi li ca- 
valli conveniano alozare in lo fangho per 
fino a mezza gamba, et si andono a stare 
alle stanti. Et cossi lo dicto Castello e 
Sant'Aghada l , Manzolino et Sam Zohanne 
in Percesedo romangono revelle de Bolo- 
gna. Et egli molta fantaria della signoria 
de Venexia sotto nome de papa Eugenio, 
ch'è veneziano. Dio ze aiuti. 

In lo dicto millesimo et a li sopra- 
dicti zorni Nicolò Pizinino è retornato in 
Lombardia al ducha de Milano cum tucte 
le soe gente d'arme cum promisione che, 
corno se porà campezare, subito retornarà 
di qua in ordine a pore campo contra Ca- 
stello Francho et successivamente perfino 
che haverà recuperato tucto lo nostro con- 
tado ch'è sotto nome de papa Eugenio, et 



18. contra .... Francho] parole sottolineate nel 
cod. — 28-30. nel margine sinistro, di mano tarda : Castel 
S. Giovanni si mantiene a devotione della Chiesa, 
e non vuole riconoscere Bologna — 28-30. Et cossi .... 
Bologna] parole sottolineate nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 



1 Sant'Agata bolognese. Vedi nota t a p. 75. 



78 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1434] 



Cronaca A 

comò è dicto di sopra, occupato dalle gente 
d'arme de' Veneziani; et lo avanzo del no- 
stro contado, se guarda cum fanti da pie. 
E vero che tucto lo piam nostro, da Bu- 
drio per infino a Modena, è abandonato per 
casone de Castello Sam Zohanne, Castello 
Francho, Sant'Agada et Manzolino ch'eno 
rebelli a Bologna. È vero che a Ymola 
e a Lugho, che se tengono a posta del 
ducha de Millano, sonno remasi circha ot- 
tocento cavalli alla guarda del paese contra 
Zohanne Galeazo signore de Faenza, lo 
quale tene cum Veneziani, o vero cum la 
ligha et à circha ottocento cavalli et cin- 
quecento fanti. Dio voglia che la vaghi 
bem per nui, che molto ne dubito. 

Lo conte Francesco da Codognola s'è 
acordato cum lo papa, o vero ligha, et fu 
concluso a la fine de novenbre passato; 
et è conducto cum mille lanze et fanti ot- 
tocento '. Mandò a Roma soe gente et alla 
facto retornare alla obedientia de papa 
Eugenio. Et monsignore lo cardinale ca- 
merlengo nevodo del dicto papa lo quale 
della fugita de Roma 2 , che se lo dicto papa 
è stato per fino a mò destenuto dalli Ro- 
mani in lo Capitolio da Roma, adì 23 de 
desenbre è intrato in Fiorenza et andogli 
incontra tucti li cardenali comò è usanza; 
et quasi tucti li cittadini de Fiorenza, da 
covelle, similiter gli andono incontra. 

Lo cardinale de Santa Croxe et de 
Sam Piero in vincula, circha el principio 
de novembre passato, capitono a Fiorenza. 
Dicese che tractano la paxe tra el ducha 
de Millano e '1 papa, overo la ligha. Cre- 
dese che farano nulla; vero è che se dice 
che '1 re de Ragona 3 fa grande armada e 
aparechio per vegnire a Napoli e occu- 
pare lo reame de Puglia per casone della 
morte del re Alovixe 4 , al quale la reyna de 



5-8. nel margine sinistro, di mano tarda : Castel 
S. Giovanni tuttavia devoto alla Chiesa e Pontefice 
— 7-8. de Castello.... Manzolino] parole sottolineate 
nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



4U 



Cronaca B 



1 Vedi sopra in questa cronaca a p. 76, 8-M. 

2 La narrazione e data ampiamente più su. Vedi 
nota s a p. 68. 



3 Alfonso V il Magnanimo. 

4 Luigi II d'Angiò figlio di Luigi II, re collegato 

di Giovanna II. io 






[AA. 1434-1435] 



BONONIENSIUM 



79 



Cronaca A 

Puglia havea assignato Chalabria et per- 
ché lo dicto re de Ragona non viegna a 
farse troppo grande occello in Ytalia. Di- 
cese che forsi li dicti ducha e ligha f ara- 
no paxe per potere meglio resistere. Dio 
voglia. 
e sa Anno Christi Mcccc35, adì 22 de 

zenaro, el conte Brandelino, fratello de 
Gattamelada, mise a sacomanno el castello 
de Confortino; el quale conte steva in Sam 
Zohanne a soldo de' Veneziani. 

In lo dicto millesimo, Lionello, fìolo 
del marchese de Ferara, lo quale non è 
legiptimo, né hanne neguno maschio che sia 
legiptimo, adì sei de febraro fé le nozze 
della fìola legiptima del marchexe de Man- 
toa 1 in Ferara, et fece grandissima et sollen- 
ne festa; et andogli ad onorarlo le ambas- 
sarie de tucte le signorie dintorno, le quale 
funo invidade alle diete nozze per parte 
del dicto marchexe. 

Adì 12 del dicto mese misser Piero 
de' Rampuni prothonotario del papa, chia- 
mado dal dicto papa Eugenio, andò a Fio- 
renza per obedire lo dicto papa, el quale, 
a' preghi del populo della città de Riete, lo 
vole un'altra volta mandare al governo del 
dicto paese 2 . A questo tempo, corno è de- 
scripto de sopra, Bologna sta in guerra. 

In lo dicto anno, adì 17 de marzo, in 
la città de Padoa si se deseuverse uno 
trattado de alchuni cittadini che dove a no 
dare la terra a misser Marsilio da Carara 
et vegnia vestido a modo de fra, unde fu 
apalezato lo dicto tratato, per lo quale ne 
fu presi de molti cittadini e forastieri et 
si teneno dreto a misser Marsilio predicto, 
et fu preso e menato a Vinexia e lì gli fu 
tagliato la testa; et a Padoa ne feno api- 
chare assai. 

Nota che '1 dicto misser Marsilio era 
venuto in la città de Padoa, et veniali 



io- 12. nel margine sinistro, di mano tarda: Castel 
S. Gio. presidiato di gente venetiana, et ciò a requi- 
sitione della Chiesa e Pontefice 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 



1435. — El conte Brandulino, fradclo 
zurado de Gatamelada, mise a sacomano el 
castelo di Confuorti 3 adì xxii del mexe de 
zenaro. El quale conte alozava in San Zo- 
hanne in Pcrsexeda et era soldato di Ve- 
neciani. 

De uno tratato che fuo schoperto in 
Padoa e come meser Marsilio da 
Charara ave taiato la testa in 
Vinexia. 

1435. — In la cita de Padoa fuo scho- 
perto uno tratato adì xvii de marzo, el quale 
tratato menava alquanti citadini, de dare la 
cita a meser Marsilio da Charara. Onde 
ne fuoron -presi multi citadini e forastieri, 
et alquanti ne fuoron impichati al palazo 
del podestà. Et meser Francescho Buza- 
charino chugnato del dito meser Marsilio 
ave tagliato la testa, et foe impichato uno 
Albertino da Mantoa, sarto, con dui suoi fi- 
gliuoli ch'erano zuveni de anni xx in xxii; 
e perseguitono meser Marsilio predito, et 
fuo preso ch'era zito a dormire,' et pocho e. 2070 -coi. 2 
li manchò che non pigliaseno uno suo fi- 
gliuolo. El quale meser Marsilio fuo me- 
nato a Vinexia et ave tagliato la testa. Et 
multi citadini de Padoa fuoron confinati per 
questo tratato. 

Nota che V dito messer Marsilio era 
venuto in la cita de Padoa, et veniali fato 
hogne sua intencione, ma li mancò l'animo. 

1435. — I Bolognixi mandono el campo 
a la villa de Galiera adì Hi del mese d'a- 



15-18. De .... Vinexia] scritto nel margine sinistro, 
non essendovi spazio in testa al capitoletto — 22. alquan- 
ti] nel cod. era scritto con due q, poi uno fu eancell. 



1 Giovanni Francesco I. sopra a p. 67, 4-10. 

2 Sulla prima dimora del Ramponi a Rieti, vedi 3 Confortino, località a breve distanza da Bologna. 



80 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1435] 



e. 6a 



Cronaca A 

facto ogni soa intentione, ma li manchò 
l'animo. 

Adì 3 d'aprile andò el campo del co- 
mmi de Bologna alla torre de Galiera ', la 
quale torre se teneva per lo papa Eugenio; 
non se volseno rendere d'acordo, unde la 
cominzono a combatere et adì 4 del dicto 
si la preseno per forza et si la miseno a 
sacomanno. 

Adì 29 de zugno misser Antonio de' 
Bentivogli venne alla porta de Strà Sam 
Stevano cum Ghattamelada, et fu dalla 
canpana dal dì, et si intrò dentro dal 
ponte della dieta porta et si asbasono el 
ponte; et uno Piero Alberto da Modena 
aschalò el muro et venne dentro et cominzò 
a rompere la chiavadura della porta, et za 
n'avea destìcto dui chiodi della chiavadura ; 
et per lo battere, fu sentido, de che lo 
abbate de Sam Zuliam cominzò a sonare 
la canpana della chiesia et chiamare el 
capitanio della porta; de che lo capitanio 
se livò et venne incontra al dicto Piero 
Alberto, et Piero Alberto li corse a dosso, 
volendogli dare della manara: el capitanio 
fuzì in chasa' et Piero Alberto, vedendo 
zò, se ne andò a chasa de uno Antonio Papa 
pelacham, et la sira ussì fuora de Bologna 
et andò a Sant'Agada da misser Antonio, 
dove se n'era tornado. 

Del mese d'agosto venne novelle a Bo- 
logna corno l'armada de' Zenovisi haveano 
rotto l'armata del re de Ragona 1 in lo porto 
de Gaetta. La quale armada de' Zenovixi 
si era a posta del ducha de Millano. Et 
siando lo dicto re a campo a Gaetta, l'ar- 
mada de' Zenovixi si andono per sochorere 
Gaetta et si introno per forza in lo dicto 
porto et roppeno lo re de Ragona. In la 
quale rotta funo prisi li infrascripti, zoè: 

Lo re de Navarra 3 , 

lo infante de Ragona, 

lo maestro de Sam Iacomo, 



29-31. de ... . tornado] parole sottolineate nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

prilc; la quale villa tegnia Gatamela- 
da per la Ghiexia. Et gialli de la torre 
e del rezeto non se volseno rendere d'acordo. 
Et adi iiii del dito li deno la bataglia et sì 
Taveno -per forza et fuo mesa a sacomano ; 
et anegosse Hi huomeni d'arme in la fossa. 

Come meser Antonio di Bentivogli ven- 
ne A LA PORTA DE STRÀ SAN StIEVAN. 

1435. — Meser Antonio di Sentivo gly e 
Gatamelada con soa brigada veneno a la 
■porta de Strà san Stievan adì xxviiii de 
zugno, nel fare del dì, et intrò dentro tra 
la porta e 7 ponte et ropeno la chiavadura 
e asbasono el ponte; el uno Piero Alberto 
da Modena aschalò ci muro et venne dentro 
e comenzò a rompere la chiavadura de la 
porta, et za avea desfycato i chiodi ; et per 
lo balere fuo sentito et l'abade de San Zu- 
lian comenzò a sonare la campana de la 
ghiexia et a chiamare el capetanio de la 
porta. Alora el capetanio se livò e venne 
incontra al dito Piero Alberto; et Piero 
Alberto li corse a doso, volendoli dare de 
la manara, e 7 capetanio fu gì in chaxa. 
Et Piero Alberto, ciò vedendo, se n'andò a 
chaxa de uno Antuonio Papa pelachane, et 
la sira n'esì fuora de Bologna e andoe a 
Sant'Agada da meser Antonio. 

Come l'armada di Zenoixi roppe l'arma-'^ 1 ' 

COI. ! 

da del re de ragona in lo porto de 
Gaeta et preseno el dito re con 
molti baroni e conti. 

1435. — Del mese d'aghosto venne no- 
velle a Bologna, che l'armada di Zenoixi, la 
quale era a posta del ducha de Milane, avea 
rotta V armada del re de Ragona in lo porto 
de Gaeta. 

Nota che, esendo ci dito re a campo 
a Gaeta, gli Zenoixi andono con loro ar- 



14-17. xxviiii , uno] scritto in rosso nel cod. 



1 Galliera, comune del circondario e provincia di 
Bologna, nella pianura a nord. Da non confondersi 
colla fortezza di Galliera alla porta omonima della 



città, più volte costruita e distrutta. 

2 Vedi nota 3 a p. 78. 

3 Giovanni I d'Aragona. 



[A. 1435] 



BONONIENSIUM 



81 



Cronaca A 

lo principo de Taranto, 

lo vizio re de Scicilia 

lo ducha de Suese cum uno suo nolo, 

lo figliolo de misser Christovalo Gaet- 
tano conte de Fundi, 

Meneguzo da l'Aquila capitanio de tre- 
sento lanze, 

et multi altri infiniti baruni, cavalieri et 
nobile persone, oltra quatrocento. 

Tucti li soprascripti cum tucti li ligni 
e fusti, l'armata del dicto re cum le loro 
monitione e robbe sono stati prisi, comò di 
sopra è stato dicto, cum gente d'arme senza 
numero, che fu cossi grande buttino comò 
fusse gram tempo fa in Cristianitade. Et 
tucti quilli ri e baruni funo menati a Mil- 
lano, et a la intrada che feno in Millano, 
lo ducha li fé grande honore; et poi gli 
alicentiono tucti et retornoreno in loro 
paese. Et per questo li Zenovixi preseno 
grandissimo desdegno contra del ducha de 
Millano, però che se credevano havere li 
soprascripti per presuni, comò era de ra- 
sone; per la qual cosa lo dicto ducha perse 
Zenova l'anno sequente l . 

Nicolò de' Fortibrazzi da Perosa, capi- 
tanio de molte gente d'arme et signore de 
parechie cittade, fu morto del mese d'ago- 
sto, fazando facto d'arme in su quello de 
l'Aquila, dalle gente d'arme della Chiesia. 

El dì de sam Lorenzo 2 fu conclusa la 
paxe in Fiorenza, zoè fra el papa Eugenio 
quarto e la signoria de Vinexia et Fioren- 
tini et tucte de Romagna. Et in quella 
volta lo dicto papa f èva guerra a Bologna, 
comò apare in questa cronicha 3 ; et dando lo 
ducha de Millano susidio a Bologna, facto 
l'acordo fra al papa e '1 ducha, non se im- 
pazzò più de Bologna; ma mandò a dire 
6b a li Bolognisi che mandasseno al papa,' che 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

mata per secorere Gaeta, e 'l re de Ragona, 
ciò vedendo, intrò in su le nave con suoi 
baroni et fuo a le mane con Zenoexi, fra 
li quali fuo longa bataglia. In -fine gli 
Zcnoexi romeno el dito re et per forza 
introno in lo dito -porto. JBt fuoron presi 
gli infrascriti, zoè: 

El re de Ragona, \ 

el re de Navara, \ frafeli 

lo infante de Ragona \ 

el maestro de San Iacomo de Galicia, 

el vice re de Sicilia , 

el principo de Taranto 

el ducha de Sesse et uno suo figliolo, 

el conte de Fundi, 

Minichuzo da V Aquila, 

uno figliolo de meser Crislovalo, 

Gaitano et multi altri baruni et cava- 
liery, che funo circha ecce. 

Li soprascriti prexuni, con tu ti loro 
fusie, nave et gallee et tute loro robe e 
monecione, juoron menate a Zenoa. Posa 
fuoron menati a Milano-, et a V intrada 
ch'eli feceno in Milano, el ducha li fece 
grandisimo honore. JSt questo fuo così 
grandisimo bulino come fosse grande tempo 
in Cristianitade. JBt passato alquanti zorni } 
el ducha de Milano diede a loro grandis- 
simi doni e liccncioli. ' I quali andarono a e 208 a - c»i. 3 
Zenoa et retornarono in loro paixi. Ft per 
questo gli Zenoexi prexeno grandisimo 
isdegno contra del ducha de Milano, però 
che se credeano avere li soprascriti per 
prexuni, come era de raxone. Per la quale 
cosa el ducha de Milano perse Zenoa Vanno 
sequente. 

De la morte de Nicolò de la Strela. 

1435. — Nicolò de la Strela, altramente 
chiamato Nicolò di Fuortibrazi, capetanio 



1 Sotto il 1436 non è registrata la notizia in que- 
sta cronaca. 

2 II io agosto. 



18. Cristovalo] corretto su Iacomo cariceli. — 
ao. ecce] scritto con inchiostro rosso nel cod. ; e così 
sempre quando si tratta di numeri — 29. diede] il 
primo e fu aggiunto sopra la riga — 33. isdegno] segue 
nel cod. e cancell. 



3 Risulta da tutte le notizie che figurano in que- 
sti ultimi anni nella nostra cronaca. io 



T. XVIII, p. 1, v. iv 



6. 



82 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1435] 



Cronaca A 

steva a Fiorenza, acordarse cum lui, sa- 
biando ch'elio s'era apasado cum lo dicto 
papa. Onde li Bolognisi li mandono una 
ambassaria; et funo quisti, zoè: 

Misser Romio de' Foscharari, cavaliere 
misser Nicolò di Ghixilardi, dottore; 
et poi dreto a lloro gli andò misser Galotto 
de Mathio da Canedolo doctore a prati- 
chare la paxe cum lo papa. Et adì 9 
d'agosto se livò via le offese a Bologna, et 
adì 27 de settenbre se concluse ia paxe 
cum lo papa et li dicti ambassaduri ; et adì 
28 del dicto, da hore doe de notte, venne 
la novella a Bologna et fesse gran festa. 
Et adì sei d'otobre venne uno vescovo a 
Bologna per tore la tenuta per lo papa, el 
quale se chiamava lo vescovo de Concor- 
dia ', et venne per la porta de Strà Maore, 
et si gli andò li signuri incontra a chavallo 
infino alla porta, et lì li deno le chiave; 
et venne inrino a la piazza sotto uno bal- 
dachino de seda, fodrado de panze; et 
corno fu in piazza, fu messo a sacomanno 
lo dicto baldachino, et corno fu apresso 
Sam Petronio li fu tolto la mulla ch'elio 
chavalchava. Et lo dicto monsignore fé 
comandamento a Baptista da Canedolo che 
dovesse mandare via le gente d'arme da 
pè et da cavallo, le quale elio havea a soa 
posta in Bologna. Dixea de farlo et non 
ne feva niente, onde lo dicto monsignore 
fé venire una notte la fantaria del conte 
Francesco da Codognola, la quale era a 
Medexina *, et fella intrare per la porta de 
Sam Mamolo. Quando Baptista sentì que- 
sto, si se partì adì 14 d'otobre cum tucta 
la soa gente, et si andò cum lui Ludovigho 
et Baldisera da Canedolo, fratelli chusini 
de Baptista; et si andò el dicto Baptista a 
Chorezo. Et corno misser Galotto, fratello 
de Baptista, lo quale era a Fiorenza cum 
lo papa, sentì che Baptista s'era parlido da 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



10 



Cronaca B 

de ?nolta zente d'arme et scgnore de molte 
citade e castclle, fuo rotto, prexo e morto, 
del mexe d'aghosto, da tino condutiero de 
zente d'arme nome el Taliano Furiano, sol- 
dato del conte Francescho da Ckudignola : 
e fuo morto da uno famcglio del dito Ta- 
liano con una lanza et ferilo in la testa. 

Come el papa e Veneciani e Fiorentini 
e 'l ducha de Milano feceno pace 
insbme, et el papa ebbe bologna. 

1435. — El -papa Euzenio et la signo- 
ria de Vincxia e gli Fiorentini da una parte, 
e 'l ducha de Milane da l'altra parte, fece- 
ron pace inseme. La quale pace se concluxe 
in Fiorenza el di de san Lorenzo. FI dito 
papa facea guerra in Romagna et a Bo- 
logna. Ft fuo fata la pace iti questo modo: 
che 7 ducha de Milano non se impazasse di 
tati de Bologna e tute le terre ch'el tegnia in 
Romagna dovea restituire al papa. Ft fato 
questo, el ducha de Milano mando e a dire 
ai Bolognixi che pigliaseno acordo con lo 
papa, che lui avea fato pace con lui. Et per 
questo i Bolognixi mandono una ambasaria 
al papa, i numi di quali fuoron quisti, zoè : 

Meser Ro?nio di Foscharari, cavaliero, 

meser Nicolò di Ghixilardi, doctore; 

e da poi li mandono meser Galoto da 
Chanedolo a pratichare la pace con lo papa. 
Et adi viiii" d'ag hosto se livò via le ofexe ' 
a Bologna. Et adi xxvii de setembre se con- '™, 1 
cluxe la paxe con lo papa; et adi xxviii 
del dito, a hore ii de note, venne le novclc 
in Bologna et f esene gran festa. Et adi 
vi de ottobre venne uno vescovo a tore la 
te g nitida de Bologna per lo papa, et ven- 
ne per la porta de Strà Maore, et andò gli 
incontra i segnori a cavalo in fino a la porta 
e li gli deno le chiave e la tegniuda de Bo- 
logna; et andoe in palazo a grande honore 



5. arme] segue nel cod. no canali. io-i:. Co- 
me .... Bologna] parole scritte nel margine destro non 
essendoci spazio in testa al capitoletto 



1 È Giovati Battista Legname da Padova dottore 2 Medi, ina, comune del circondario di Imola prov. 

s di Cf. Ei 133. di Bologna, a nord est di questa città nel piano. 



[A. 1435] 



BONONIENSIUM 



83 



Cronaca A 

Bologna, subito se ne fugl da Fiorenza et 
si andò a Siena. 

Li Bolognisi, zoè quilli ch'erano signuri 
quando papa Eugenio havé Bologna, deli- 
berorono cum li massari delle conpagnie 
de mandare una ambassaria al papa, ch'era 
a Fiorenza, per pregarlo che dovesse ve- 
nire a stare a Bologna ; et si f eno eletione 
de sei massari delle arte et si alieseno ser 
Bernardino de' Mulitti corretore de' nodari, 
Donaduzo massaro de' bechari, Zohanne 
boteghiero massaro de' strazzaroli, Mathio 
de' Mareschalchi massaro de' merzari, Paxe 
Magarotto massaro de' spiciali, Iacomo de 
Lucha dal Panno de lino massaro de' bixi- 
lieri. Et monsignore si fé eletione de tre 
cittadini che andasseno de conpagnia cum 
li dicti massari, et funo quisti, zoè: 

Zohanne de misser Iacomo degli Oxolani, 

Francesco de' Guidotti, 

misser Charlo da Salexeto;' 
7« et si se partino adì 7 de novembre et 

zascuno massaro menò secho tre zoveni ; et 
funo da quaranta cavagli, et si andono a 
Fiorenza et si feno l'anbassata al papa. Ma 
el papa disse et respose che allora non posse- 
va venire per alchune chasone, ma che vire- 
ve del mese de febraro; et cossi li promisse. 

Adì 4 de desenbre misser Antonio de 
Zohanne de' Bentivogli tornò a Bologna, 
ch'era stato rivello de Bologna xv anni et 
tre misi; et cossi tornò cum molti soi amisi. 

Adì 17 de desembre la sorella del 
papa Eugenio quarto intrò in , Bologna et 
desposò in lo palazo grande, et adì 18 
del dicto si se partì de Bologna et si andò 
a Fiorenza a visitare el papa suo fratello, 
ch'erano sta gran tempo che non s'aveano 
veduti ; et tornò et passò per Bologna adì 
26 de febraro et desposò in chasa de An- 
tonio de' Schappi. 

Monsignore, governadore in Bologna 
per lo papa l , si fé tagliare la testa a misser 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

come è uxanza. El dì seguente el dito vescovo 
chiamato monsignore de Concordia, fece co- 
mandamento a Batista da Chanedolo che 
mandase via la zente d'arme da cavalo e da 
-piede, la quale avea a sua -posta in Bolo- 
gna; disea de farlo e non f acca niente. E 
per questo monsignore fece venire una note 
la fantaria del conte Brancescho da Chudi- 
gnola, la quale era a Medexina, et introno 
per la porta de Sam Mamolo. Et Batista, 
ciò udendo, se parti da Bologna adì xiiii 
de ottobre con tuta soa zente et andoe con 
lui Lodovigo e Valdesera da Canedolo, suoi 
chuxini et andono a Corezo ; et mcser Galoto 
da Chanedolo ch'era a Fiorenza, sen fugi 
et andosene a Siena. 

1435. — I Bolo gnixi, zoe quilli ch'era- 
no segnori quando el papa ebbe Bologna, 
deliberono con li masari delle compagnie 
de mandare una ambasaria al papa Euge- 
nio a pregarlo che V dovesse venire a Bo- 
logna; e fezeno helezione de vi masari delle 
arte, zoè : 

Ser Bernardino Muleto, coretore di 
nodari, 

Donduzo, masaro di bechari, 

Giovanne Butighiero, masaro di stra- 
zaruoli, 

Matio di Marschalchi, masaro di mer- 
zari, 

Paxe Mag aroto, masaro di spiziali, 

' ] Iacomo de Lucha, masaro di bixilieri. 

Et monsignore fece helecione de iii ci- 
tadini, zio fuoron quisti: 

Me ser Charlo da Sale x e do, 

Giovanne degli Uxelam, 

Francescho di Guidoti; i quali andono 
de compagnia con li ditti masari et adì 
vii de novembre se partino da Bolonia e 
andono a Fiorenza ; et zaschuno masaro avea 
con lui iii zuveni. Et erano xxxvi cavagli. 
I quali, zunti a Fiorenza, fezeron Vambasa- 



e. zoSb - col. 2 



14. Lodovigo] il cod. aveva Lodogvlgo, ma il 
primo g fu poi cancell. — 22-23. Eugenio] l'i fu ag- 
giunto più tardi sopra la riga 



1 II vescovo di Concordia ricordato di sopra. 



84 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1435] 



e. 7 b 



Cronaca A 

Antonio di Bentivogli et fé apichare Tho- 
maxe de misser Charlo de' Zambechari in 
questo mode, zoè che adì 23 de desenbre 
andò misser Antonio predicto alla messa del 
dicto monsignore cum altri cittadini comò 
erano usati de fare ogni dì, et livero che fu 
la messa, misser Antonio volease partire et 
andare fuor a del palazo, et monsignore 
havea facto armare tucte le gente d'arme 
da pè et da chavallo, digando che volea 
fare la mostra. Et comò misser Antonio fu 
fuora della capella, la fameglia del podestà 
si lo prese et menonlo zoxo del palazzo 
cum una fassa alla bocha che non posseva 
parlare et in lo cortile del dicto palazo li 
fu taiato la testa. Et Thomase di Zambe- 
chari, lo podestà si havea mandato per lui, 
et corno el fu in palazo del podestà, lo fé 
apichare a una schala donde è l'altaro del po- 
destà et fu apichato cum una fassa alla bocha, 
et morirono senza confesione. Et poi lo 
podestà mandò per otto homini de la con- 
pagnia del spedale della Morte, et volseli 
senza chappa et cornandogli che li portas- 
seno a sepelire presto lì apresso del dicto 
spedale, a Sam Christovalo dal baladuro, et 
funo missi tramedui in una archa. Et disese 
che non funo morti so no per sospecto della 
parte grande che havea misser Antonio. 

Et adì 24 del dicto fu preso l'abbà 
de' Zambechari a Fiorenza ch'era fratello 
del dicto Tomaxe de' Zambechari, et fello 
pigliare el papa Eugenio. Et quando se 
partì da Fiorenza el dicto papa elio mandò 
el dicto abbà in la rocha de Narni. 

Et im questo tempo era in Bologna per 
podestà misser Baldiserra' da Oflìda della 
Marcha, molto crudele et tiranno, et a molti 
cittadini tolse asaissimi denari; et era sì 
gran mestro cum lo papa, che quello ch'el 
fazeva non era homo né cardinale che haves- 
se ardimento de dire alchuna cosa; et non 
se aiutava dalla zentura in zoxo. 

Adì 28 de desembre el castello, che fé 
fare el papa Eugenio quarto, se cominzò 



36. Narni] narim cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

ta al papa; a li quali glie respoxe el papa 
che per alora non posea vegnire a Bologna 
per alcuna caxone } ma che 7 virebbe del 
mese de febraro. 

1435. — Meser Antonio di Bentivogli 
citadino de Bologna, el quale era stato fuora 
de Bologna xv anni e xi mixi, tornò a Bo- 
logna con multi suoi amici adì Hit de de- 
xembre. 

1435. — La sor eia del papa Eugenio 
quarto venne in Bologna adi xvii de de- 
xembre et desposò in lo palazo grande, et 
adì xviii dito se partì e andoe a Fioren- 
za a vixitare el papa suo fralelo, ch'erano 
stati gran tetnpo che non s'aveano veduti ; 
et adi xxvi de febraro tornoe a Bologna e 
desposò in caxa de Antuonio di Schapi. 

De la morte de meser Antonio di Ben- 
tivogli e de Tomaxe di Zambechari. 

1435. — Monsignore lo governadorc in 
Bologna per lo papa fece tagliare la testa 
a meser Antonio di Bentivogli et impichare 
Tomaxe di Zambechari in questo modo, zoè 
che adì xxiii de dexembre meser Antonio 
predito andoe a la mesa de Monsignore con 
altri ci ladini, com'erano ux adi de fare hogni 
zorno ; et compiuta la mesa, meser Antonio 
se' volse partire et andare fiora del palazo ;';"'" 
et ?notisignorc avea facto armare tute le 
zente d'arme da cavalo e da pè, dig andò ch'el 
volea fare la mostra. Jlt quando meser An- 
tonio volse venire zoso del palazo, la fameglia 
del podestà lo prexeno et menonlo zoso del pa- 
lazo con una fassa a la bocha, et in lo cortile 
del dito palazo glie fuo tagliato la testa. 
Et Tomaxe di Zambechari, el podestà avea 
mandato per lui, et quando el fo in palazo, 
el dito podestà el fece impichare con una 
fassa a la bocha-, et mori no amedui senza 
confesione. Posa el podestà mandoe per viii 
huomcni de la compagnia del spedale da la 



9. Bologna] segue nel cod. ad cariceli. — 23. di] 
segue ghi cariceli, nel cod. — 38. conj segue nel cod. 11 
cancell. 



[AA. 1435-1436] 



BONONIENSIUM 



85 



Cronaca A 

de fare alla porta de Galiera; et fello fare 
de terra, et era molto forte. 



Anno Christi Mcccc36, adì 18 d'aprile, 
el papa Eugenio quarto se partì da Fio- 
renza et venne a Bologna adì 22 del dicto, 
et intrò per la porta de Strà Maore, sotto 
uno baldachino de drappo d'oro fodrado 
de duossi novi; et comò fu a piazza, fu 
messo a sacomanno el baldachino e lo ca- 
vallo. Et venne cum otto cardenali, li quali 
funo quisti, zoè: 

Monsignore degli Orsini, in Sam Fran- 
cesco s 

monsignore di Cunti, in gli Servi 2 , 

monsignore de Roam, in chasa de mis- 
ser Romio de' Foscarari 3 , 

monsignore de Piasenza in Sam Ia- 
como, 

monsignore da la CoIona, in chasa de 
misser Zohanne de Righo de' Lodovixi 4 , 

monsignore de Capranicha, in lo pa- 
lazo de' Pepuli 5 , 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Morte, et volseli senza caffo, e comandoli 
che fortaseno i ditti cor fi a sef elire a San 
Cristovalo dal Baladuro. Et fuoron missi 
in una archa amedui. Et disesse ch'erano 
stati morti fer susfeto de la farte grande 
che avea meser Antonio. 

Et adì xxiiii de dexèmbre el fafa fece 
figliare l'abade di Zambechari in Fiorenza, 
e del mexe d'afrile sequente el mandoe in 
frexone in la rocha de N'ami. 

In questo temfo era in Bologna uno fo- 
desta nome meser Valdesera da Ofida de 
la Marcha, molto c?'udele e tiranno, et a 
multi citadini tolse asaissimi dinari ; et era 
sì gran mestro con lo fa-fa, che quelo ch'el 
facea non era huomo, né chardenale, che 
avese ardimento de dire alcuna cosa', et non 
s'aiutava da la zintura in zoxo. 

1435. — Monsignore governadore de 
Bologna comenzò de far fare uno castelo a 
la forta de Galiera adi xxviii de dexèmbre ; 
et f ezelo fare de terra et era molto forte. 

Come el papa Uzenio vene a Bologna, e. 209 a -col 2 

1436. — El fafa Euzenio quarto se 
farti da Fiorenxa adì xviii d'afrile et venne 
a Bologna adì xxii del dito et intrò fer la 
forta de Strà Maore sotto uno baldachino 
de fanno d'oro fodrato de duossi; et come 
fuo in fiaza fuo messo a sacomano el balda- 
chino e V cavallo. Et veneron con lui viii 
cardenali, i numi di quali fuoron quisti, zoè : 

Monsignore degli Orsini alozava in 

San Francesco, 

monsignore de' Chunti in gli Servi, 
monsignore de Roam in cha di Fos- 

charari, 

monsignore de Piaxenza in San facomo, 
monsignore de CoIona in cha de meser 

Zohanne de Ligho, 

monsignore de Chafranica in lo fala- 

zo gregoriano, 



1 Giordano Orsini del titolo di San Lorenzo in Paolo. Eubel, II, 6. 
Damaso. Eubel, II, 3. 4 Prospero Colonna nipote di Martino V, diacono 

2 Lucido de' Conti diacono di Santa Maria in di San Giorgio. Cf. Eubel, II, 6. 
Cosmedin. Eubel, II, 5. 5 Domenico Capranica diacono di Santa Maria in 

3 Domenico Pam del titolo di Santi Giovanni e Violata. Cf. Eubel, II, 6. io 



86 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1436] 



e. Si 



Cronaca A 

monsignore de Sam Marcho, in Santo 
Antonio \ 

Et da Ili a pochi dì venne monsignore de 
Sam Marcello in chasa de Antonio di Schap- 
pi 2 ; et poi venne dallo concilio uno cardi- 
nale che se chiamava monsignore de Ci- 
pry s et steva in chasa de Baptista da Ca- 
nedolo in dritto la chiesia de sam Gervaxe; 
et poi dreto a llui monsignore de Bologna *, 
che steva in la chasa de misser Charlo da 
Saleseto da Santo Domenegho; et venne 
ancora in conpagnia cum lo papa uno suo 
nepote cardinale, che se chiamava cardinale 
de Sam demento 5 , et si era chamerlengho 
del papa in lo palazo de* nodari in piazza. 

Adì x d'agosto papa Eugenio, stando 
a Bologna, mandò el campo alla Massa de' 
Lombardi, et adì 12 del dicto si l'ave 
d'acordo; et poi haveno incontinenti San- 
t'Agada ó et Zagonara 7 et Barbiano 8 ; et poi 
andono a campo a Lugho et si l'aveno adì 
25 dicto, d'acordo. Et poi lo papa donò 
Lugho a misser Lionello 9 figliolo del mar- 
chexe de Ferara. ' 

Pietro Iampaulo, capitanio delle gente 
d'arme del papa, si era a Budrio apresso 
al castello cum le gente d'arme, et misser 
Baldesera da Offida podestà de Bologna si 
era cum le diete gente d'arme et cum molte 
zerne del contado de Bologna; et questo 
fece misser Baldisera de Offida ad inten- 
tione de pigliare el conte Francesco da 
Codognola, signore della Marcha d'Ancho- 
na, lo quale allozava cum soe gente d'arme 
al ponte Poledrano i0 . Et adì x de setten- 
bre el dicto conte se partì et andò a Can- 
talovo ll del conta d'Imola, et passò per 
suso le fosse de Medesina, in bataglia; et 
quando passava la gente d'arme diceano: 



Cronaca B 

monsignore de San Marcho in Santo 
Antonio, 

monsignore de San Mar zelo in cha di 
Scappi. 

Et pasati alquanti zumi, vene alquanti 
car dettali, zio fuoroti quisti: 

Monsignore de Cipri in caxa de Batista 
da Chanedolo, 

monsignore de Santa Croxc, 

monsignore de Bologna, 

monsignore de San Chimcntc, costui 
era camerlengo del papa et alozava in lo 
palazo di nodari et era nepote del papa. 

1436. — El papa Uzenio mandoe el 
campo a la Massa di Lombardi adì x de 
aghosto, et adì xii del dito Cavetto d'acor- 
do ; possa aveno incontenente San? Agada e 
Zagonara, et andono a campo a Lago, ci 
quale aveno d'acordo adì xvii del dito. Pos- 
sa ci papa donoc Lugo a mescr Lionclo 
figliolo del marchexe Nicolò da Ferara. 

25 

Come meser Valdesera da Ofida, pode- 
stà de Bologna, fuo prexo e roto 

DAL CONTE FrANCESCHO DA ChUDI- 
GNOLA. 

30 1436. — Mescr Val desera da Ofida, 

-podestà de Bologna, andoe adì viiii° de se 
tembre a Mcdexina cotti Piedro Iam Paulo 
ca petunia del papa 1 et con molte zcrtte dcl c ' c l°^A 
contado de Bologna ; et questo fece a intencio- 

35 ne de pigliare ci conte Francescho da Chu- 
dignola, segnore de la Marcha d Ancona, 
ci quale alozava con sua zente tfartne <d 
ponte Poledrano. E adì x de setembre el 
dito conte se parti et andoe a Cantalovo 

4'i nel contado d' Imola et paso per suxo le fos- 



1 Angelotto Fusro del titolo di San Marco. Cf. 
Etjbel, II, 7 

2 Antonio Casini del titolo di San Marcello. 
Eubkl, II, 6. 

S 3 Ugo di Lusignano fratello del re di Cipro elfi 

titolo di San Clemente. Cf. Eubkl, II, 6. 

* Niccolò Albergati del titolo di Santa Croie. Cf. 
Eubkl, II, 6, 

5 Francesco Condulm* r veneto, protonotario apo- 
[O stolico del titolo di San Clemente. Cf. Euhi.l, II. ;. 
ìant'Agata bolognese. Vedi nota i a p. io. 



7 Zagonara, frazione del comune e circondarlo di 
Lugo, provincia di Ravenna. 

* Barbiano, frazione del comune di Cotignola, cir- 
i ondarlo di Lugo provincia di Ravenna. 15 

9 Lionello d'Estc. 

11 l'onte Poledrano o Poledrano, località non di- 
stante da San Giorgio di Piano, che fu poi castello dei 
Bentivogli. 

11 Cantslupo, frazione del comune e circondario 20 
d'Imola prov. di Bologna, in pianura, a poca distanza 
dalla città. 



(A. 1436J 



BONONIENSIUM 



87 



Cronaca A 

" O Baldisera da Offida, viene traditore a 
"pigliare lo conte Francesco „. Et adì 15 de 
settenbre misser Baldisera se partì da Me- 
desina et venne al ponte della Rechardina ' 
et lì alozò cuna la soa brigata. Et lo conte 
Francesco vedendo zò, corno misser Baldi- 
sera era gito a Budrio, incontinenti mostrò 
de volere cavalchare in Romagna et man- 
dare tucti li soi chariazi a Chudognola; 
possa mandò uno cavaliero a misser Bal- 
disera notifficandoli che lui voleva andare in 
Romagna, et se alchuna cosa possa fare per 
lui che li comandasse ; et subito montò a ca- 
vallo cum soa gente et cavalchò verso la Re- 
chardina, tucti in bataglia. Et la matina a 
l'alba del zorno, zoè adì 16 de setenbre asaltò 
lo dicto campo et ropelo, et preseno Piero 
Iampaulo capitanio del papa, et pochi ne 
campò che non fusseno prisi ; et tucte le 
zerne che furono prisi funo lassate andare 
a chasa soa che non li fu facto despiazere; 
et misser Baldisera da Offida se ne fugì 
dentro da Budrio. Allora lo conte Fran- 
cesco fé chiamare el massaro da Budrio 
cum alquanti homini et diseli: tt Se vui non 
" me dati questo traditore de misser Baldi- 
" sera, brusarò quante chase sono in questo 
" paese et più starò tanto a campo qui che 
" l'averò per forza „. Allora li homini, per 
paura, gli lo deno, et el conte subito se 
partì et andò in Romagna, a Chudognola 
et mandò misser Baldisera in presone in 
lo zirone de Fermo, nel quale luocho morì 
miseramente, corno homo scelerato et ca- 
tivo che era. Et poi da Ili a pochi dì lassò 
lo sopradicto capitanio et tornò a Bologna 
a l'arma de Christo. Et una notte andò 
lo dicto capitanio a Budrio et mandò inanzi 
a lui el cavaliero del podestà de Bologna 
per uno che gli era in presone a Budrio 
per parte del podestà, et fugli averto ; et 
corno funo in sulla porta, se descuverse al- 
cuno fante et preseno la porta, et subito 
venne la gente d'arme ' et si introno dentro 
adì 18 de marzo 1437; et non gli era de 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

se de Medexina in bataglia, et quando gasa- 
va, le zcntc d'arme diceano : " Ho Valdcscra 
" da Ofida, viene traditore a -pigliare el conte 
" Francescho „. Ft adi xv de selembre meser 
Valdesera se -partì da Medexina et venne 
al ponte da la Rechardina, et lì alozoe con 
soa brigada. El conte Francescho zio ude- 
do, come meser Valdesera era gito a Budrio, 
incontenente mostroe de volere chavalcare 
in Romagna et mandoe luti gli suoi cariagy 
a Chudignola. Posa mandoe imo cavalaro 
a meser Valdesera, notificandoli che lui volea 
andare in Romagna et se alcuna cosa posea 
fare per lui che li comandasse, et subito 
?nuntoe a cavalo con soa zente et chavalcò 
verso la Rechardina^ tuti in bataglia. Ft la 
matina a l'alba del zorno, zoè adì xvi de 
setembre, asaltoe el dito campo et ropello et 
prexeno Piero Iampaulo capetanio del papa 
et puochi ne champò che non fosseno prixi ; 
et tute le zerne che fono prexe fono lasate 
andare a caxa soa che non li fuo facto 
alcuno despiacere. Ft meser Valdesera da 
Ofida se ne fugì dentro da Budrio. Alora 
el conte Francescho fece chiamare el masaro 
de Budrio cum alquanti huomeni a li quali 
disse : tt Se vue non me dati questo traditore 
tt de meser Valdisera, et bruxaroe quante caxc 
" sono in questo paexe et più staroe tanto qui 
" a campo che l'averoe per forza „ . Alora 
gli uomeni, per paura de piezo gli el denno. 
FI conte' subito se partì et andoe in Roma- 
gna a Chudignola e mandoe meser Valde- 
sera de Ofida in prexone in lo zirone de 
Fermo. JVel quale luoco morie mixera- 
mente, come huomo scelerato et cativo ch'era. 
Posa lasoe andare Piero Iampaulo, el quale 
venne a Bologna a l'arma de Cristo. 

1436 2 . — Nicolò Pez enino, capetanio 
zenerale de tute le zente d'arme del ducha 
de Milane, andoe in Toschana adì xxv de 
setembre et fece la via da Lucha ; et andoe 
nel contado de Pixa a fare guerra agli 
Fiorentini. 



C. 20i) b - col. 2 



1 Riccardina, località fortificata e assai nota nel 
medioevo, non distante da Medicina nella provincia di 
Bologna, in pianura. 



2 Nella cronaca A questa notizia è posta sotto il 
1437- 5 



88 



CORPUS CHRONICORUM 



[AA. 1436-1437] 



Cronaca A 

gran facto homini dentro. Et la matina 
gli omini si andono atorno el castello et 
feno roste, et non voleano fare patti a Pie- 
tro Iampaulo, che voleva essere satisfacto 
del suo danno, zoè della rotta che havea 
hauto cum misser Baldisera da Offida: onde 
ussì fuora et prese de molti homini da Bu- 
drio et delle cìrcumstantie, et fune morti 
circha trenta et f eridi apresso dusento, et 
misse a sacomanno el dicto castello. 

Anno Christi Mcccc37, adì 25 de set- 
tenbre, Nicolò Pizinino, capitanio generale 
de tucta la gente d'arme del ducha de 
Millano, andò in Thoscana et fece la via 
de Lucha; et andò in lo contado de Pisa 
a fare guerra a li Fiorentini. 

El conte Francesco da Codognola, lo 
quale era in Romagna, andò in Toschana 
adì 27 de setenbre per capitanio generale 
de' Fiorentini. 

Adì 19 de novenbre ' la canpana grossa 
del comune, zoè l'arengho, fu zettada de 
dreto a Sam Petronio, et pexò circha do- 
dese millia lire et più, et fu dalle sei hore 
de notte. 

Del mese de desenbre lo imperadore 
re d'Ungaria morì, et el "papa Eugenio, 
ch'era in Bologna, si gli fé fare uno bellis- 
simo exequio in Sam Petronio. 



10 



15 



20 



25 



43. nel margine sinistro, di mano tarda: Cam- 
pana del Comune di Bologna gettata 



30 



35 



40 



Cronaca B 

1436 2 . — El conte Francescho da Chu- 
dygnola, el quale era in Romagna, andoe 
in Toschana ady xxvii de seiembre -per 
capetanio zenerale di Fiorentini. 



Come el papa fece metere el castelo 
de budrio a sacomano. 

1437. — Fedro Iampaulo capetanio 
del papa se farti da Bologna adì xviii 
de marzo et andoe al castello de Budrio 
con soa òrigada, a tempo de notte, et tnan- 
doe inanci a lui el cavalicro del podestà de 
Bologna, mostrando de volere uno, ch'era 
in prexone in Budrio, et andono al castelo 
per parte del podestà et foglie averto • et 
come fono in suxo la porta alcuni fanti pre- 
xeno la porta et subito la zente d'arme in- 
tra dentro dal castelo, a hore vi de note. 
Et nel castelo erano pochi homeni, ch'era- 
no tuli a le ville ; et la matina gli uomeni 
del paexe andono a campo al castelo et fe- 
ceno de molte roste et non voleano fare 
pati alcuni a Piedro Iampaulo, ci quale vo- 
Ica esere satisfato de la rotta che lui 1 avea c c 
avuta con meser Valdesera da Ofìda; et 
Pietro Jampaulo, vedendo che gli uomeni 
eh' erano fuora se regolavano male, usi fuora 
del castelo con soa ccntc d'arme et pre- 
xeno molti huomeni de Budrio e delle cir- 
constancie, et fuorom morti xxxvi huomeni 
et feriti circha ce; et miscno a sacomano el 
ditto castelo. 

1437. — La canpana grossa del co- 
mune de Bologna, chiamada lo Rengo, fuo 
zeiata adì xvi de novembre a hore vi de 
notte, et fuo zetata de dreto da Sancto Pe- 
tronio ; et pexò livere doxento millia e più. 



?ioa 

>/. 1 



26. erano] segue nel cod. pò cancell. 



1 Nella cronaca B vi ha la data del 16 novembre. 



* Nel testo A la notizia è posta sotto il 1437. 



[AA. 1437-1438] 



BONONIENSIUM 



89 



Cronaca A 



Anno Christi Mcccc38 adì 23 de ze- 
naro, papa Eugenio se partì del palazo, 
donde el steva in Bologna et si andò in 
castello; et la mattina a hore 12 montò in 
nave al porto de Machagnam 1 et si andò a 
Ferara; et andò per casone de fare lo con- 
cilio lì. Et si fé venire lo imperadore de 
Constantinopoli 2 in Ferara cum li denari de 
Bologna, che de ad intendere a li cittadini 
de Bologna che faria fare lo concilio in 
Bologna, et fé mettere l'inbotado a soldi 
uno e mezo per corba, et li affìcti e le pi- 
sone delle chase e boteghe altrotanto per 
lira, et colse parechie migliara de duchati 
et mandogli allo imperadore predicto; et 
venne in Ferara forsi cum cinquecento 
boche a le spese de' Bolognisi, la quale cosa 
molto despiaque alli cittadini de Bologna. 

Adì 18 de mazo Nicolò Pizinino, ca- 
pitanio delle gente d'arme del ducha de 
Millano, tornò de Romagna et venne in sul 
contado del comun de Bologna; et adì xx 
del dicto venne al ponte Maore et alozò in 
la chiesia de' Croxadi 3 , et si mandò una lit- 
tera a monsignore governadore in Bologna' 
sbisaper lo papa Eugenio, zò fu el vescovo de 
Concordia 4 . In la quale littera se contenia 
corno veniva per suo nemigho. Allora mon- 
signore mandò per li massari et per altri 
cittadini, manifestandogli el tenore della 
littera, pregandoli che dovesseno essere va- 
lenti; et mandono a tucte le porte et si de 
licentia che ognomo posesse comparare et 
portare arme et fé mettere le gente d'arme 
in punto da pè et da cavallo, et mandò 
una grida che ogni homo dovesse tucta la 
nocte tegnire una lume apresa fuora de 
l'usso ; et questo fé perché se vedesse lume 
andare per la terra perché l'era molto buro. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



1 II porto Macagnano era in Bologna, alla porta, 
sul canal Navile. 

2 Giovanni Vili. 



Cronaca B 

1437. — L! imperadore re de Hong aria 
morì del mese de dexembre, e 7 papa Uze- 
nio feze fare uno bello hosequio in la ghie- 
xia de san Petronio -per l'anema sua, adì 
viiii del mexe de zenaro del 1438. 

Come el papa Eugenio se partì da Bo- 
logna ET ANDOE A FERARA. 

1438. — MI papa Fuzenio se parli del 
palazo grande de Bologna et andoe in ca- 
stelo adi xxiii de zenaro et la matina a 
hore xii muntoe in nave al porto de Ma- 
chagnano et andoe a Ferara per caxone de 
fare el concilio. Al quale concilio fece ve- 
gnie l'imperadore de Costantinopoli con 
gli dinari de Bologna, però che 'l diede 
ad intendere agli citadini de Bologna che 
7 faria fare el concilio in Bologna. Et 
fece metere Vimbotado a soldi uno, dinari 
sie per corbe, et gli afitti e pixune de caxe 
e de boteghe a soldi uno, dinari sie per li- 
vera ; de la quale colta colse xxx millia de 
duchati et mandogli a V imperadore predito 
che venisse-, e così venne in Ferara con v 
cento boche a le spexe di Bolognixi. La 
quale cosa molto despiaque a la mazore parte 
di zitadini de Bologna. 

1438. — Nicolò Pez enino capetanio del e. zio a - coi. _> 
ducha de Milane venne nel contado de Bo- 
logna con sua zente adì xxiiii de marzo, et 
adì xxvi dito venne al Borgo e a Chaxa- 
lechio, et adì xxvii andoe a lozare a l'idexe 5 ; 
et monsignore lo governadore glie mandò vi- 
tuaria piti per paura che per amore. Ft adì 
xxviiii dito andoe nel contado d'Imola et 
andosene con lui Piedro Iampaulo con sua 
brigada, capetanio del papa Uzenio senza 
lizencia. 



3 I Crociali. Vedi nota 4 a p. 7. 

4 Ricordato più volte sopra. Vedi nota 1 a p. 83. 

5 Idice, fiumiciattolo a est di Bologna. 



90 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1438] 



e . <ybu i) 



Cronaca A 

Et quando fu apresso a tre hore de nocte, 
lo dicto Nicolò Pizinino cum soe gente 
d'arme veneno a le porte, zoè a strà Sani 
Vidale e strà Sam Donato, et gli amisi che 
funo de misser Antonio di Bentivogli, li 
quali sono quisti, zoè: 

Francesco de ser Paxe de' Fantuzi, 

Zohanne de' Fantuzi, 

Charlo de' Malvizi, 

Raphaele de' Foscharari, 

Michele de Lamdim, 

Piero dal Purgho, 

Iacomo delli Ingrati, 

Landim, becharo, 

Zuliano del Fisso, becharo, 

Iacomo da Chaverara, 
et la mazore parte delli amisi de' Bentivo- 
gli, et andono a la porta de Strà Sam Do- 
nato et quella roppeno cum manare et si 
misseno dentro parte della dieta gente gri- 
dando: "Viva el ducha e '1 puovolo n ; et 
corseno alla piazza li cittadini cum de quilli 
del ducha, onde fu arostado tucta la terra. 
Non sabiando del tractado, credeano la 
mazore parte che fusseno intradi per forza. 
Et introno dentro a tre hore de notte, et 
lo dicto Nicolò Pizinino intrò dentro della 
terra cum pocha gente, et la persona soa 
stette in strà Sam Donato tucta la nocte 
inrino a dì; et poi andò alla piazza, et si 
fu preso la mazore parte delle gente d'arme 
del papa; et monsignore si se tenne in lo 
palazo cum li fanti et cum lo resto della 
gente d'arme, inlìno a hore 21 et poi se 
rese, salvo l'avere e Ile persone. Et fu 
messo lo dicto monsignore in lo palazo de' 
nodari, et lì sté inlìno a l'altro dì, possa se 
ne andò a Ferara. 

Et adì 22 del dicto mese de mazo 
Nicolò Pizinino disse a li citadini che fes- 
seno li signuri, et cossi feno, lo nome di 
quali sono quisi, zoè: 

Raphaele de' Foscharari, confaloniero 
de zustisia, 

misser Charlo de' Ghixilieri, 

misser Romio de' Pepuli, 

Baptista Poeta, 

Nicolò de' Ghozadini, 

Baptista Magnam, 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



50 



Cronaca B 

Come alquanti citadini de Bologna de 
la parte de meser Antonio di Ben- 
tivogli tolseno Bologna al papa 
Euzenio quarto. 

1438. — Nicolò Pezenino, capetanio 
del ducha de Milane, tornoe de Romagna a- 
dì xviii de mazo et venne nel contado de 
Bologna et adì xx del dito venne al fonte 
Muore et alozoe in la ghiexia di Croxadi, 
et ìnandoc a monsignore lo governadorc in 
Bologna per lo -papa. Ne la quale se con- 
teggila come vegnia per suo filmico. Alo/a 
monsignore mandoc per li masari delle arte 
et per altri citadini, notificandoli el tenore 
de la litera, pregandoli che doveseno escrc 
valenti huomcni, et mandone a tute le fuor- 
te; e diede lizencia che zaschuna persona 
potesse comparare e portare arme, però 
che inanci alcuna persona non posea por- 
tare arine; et fece armare tute le zentc 
d'arme da cavalo e da piede. Possa man- 
doc una crida che zaschuna persona dovesse 
tegnirc tuta la nocte una lume impresa, fuor a 
de l'uso; et questo fece perchè se vedesse 
lume andare per la terra, perchè era molto 
oschuro. Ft quando fuo apresso Hi hore 
de note, eV dito Nicolò Pezenino con s:ic'' c ' oì ob l 
zente d'arme venne a la porta de Strà san 
Donado e a quèla de Strà san Vtdale; et 
gli amici che fuoron de meser Antonio di 
lìentivogli, zio fuoron quisti, in prima: 

Francescho de ser Paxe di Fantuzi, 

Giovanne di Fanluci, 

Charlo Malvezo, 

Rafael di foscharari, 

Michele de' Landini, 

Piero dal Pur ego, 

Iacomo degt Imgrà, 

Landim, becharo, 

Gallane de Fifo, becharo, 

facomo da Chaverara, e la mazore 
parte degli amixi di Bentivogli andono a 
la porta de Strà san Donado, et quela ro- 
peno con manare et miscno dentro parte 
de la ditta zente, cridando: " Viva el popolo 
" e 'l ducha de Milane fl , et andono in piaza 
li zitadini con gli soldati del ducha. Et 
per questo remore fuo arostata tuta la ci- 



[A. 1438] 



BONONIENSIUM 



91 



Cronaca A 

Iacomo da Muglio, nodaro, 

Tadio de' Bentivogli, nodaro, 

Guasparo de' Mal vizi; 
et introno lo dicto dì, zoè fu adì 22 del 
dicto, el dì dell'Asenso l . Et poi lo dicto 
Nicolò Pezinino mandò di fanti soi atorno 
el castello dalla porta de Galiera; et quilli 
del castello cominzono a bonbardare et si 
amazono uno Francesco da Dugliolo, et 
non se voleano rendere; de che el dicto 
capitanio si fé fare una tagliata atorno la 
fossa del castello, onde lo capitanio del 
dicto castello, che havea nome Baptista da 
Varim 8 , si se salvò l'avere e Ile persone cum 
questo, che '1 voleva duchati sette millia, 
et che se voleva tegnire per tucto lo dicto 
mese. Et l'ultimo dì del dicto mese havé 
li dicti denari ; et el primo de zugno tolse 
li cittadini la tenuta del dicto castello et 
si li misseno le bandiere del comun in su 
la torre. 

Et comò fu revelado Bologna al papa, 
incontinenti si se revellò Forlì et Ymola, 
et tucte le castelle de Bologna mando- 
no le chiave al dicto Nicolò Pizinino 
capitanio pre dicto, salvo che Cento e la 
Pieve 3 , che se tenea per monsignore de 
Santa Croxe vescovo de Bologna 4 . Onde 
Nicolò li mandò a dire che '1 voleva la te- 
nuta delle roche et delle castelle, altramente 
li faria pocho a piasere. Et subito gli le 
deno più per paura che per amore, che 
era più temudo che capitanio che fusse in 
Ytalia. Et adì 2 de zugno predicto, li 
signuri si mandono a donare al dicto capi- 
tanio uno stendardo a l'arma del comun 
de Bologna et uno bello corsiero coverto 
de veluto charmesino et uno almetto guar- 
nido d'argento. Et adì tri del dicto, el 
dicto capitanio se partì, ch'era alozato al 
ponte Maore, et si andò verso Lombardia; 
et in fino che non fu partido, tucte le strade 
de Bologna Steno arostade, salvo che strà, 



4. segno d'attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



40 



Cronaca B 

tade, non suolando del tratato facto, e la 
mazore -parte di citadini credeano chi fos- 
seno intrati -per forza. Et veneno dentro 
a hore iti de note; et venne dentro el dito 
Nicolò con pocha zente, et tuta la note stete 
in strà San Donado in fino a di, possa an- 
doe in piaza. Et fuo prexo tute le zente 
d'arme del papa, et monsignore stete in pa- 
lazo con li fanti in fino a hore xxi, possa 
se rexe : salvo l'avere e le persone. El dito 
monsignore fuo messo in lo palazo di no- 
dari et ive stete infino a l'altro zorno, pos- 
sa se n'andoc a Ferara. 

Et adi xxii de mazo el dito Nicolò 
dise a li citadini che f esseno i signiuri an- 
ciani com'era uxanza ; et così fcceno. I numi 
di quali fuoron quisti, zoè, in prima : 

Rafael di Foscharari confaloniero de 
zoslixia, 

Batisti Magnano, 

meser Romio di Repoli, 

Batista Poeta, 

meser Charlo di Ghixilieri, 

Nicolò di Gozadini, 

Iacomo da Muglio, 

Guasparo di Malvici, 

Tadio di Bentivogli; 

et introno el dito dì, ci dì de V Asensa. 

Nicolò predito mandoc li fanti suoi al 
castclo da la porta de Galiera, et quilli del 
castelo comenzono a bombardare et amazono 
Francescho da Dugliolo. El castclano non 
se volea rendere, e per questo Nicolò Pe- 
zenino glie fece fare una tagliada intorno 
al castello, e 7 castelano, ciò vedendo, se 
rexe salvo l'avere e le persone et con que- 
sto ch'el volea ii{ 'millia livere de Bolognin 
per resto de le sue paghe, et volea stare 
nel dito castelo per Ulto quelo mexe\ et a- 
dì ultimo de mazo ave li diti dinari. Et 
adì primo de zugno i citadini de Bologna 
tolseno la lignuda del dito castclo et mixe- 
110 le bandiere del comune de Bologna in 



C. 210 b - COI 2 



1 La festa dell'Ascensione. 

2 Narni, più giustamente ha il testo B. 



3 La Pieve di Cento. Vedi nota 3 a p. 9. 

4 II card. Niccolò Albergati più volte ricordato. 5 



92 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1438] 



Cronaca A 

Sam Donato et strà Maore infino alla piazza 
et dalla piaza infino al merchato per la 
via che va a Sam Tomase del merchato; 
sì che Bologna sté arostada 14 dì. Et que- 
sto fu de volontade del dicto capitanio ; 
che '1 disea s'el bisognasse de venire a 
conbatere el castello cum tucta la soa bri- 
gata, dubitava che non poria tenere la furia 
delli dicti. Et partido che fu, funo desfacte. 

Et adì 5 del dicto fu facto 12 confalo- 
nieri per sette misi, li nomi di quali si sono 
quisti, zoè: 
e 9 a Per porta sam Proculo: 

Mestro Zohanne Francesco, 

Zohanne dal Chalexe, spiziale, 

Iacomo de Zanzifrabi; 

Per porta Ravignana: 

Allexandro de misser Bartolomio de' 
Manzoli, 

Ludovigho de' Bianchi, 

Zohanne de Dolfo; 

Per porta Sam Piero: 

Azzo de Piero da Quarto, 

Stazio dalle Paliotte, 

Zohanne de Thomaxe de' Bianchitti; 
Per porta Stieri : 

Bartolomio de Venente, strazarolo, 

Nicolò de' Rustigam, 

Andrea de Castello. 

Poi lo dicto capitanio ' misse uno ca- 
stellano in lo castello cum quatrocento 
fanti a soa posta, et cossi in tucte le roche 
del contado de Bologna. Et molte cose 
non funo observate a li Bolognisi che gli 
erano state promesse. 

Et lo principio del movimento de questa 
novitade si fu Ghirardo de' Ramghuni da 
Modena, el quale andò a Ferara et fu a 
parlamento cum Raphaelle de' Foscharari 
de tale materia et mandono ad effetto le 
diete cose, corno è scripto de sopra. 

Adì 6 de novenbre Raphaelle de' Fo- 
scharari, confaloniero de zustisia, fé met- 



9. poria] segue nel cod. venire cariceli. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

suso la torc, e V castelano vechio, nome Ba- 
tista da Narni se n'andò con sua brigada. 

Et come Juo revelato Bologna al pa- 
pa, incontenente se revelò Ymola e Forlì e 
tute le castelle di diti contadi) e le chastelle 
del contado de Bologna mandono le chiave 
al dito Nicolò, salvo che quilli de Cento e 
de la Pieve che se tegniano -per monsignore 
de Santa Croxe, vescovo de Bologna, lin- 
de Nicolò predito mandò a dire a li diti 
contadini ck'el volea la tegnuta de le dite 
castele, altramente glie /aria pocho a piacere. 
Gli uomcni, ciò udendo, glie deno le chiave 
delle castelle, più per paura che per amore. 
Et adi ii de zugno i segniuri anciani man- 
dono a donare al dito Nicolò uno stendardo 
a l'arma del comune de Bologna et uno cor- 
siero covertato de carmexino et uno elmeto '""/ 
coperto tuto d'arzento. Et adì Hi de zu- 
gno ci dito Nicolò se partì con soa zente 
et andosene in Lombardia. Et in fino che 
7 dito Nicolò non fuo partito tute le strade 
de Bologna steteron arostatc, salvo che strà 
San Donado et strà Maore, in fino a la piaza 
et in fino al merchado per la via che va a 
San To?naxe dal merchado, sì che Bolonia 
stete sbarata xiiii zumi ; et questo fuo de 
volontade del dito Nicolò, però che 'l dicea 
se 'l boxognasse de vegnire a combatere el 
castelo, che tuia soa brigata non poria lenire. 

Et adì v de zugno i segnori anciani 
fcceron xii confalonieri del puovelo per vii 
misi, i numi di quali fuor on quisti, zoè : 

Meser Giovanne Jrancescho da Tosi- 
gnano, 

Giovanne dal Calcxe, 

facomo di Zangifabrì, 

Alisandro di Manzuoli, 

Lodovigo di Bianchi, 

ser Giovanne de Dolfolo, 

Azo da Quarto, 

Stacio da le Ballote, 

Giovanne di Bianchiti, 



3-3. Batista] il cod. aveva bastista, poi il primo 
% fu cariceli. — 32. segnori] segue a cariceli, nel cod. — 
40. Lodovigo] l'i fu aggiunto pia tardi sopra la riga 



1 Niccolò Piccinino. 



{AA. 1438-1439] 



BONONIENS1UM 



93 



Cronaca A 

tere le chadene alle boche della piazza et 
cossi alle porte; et questo fé a despecto de 
ogni homo. 



Anno Christi Mcccc39 el papa Euge- 
nio, siando a Ferara, fé mettere in punto 
soa robba et mandola a Faenza, zoxo per 
Po, et misse nominanza che volea andare 
per quella via a Fiorenza; et adì 16 de 
zenaro del dicto anno andò de fuora da 
Ferara alla chiesia de santo Antonio et fé 
mettere le nave in punto mostrando de an- 
dare verso Faenza; et da hore 22 el dicto 
montò a cavallo et si andò a Modena acom- 
pagnato dal fiolo del marchexe cum gente 
d'arme, et si andò per lo Fregnano ' et tirò 
a Pistoglia 2 , et poi andò a Fiorenza et lì 
demorò.' 
c.9b Adì 28 de zenaro, la notte sequente, 

Baptista da Canedolo et Ludovigo suo chiu- 
sino si introno in castello dalla porta de 
Ghaliera cum volontade de Nicolò Pizinino 
et si intrò cum 13 cavagli de soi amisi, et 
la matina dalla canpana dal dì, zoè adì 
29 del dicto, si andò a piaza cum la gente 
d'arme che steva in Galiera apresso el ca- 
stello. El chò de quella gente si era uno 
Sagramoro da Parma, et quando funo a 
piaza andono alla porta del palazo, et uno 
ser Piero da Soana, comissario in Bologna 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Bartolomio de Vencnte, 

Nicolò di Rustigam, 

Andrea da Castelo 8 . 

JSt dito Nicolò Pezenino mixe uno ca- 
stelano in lo caslelo con ecce fanti a soa 
■posta, et così in tute le roche del eontado de 
Bolonia; e molte cose non fuoron hoscr- 
vale a' Bolognixi, che gli erano state pro- 
messe. 

FI principio del movimento de questa 
novitadc fuo Ghirardo di Ranguny da Mo- 
dena, el quale andoe a Ferara et fuo a par- 
lamento con Rafael di foscharari, de tale 
materia, et mandono ad efeto le dite cose 
come tu ai trovate scrite. 

Come el papa Euzenio se partì da Fé- <-. 2 u a - coi. , 
rara con soa corte et andoe a sta- 
re a Fiorenza. 

1439. — RI papa Eugenio esendo in 
Ferara, fece mandare sua roba in Romagna 
per acqua, mostrando de volere andare a Fio- 
renza per quela via; et adì xvi de zenaro 
andoe de fuora da Ferara a la ghiexia de 
santo Antonio et fece metere una nave in 
punto, mostrando de volere andare verso Ro- 
magna; et a hore xxii muntoe a cavalo et 
andoe a Modena acompagnato del figliolo 
del marchexe con zente d'arme, et andoe per 
lo Frignano, et arivò a Pestoia ; possa an- 
doe a Fiorenza e ly demoroe coti la soa 
corte. 

Come Batista da Canedolo e Lodovigo 
suo chuxino veneron in lo Castelo 
de la porta de galiera. 

Batista da Canedolo e Lodovigo suo 
chuxino introno in lo castelo de la porta 
de Galiera adì xxviii de zenaro, la note 
sequente, con volontade de Nicolò Pezenino ; 



30. del] segue 1 cancell. nel cod. — 39. Galiera] 
di mano più iarda e in inchiostro rosso segue : e come 
Aniballe di Bentivogli e' cazziò via 



1 II Frignano. 

2 Pistoia. 



Vedi nota 4 a p. 35. 



3 Nella cronaca A c'è la distinzione per quartiere 
o porta dei confalonieri. 



94 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1439] 



Cronaca A 

per Nicolò Pizinino capitanio predicto, 
andò alla porta del dicto palazo et fesse 
aprire; et aperta che fu, si intrò Baptista 
da Canedolo in lo dicto palazo et si andò 
suso da li signuri et tocholi la mano et poi 
tornò in piazza, et si serono alchuna delle 
boche della piaza cum le cadene, et steva 
in piaza cum le gente d'arme. Allora fu 
portato le novelle a Aniballe de misser 
Antonio de' Bentivogli, che steva in strà 
Sam Donato; de che subito mandò uno suo 
amico a sonare la canpana de Sam Iacomo, 
onde se arecolse de molta gente a chasa 
del dicto Aniballe et si gli andò uno con- 
faloniero cum lo confalone, et si asbarono 
la strada. Et quando Baptista sentì questo, 
mandò per Aniballe, digando che li voleva 
parlare et non li voleva andare, ma andò 
cum la gente soa infino in porta Ravignana. 
Et Sagramora andò da Aniballe et promi- 
seli sopra la soa fede che non li seria facto 
despiasere nessuno, onde andò et si lassò 
la soa brigata in porta; et andato che fu 
in piaza, tochò la mano a Baptista predicto 
et poi tornò a chasa; et l'una parte et l'altra 
si se desarmono; et poi lo dicto Aniballe 
tornò a piaza, et si andò Baptista, el chiu- 
sino et Aniballe cum le gente d'arme al 
castello, et Baptista e lo chusino Steno in 
lo castello et Aniballe sté in chasa cum 
Sagramoro apresso lo castello. Et poi la 
matina andò de molti cittadini da Ili dicti 
et si gli acordono inseme; et si andono in 
palazo et feno paxe inseme denanzi a li 
signuri, ma non se fidavano però l'uno de 
l'altro. Et Aniballe si andò da Nicolò Pi- 
zinino capitanio delle gente d'arme del 
ducha de Milano, ch'era a campo a uno ca- 
stello chiamato Ladrom ' et guerezava cum 
li Veneziani; et li signuri li mandono una 
ambassaria, li nomi di quali si furono qui- 
eti, zoè: 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



3 1 ; b 



Cronaca B 

et introgli con xiii cavagli di suoi amixi. 
Et la matina, a la campana dal dì, ady 
xxviiii andoe in -piaza con le zente d'arme 
ch'erano in Bologna a posta de Nicolò Pe- 
zenino, et Sagramoro da Parma era con- 
dutiero di diti soldati. Et quando fuo in 
piaza, andoe a la porta del palazo, et uno 
ser Piero da Soana, comcsario in Bologna 
per Nicolò Pezenino, glie fece aprire la 
porta ; et come fuo aperta, el dito Batista 
intrò in palazo e andoe dagli segnori et 
tocholi la mano, possa tornoe in piaza e 
fece serare le cadene delle boche de piaza 
et stete in piaza con le zente d'arme. Alora 
fuo portala la novcla a Anibale de meser 
Antonio di Bentivogli, come Batista da Ca- 
nedolo era in piaza, e 'l dito Anibale fe- 
ce sonare la campana de San Iacomo. Al 
quale* sono de campana tuli gli amici suoi coi. ì 
andono in strà San Donado con le loro ar- 
me, et andogli uno confaloniero con lo con- 
falone, et asbarono la strada. Et quando 
Batista da Canedolo sentì l'armata che ficea 
Anibale, temete et mandoc per Anibale, di- 
gando che li volca parlare. Anibale, ciò uden- 
do, non li volse andare et partise da casa con 
soa brigata e andoe in porta Ravignana. 
Et Sagramoro capelanio del zente d'arme, 
ciò udendo, se partì de piaza e andoe ad Ani- 
baie e tanto fece con lui, promctcnJoli sopra 
la fede soa buona fidanza, che Ilo menò in 
piaza, et la sua brigada romaxe in porta ; et 
quando el fuo in piaza tochoe la mano a 
Batista da Canedolo, et l'una parte e l'altra 
se n'andono a caxa a dexermare. El dito 
Anibale iornoc in piaza et andoe con Ba- 
tista e Lodovigo suo chuxiuo e con le zente 
d'arme al caslclo. Et Batista e Lodovigo 
andono in caslclo e Anibale stete in caxa 
de Sagramoro. Et la matina sequente multi 
citadini andarono dagli ditti et acordar onse 
inseme et andarono in palazo e f eceno pace 



22-23. *'' margine sinistro, di mano assai antica : 
Fo Piero dal Purgo — 30-44. una mano assai antica 
scrisse parecchie cose nel margine sinistro, ma l* parole 
furono poi quasi interamente raschiate 



1 Forse Ludriano, comune del circondario di Chia- ri in provincia di Brescia. 



[A. 1439] 



BONONIENSIUM 



95 



Cronaca A 

Misser Zohanne de' Griffuni, cavaliere», 

misser Romio de' Pepuli doctore, 

mestro Antonio de' Ranuzzi medego; 

et Nicolò Pizinino disse a li dicti am- 
bassaduri che soa intentione si era che li 
f. /oadiexe della Baylia' fusseno confermadi et 
che loro fesseno gli officii a suo senno, et 
cossi feno : onde Baptista se partì et Ludo- 
vigo suo chusino et si andono in campo. 

Adì 26 d'aprile lo ducha de Millano 
si donò Imola a Guido Antonio signore de 
Faenza *, et el dicto tolse la tenuta la nocte 
sequente a hore cinque. Poi lo dicto si- 
gnore de Faenza si se aconzò a soldo cum 
lo ducha de Millano cum mille cinquecento 
cavagli et roppeno la guerra cum li Ma- 
latesti; et lo conte Francesco da Codo- 
gnola venne in susidio de' Malatesti, et in 
pochi dì preseno Forlimpuovolo 2 . 

Possa lo dicto conte venne nel conta- 
do d'Imola et misseno a sacomanno uno 
castello chiamato Mordane 3 ; possa veneno 
in lo bolognese facendo molto danno et 
andorono a Ferara passando per mezo la 
dieta città et andorono dreto a Po infino 
al mare, et de Ili andono a Chioza et da 
Chioza andorono a Padoa cum molta loro 
faticha. Facto questo lo dicto conte andò 
a Vinexia et havé molte migliara de du- 
ellati dalli Veneziani per socoroli, che Ni- 
colò Pizinino et lo signore de Mantoa gli 
toleano tucte le soe castelle. 

Fu aducto in Bologna doe scripte et 
messe una a la porta de Sam Piero et una 
a quella de Santo Petronio, comò el papa 
Eugenio quarto era stato privado per lo 
concilio de Basilea de ogni dignitade ecle- 
siasticha et scomunichato ogni signoria che 
li desse rezetto; et in quella scripta se con- 
tinea lui essere sismaticho, simoniache 
hereticho; et fu messe le diete scripte alle 
diete porte adì 21 de luglio; et fu privato 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

inserite dinanci agli segnory andarti. Ma 
non se -fidavano fero l'uno de l'altro, et -per 
questo Anibale perdito andoe da Nicolò Pe- 
zenino, el quale era a campo nelle monta- 
gne de Bresa in Valdideri a uno castello 
nome Lodrone, et guerezava con gli Vene- 
ciani. Et gli segnori anciani li mandono 
una ambasaria, i numi di quali fuor on qui- 
sli, in -prima, zoè: 

Meser Giovanne Grifone, cavaliero, 

meser Romio Pepoli, dotore, 

mestro Antonio di Ranuzi, medego. 

JEt Nicolò Pezenino disse agli anba- 
satori che soa intcncione era che li' diece de e. 2 ub - coi ? 
la bailia fuoseron confirmati et che loro 
feseron gli oficii a loro modo. 

Et gli diti ambasatori et Anibale tor- 
naron a Bologna el dì de carnevale, et di- 
seno nel consiglio la risposta che aveano 
avuta da Nicolò Pezenino; et per questa 
grata resposta, gli segnori e gli diece fa- 
ceano quelo che a loro piacea; et Batista e 
Lodovico da Canedolo, ciò vedendo, se par- 
tiron da Bologna et andaron in lo camfo 
del dito Nicolò. 

1439. — El ducha de Milane donoe la 
cita d' Imola a Guido Antonio segnore de 
Faenza; et adì xxvi d'aprile tolse la tenuta 
a hore v, la note sequente. El dito segnore 
s'achunzoe con lo ducha de Milane con mille 
v cento cavagli et ropeno la guerra con gli 
Malatesti. El conte Francescho da Chtidi- 
gnola venne in susidio di Malatesti et in 
pochi zumi prexèno Furlì in popolo. 

Possa el dito conte venne nel contado 
d' Imola et miseno a sacomano uno cast e lo 
nome Mordane. Possa veneron nel bolognexc 
facendo molto danno, et andaron a Ferara 
pasando per mezo la dita citade, et anda- 
rono dreto al Po in fino al mare, et de lì 
andono a Chioza et da Chioza andarom a 



2. dinanci] segue nel cod. d cancell. — 42. lì] 
segue nel cod. a cancell. 



1 Guido Antonio Manfredi. 
* Forlimpopoli, comune del circondario e 
vincla di Forlì, ai piedi del colle. 



pro- 



3 Mordano, comune del circondario d'Imola, pro- 
vincia di Bologna. 



96 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1439] 



e. iob 



Cronaca A 

in Baxilea dal dicto conzilio adì 25 de 
zugno del dicto anno; et lo dicto papa 
steva in Fiorenza. 

Adì 14 d'agosto morì mestro Nicolò 
dalla Fava, el quale si era cossi famoso 
philosapho comò se trovasse in Ytalia; et 
fu sepelito in la chiesia de santo Iacomo 
in strà Sam Donato, zoè de' fra Heremitani. 

Adì ultimo d'agosto, in lunedì matti- 
na, lo imperadore de Costantinopoli ' intrò 
in Bologna,, et intrò per la porta de Strà 
Sam Stevano, et venne da Fiorenza perché 
era stato in corte del papa Eugenio, el 
quale demorava in quella volta a Fiorenza ; 
et alla soa venuta li fu facto grande ho- 
nore, che tucto quello dì sté serado le bo- 
teghe et sonò tucte le canpane del comune, 
et si gli andò li signuri incontra a cavallo 
et confalonieri e massari a pè cum le con- 
pagnie de le arte; et tucti li confalonieri 
li fé portare li soi confaluni ch'erano do- 
dexe, et menogli le rhedene quisti, zoè:' 

Misser Romio de' Pepuli, 

Raphaelle de' Foscharari. 
Et si desposò in vescoado et fugli facto le 
spese de ogni cosa a spese de monsignore 
de Santa Croxe cardenale. Et li fé uno ca- 
valiero adì dui de setembre, zoè uno putto 
de otto anni fiolo de Guido Antonio signore 
de Faenza; et comò l'ave facto se partì et 
si andò verso suo paese. 

Et la venuta che fé lo dicto impera- 
dore in Ytalia si fu che, siando lo so- 
pradicto papa in Bologna, el dicto papa 
mandò ambasaria al dicto imperadore, 
pregando che li dovesse piasere de ve- 
nire in Bologna al concilio et udire la 
rasone per le quale cometevano grande 
heresia nella fede, onde lo dicto impera- 
dore se declinò a volere venire * ; et per 
questo el papa fé chiamare de molti citta- 
dini de Bologna et mani f estogli comò lo 
dicto imperadore voleva venire a Bologna, 
ma bisognava trovare trenta millia tiorini 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

Padoa con molta loro fatica. Fato questo, 
el dito conte andoe a Vinexia et ave molte 
migliar a de ducati dagli Veneziani \ 'per 
secorrerli, che Nicolò Pezenino e 'l segnore 
de Mantoa gli folcano tute le sue castelle. 

1439. — In Bolog7ia fuoron portate 
due letere, et una ne fuo messa a la porta 
de Sancto Pietro, l'altra a la porta de San- 
do Petronio] come ci papa Euzenio quarto'*,'*" 
era stato privato per lo concilio de Baxi- 
lea d'ogne dignitade eclexiastica et exchu- 
minicata hogne signoria che li desse rezeto, 
et in quelle scrite se contegnia lui esere si- 
moniaco e hcr etico- et fuoron mese le dite 
letere adì xxi de luglio, e fuo privata in 
Baxilea dal dito concilio ady xxv de zugno. 
Nel quale anno era in Fiorenza ci dito pa- 
pa Uzcnio. 

1439. — Mestro Nicolò da la Fava, 
citadino de Bologna morto, adì xiiii d'agho- 
sto. MI quale era così famoso fUoxaffo come 
fuose in Italia in quelo tempo; et fuo se- 
pelito ne la ghiexia de santo Iacomo degli 
frati Pumi tatti. 

1439. — U imperadore de Comstantino- 
poly intrò in Bologna adi ultimo del mese 
d'aghosto, in lunedì matina, et venne per la 
porta de Strà san Stievan ; et venia da Fio- 
renza, ch'era stato in corte del papa Uze- 
nio. Et a la sua venuta glie fuo fato gran- 
de honore, et tuto quelo ziortto steteno le bo- 
teghe serate. Et andogli incontra gli se- 
gnori e confaloneri con gli confaloni e 
masari a cavalo et le compagnie delle arte, 
et menogli le redano meser Romio di Pe- 
poli e Rafael di Foscharari, et alozoe nel 
vescoato, et f atoglie le spexe de tuto quelo 
che gli boxognava, a le spexe de monsignore 
de Santa Croxe. Et adi ii de setembre 
fece uno cavaliero nome meser Tadeo, de 
he t ade de anni viii, el quale era figliuolo de 



6. sue] segue nel cod. e cariceli. 



1 Vedi nota i a p. 66. 

2 Sopra è stata narrata ampiamente la ragione 



dell'invito fatto dal papa all'imperatore di Costanti- 
nopoli per il concilio che doveva tenersi in Rologna. 5 



[A. 1439] 



BONONIENSIUM 



97 



Cronaca A 

per dare allo dicto imperadore; onde li 
cittadini, vedendo la utilitade che seguiria 
de soa venuta et lo honore che seria alla 
Christianitade se offerseno de trovare li 
dicti denari, et funo trovadi fra alquanti 
cittadini; et poi misseno el dazio dello im- 
botado a nove quatrini per lira, per le pi- 
sone delle chase et boteghe, et cossi per 
zascuna corba de formento et de vino, per 
rendere li dicti denari a quilli cittadini che 
haveano sbursato li dicti denari. Mandato 
che fu li denari allo imperadore, se mosse 
et venne in Ytalia; et vignando e siando per 
via, el papa se partì da Bologna, corno è 
scripto de sopra ', et si andò a Ferara et 
lì venne lo imperadore et poi se partino, 
corno è scripto de sopra, et si andono a 
Fiorenza, et lì fu grande desputatione: in 
fine li Greci romaseno vinti et retornono su 
la via bona santa et vera. 

Del mese de novembre el concilio de 
Basilea si creò uno papa, lo quale se chia- 
mò papa Felixe quarto, lo quale papa si 
era ducha et signore de Savoglia 2 in prima 
che fusse facto papa. Et in quello tempo 
era papa Eugenio quarto che steva a Fio- 
renza, ma havea pocho credito. 

Adì 20 de novembre venne novelle 
in Bologna corno el signore de Mantoa, 
zoè la gente soa et Nicolò Pizinino, si 
aschalono la cittadella de Verona adì 18 
del dicto, a hore quatro, et poi si andono 
a piaza et preseno tucta la terra, salvo che 
'1 castello ch'è su alto, et le altre forteze 
della terra. Et allora lo conte Francesco, 
capitanio de' Veneziani, si andò cum soa 
e. //«gente a Verona et mandò' la gente per lo 
castello et si miseno fuora la gente del si- 
gnore de Mantoa et lui in persona onde la 
tenne tri dì e non più. 



1 Vedi sopra a p. 89, 7-25. 
% Amedeo Vili di Savoia. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

Guido Antonio se gnor e de Faenza. Et fa- 
to questo, muntoe a cavalo et andoe verso 
Fcrare -per andare in soe contrade. 

Come l'imperadore de Costantinopoli 
venne in Bologna, et come i Bolo- 
gnixi aveano paghati xxx milia fio- 
rini perché venisse in ytalia. 

La venuta ■perché lo dito imperadore e. 212 a - coi. 2 
venne in Italia fuo che, esendo el papa in 
Bologna, mandoe una ambasaria al dito im- 
peradore, pregando che a lui piacesse de 
venire a Bologna a concilio a udyre la ra- 
xone per la quale cometeano grandisema 
herexia ne la fede cristiana. L! imperadore, 
ciò udendo, se declinoe a volere venire in Ita- 
lia ; et per questo el papa fece congregare 
multi citadini de Bologna, a li quali dise co- 
me l'imperadore de Constanlinopoli volea ve- 
nire a Bologna a concilio, ma conveniase 
trovare xxx millia fiorini per dare al dito 
imperadore per condurlo a Bologna; ma li 
citadini, vegendo la volontà del papa et la 
utilitade che ne segueria de la sua venuta, 
et l'onore che seria a la cristianitade, si 
oferseno de trovare i diti dinari, et pago- 
li alquanti citadini; et per questo miseno 
el dado de l'imbota, et retrovato gli dinari 
fuoron mandati a l'imperadore, el quale 
venne in Italia. 

El papa se partì de Bologna et andoe 
a Ferara, posa a Fiorenza, come e scrito di 
sopra 3 . 

E ne la cita de Fiorenza fuo grandisime 
disputatone fra Greci e Taliani; infine gli 
Greci romaxeno vinti et veneron suxo la 
via buona e sancla e vera. 

1439. — El concilio de Basilea creò 
uno papa del mese de novembre, ci quale 
fuo chiamato papa Felize quarto. El qual 
papa era segnorc e ducha de Savoglia in 
prima che fosse fato papa. Sì che in que- 
sto tempo erano dui papi, zoè era papa 
Euzenio, che demorava in quel tempo in Fio- 



renza 



3 Vedi sopra a p. 93, 17-34. 



T. XVIII, p. i, v. iv 



98 



CORPUS CHRONICORUM 



[AA. 1439-1440] 



Cronaca A 



Anno Christi Mcccc40 fu tagliato a 
pezzi Raphaelle de Francesco de' Foscha- 
rari cittadino de Bologna, lo quale si era 
uno gran mestro in Bologna; et fu morto 
sotto el portego del spedale della Morte, 
in dricto la via, che va su la corte de' 
Bulgari, et fu adì 4 de febraro la ma- 
rina, sonato de pocho la messa de Sani 
Piero, et fu la zobia iotta. Et la chasone 
de la morte soa fu ch'elio si usò alchune 
parole cative contra de Aniballe de misser 
Antonio de' Bentivogli, digando che lo faria 
tornare a fare le torze lui cum gli amisi 
soi. Et lo dicto Raphaelle per doe volte 
havea facto cum Nicolò Pizinino che Ani- 
balle era stato assai in campo cum lo dicto 
Nicolò, onde lo dicto Aniballe si andò 
quella matina cum certi soi amisi et fami- 
gli et si inscontrò lo dicto Raphaelle, che 
gli era segho parichi provisionadi cum le 
arme, et Aniballe disse a li soi famigli: " Ta- 
gliatane a pezzi questo traditore „, et cossi 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

[Come el segnore de Mantova et Nicolò^/;/ 
Pezenino] prexeno la cita de Ve- 
rona ET come fuoron chazati fuora 

DAL CONTE FRANCESCHO DA CHUDI- 
GNOLA. 

1439. — FI segnore de Mantoa et JViolò 
Pezenino con sua zente ascalono la citadela 
de Verona, adì xviii de novembre, a hore 
iiii° de note, et andono in piaza et prexeno 
tuta la citade, salvo el castelo eh' è verso la 
montagna, e miseno a sacomano una -parte 
de la citade. FI conte Francescho cape- 
tanio di Veneciani, el quale era a campo 
a uno castelo nome Tenne l , livò campo e 
venne con sua zente a Verona et intrò den- 
tro per lo castelo ch'è verso la montagna 
et per forza remise fuora de la citade ci 
segnore de Mantoa e JVicolò Pezenino con 
sua brigata, sì che non la tenne più che 
Hi zumi. 

Come Rafael di Foscharari fuo morto. 

1440. — Rafael di Foscharari citadino 
de Bologna, el quale era uno grandisimo 
mestro in Bologna, fuo morto sotto el por- 
tego del spedale de la Morte intrito la via 
che vae a la corte di Bulgari; e fuo adi 
iiii de febcraro, el dì de la zuoba iota, la 
matina inanzi meza terza. La caxonc de 
la morte sua fuo che lui uxò alquante pa- 
role dcxoncstc contra de Anibale di Bentivo- 
gli, digando che lo faria tornare a fare le 
torse, lui con gli amixi suoi. FI dito Ra- 
fael per doe volle avea fato con JVicolò 
Pezenino che Anibale era stato assai in cam- 
po con lo dito JVicolò; e per questo Ani- 
baie andoe una matina con alcuni suoi ami- 
xi et famigli, et inscontrò el dito Rafael che 
venia in piaza, et era con lui xii privixi- 
nali armati, i quali lui pagava con volon- 



tà'! e de Nicolò Pezenino; et Anibale disse 
agli suoi amici e famigli'. " Tagliati a fiezi 



/C.2I2Ò 

COÌ. 2 



2-3. Come.... l'ezeninoj parole supposte : man 
cano nel coti, perché tagliate via dal legatore 



1 Thiene, circondario della provincia di Vicenza. 



[A. 1440] 



BONONIENSIUM 



99 



Cronaca A 

feno; de che se serrò le boteghe, credendo 
che fusse altro, et le gente d'arme, ch'era- 
no in Bologna a posta de Nicolò Pizinino 
si tirono a piazza, et el chò de quella bri- 
gata si se chiamava misser Zervato l . Onde 
Anibale mandò per lo dicto misser Zer- 
vato et si gli andò a trovarlo a chasa, et 
allora Aniballe de soa volontade se n'andò 
cum lo dicto misser Zervato a chasa soa, 
lo quale steva in Galiera apresso el castello, 
et lì sté parichi dì; et poi lo dicto Aniballe 
si andò da Nicolò Pizinino capitanio del 
ducha de Millano, et a lini disse la chasone 
perché havea facto amazare Raphaelle. 
Quello che li respondesse non lo so, ma 
me parve conprendere chi havé male si se 
n'avé el danno, et non ne fu altro. 

Adì 29 de zugno la gente del ducha 
de Millano la quale era in Thoschana a 
guerezare cum lo comun de Fiorenza, fu 
rotta, et fu rotta tra Borgo Sam Sepolcro 
e 'l castello d'Angliari 2 , apresso el ponte ; 
et si era capitanio della gente del ducha 
Nicolò Pizinino da Perosa. Et in quella 
rotta fu preso de molti condutieri, fra li 
quali li fu quisti, zoè: 

Astore de' Manfridi, signore de Faenza, 

Ludovigo da Parma, 

Sagramoro da Parma, 
et altri assai, et si li roppe la gente de' Fio- 
rentini et quella de papa Eugenio; et si 
e- "*era capitanio' de quella gente Pietro Iam- 
paulo degli Orsini. Et per questo li Fio- 
rentini feceno grandissime allegrezze per 
tucto e loro paese ; et Nicolò Pizinino tornò 
in Lombardia et passò per Bologna adì 
19 de luglio, et non se retenne niente 3 . 

Adì 26 de marzo venne novelle in 
Bologna che '1 castellano de Castello Santo 
Agnolo de Roma havea preso el patriarcha 
de Fiorenza cardinale 4 ; et a la presa soa fu 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

" questo traditore „, a le quale -parole fuo 
morto • et per questo se xerò le boteghe^ cre- 
zando che fosse altro, et meser Zervato, ca- 
ptiamo delle zente d'arme per Nicolò Pe- 
zenino, andoe in piaza con sua brigata e 
Anibale mandoe per meser Zervato, el quale 
andoe a caxa d' Anibale. Alora Anibale an- 
doe de sua volontà a caxa de meser Zervato 
e lì stete alquanti zumi, e possa andoe da 
Nicolò Pezenino et di'seli la raxone sua et 
la caxone perchè lui avea fato ucidere Ra- 
fael. £>uelo che dicesse Nicolò Pezenino 
non sepe mai, ma me pare comprendere chi 
a male suo danno, et non fuo altro. 

1440. — Nicolò Pezenino venne a Bo- 
logna adi iiii de marzo con molta zente 
d'arme, et andogli incontra segnori confa- 
lonieri con gli confaloni e tuta la chere- 
xia; et venne per la porta de San Felixe 
et andoe alozare ai Croxadi de fuor a de stra 
Mazore, possa venne dentro et alozoe in pa- 
lazo ; et adì vii de marzo andoe in Roma- 
gna, possa andoe in Toschana a fare guera 
agli Fiorentini. 

Come el patriarca de Fiorenza fuo pre- 

xo E MORTO. 

1440. — Venne novelle a Bologna adì 
xxvi de marzo che 'l caslelano de Castelo 
Santo Agnolo de Roma avea prexo el pa- 
triarca de Fiorenza cardenale ; et a la pre- 
sa sua fuo ferito in su la testa, de la quale 
ferita morìo. E f ecelo pigliare ci papa 
Uzenio quarto. Disesse che lui menava uno 
tratato con Nicolò Pezenino, de tore le ci- 
tade e le zente dorme al papa\ 

Come Nicolò Pezenino fuo rotto in To- c. zi 3 a 
scana dagli Fiorentini. 

1440. — Nicolò Pezenino, capetanio del 



col. I 



20-21. e tuta. . . . chierexia] parole aggiunte dalla 
stessa mano del cod. sopra la riga 



1 Cervotto Secco. che ne segue immediatamente un'altra del 26 marzo. 

2 Anghiari, comune del circondarlo e provincia 4 Giovanni Vitellcschi cornetano patriarca ales- 
5 di Arezzo. sandrino e vescovo di Firenze, cardinale del titolo di 

3 La notizia è, rispetto alla data, fuori posto, giac- San Lorenzo in Lucina. io 



100 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1440] 



Cronaca A 

ferito in sulla testa, de la quale ferita morì. 
Et fezelo pigliare el papa Eugenio quarto. 
Dissese che lui menava uno tractato cum 
Nicolò Pìzinino de tore la città alle gente 
d'arme del papa. 

In la città de Bologna se descuverse 
uno tratato, el quale tratato si era in questo 
modo, zoè che uno Neri del contado de 
Fiorenza, ustiero in Bologna a lo albergo de 
la Luna, voleva andare a Fiorenza, et disse 
a uno misser Tomase da Logliano: " Volete 
": vui che io fazza alchuna cosa a Fiorenza, 
" che io li voglio andare ?„ Et lo dicto ri- 
spose : " Racomandame al patriarcha ' et 
" digli che io sono a ogni suo comando „, et 
similemente a uno fiorentino, lo quale non 
fu nominado in la condenasone soa per lo 
meglio. Respose el dicto Nero : " Farolo „; 
et si andò a Fiorenza et fé la anbassata al 
dicto patriarcha et ai dicto cittadino de 
Fiorenza. Et allora lo patriarcha respose 
et disse: " Dì a misser Tomase, s'el vole pò 
" fare uno gran bene al santo padre papa 
1 Eugenio quarto, el quale demorava allora 
u in Fiorenza, et faralo el mazore homo de 
u Bologna et perdonaragli ogni inzuria che 
" mai li havesse facto; et 9Ì gli bisogna mille 
" fiorini o doa millia, io gli li mandare per 
" Papi di Medici da Fiorenza „. Partisse el 
dicto Neri et venne a Bologna et fé la dieta 
ambassata a misser Tomaso predicto ; al- 
lora misser Tomaso disse: u Como poriano 
a farc? B . Allora lo dicto Neri disse: "Io 

* sono molto desmestico del capitanio della 
" porta de Strà sam Stevano et si è mio 
tt amico „. Onde lo dicto Neri andò al dicto 
capitanio et disse : tt Me vo' tu dare questa 
a porta et io te farò dare mille fiorini ? „: El 
dicto capitanio respose de sì et non li disse 
altro. Et poi tornò al dicto misser Tomase. 
Et allora disse misser Tomase: " Quando le 

* gente della Chiesia s'aproximarano a Bo- 



10 



15 



!0 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

ducha de Milane, fuo rotto in Toschana ci- 
di xxviiii de zugno, tra el Borgo San 
Sepolcro e 7 castelo d'Anghiari, apreso 
el ponte, el ropelo la zente di Fiorentini e 
del papa. Et in quella -volta era capeianio 
zcneralc di Fiorentini Piedro Iampaulo de- 
gli Orsini ; et multi conduiieri fuoron pre- 
si de quili de Nicolò Pezcnino, i numi di 
quali fuoron quisti, zoè: 

Estore * di Manfredi da Fenza, 

Lodovigo da Panna, 

el Danexe, 

Ruberto da Monte Alboto, 

Antonelo da la Torre) 

et per seno infino agli siindardi 3 . 

Et per questo gli Fiorentini fcceron 
grandisime alegrczc per luto el loro paexc. 
E JVicolò Pezcnino tornoc in Jjombardia, 
et paso per Bologna adi xviiii" de luglio e 
non s'aretenne niente. 

De uno tratato che menava meskr To- 
maxe da Logicano in Bologna, e de 
la morte soa. 

1440. — In la cita de Bologna fuo sco- 
perto uno tratato adì xx d'aghosto, el quale 
tratato fuo in questo modo, zoè che uno Neri 
del contado de Fiorenza, usticri in Bologna 
a l'albergo da la Luna, volea andare a Fio- 
renza, et disse a meser Tomaxe da Loglia- 
no: " Volitc vui che faza alcuna cosa a Fio- 
" rcnzaP ch'io gli voglio andare „. El dito 
respoxe : tt accomandarne al patriarca et di- 
agli ch'io sono al suo comando „ ; e simclmente 
a uno fiorentino, ci quale non fuo anominato 
in la condanaxonc. Rcspoxc ci dito Neri: 
" Farolo volentieri „ , et andò e a Fiorenza 
e fece V ambasata agli ditti. El patriarca 
disc: * Dirae a meser To?naxc s'el vole ch'el' c r f u ", 
tt pub fare uno buono servixio al papa, el 
u quale demorava in quel tempo in Fiorenza, 



1 IJ vescovo di Firenze cardinali' : vedi nota 4 a 



S p. 99- 



23-25. De.... soa) parole scritte in calce alla 
colonna, non essendovi spazio sufficiente in testa al capi- 
toletto 



3 I nomi dei capitani uccisi son più numerosi qui 
che non nella cronaca A. 



2 Astorrc Manfredi. 




[AA 1440 1441] 



BONON1ENSIUM 



101 



Cronaca A 

" logna nui poremo fare questo facto, che io 
* si ò tanti amisi che io tignerò bene quella 
" porta „. Et allora la gente del dicto papa 
si era a campo a Bagnacavallo. Et lo dicto 
tractato se descuverse adì xx d'aghosto del 
dicto anno et fu tagliata la testa a misser To- 
mase, in piaza, et Neri et Francescino ca- 
-"pitanio della' dieta porta funo tanagliati 
atorno la piazza et poi funo impichati a uno 
degorente del pavaglione de' folixelli, et poi 
funo squartadi et apichati li quarti alla 
porta de Strà sam Stevano. Et per questo 
fu preso uno Papi di Medisi da Fiorenza et 
havé tagliato la testa adì 27 d'otobre per 
lo dicto tratato, et dissese che havea aducto 
li denari a li sopradicti. 



Anno Christi Mcccc41, adì 12 de f e- 
braro, uno putto de tri anni e mezo, lo quale 
havea nome Lunardo de Antonio da Sa- 
vignano, chadde in le androne del palaxio 
del podestà de Bologna che nessuno non 
lo vide, et stegli lì dentro dalla domenegha 
infino al martedì in lo stercho et non manzo 
né beve; ma corno Dio volse, andado el 
cavaliero del podestà a fare suo destro, 
lo sentì pianzere, et andossene al podestà 
molto smarido, et contogli quello che havea 
odito. Allora lo podestà li mandò dentro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

" e favolo el mazore huomo de Bologna, et 
a -per donar agli ogne inzuria che mai l'avesse 
" fato e s'el bixogna mille fiorini o doe mil- 
" lia } io gli li mandavo -per Papi di Medici 
" da Fiorenza „ . Partisse el dito Neri e 
venne a Bologna et fece V ambasata a meser 
Tomaxe da Logliane. Alora meser Tomaxc 
disc: " Come -poremo nui fare? „ ; respoxe 
Neri predito : a Io sono molto amico del ca- 
" petanio de la porta de Strà san Sticvan ; 
" lasati fare a mi „ . Et andò Neri al dito 
capetanio e disse: " Me vo' tu dare questa 
tt porta f et io te farò dare mille fioriti ? „ . 
El capetanio disse de sì e non disse altro. 
Alora Neri tornoe a meser Tomaxe e diseli 
quclo che avea dito al capetanio de la porta, 
et meser Tomaxe disse: " lattando la zente 
" de la Ghiexia s'aprosimarano a Bologna 
" nui poremo fare questo fato, ch'io ò tanti 
" amixi che tignirò bene questa porta „ . 
Et in quel tempo la zente del papa era a 
campo a Bagnacavalo in Romagna. El 
dito tratato fuo scoperto a dito di de sopra, 
et adi xxii d'aghosto meser Tomaxe da 
Logliano ave tagliato la testa in piaza, et 
Neri e Francescho capetanio de la dita 
porta fuoron tenaiati intorno la piaza et 
impicati a uno dogorente del Pavagliole, 
possa fuoron squartati et impicati a la porla 
de Strà san Stievan. Et per questo tratato 
fuo prexo uno Papi di Medici da Fiorenza, 
et ave tagliato la testa adì xxviì oT ottobre, 
per lo ditto tratato ; et disesse che avea 
avuto gli dinari a li sopra scriti\ 

De uno puto da Bologna che cadde nel- 
ly destri del podestà'. 

1441. — Uno puto de iii anni e mezo, e. 2130 - coi. 1 
nome Leonardo de Antonio da Savignano, 
cade, adì xii de febraro, nelle androne del 
podestà de Bologna, che alcuna persona noi 
vite, e stete da la domenega in fino al mar- 
tedì ne lo sterco, et non manzo e non beve 
alcuna cosa ; ma come piaque a Dio, andan- 
do el cavaliero del podestà a fare suo de- 
stro, senti el puto pianzere, et andosene al 



46. podestà] segue nel cod. a cancell. 



102 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1441] 






Cronaca A 

dui facilini, cura dopieri aprisi, asogadi 
cum corde, et si lo tirono suso. Allora lo 
podestà lo fé lavare cum aqua chalda et 
si li fé fare uno bora fuogho et fegli dare 
manzare, poi mandò per lo trombetta che 
fesse la grida de chi el fusse; e '1 trom- 
betta disse che havea facto la grida chi 
l'avesse, et disse corno era fiolo de Antonio 
da Savignano, et si gli lo portò sano e salvo 
senza alchuno defecto; che fu tenuto uno 
gran facto, siando gran fredo comò era 
et non havere manzato né dormito in quello 
stercho et chazuto de tanto alto, et non 
ebbe defecto nessuno. 

Baldazzo d'Angnari ' contestabile de 
fanti da pè havea una grande conducta 
de fanti, più che contestabile che se tro- 
vasse, andò a Baragaza 2 a posta de papa 
Eugenio quarto, lo quale habitava in quella 
volta a Fiorenza, et fé cum lo castellano 
che gli de quella rocha per nove duchati, 
et poi andono a Barzi 3 , et si l'aveno per 
forza; adì 23 de mazo havé la rocha de 
Bargaza et adì 24 del dicto havé Barzi; 
et poi adì 25 del dicto mandò a Chaxi 4 a 
dire che li dovesseno dare el castello et si 
gli lo deno per paura de pezo; et poi andò 
de nocte tempo a Monte Chaldarari 5 et si 
roppeno el muro, et gli omini si se teneno 
et si se reseno et intrò dentro adì 9 de 
luglio et si lo mise a sacomanno. 

Adì S d'agosto venne lettere a Bo- 
logna corno l'era levate via le offexe fra el 
ducha et la signoria de Vinexia ; et adì 
14 del dicto se levò le offexe a Bologna 
fra lo papa Eugenio et lo comum de Bo- 
logna. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

-podestà molto smarito e diseli gitelo che avea 
udito. Alora el podestà mandoc per ii fa- 
chini e mandoli dentro con ii dupicri apri- 
xi, asogadi con corde, e si lo 7 tyrono su- 
xo. E 'l podestà el fece lavare coni acqua 
calda, facendoli buono fuoco, e deli da man- 
zare, possa mandò per lo tronbeta che fa- 
cesse la crida de chi el /osse ; e 'l tronbeta 
disc che avea fato la crida chi l'avesse, e di- 
selli ch'era figliuolo de Antonio da Savi- 
gnane, e 7 podestà gliel mandò infìtto a caxa 
sano e salvo, senza alcuna macula : chefuo te- 
gnuto grandisimo fato, esendo grandisimo 
fredo com'era, et non avere manzato e dor- 
mito in gitelo sterco, et cazuto de tanto alto 
et non avere male alcuno. £1 podestà avea 
nome meser Antonio dal Vermo da Verona. 

Come Baldazo d'Angliari soldato del 
Papa e di Fiorentini venne nelle 
montagne de bologna a fare guera. 

1441. — Baldazo d'Angliari, contestabe- 
le de fanti da piede e soldato di Fiorenti- 
ni e del papa, andoe adì xxiii de mazo a 
Baragaza et fece che lo cas telano glie die- 
de la rocha per viiii° duchati', possa andoe 
a Bargi et avclo per forza; et adì xxv 
de mazo mandoc a dire agli omeni del ca- 
stelo de Caxi che gli doveseno dare el ca- 
stclo, et igli gli el deno per paura de pic- 
zo. Et adì viiii de luglio andoe a Mon- 
te Caldcrara e introno dentro per tratato 
e mixcnlo a sacomano e prexeno Iacomo di 
Zangifabri comesaro in lo dito' castelo cori / 
xi fanti', e 7 dito dì avena ci castelo de Sa- 
sum 6 . 



30-33. Come. . . . guerra] parole poste nel margine 
sinistro, non essendovi spazio sufficiente in testa al capi- 
toletto : qualche lettera e stata tagliata via dal legatore 



1 An^hiari. Vedi nota 3 a p. 99, 

2 Baragazza, detta spesso anche Bargaza, frazione 
del comune di Castiglione de' Pcpoli, circondario di 
Vergato, provincia di Bologna. 

'■'■ Itargi, frazione del comune di Camugnanò, cir- 
condario di Vergato, provincia di Bologna, nella mon- 
to tagna. 

4 Castel di Casio, comune del circondario di Ver- 



gato, provincia di Bologna a sud. 

5 Moiitccalderaro, frazione del comune di Castel 
San Pietro dell'Emilia, circondario d'Imola, provincia 
di Bologna. 

r ' Sassuno, località posta vicino a Montccaldcraro 
a Montearmato nell'antico vicariato di Castel S. Pie- 
tro, assai di frequenti ricordata nelle cronache bolo- 
gnesi. 



[A A. 1441-1442] 



BONONIENSIUM 



103 



Cronaca A 

Adì otto de settenbre venne novelle a 
Bologna che li priuri de Fiorenza si ha- 
veano facto buttare zoxo da li balchuni del 
palazo Baldazo suo contestabile; et de su- 
bito li feno taiare la testa, et fu adì 6 del 
dicto. Et la casone della morte soa fu 
questa, che 1 dicto Baldazo era zito a Pion- 
bino per doverlo tore alla donna de Pion- 
bino, che n'era signora l , et non li venne 
facto el suo pensiero, et per questo la dieta 
donna se ne lamentò a li Fiorentini; et per 
questo fu mandato per Baldazo, et repren- 
dendolo molto forte de quello che facto 
havea contra della dieta donna, a li quali 
priuri Baldazo respose molto altieramente 
et cum molta superbia: et per questo par- 
lare villano che '1 fece, li priuri el f eceno 
buttare zoxo dalle fenestre verso el capi- 
tanio. 



Anno Christi Mcccc42 Nicolò di Gan- 
bacorti da Pisa, condutiero de gente d'arme 
del conte Francesco da Codognola, passava 
cum la soa gente suso per lo contado de 
Bologna, senza licentia ; onde l'andò fuora 
quelle gente d'arme ch'erano in Bologna, 
et si andono al vado di Buchi et si gli 
preseno tucti senza colpo de spada perché 
non posseano passare Savena, perché la era 
troppo grossa per la gran piovia. Et poi 
mandono a dire a Nicolò Pizinino capitanio 
del ducha quello che voleano che se ne 
fesse delle diete gente d'arme, et in quello, 
aspetando la resposta, venne Astore de' 
Manfridi signore de Faenza, stravestito, cum 
certi conpagni et si andono in la chasa, 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

1441. — Venne Utero a Bologna adì 
v d'aghosto, come erano livate li ofese fra 
el ducha de Milane e la signoria de Vinc- 
xia ; e adì xiiii del dito se livò li ofese 
fra el papa Uzenio e 'l comune de Bologna. 

De la morte de Baldazo d'Amgliari. 

1441. — I -primi de Fiorenza fezeron 
ò/ttare zoxo del -palazo di signiuri de Fio- 
renza Baldazo d'Amgliari, suo capetanio di 
fanti, et de subito li feceno tagliare la te- 
sta, adì vi de setembre. La caxone de la 
morte sua fuo questa, che V dito Baldazo 
era zito a Piombino per doverlo tore a la 
donna de Pionbino, che n'era segnora, et 
non li venne fato el suo pensiero', et per que- 
sto la dita donna se ne lamentoe agli Fio- 
rentini. Ft per questo fuo mandato per 
Baldazo, et reprendendolo molto forte de que- 
lo che fato avea contra de la dita donna-, 
a li quali primi Baldazo respoxe molto al- 
tieramente e con molta superbia ; e per 
questo parlare vilano ch'el fece, li primi 
el feceno butare zoxo da le fenestre verso 
el capetanio. 

1442. — Fuo in Bologna una gran- 
disema neve, la quale comenzò adì viii de 
novembre del 144.1 e durò infino a la pa- 
squa mazore che fuo adì xxi d'aprile del 
1442; et cr esete sì forte che le cara non pose- 
ano andare per Bologna, et se pure andava- 
no qualche brozo o traim, andavano solo i 
portighi, e molte case caderon in Bologna 
per caxone de la dita neve ; et fu così for- 
te inverno de gliazo come fosse mai vedu- 
to in Bologna per huomo vivo. ' FI fiu- 
me Po gliazò sì forte a Ferara che gli 
andava per suxo el gliazo cara, cavagli e 
buoi; et convenesc maxenarc con li posiri- 
ni in frarexe. Ft gliazò el canale gran- 
de de Venexia, che gli uomeni e bestie an- 



c. 21.1 a - foì. 1 



14. caxone] segue nel cod. s cariceli. — 31. d'a- 
prile] agg. più tardi sopra la riga — 32. cresete] il 
se fu aggiunto più tardi sopra la riga 



E Paola Colonna Appiani reggente di Iacopo II, posta sotto la protezione dei Fiorentini. 



104 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1442] 



e. /? a 



Cronaca A 

dove alozava lo dicto Nicolò da Pisa, et 
si lo tagliono a pezi adì sei de febraro. 
Et si steva in la chasa grande de quilli 
dalle Coreze, apresso a sam Nicolò dai 
Albori. Et poi li Bolognisi si lo feno se- 
pelire in Sam Petronio cum grande honore. 

Adì 13 de marzo Nicolò Pizinino 
venne a Bologna et cum lui havea molta 
gente d'arme et fugli facto grande honore, 
et stecte alquanti zorni in Bologna; et 
avanti che se partisse, fece fare tre zostre. 
Et adì 18 de marzo se partì et andò in 
Romagna, possa andò in la Marcha a fare 
guerra al conte Francesco. 

Lo re de Ragona 1 si prese Napoli et 
si l'ave per forza nel dicto anno, et non lo 
mise a sacomanno et perdonò a ogni suo 
nemicho, che gli era dentro, et fegli una 
bona signoria. Et lo re Rayneri 2 , ch'era 
signore de Napoli, fugì in lo castello, et 
poi s'acordò cum lo re de Ragona, salvo 
l'avere e le persone, et degli la tenuta de 1 
castello et venne a Fiorenza. 

In lo dicto anno, adì otto de novembre 3 , 
fu in Bologna una gran neve, et eresse sì 
forte che sté apresso de tre misi che le 
charra non posseano andare per Bologna : 
et se pure n'andava qualche brozzo o traini, 
andavano sotto li porteghi : et si n'era an- 
cora in Bologna el dì de Pasqua, de quella 
neve, che fu la Pasqua adì 21 d'aprile. Et 
si chadde de molte chase in Bologna per 
casone della neve; et fu cossi forte inverno 
de gliazzo quello anno, corno fusse mai 
veduto in Bologna per homo che fusse vivo. 
Et gliazò sì forte Po a Ferara, che gli an- 
dava charre, cavagli per suso lo gliazzo, 
et si se convenne maxenare, su per lo Fe- 
rarese, cum li pustrini ; et si gliazzo lo ca- 
nale grande de Vinexia, et si andava gli 
omini et le bestie da Mergara a Vinexia; e: 



Cronaca B 

davano da Merghera a Vinexia per suxo 
per lo gliazo. Et molte vide e albori se 
secaron in Bolognexe. 

De la morte de Nicolò di Gambachurti 
da Pisa, soldado del conte France- 
scho. 

1442. — Nicolò di Gambachurti da Pi- 
sa, condutiero de zente d'arme et soldato 
del conte Francescho da Chudignola, pas- 
sava con sua zente d'arme -per lo conta de 
Bologna, senza lizencia ; et -per questo i si- 
1 5 gniuri anciani mandono quela zente che igli 
aveano contro el dito Nicolò, et andono al- 
vo' di Buchi et lì prexeno tuta quela zente 
senza colpo de spada, perchè non posevano 
posare l'acqua de Savena 4 , ch'era tropo 
20 grossa per la grande piovia ch'era stata; 
e tuti gli menono dentro da Bologna. 
Possa mandono a dire a Nicolò Pezcnino 
quclo che 7 volea che se fesse de li diti 
soldati, et aspetando la resposta, venne in 
25 Bologna Estore di Man f ridi da Fenza con 
alquanti compagni travestiti e andono a la 
caxa dove alozava el dito Niolò da Pixa 
e si lo tagliono a piezi, adì vi del mexe de 
febraro. Et alozava in caxa de quilli da 
30 le Coreze da San Nicolò dagli Albori. Et 
i Bolognixi ci f eceno scpclire in San Pe- 
tronio, a grande honore. La caxone de la 
morte sua fuo che 'l dito Nicolò aveva dato 
Estore di Manfridi ne le mane ai Fioren- 
ti tini quando Nicolò Pezcnino fuo roto in 
Toscana ad Angliari. Disesse che ci n'avea 
avuto iti milia fioriti da li Fiorentini. 

1442. — Nicolò Pezcnino venne a Bo-fff* 
40 lo gnu adì iii de marzo et con lui avea 
molta zente d'arme, et fogli fato grande 
honore. Et stete alquanti zumi in Bolo- 



li,, mandono] seguono nel cod. le parole che igli 
aveano cancell. 



1 Alfonso V il Magnanimo. 

2 Renato d'Angiò. 

5 3 Questa cronaca pone ia gran neve nell'inverno 

dal 1442 al 1443, ma forse si appone meglio al vero 
la cronaca Z? la quale la riferisce all'i 1441-1442; 



e infatti nel testo lì questa costituisce la prima noti- 
zia dell'annata del 1442, mentre nella cronaca A è po- 
sta in fine. io 

4 Savena, torrente che passa a due chilometri ad 
<■:.( di I>olo'na. 



[A. 1442] 



BONONIENSIUM 



105 



Cronaca A 

si sechò de molte vide in Bolognese et ai- 
bari da fructi assai. Et adì 3 de mazo 1443, 
el dì de santa Croxe, nevò in Bologna cossi 
forte et più che non era facto quello anno; 
et fu gran fredo, et si chaschava de le 
rondane per lo fredo et ancho perché non 
se posseano passere. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

gna et avanti ch'el se -partisse, fece fare 
tre z os tre; et adi xviii de marzo se partì 
et andoe in Romagna. Possa andò e in la 
Marcha a fare guera al conte Francesco. 

De la prexa d'Ani bale di Bentivogli 
et come fuo menato in prexone in 
Lombardia lui e Guasparo Malve- 
zo et meser Achile SO FIGLIOLO l . 

1442. — Francescho Pezenino, figliolo 
de Nicolò Pezenino ca-petanio de le zente 
d'arme del ducha de Milane et segnore de 
Bologna, zoè che lui la governava come se- 
gnore, aviegna che 7 se fesse i signiuri an- 
ciani e confalonieri come e uxanza a tempo 
de puovelo, nondemeno el dito Nicolò li te- 
nta tino govemadore, nome meser Zervato 
Secho da Caravazo, el quale fazea de Bolo- 
gna secondo la volontà del dito Nycolò, et 
tegnia le roche del conta de Bologna e 7 
caste lo de la porta de Galiera a so a posta, 
FI dito Francescho venne a Bologna ama- 
lado et andoe a stare in vescoado, et non 
volea che i prieti de San Piero sonaseno 
campane né de dì né de notte. Ft adì xvi 
de ottobre el dito Francescho disse che se 
volea fare portare in la rocha de San Zo- 
hanne in Persexeda 2 perchè lui staria me- 
glio e più posadamente lì che 7 non facea 
a Bologna et ch'el pregava tuti quilli ci- 
tadini che li f esseno compagnia; et adì 
xvii de ottobre se partì et andoe de com- 
pagnia a San Zohanne con gli infr ascritti 

Meser Romio di Pepoli t 

meser Achile di Malvici, 

Anibale di Bentivogli, ' 

Giovanne di Fantuci, 

Guasparo di Malvizi et multi altri ci- 
tadini ; et come fuoron zunti, andono in ro- 
cha et steteno alquanto de compagnia con 
lo dito Francescho, possa domandono licen- 
cia. 

Alora Francescho Pezenino fece pi- 
gliare gli infrascriti citadini, zoo: 

Anibale di Bentivogli, 



e. 31 / h . col. j 



1 La notizia della presa di Antonio Bentivogli e data sotto il 1443. 
compagni figura qui sotto il 1442, ma nel testo A è 2 San Giovanni in Persiceto. Vedi nota 8 a p. 9. 



106 



CORPUS CHRONICORUM 



[AA. 1442-1443] 



Cronaca A 



10 



Anno Christi Mcccc43, adì 9 de mazo, 
da hore 24, monsignore de Santa Croxe 
cardenale et vescovo de Bologna, cittadino 
de Bologna 1 , morì in Siena; et lì in quella 



15 



20 









35 



Cronaca B 

Guasparo di Malvizi, 

meser Achile suo figliolo, 

et fece menare de noie tempo i diti 
prixi a Parma a uno condutiero de zenic 
d'arnie, nome Filipo Schiavo, -possa li fece 
menare in la rocha de Pelegrino 2 nel con- 
tado de Piasenza; et pasati alquanti zumi 
li fece partire, et mandono Anibalc in la 
rocha de l 'arano di marchixi 3 , nel contado 
de Parma, et meser Achile mcnono ne la 
rocha de Monpiana 4 ne le confine de piaxcn- 
tina e del zenoexc ; e Guasparo romaxc in 
la rocha de. Pelegrino. Et per questo gli 
se gnor i anciani mandono una anbasaria al 
ducha de Milane et una a Nicolò Pezenino 
a pregare per gli diti prexuni. El ducha 
ne mandò una ambasaria a Nicolò Peze- 
nino, per la quale caxonc, Nicolò si deva 
bone parole et dicea che de churto vira a 
Bologna et mandaria per gli diti prixi et 
dareveli a li signiuri anciani, che ne fescno 
ci suo volere. Et così gli ambasatori tor- 
naron a Bologna con questa ambasala. 

El re de Ragona ebbe la cita de Napoli. 

1442. — El re de Ragona prexe la 
cita de Napoli per forza adì xv de mazo ; 
et non la mise a saco?nano, perdonando a 
ogne suo nemico, e fcccli buona scgnoria. 
El re Rainieri, ch'era segnorc de Napoli, 
fu gì in caste/o et ' acordose con lo re de\, 
Ragona salvo l'azere e le persone, et degli 
el caslclo; et vene a Fiorenza del mere de 
zugno. 

1443. — Adì Hi de mazo, ci dì de 
sa ne la Croxe, nevò in Bologna così forte che 
fuo grande meraveglia et fuo gran fredo 
clic le rondane cadcano per terra. 



15. una) segue nel cod. an cariceli. — 19. la] segue 
nel cod. q cancell. — 24. questa) segue nel cod. a can- 
cell. 



1 II cardinale Niccolò Albergati. Cf. Eubbl, II. 6 ' Varano dei Marchesi, da distingue rsi da Varano 

1 Pellegrino, frazione del 1 omune di Pellegrin Molcgari, frazione del comune di Mede-sano, cir- 

Parmense, circondario di Horgo San Donnino, provili- condario di Borgo San Donnino, provincia di l'arma, io 
eia di Parma. * Monpiano, località della montagna piacentina 



[A. 1443] 



BONONIENS1UM 



107 



Cronaca A 

cittade si era la corte de papa Eugenio 
quarto ; et venne le novelle adì xi del dicto 
a Bologna. Et fu soterato alla Certosa a 
Fiorenza, et fesse in Bologna uno bello 
exequio, tri dì, in Sam Piero, et si gli andò 
li signuri et tucte le conpagnie, et tucta 
la cherexia; et si se tenne serato le boteghe 
el primo dì et gli altri dui dì infìno a terza. 
Et poi che fu morto, lo papa si lo fé aprire 
et fegli cavare la preda del colo della ve- 
sigha, perché de quello male de preda si 
era morto, et si se tenne el papa quella 
preda per lui, perché l'avea in lui una 
grande devotione per la soa santità. Et lo 
dicto papa si li volse dire lo offizio sopra 
lo corpo suo, in persona; et andogli de 
nocte, et si l'andò a visitare in la soa in- 
firmata. 
rjà Francesco Pizinino, figliolo de Nicolò 
Pizinino capitanio delle gente del ducha 
de Millano et signore de Bologna, zoè che 
'1 dicto Nicolò la governava et rezeva corno 
signore, aviegna che '1 ze fusse signuri an- 
ziani comò è usanza a tempo de puovolo, 
niente de meno lo dicto Nicolò li teneva 
uno governadore, che havea nome misser 
Zervato Secho da Charavazo, lo quale feva 
de Bologna secundo la volontade del dicto 
Nicolò, et tenia le roche del contado a soa 
posta et el castello della porta de Galiera. 
Et lo dicto Francesco Pizinino venne a Bo- 
logna infermo, et si andò a stare in vescoa- 
do, et lì se feva medegare, et non voleva 
che li preti sonasseno canpane né de dì, 
né de notte. 

Et del mese d'otobre 1442, lo dicto 
Francesco disse ch'elio se voleva fare por- 
tare al castello di Sam Zohanne in Per- 
cesedo, ch'elio staria più possatamente in la 
rocha, et ch'elio voleva pregare tucti quisti 
cittadini, zoè: 

Aniballe di Bentivogli, 

Zohanne de' Fantuzi, 

misser Romio di Pepuli, 

Guasparo de' Malvizi, 

misser Achille de' Malvizi, suo figliolo, 



39-40. al ... . Percesedo] parole sottolineate nel 
cod. — 46. segno d' attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 
Come monsignore de sancta Cròxe morì. 

1443. — Monsignore de Sancta Croxe 
cardenale e vescovo de Bologna morì, adì 
vini de mazo a horc xxiiii , in la cita de 
Siena, e 'l -papa era in quel tempo in Sie- 
na con la corte. E venne le novelle a Bo- 
logna adì xi de mazo, et -per questo i Bo- 
lo gnixi f eceno fare uno osequio ne la ghic- 
xia de san Piero el andogli tuta la chiri- 
xia de Bologna e gli segnori con li regi- 
menti e le compagnie de le arte. E' dura 
vescovo de Bologna anni xxv e mixi x; et 
sempre fece dare la lento xena ai poveri in 
fino ck'el visse. Et da pò ch'el fuo morto, 
el papa el fece aprire et f eceli cavare la 
prieda del colo de la visiga, perch'era morto 
de qucla prieda, e tenesela per lui, perche 
avea devocione in lui per le sue dono ope- 
racene. El dito papa glie disse V osequio 
sopra el corpo. 

1443. — Francescho Pezenino tomoe 
a Bologna del mese de mazo presso che gua- 
rito, et avanti che venisse a Bologna, avea 
mandato uno suo canciliero, nome Elixeo, el 
quale diede chumiato agli privixinali di si- 
gnori anciani, che stavano in palazo, e tol- 
te chiave de la porta, et miseli altri fanti 
e famigli de Francescho Pezenino a sua 
posta. Et venuto el dito ' Francescho a Bo- e. 215 a - coi. , 
logna, andoe a stare in lo palazo grande, 
dove erano li segnori. Et agli citadini de 
Bologna domandava xxii migliara de Uve- 
re de bolognim ; et per qtieslo fuo messo 
una prestanza agli citadini per trovari i 
diti dinari. 

Come Anibale di Bentivogli fuo cavato 
de prexone et come introe in bo- 
logna et con gli amixi suoi recrovò 

SUO STATO ET PREXE FRANCESCHO Pe- 
ZENINO CON SUA FAMEGLIA ; E DE LA 
LIGA CH'EL FECE CON VENECIANI E 
FlORENTINY. 

1443. — Cinque zuveni se par tir on da 



108 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1443] 



e. // a 



Cronaca A 

cavaliere» del Tempio, che igli lo dovesseno 
aconpagnare in fino a Sam Zohanne ; et 
risposeno che volontiera. Et adì 17 dicto 
nel dicto anno se fé portare al dicto ca- 
stello et si l'acompagnono li dicti; et siando 
arivati al dicto castello, introno in la rocha 
et Steno alquanto de conpagnia cum lo 
dicto Francesco, possa domandono licentia. 
Allora Francesco Pizinino subito fé pigliare 
Aniballe, Guasparo et misser Achille et poi 
li fé menare de notte tempo li dicti prisi 
a Parma a uno condutiero de gente d'arme, 
chiamato Philippo Schiavo, possa li fece 
menare tucti tre in la rocha da Pelegrino 
del contado de Piasenza; et poi da lì a 
pochi dì li fé partire et fé menare Ani- 
balle in la rocha de Varam de' Marchixi, 
su quello de Parma, et misser Achille fé 
menare in la rocha da Monpian in su quello 
de Zenoa et Guasparo romase in la rocha 
da Pelegrim. Et per questo li signuri anziani 
de Bologna, sabiando questo, mandono am- 
bassaduri al ducha de Millano et una a 
Nicolò Pizinino, lo quale era in la Marcha 
a recomandarli li dicti prisi; et quando 
funo arivati a Millano, el ducha ne mandò 
uno ambassadore a Nicolò Pizinino, onde 
Nicolò Pezinino respose alli dicti ambas- 
saduri cossi ch'elio vegniria a Bologna de Hi 
a pochi dì, et che mandareve per li dicti 
prisi, et che li dare ve a li signuri anziani, 
che ne fesseno quello che a lloro piasesse, 
et che non dubitasseno che nessuno de loro 
non haveriano ' despiasere; et cessi li pas- 
seva de parole. Et passò parichi misi che 
non venne et non pareva che n'avesse 
voglia. 

Et in questo tempo Francesco Pizinino 
venne a Bologna, del mese de mazo, presso 
che guarito; et inprima che vignesse havea 
mandato uno suo canzeliero a Bologna, lo 
quale havea nome ser Elixeo, el quale de 
chomiado a li fanti de corte, ch'erano a 
posta de' signuri, et tolse le chiave delle 



6-8. nel margine sinistro, di mano tarda : 1 ' i loi 
d'Annibale Bentivo^li, Gasparo Malvez/.i >t Achilli 
Malvezi — II. nel margine sinistro, di mano tarda: 
Fono condotti li suddetti a Parma 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



l'I 



45 



Cronaca B 

Bologna adì xxx de mazo secrctamente. 

r numi di quali fuor on quisti, zoè: 

Galiazo ) , , .. ,. __. 

_, ,. > fradcli di Marschoti, 

ladio ) J 

Zanexe, parolaro, 

Iacomo di Malavolti, 

Michele de Marino; 

et andono in Lombardia a intencionc de 
cavare Anibalc di Bentivogli de prexone, 
e vendi facto. Et adì ii de zugno, de note 
tenpo, zunseno a la rocha de Varano di mar- 
ckixij nel contado de Parma, dove era Ani- 
baie in prexone ; et ave ano con loro una schala 
de legno. Ha quale aveano trovata in uno me- 
dalc, el quale niedale era in uno boscho di 
sopra da la rocha; et apozono la dita schala al 
muro. Possa tolseno una lanza con una for- 
zcla de legno et miseno in capo de la dita 
forzcla una scala de corda, che aveano -portata 
con loro da Borgo San Donino ; et Galiazo 
di Marschuoti munto suxo la scala et con la 
dita lanza apichò la scala' de corda agW'^1 
merli del muro, possa andoe suxo el muro 
et disse agli compagni: " Venite suxo „, e 
così fcceno. Et avanti che andaseno suxo ci 
muro, aveano ligato la scala de corda con quel- 
la de legno et come fuoron suxo el muro 
tiro/io amedoc le scale ne la rocha e quele 
naschoseno. Et quela nocte piovea et tra- 
xea grandi troni con molte loxene. Et Ga- 
liazo disse a Zanexe : a Dove dimora Ani- 
" baie f „. Disse Zanexe: " Lasame andare 

* a la rocha „ ; et alora erano suxo el rezeto. 
Et Zanexe andoe e tornoe et disse a li com- 
pagni: tt Venite con mecho „ ; et andono et 
averscno Hi ussi che andavano a la camera 
dove era Anibale, et questo usso era serato 
dentre e de fuoro; et questo fuo de note 
tempo, de ii horc innanci zorno. Alora Za- 
nexe disse a li compagni: " Aspelemo ci 
u zumo, che le guarde che sono ne la torre 

* vengano aprire l'usso de la camera „ . El 
quando ci fuo zorno, zoe al livare del sole, ci 
castclano chiamoc uno di suo' famigli, nome 



35. ciisscj l'i fu aggiunto sopra la riga 



[A. 1443] 



BONONIENSIUM 



109 



Cronaca A 

porte alli signuri et misse altri fanti in lo 
palazo, a soa posta. Et vegnuto Francesco 
Pizinino a Bologna, andò a stare in lo pa- 
lazo, et cominzò a domandare a li cittadini 
22 migliara de lire, onde fu messo una pre- 
stanza per dare al dicto Francesco. 

Et in questo tempo se partì da Bologna 
cinque zoveni amisi de Aniballe, secreta- 
mente, lo nome di quali funo quisti, zoè: 

Galeazzo de' Mareschotti, 

Tadio de' Mareschotti, 
fratelli et fìoli de misser Ludovigo de' Ma- 
rescotti, 

Zanexe, parolaro, 

Iacomo de ser Zorzo de' Malavolti, 
sirazarolo, 

Michele de Marino da Bologna, chia- 
mato Michele da Pisa; 

et andono in Lombardia a intentione de 
cavare Aniballe de presone, et veneli facto. 
Et adì 2 de zugno, de notte tempo, zunseno a 
la rocha de Varàm de' Marchixi l , dove era 
in presone Aniballe; et siando lì apresso, 
atrovono una schala de legno, dove fu za uno 
medale, et si haveano portato una schala de 
corde cum loro, et andono alla dieta rocha. 
Allora lo dicto Galeazo tolse la dieta scala 
et aponzola al muro della rocha et ligò 
quella de corda a quella de legno, et poi 
tolse una lanza lungha et mandò cum quella 
lanza la schala de corda su al muro et si 
apichò la dieta schala a uno merlo, et lo 
dicto Galeazo si montò suso el muro, in- 
prima, et la schala non gli era atachata se 
non uno pocho, allora Galeazo la fermò 
molto bene et disse a li conpagni: " Venete 
" suso „, et cossi feno; et quando funo suso 
tirono le schale tucte doe suso. Et in quel- 
la hora pioveva et tronezava molto forte. 
Allora lo dicto Galeazo disse a Zanese : 
" Donde è Aniballe ? „ Perché Zanexe altre 



il- 14. nel margine sinistro, di mano iarda: Mare- 
scotti vanno sul Parmesano a Varani per liberare 
Annibale Bentivogli dalla rocca di detto luogo — 
36-37. nel margine sinistro, di mano tarda : Scalano O 
ascendono la rocca li suddetti 



10 



15 



10 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Marchexe, e disse: "■ Viene, afri „. Alora el 
dito marchexe vene zòxo de la torre e 7 com- 
pagno romaxe ne la torre, et quando fuo 
zoxo de la torre che l'ebbe aperto l'usso de 
la torre, el dito Galiazo el prexe, e 'l ca- 
stclano udy el remore dicendo : " Marchese ; 
" che e quello ? „ Al quale respoxe Marche- 
xe: * Vue site tradito „ ; e ' l castellano non in- 
texe alcuna cosa. Disse Galiazo a Michele 
et a Iacomo: " Tenitc costui e s'el parla nicn- 
" te, tagliatelo a piezi „; et andò e in torre con 
Tadio suo fratello per pigliare V altro com- 
pagno, ci quale compagno fuzY suxo per 
le scalle per sonare la campana, et Galiazo e. ars * - coi. 1 
li soprazunse, dicendo: " Traditore, se tu su- 
tt ni tu ei morto y,, et preselo e ?nenolo zoxo de 
la torre; et quando fuo zoxo trovoe el Mar- 
chexe ch'era morto, perché lui cridava, et 
ucixelo Michele da Marino. Fi scrono la 
camera dove era la moglie e li figliuoli del 
castelano. Fato questo, disse Galyazo al fa- 
meio: " Fard tu quelo che te dirò et farote ri- 
" cho, vae a l'usso de la camera e dì al caste- 
" lano, aprite „ . FI fameglio, per paura de 
la morte, andoe a l'usso de la camera dove 
era el castelano et disse: a Aprite, castela- 
" no „; et così el fameglio aperse dal suo lato. 
Alora Galiazo saltò dentro da la camera 
con li compagni et prexeno el castelano, e 
se 'l non fosse stato Anibale, l'averiano 
morto. Fato questo, Zanexe, el quale era 
staio più volte in la dita rocha e sapea mol- 
to bene Vuxanza e in che modo stava Ani- 
baie, portoc con lui fieri e lime, tenaglie, 
martièli, punteruoli per cavare li fieri da 
li pie di Allibale, et così li cavono. Ft quello 
zomo noti se partiron, che aveano paura 
dy vilani de quela villa et aspetaron infi- 
na a una hora de note et feceron sonare 
l'avemaria e la guarda al fameglio uxado, 
a honorc e stado de Nicolò Pezenino. Et 



16. dicendo] segue nel cod. Itraditore caneell. 



1 Varano dei Marchesi. Vedi nota 3 a p. 106. 



110 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1443] 



Cronaca A 

volte era stato in quella rocha, perché era 
parente del castellano et si gli era andato 
fictamente, per comprendere le stanzie della 
dieta rocha, mostrando sempre de non cu- 
rarse de Aniballe. Allora lo dicto Zanexe 
disse: " Lasame andare alla rocha „, che al- 
lora erano su el rezetto ; et tornò, et disse a 
li conpagni: " Venite „. Allora andono a li 
ussi della rocha et lo dicto Zanexe averse 
gli ussi, zoè quilli che andavano alla camera 
e. 14 b dove era 'Aniballe; et l'usso, dove era Ani- 
balle, era serato dentro; et questo fu de 
doe hore inanzi dì, et Zanexe disse: " Aspe- 
" temo el dì che le guarde vegnano aprire 
" l'usso de la torre „, dove steva le guarde in 
torre. Et quando fu dì, zoè a livare del 
sole, dui famigli, ch'erano in torre, zoè de 
quilli dui ne venne uno zoxo, che havea 
nome Marchexe, perché in prima el castel- 
lano l'avea chiamato corno era uxato; et 
quando el fu zoso della torre che l'ave 
averto l'usso, Galeazo si lo prese, et el ca- 
stelano sentì lo romore et disse : a Marche- 
- xe, che è quello? „, Et lui rispose et disse: 
tt Castelano, vui seti tradito „, et lo castellano 
non lo intese. Allora Galeazo disse a Mi- 
chele et a Iacomo: "Tenete costui, et s'el 
44 dise niente tagliatelo a pezzi „; et el dicto 
Galeazo andò in tore per pigliare l'altro fa- 
meglio, et el dicto fugiva suso per sonare la 
canpana, et Galeazo gli fu adosso et disse: 
* A ! traditore tu sei morto se tu suni „, 
et ligollo et menolo zoxo, et quando fu 
zoxo trovò che Marchexe era morto perché 
el gridava: et amazollo el dicto Michele; 
et disse Galeazo a l'altro f ameglio: " Se tu 
" voi fare quello che te dirò, farote richo : 
Saa l'usso della torre et dì al castellano: 
tt Aprite l'usso „; et cossi andò et chiamò el 
castellano et el castelano averse et cossi 
el fameglio averse dal suo lato, et lo dicto 
Galeazo saltò dentro dalla chamera cum li 
soi conpagni et preseno el castellano, et 
se non fusse Aniballe l'averiano morto; et 
poi serono l'usso de fuora, dove era la 
donna e li figlioli del castellano, et poi li- 
gono el castellano; et Zanexe havea por- 



lo 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

fato questo , Galiazo prexe el mar telo de la- 
campana e zetolo nel valone da la rocha ; 
et venendo zoxo de la rocha, guastoe tute 
le schale. Possa chiamono la moglie e li fi- 
gliuoli del castelano, a la quale diseno : " JVui 
tt volano andare con el nome de Dio et me- 
u naremo con nui vostro marito, 'et se vui li- 
* vati alcuno remore, nui ucideremo vostro 
" marito „ . Possa ligono el castelano c'I fame- 
glio non ligono, et mennono con loro circha 
x miglia, fossa gli lasono andare et con 
el nome de Dio veneron verso Bologna; et 
arivono al castelo de Spilimbcrti et ive tro- 
varon meser Lodovigo da le Coreze, el quale 
era rivelo de Bologna-, et Ghirardo Ran- 
gone, se gnor e del dito castelo, diede -per 
conseglio ad Anibale ch'el menasse con lui el 
dito meser Lodovigo, et così fece. Et alcuni 
de quilli, che cavono Anibale de prexone, 
veneron a Bologna adì v del mese de zu- 
gno et avixono alquanti amici d' Anibale, 
come lui era fuora de -prexone. El dito dy, 
la si[r]a, Anibale et meser Lodovigo da le 
Coreze veneron a le mura de Bologna, zoè 
al baracanc ch'è apresso la porta de Stra 
Castigliun, vigniando verso la porta de 
Stra san Stievan, et gli amici de Anibale 
andono al muro et con corde el tiraron suxo 
el muro. Fato questo, Anibale andoe a casa 
sua e meser Lodovigo a la sua, tra le doe 
e le tre hore de note, et mandono per loro 
amici, et andono in piaza, cridando : " Viva 
" el popolo e l'arte „ . Et a hore 4. de note 
Anibale fece sonare la campana de San 
Iacomo, et tuto el popolo andoe in piaza et 
circondaron el palazo, possa gli denon la 
baiaglia. Et gli uomeni d'arme de Fran- 
cescho Pczcnino erano armati de iute arme 
sopra la porta del palazo et trazeano de 
multi sassi zoxo, et gli fanti erano' intorno^ 
per suxo ci muro sopra l'orto. In fine gli 
citadini spinseron uno caro de sassi con al- 
tro legniame apresso la porta et ficonli el 
fuoco dentro ; et in quela hora alquanti ci- 
tadini rompeno el muro del palazo, al can- 
tone verso le bolete, e cntraron in palazo 
a hore x. El primo huomo che gì' intra 



c.2isb 
col. 1 



■ir, 11 
cui. 1 



25. le] segue nel cod. co cariceli. 



[A. 1443] 



BONONIENSIUM 



111 



Cronaca A 

tato cum lui ferri da chavare li ferri da 
li piedi a Aniballe. Et in quello dì non 
se partino, che haveano paura di conta- 
dini della dieta villa, et Steno infino a una 
hora de notte et disseno alle donne : tt Se vui 
* gridate nui amazaremo vostro marito „ ; 
et così feno sonare l'ave maria al fameglio 
et feno chiamare le guarde al modo usato 
a honore e stato de Nicolò Pizinino; et lo 
dicto Galeazo prese el martello della can- 
pana e trello in una valada, zoxo della 
rocha; et quando vegniano zoxo, Galeazo 
venia tagliando li piroli delle schale, et poi 
ligono el castellano et si lo menono cum 
loro el castellano et lo fameglio, et disseno 
al fiolo del castellano et alle donne : K Se vui 
" gridati, nui tagliaremo a ppezi tramedui „. 
Et cossi se partirono et si li menorono 
cum loro circha otto miglia o diexe, et poi 
li lassono andare, et veneno verso Bologna; 
et arivono a Spelimberti l e lì trovono misser 
Ludovigho dalle Coreze cittadino de Bo- 
logna rivello allora de Bologna, et Ghirardo 
Ranghone signore de Spilimberti, amicho 
de Aniballe, lo quale disse et de per Gon- 
zi «seglio 'Aniballe che menasse cum lui lo 
dicto misser Ludovigo, et cossi fé ; et quilli 
che chavono Aniballe de presone, parte 
de loro veneno a Bologna a notifneare a 
certi amisi de Aniballe corno l'era fuora et 
che se metesseno in punto per tirarlo su 
el muro della terra. Et cossi la nocte 
venne lo dicto Aniballe et li compagni al 
muro, apresso alla porta de Strà Castegliuni, 
a uno barachano, e lì tirono suso li dicti 
Aniballe e li conpagni. Poi Aniballe andò 
a chasa soa et misser Ludovigo andò alla 
soa, lo quale misser Ludovigo era studente 
in lezze. Et li dicti arivono a le chase soe 
a hore doe e mezo; et fu adì 5 de 



zugno 



1443. 



Et comò fu Aniballe a chasa, mandò 
per certi soi amisi et si se miseno in punto 



12-14. ne l margine sinistro, dì mano tarda: Libe- 
ratione d'Annibale Bentivogli effettuata dalli Ma- 
rescotti 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

dentro fuo Nicolò de lacomo degli Anze- 
leli et tuta la furia dreto a lui. JSt fuo 
■preso Francescho Pezenino con sua brigata 
et fuor om missi a sacomano. Et era lì mol- 
to oriento e arme et cavagli. Et France- 
scho Pezenino fuo menato suxo la renghiera 
del palazo mostrando, com grande alegreza 
el -popolo cridava : " Butalo zoxo „ . Et la 
sira seguente el dito Francescho fuo menato 
a caxa de Anibale di Bentivogli et messo in 
una camera con bone gardie, et fuo in zuo- 
ba. Possa andoe una crida che tuti gli ri- 
velli de Bologna posseseno tornare a Bolo- 
gna sechuramente. Et adi vii de zugno 
fuo prexo uno condutiero de zente d'arme, 
nome Felipo Schiavo. Questo fuo quelo che 
menò Anibale in prexone, quando France- 
scho Pezenino el fece pigiare, et era uno 
cativo huomo, et fuo prexo de drieto da 
Sancto Petronyo in una chiavega grande 
et fuo menato in caxa de Anibale, nel quale 
luocho fuo tagliato a piezi da Galiazo di 
Marschuoti. El dito zorno andarono al ca- 
stclo de la porta de Galiera et comenzarono 
a fare una tagliata atraverso el mercato 
con buoni repari, et f eceno fare dui gatti 
de Ugnarne suxo el muro, uno ' da honne lo- 
do del castelo, che li faceano grandissimo 
danno con schiopiti e balestre. 

Et in quelo tempo era nel contado de 
Bologna el conte Aloixe dal Vcrmo con 
molta zente d'arme da cavalo e da piede, 
che andavano da Nicolò Pezenino in la Mar- 
cha, et udendo la novitadc fata in Bologna 
non andono più avanti. Et Guido Antonio 
di Manfridi, segnore de Faenza, venne con 
gran zente a Castelo San Piero. I quali 
vilani prexeno acordo con lo dito segnore 
de tegnire el castelo a posta de Nicolò Pe- 
zenino. Ancora prexeno acordo le infra- 
scale castelle, zoè: 

Budrio, 

Medexina. 



C. 216 a - cui ? 



17. nome] segue nel cod. fé cancell. — 22. caxa] 



segue nel cod. in e cancell. 



1 Spilamberto. Vedi nota 3 a p. 35. 



112 



CORPUS CHRONICORUM 



[A 14431 



Cronaca A 

d'arme, et sonato quatro hore, fé sonare la 
canpana grossa de Sam Iacomo, a stornio, 
et andono a piaza, gridando : " Viva el 
" puovolo „ et circundono el palazo et 
poi li deno baptaglia. Et gli omini d'arme 
de Francesco Pizinino stevano, armati de 
tucte arme, sopra la porta del palazo et 
trevano sassi zoso, et li fanti erano atorno 
al palazo, suso per lo muro; et in fine li 
cittadini ponzono uno charro de sassi cum 
altro legname apresso alla porta del palazo 
et si li fìchono lo fuocho dentro in lo dicto 
legname, et in quella hora altri cittadini 
roppeno el muro al cantone del palazzo, 
de verso le bolette, et si introno in lo pa- 
lazo da hore diese ; et lo primo che intrò 
dentro fu uno Nicolò de Iacomo degli 
Anzelini, et tucta la furia dreto, et cossi 
fu preso Francesco Pizinino e tucta la soa 
brigata et funo missi a sachomanno: et 
eragli de molte arme et argenti et chavagli 
grossi. Et Francesco fu menato su la ren- 
ghiera del palazo, mostrandolo al puovolo 
cum grande allegreza, et lo puovolo gri- 
dava che lo buttasseno zoso ; et la sira se- 
quente fu menato a chasa d'Aniballe et fu 
messo in una camera cum bone guarde. 
Et fu in zobia la presa de costui. Et poi 
fu mandato una grida che tucti li rivegli 
de Bologna posesseno tornare a ogni soa 
posta. Et el viegnere sequente fu preso uno 
condutiero de gente, che haveanome Phi- 
lippo Schiavo, et era tenuto uno cativo homo 
nemigho de Aniballe et de tucti li Bolo- 
gnisi; et questo fu quello che menò lo dicto 
Anibale in presone quando Francesco Pi- 
zinino lo fé pigliare; et tu atrovato in una 
chiavegha de dreto de San Petronio, et fu 
menato a chasa d'Aniballe et la sira fu 
tagliato a pezi da Galeazo Mareschotto. 
Et cossi lo dicto viegnere andono al ca- 
stello dalla porta de Galiera et cominzono 
de fare una tagliata a traverso el merchato, 



18-19. degli Anzelini] parole sottolineate nel cod. 
— 41. nel margine sinistro, di mano tarda: Mare- 
scotti 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



10 



Cronaca B 

Castelo Guelfo, 

Minerò io, 

San Zorzo, 

Arzcle, 

la Pieve da Cento. 

Et quilli da Cento se temano a -posta de 
Bologna e la rocha se tenia -per Nicolò Pe- 
zenino. Et per questo el conte Aloixe cha- 
valcò al dito castelo et intrò dentro per la 
rocha et preseno la porta, che e apreso la 
rocha, et tutti veneno dentro dal castelo, cri- 
dando: * Sacho, sacho „ . Et quilli del ca- 
stelo asòarono le strade, facendo grandis- 
scma defexa et ucciscno degli soldati più 
de e huovicìù, et degli uomeni del castelo 
gliene fuoron morti xx; et se V ?ion fosse 
stato el segnore de Carpi ch'era nel dito ca- 
stelo, arcano mal fato. Et costui era per 
asoldarsc com Nicolò Pezcnino, et per paura 
de perdere la roòa sua, se misse a defesa 
contra quilli del campo. A la fine prexeno 
acordo in questo modo, de darli pane, vino 
e duchati v cento. Et questo fuo perche el 
conte Aloixe volca per prexone el vicaro 
del' dito castelo el quale era Lodovigo di c c 'J 6 ^ 
Bentivogli. 

Ancora s' acordarono con loro le infra- 
scrite castelc, zoc: 

San Zohanne in Persexeda, 

Crevalcore, 

Sant" Agada, 

Manzolino, 

Pimazo l . 

Possa andono a campo a Castelo Eran- 
cho, a li quali fuo domandato se igli se vo- 
leano rendere. Rcsposcno che voleano fare 
quelo che facea Bologna ; et per questo gli 
nemici li òruxaron la vila de Ponzano e 
de Gazo, che fuoron Ixxx caxe. Et per 
questo se vinse nel consiglio dì vi cento che 
fossetto facii exenti per x angui de hogne 
graveza et non conperaveno la cor oc del 
sale più che livere una suoldi x ; et foglie 



1 Piumazzo. Vedi noti 12 a p. io. 



[A. 1443] 



BONONIENSIUM 



113 



Cronaca A 

cum boni repari, et feno fare dui ghatti 
de legname suso el muro de verso la Mascha- 
rella, che gli fevano gran danno, cum 
schiopitti et balestre. 
i5b Et' in quello tempo se retrovò in sul 
contado de Bologna lo conte Alovixe dal 
Vermo cum gram gente d'arme da pè et 
da cavallo, che andavano da Nicolò Pizi- 
nino ch'era in la Marcha ; et sentando lo 
dicto conte la novitade, che s'era facta 
in Bologna, restette de andare. Et el si- 
gnore Guidazzo da Faenza, corno amigho 
ch'era de Nicolò Pizinino, venne cum 
gente d'arme da pè et da cavallo a Ca- 
stello Sam Piero, et si s'acordono cum lui 
de tegnire lo castello per Nicolò Pizinino. 
Ancora s'acordò cum loro Budrio, Medexi- 
na 1 , Castello Guelfo 2 , Minerbio, Sam Zor- 
zo 3 , Argele 4 ; la Pieve et quilli da Cento 
se teniano a posta de' Bolognisi, et la rocha 
se tenia per lo dicto Nicolò. Et el conte 
Alovixe cavalchò al dicto castello et intrò per 
la rocha, et cominzono a gridare: " Sacho, 
" sacho „ . Allora quilli del castello si aro- 
stono le strade et feno gram defexa et si 
n'amazono de loro più de uno centonaro et 
fugli morti de quilli de Cento da 120 homini 
et se '1 non fusse stato el signore de Carpo 5 
che gli era in Cento cum dusento cavagli, et 
costui era per asoldarse cum Nicolò Pizi- 
nino, et per paura de essere missi a sacho- 
manno, aidono quilli del castello. Et in fino 
quilli del castello se acordono cum lo conte 
Alovixe in questo modo, de dargli pane, 
vino et cinquecento duchati; et questo fu 
perché el conte voleva el vichario per pre- 
sone, lo quale era Ludovigo di Bentivogli. 
Ancora s'acordò cum loro quilli da Sam 
Zohanne, Crevalchore, Sant'Agada, Man- 



3$. dargli] segue nel cod. paj cancell. — 48. nel 
margine sinistro, di mano tarda: Castel S. Giovanni 
s'accorda col conte Dal Verme — 39-1» 2 p. 114. 
cura .... Piumazo] parole sottolineate nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



1 Medicina. Vedi nota 13 a p. 9 

2 Castelguelfo bolognese, comune del circondario 
d'Imola, provincia di Bologna, nella pianura. 

3 San Giorgio di Piano, comune del circondarlo 
e provincia di Bologna. 



Cronaca B 

perdonato tufo el debito che igli aveano con 
la camera del comune de Bologna. 

Ft adì xiii de zugno gli citadini de 
Bologna mandarono doe ambaserie : una a* 
Veneciani, l'altra a' Fiorentini, ^teisti sono 
gli citadini che andaron -per ambasatori, zoè : 

Meser Batista da Caste lo San Piero , 

Giovanne de meser Bonifacio di Gozadin. 

S^uisti andaron a Vinexia. 

Meser Nicolò di Ghisilardi, 

Merchione di Malvizi. 

Salisti andaron a Fiorenza e trataron 
de fare liga con questa comunitade. 

Ft adì xii de luglio vene novelle a Bo- 
logna e gli capitolli fati, come adì vi de 
luglio era concluxa la liga per v anni con la 
segnoria de Vinexia e la comunità de Fio- 
renza e 'l puovelo de Bologna. Ft colui 
che adusse li capitoli da Vinexia fuo vestito 
de roxato, che' fuono braza xii, et fesse fa- 
lò in suxo la torre degli Axeneli. Ft a- 
dì xxi de luglio se bandì la dita liga et 
f esene grandi ssema festa in Bologna de fuo- 
chi più che credo mai fosse fato in Bologna, 
che fuoron poche ghiexie che aveseno cam- 
panile alto, che non feseno falò, et simile in 
suxo te turre dove se possea andare et a 
tute le puorte de la citade, e simelmente 
per tuta la citade. F da li a puochi zur- 
ni gli Fiorentini mandaron secorso a' Bolo- 
gnixi uno capetanio , nome Simoneto da Ca- 
stelo de Piero, con v cento cavagli et ce fanti 
et uno Gotofredo com ccc cavagli', et gli 
Veneciani mandaron in secorso de' Bolognixi 
uno condutiero de zente d'arme nome Ti- 
berio Brandulino com ecce cavagli, et Gui- 
do Rangone con vi cento cavagli e ce fan- 
ti. Ft adì xxvii de luglio gli segnori an- 
ziani f eceno sonare le campane del popolo 



31. capitoli] segue nel cod. fuo cancell. 



e. 216 b - col. 2 



4 Argile, frazione di Castel d'Argile, circondario io 
e provincia di Bologna, in plano. 

5 In Carpi (nel modenese) dominava la famiglia 
dei Pio. 



T. XVIII, p. 1, v. iv 



114 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1443] 



e. 16 a 



Cronaca A 

zolino et Piumazo; et quilli de Castello 
Franche» se teneno per Bologna, et quilli 
del campo li deno el guasto et brusono la 
villa de Panzano l , che '1 fono circha ses- 
santa chase. Et per questo se vinse in lo 
conseglio de' siecento che quilli da Castello 
Francho funo facti exenti per diexe anni 
de ogni graveza, et si non conparavano la 
corba del sale più che lire una et soldi diese 
la corba, et si fu perdonato tucto lo debito 
vechio, ch'egli haveano cum la camera del 
comun de Bologna. Et poi li signuri de 
Bologna raandono una ambassaria a Fio- 
renza, lo nome di quali si funo quisti, zoè : 

Misser Nicolò de' Ghixilardi, 

Marcinone de' Malvizi; 
et adì 13 del dicto mese ne mandono 
un'altra a Vinexia, li quali sono quisti, zoè: 

Misser Baptista de misser Firiano da 
Castello Sam Piero, dottore in lezze, 

Zohanne de misser Bonifazio de' Go- 
zadini ; 

et tractono de fare ligha cum le diete 
comunità. 

Et adì 12 de luglio nel dicto anno 
venne novelle a Bologna delli capitoli 
facti, corno adì sei del dicto' mese si era 
conclusa la ligha facta cum la signoria de 
Venexia et la comunità de Fiorenza et la 
comunità de Bologna per 5 anni; et cho- 
lui che adusse le littere e li capitoli da Vi- 
nexia fu vestito de rosato, che funo braza 
dodese ; et fesse falò in su la torre degli 
Asinegli la sira sequente. Et adì 21 del 
dicto si se bandi la dieta ligha et fesse 
gran festa in Bologna, che fu poche chie- 
sie che havesse canpanili alti che non se 
fesse falò; et simile in su le turre donde se 



I. nel margine sinistro, di mano tarda: Castel- 
franco si tiene e resiste a devotione di Bologna. 
Villa di Panzano abbrusclata — 4-5. la.... Pan- 
zano] parole sottolineate nel cod. — 5-6. sessanta] la 
parola non i ben sicura essendo la carta rósa in questo 
punto — 15. nel margine sinistro, di mano tarda : Essen- 
done concessa per anni x a quelli di Castelfranco 
da' Bolognesi - segno d?attentio>ie nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

a remore, et fuo uno giorno nel livare del 
sole. Ancora feceno sonare la campana de 
Santo Iacomo et molte altre asai; et diceano 
che gli nemici ventano -per fornire ci castelo; 
et -per questo tuto el -popolo prexc Varine 
e andoe de fuora de la porta de la Mascha- 
rella, e non fuo vero che venisse alcuni di ne- 
mici. In questo fuo dito ad Anibale: tt Poi- 
14 che il popolo è di fuori, meglio è a fare 
tt una tagliata intorno al castelo „ ; et così non 
se partì ci popolo, che comenzaron a lavo- 
rare a la tagliata, comenzando in suxo la 
strada de la Mascharella da la caxa di 
Sancti et andava in suxo la strada de Ga- 
llerà, da la croxe del Frasam et quela caxa 
che li fuo messa in fortezza, con uno fosso 
intorno,'' et de lì andava in fino al muro r c 2 j 7 ^ 
de la citadc, apresso ci canale, che durava 
presso che uno miglio e mezo, et fosa gli 
de no l'acqua in fino a la croxe del Frassan. 
JEt fuo a fare la dita fossa gli infrascri 
ti, zoe: 

Cavalieri, 

doctori, 

comfaloncri con parte di confaloni, 

le compagnie de le arte con le bandiere, 

i caluonixi de San Piero, 

la mazorc parte delle regole di frati, 

preti, 

scholan) 

zudei, 

foraslieri, 

facilini. 

Lo quale lavoro fuo fato in Hi zumi, 
comenzando hogne zorno a hora de dexe- 
narc; et hone huomo andoe de sua volon- 
tade, et donne et huomcni antichi e putì 
portavano da marnare e da bere agli diti 



1 Panzano, frazione del comune di Castel Franco Emilia. 
io dell'Emilia, circondario di Bologna, a nord della via 



[A. 1443] 



BONONIENSIUM 



115 



Cronaca A 

posesse andare, et a tucte le porte de la 
terra, et simile per tucta la terra. Et da lì 
a pochi di li Fiorentini mandono in alturio 
a Bologna uno capitanio, chiamato Simoneto 
da Castello de Piero, cum cinquecento ca- 
vagli et cento fanti, et uno Gottefredo cum 
tresento cavagli ; et li Veneciani ne man- 
dono uno altro a Bologna, uno Tiberio 
nolo del conte Brandolino, cum quatrocen- 
tocinquanta cavagli, et Guido Ramgone cum 
seicento cavagli et dusento fanti. Et adì 
27 del dicto mese, un sabato matina, su 
el livare del sole, li signuri feno sonare la 
canpana del puovolo a stornio et simile 
quella de Sam Iacomo et de l'altre assai, 
onde el puovolo se armò perché se diseva 
che quilli del campo vegniano a fornire el 
castello della porta de Galiera ; et ogni 
homo andò fuora della porta della Mascha- 
rella et COS9Ì le gente d'arme, et non se 
retrovò essere vero; et fu dicto Aniballe, 
po' che el puovolo è de fuora et è in pun- 
to, meglio è a fare una taiata atorno el 
castello, et cossi non se partì el puovolo 
che se cominzò de fare in su la strà de la 
Mascharella dalla Croxe di santi et si an- 
dava in sulla strà de Galiera del Frasene, 
et quella chasa ch'era lì fu messa in for- 
tezza cum lo fosso intorno et de lì anda- 
va infino ateso el muro della città et pas- 
sò el canale che durava apresso uno miglio 
e mezo, et si li deno l'acqua da lato del- 
la Mascharella, che andava infino alla Cro- 
xe del Frasene, intorno a la chasa. Et fu 
a fare la dieta fossa cavalieri, docturi et 
confalonieri cum parte de' confaluni, le 
conpagnie delle arte cum le soe bandiere, 
et la mazore parte delle regole de Bologna, 
et li chalonixi de San Piero, et preti, dot- 
turi, scholari, forastieri, zudei, fachini et 
contadini; et fu facto el dicto lavoriero in 
tri dì et ogni dì se cominzava de lavorare 
quando haveano desenado. Et ognomo, 
andò de soa volontade, et donne e homini 
antighi et putti portavano da bevere et da 
manzare a li dicti lavoraduri; et le spese 
de pane et de vino se fé a spexe del co- 



lo 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

lavoratori, e Ile spexe de -pane e de vino 
le facea el comune. E Ile zente d'arme da 
cavalo e da -piede andaron a pore campo 
al castelo tra la Mascharella e Galiera. Et 
adì vii d'agosto, Tartaro da Betona, ca- 
stelano del castelo de la porta de Galiera, 
s'acordoe a hore xxiiii , e livosse via li ofe- 
se, et tolse termene infino adì xxii del dito 
mexe et foli de pato ch'el non dovea repa- 
rare alcuna casa, né fare alcuno atto contra 
la citade, e 7 comune de Bologna, che dovea 
dare tre milia cinquecento duchati et fare 
el deposito in Siena. 

Come el puovelo de Bologna con al- 
quante ZENTE D'ARME ROPENO EL CAM- 
PO di nemici a San Zorzo de Piano, 
et era loro capitanio el conte 
Aloixe dal Vermo. 

1443. — Adì xiiii del mese d'agho- e. 217 a -coi. 2 
sto, in mercore, la vilia de nostra Donna, 
nel livare del sole, Anibale di Bentivogli 
fece sonare la campana de Santo Iacomo, 
possa gli segnori feceron sonare quela del 
popolo; et questo fé ceno, perchè aveano sen- 
timento che il campo del conte Aloixe dal 
Vermo era levato da la Rechardina, el quale 
campo era de tre milia cavagli e de viii 
cento fanti, et andavano per alozare in Cen- 
to e in la Pieve e in San Zohanne in Per- 
sexeda. Nel quale sono de campana el po- 
polo fuo r acolto de fuora de la porta de la 
Mascharella, a la tagliada, dove erano le 
nostre zente d'arme alozati. Et muntati 
che fuoron a cavalo i ditti soldati, tuti de 
compagnia andono verso el ponte dal Gon- 
bedo, et zunti al dito loco, tuti gli soldati 
da cavalo se miseno in bataglia. Et quando 
fuoron al ponte de Cortexela, ive era Ani- 
baie di Bentivogli et facea una squadra 
de atadini e una de homeni d' arme ; et così 
seguì tutte l'altre bataglie et andarono in- 
fino al castelo de San Zorzo. E quili de 
San Zorzo erano revelati al conte Aloixe, 
de uno zorno avanti ; et sentendo la venuta 
del popolo e degli soldati, se miseron in 



2. de 1 ] segue nel cod. b cariceli. 



116 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1443] 



Cronaca A 

mun; et le gente d'arme da pè et da ca- 
vallo andono a pore campo de fuora, tra 
e i6b la dieta fossa e '1 castello.' Et da che Ani- 
balle venne a Bologna, comò è dicto di 
sopra, sté serato le boteghe infoio adì 7 
d'agosto, perché a dicto dì s'acordò el ca- 
stellano che haveva nome Tartaro da Beto- 
na, zoè a hore 24; et levosse via le offexe, 
et tolse termine infoio adì 22 del dicto 
mese, et si fu de pacto ch'elio non se do- 
vea reparare d'alcuDa cosa, né fare nessuno 
acto contra la terra; et lo comun de Bo- 
logna li dovea dare tre millia cinquecento 
duchati et fare el deposito in Siena. Et 
in questo tempo che '1 dicto Tartaro tene 
lo dicto castello, per le bataglie che gli 
funo date al dicto castello, li fu morto 
apresso de cento homini. 

Adì 14 d'agosto, et fu in merchori, 
la vigilia della festa della nostra Donna, la 
matina su e' livare del sole, Aniballe di 
Bentivogli fé sonare la canpana de Sam 
Iacomo a stornio, et poi li signuri feno 
sonare quella del puovolo; et questo se fé 
perché haveano sentimento del campo del 
conte Alovixe dal Vermo, che s'era levato 
dalla Rechardina ', al quale campo era de 
trea milia cavalli et fantaria da pè; et el 
signore Guido Antonio signore de Faenza 
si era romaso a Castello Sam Piero cum le 
soe brigate et cum quelle de Francesco 
Pizinino; et lo dicto conte andava a stare 
a la Pieve 2 , a Sam Zohanne et a Cento. 
Et in quello sono de canpana si s'arecolse 
el puovolo de fuora dalla porta de la Ma- 
scharella, a la taiata, dove era le nostre 
gente d'arme acanpadi. Montade che fu le 
le nostre gente a cavallo, ogni homo tirò 
verso el ponte dal Gombedo et quando le 
gente d'arme funo lì, se misseno in bata- 



27. nel margine sinistro, di mano tarda: Conte 
dal Verme pensa di venire a stare di quartiere a 
Castel S. Giovanni, ma e interotto, e rotto da' Bo- 
lognesi in un fatto d'arme seguito un miglio di sotto 
da Castel S. Giorgio — 34. a.... Zohanne] parole 
sottolineate nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

-punto de -pane e de vino -per dare al dito 
popolo. Et arivato el popolo al dito ca- 
stelo, glie fuo abasato i punti et entraron 
dentro, et così andando beveano e manza- 
vano, perché non aveano portalo con loro 
pane, né vino, et tato el popolo erano in 
zubarclo con lanze in mano; et come fuo- 
ron di sotta dal castelo uno miglio, trova- 
ron gli nemici* e fuoron con loro a la c C oj 7 ? 
bataglia. El primo huomo ehe comenzoe la 
bataglia fuo Anibale di Bentivogli, et se 7 
non fosse stato lui, non se pigliava bataglia 
alcuna. Et quando glie nemici videro?i la 
furia del popolo, luti se miscron in rotta 
et fuorom prixi quasi tuli, che pochi ne 
canpò. El conte Aloyxe et meser Zervato, 
il conte Lionoro da la Pergola, la miglior 
arma che avescno fuo li spcrumi, et fu- 
gyrom infino al Finale', et multi cavagli 
caderom morti per stancheza. Et fuoron 
presi ccxxxvi huomcni d'arme de repulacionc 
et xi capi de squadra et ii millia cavagli 
et luti i cariagi di capetanii e degli uo- 
meìii d'arme, et luti gli schiopetieri, che 
fuoron prexi, fuorom morti e avogliatoli 
le budella a le braza ; e l'altro zorno sequente 
fuoron relrovati molti cavagli e homeni 
netti boschi a provo la valle, et tati foron 
prexi e menati a Bologna. Li condutieri 
che ropeno ci dito conte fuoron quisti, zoè: 

Simoneto da Castelo de Piero con ecce 
cavagli, 

le brigadc de Piero da Navarino con 
ccc cavagli, 

Gote f redo com ce cavagli; 
et quitti de Tiberto non gli arivono a tem- 
po però non se mcteno a conto; et quitti 
de Guido Rango ne erano in Val de V ldexe, 
che non erano ancora arivati a Bologna. 
Sì che viiii cento cavagli e *l popolo rope- 



5. così] corretto su coso nel cod. — 18. miglior] 
segue I cancell. nel cod. 



1 La Riccardina. Vedi nota i a p. 87. 



2 Pieve di Cento. 



[A. 1443] 



BONONIENSIUM 



117 



Cronaca A 

glia; et el puovolo andò al ponte da Cor- 
tisella l . E lì era Aniballe di Bentivogli che 
feva le squadre de' cittadini, et mandava una 
squadra de nomini d'arme et una de citta- 
dini, et cossi seguiano tucte le altre, et an- 
dono infino a Sam Zorzo 2 ; et sintando el 
puovolo che venia cum la gente d'arme, se 
misseno in punto de pane et de vino per 
dare al dicto puovolo. Et nota che questo 
castello si era revelato al conte Alovixe, 
de uno dì inanzi, et teniasi a posta de' Bo- 
lognisi. Arivato che fu el puovolo al dicto 
castello, li fu asbasadi li punti et passono 
per mezo el castello et cossi andado bevea- 
no et manzavano perché non haveano por- 
tado né pane né vino cum loro; et tucto 
el puovolo era in zubarello cum le arme 
in mano; et corno funo de sotto da Sam 
Zorzo uno miglio, trovono li nemisi et fu- 
no a le mano cum loro. El primo homo 
fu Aniballe di Bentivogli, et se non fusse 
stato lui, non se pigliava baptaglia. Et 
quando li nemisi viteno la furia del puo- 
volo, se misseno in rotta; unde funo prisi 
c - '7 «tucti, che pochi ne ' canpò cum lo conte 
Alovixe et lo conte Lianoro et Zervato Se- 
cho, et la migliore arma che igli haveano 
funo li speruni, et andono infìno al Fina- 
le fuzando ; et multi cavagli cascono morti 
de stracheza. Et le donne del castello 
si portavano da bere dreto al puovolo. Et 
fu preso de' nemisi dusento trenta sei no- 
mini d'arme de reputatione et undese capi 
de squadra, doa millia cavagli et el chariazo 
del conte come quello de tucto el campo ; 
et tucti li schiopetieri, che funo prisi, funo 
morti. Et l'altro dì sequente se trovò ca- 
vagli et homini assai in li boschi apresso 
a la valle, et funo prisi tucti. Et di no- 
stri ne fu morti in quella rotta so no uno 
cittadino che havea nome Zorzo Pelacha- 
no. Et le gente d'arme, che funo a rom- 
pere le diete brigate, funo quisti; Simo- 
neto da Castello de Piero cum quatrocento 
cavagli, le brigate de Piero de Navarim 
cum tresento cavagli, Gottofredo cum du- 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

no el dito conte con sua brigata, et in v 
zorni tute le castelle che tenta el dito conte 
fuoron raquistatc -per Bolognixi, zoe fuoron 
queste, in -prima: 

El castelo d'Arzele, 

el castelo de la Pieve, e. 217 b - coi, 2 

ci castelo de Cento, 

el castelo de Crevalcore, 

ci castelo de Manzolino, 

ci castelo de Pimazo, 

el castelo de Minerbio, 

el castelo de Budrio, 

el castelo de Medexina, 

Castelo San Piero, 

la torre dal Ponte Poledrano, 

el Puozo di Lambertini 

la torre da VOxelino. F quilli da San 
Zohanne se rexeno -perchè non poseno avere 
secorso dal dito conte et tcnese la rocha, e 
per questo se convenne mandare le bombar- 
de al dito castelo per bombardare la rocha, 
perchè li vilani non se ne voleano impa- 
zare\ infine se rexeno, salvo l'avere e le 
persone, et aveno termene viii zumi. Ne 
la quale rocha era xxxxii homeni: et andan- 
dosene in modenexe fuoron asagliti apreso 
Crevalcore dagli uomeni de Castelo Francho 
e de Sant'Agada et uccixeron xiiii homeni 
e 'l castelano, et molti de loro fuoron feriti. 

1443. — Francescho Pezenino fuo me- 
nato a Panaro verso Modena adì xx d'agho- 
sto et ive al dito fiume fuo facto cambio del 
dito Francescho per Guasparo di Malvizi 
e per meser Achile suo figliolo cavaliero 
de la Maxone, i quali erano stati prixi con 
Anibale a San Zohanne in Persexeda, co- 
me tu trovi in questo libro, tu che liezi 3 . Ft 
adì xxi dito vene a Bologna el dito Gua- 
sparo e meser Achile di Malvizi! 

1443. — Adì xxi del mese d'aghosto i e. 218 a - coi. 1 
Bolognixi aveno la tegniuda del castelo de 
la porta de Galiera, et in quel zorno se 
chomenzò a desfare; et costò al comune de 
Bologna 3500 duchati. 



1 Corticella e ponte di Corticella. Vedi nota 13 
a p. io. 



2 San Giorgio di Piano. Vedi nota 3 a p. 113. 

3 Vedasi a pp. 105-106 di questa stessa cronaca. 



118 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1443] 



Cronaca A 

sento cavagli ; et quilli di Tiberto non 
arivò a tempo, et però non se meteno a 
conto, et Guido Ramgone si erano in valle 
de l'Idexe \ che non erano ancora arivadi 
a Bologna. 

Facto che fu questa rotta, in cinque 
dì se requistò tucte le castelle del contado 
de Bologna, che se tenea per lo dicto 
conte, zò funo queste, zoè: Arzele 2 , la Pie- 
ve, Cento, Crevalchore, Manzolino 3 , Piu- 
mazo, Minerbio, Budrio, Medesina, Castello 
Sam Piero, la Torre dal Ponte Poledran *, 
el Puozo 5 , la Torre da l'Oxelino 6 . Et 
quilli da San Zohanne in Percesedo se 
reseno perché non posseano havere socorso 
dal dicto conte, et tenease la rocha; et 
per questo se convenne mandare la bom- 
barda al dicto castello, et bonbardono la 
rocha, perché li contadini non se ne vo- 
leano impazare. In fino se reseno, et ha- 
veno termine otto dì cum quisti pacti: sal- 
vo l'avere e le persone, et darali dentro 
42 fanti. Et andandosene via, li dicti fanti 
funo asaltadi da quilli da Castello Francho 
apresso a Crevalchore, et ferino et amazo- 
no 14 de loro cum lo castellano. 

Adì 20 d'agosto Francesco Pizinino 
fu menado a Panaro de verso Modena, et 
lì al dicto fiume fu facto cambio del dicto 
Francesco per Guasparo di Malvizi et de 
misser Achille cavaliero della Masone, fi- 
gliolo del dicto Guasparo di Malvizi, li 
quali funo prisi cum Aniballe, corno apare 
in questa cronicha 7 ; et adì 21 dicto venne 
li dicti, zoè Guasparo et misser Achille. 

Adì 21 d'agosto el castello della porta 



il. Crevalchore] sottolineato nel cod. - nel mar- 
gine sinistro, di mano tarda: Castel S. Giovanni si 
rende a' Bolognesi. La rocca di Castel S. Giovanni 
si tene, ma bombardata cede — 25-26. da.... Cre- 
valchore] parole sottolineate nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

Come Anibale di Bentivogli introe in 
San Zohanne in Persexeda et pre- 
xe el dito castelo et multi huo- 
meni mandoe a bologna. 

1443. — Anibale di Bentivogli se -party 
da Bologna adì vii de ottobre con una 
squadra de citadini da cavalo e da piede, 
et andoe al corpo de Reno de sola da Cento, 
et mandoe per le zente d'arme de Piero 
da Navarino, ch'erano nel castelo de San 
Zohanne in Persexeda, dicendo ch'cl volca 
andare a trovare alquante zente d'arme de 
Francescho Pczcnino, che doveano passare 
al Dosso eh' e in suxo la guarda de Cento ; 
et ive steteno una note, et adi viii de otto- 
bre andarono verso San Zohanne in Per- 
sexeda et entrarono dentro per la porta 
de santo Tomaxe, mostrando de volere fare 
la mostra, et quando fuoron in fiaza se 
mixer on gli cimiti, cridando: tt Popolo, po- 
polo „, et prexeno el castelo vechio e tuli gli 
contadini ch'erano dentro, et fuoron man- 
dati in rocha in prexone, et adì viiii de 
ottobre gli mandoe a Bologna; erano cir- 
cha clxv homcni. El dito dì fuo messo a 
partito nel consiglio del popolo, a chi pia- 
cca e volca ch'cl dito castelo se dovesse de- 
sfarc e a spianar e, metcsse la fava biancha, 
e chi volca el contrario metcsse la fava 
negra. Nel dito partito fuoron vi cento 
xxxxvi fave bianche et cccxxxxiiii negre. 
Et adì xii de ottobre gli scgnori anciani 
fcccno fare uno bando in Bologna che luti 
gli uomcni de San Zohanne in Persexeda se 
doveseno aprexentare al tcrmcne de.... zumi, 



1 II fiume Idice. 

2 Argile. Vedi nota 4 a p. 113. 

3 Manzolino, frazione del comune di Castel Franco 
dell'Emilia, circondario e provincia di Bologna. 

io 4 Ponte Poledrano. Vedi nota io a p. 86. 

5 Poggio, detto anche Poggio de' Lambertini per- 
che appartenne a quella nobile famiglia (come leggisi 
nella cronaca B), è una località della pianura bolognese 



2-5. Come. . . . Bologna] parole scritte in calce 
alla colonna, non essendoci spazio in testa al capitoletto 
— 19. et] segue nel cod. n cancell. — 30. e] segue nel 
cod. as cancell. — 31. contrario] segue nel cod. 1 can- 
cell. — 37 ] spazio bianco nel cod. 



del circondarlo di Imola. 

• L'Uccellino, o più spesso Torre dell'Uccellino, lj 
piazza fortificata nella bassa pianura bolognese vicino 
;il confine col territorio di Ferrara. La Torre dell'Uccel- 
lino è spesso ricordata come luogo fortificato nei docu- 
menti e nelle cronache medievali bolognesi e ferraresi- 

7 Vedi più su in questa cronaca a pp. 107-108 20 
sotto l'anno 1443. 



[A. 1443] 



BONONIENSIUM 



119 



Cronaca A 

de Gallerà se tolse la tenuta, et in quello 
dì se cominzò a desfare : et costò al co- 
mun de Bologna tre millia cinquecento 
duchati.' 
no Adì 7 d'otobre Aniballe di Bentivogli se 
partì da Bologna cum una squadra de citta- 
dini da pè et da cavallo et andono al corpo 
de Rheno, ch'è de sotto da Cento ; et lo 
dicto Aniballe mandò per le gente d'arme 
de Piero de Navarim, le quale erano a 
Sam Zohanne im Percesedo, corno digando 
ch'elio voleva andare a trovare gente d'arme 
de Francesco Pizinino, che doveano pas- 
sare al Dosso x ch'è in su la guarda de Cen- 
to ; e lì Steno una notte, et l'altro dì ando- 
no verso Sam Zohanne im Persecedo et 
introno per la porta de Sam Tomaxe, mo- 
strando de fare la mostra; et quando furio 
su la piazza, se misseno gli elmitti et co- 
minzono a gridare : " Puovolo, puovolo, 
" Bologna, Bologna „, et preseno el castello 
vechio et cum tucti li contadini ch'erano 
dentro, et poi li mandono in le presune, 
et quando funo piene le presune, mando- 
no al resto in rocha; et adì 9 del dicto mese 
funo mandati a Bologna circha cento 
cinquanta ligati et desligati. Et lo dicto 
dì se misse a partido nel conseglio del puo- 
volo, a chi piaseva et voleva che '1 dicto 
castello se desfesse, metesse la fava bian- 
cha, et chi voleva el contrario, la metesse 



43. nel margine sinistro, di mano tarda ; Le genti 
di Pietro Navarini erano di quartiere a Castel S. 
Giovanni — 4 2 "43> Sam .... Percesedo] parole sotto- 
lineate nel cod. — 46. nel margine sinistro di mano 
tarda: Castel S. Giovanni occupato con inganno da 
Annibale Bentivogli e Bolognesi. Habitanti di Castel 
S. Giovanni fatti prigionieri e posti nelle prigioni 
di detto castello, et alcuni mandati a Bologna. 

Conseglio fatto e partito proposto dal popolo 
di Bologna che dovevasi demolire detto Castel di 
S. Giovanni, nel quale prevale l'affirmativa del de- 
molire 11 borghi del detto Castello e riservare il Ca- 
stel Vecchio. 

Demolitione fatta dal popolo di Bologna delli 
Borghi di Castel S. Giovanni et appianamento delle 
fosse;ch'erano intorno a detti borghi — 48. verso 
Castello vecchio] parole tutte sottolineate nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



IO 



15 



Cronaca B 

altramente receveriano bando de Bologna 

e del contado et i loro beni s'aplicariano a 

la camera del comun 'de Bologna. Et del e 218 a - coi. 2 

dito mexe se comenzò a desfare" i burghi 

del dito castelo et aspianare, le fosse. 

1443. — La signoria de Vinexia e la 
comunità de Fiorenza e 7 popolo de Bolo- 
gna e il ducha de Milane e la co?nunita de 
Zenoa feccron liga inse?né] e bandisse in 
Bologna adì xviii de ottobre. Questa liga 
se fece -per caxone del re de Ragona el 
quale era in la Marena et vegnia -pigliando 
tute le terre del conte Francescho da' Chu- 
dignola. Et JVicolò Pezenino era capeta- 
nio del dito re. 

1443. — Adì xxiiii de ottobre fuo da- 
to e asignato el dazio da le cartexele per 
v angni a Anibale di Bentivogli, e foglie 
asignato -per lo consiglio di siecento, con 
questo -fato che tuia la intrada del dito da- 
do se dovesse investire per lo dito Anibale. 
Ft questo li fuo fato perché lui era stato 
quelo huomo che avea cavato Bologna del- 
le mane a Nicolò Pezenino e da li soldaty, 
li quali maltratavano la citta e 7 contado. 

F da lì alquanti zumi glie fuo acresuto 
el dito dado per uno anno, et fuo vinto a 
partito nel dito consiglio; e questo li fuo 
fatto perché el dito Anibale donasse a za- 



4 Dosso, frazione del comune di Sant'Agostino, circondario di Cento, provincia di Ferrara, 



120 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1443] 



e. /Sa 



Cronaca A 

negra; et in lo dicto partido li fu sie cento 
quaranta sei fave bianche et tre negre. 
Et adì 12 del dicto andò una grida per 
parte di signuri in Sam Zohanne che tucti 
gli omini de Sam Zohanne se dovesseno 
apresentare, a termine de tre dì, altramente 
receveriano bando de Bologna et del conta- 
do et li soi beni s'aplicareveno alla came- 
ra del comun de Bologna. Et in lo dicto 
mese se cominzò a desfare li burghi del 
dicto castello et aspianare le fosse ; et sal- 
vono el castello vechio. 

La signoria de Vinexia, la comunità 
de Fiorenza, la comunità de Bologna, el 
ducha de Millano et la comunità de Zenoa 
f eno ligha inseme ; et bandisse in Bologna 
adì 18 d'otobre. Et questa ligha se fé 
per casone del re de Ragona, lo quale era 
in la Marcha ' et venia pigliando tucte quelle 
terre, le quale tegnia lo conte Francesco 
da Codognola ; et Nicolò Pizinino era ca- 
pitanio del dicto re. 

Adì 24 d'otobre fu dato et asignato 
el datio da le cartexelle per cinque anni 
Aniballe di Bentivogli, et fugli dato per lo 
conseglio di sei cento cum questo pacto, 
che tucta la intrada del dicto dactio per 
quilli cinque anni se dovesse investire per 
lo dicto Aniballe. Et questo li fu facto 
perché lui era stato casone de cavare Bo- 
logna de le mano a Nicolò Pizinino et da 
li soldati, li quali male tratavano la terra 
et lo contado; che Idio sia laudato*. 

Et da lì a pochi dì fu acresuto lo dicto 
dazio al dicto Aniballe per uno anno, et fu 
messo a partido in lo consiglio et vinto. Et 
questo fu facto perché el dicto donasse mille 
lire a zascuno de quilli cinque che '1 cha- 
vono della rocha, comò è dicto di sopra s '. 
Adì 12 de novenbre, da hore tre de 
notte, venne littere in Bologna corno lo 
conte Francesco 4 havea rotto el campo 
de Nicolò Pizinino in su el contado de 
Fano ; et cominzono a fare facti d'arme a 
hore 21 adì otto del dicto mese, et durò 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

schino de quilli cinque, che ' 7 cavono fuor a 
de la rocha, L. Mille de bolognin. 

1433. — Venne literre in Bologna, adì 
xii de novembre a hore Hi de note, come el 
conte Francescho da Chudignola avea rotto 
Nicolò Pezenino con sua brigata tra Pe- 
xaro e Fosaimbruno, et comenzaron a fare 
fati d'arme a hore xxi, adì viii del dito 
mese, et durò infino a hore Hi de notte; et 
prexeno circa doe millia cavagli e tuto eV c 'còi gb , 
cariazo del campo. Ft fesene grandisse- 
ma festa in Bologna, et comenzò a sonare 
le campane a hore vi de note, zoo quela note 
che fuo -portata la letera, e le boteghe ste- 
teno serate tuto el zorno sequente, et gli con- 
faloneri andar on con loro confaloni a- pa- 
lazo, e la sita se fece grandisimi fuochi, 
et fccesc iti zumi procesione. 

Copia d'una letera mandata da la si- 
gnoria de Vinexia agli segnory 
bolognexi, la quale letera fuo 
mandata al duxe de vlnexia de una 

ROTTA DATA AGLI TURCHI. El RE DE 
UNGARIA ERA SEGNORE DEL DITO CAM- 
PO ET MONSIGNORE DE SANTO AGNOLO 
ERA COMESARIO NEL DITO CAMPO PER 
LO PAPA UZENIO QUARTO. 

1443. — Vladislao, per la Dio gratia, 
de VOngaria, Poiana* ', Dalmatia et de Croa- 
tia ctc. re, et de Lituania principo soprano 
et heredi de la Rusia, a l'ilustre principo 
Francescho Foschari duce de Vinexia, pa- 
dre carissimo. Le vitorie date dal cielo, le 
quale in questo nostro progresso habiamo 
conseguite con singulare affecione a la cari- 
tade vostra per ci tenore de le predite anun- 
ciemo una particiale de certa quantitade de- 
gli nemici tagliati a peci particialmente a 
la di del exercito nostro ocorenti et un'altra 
mazore. Ft un'altra più gloriosa de xxx 
milia o più degli nemici con potentissimo 
exercito reportata, in e la quale el vice im- 



1 Vedasi sopra in più luoghi. 

1 Vedi più su a p. 111-116. 

3 La narrazione fu fatta a lungo sopra. I giovani 



che lo liberarono furono cinque. 

4 Francesco Sforza. 

5 Polonia. 



[A. 1443] 



BONONIENSIUM 



121 



Cronaca A 

infino a hore tre de nocte ; et preseno cir- 
cha doa millia cavagli et tucto el chariazo 
del campo. Et in Bologna se ne fé gran fe- 
sta, et cominzò a sonare le canpane quella 
notte, a sei hore, zoè quella notte che ven- 
ne la littera, et tenese serato le boteghe 
tucto el dì sequente, et li cofalonieri an- 
dono cum li soi confaluni al palazo, et la 
sira se fé gran fallò per la terra et in su 
la torre, et fesse tre dì procesione. 

Questa si è una copia d'una littera che 
mandò la signoria de Vinexia a li signuri 
de Bologna, la quale littera fu mandata al 
duxe de Venexia de una rotta che de li 
Christiani alli Turchi. 

Vladislao 1 per la Dio grecia de l'On- 
garia, Polonia, Dalmazia et de Croazia et 
re de Letuania, principo soprano et herede 
dalla Rusia, allo illustro principe Francesco 
Foschari, duxe de Vinexia, padre nostro 
dilleto, salute. Et allegrarsi in el signore il- 
lustre principo padre carissimo delle vittorie 
date da cielo, le quale in questo nostro pro- 
gresso habiamo conseguite cum singulare 
affetione alla caritade vostra per el tenore 
delle predicte anonciemo una partìziale de 
certa quantitade delli nemici tagliati a pezzi 
partizialmente a ladi delle exercito nostro 
ochorenti ; et un'altra più gloriosa de tren- 
ta milia, o vero pocho mancho delli ne- 
misi cum potentissimo exercito reportata, 
in el quale el vize imperadore delli Turchi 
el quale comunamente Bassa se chiama, a 
la bataglia fu presente et cum lui 13 altri 
principi et altre persone de dignitade et 
baruni cum visini. Quisti tucti adì tri 
del presente mese de novembre cum mol- 
titudine di soi del numero e predicto, et 
principiada la bataglia in una canpagna 
averta de bachaglia, cum el dono del Si- 
gnore, per bataglia e arme funo rotti, et 
in quello dì medesimo infino al serare de 
la sira da le ferite delle nostre gente aspra- 
mente morti; el restò anchora delli dicti 
nemizi, fugiendo de qua et de là, dispersi in 
pluxor parte, aresaltadi da coloro de i lu- 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

peradore di Turchi ' , el quale comunamente 
bassa se chiama, a la bataglia fuo pr ex ente, 
et con lui xiii altri prinzipi et altre per- 
sone de dignitade et baruni con vicini. 
Salisti tuli adì Hi del prexente mexe de 
novembre con moltitudine di suoi, del numero 
predito. Principiada la bataglia in una 
campagna averta de Bacalia. Con el dono 
del Se gnor e, -per 'bataglia et arme fuo- 
ron rutti, et in quel zorno medesimo infino 
al serare de la sira da le ferite delle nostre 
zente aspera?nente morti', e 'l resto ancora 
de li ditti nemici fugendo, de qua e de là 
dispersi, in plusor parte, aresaltati da co- 
loro di l: lo chi prediti, sono disfatti; puochi 
fuono prixi. Ma tuti quitti fu gir e non po- 
teanoy tutti sono morti, per sì fato modo 
che per lo advenire più paura che posanza 
li pare esser rimasto. Per la quale cosa 
preghemo la caritade vostra che multipli- 
cadi za in le cose nostre i duni del Se gnor e, 
referirli gratia, per seguire de la comuna 
alegreza di Cristiani alegrandose, benedica 
quelo de volontade, del quale queste cose tute 
V altre fino reti. JVui con più ubertoxa spe- 
ranza aquistata andaremo più avanti. Pia- 
za a Dio che in queste cose più occorerà po- 
der fare che dire. 

Data in el difenso exircituale nostro, 
aprovo le contrade de VUngaria et aprovo 
la forteza chiamada JVissa et aprovo el 
luogo de la rota predita, adì viiii° de no- 
vembre anno Domini 144.3. 

Al comandamento del supradicto re, 
Andrea preposto, vice canziliero. 



C. 2l8 b COl. 3 



1 Vladislao I. 



122 



CORPUS CHRONICORUM 



[AA. 1443-1444] 



Cronaca A 

ghi predicti, funo desfatti et pochi furio 
prisi, ma tucti quilli fugire non poteno, 
tucti funo morti, per sì facto modo che per 
lo avenire più paura che possanza li pare 
esseri rimasto. Per la quale cosa pregemo 
la caritade vostra che multiplicadi za in le 
cose nostre li duni del Signore cum rife- 
rirli per seguire, et della comuna allegreza 
e. i8b de' Christiani' allegrandosi benedica quel- 
lo de volontade dal quale queste cose tucte 
altre fino rette, nui cum più ubertosa spe- 
ranza aquistada andaremo più avanti. Piaza 
a Dio che in queste cose più inchora po- 
dere fare che dire. 

Datum in el difenso excituale nostro, 
aprovo le contrade de l'Ongaria et aprovo 
la fortezza chiamata Visa ' et aprovo el 
luogo de la rotta predicta, adì 9 de no- 
venbre 1443. 

Al comandamento dal so re 
Andrea preposto vize canzeliero. 

Anno Christi Mcccc44, adi sei de 
luglio, in la città de Ferrara et in lo con- 
tado venne una sì gande fortuna de venti 
et tempesta che buttò de molte chase per 
terra et inorigli de molte bestie sotto le 
chase, et butò per terra una sponda de mu- 
ro da Belfiore et chavò de molti albori et 
guastò de molte vigne, et fra li altre cose 
buttò la dieta fazia 45 cavalle in Po et si 
se afogono, le quale erano de lo arcive- 
scovo de Ravenna ' e la dieta Seravalle. 

Adì 23 de luglio Oddo Antonio du- 
cha de Urbino 3 fu taiato a pezi lui cum 
dui soi cortexani la matina, andando a mes- 
sa, et fu morto perché elio voleva una fiola 
d'uno cittadino, contra soa volontade, per 
svergognarla; et fu morto dal padre et da 
altri soi parenti. Et chiamorono per loro 
signore uno misser Federico 4 , fratello del 
dicto Oddo Antonio, lo quale tenea fuora 
della città per sospetto. 



17. aprovo] segue et luogo cariceli, nel cod. 



Cronaca B 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



1444. — In fcrarexe fuo una grandise- 
ma tempesta d'acqua e de vietiti adì vi del 
)>!csc de Inolio, la quale cavò albori gran- 
dissimi et butò -per terra molte case e me- 
daly, et uccise bestiame de -più fatta] e la 
fortuna del vento butò nel fiume Po xxxxvi 
cavalle, c/i 'erano de l'are /live scovo de Raven- 
na, e butò una sponda de muro del zardino 
del marchexe, in luoco dito Belfiore, e fe- 
ce molti inali in più luochi, i quali non è 
fato mcncionc, et guastò de molle vigne. 

1444. — El cast ciò de Crcspelano òruxò r ," 9 ? 
luto, salvo che xi caxe, adì xii (faghosto, 
a horc Hi de note; ci fonc chaxonc imo prie- 
te che lasoe una candela aprexa; et bruxoe 
al despcto de quante comunanze glie corsetto 
al fuoco. 

De la morte del ducha da Urbino. 
1444. — Hoddo Antonio 5 ducha de Ur- 



43. Antonio] corr. su Andonio nel cod. 



1 II testo B ha Nissa e si avvicina più alla forma 3 Oddo Antonio dei Montcfcltro. Era stato creato 

vera. E la città di Nich (Naissus) nella vecchia Pu- duca da Eugenio IV nel 1443. 
meli a sulla Nissava. * Federico II dei Montefeltro. 

5 * Bartolomeo Poverella. Cf. Eubel, TI, 221. r > Vedi nota 3 in questa stessa pagina. 



[A. 1444] 



BONONIENSIUM 



123 



Cronaca A 

Adì 12 d'agosto, a hore tre de notte, el 
castello de Crespelano * bruxò tucto, salvo 
che undese chase; et fune chasone uno prie- 
te, che lassò una candela apresa, andando 
a letto. Et per quella casone se vinse in 
conseglio de' siecento che ogni anno la co- 
munità de Bologna li dovesse donare lire 
cinquecento de bolognini per infino a cin- 
que anni. 

Copia de una littera del signore Si- 
smondo de' Malatesti signore de Rimine, la 
quale venne a Bologna adì 23 d'agosto a 
hore 24 2 : 

Magnifici et potentes domini. Aviso la 
vostra signoria comò la excelentia del 
conte à rotto Francesco Pizinino, Agnolo 
Ronchone et multi altri condutieri et dice 
che la rotta è sta grandissima, et trovase 
a butino bem tre milia cavagli 3 , et el signo- 
re mio fratello à recrovato dentro da Exio 4 
cuna pochi delli soi. De quanto se ze dirà 
più oltra io ve ne avisarò. A Rimini, die 
21 augusti 1444.' 

' 9a SlSMONDUS PANDULFUS DE Ma- 

latestis comitis Francisci 
Sforzie capitanus generalis. 

Magnificis et potentibus domini s anzia- 
nis et vexilifero iusticie magnifico comuni- 
tatis Bononiae, tanquam patribus honoran- 
dis. 

Copia della littera dello illustrissimo 
e magnanimo capitanio conte Francesco 
Sforza, la quale littera venne adì 23, a hore 
sei de notte; et venuta che fu in Bologna, 
cominzò de sonare le canpane del comune 
per allegreza. 

Magnifici et potentes domini patres 
honorandi. Ad vestro gaudio et consolatione 
ve significhemo comò merchori, adì 16 5 del 



Cronaca B 

bino fuo tagliato a pezi adì xxiii de luglio, 
con dui suoi cortcxani, la matina andando 
a messa. La caxone de la morte sua fuo 
ch'el volea una figliola de uno citadino, con- 
tra la sua volontade, -per xvergognarla, e 
fuo morto dal padre de la zovene e da al- 
tri suoi -parenti e amici. Et chiamaron 
per loro se gnor e uno meser Federico, fra- 
10 tello del dito Hoddo Antonio; et temalo fino- 
ra de la citade per suspeto. 

Copia d'una litera che mandò el conte 
Francescho da Chudignola ai se- 
gnori de Bologna adì xxiii d'agho- 
sto, a hore vi de notte; et incon- 
TENENTE COMENZÒ a sonare le cam- 
pane PER ALEGREZA. 

1444. — Magnifici et potentis domini 
tamquam patres honorandi. Ad vestro gau- 
dio et consolacione ve significamo come ozi 
mercore, adì xviiii d'aghosto, andasemo a 
trovare gli nemici, i quali erano apresso 
25 Monte de l'Olmo, con la gratia de l'altisimo 
Dio gli avemo rutti e spezadi per modo che 
non se trova de loro fatti più mentìone, per- 
ché sono quasi ititi prixi\ tra li quali e 
preso Francescho Pezenino et multi altri de 
30 reputazione. Et avemo avuto Mazerata 6 e 
Monte de l'Olmo, Tolentino et Sanseverino 
' et più luochi asai, i quali per un'altra ve e ?i 9 a coi. 2 
scriveremo più difusamente, et speremo in 
brieve di, senza hostaculo, avere tuta la Mar- 
35 cha; sì che per participare una con le vo- 
stre magno e gaudio di tanta viloria ve n'a- 
vemo voluto avixare e de dì in dì v[e]ne fa- 
remo sentire più calde e prospere novelle. 
Ex nostro vitorisimo castris, apud Mon- 
40 tes Ubiti, die xviiii 3 a gusti 1444. 

Francischus Sforcia Vice comes 
marchio Creinone dominus confi a- 
lonerio ac illustrisime lige capi- 
taneus generalis. 



1 Crespellano. Vedi nota n a p. io. 

2 Questa lettera di Sigismondo Malatesti manca 
nel testo B, e invece riprodotta dal Ghirardacci, oj>. 
cii., p. 99, e sg., ma con molte varianti e in forma 

5 assai più abbreviata. 

3 II Ghirardacci ha 4000 cavalli in luogo di 3000. 



4 Iesi. 

5 II testo B ha 19 agosto, e (secondo noi) più 
giustamente. 

6 Macerata. Il testo pubblicato dal Ghirardacci, io 
loc. cit., pone fra i presi anche il vescovo di Fermo 
legato del papa. 



124 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1444] 



Cronaca A 

presente, andasimo a trovare li nemici, li 
quali erano apresso a Monte de l'Olmo et 
cum la gratia de l'altissimo Dio li havemo 
rutti et spezati per modo che non se ne 
trova de loro facti più menzione perché 
quasi sono tucti prisi ; tra li quali è preso 
Francesco Pizinino et multi altri de repu- 
tatione, et havemo hauto Mazerata, Monte 
de l'Olmo, Tolentino et Sam Severino et 
più luoghi assai, li quali per un'altra vi 
scriverò più diffusamente, et speremo in 
breve dì, senza obstaculo, havere tucta la 
Marcha; sì che per partizipare una cum le 
vostre magnificentie el gaudio de tanta vit- 
toria, ve ne havemo voluto avisare, et de 
dì in dì ve ne faremo sentire più chalde 
et prospere novelle. 

Ex nostris vittorissimo castris apud 
Montes Ulmi, 19 augusti 1444. 

Franciscus Sforzia vizecomks 
marchio, Cremone dominus 
et confalonerio ac illu. me li- 
ghe capitaneus generalia. 

Magnifìcis et potentibus dominis tan- 
quam patribus honorandis, anzianis populi 
et confalonerio civitatis Bononie. 

Adì otto de setenbre se bandì corno 
la liga de' Veneziani et de' Fiorentini et de 
la comunità de Bologna si era alungata per 
diese anni, oltra li cinque anni, cum quilli 
pacti che se contignia in li capitoli che funo 
facti fra loro quando feno ligha per cinque 
anni, corno apare in questa cronicha '. 

Uno cardinale romano, che se chia- 
mava monsignore de Sam Marcho 2 , fu 
morto in la camera soa in Roma da uno 
suo camerlengho; et si lo robbò et si lo 
acoppò cum una manara, et poi li de pa- 
rechie ferite. Et venne le novelle a Bo- 
logna del mese de setenbre. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Magnificis et -potentibus dominis tanquam 
-patribus honorandis ancianis populi et 
confalonerio comunitatis Bononie. 

1444. — Adì viii de setembre se bandì 
in Bologna come la liga di Veneciani e Fio- 
rentini e Bolognini era prolungata per anni 
x, olirà li v anni, con quilli patti che se con- 
legnia in li capitoli che fuoron fatti tra 
loro quando f eceno la liga per v angni, co- 
me apare in questo a carte 217 % , in la par- 
tida quando Anyballe uscì de prexene. 

1444. — Uno car denaie romano, nome 
monsignore de San Marcho, fuo morto in 
Roma ne la camera sua da uno suo camariero, 
e achopollo con una manara e dedile alquante 
ferite, possa el robò. £t venne le novelle a 
Bologna del mese de setembre. 

1444. — Meser Zam Francescho da 
Gonzagha, marchexc de Mantoa, morì adì 
xviiii de setembre; et meser Lodovigo suo 
-figliolo sucedé nella signoria/ 

1444. — Nicolò Pczenino, capetanio de c ' \y t 
le zientc d'arme del due ha de Milane, morì 
adì xii de ottobre in una villa fuor a de 
Milane, dricto al Navilio; et questa fuo bo- 
na novella per Bolognixi, però ch'era loro 
nemico ci dito Nicolò. 



12-13. In ... ■ prexene] parole aggiunte più tardi 
con diverso inchiostro — 33. Nicolò] corr. su nocolo 
nel cod. 



1 Vedi più su a p. 120, U-23. 

2 Angelotto Fusco del titolo di San Marco, morto 



il \i settembre del 1444. Cf. Eubel, II, 63. 
3 Vedasi sopra a p. 119,8-17. 






[AA. 1444-1445] 



BONONIENSIUM 



125 



Cronaca A 

t9b Adì 19 de setenbre morì el marchexe de 
Mantoa, lo quale havea nome misser Zan- 
francesco da Gonzagha l ; et successe in la 
signoria misser Ludovigo suo fiolo 2 . 

Adì 12 d'otobre Nicolò Pizinino, ca- 
pitanio della gente d'arme del ducha de 
Millano, morì in una villa fuora de Millano 
dreto al Navilio ; et questa fu bona novella 
per Bologna, perché era loro nemico. 

Anno Christi Mcccc45, adì 4 d'aprile 
infino adì 12, venne grandissime brine et 
fu grandissimi fridi et tré grandissimi venti, 
per la qual cosa molte vide et lini se seco- 
rono nel conta de Bologna et in Romagna, 
et in molti altri luoghi. 

Adì 24 de zugno Aniballe de misser 
Antonio de' Bentivogli fu morto cum dui 
soi famigli da chasa de' Ghixilieri el dì de 
sam Zohanne Baptista, dalle undesehore; 
et amazolo Baldisera de misser Lambertino 
da Canedolo cum li infrascripti, zoè: 

Misser Francesco'de' Ghixilieri, 

misser Dalphino, 

Santo, fratelli et fioli de Anticonte de- 
gli Anticonti, 

Gutifredo de Piero Conte, 

Petronio de Petrelino, pescadore, 

Ludovigho de Piero da le Lanze, 

Iacomo de Mondino, sarto, 

Zohanne, barbiero, 

Nicolò de Bettim, becharo, 

Carlo de misser Bortolomio Baronzino, 

Andrea de' Ghixilieri, 

Zohanne dicto Brazzo dai Vasegli, 

Christovalo, 

Zorzo, fratelli dicto Suxana, pilizari, 

Paxe da l'Abacho, 

Zam Milan de mestro Iacomo da Par- 
ma, medegho, 

Ambroxo da Monte da Ymola, 

Carlo de mestro Simone, barbiero, 

Iacomo de Cristiam, 

Francesco de Zohanne degli Otofridi. 



35. nel margine sinistro, di mano tarda: Morte 
d'Annibale Bentivogli tradito da Francesco Ghisi- 
glieri suo compadre 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 



1445. — Del mese d'aprile, zoè adì 
iiii° infino adì xii, venne grandisscme brine 
et foe grandi fridi et tré grandissimi 
vienti, -per la qual cosa molte vide e lini se 
secarono nel contado de Bologna et in Ro- 
magna e in multi altri luochi. 

De la morte de Anibale di Bentivogli 
e de la vendeta fata per gli suo' 
parenti e amici; e come batista 
da Canedolo fuo preso e morto. 

1445. — Anibale de meser Antonio di 
Bentivogli fuo morto con dui suoi famigli 
da caxa di Ghixylieri adì xxiiii de zugno, 
el dì de Sam Zohanne Batista, a hore xi\ 
e fuo morto da gFinfrascriti, zoè, in prima: 

Valdesera de meser Lambertin da Ca- 
nedolo, 

meser Francescko di Ghixilieri, 

meser Dalfino ì .. .. .... . 

„ J > frateli de gli Alttcuntt, 

Gotofredo de Piero, conte, 

Iacomo de JVbvelino, sarto, 

Petronio de Peter Un, f eschador e, 

Lodovigo de Piero da le Lanze, 

Zohanne, barbiero, 

Nicolò de Belino, becharo, 

Charlo de meser Bartolomio Baronzino, 

Andrea di Ghixilieri, 

Giovanne, dito Brazo dai Vasiè, 

7 ' \ frateli diti Suxana filizari 

Paxe da l'Abacho, 

Zan Milane de maestro Iacomo da Par- 
ma, medego, 

Ambruoxo de Monte da Imola, 
Alisandro degli Uxuberti, 
Charlo de Simo, barbiero, 



C. 219 Ì - COl. 2 



1 Giovanni Francesco I marchese di Mantova. 



2 Luigi [II detto il Turco. 



126 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1445] 



Cronaca A 

Et tucti quisti se retrovono essere alla 
morte soa. 

La morte soa fu in questo modo, che 
'1 dicto misser Francesco de' Ghixilieri ha- 
vea pregato Aniballe et arechestolo che 
gli piasesse de essere suo compare et te- 
nergli uno putto a batesemo, lo quale ha- 
vea dui misi; et el dicto Aniballe disse che 
volontiera, et si andò alla chiesia de Sam 
Piero al sopradicto' dì et tenne a batesemo 
el dicto putto. Et quando fu batezato lo 
dicto putto, disse misser Francesco : " Con- 
tt pare, andemo alla festa „, et cossi andono 
de conpagnia, et quando funo dal trebo de' 
Storlichi indricto a chasa del dicto misser 
Francesco, Baldisera da Canedolo, sopra- 
dicto, cum li conpagni lo miseno in mezo 
et lo dicto Baldisera cavò fuora una cor- 
tella per dare Aniballe, allora Aniballe mise 
mano a la spada per defenderse et misser 
Francescho suo conpare lo prese per lo 
brazo et disse: * Conpare, el bisogna che 
"tu habi piacientia„, et cossi lo amazono. 
Et quando li dicti l'ebono morto, treno una 
bonbardella per segno et alenimi cittadini 
della soa parte n'esino fuora delle chase, 
in le quali erano apiatadi, et andono de 
verso la festa de Sam Zohanne Baptista in 
Santo Ysaia et asaltono li infrascripti, zoè: 

Galiazo de' Marescotti, 

Zohanne de' Marescotti, 

Alluvixe de' Marescotti, 

Tadio de' Marescotti, 

Antenore de' Marescotti, 
tucti fratelli et doli de misser Ludovigo 
Marescotto et altri soi conpagni ch'erano 
cum loro, et amazono quisti, zoè: 

Zohanne, 

Aluvixe, 

Taddio 

Antenore 

et uno Antonio dicto Mazacham, che era 
siegho in conpagnia. Et per questo se 



de' Marescotti, 



27. nel margine sinistro, di mano tarda: (Deri- 
sione d'Annibale Bentivogli — 40. nel margine si- 
nistro, di mano tarda: Marescotti assaliti improvisa- 
mente, et occisione di quattro delli cinque fratelli 
assaliti 



IO 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Iacomo di Cristiani, 

Francescho degli Utofridi, et alcuni 
altri. 

Stilisti se retrovono esere a la morte 
sua, ma non li deno imperò tutti. 

Nota che la morte sua fuo in questo 
modo\ che meser Francescho di Ghixylieri 
predito avea ■pregato Anibale che li piazesse 
d' esere suo compare in tenerli uno futo a ba- 
texcmo, el quale avea dui mixi. Al quale dise 
Anybale, volonticri ; et andarono a la ghiexia 
de meser San Piero al sopradito dì, et tenne 
ci dito pulo. F quando fuo batezato el 
futo, disse meser Francescho di Ghixilieri: 
" Compare, andiamo a la festa „ , et così anda- 
rono de compagnia; et quando fuoron dal 
trebo di Storliti, in drito casa del dito me- 
ser Francescho, ivc era Valdescra da Ca- 
nedolo con gli compagni e vcneli incontra 
e de drieto ad Anibale et miselo in mezo. 
Alora Valdcsera cavò fuora una cor tela e 
andò e adosso Anibale; et Anibale, ciò vedendo, 
missc mano a la spada per defenderse et meser 
Francescho suo compare glie prese ci brazo, 
et disse : " Compare, tu aver ai pacicntia „ ; 
et così Vucixeno a tradimento. Fi quando i 
ditti aveno morto Anibale, treno uno schio- 
pcto, per segno, et alcuni ci t adi ni degli 
loro amici usiron fuora de le loro caxe ar- 
mati et andono a la festa de San Zohan- 
ne Batista in Santo Ixaia et amazono alquan- 
ti amici de Anibale, i numi di quali fuoron 
'quisti, zoo: 

Zohanne \ 

Aloixc, > fratelli di Marschoti, 

Tadio, ] 

Antenore, 

Antonio, dito Mazacane, ch'era con lo~ 
ro in conpagnia. Fi per questo, se livò a 
remore la citadc, Gridando : " Viva el popolo e 
" la liga „ , e la parte di Bentivogli et Pepoli 
con Fantuzi prcscno la piaza e 'l palazo, 
et arostono le boche de la piaza, e feceno 



e. 220 a 
col. 1 



[A. 1445] 



BONONIENSIUM 



127 



20 b 



Cronaca A 

livò subito romore in Bologna, gridando : 
* Viva lo populo e la ligha „ ; et la parte de 
Aniballe cum li Pepuli et Zohanne de' Fan- 
tuzi et preseno el palazo e la piaza et 
arostono le boche della piaza et feno so- 
nare la canpana del puovolo et quella 
della torre degli Asinegli et quella de Sam 
Iacomo; et Baptista da Canedolo cum li 
frategli Ludovigo et Baldiserra da Cane- 
dolo soi chusini feno una armata a chasa 
soa et sbarono le boche delle contrade in- 
torno a chasa soa. Allora lo confaloniero 
de zustisia cum li signuri, li quali funo 
quisti, zoè: 

Ser Dionise de Castello, confaloniero 
de zustisia, 

mestro Antonio di Ranuzi, medegho, 

Baptista di Tiesti, 

Merchione da Vizano, 

Bolognino de' Bolognini, 

Baldisera de' Lupri, 

Castelam de' Gozadini, 

Iacomo de Lucha dal Panno de lino, 

Zohanne da Logliam; 
et li dicti signuri mandono per lo comis- 
sario de' Veneziani et de' Fiorentini, li quali 
erano allora in Bologna et funo inseme ; poi 
feno armare Piero de Navarim capitanio 
delle gente d'arme, possa mandono una lit- 
tera a Tiberto del conte Brandolino, con- 
dutiero de gente d'arme, ch'era a castello 
de Cento cum quatrocento cavagli, et 
un'altra a Guido Ramgone, ch'era a Sam 
Zohanne in Perzesedo cum siecento cava- 
gli et dusento fanti, che, vezudo le diete 
littere, fusseno a Bologna cum le soe bri- 
gate. Et quisti dui condutieri si erano sol- 
dati de' Veneziani. Et in lo dicto dì, a 
hore 22, la parte de Aniballe, ch'era in 
piazza, se partino de piaza et andono ver- 
so chasa de Baptista da Canedolo et cum 



6. nel margine sinistro, di mano tarda : Parte o 
fattione d'Annibale Bentivogli e Marescotti occupano 
la Piazza e Palazzo — 34-35» Guido .... Perzesedo] 
parole sottolineate nel cod. — 40. nel margine sinistro, 
di mano tarda : Parte o Fattione et adherenza d'An- 
nibale Bentivogli va a casa de' Canetoli, gle asalisce, 
combatte e resta vincitrice, abbrugia la casa de' Ca- 
netoli e quelle de' Ghisilieri 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

sonare le campane del popolo e quela de 
San Iacomo. Et Batista da Canedolo e li 
fratelli con li coxini f eceno racolta de li 
loro amici a caxa sua, e sbarono le boche 
delle contrade da caxa soa. Alora el con- 
faloniero de zostixia con gli segnori an- 
ciani, i numi di quali fuoron quisti: 

Ser Dionixio de Castelo, confaloniero de 
zostixia, 

mestro Antonio di Ramici, medego, 

Batista di Tiesti, 

Marchione da Vizano, 

Bolegnim de Bolegnim, 

Valdesera di Lupri, 

Castclano di Gozadim, 

Iacomo de Lucha dal Panno de lino, 

Giovanne da Loiano, 

mandono -per lo comesario di Veneciani 
e -per quelo di Fiorentini, i quali èrano in 
Bologna, et f eceno consiglio ; fossa feceno 
armare Piero da Navarino, capetanio del 
■popolo, con ccc cavagli, di quali non n'era 
in Bologna e, e V resto erano a Budrio. 
Possa mandar on una letera a Tiberto Bran- 
dulino, el quale era a Cento e a la Pieve con 
ecce cavagli. Ancora mandaron per Guido 
Rangone, ch'era a San Zohanne in Per- 
sexeda con vi cento cavagli e ce fanti, che 
vezuta la prexente litera, fuoseno a Bolo- 
gna, notificandoli 1 la morte de Anibale di e. 220 a - coi. 2 
Bentivogli. Et quisti erano soldati di Ve- 
neciani. Et in questo zorno la parte di 
Bentivogli con loro amici se partino de 
piaza, a hore xxii, et andono a casa de Ba- 
tista da Canedolo et fono coti loro a la ba- 
taglia, de la quale bataglia gli Canidoli 
fuorom rutti e spezati per forza d'arme, 
che non li valse roste né amici) et Batista 
da Canedolo fugì iti caxa soa et fece ser are 
la porta, fugendo con multi suoi amici per 
suxo le caxe. Et gli Bentivogli introno in 



128 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 14451 



e. 2i a 



Cronaca A 

loro funo a la bataglia, in la quale bata- 
glia quilli da Canedolo funo rutti, et Bap- 
tista da Canedolo fuzì in chasa soa et fé 
serare la porta et fugi su per le chase cum 
assai persone. Allora l'altra parte introno 
in chasa per forza et si la misseno a saco- 
manno, et brusono la dieta casa; ancora 
misseno a sacomanno quella de misser Fran- 
cesco de' Ghixilieri et quella de Galotto 
Mezovilam et poi le brusono ; et miseno a 
sacomanno circha cinquanta chase degli 
amisi de quilli da Canedolo. Ancora funo 
morti degli amisi de quilli da Canedolo 
li infrascripti, zoè: 

Piero Bombardiero cum dui conpagni, 
Zorzo, pilizaro, dicto Fuxana, cum uno 
conpagno, 

uno fameglio de misser Francesco de' 
Ghixilieri, 

Iacomo de Nicolim, sarto, 
Iacomo de Zanim da Polexem, 
uno fameglio de Baptista da Canedolo, 
uno contadino cum uno ragazzo, 
Petronio de Petrelino, peschadore, 
Seguram da Villanova, 
Philippo de' Rampuni, 
uno fante forastiero, 
Bene Tachom becharo, 
Tomaxim da Bom Convento, 
Bartolomio de Chopo, fornasaro, 
Nicolò de' Baronzini, 
Charlo fratelli et noli de misser Bar- 
tolomio de' Baronzini, cum uno conpagno, 
dicto Massaro, 

Stevano Pelacham, 

uno fameglio de misser Ludovigho dal- 
le Choreze, 

dom Zohanne prete da Masemadegho, 
Antonio de Rizardo degli Alberti da 
Fiorenza, ' 

Piero, sarto, 

Olivero, calzolaro, 

Nicolò de Bettim, becharo; 



•j. nel margine sinistro, di mano tarda: Nomi 
degli occÌ3Ì della Parte de' Canetoli — io. nel 
margine sinistro, di mano tarda: Morte di Battista 
Canetoli 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

caxa per forza e si la miseno a sacomano 
e bruxonla tuta. Ancora miseno a saco- 
mano e bruxono la caxa de meser France- 
scho di Ghixilieri et molte altre caxe degli 
loro nemici, che fuoron circa l caxe. Et 
fuoron morti degli amici de Batista da 
Canedolo li in frase riti, zoè: 
Batista da Canedolo, 
Piero bonbardiero con dui compagni, 
Zorzo, dito Fuxana, pilizaro, 
uno forastiero, 

uno fameio de meser Francesco di Ghi- 
xilieri, 

Iacomo de Novelin, sarto, 

uno fameio de Batista da Canedolo, 

Petronio de Petcrlim, peschadore, 

uno vilane con uno raghazo, 

Seguram da Vila nova, 

Filipo di Rampimi, 

Bene Tachonc, becharo, 

uno fante forastiero, 

To max ino da Don Convento, 

Bartolomio de Chopo, fomaxaro, 

Nicolò ) ,. „ 

„, . > dt Baronzini. 
Charlo ) 

el masaro, 

Stevan Pelacham, 

uno fameglio de quili da le Corcze, 

dom Zohanne da Masimadego, 

Antonio de Rizardo degli Alberti, 

Ambruoxo, tintore, 

Iacomo de Zanim da Polexem, 

Piero, sarto, 

Olcviero, calzolaro, 

Trombetino, caratiero, 

Nicolò de Belino, becaro. Costui fuo 
strasinalo per li piedi da la cha de meser 
Zohanne d'Anzelim infino in piaza, sotto le 
forche, et foe sparado per mezo et cava- 
toli el core del corpo e tagliatoli le mane, 
possa fuo spogliato nudo et impichato per 
uno piede in su le forche et fuo luto taglia- 
to, et fuo impicato al palazo di nodari uno 



C.220Ò 

col. I 



[A. 1445] 



BONONIENSIUM 



129 



Cronaca A 

et costui fu strasinato infino in piazza et 
apichato per uno pè su le forche ; et adì 
7 de luglio fu apichato Biasio dicto Bota- 
rello a la fenestra del palazo di nodari ; 
et uno chiamato trombetino, charatiero, si 
fu morto el dicto dì. 

Et quello dì che fu morto Aniballe di 
Bentivogli, la sira, quando fu rotta la parte 
de quilli da Canedolo, lo dicto Baptista si 
intrò in chasa soa et fuzì su per la chasa 
insino a chasa de Bedore di Preti, apresso 
alla chiesia de Sam Marino; et da hore 
doe de notte fu trovato sotto terra in una 
busa et chavado fuora et fu taiato a pezi, 
et si lo strasinono per li piedi in fino a 
piaza et si lo butono su uno fuogho, ch'era 
in piaza. 

Et in questa bataglia morì de la parte 
d' Aniballe quisti, zoè: 

Piero d'Arbursegli \ 

Astore de Guasparo Malvezo, 
et assai ne fu feriti. 

Et nota che Guido Ramgone et Tiberto 
cum le soe gente d'arme zunseno a Bologna 
poi che funo rotti quilli da Canedolo. 

Et in quello anno furono facti molti 
omizidii in Bologna et in lo contado. 

In quello anno adì 26 2 de zugno el 
Taliam Furlam condutiero de gente d'arme, 
soldato del ducha de Millano, lo quale era 
in Romagna cum mille cinquecento cavagli 
et cinquecento fanti, veneno suso el conta 
de Bologna infino a l'Idexe, per socorere 
quilli da Canedolo; et quando seppe che 
Baptista da Canedolo era morto e rotto soa 
brigata, incontinenti tornò in Romagna et 
non feno danno su el contado de Bologna, 
ma andò a Castello Bolognese et brusò 
chase, molini et biave assai. 



22. segno d' attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Biaxio dito Botarello messo adì vii de luio, 
et multi ne fuoron feriti 3 . 

De la morte de Batista da Canedolo. 

1445. — Batista da Canedolo fuo prexo 
a hore ii de notte, in quel zorno che fuo 
morto Anibale di Bentivogli, in caxa de 
Nicolò de Bedore da San Marino, e de fato 
fuo tagliato a piezi da più citadini, -possa 
el strasinono -per li -piedi in fino in piaza 
e s'il butono in suxo el fuogo eh 1 era in pia- 
za e bruxò tuto. 

In questa bataglia morirono de la parte 
di Bentivogli gli infrascriti, zoè: 

Estore de Guasparo di Malvici, 

Friane de Matio di Bianchi Ut ', 

Piero dai Bursiè. 

JVbtta che Guido Rangone e Tiberto 
con sue zente d'arme zunseno a Bologna 
da poi che quilli da Canedolo erano stati 
rutti. 

Et in quelo anno fuoron fati tanti ho- 
mecidii in Bologna e nel contado, che fuo 
grandissimo fatto. 

1445. — El T aliane Furlane, condutiero 
de zente d'arme et soldato del ducha de Mi- 
lane, el quale era in Romagna con mille 
v cento cavagli et v cento 'fanti, venne nel e. 220 - coi. 2 
contado de Bologna infino a l'Idexe, per 
secorere Batista da Canedolo, adì xxv de 
zugno ; et quando el dito Taliane ebbe la 
novela che Batista era stato morto e rotto 
con sua brigata, incontinente retornoe in Ro- 
magna et non fece danno alcuno nel contado 
de Bologna, et mixe campo a Castelo Bolo- 
gnexe, et bruxoli le moline e li formenti et 
non ebbe el castelo. 



2. dito] aggiunto sopra la riga nel cod. — 18. 
Bianchitti] nel cod. leggevasi prima Bianchi, poi furono 
da altra mano aggiunte le altre lettere — 37. danno] 
segue al cancell. nel. cod. — 39. le moline] ripetuto 
due volte nel cod. 



i Pietro Borselli, il padre del cronista Girolamo. 
Il Borselli narra infatti che suo padre morì nelle lotte 
tra i Bentivogli e i Canetoli, combattendo coraggiosa- 
mente. Vedasi il passo nella nuova ediz. da me pro- 
o curata in questa raccolta, all'a. 1445. 



2 II testo B ha la data del 25 giugno. 

3 La narrazione avventurosa della morte di An- 
nibale Bentivogli è assai simile nei due testi, pure c'è 
in talun punto qualche differenza, specialmente nei 
nomi degli assalitori e dei morti. 



15 



T. XVIII, p. 1, v. iv 



130 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1445] 



Cronaca A 

Et el signore de Sam Severino et misser 
Charlo da Gonzagha veneno a Sam Zohanne 
in Perzesedo adì dui de luglio, su el fare 
del dì, et preseno la porta del dicto ca- 
stello, la quale va verso Crevalchore, et 
gridavano: " Viva la Chiesia „. Allora quilli 
del castello treno a remore et chazono 
fuora li dicti soldati, et li dicti soldati an- 
dono apresso al dicto castello a doa miglia, 
in luogho dicto Monte Rom i e lì se acam- 
pono cum quatrocento persone da pè et da 
cavallo ; et in lo dicto campo gli era alchuni 
de quilli da Canedolo. Et adì 12 del dicto 
andono al castello de Sant'Agada per darli 
baptaglia, et quilli del Castelo ne guastono 
assai; et adì 13 del dicto haveno el ca- 
stello de Sant'Agada et quello de Creval- 
core; se rendeno, salvo l'avere e le persone. 

Adì 16 de luglio el Taliam Furlam, 
soldato del ducha de Millano, venne a Ca- 
stello Guelfo 2 et si l'ave d'acordo, et adì 
18 havé Medesina d'acordo, et adì 21 an- 
dono a campo a Budrio, et adì 22 li deno 
la baptaglia, et quilli del castello amazono 
de quilli del campo circha 24 et guasti 
assai ; et quilli del campo, per despecto 
brusono de molte chase apresso el castello 
et poi se partino de Hi et andono a lozare 
al Medexam 3 . 

In quello anno, adì 24 de luglio el 
signore Aluvixe da Sam Severino cum soa 



3-19. nel margine sinistro, di mano tarda. Castel 
S. Giovanni occupato su '1 fare del giorno da Luigi 
di Sanseverino et Carolo de' Gonzaga; e sua gente 
havendo pigliato la Porta di detto castello che va a 
Grevalcore; et li suddetti militavano per il duca di 
Milano. Quelli di Castel S. Giovanni risplngono 
e ributtano li suddetti e sua gente. 

Luigi signore di Sanseverino et Carolo Gon- 
zaga s'accampano in un luogo detto Montirone, 
qual luogo è lontano da Castel S. Giovanni due mi- 
glia et lontano un miglio dal castello di sant'Agata. 

Castello di sant'Agata assalito e combattuto 
dalla gente del signore di Sanseverino e Carolo Gon- 
zaga; quel castello si diffende per quanto può con 
qualche mortalità de' nemici per un giorno, et l'altro 
giorno poi resta in potere de' nemici. 

Crevalcore si rende a patti alla sudetta gente. 



10 



15 



20 



25 



30 



IO 



iS 



Cronaca B 

1445. — El se gnor e Aloixc da San 
Severino, capctanio del ducha de Milane, 
et meser Charlo da Gonzagha veneno a San 
Zohanne in Pcrsexeda adì xi de luglio, et 
p reseno una -porta del castelo, cridando : tt Vi- 
" va la Ghiexia „ ; et nel campo era quilli da 
Canedolo con gli amici suoi. Ma quilli de 
Castelo li chazono fuora per forza d'arme. 
E quel zorno mixeno campo al dito castelo, 
preso ii miglia, in luogho dito Monteronc, 
et adì xii de luglio andono al castelo de 
Sant'Agada per darli la ba taglia, ma quilli 
del castelo ne ucciseno xviii con le bombarde. 
E adì xiii de luglio aveno el castelo de 
Crevalcore e Sant'Agada con quisti pati: 
gli soldati a sacomano e salvo l'avere e le 
persone de quilli de castelo. 

1445. — El T aliane Furlane venne con 
sua brigada a campo a Castelo Guelfo adì 
xvi de luglio, et avelo per acordo ; et adì 
xviiii de luglio ave Medexina per acordo. 
Et adì xxi de luglio a?idò a campo a Budrio, 
et adì xxii dito li deno In ba taglia et fuo- 
ron morti di nemici' xxiiii° homcni , et per c ' c "'* 
questo ci Taliane fece bruxare molte caxc in 
quel de Budrio. 

1445. — El se gnor e Aloixe da San 
Severino venne a campo a Caxalechio et tol- 
scno Paqua del canale de Reno adì xxiiii" 



»8. quel] Ve fu aggiunto sopra la riga nel cod. 



1 Montirone. Località ora senza alcuna impor- 
tanza vicino a Pcrsiccto. 



2 Castel Guelfo bolognese. Vedi nota 2 a p. r 13. 20 

3 Medesano. Vedi nota 5 a p. 7. 



[A. 1445] 



BONONIENSIUM 



131 



Cronaca A 

gente andò a Chasalechio al dicto dì et 
tolseno l'aqua del canale de Rheno et fe- 
no una coreria su per la montagna et pre- 
seno de molto bestiame. Et lo dicto dì an- 
dò la grida che li pustrini se dovesseno 
mettere in punto per dovere maxenare; et 
in quella volta era molto chara la farina 
in Bologna, per lo grande secho ch'era. 

Adì 27 del dicto venne a Bologna 
Simonetto da Castello de Piero, capitanio 
delle gente d'arme de' Fiorentini, cum cin- 
quecento cavalli et dusento fanti ; et la ma- 
rina sequente el campo se partì da Chasa- 
lechio et andono * lozare a Bom convento, 
et adì 27 del dicto haveno lo castello 
d'Arzile 2 , d'acordo, che li villani andono 
in campo per li nemisi, et a dicto dì andò 
gli omini de Bologna a rendere l'aqua 
dal canale de Rheno a Bologna. 

Adì 13 d'agosto retornò el campo a 
Chasalechio et tolseno l'aqua del canale 
de Rheno, et adì 22 dicto se partì lo dicto 
campo da Chasalechio et andono a campo 
a Castello Francho, et adì 23 del dicto 
se rese l'aqua de Rheno, et adì 25 d'ago- 
sto el comissario de' Veneziani et lo am- 
bassadore de' Bolognisi, zoè ser Dionisio 
de Castello, se partirono da Bologna a una 
hora de notte et andorono a Vinexia, la 
quale andata fu bona per Bolognisi. 

Adì 5 de settembre li nemisi haveno 
Castello Francho, salvo l'avere et le persone. 

Adì 9 del dicto haveno el castello de 
Sam Zohanne in Perzesedo, che gli omini 
gli lo deno. 

Adì 19 dicto li Bolognisi haveno Ca- 
stello Guelfo a descretione. 

Adì xx de settenbre Guido Antonio 
signore de Faenza et d'Imola si s'acordò 



32-33. nel margine sinistro, di mano tarda: Castel- 
franco si rende a patti al signore di Sanseverino e 
sua gente — 34-35. Adì .... Zohanne] parole sottolineate 
nel cod. — 34-36. nel margine sinistro, di mano tarda: 
Castel S. Giovanni si rende voluntarìamente al si- 
gnor di Sanseverino e sua gente 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

de luglio, et feccno una coreria in fino de 
so fra dal Sasso da Gloxena et prexeno molti 
prexoni e bestiame, fossa lasono li prexoni. ' 
El dito dì andoe la crida in Bologna che 
li postrini se doveseno mettere in -punto per 
dovere maxenare. In quela volta era pocha 
farina in Bologna, per lo gram secho ch'era. 

1445. — Simoneto da Castelo de Piero, 
condutiero de zente d'arme et soldato di 
Fiorentini, venne a Bologna adì xxvii de 
luglio con v cento cavagli et ce fanti. Et 
adì xxviii de luglio el campo di nemici se 
partì de Caxalechio et andoe a Bonconvento ; 
et ady xxviiii de luglio aveno el castelo 
d'Arzele d'acordo che li vilani andono in 
campo per gli nemeci. Et a dito dì l'aqua 
del canale de Reno se rexe et venne dentro. 

Et adì xiii d'aghoslo el campo di ne- 
mici venne a Caxalechio e tolseno l'aqua del 
canale de Reno. Et adì xxii d'aghosto el 
campo di nemici andoe a Castelo Francho e 
se li poseno le bombarde. Et adì xxiii d'a- 
ghosto se rexe l'aqua del canale de Reno et 
venne dentro. Et adì xxv d'aghosto el co- 
mesario di Veneciani e l'ambasadore di Bo- 
lognixi, zoe ser Dionìxio de Castelo, se par- 
tiron da Bologna a hore una de note et an- 
dar on a Vinexia-, la quale andata fuo bona 
per Bolognixi. 

Et adì v de setembre i nemici aveno Ca- 
stelo Francho, salvo l'avere e le persone, ' così e. 221 a - coi. ? 
forastieri come terieri. Et adì viiit de se' 
tembre aveno San Zohanne in Persexeda, 
. che li vilani gli el deno a tradimento. Et 
adì xviii 3 de setembre i Bolognixi aveno 
Castelo Guelfo a descrecione. El adì xx de 
setembre Guido Antonio se gnor e de Faenza 
e d'Imola 4 s'acordò con la ligha. 



27. Veneciani] corr. su veneciane nel cod. 



1 Bonconvento, frazione del comune di Sala Bolo- castello d'Argile è posta nella cronaca B sotto il 29 di 
gnese circondario, e provincia di Bologna, non distante luglio. 

da Casalecchio di Reno. 3 II testo A ha la data del 19 settembre. 

2 Argllc. Vedi nota 4 a p. 113. La presa del 4 Guido Antonio Manfredi. 



132 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 14451 



Cronaca A 

cum la ligha de' Veneziani, Fiorentini et 
Bolognisi. 

Adì 25 1 dicto Taddio Marchexe con- 
dutiero de gente d'arme, soldato de' Vene- 
ziani, venne a Bologna cum cento cavagli 
in alturio de' Bolognisi, et venne cum lui li 
ambassaduri sopradicti da Vinexia. 
e 22 a Adì 27 de setenbre li Bolognisi feno 

principiare una bastìa in suso el ponte da 
Cortisella 2 , et la notte sequente li nemisi 
veneno al dicto ponte, che non gli era guar- 
da nessuna, et butono zoxo li merli del 
dicto ponte; ma pure se liverò la dieta 
bastìa, et feno livare tucti li passi del ca- 
nale de Rheno. Onde per questo fu più 
secfuro dalli canali in za, et somenosse 
molto bene. 

Adì otto d'ottobre li Bolognisi haveno 
el castello de Medexina \ salvo l'avere e le 
persone, et a questo acordo veneno mal 
volontiera. 

Adì 15 dicto Greguor d'Angnare *, 
contestabile de quattro cento fanti et cin- 
quanta cavagli, soldato de' Fiorentini, ven- 
ne a Bologna in alturio de' Bolognisi. 

Li Bolognisi andono al Sasso da Glo- 
xena 5 in vai de Rheno, ch'era stato messo 
in fortezza et guardado per li nemisi, et 
andono adì 23 d'otobre et si l'aveno per 
forza, et fugli tagliato a pezzi uno che 
havea nome Paciftico da Panegho, ch'era 
capitanio del dicto Sasso et haveva bando 
de Bologna; et funo prisi li infrascripti, 
zoè: 

Domenego de Taliano dalla Chura, 

Guidom de Iacomo, sarto, 

Iacomo de Gratia, sarto, dicto Rosetto, 

Baldisera de Raynero de' Ghixilieri. 

Matio de Iacomo de Bonamigho bar- 
biero, cittadini de Bologna, 

Zoanne dicto Massaro da Vicenza, ha- 
bitadore in Bologna, 

Nicolò, dicto Tamburello dalla Villa de 



Cronaca B 

1445. — Tacito Marchexe, condii tic ro de 
zente d'arnie et soldato di Vencciuni, venne 
a Bologna adì 2g de setembre in alturio 
di Bolognixi com mille cavagli, et venne 
con lui gli amb usato ri sop raditi da Vinexia. 

1445. — /Bolognixi comenzono de fare 
una bastìa in suxo el -ponte da Cortexelu u- 

10 dì xxvii de setenbre, et in questa note i ne- 
mici butarom u terra tuli i merli del fonte 
et fcccno livare tuli gli passi del canale de 
Reno ; et per questo i contadini comenzu- 
ron de somenare perchè andavano più sc- 

1 5 ghuri. 

1445. — / Bolognixi aveno el caslelo 
de Medexina adì viii de ottobre, salvo l'a- 
vere e le persone ; et a questo ucordo vene- 
li) no mul volcnticra. 

1445. — Greguor o d'Angliari, soldato 
di Fiorentini, venne a Bolognu udì xv de 
ottobre, in alturio di Bolognixi con ecce fan- 
25 ti e l cavugli. 

1445. — I Bolognixi mundono alquun- 
to de sua zenie al Sasso da Gloxena adì 
xxiii de ottobre, ci quule Susso era messo in 
30 fortezu et guardato per gli nemici, et fuo 
a horc xxiii et mezo. JEl dì sequente fccc- 
no una coreria per Vul de Reno in fino a 
Luminaxc \ El quule Susso uveno per for- 
za: et foglie morto ' uno huomo nome Pa- c; ]' b 

- ' * col. I 

35 ci fico da Panigo, ch'eru cupctanio nel dito 
Susso et uvea bando de Bologna; et fuor on 
prexi gli infrascriti, zoè : 

Vuldcseru de Ruiniero di Ghixilieri, 
Mutio de lucomo Bonumigo, burbicro, 
Domenego del Tulium du lu Chura, 
Guidom de Iacomo, sarto, 
Iacomo de Gruliu, culzoluro, dito Ro- 
seto, 

Giovunnc, dito Musuro di Vizcnzu, 



1 Nella cronaca B leggesi il 29 settembre. 
* Corticella e Ponte di Corticella. Vedi nota 13 
a p. io. 

3 Medicina. Vedi nota 13 a p. 9. 

4 Gregorio d'Anghiari. 

5 Sasso di Grosina o Sasso Glosina, località di 



Val di Reno in montagna, che era minata sino dal 
1305 come narra il Gridoni nel suo Memoriale, a p. 
29, 24. 

* Lumlnasio, frazione del comune di Marzabotto, io 
circondario di Vergato, provincia di liologna, in mon- 
tagna. Il luogo non e ricordato dal testo A. 



[A. 1445] 



BONONIENSIUM 



133 



Cronaca A 

Sam Benedecto de Montagna, et costui fu 
ferito in su la testa et morì in lo spedale; 
et adì 18 de novembre funo impichati li 
sopradicti alla renghiera del podestà cum 
uno Siviero de Zohanne da le Fiubbe, lo 
quale fu preso a Castello Bolognese. Et non 
impichono el sopradicto Baldisera de' Ghi- 
xilieri, perché non se retrovò a Bologna el 
dì che fu morto Aniballe de' Bentivog-li. 

Adì 5 de novembre el signore Alo- 
vixe da Sam Severino se partì da Sam Zo- 
hanne in Perzesedo l cum soe gente d'arme 
et andorono im Lombardia. 

Adì 9 dicto li Bolognisi mandorono 
le soe gente d'arme da cavallo et da piede 
a Rheno grande et feceno fare una fossa 
per uno boscho, in luogho dicto lo Padullo, 
la quale durava più de tre miglia, et taglio- 
rio la riva de Reno et quella della Samo- 
za 2 , da tramedoe le rive, in luogho dicto 
Cortetone, et renpino la Samoza de legna- 
me, uno terzo de migliaro; et questo feze- 
no perché quilli da Sam Zohanne haveano 
tagliato l'aqua de Rheno adosso a quilli 
da Cento et della Pieve; et adì 13 de no- 
vembre andono a lozare a li Runchi d'Ar- 
zele \ 

b Adì 19 de novembre la gente de Bo- 
lognisi andono a campo al Castello d'Ar- 
gile, et si era capitanio Taddio Marchexe, 
et si lo misseno a gran stretto. Et la gente 
del ducha de Millano venne adì 29 del 
dicto al castello de Sam Zohanne, et era 
capitanio Alovixe da Sam Severino, et ven- 
ne cum quatro millia tresento cavagli; et 
la sira sequente, quilli ch'erano a campo 
a castello d'Argile, lo sentino et de subito 



22-24. ne l margine sinistro, di mano tarda: Quelli 
di Castel S. Giovanni tagliorono l'acqua di Reno 
adosso quelli di Cento — 24. perché .... Zohanne] 
parole sottolineate nel cod. — 32-35. nel margine sinistro, 
di mano tarda : Luigi signore di Sanseverino Capi- 
tano del duca di Milano venne a S. Giovanni — 34. 
al ... . Zohanne] parole sottolineate nel cod. — 36. 
millia] segue qu cancell. nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

Nicolò de Tuonio, dito Tamblirelo: co- 
stui fuo ferito su la testa et morio al sie- 
dale. JEt adì xviii de novembre gli infra- 
scali fttoron impichati a la renghiera del 
■podestà con uno homo nome Siviero da le 
Fiume, el quale fuo prexo a Castelo Bolo- 
gncxc. 

JVota che non fuo impicato el sopra- 
scrito Valdesera di Ghyxilieri perché non 
era a Bologna quando fuo la morte d' Ani- 
baie di Benlivogli. 

1445. — FI se gnor e Aloixe da San 
Severino se partì da San Zohanne in Per- 
sexeda con sue zente d'arme et andar on in 
Lombardia adì v de novenbre. 

1445. — I Bolognixi mandarono le sue 
zente d'arme da cavalo e da piede a Reno 
grande adì viiii de novembre et feceno fare 
tina fossa per uno boscho in luogo ditto La- 
padulo, la quale durava piti de iii miglia, 
et tagliarono la riva de Reno e quela de 
la Samuoza da tra?nendoe le rive, in luogho 
dito Cortetone, et rempino la Samuoza de 
Ugnarne, uno terzo de migliaro. Rt questo 
feceno perché quilli da Sam Zohanne avea- 
no tagliato l'aqua de Reno adosso a quilli 
de Cento e de la Pieve in luogo dito la 
Nave; et adì xiii de 'novembre andar on a e. sub -coi. 
lozare ai runchi da Arzcle, et adì xviiii 
de novembre andarono a campo al castelo 
d'Arzele. 

1445. — RI se gnor e Aloixe da San 
Severin capetanio de le zente d'arme del 
ducha de Milane venne a San Zohanne 



1 Vedi sopra a pp. 130, 43-131, 36 la notizia del passa per Bazzane 

suo arrivo. 3 I Ronchi d'Argile, vicini ad Argile di cui alla 

2 Samoggia, fiumiciattolo a ovest di Bologna che nota 4 a p. 113. 



134 



CORPUS CHRONICORUM 



[AA. 1445-1446] 



Cronaca A 

se partino de campo; et haveano messo a 
tanta stretta lo dicto castello che non se 
posseano tenere più che dui dì, perchè la 
bombarda gli havea butado zoxo la mazore 
parte della porta, et haveano tolto l'aqua 
della fossa pichola. Et adì 30 del dicto 
mese venne la gente de Bolognisi a Bolo- 
gna et la sira sequente venne la gente de 
nemisi alla porta de sam Felixe, et bruso- 
no la chasella del gabelino. et per quello 
la guarda della torre sonò la canpana et 
li signuri feno sonare la canpana del co- 
mune, onde s'armò el puovolo et andono 
a piazza cum tucte le gente d'arme da pè 
et da cavallo; et adì dui de desembre el 
signore Alovixe, capitanio delle gente d'ar- 
me del ducha de Millano, retornò cum le 
gente d'arme l . 

El conte Francesco da Codognola, si- 
gnore della Marcha d'Ancona, perde la si- 
gnoria della dieta Marcha, salvo che Yesi 
e Pesaro *; et fugli tolta dalla gente del pa- 
pa Eugenio quarto cum l'alturio del re de 
Ragona, signore de Napoli et de la Puglia, 
et cum l'alturio de la gente del ducha de 
Millano et de' Malatesti. 



Anno Christi Mcccc46, adì 29 de marzo, 
la conpagnia de' peschaduri fu privada per 
lo conseglio de' siecento, che non potes- 
seno fare massaro, et fugli tolto li soi sta- 
tuti et strazadi, et che ognomo posesse ven- 
dere pesse, pagando el dazio ordenato. 

Adì 2 3 de mazo la gente del ducha 
de Millano si feno una coreria et roppeno 
la guerra a Cremona, la quale n'era signore 
el conte Francesco da Codognola; et tucti 
li presuni funo lassati dalli soldati. 

Adì 12 de mazo li Bolognisi mandono 
el campo a Sam Lorenzo in collina et si 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

in Persexeda, con iiii milia cavagli, adì 
xxviiii de novembre, la sira. Et "per que- 
sta caxone el campo di Bologmxi el quale 
era al castelo d'Arzele se -partino de cam- 
po quela notte medescma et arseno tutti gli 
repari bastiuni e lozamenti, i quali aveano 
facti, et aveano missi a tanta streta quilli 
de castelo che non se poteano tenire oltra duy 
zumi, perchè la bombarda gli avea mollo 
roto la porta, et tolta l'acqua de la fossa 
pizola. Et adi xxx de novembre, ci dì de 
sanclo Andrea, veneno a Bologna, et in quela 
note gli nemici veneno a la porta de San 
Felixe e miseno fuocho ne la caxa del ga- 
belino ; e la guarda de la torre degli Axe- 
neli, zio vedendo, sonoe la campana a mar- 
telo, et gli segnori fcceno sonare le campa- 
ne del comune, et luti gli citadini e soldati 
prexeno l'arme et andaron al remore e a 
la piaza. Et adì 7 de dexembre ci se gnor e 
Aloixe da San Severino retornoc in Lom- 
bardia con sua zente d'arme. 

1445. — El conte Francescho da Chu- 
dignola, se gnor e de la Marcha d' Ancona, 
perde la segnoria de la dita Marca nel di- 
to anno, salvo che Tcxe et Pexaro; et fo- 
glie tolta da la zente de papa Uzenio * e da 
e' del re de Ragona e del ducha de Milane 
e di Malaliesti. ' 

1446. — La compagnia di peschaduri' 
fuo privada per lo conseglio di siecento che 
non poscsscno fare masaro, et foglie tolto li 
suoi statuti et strazati, et che hognomo po- 
sesse vendere pese, pagando el dado orde- 
nato ; et fuo adì xxviiii de marzo. 

1440. — La zente d' arme del ducha de 
Milane fcceno una coreria nel contado de Cre- 
mona adì primo de mazo et ropcno la guer- 
ra con la dita citade, de la quale riera sc- 
gnore ci conte Francescho da Chudignola, et 
ititi gli prcxuni fuoron lasati dagli soldati. 






al. 1 






1 Vi era stato un'altra volta poco prima. Vedi 
nota 1 a p. 133. 

2 Vedemmo sopra la lettera enfatica che il conte 
Francesco Sforza aveva mandato ai Bolognesi per i 



suol successi nelle Marche. 5 

3 II testo B pone il fatto sotto il primo del mese 

di maggio. 

* Eugenio IV. 



[A. 1446) 



BONONIENSIUM 



135 



Cronaca A 

haveno el dicto castello, d'acordo, adì 13 
del dicto mese; et adì 22 de mazo haveno 
el castello de Crespelano, al quale li ha- 
veano cominzato a dare el guasto et si li 
toleano l'aqua, et allora se reseno salvo 
l'avere e le persone/ 
la Adì 29 de mazo el puovolo de Bolo- 
gna andò a campo a Sam Zohanne in Per- 
zesedo cum la gente d'arme da pè et da 
cavallo, et si li deno el guasto alle biave 
et alle vide e agli albori et desfacto de 
molte chase; et non haveano ancora livero 
de dare el guasto, che '1 venne in alturio 
del dicto castello misser Charlo da Gon- 
zagha cum mille cavagli, onde el campo 
se partì de lì et si s'acampono a le Budrie \ 
Et per questo el signore de Faenza mandò 
siecento cavagli in alturio a' Bolognisi, et 
poi che funo venuti, andono a campo a 
Castello Franche 

Adì 5 de zugno santo Nicola da To- 
lentino fu chalonezato per papa Eugenio 
quarto. 

Adì 5 de luglio, la notte sequente, li 
Bolognisi haveno Castello Francho ; anchora 
haveno Castello Sam Zohanne in Perzese- 
do adì 6 de luglio, in questo modo, zoè che, 
essendo in Castello Francho uno signore 
Guglielmo fiolo del marchexe de Monf era 2 , 
lo quale havea quattrocento cavagli et du- 
sento fanti, et misser Alberto di Pigli cum 
alquante gente d'arme, soldato del ducha 
de Millano, se acordò cum Taddio Mar- 



8-12. nel margine sinistro, di mano tarda: Li Bo- 
lognesi danno guasto al teritorio di Castel S. Gio- 
vanni. Bolognesi si ritirano alle Budrie per tema 
di Carolo Gonzaga che venne in aiuto di quelli di 
Castel S. Giovanni — 9-10. a.... Perzesedo] parole 
sottolineate nel cod. — 25-30. nel margine sinistro, di 
mano tarda: Castello e Rocca di S. Giovanni viene 
in potere de' Bolognesi per tradimento di Guglielmo 
figlio del marchese di Monferato che militava per il 
duca di Milano. Furono però necessitati guada- 
gnarselo, non ostante il tradimento — 37-28. Ca- 
stello .... Perzesedo] parole sottolineate nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



IO 



Cronaca B 

1446. — I Bolognini mandarono i loro 
soldati a campo al castclo de San Loren- 
zo in chulina 3 adì xii de mazo, el quale ca- 
stclo aveno adì xiii del dito; -possa ando- 
no a campo a Crespelano *, el quale aveno 
adì xxii de mazo, salvo l'avere e le persone. 

1446. — El popolo de Bologna andoe 
a campo a San Zohanne in Pcrscxeda con 
le zente d'arme da cavalo e da piede adì 
xxviiii de mazo. Al quale castelo diedeno 
el guasto a le biave, a le vide e alle albo- 
re, et molte chaxe fuoron desfate : et non 
aveano ancora fenito de darli el guasto, che 
li venne in suo susidio meser Charlo da 
Gonzagha con mille cavagli, et per que- 
sto el campo andoe alozare alle Budrie, et 
per questo el segnore de Faenza mandoe 
in alturio di Bolognixi vi cento cavagli, et 
quando fono venuti, andono a campo a Cha- 
stelo Francho. 

1446. — S aneto Nicola da Tolentino 
fuo calonezato, adì v de zugno, per lo pa- 
pa Uzenio quarto. 

Come i Bolognixi aveno Castelo Francho c. 222 a . coi. 2 
et San Zohanne in Persexeda, et pre- 
xeno TUTA LA ZENTE D'ARME DE MESER 

Charlo da Gonzagha, et romaxeno 
vinziduri de la guerra. 

1446. — I Bolognixi aveno Castclo 
Francho adì v de luglio, la note sequente, 



1 Le Budrie, località non distante da Persiceto, 
da non confondersi con Budrio comune della provincia 

; bolognese. 

2 Era marchese del Monferrato Giovanni IV. 



3 San Lorenzo in Collina, frazione del comune di 
Monte San Pietro, circondarlo e provincia di Bologna. 

4 Crespellano. Vedi nota 1 1 a p. io. 



136 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1446] 



Cronaca A 

chexe, capitanio del campo de' Bolognisi, 
de dargli la tenuta de Castello Francho et 
della rocha de Sam Zohanne in Perzesedo 
cum quisti pacti, zoè che la signoria de 
Vinexia li deva soldo per dusento lanze et 
cento fanti, et la comunità de Bologna cen- 
to lanze et cento fanti, et duchati sesanta 
per lanza de prestanza, et li Bolognisi sei 
millia duchati et el resto li Veneziani. Et 
li Fiorentini e Bolognisi donono al dicto 
signore Guglielmo mille duchati, et a quello 
che portava le lettere li donono duchati 
cento. Et a dicto dì de sopra, havuta la te- 
nuta de Castello Francho, adì sei de luglio 
andono al castello de Sam Zohanne im Per- 
zesedo per tore la tenuta de la rocha, et 
quando fimo al dicto castello, trovono misser 
Carlo da Gonzagha cum le soe gente d'arme 
et cum gli omini del castello, et funo cum 
loro a le mane ; a la fine el dicto misser 
Carlo cum le soe brigate funo rotti, et el 
castellano della rocha asbasò el ponte et 
de la intrada a le gente de' Bolognisi et 
misseno a sachomanno tucte le gente d'ar- 
me da pè et da cavallo, et agli omini del 
castello non fu facto alcuno despiasere. 
Et in pochi dì requistono tucte le castello 
che se teniano per lo ducha de Millano, 
salvo che Seravalle l et Montebudello 2 , lo 
quale tenea misser Alberto di Pigli, et non 
lo volse rendere per alchune diferentie 
che fu tra loro. 

Del mese d'agosto el Taliano Furiano, 
condutiero de gente d'arme et soldato del 
ducha de Millano, fu preso da monsignore 
el patriarcha, et fu mandato alla Rocha 
Contraria 3 in la Marcha, nel quale luogho 
havé taiata la testa; et era lo dicto Talia- 
no nel campo della Chiesia, li quali guere- 



25-27. nel margine sinistro, di mano tarda: Habl- 
tanti di Castel S. Giovanni non ricevono danno e 
dispiacere alcuno — 26-27. del castello] parole sotto- 
lineate nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

et aveno San Zohanne in Persexeda adì vi 
de luglio, in questo modo, zoè che, esendo in 
Castelo Francho uno segnare Guilielmo, fi- 
gliolo del ìnarchexe de Monfera con ecce 
cavagli e ce fanti, et meser Alberto di Pi- 
gli con alquante zentc d'arme et soldati del 
ducha de Milane, preseno acordo con Ta- 
dio Mar chexe capctanio del campo di Bo- 
lo gnixt\ de darli la te guitta de Castelo Fran- 
cho et de la rocha de San Zohanne in Per- 
sexeda, con quisti patti, zoè che la segno- 
ria de Vinexia li deva soldo per ce lanze et 
e fanti, e gli Fiorentini per ce lanze et e 
fanti e gli Bolognixi per e lanze et e fan- 
ti et duchati lx per lanza, de prestanza. I 
Bolognixi gli deno vi millia duchati e *l 
resto i Ve uccia ni et Fiorentini ; et i Bolo- 
gnixi donono al dito segnorc Guilielmo mil- 
le duchati et a quclo che portava le litere 
li deno e duchati. Ft a dito dì de sopra, 
avuta la tenuta de Castelo Francho, andono 
adì vi de luglio al castelo de San Zohanne 
in Persexeda per tore la tegnuta de la ro- 
cha; et quando fuoron al dito castelo trova- 
ron meser Citarlo da Gonzagha con sue 
zentc d'arme et con gli uomcni del castelo, 
e fuoron con loro a la baia glia. Infine 
meser Citarlo predito fuo rotto con sua bri- 
gada e 7 castelano de la rocha asbasò el 
ponte e diede la intrata a' Bolognixi 1 con c ; 
sua sente d'arme et miseno a sacomano lu- 
ti gli soldati da cavalo e da piede, et agli 
uomcni del castelo non fuo facto alcuno de- 
spiaccre; et in puochi zumi raquislono tu- 
te le castellc del contado de Bologna, salvo 
che Seravale e Montebudello, che tenne ci 
segnorc de C/tarpi. 



ol. I 



11. dc*J segue nel cod. ca cancell. 



5 * Serravalle, frazione del comune Castello di Scr- 2 Montebudello, frazione del comune di Montcve- 

ravalle, circondario e provincia di Bologna; se invece glio, circondario e provincia di Bologna a ovest, sul io 

non si tratta proprio, come io penso, del Castello di colle. 
Serravalle. 3 Rocca Contrada. 



[A. 1446] 



BONONIENSIUM 



137 



Cronaca A 

zavano cum lo conte Francesco in la Mar- 
ella.' 
23 à El campo del ducha de Millano, lo 
quale era in Cremonese, in luogho dicto 
el Mezaro, apresso uno castello dicto el 
Polesene \ in su la riva de Po, fu rotto a- 
dì 28 de setenbre dalle gente d'arme della 
signoria de Vinexia, et fu preso quatro 
millia cavagli et tucti li chariazi e li punti, 
che haveano sopra del Po; et si era capi- 
tanio della signoria el signore Michele da 
Codognola; et per questo se fé gran festa 
de faluò et de canpane. Et venne le no- 
velle a Bologna adì 29 del dicto. Et in 
meno de dui misi requistono tucte le castel- 
le del marchexe, salvo che Castello Lione 2 
et havé tucto Gliera d'Ada 3 , salvo che Crema. 
Et el campo de la signoria de Vinexia pas- 
sono l'aqua d'Ada adì sei de novembre, 
et si li feno uno ponte sopra la dieta aqua 
et roppeno le gente d'arme del ducha de 
Milano et preseno sie cento cavagli de quii- 
li del signore Alovixe da Sam Severino et 
multi presuni da taglia, et preseno uno 
ghalionzello et una barcha cum una barbo- 
ta, le quale veniano zoxo per rompere el 
dicto ponte; et possa andono a campo a 
Chasano 4 , su quello de Milano et si l'aveno 
per forza; et venne le letere a Bologna 
adì xi dicto, et fessene festa a Bologna. 

Misser Santo, figliolo che fu d'Hercu- 
les de Zohanne di Bentivogli, lo quale de- 
morava per stantia a Fiorenza, venne a 
stare a Bologna adì 13 de novembre; et 
comò fu dentro dalla porta, andò al palazo 
a visitare li signuri, et inanzi che se par- 
tisse de palazo, fu facto cavaliero, et fu 
a farlo cavaliero misser Iacomo de Lava- 



lo 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

De la morte del Taliane Furlane con- 
dutiero de zente d'arme. 



1446. — FI T aliano Furiano, condutiero 
de zente d'arme et soldato del ducha de Mi- 
lane, fuo prexo del mexe d'aghosto da mon- 
signore el patriarcha et fuo mandato a la 
Rocha Contrata in la Marena, nel quale 
luocho ave tagliato la testa; et era el dito 
Taliane nel campo de la Ghiexia, i quali 
guerezavano con el conte Francescho in la 
Marcha. 

Come el champo del ducha de Milane 
fuo rotto in cremonexe dal campo 
di Veneciani. 

1446. — FI campo del ducha de Mi- 
lane, el quale era in cremonexc, in suxo la 
riva del Po, in luogo dito el Mezaro, apres- 
so uno castelo nome el Polexem, fuo rotto 
adì xxviii de setembre dagli soldati de la 
signoria de Venexia ; e V scgnore My chele 
da Chudignola era capitanio di Veneciani ; 
et fuo prexo ini millia cavagli et tuli gli 
cariagi e punti, che ave ano fato fare sopra 
l'aqua del Po. De la quale rotta se fece 
in Bologna festa et procesione. Fi venne 
le novele in Bologna adì xxviiii de setem- 
bre, la sira. Ft in meno de dui misi rea- 
veno tute le caste Ile del cremonexe, salvo 
che Castelo Lione, et aveno tute le castele 
de Gliara d'Ada, salvo che Crema. 

Come el campo di Veneciani andoe in 
milanexe. 

1446. — FI campo di Veneciani passò 



3-3. De .... arme] scritto nel margine sinistro, non 
essendovi sdazio in testa al paragrafo — 15-17. Come.... 
Veneciani] scritto nel margine sinistro, non essendovi 
spazio in testa al capitoletto — 28. aqua] segue nel cod. 1 
cancell. — 36-37. Come .... milanexe] scritto nel mar- 
gine sinistro, non essendoci spazio in testa al capitoletto 



1 Parecchie sono le località che hanno il nome di 
Polesine sulla riva del Po, qui forse si allude al Po- 
lesine di Gonzaga, 
io 2 Castelleone, comune del circondario e provincia 

di Cremona. 



3 Ghiara d'Adda è preso nel significato estensivo 
di terreno attorniante il fiume, a guisa di distretto. 

4 Cassano d'Adda, comune del circondario e pro- 
vincia di Milano, sul fiume omonimo. 



15 



138 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 144Ò] 






Cronaca A 

glino da Verona, podestà de Bologna, cum 
quistì, zoè: 

Misser Zohanne de' Griffuni, 

misser Nicolò Sanudo, 

misser Francesco Corbino da Pisa; et 
venne cum grande allegreza delli soi amisi ; 
et era de età de 22 anni. 

Adì 19 de desenbre li soldati del re 
de Ragona et del ducha de Millano, li 
quali guerezavano in la Marena cum el con- 
te Francesco *, passonno per lo contado de 
Bologna, et stecteno tri zorni a passare, et 
non feno danno se non in lo vicariado 
de Minerbio, et andono in Lombardia in 
subsidio del ducha de Millano. Li nomi 
di quali furono quisti, zoè: 

El vize re de Ragona, 

el signore Sismondo de' Malatesti, 

Ceserò da Martinengho, 

Ruberto da Montealboto, 

el conte Carlo da Montone, 
et dnsento cavagli de Iacomo da Gaibane ; 
et erano in tucto tre millia cavalli et mille 
fanti; et quando funo in Lombardia, el dicto 
Cesaro et Ruberto da Montealboto se par- 
tino dal ducha de Millano et andono al soldo 
de' Veneziani.' 

Adì 20 de desenbre misser Tomase 
da Sarzana vescovo de Bologna, fu facto 
cardinale 2 ; et fello papa Eugenio quarto, 
et chiamase monsignore de Santa Susanna, 
vescovo de Bologna. 

Adì 31 dicto nacque in Bologna uno 
putto in la via de' Magarotti, a pè di Servi, 
a hore nove de notte, el quale havea li denti, 
et fesse le labre da dui ladi del naso, et 
una piagha in la testa et una in la schina, 
et non havea chulo, et li piedi e le mano 
torte et sei dite per zascuna mano et per 
zascuno pede, non campò et se non quello 
zorno; et era fiolo de uno Selvestro lavo- 
radore de villa, lo quale era grandissimo 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Vaqua de Adda adi vi de novembre, et fe- 
ceno uno -ponte sopra la dita acqua, et ro- 
peno la zente d'arme del ducha de Milane, 
et prexeno vi cento 'cavagli de quilli del se-'", 2b 3 
gnor e Aloixe da San Severino et multi prc- 
xuni da taglia et uno gallone, una nave et 
una barbota, le quale veniano per rompere 
el dito ponte. Possa andono a canpo a Cha- 
sano, el quale aveno per forza de bombarde; 
et fortifichono et acreseno el dito castelo. E 
verme le litere a Bologna adì xi de novem- 
bre, et f esene /està in Bologna. 

Come Santo de Herchul.es di Bentivogli 
venne a stare per stancia a bolo- 
gna et fuo facto cavaliero. 

1446. — Mescr Santo di Bentivogli, ci 
quale demorava per stancia a Fiorenza, ven- 
ne a stare a Bologna adì xiii de novem- 
bre, et come /ito dentro da la cilade, andoe 
a rcvixitare i signiuri anciani et inanzi ch'el 
se partisse de palazo fuo facto cavalicro per 
le mane degli infrascriti, zoè: 

Mescr Giovanne Grifone, 

meser Nicolò Sanudo, 

mescr Francescho Chorbine, 

meser Iacomo di Lavagnio da Verona, 
podestà de Bologna in quel tempo, con au- 
tor itade di se gnor i anciani; et venne con 
gran trihumfio et alegreza degli amici suoi, 
et era giovene de anni xxii. 



1446. — / soldati del re de Ragona e 
del ducha de Milane, i quali guerezavano 
in la Marcha coni ci conte Francescho, pas- 
sono per lo contado de Bologna adì xviiii" 
de dcxcmbrc, et steieno tri zumi a pasarc, 
et non fcceno danno se noti in lo vichariado 
de Mynerbio; et andono in Lombardia in 
susidio del ducha de Milane. I numi di 
quali' fuoron quisti, zoè: 



e. 233 a 

col. I 



36 quali] segue nel cod. g cariceli. 
segue nel cod. b cancell. 



41. de] 



1 Vedi sopra a p. 136 11. 34 e sg. 
* Tomaso Parentucelli da Sarzana del titolo Hi 
5 Santa Susanna fu creato cardinale il \<i dicembre 1446 



fu poco dopo eletto papa col nome di Niccolò V. 
Kuhel, II, 9. 



Cf. 



[AA. 1446-1447] 



BONONIENSIUM 



139 



Cronaca A 

biastemadore, et havea hauto doe fiole da 
soa moglie : et diceva che Dio non porìa fare 
che lui havesse uno figliolo maschio et se 
soa mogliere gli facesse figliola femina, che 
gli segaria la gola, et bateria la testa al 
muro a la dieta fiola; et Dio li mostrò 
questo miracolo. 



10 



15 



Anno Christi Mcccc47, adì 22 de fe- 
braro, papa Eugenio quarto morì; et ven- 
ne le novelle a Bologna adì 26 del dicto 
mese. 

El conte Francesco da Codognola fé 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

El Viceré de Ragona, 
el segnore Gismondo di Malaticsti, 
Cexaro da Martinengo, 
Ruberto da Monte Alboto, 
el conte Charlo dal Montone, 
et ce cavagli de lacomo da Gaibane; et 
erano in tuto Hi millia cavagli et mille fanti. 
Et quando fono in Lombardia, el dito Cexaro 
e Ruberto da Monte Alboto se parlino dal 
ducha de Milane et andono a soldo di Ve- 
neziani. 

De uno puto che nacque in Bologna 
molto desformato. 

1446. — Uno -puto naque in Bologna in 
la via di Magaruoti, a pé di Servi, adì 
xxxi de dexembre, a hore viiii de note, el 
quale avea i dienti et fesse le labre da dui 
ladi del naxo, et una -piaga in la testa et 
una in la schina, et non avea chulo et i piedy 
e le mane torte et vi dide per zaschuna ma- 
ne e per zaschuno pede; et non campò se 
non quel zorno. Et era figliolo de uno Sel- 
vestro lavoradore de villa, el quale era gran- 
disimo biastemadore et avea avuto doe figliole 
de sua moglie et diceva che Dio non porìa 
fare che lui avesse uno figliolo maschio, et 
se soa mogliere glie facesse figliola f eme- 
na, ch'el glie segaria la gola et bateria la 
testa al muro a la dita figliola; e Dio li 
mostrò questo miracolo. Et io scritore vide 
et tochai com mia mano el dito puto in caxa 
soa. 

1446. — Meser Tomaxe da Serzana, 
vescovo de Bologna, fuo facto char denaie adì 
xxi 4 ; e f ecelo papa Uzenio quarto et chia- 
masse monsignore de Santa Soxana, vescovo 
de Bologna. 

1447. — El papa Uzenio quarto mory c . 223 a - e 
adì xxii de febraro', et venne le novelle a 
Bologna adì xxvi del dito mexe. 

1447. — El conte Francescho da Chudi- 



1 II testo A ha la data del 21 die, ma tutte le 
due date sono inesatte : rappresentano il giorno in cui 



la notizia venne a Bologna e fu intesa quindi dal cro- 
nista. 



140 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1447] 



7 4 b 



Cronaca A 

paxe cum lo ducha de Milano, ch'era suo 
suoxero, del mese de marzo. 

Adì 5 de marzo papa Nicolò quinto 
fu creato in Roma; et venne le novelle a 
Bologna adì 9 del dicto mese. Lo quale 
havea nome misser Tomaso da Sarzana, 
cardinale de Santa Susana l , vescovo de 
Bologna, lo quale misser Tomaso venne a 
stare a Bologna, ch'era zovenetto; et sté 
a Bologna al Studio in vescovado cum mon- 
signore de Santa Croxe ~. 

Et nota che questo papa Nicolò fu 
facto vescovo, cardinale et papa in meno 
de dui anni. 

Misser Zohanne de Baptista dal Puozo, 
cittadino de Bologna, lo quale era chalonegho 
in Sam Piero, fu elletto vescovo de Bologna 
da papa Nicolò quinto adì 22 de marzo 3 
a hore 16; et venne le novelle a Bologna 
adì 27 del dicto, a hore 14. Et questo fu 
grande allegreza a li Bolognisi; et per 
questo li magnifici signuri feno mandare 
uno bando, che ogni homo dovesse serare 
le boteghe et non lavorare, et che tucti li 
confalonieri fesseno portare li soi confa- 
luni al palazo de li signuri; anchora feno 
sonare tucte le canpane del comune et quelle 
delle chiesie, et feno fare procesione; et 
poi fu consegrato adì 7 de mazo in la 
chiesia di fra de Sam Michele in Boscho, 
de fuora della porta de strà Castigliun; 
et intrò in Bologna cum gran trionfo.' 

Adì xi d'aprile li Bolognisi mandono 
una ambassaria a papa Nicolò quinto, li 
nomi di quali sonno quisti, zoè: 

Misser Baptista da Castello Sam Piero, 
doctore, 

misser Guasparo dalla Renghiera, do- 
ctore, 

misser Nicolò Sanudo, cavaliero, 

misser Menchiom da Vizam, cavaliero, 

Merchione di Malvizi, 



10 



15 



20 



25 



30 



43. segno d'attenzione nel margine sinistro 



35 



40 



Cronaca B 

gnola fece -pace con lo ducha de Milane, 
del mexe de marzo. 



Come fuo creato papa [Nicolò] quinto 
ch'era vescovo de Bo[logna]. 

1447. — Papa Nicolò quinto fuo creato 
in Roma adì v de marzo et venne le no- 
velle a Bologna adì viiii de marzo; et avea 
nome mescr Tomaxc da Serzana et chiama- 
vasse motisignore de Santa Soxana vescovo, 
de Bologna. 

Nota che questo -pafa Nicolò fuo fato 
vescovo, chardcnale et papa in meno de dui 
anni. 

1447. — Mescr Giovanne de Batista 
dal Puozo, citadino de Bologna, ci quale era 
caloncgo in San Piero, fuo fato vescovo de 
Bologna dal -papa Nicolò quinto adì xxti 
de marzo, a hore xvi; et venne le novelle 
a Bologna adì xxvii de marzo a hore xiiii . 
E questa fuo grande alcgrcza a' Bologni- 
xif et per questo i segniuri anciani fcceno 
mandare uno bando, che tute le boteghe se 
doveseno serare et non lavorare, et che tu- 
li gli confaloncri faecsseno portare gli lo- 
ro confaloni al palazo di scgnori, e fcce- 
no sonare tute le campane del comune et 
quelle de le g/uexie et fare procesione. Mt 
foe consacrato adì vii de mazo ne la ghic- 
xia di fradi de San Michele in Boscho, de 
fuora da la porta de Strà Chastigliun, et in 
quel zorno intrò in Bologna con magno 
trihumpho e festa. 

1447. — I Bolognixi mandono una an-'"^, 
basarla al papa Nicolò quinto ady xi d'a- 
prile, i numi di quali fuoron quisti, zoè: 

Mescr Nicolò Sanudo ) 






mescr Marchiane da Vizane ) 



cavalieri, 



6-7. Come .... Bologna | scritto nel margine de- 
stro, non essendoci spazio in testa al paragrafo 



1 La nomina a cardinale e stata annunziata poco 3 Molti storici e cronisti bolognesi hanno la data 

più su. Vedi p. 138, 29-33. del 23 marzo, ma la giusta è quella del 22. Cf. ElJBEL, 

5 2 II card. Niccolò Albergati. II, 102. 



[A. 1447] 



BONONIENSIUM 



141 



Cronaca A 

Ludovigho di Bentivogli, 
et andono cum cinquantaquatro cavagli et 
se' mulli ; et adì 7 de mazo tornono quisti, 
zoè: 

Misser Nicolò Sanudo, 

misser Baptista da Castello Sam Piero ; 

Ludovigho di Bentivogli ; 

et gli altri tre romaseno a Roma, et 
adì x de luglio tornò quisti, zoè: 

Misser Merchione da Vizano, 

Misser Guasparo dalla Renghiera, 

et adusseno li capitoli della paxe tra 
el papa et li Bolognisi ; et adì 21 de luglio 
tornò Marchi om di Mal vizi. 

La signoria de Vinexia miseno cam- 
po in suso el contado de Cremona, del me- 
se de mazo, et haveno el castello de Son- 
zino l adì 21 del dicto mese; et erane si- 
gnore lo conte Francesco. 

El conte Carlo, figliolo che fu de Bra- 
zo da Montone, fuzì dal ducha de Millano 
cum sie cento cavagli, del mese de mazo, 
et andò al soldo de' Veneziani ; et questo 
fé per casone ch'era nemigo del conte 
Francesco da Codignola. 

Adì 13 de zugno el campo de' Vene- 
ziani andò a Milano, et si introno per forza 
in lo borgho de porta Romana et andono 
infino alla porta della cittade et fichono el 
fuocho in lo rastello della dieta porta et 
in quatro case, et fu de dì. Et in lo dicto 
borgo fu facto quatro cavalieri, li nomi 
de' quali sono quisti, zoè: 

Misser Giliberto signore de Chorezo, 

misser Diotesalvi da Bergamo, 

misser Tiberto Brandolino, 

misser Ludovigho de Guasparo di Mal- 
vizi da Bologna. 

Possa andorono alla montagna de Bri- 
enzo 8 et quella misseno a sacomano, et ha- 
veno el ponte de li Equim 3 , ch'è sopra 
l'aqua d'Ada, et andono a campo al castello 
de li Equim, al quale stecteno a campo 



38-39. segno d'attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

meser Batista da Castelo san 
Piero 

meser Guasparo da la Ren- ' 
ghiera 

Lodovico di Bentivogli, 

Marchione di Malvizi, et andarono eon 
liiii cavagli et vi mulli; et adì vii de ma- 
zo retornoe gli infrascriti, zoé: 

Meser Nicolò Sanudo, 

meser Batista da Castelo san Piero, 

Lodovigo di Bentivogli, et gli altri 
romaxeno a Roma. Et adì x de luglio 
tornoe meser Marchione da Vizane et meser 
Guasparo da la Renghiera, et aduseno gli 
capitoli de la -paxe tra el pape et Bolo- 
gnixi. Et adì xxi de luglio tornoe Mar- 
chione di Malvici. 

1447. — La signoria de Venexia miseno 
campo nel contado de Cremona del mexe de 
mazo et aveno el castelo de Sunzino ; et adì 
xxi de mazo aveno Olelengo la quale cita 
era del conte Francescho da Chudignola. 

1447. — -El conte Charlo dal Montone 
fuzì dal ducha de Milane con vi cento ca- 
vagli del mese de mazo, et andoe a soldo 
di Veneciani. E questo fuo perché, era ne- 
mico del conte Francescho da Chudignola. 

Come el, campo di Veneciani andoe nelli 
burghi de Milane [et] come fuo fato 

QUATRO CHÀVALIERI A SPERUM d'ORO. 

1447. — El campo de la se gnor ia de 
Venexia andoe a Milano adì xiii de zugno 
et introno per forza nel borgo de Porta 
Romana, et andono infino a la porta de la 
citade et miseno fuocho nel rastelo de la 
dita porta et in ' iiii chaxe, et fuo de dì. e. »2^0 -coi. 2 
Nel quale luocho fuoron fati iiii cavalieri 
a sperun d'oro, i numi di quali fuoron 
quisti, zoe: 



32-34. Come .... d'oro] scritto nel margine sini- 
stro, non essendovi spazio sufficiente in testa al capitoletto 



1 Soncino, comune dei circondario di Crema, pro- 
vincia di Cremona. 
5 2 Brianza. 



3 Ponte di Legno (?), comune del circondario di 
Breno provincia di Brescia. 



142 



CORPUS CHRON1CORUM 



[A. 1447J 



Cronaca A 

quaranta quatro zorni et non l'aveno ; et 
misseno a sacomanno tucta Valsaxena l , et 
haveno Mandello 2 et Belaxe 3 ch'è in suso 
el lagho da Chomo.' 
e. 25 a Adì 2 de luglio, in su el fare del dì, 

Guasparo de Mathio da Canedolo, cum al- 
quanti rivegli de Bologna, introno in lo 
castello de Cento ; et degli la intrada del 
dicto castello certi soi amisi, li quali funo 
quisti, zoè : 

Li Guizardini, 

li Chiaregli, 

et uno Iacomo Borgognone cum certi 
soi amisi. Et adì tri del dicto mese li si- 
gnuri de Bologna li mandono soa gente a 
campo ; et adì otto del dicto mese li so- 
pradicti rivegli se partino et andono in Fe- 
rarexe, et funo aconpagnadi dalli soldà de 
Bologna; et el vescovo tolse la tenuta del 
dicto castello per lo vescoado 4 ; ancora tolse 
la tenuta del castello della Pieve, la quale 
li fu concessa per li signuri de Bologna. 

Adi 12 de luglio la paxe se concluse 
tra el papa Nicolò quinto et li Bolognisi : 
et per questo li signuri de Bologna feno 
bandire che ogni homo dovesse serare le 
boteghe et fare processione dui dì, et feno 
sonare le canpane del comune et delle 
chiesie, et feno portare li confaluni al pa- 
lazo, et miseno fuora la bandiera della 
Chiexia, et fesse gran festa de faluò. Et 
adì 21 del dicto venne uno secretano del 
papa, et andò a Ferara, et andò a Cento 
a parlare al vescovo de Bologna, et poi re- 
tornò a Bologna. Adì 29 del dicto se fé 
el conseglio de' siecento, nel quale con- 
seglio gli era el dicto secretario, et pro- 
pose una anbasata per parte del papa. 
Alla fine del dicto conseglio ogni homo 
gridò: "Viva la Chiexia „. 

Et adì 3 d'agosto andò una ambassaria 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Mescr Ghiberto, scgnore de Chorezo, 
nieser Diotesalvi, da Bergamo, 
meser Lodovigo di Malvizi da Bologna, 
meser Tiberio Brandulino. 
Possa andarono a la montagna de 
Bricnzo e qaela miseno a sacoìnano et aveno 
el fonte de Liequi, ck'è so fra l'acqua d'Ada, 
et andarono a camfo al castelo de Liequi, al 
quale stetcno a camfo xxxxiiii zumi e non 
l'aveno. Et ?niscno a sacomano tuta Val- 
saxena et aveno Mandclo et Belaxe, che è 
in suxo e' lago da Chomo. 

1447. — Guasfaro de Matio da Ca- 
nedolo cum alquanti rivegli de Bolonia in- 
trono nel castelo de Cento adì ii de luglio 
nel fare del zorno, et entrarono con alquanti 
suoi amici, zioc Guizardini, Chiareli e Bor- 
gognoni. Et adi Hi de luglio i regimenti 
de Bologna gli mandono le sue zente d'arme 
a camfo. Et adì viii de luglio ci dito 
Guasfaro con sua brigata se farti e andoe 
in fcrarexe, aco?n fagliato dagli soldati di 
Bolognixi ; e monsignore lo vescovo de Bo- 
logna tolse la tenuta del dito castelo fer 
lui; ancora tolse la tenuta de la Pieve, la 
quale glie fuo concessa fer gli regimenti 
de Bologna a dito dì de sofra. 

Come i Bolognixi feceno pace con lo 
papa Nicolò quinto. 

1447. — La fax e se concluxe tra ci 
fafa Nicolò quinto et Bolognixi adì xii 
de luglio ; et fer questo gli segnori de Bo- 
logna feceno bandire ' che zaschuna ferso-", 4 " 
na dovese serare le boteghe et fare le fro- 
cesione dui zumi, et feceno sonare le cham- 
fane del comune e de le ghiexie ; et tuli gli 
confaloneri feceno fortare gli loro confa- 
loni al falazo et miseno fuora uno confalo- 



31-32. Come.. . . quinto] parole scritte in calce 
alla colonna, non essendovi spatio in testa al capitoletto 






4 Valsassina. Como, sul lago. 

2 Mandello del Lario, comune del circondario di * E noto che Cento e la Pieve spettavano anche 
5 Lecco, provincia di Como. temporalmente al vescovo di Bologna. Era allora ve- 

3 Bellagio, comune dH Ircondario e provincia di scovo il Poggi. io 



[A. 1447] 



BONONIENSIUM 



143 



Cronaca. A 

al papa a Roma, li nomi di quali sono 
quisti, zoè: 

Misser Merchione da Vizam, cavaliere 

misser Guasparo dalla Renghiera, dot- 
tore, 

Merchione de' Malvizi '. 

In Venexia fu grande morìa de peste, 
et morigli assai persone, et multi se ne partì, 
per la qual cosa remase poche persone in 
Vinexia; et fu a quella terra grande danno, 
perché guereza vano cum lo ducha de Mi- 
lano. 

Adì 30 de luglio, li fuora usiti della 
Pieve de Cento introno in la dieta Pieve ; 
li quali furio quisti, zoè: 

Bartolomio de* Tuctiboni, 

Checho de' Tuctiboni, 

Piero de' Tuctiboni, 
li quali sono fratelli et fioli de Polo di 
Tuctiboni, 

Bertam Campiom, 

Rosso day Cospi, cum certi altri; et 
introno cum voluntade degli omini del 
dicto castello, in questo modo, zoè che, 
essendo per vichario in la dieta Pieve uno 
fratello del vescovo, chiamato Philippo, el 
?j*quale disse agli uomini del' dicto castello 
che misser lo vescovo voleva che tucti li 
fuora ussiti della Pieve tornasseno a stare 
in chasa soa et fesseno bona paxe inseme ; 
et per questo gli homini feno conseglio se 
doveano tornare, et si misseno a partito e 
fu vinto che tornasseno, et cossi tornono ; 
et per questo li magnifici signori mandono 
una ambassaria al vescovo, lo quale era a 
Cento, lamentandose che non observava li 
pacti facti fra loro, onde el vescovo de 
chumiado a li dicti fuora usiti ; et così se 
partino adì 4 d'agosto. 

Li soldati del comun de Bologna feno 
una correria in Modenese, al castello de 
Carpo ; et preseno assai bestiame grossi e 
menudi, et fu adì 3 d'agosto; et adì otto 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



7. segno d'attenzione nel margine sinistro 



Cronaca B 

ne a la insegna de la Ghiexia. El quale 
Gonfalone era in mézo del confalone del ■po- 
polo e de la liberta', e fese grande festa 
e faluò. Et adì xxi de luglio venne a Bo- 
logna uno secretario del papa et andoe a 
Ferara et a Cento et a la Pieve, a parla- 
mento con lo vescovo de Bologna; possa 
tornoe a Bologna. Et adì xxviiii de lu- 
glio se fece el conseglio di siecento, nel quale 
conseglio era el dito segretario, et -propose 
una ambasata per parte del papa. A la fine 
fuo cridato : tt Viva santa madre Ghiexia „ , 
nel dito conseglio, et sonono le campane a 
martclo per alegreza et f eceno faluò. 

1447. — In Venexia fuo grandisema 
mortalitade de peste nel dito anno, et mol- 
te persone morirono de honne qualitade et 
inulti se partirono, per la qual cosa rema- 
xe poche -persone in Venexia; et fuo a y 
Veneciani grandissimo danno, però che gue- 
rezavano con lo ducha de Milane; et que- 
sta morìa durò Hi anni. 

Come alquanti fuora usiti de la Pie- 
ve de Cento entrarono nel dito 
castelo et come se conveneno par- 
TIRE. 

1447. — Alquanti fuora usiti de la Pieve 
da Cento entrar on nel dito castelo adì xxx 
de luglio, et fuoron gli Tutuboni con loro 
amici; et veneno con volontade degli uo- 
mcni del dito castelo, in questo modo, zoè 
che esendo per vicario in la dita Pieve el 
fratclo del vescovo de Bologna, nome Fili- 
po, disc agli uomeni del 'castelo che meser <■•■ -va - coi. z 
lo vescovo volea che tuti i fuora usiti tor- 
naseno a stare a chaxa soa et f eseno bona 
pace inseme. Et per questo gli uomeni del 
castelo f eceno consiglio se doveano tornare, 
et vinsesse a partito che tomaseno, et chusì 
tornono. Et per questo i segnori de Bolo- 



26-29. Come .... partire] parole scritte in calce 
alla colonna, non essendoci spazio in testa al capitoletto 



1 Quest'ultima notizia dell'ambasceria e omessa nel testo B. 



144 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1447] 



e . 26 a 



Cronaca A 

del dicto corseno a Sam Cesaro ' et preseno 
nove cavagli. 

Misser Nicola da Cremona, secretano 
de papa Nicolò, lo quale demorava in la 
chiesia de Sam Piero, intrò per governa- 
dore in palazo adì 15 d'agosto; et la mati- 
na andò a stare dalla parte nova del pa- 
lazo, et li signuri Steno in l'altra parte. 

Adì 13 d'agosto, a hore quatro de 
notte, Philippo Maria, ducha de Millano, 
morì del male del flusso; et venne le no- 
velle a Bologna adì 16 del dicto. Et li Mi- 
lanisi tolseno la signoria in loro et feceno 
desfare lo castello de Potazobia, dove de- 
morava per stantia lo dicto ducha; et questa 
fu bona novella per tucta Ytalia però che 
sempre guerezava. 

El conte Francesco da Codognola ven- 
ne in su el bolognese a dì 17 d'agosto et 
si alozò a Budrio, et l'altro dì al Borgho 
da Panigale * et fu apresentado da li Bolo- 
gnisi, et l'altro dì passò Modena, et non fé 
danno nessuno; et si erano cinque millia 
persone et veniano da Pesaro, et andò in 
Lonbardia et fu facto capitanio de' Mila- 
nixi. 

Adì 17 d'agosto, da hore 22, li Vene- 
ziani si haveno la città de Lodi, et si gli 
la de li cittadini della dieta città. 

Adì 20 dicto li Veneziani si haveno 
la città de Piasenza, et gli andò Taddio 
Marchexe cum mille cavagli et mille cin- 
quecento fanti, a posta de' Veneziani. 

Adì 28 dicto fu levato le offexe tra 
Bolognisi et lo signore de Carpo 3 . 

Misser Nicolò da Cremona, governa- 
dore in Bologna per lo papa Nicolò quinto ', 
tolse la tenuta de Cento et de la Pieve a- 
di 3 de setenbre, et havé la dieta tenuta 
da misser Zohanne dal Puozo, vescovo de 
Bologna, et andogli per comissario Alberto 
degli Albergati, et el vescovo venne a Bo- 
logna ; et adì xi dicto el vescovo andò a 
Roma et andò cum lui mestro Guasparo 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

gna mandarono una anbasaria a meser lo 
vescovo, el quale era a Cento, lamentandose 
de lui, che non oservava gli capitoly fati 
fra loro. Per la quale andata meser lo 
vescovo diede chumiato ai diti fuora usiti, 
et chusì se n'andò no adì iiii del mese 
d'aghosto et tornono al Finale, dove prima 
stavano -per slancia. 

1447. — / soldati de comune de Bolo- 
gna feceno una cor cria in Modenexe, al 
castclo de Charpi adì Hi d'aghosto, et p re- 
seno asai bestiame, zoe piegore, buoi, va- 
che et fuorzi; et adì viii d'aghosto cha- 
valcono a Sam Zexaro et prexeno viiii ca- 
vagli. 

1447. — / Bolognixi mandarono una 
ambasata al papa A r icolò quinto, adì Hi d'a- 
ghosto, i numi di quali fuoron quisti, zoè: 

Meser Marchionc da Vizaue, 

meser Guasparo da la Rcnghiera, 

Me r chiotte di Malvici. 

1447. — Meser Nicolò da Cr emana, 
secretarlo del papa Nicolò, ci quale demo- 
rava per slancia in vescoado intrò per go- 
vernadore in palazo ad) xv d'aghosto, la 
matina, et andoe a stare da la parte nova 
del palazo; et i segnori anciani demor ava- 
na per slancia da l'altra parie. 1 



Come el duca de Milane morio. e £jff 

1447. — Philipo Maria Veschontc du- 
cha de Milane morìo de male de fluosso a- 
dì xiii d'aghosto a hore iiii" de note, et 
venne le ?iovcllc a Bologna adì xvi d'aghosto. 

.^iiesta fico buona novcla per tuia Yta- 
lia, però che sempre guerezava. Et i Mi- 
lanixi tolseno la signoria per loro et fece- 
no desfare ci castclo de porta Zuobia, dove 
demorava el ducha per stanzia. 



19. una] segue nel cod. an cariceli. 



1 San Cesario sul Panaro, comune del circondario 
e provincia di Modena, al confine del Bolognese. 
1 Borgo Panigale. Vedi nota 5 a p. 13. 



3 Della irruzione dei Bolognesi a 'Carpi nel mo- 5 
denese si parla più su a p. 143, 1. 41 e s^. 

* Ricordato più su alle 11. 4-7 di questa pagina. 



[A. 1447] 



BONONIENSIUM 



145 



Cronaca A 

da Sam Zohanne de' frati de Sam Dotne- 
negho. 

Adì 3 de setenbre Fossaimbrun ', lo 
quale è in la Marcha, fu messo a saccoman- 
no dal conte de Urbino, el quale n'era si- 
gnore, in questo modo, zoè, che alchuni cita- 
dini della dieta terra si deno la intrada 
al signore Sismondo de' Malatesti, signore 
de Rimine ; et per questo misser Federigho 
conte de Urbino cavalchò cum tutto suo 
sforzo et cum alcune brigate de Fiorentini 
et andò a la dieta terra et trovò el signo- 
re Sismondo a pè della rocha, che faceva 
fare una tagliada atorno la rocha, et fu 
cum lui a le mane; infino lo signore Si- 
smondo fu rotto cum soa brigata. Et facto 
questo, misser Federigho intrò per la rocha 
et mise a sacomanno la dieta terra; et fu- 
no morti assai cittadini de quilli che deno 
la terra al signore Sismondo. 

Adì 14 de setenbre, el dì de Santa 
Croxe, misser Estore de' Spadi in Faza 8 , ve- 
scovo de Benivento, intrò per governadore 
in Bologna, a posta de papa Nicolò quinto 
et andò a stare in lo palazo grande; et 
andogli incontra la cherexia, li signuri e 
confalonieri cum li confaluni et li sedexe 
et tucte le conpagnie cum le bandiere 
della Chiexia. Et venne cum lui li ambas- 
saduri de Bologna, li quali si erano andati 
al Papa per parte de' Bolognisi, li quali 
sono quisti, zoè : ■ 

Misser Guasparo dalla Renghiera, dot- 
tore, 

Marchione de' Malvizi. 

Capitoli et postulatione et supplica- 
tione facte in fra el papa nlcolò 
quinto et lo comun de bologna. 

, Capitolo primo. 
Absolutionc facta de ogni delieto contro, la 



36. segno d' attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

1447. — -El conte Francescho da Chu- 
dignola venne con sua zente nel contado de 
Bologna adì xvii d'agkosto et alozoe a Bu- 
drio et l'altro zorno andoe al Borgo da 
Panigale, nel quale luoco fuo aprexentato 
da' Bolognixi; e 'l zorno seguente andoe in 
modenexe et non feceno danno alcuno, et 
erano v millia -persone da cavalo e da -pie- 
de, et veniano da Pexaro et andosene in Lom- 
bardia-, et gli Milanixi el feceno loro ca- 
pitanio. 

1447. — / Veneciani aveno la cita de 
Lodi adi xvii del mexe d'agkosto, a hore xxii, 
per le mane di citadini de la dita citade. 

1447. — / Veneciani aveno la cita de 
Piaxenza adì xx d'agkosto, per le mane 
d' alquanti citadini ; et per questo i Veneciani 
gli mandaron Tadio Marchexe com mille 
cavagli et viii cento fanti. 

1447. — Adì xxviii d'agkosto fuo leva- 
to le ofexe tra Bolognixi e 'l segnore de 
Carpi. 

1447. — Meser Nicolò da Cremona, go- 
vernadore in Bologna per lo papa Nicolò 
quinto, tolse la tegniuda de Cento e de la 
Pieve per la Ghiexia adì Hi de setembre, la 
quale tegniuda glie de meser e ' Giovanne dal e. 224 * - coi. 2 
Puozo vescovo de Bologna; et andò glie per 
comesario Alberto degli Albergkadi. El 
vescovo venne a Bologna et adì xi de se- 
tembre el dito vescovo andoe a Roma. 

Come Fosainbrum fuo messa a sacomano 
per le mane del conte da Urbino. 

1447. — Fossainbrum, la quale e in la 
Marcha d'Anckona, fuo messa a sacomano 
adì Hi de selembre dal conte da Urbino, che 
riera segnore. 



10-11. Lonbadia] cod. — 40. fuo] segue nel cod. 
a cancell. 



1 Fossombrone. 

2 Successe a Niccolò da Cremona. Su questo ve- 

T. XVIII, p. 1, v. iv — io. 



scovo di Benevento cf. Eubel, II, 104. 



146 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1447] 



Cronaca A 

santità del papa et de la Chiesta et de' 
soi predecessuri '. 

Cum humilitade et devotione filiale a 
la santità del Nostro Signore et al gremio 
della apostolicha Sedia, el comun de Bo- 
logna et generalmente tucti gli abitanti 
della dieta città e '1 tenetorio et destrecto, 
la diozese de quella, volemo retornare et 
intendemo adesso dare ogni obedientia et 
permanere in devotione alla Santitade vostra 
e 26 6 la universitade et 'li cittadini habitaduri in 
quella, de zaschaduno grado et conditione 
voleno essere siano a zascuno delieto per 
loro comesso, o vero rexia, o pechato, che 
havesse comesso contra la Santitade vostra, 
o de' vostri precessuri et della romana Chie- 
sia, o vero ofiziali o subditi de zascuno 
tempo fine al presente dì ch'egli ano co- 
missi; et che etiamdio processi, bandi, con- 
denasune, sententie, et se igli havesseno 
bando alchuni o veramente in spirituale, o 
vero in temporale, che siano asolti e libe- 
rati in piena forma, et quilli tali remetere 
et canzelare de bando et registri in za- 
schaduno luogho dove fusseno astricti, a 
instanzia che li posesse domandare, et che 
igli siano retornadi al primo stato, et se 
fusseno scomunigati, debiano essere chavadi 
de tale scomunichatione. 

Questo capitolo piase al papa che 
cossi sia. 

Capitolo secundo. 

Ancora, che la comunità et puovolo de 
Bologna propriamente da loro se movano 
doppo la perdonanza della vostra Beatitu- 
dine impetrata per li soi sellenni oraturi 
et sinighi della città de Bologna et del suo 
contado, forza e distrecto, e la diocese de 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Nota che alquanti citadini de la dita 
citade diedeno la intrada de la citade al 
segnorc Gismondo dy Malatiesti, scgnore 
de Fintene ; et per questo meser Federigo 
conte da Urbino chavalcò con tuto suo re- 
sforzo et com alquante brigate di Fioren- 
tini et andarono a la dita citade et trova- 
rono el segnore Gismondo di Malaticsti da 
la -parte de sopra de la diade, a pè de la 
rocha, che facea fare una tagliata et foe 
con lui a la bataglia; infine el segnore Gi- 
smondo fuo rotto con sua brigada. E fato 
questo, meser Federigo sopradito intra in la 
cita per forza, per la porta de la rocha et 
asacomanoc la dita citade et multi citadini 
fuoron morti, de quilli che diedeno la cita- 
de al segnore Gismondo. 

1447. — Meser Fstore di Spadi in Fa- 
za, vescovo de Benivento, intrò in Bologna 
per govcrnadorc a posta del papa Nicolò 
quinto adì xiiii de setembre, et andoe a 
stare in palazo, zoe da la parte nova et i 
segniuri anciani da l'altra parie, et ando- 
glic incontra tuta la chicrexia et ititi i re- 
gimcnti de Bologna* et venne con lui gli c C oJ' 
ambasatori de Bologna, i quali erano an- 
dati al papa, come e, so ito de sopra. Al 
quale vescovo fuo fato grandissimo honorc. 
Fi meser Nicolò da Cremona, el quale era 
governadore, andoe alozarc in vescoado, et 
romaxe texoricro de Bologna, et avea de sua 
previxionc ccc duchatt l'anno ! . 

Capituli et postulacene et suplicatio- 
ne fate infra el papa nlcolò quin- 
to et el comune de bologna. 

1447. asolvexone fata de one dilito 
contra la santitade del papa e 
de la ghiexia e di suoi precesuri. 



16. citadini] segue nel cod. de cariceli. — 33. ro- 
maxe | segue nel cod. te cancell. 



1 E riportato così nel testo A come nel B l'ori- tolo proposto dal Bolognesi segue la risposta del papa, 

ginale del documento portante le capitolazioni tra il col segno del suo gradimento o con le variazioni che 

5 comune di Bologna e il papa. Le varianti sono di credeva opportune. "> 

poco interesse, salvo nella forma, derivanti da una di- 2 Questo particolare riguardimi il vecchio gover- 

versa traduzione del documento latino. Ad ogni capi- natore non è dat" dal testo A. 



[A. 1447] 



BONONIENSIUM 



147 



Cronaca A 

quella et gli omini et tucto el puovolo, et 
la Santitade vostra se rameteno et tucte 
le soe iuriditione et dominio dano et ase- 
gnano cum li infrascripti modi et capituli 
a la obedientia della vostra Santitade et 
della santa romana Chiexia, cum pieno et 
sufficiente mandato, sì comò in questa 
chausa se contene, dano et asegnano in 
le vostre mano la dieta cittade cum tucto 
el contado e tenetorio, destrecto, castelle, 
terre, ville, luoghi, et zureno et prometeno 
fidelitade et obedientia a la soa Santitade, 
secondo che se contene in quisti capitoli. 
Questo capitolo piase al papa che 
cossi sia. 

Capitolo terzo. 

Asolvesone generale a ogni singulare per- 
sona, li quali havesseno a -pagare alla 
romana Chiexia, et confirmatione -per li 
regimenti de Bologna. 

Ancora, che ogni singulare persona 
della cittade di Bologna, o vero del con- 
tado, forza e destrecto, li quali dovesseno 
dare alchuna quantitade de denari a la ca- 
mera romana, o vero alla vostra Santitade 
siano asolti e liberadi de ogni quantitade 
de denari e d'ogni dazio che igli havesse- 
no comparado, zoè de l'anno 1438 adì xx 
del mese de mazo, infino a quisti dì, per li 
regimenti et offiziali del comun de Bologna. 

Questo capitolo piase al papa che cossi 
sia, in quanto non sia contra alla libertade 
della santa romana Chiexia. 

Capitolo quarto. 

e. 2 7 a A riegere et governare la citta de Bo- 
logna et eletione de* signori sedexe e 
refermaduri del stado de Bologna. 

Ancora, che '1 se debia fare li signuri 
anziani e '1 confaloniero de iustixia et li 
confalonieri del puovolo e massari delle 
arte, secundo la consuetudine presente, et 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

Capitolo primo. Cum umilitade et 
devocione filiale a la santitade del nostro Si- 
gnore et al griemio dell' Apostolica Sede el 
comune de Bologna et generalmente tuti li 
abitanti de la dita citade, e 7 tenetorio, e 
'l distreto, la diocexe de quella, volemo re- 
tornare e intendano adesso dare onne obe- 
dientia et permanere in devocione alla San- 
tità Vostra. La universitade e i citadini abi- 
taduri in quella, de zaschaduno grado e con- 
dicione vole essere, siano a ciaschwio dilito 
per loro comesso, overo rexia o pechato che 
avesse comesso contra la Santità Vostra, o 
di vostri prezesuri e de la romana Ghiexia, 
overo officiali, o suditi, de zaschuno tempo 
infino al prexente dì che iano comissi, anche 
eciamdio prozesi, bandi, condanaxune, achu- 
xacione, sentencie; et se iaveseno bandi al- 
cuni ovcramente in spirituale, overe in 
temporale, che siano asuolli e liberadi in 
piena forma, et qui tali reme ter e et chan- 
zelare di bandi e registri in zaschuno luo- 
go dove i fosseno scriti, a instancia de za- 
schuno' che i posesse domandare, et che i 
siano retornadi al primo stado, et si fos- 
seno schomunigadi, debiano esere cavadi de 
tale schomunicalione, 

Questo capitolo piaxe al papa che 
chusì sia. 

Capitolo II. Ancora che la comunità 
e 'l popolo de Bologna propryamente da lo- 
ro se moveno, doppo la perdonanza de la 
vostra Biatitudine, impetrada per li suoi 
solenni oratori et sinighi de la cita de Bo- 
logna e del suo contado, forza e destreto e 
Ila diocexe de quella et i omeni e tuto el 
popolo alla Santità vostra se remetemo, et 
tibie le sue iuridicione e dominio danno e ase- 
gnano cum li infrascrili muodi e capitoli 
alla obediencia della vostra Santitade e de 
la sancta romana Eclexia, cum pieno e su- 
ficiente mandato, sì come in questa cauxa se 
contene, danno, asegnano in le mane vostre 
la dita citade con tuto el contado et tem to- 
rio, destreto, castelle, terre, ville, luoghi, et 
zuran e prometen fedeltade et obediencia 



C. 225 a - c °l- 2 



19-20. alcuni] segue nel eod. o cariceli. 



148 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1447] 



Cronaca A 

havere podestade secundo la forma della 
dieta cittade ; et più che '1 debia essere li 
signuri sedexe ! , li quali debiano essere cum 
misser lo legato a governare la dieta cit- 
tade, li quali sedexe debiano durare per 
tucto el suo officio, et finito lo dicto offi- 
zio, li dicti sedexe e misser lo legato de- 
biano provedere de altri signuri sedexe, et 
che li dicti sedexe cum misser lo legato 
debiano eliezere uno confaloniero de iu- 
stixia et li signuri anziani e li confalo- 
nieri del puovolo et massari de le arte et 
gli altri offizii da honore ; et che nessuno 
delli dicti regimenti non possa deliberare 
nessuna cosa, senza la volontade del dicto 
legato, et che '1 dicto legato non possa 
deliberare nessuna cosa senza li regimenti 
de Bologna. 

Questo capitolo piase al papa che 
cossi sia. 

Capitolo quinto. 

Dello ufficio di sedexe et de mandare am- 
bassaduri. 

Ancora, se magnifici signuri anziani et 
li signuri sedexe volesseno mandare ambas- 
saria alchuna a la Santitade del papa, o 
vero alla signoria de Vinexia o vero alla 
comunitade de Fiorenza, che igli possano 
mandare quante volte al loro sia necessario, 
et queste cose se fazano de comune con- 
seglio. Questo non se intendeno, se igli vo- 
lesseno mandare alchuna ambassaria al 
papa, che igli la possano mandare senza 
conseglio de misser lo legato. 

Questo capitolo piase al papa che 
cossi sia. 

Capitolo sesto. 
De estrare li uffizii della cittade et contado, 
forza e destrecto de Bologna, et a refare 
la inbusolatione delli uffizii. 

Ancora, che la inbusolatione delli uf- 
fizii facta per li regimenti de Bologna non 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

alla Sua Santitade, scchundo che se contene 
in giusti capitoli. 

£>iicsto capitolo piaxe al papa che 
eh usi sia. 

ASOLVEXONE GENERALE A HONE PERSONA, I 
QUALI AVESENO A PAGARE A LA RO- 
MANA ECLEXIA ET CONFIRMACIONE PER 
LI REGIMENTI DE BOLOGNA. 

Capitolo III. Anchora, che ogne sin- 
gulare persona de la cita de Bologna, ovc- 
ro del contado, forza o distreto, i quali do- 
veseno dare alcuna quantitade de dinari alla 
camera romana ovcre alla vostra Santitade, 
siano asuolti e liberi da ogne quantitade de 
dinari et d'onne dado che igli avescno con- 
perado, zoe de l'anno Mccccxxxviii, adì xx x 
del mese de mazo, infino a questo dì, per U C c ) , 
regimenti et officialy del comune de Bologna. 

Questo capitolo piaxe al papa che chusì 
sia, in quanto non sia contra la libertade de 
la sancta romana Ghiexia. 

A RIEGERE E GOVERNARE LA CITA DE BO- 
LOGNA ET A ELECIONE DI SIGNIURI SE- 
DEXE REFERMADURI DEL STADO DE BO- 
LOGNA. 

Capitolo UH . Ancora, che 7 se debia 
fare i segnori anciani e 7 confaloniero de 
zustixia et i confalonieri del popolo et masari 
delle arte secondo la consuetudine prexente, 
et avere podestade secondo la forma di sta- 
tuti de la dita citade; et più che 7 diebia 
esere i signiuri sedexe, i quali debiano csere 
con meser lo legato a governare la dita ci- 
tade. I quali sedexe debiano durare per 
tuto el suo officio, e feniio el dito officio, i 
diti sedexe et meser lo legato debiano pro- 
vedere de altri scgniri sedexe, et che i di- 
ti sedexe con meser lo legato debiano elie- 
zere uno confaloniero de zostixia et i si- 
gniuri anciani et confalonieri del popolo et 



15. de| segue di cariceli, nel cod. — 26. govi tiare] 
cod. — 43. altri] segue nel cod. se cancell. 



1 Sono i sedici Riformatori, che durarono poi lun- go tempo. 



[A. 1447J 



BONONIENSIUM 



149 



Cronaca A 

se debia guastare infino che non è finida; 
et finita che la sera li signuri sedexe cum 
misser lo legato possano et debiano refare 
la dieta inbosulatione segondo che parerà 
alla mazore parte et non più né altramen- 
te; et che li vicharii che andarano a Cento et 
alla Pieve debiano zurare in le mano a 
misser lo vescovo de Bologna, o vero ad 
e. j 7 *altri per lui', et finida questa inbosulatio- 
ne, la eletione di vicarii che haverano an- 
dare a li dicti Cento e la Pieve, expietti 
al vescovado de Bologna. 

Questo capitolo piase al papa che 
cossi sia. 

Capitolo septimo. 
Delli asignamenti facti. 

Ancora, che ogni cittadino, contadino 
o altre persone o vero alchuno introito or- 
dinario et exordinario del comun de Bo- 
logna, li quali havesseno alchuno asigna- 
mento dalla camera del comun de Bologna 
li debia essere satisfacto per la dieta ca- 
mera. 

Questo capitolo piase al papa in questo 
modo, che ogni asignamento facto iusta- 
mente sia pagato, et che de mexe in mexe 
se debia extrare li denari per le spese nec- 
cesarie per la gubernatione e regimento de 
Bologna, et quilli tali denari che li avanza, 
dare et pagare quisti tali credituri sopra la 
dieta camera. 

Capitolo ottavo. 

Della electione del spodesta et delle comis- 
sione et apellatione. 

Ancora, quando sera a eliezere uno 
podestade, per la dieta cittade, questa ta- 
le eletione debia pervenire al papa et che 
tucte le apelatione debiano pervenire a lo 
legato, et misser lo legato la debia come- 
tere a uno de' zudexi delle apellatione. 

Questo capitolo piase al papa che 
cossi sia. 



24. Bologna] segue nel cod. per cariceli. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

masari de li arte et gli altri officii da /so- 
nore; et che nesuno di ditti regimenii non 
fossa deliberare alcanna cosa senza la vo- 
lontade del dito legato, et che 7 dito lega- 
to non fossa deliberare alchuna cosa senza 
el regimento de Bologna. 

Questo capitolo piaxe al -papa che 
chusì sia. 



De l'oficio di sedexe et de mandare 

ambasaduri. 

Capitolo V. Ancora, se i magnifici 
signiuri anciani et i signiuri sedexe volese- 
no mandare ambasaria alla Santiiade del pa- 
pa, over e ' alla signoria de Vinexia, over a e. 225 b - coi. 2 
alla comunitade de Fiorenza, che igli la po- 
sano mandare quante volte a loro sia neces- 
sario, et queste cose se fazano de comune 
conseglio. £>tiesto non se intende se igli vo- 
leseno mandare alcuna ambasaria al papa, 
che igli la posano mandare senza conseglio 
de meser lo legato. 

Questo capitolo piaxe al papa che 
chusi sia. 

De extrare li officii de la cita et con- 
ta, FORZA E DESTRETO DE BOLOGNA; 
ET A REFARE LA IMBUSELACIONE DE LI 
OFFICII. 

Capitolo VI. Ancora, che la imbusela- 
cione de li officii, facla per li regimenti de 
Bologna, non se debia guastare infine che 
non e finida, et finida che la sera, i segniu- 
ri sedexe con meser lo legato posano e de- 
biano refare la dita imbuselacione, secondo 
che parerà a la mazore parte, et non più, 
né altramente. Et che i vicharii, che an- 
darano a Cento e a la Pieve, debiano zu- 
rare in le mane a meser lo vescovo de Bo- 
lonia, ovcro ad altri per lui. Et finida que- 
sta imbuselacione, la eledone di vicharii 
che arano andare ai diti castieli Cento e la 
Pieve, expieti al vescovo de Bologna. 

Questo capitolo piaxe al papa che 
chusì sia. 



6. deliberare] segue nel cod. alch cancell. 



150 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1447] 






Cronaca A 

Capitolo nono. 

Della divisione del palazo del cornuti de 
Bologna. 

Ancora, che misser lo legato et li si- 
gnuri anziani debiano stare in palazo, et 
misser lo legato debia eliezere quella parte 
che a lui piaxe, et in l'altra parte debia 
stare li signuri anziani infino che piaserà 
al nostro signore papa. 

Capitolo decimo. 

Della venditione de dazii et de salario de 
legato. 

Ancora, se alcuna persona conparas- 
se alchuno datio dal comun de Bologna, 
non li debia essere facta alchuna remissio- 
ne né per legato, né per li sedexe, ma 
siali facto segondo la forma di statuti del 
comum de Bologna; et che '1 comun de 
Bologna debia dare a misser lo legato lire 
cinquecento el mese per suo salario, et che 
ogni cosa si debia fare de comun conseglio. 

Capitolo undecimo. 
De condure li soldati da cavallo a da fé. 

Ancora, che '1 puovolo de Bologna 
possa condure et tenere quanti soldati da 
cavallo et da pè a lloro piase a le spese 
del comun de Bologna, et quisti tali sol- 
dati debiano zurare in le mano de misser 
lo legato et del confaloniero de iustixia. 

Questo piase al papa che cossi sia. 

Capitolo duodeclwo. 
Dello uffizio de thoxoriero. 

Ancora, dello uffizio del thoxoriero 
della camera del comun de Bologna debia 
remanere sì corno l'è de presente et corno 
l'è stato da sei anni indreto, et che '1 papa 
debia metere uno thexoriero cum salario de 
tresento fiorini l'anno a le spese della camera 
del comun de Bologna, et che tucti gli altri 
usufructi perviegnano a li dicti thexorieri. 

Questo capitolo piase al papa che 
cossi sia. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

Dei asigni amenti fatti. 

Capitolo VII. Ancora, che one citadi- 
no et contadino, o altre -persone, over e al- 
cuno introito ordinario et extraordinario del 
comune de Bologna, ' * quali avescno alcttno c / f? 
asegnamcnto da la camera del comune de 
Bologna, li diebia essere satisfato -per la 
dita ca?nera. 

£>iiesto capitolo piaxe al papa in questo 
modo, che ogne asignamento fato iustamente 
sia pagado et che de mexe in mexe se debia 
evirare li dinari per le spexe nezesarie per 
la gubernacione e regimcnto de Bologna, 
et quitti tali dinari, che li avanza, dare e 
pagare a quisti tali credituri sopra la dita 
camera. 

De la elecione del podestà e db la co- 
mi si one ET APPELACIONE. 

Capitolo Vili. Ancora, quando el se- 
ra a ette gè re uno podestade per la dita ci- 
tade, questa tale ciccione debia pervenire al 
papa; et che tuie le apelatione debiano per- 
venire a' legato, et mescr lo legato le debia 
comeierc a uno di zudixi delle apelatione. 

£>iicsto piaxe al papa che chusì sia. 

De la divixione del palazo del comune 
de Bologna. 

Capitolo Villi. Ancora, che meser lo 
legato et i signiuri anciani debiano stare 
in palazo, et che meser lo legato debia elie- 
zere quela parte che a lui piaxe, et in l'al- 
tra parte debia stare i signiuri anciani, in- 
l'no che piaxera al nostro se-gnor e papa. 

De la vendicione di dacii et del sa- 
lario del legato. 



Capitolo X. Ancora, se alcuna per- 
sona comparasse alcuno dado del coimme de 
Bologna, non li debia esere fato alcuna re- 
misionc, né per legato, né per li sedexe, ma 
siali fato secondo la forma di statuti del 
comune de Bologna ; e che el comune de 
Bologna debia dare a meser lo legato lire 



e 226 a 

Col. 2 



23. quando] ripetuto due volle nel cod. 



[A, 1447] 



BONONIENSIUM 



151 



Cronaca A 

Capitolo terzodecimo. 

Del zuramento de' signuri anziani et del 
■podestà et degli altri offiziali de Bo- 
logna. 

Ancora, che li signuri anziani et con- 
faloniero de zustixia et confalonieri del 
puovolo et massari de le arte e '1 podestà 
de Bologna e '1 zudese della merchadandia 
et ogni altro offiziale debiano zurare in le 
mane a misser lo legato. 

Questo capitolo piase al papa che 
cossi sia. 

Capitolo quartodecimo. 

Ancora, che tucte le littere degli of- 
fizii de Bologna et del contado et diozese, 
forza e destrecto, et tucte le scripture che 
se faranno in la canzelaria de Bologna non 
se possano fare e non sia valide se non 
sono facte per mano di canzelieri della 
dieta canzelaria, et che tale guadagno per- 
viegna cossi a li canzelieri de misser lo le- 
gato corno a quilli di magnifici signuri 
anziani. 

Questo capitolo piase al papa che 
cossi sia. 

Capitolo quintodecimo. 

Ancora, se '1 fusse alchuna signoria o 
vero signore, li quali volesseno fare o fare 
fare guerra al cornuti de Bologna, che '1 
santissimo nostro papa sia tenuto de dare 
subsidio et alturio e favore a defendere la 
dieta cittade. 

Questo capitolo piase al papa che 
cossi sia. 

e. 28b Adì 4 de setenbre el conte France- 
sco da Codognola se fé signore de Pavia 
cum l'alturio di soldati delducha de Millano. 
Del dicto mese el conte Francesco da 
Codognola andò a campo a Piasenza cum 
li soldati ch'erano del ducha de Millano 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

vi cento el mese -per suo salario; et che ogne 
cosa se debia fare de comune conseglio. 

De condure i soldadi da cavalo e da 

PIEDE. 

Capitolo XI. Ancora, che V -popolo e 
chomune de Bologna possa condure e tene- 
re quanti soldati da cavalo e da piede a lo- 
ro piaxe, a le spexe del comune de Bolo- 
gna; et quisti tali soldati debiano zurare 
in le mane de meser lo legato e del confa- 
loniero de zostixia. 

Questo piaxe al papa che chusì sia. 

De l'officio di thexorieri. 

Capitolo XII. Ancora che l'officio di 
thexorieri de la camera del comune de Bo- 
logna debia remanere sicome Ve de prexenie 
et come Ve stado da sie anni indriedo, et che 
V papa debia metere uno thexoriero con sa- 
lario de ccc fioriti Vanno, alle spexe de la 
camera del comune de Bologna, et che tuti 
gli altri uxufruti pervie gnano ai ditti the- 
xorieri. 

Questo capitolo piaxe al papa che 
chusì sia. 

Del zuramento di signiuri anciani e del 
podestà e degli altri officiali de 
Bologna. 

Capitolo XIII. Ancora, che i signiuri 
anciani e 7 confaloniero de zustixia et i 
confalonieri del popolo et masari de ' li ar- 
te e 'l podestà de Bologna e V zudexe de 
la merchadandia et one altro officiale debia- 
no zurare in le mane de meser lo legato. 

Questo capitolo piaxe al papa che 
chusì sia. 

Capitolo XIIII . Ancora, che tute le 
litere de li officii de Bologna e del contado 
e diocexe, forza e destreto, et tute le seri- 
ture che se far ano in la cancelaria de Bo- 



c. 226 b - col. I 



22. papa] segue d cancell. nel cod. — 35. de] ri- 
petuto due volte nel cod 



152 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 14471 



Cronaca A 

et cum dodese galium armati in Po, li quali 
erano a Pavia; e la dieta terra tenea li Ve- 
neziani. 

El campo de' Franzesi, lo quale era 
su el contado d'Alixandria dalla Paglia, fu 
rotto adì xi de ottobre dalli soldati de' 
Milanisi, et fulli morto più de mille nomi- 
ni de l'una parte e l'altra, ma più Ytaliani; 
et funo rutti in luogho dicto el Boscho l . 

Del mese de novembre Piasenza fu 
messa a sacomanno dal conte Francesco 
da Codognola, et presela per forza et fugli 
preso Tadio Marchexe, che gli era dentro 
cum ottocento cavagli et mille fanti. Et 
perdesse perché non si gli posse dare se- 
corso: et fu robato chiexie, et averto de 
molte sepulture et vetuperade le moneghe, 
et feno tanto male che seria bastato a' Tur- 
chi; et molti cittadini andono a Vinexia 
racomandandose alla signoria, et per questo 
li Veneziani deno soldo et provisione a 
quilli che gli andono. 

Nota che alchuni soldati li venne el 
male de Santo Antonio et alchuni el male 
de Sam Lazaro, et alchuni s'anegorono, et 
multi se ferivano inseme et ucidevanse; 
et alchuni homini d'arme veneno a Bologna 
et intrarono in li frati, per miracoli che 
haveano veduti in la dieta cittade, meten- 
dola a sacomanno. 

Del mese d'otobre el re de Ragona, 
signore della Puglia, venne in Thoschana 
cum circha quatordese millia persone da 
pè et da chavallo; et adì sei de novembre 
roppe la guerra cum li Fiorentini suso el 
contado de Vulterra, et misse a sacomano 
uno castello dicto Pomeranze. 

Del mese de novembre 2 li Veneziani 
mandò una grande armada de galium su 
per Po, contra Cremona, ch'era del conte 
Francesco da Codognola. 

Adì 13 de desembre a hore x de notte 
misser Zohanne dal Puozo vescovo de Bo- 
logna morì; et fu aducte le novelle a Bo- 



45. fu] segue nel cod. al cariceli. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

lo gna, non se possano fare et non siano va- 
lide se non sono fate -per le mane di chan- 
cilieri de la dita chanzclaria, et che tale 
guadagno perviegnia chusì ai chancilieri de 
meser lo legato cotne a quilli di magnifici 
signiuri anciani. 

Questo capitolo piaxe al papa che 
chusi sia. 

Capitolo XV. Ancora, se 'l fosse al- 
chuna signoria o vero se gnor e, i quali vo- 
lesseno fare o far fare guera al comune de 
Bologna, che 7 sanctisimo nostro papa sia 
tenuto de dare susidio, altur io, favore et de- 
fendere la dita cilade. 

J&teslo capitolo piaxe al papa che 
chusì sia. 

1447. — El conte Francescho da Chudi- 
gnola se fece segnore de la cita de Pavia 
adi iiii de sctembre, cum l'alturio di sol- 
dati ch'erano del ducha de Milane. 

1447. — El conte Francescho da Chu- 
dignola andoe a campo a Piaxenza adì 
viti de setembre, et menoe con lui tuli gli 
soldati da chavalo e da piede ch'erano del 
ducha de Milane. Ancora menoe con lui xii 
g alluni armati ch'erano a Pavia. 



I Franzoxi fuoron rutti in Lombardia. 



e. 226 b 
col. 2 



1447. — El campo di Franzoxi, el 
quale era nel contado d'Alisandria da la Paia, 
fuo rotto adi xi de otobre dai soldati di Mi- 
lanixi, zoe dal segnore Estore di Manfridi 
e da Bartolomio Choione 8 da Bergamo, et 
fuoron morti più de mille huomcni de ame- 
duc de parte, ma più Taliani che Franzo- 
xy ; et fuorom rutti in luogo dito el Boscho. 

Come Piaxenza fuo messa a sacomano da 
la zente del conte francescho. 

1447. — Piaxenza fuo messa a saco- 



4. dita] segue nel cod. camera cancell. 



1 Bosco, mandamento del circondario e provincia 
di Alessandria, sulla riva destra dell'Orila. 



2 La <ronaca B ha 11 mese di dicembre. 

3 Bartolomeo Colleoni, 



[A. 1447] 



BONONIENSIUM 



153 



Cronaca A 

logna adì vinti del dicto, et era luogho- 
tenente in Roma et vizo canzeliero del 
papa Nicolò quinto. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

mano adì xvi de novembre l dal conte Fran- 
cescho da Chudignola et da sue zente d'ar- 
me, et prcxela -per forza de bataglia e de 
bonbarde. Et fuo prexo Tadio Marche* 
condutiero di Veneciani, che gli era dentro 
con mille cavagli 2 e mille fanti. Et -perdes- 
se perche non poseano avere secorso; etfuo- 
ron robate ghiexie et rotto gli altari et cro- 
cifissi, averte le sepolture, guasto spedali, 
vituperato muneghe, donne, putti e pute, 
che f eceno tanti mali e vituperii che sefos- 
seno stati Turchi o Saraini non doveano fa- 
re quello che f eceno. Et inulti citadini an- 
darono a Vinexia, raco?nandandose a la se- 
gnoria; et per questo i Veneciani diedeno 
soldo e previxione a quilli che gli andono. 
Nota che alcuni soldati li vene elmale 
de santo Antonio et alcuni el male de san La- 
zar o et alcuni se anegarono, et multi se fe- 
riano inseme et ucidianse. Et alcuni home- 
ni d'arme veneno a Bologna e entrarono nel- 
li frati per miracoli che aveano veduti in 
la dita citade, metendola a sacomano.' 

El re de Ragona venne in Toschana. c - "7 a - co1 - ' 

1447. — El re de Ragona, segnare de 
la Puglia e de Napoli, venne in Toschana, 
del mcxe de ottobre, con xiiii millia per- 
sone da cavalo e da piede, e adi vi de no- 
vembre roppe la guerra con gli Fiorenti- 
ni nel contado de Volterra, et mise a saco- 
mano uno castelo nome le Potneranze. 

1447. — I Veneciani mandar on una 
armata de galiuni, suxo per l'acqua del Po, 
molto grande, del mexe de dexembre; et an- 
doe in Lombardia contra di Cremonixi e del 
conte Francescho da Chudignola. 

1447. — Meser Zohane dal Puozo, ve- 
scovo de Bologna, morto adì xiii de dexem- 
bre a hore x de notte, et venne le novelle a 
Bologna adì xx del dito mexe-, et era luo- 
cho tenente de Roma et vice chanciliero del 
papa. 



37. Francescha] cod. 



1 Nella cronaca A non c'è la indicazione del giorno. 



8 Ottocento cavalli ha il testo A. 



154 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1448] 



Cronaca A 

Anno Christi Mcccc48. Copia de uno 
breve che mandò el papa Nicolò quinto a 
li signuri bolognixi, adì 12 de zenaro. 

Dilectis filiis anzianis civitatis nostre 
Bononie. 
e. 2g a Dilecti filii, salutem et apostolicam 

beneditionem. Inter ceteras curas quibus 
assidue pulsamur, illa potissima existit ut ho- 
nori ad amplitudini illius civitatis nostre 
consulamus; ita quod in spiritualibus et in 
temporalibus feliciora per singulos dies su- 
scipiat incrementa, et hoc est potissimum 
cordis nostri desiderium. Quantum ad tem- 
poralitatem ipsius credimus devotiones ve- 
stras non latere, nos nichil hactenus omi- 
sisse nec in posterum, quantum ex alto 
concedetur omisuros, quod paci quieti di- 
gnitati augumento ipsi civitati esse pos- 
sit cum pace et tranquilitate omnium bene 
et feliciter gubernetur; nichil enim gratius 
audiri possumus nichilque iocundius quam 
quod civitas ipsa. Quantum vero ad spiri- 
tualitatem, hec nobis precipua cura est, et 
proterea vacante proximis diebus eccle- 
sia illa per obitum bone memorie Ioannis ' 
episcopi bononiensis qui nobis accerimus 
et maximo dolori fuit, cum ipsum propter 
sanctimoniam, prudentiam et integritatem 
suam ab intimis cordis nostri valde dilexe- 
rimus, variis cogitatioi.ibus distracti fuimuB 
ad cogitandum de persona utili ydonea et 
universo pupulo vestro grata ipsi ecclesie 
preficienda; tandem non ignorantes omnÌ3 
nostros etiam non convictos vobis prò devo- 
cione vestra erga nos esse gratissimos, in 
germanum nostrum convertimus oculos ve- 
ntre mentis ypsumque eidem ecclesie pre- 
fecimus et episcopum et pastorem, multis 
respectibus moti et precipue venerabilibus 



io-ii. honori] corretto su honora nel cod. — 17. 
hactenus] il e fu aggiunto più tardi sopra la riga — 23. 
iocundius] l'i fu aggiunto più tardi nel cod. — 30. 
sanctimoniam] il e fu aggiunto più tardi sulla riga — 
41. venerabilibus] nel cod. leggeva si prima venerabilis 
- respectibus] il e fu aggiunto più tardi sulla riga 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Copia de uno brieve che mandò el papa 
Nicolò quinto ai Bolognixi. 

1448. — Nicolaus papa Diletis filiis, 
ancianys civitatis nostre Bononie. 

Dilecti filii, salutem et apostolicam be- 
nedicionem. Inter ceteras curas quibus as- 
sidue ■pulsamur illa potisima existit ut ho- 
nori ac amplitudine illius civitatis nostre 
consulamus, ita quod in spiritualibus felicio- 
ra per singulos dies suscipiat yncrcmentay 
et hoc est potissimum cordis nostri deside- 
rium. j^uantutn ad temporalitalem ipsius 
credimus devociones vestras non latere nos 
nihil hactenus omisisse, nec in posterum quan- 
tum' ex alto concedetur omisuros, quod pa-d'i 7 " 
ci quieti dignitati augmento ipsius civitatis 
esse posit. Nihil enim gratius audire pos- 
sumus, nihilque iocundus quam quod civitas 
ipsa cum pace et tranquillitaie omnium, bene 
et feliciter gubernetur. Quantum vero ad 
spiritualitatcm, hec nobis precipua cura est, 
et proterea vacante proximis diebus ecclesia 
illa per obitum bone memorie Johannes epi- 
scopi Bononiensis, qui nobis acccrrimus et 
maximo dolori fuit, cum ipsum propter san- 
ctimoniam prudenciam et integritatem suam 
ab intimis cordis nostri valde dilexerimus, 
variis cogitacionibus distrati fuimus ad co- 
gitandum de persona utili idonea et uni- 
verso populo vestro grata ipsy ecclesie prefi- 
cienda. Tandem non ignorantes omnes no- 
stros edam non coniunctos vobis prò devocione 
vestra erga nos esse gratissimos, in germanum 
nostrum convertimus nostre mentis ipsumque 
cidem ecclesie prefcrimtis in episcopum et 
pastorem mullis respectibus moti et preci- 
pue venerabilibus fratribus nostris sanclc 
romane JScclesie cardinalibus id suadentibus 
et maxima cum instancia pctcnùibus. JExpot 



5-6. Nicolaus .... Bononie] scritto con inchiostro 
rosso nel cod. — 16. hactenus] cod. 



1 Giovanni Poggi o Del Poggio, la cui morte e nomina del nuovo vescovo nella persona del fratello 
stata sopra annunziata. Sopra la morte del Poggi e la del papa, e Ir rispettiva date cf. Eubkl, li, 108. io 



[A. 1448] 



BONONIENSIUM 



155 



Cronaca A 

fratribus nostris sante romane Ecclexie car- 
dinalibus id suadentibus et maxima cum 
instantia petentibus, et post literas vestras 
omni caritatÌ8 officio plenas accepimus qui- 
bus non mediocri eficatia id fieri postula- 
stis ; que res nobis supra modum gratissima 
fuit, cognoscentes volontatem vestram cum 
nostra fuisse conf ormem, et certe nobis ipsis 
gratissimi videremur nisi fateremur nos 
vobis exinde plurimum obonoxios atque de- 
bere, et hanc rem ex magna devotione pa- 
riter et affetione vestra erga nos proce- 
sisse; credimus itaque promotionem ipsam 
vobis esse gratissimam et ipsi ecclesie non 
futuram inutilem, presertim quia promotus 
ipse a volontate mandatisque nostris, num- 
quam aberrabit et quem ad modum devo- 
tiones vestre nos semper propicios ac li- 
berales habent ad queque sibi grata ita 
et germanum episcopum nostrum prontis- 
simum habebunt ac affetissimum ad omnia 
honorem, pacem, salutem et comodum ve- 
strum concernentia. 

Datum Rome apud Santum Petrum, sub 
annulo pischatoris, die secundo Ianuarii 
1448, pontificatus nostri anno primo. 
Petrus de Noxeto. 

La sopradicta vulgarezada : ' l 

e. 29 b Dilecti figlioli salute, aposto licha bene- 
ditene. Fra li altre cure da le quale siamo 
continuamente comossi, quella è la principa- 
le che nui al honore e utile de quella vostra 
cittade drictamente provediamo, sì che in 
temporale e spirituale la dieta cittade de 
dì in dì receva felice incrementi, et questo 
è potissimo spirituale desiderio del vostro 
chore. Quanto al temporale de essa nostra 
cittade, credemo che le devotione vostre 
sapiano nui infino a qui non havere comes- 



4. et] corr. su ex nel cod. — 9. certe] segue nel 
cod. vobis cancell. — 15. ipsi] corr. su ipse nel cod. 
— 18. aberrabit] corretto su abeerabit nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

literas vestras omni caritatis officio -plenas 
accepimus, quibus non mediocri efficatia id 
fieri postulastis. £!>ue res nobis supra mo- 
dum gratisima futi, cognoscentes voluntatem 
vestram cum nostra fuisse conformem et certe 
nobis ipsis ingratissimi videremur, nisi fa- 
teremur nos vobis exinde plurimum obnoxios 
atque debere et hanc rem ex magna devo- 
cione pariter et affectione vestra erga nos 
procesisse credimus, itaque' promocionem 
ipsam vobis esse gratissimam et ipsi ecclesie 
non futuram inutilem presertim quia pro- 
motus ipse a voluntate mandatisque nostris 
nunquam abeerabit et quem admodum de- 
vociones vestre nos semper propicios ac li- 
berales habent adquequam sibi grata ita et 
germanum ipsum nostrum promptissi?num 
habebunt ac affetissimum ad omnia honorem 
pacem salutem et comedum vestrum concer- 
nentia. 

Datum Rome apud Sanctum Petrum, 
sub annido piscatoris, die secundo ienuarii 
Mccccxlviii, pontificatus nostri anno primo. 

Petrus de Noxeto. 

1448. — Meser Philipo da Serzana, 
fratelo del papa JVicolò quinto, fuo creato 
vescovo de Bologna adì vi de zenaro, et 
venne le novele a Bologna adì xii de zena- 
ro ; e meser Estore di Spadi in Faza, luoco- 
tenente in Bologna per lo papa, tolse la te- 
nuta del vescoado adì xiiii de zenaro, per 
lo vescovo predito 2 . 

D'una tempesta che venne nel contado 
de Bologna. 

1448. — Venne una tempesta nel con- 
tado de Bologna adì xxv de mazo a hore 
xx, in sabado, el dì de santo Salvadore, et 



36-37. D'una .... Bologna] parole scritte nel mar- 
gine sinistro perché non v'era spazio sufficiente in testa 
al paragrafo 



e. 227 b - coi. 



1 II volgarizzamento della lettera latina colla quale 
5 il papa notificava la nomina del fratello a vescovo di 
Bologna non è dato dalla cronaca B, che reca il solo 
testo latino. 



2 Questa cronaca ha maggiori particolari del testo 
A sull'argomento. Filippo Parentucelli da Sarzana è il 
fratello del papa la cui nomina a vescovo di Bologna io 
è stata annunziata nella lettera di cui sopra. 



156 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1448] 



Cronaca A 

so, né per l'avegnire cometeremo cosa al- 
chuna quanto da Dio ze sera concesso che 
possa essere a la pace quieta dignitade e 
augumento alla dieta nostra cittade ; et cer- 
tamente nui non possiamo udire cosa più 
grata, né più iocunda quanto che essa cit- 
tade cum pace et tranquilitade de ogni homo 
bene e felicemente sia governata. Quan- 
to alla spiritualità, questa a vui è speciale 
chura, et per questo vachante a li dì pro- 
ximi passati quella chiexia per la morte 
della bona memoria de Zohanne vescovo 
de Bologna, la quale morte a nui è stata 
acerbissima et de grande dolore, cunzosia- 
cosa che '1 dicto Zohanne per la santimo- 
nia, prudentia et integrità soa, dalli inte- 
riuri del nostro chore grandemente habia- 
mo amato; siamo stati distracti de vani 
cogitatione a pensare de persona utile, ydo- 
nea, grata allo universo vostro populo da 
essere preposta alla dieta chiexia de Bolo- 
gna; et finalmente sapiando tucti li vostri 
etiam non conzunti a vui per la vostra devo- 
tione verso nui a vui essere gratissimi, ha- 
biamo voltato gli ochi della nostra mente 
in lo nostro fratello, et lui alla dieta chie- 
xia habiamo preposto in vescovo e pastore 
de essa, a zò mossi per più respecti et spe- 
cialmente confortandozi a questo li vene- 
rabili nostri fratelli cardenali della santa 
romana Chiexia, et questo cum grande in- 
stantia domandanti; da poi ricevemo vostre 
littere piene de ogni officio de caritade, 
per li quali questo cum non mediocre effi- 
chazia domandavi; la qual cosa a nui oltra- 
modo ze fu gratissima, cognoscendo la 
volontà vostra esaere conforme cum la nostra, 
et certamente a nui medesimi ze parereve 
essere ingratissimi se non confessasene nui 
per questo a vui grandemente essere obli- 
gati, et questa cosa essere proceduta da 
una grande devotione et similmente affe- 
tione vostra verso nui ; et per questo nui 
credemo la dieta promotione a vui essere 
gratissima, et a la dieta chiexia de Bolo- 
gna non sera inutile, maximamente consi- 
derato che '1 dicto promosso della nostra 
volontà et commandamenti non aredegarà 
mai, et cossi comò le vostre devotione han- 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



50 



Cronaca B 

fece imo grandissimo danno a vide et a for- 
vienti, chaneve et lini, et chavb alberi asais- 
si?ni; et fece danno alle infrascrite ville, zoe: 

le Tavernelle, 

Chaldarara, 

el Borgo da Panigale t 

Panigalc vechio, 

Pavone, 

la Povere, 

Pcscharola, 

el Trebo da San Zohanne, 

Polexcm, 

Chortexella, 

Salexcdo, 

Chadriam, 

Levoledo, 

Viadagola, 

Scarto de sotta, 

Maranc, 

Fiesso, 

Chastenaxe, 

Belicmc, 

Cento da Budrio, 

Primato, 

Medcxina. 

E questo anno venne tanta tempesta, che 
non piovea volta alcuna che non tempestasse 
in alchuno luogo del contado. 



1448. — Guido Antonio di Man f ridi se- 
gnor e de Faenza e d' Imola morio in la citta 
de Siena adì xx de zugno; et era gito ai 
bagni et a parlamento con lo re de Ragonc, 
el quale guerezava con li Fiorentini. Ft 
meser Tadio suo figliuolo tolse la tenuta 
d' Imola e del contado et f esene scgnore e 
acordossc con li Fiorentini et andoe al loro 
soldo con mille cavagli, et gli Fiorentini 
mandarono uno comesario in Ymola. Ft 
Fstore di Manfridi suo barbano tolse la te- 
nuta de Faenza e del contado. 

1448. — L'armada di Veneciani, la 
quale era in Po, nel contado de Cre?nona, a 
Chaxale Mazore, fuo rotta da l'armada di 
Milanixi e dal conte Francescho da Chudi- 
gnola adì xv de luglio. 

1448. — Alquanti fuor ausiti de Bolo- 



C.32? b 
COI. 2 



[A. 1448] 



BONONIENSIUM 



157 



Cronaca A 

no sempre nui propizii e liberali a tucte 
le cose a lloro grate, cussi el dicto nostro 
fratello haverano prontissimo et affeciona- 
j^atissimo ' a tucte le cose concernente honore 
pace, salute, comò vostro. 

Data in Roma a presso Sam Piero, 
sotto l'anelo del pescatore, adì dui de ze- 
naro 1448, Tanno primo del pontificado 
nostro. 

Piero de Noxeto. 

Adì sei de zenaro misser Philippo da 
Sarzana, fratello de papa Nicola, fu electo 
vescovo de Bologna, et misser Estore de 
Spada in Faza tolse la tenuta per lui. 

Adì xx de mazo venne una tempe- 
sta circha a cinque miglia intorno a la ter- 
ra verso Sam Felixe e la Mascharella, et 
non z'era homo che se recordasse el simile ; 
et fé grandissimo danno a le infrascripte 
ville zoè: 

Le Tavernelle ', 

Chalderara 2 , 

Ravone 8 , 

la Rovere * 

el Borgo da Panigale 5 , 

Panigale vechio, 

Polexem 6 . 

Salesedo 7 , 

Lovoledo 8 , 

Quarto de sotta 9 , 

Fiesso ,0 , 

Belieme ", 

Prunaro '\ 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

gna e del contado, con fanti del se gnor e ' e. 228 a - coi. 1 

de Charpi, entrarono nel caslelo de Piumazo 

adi xxvii de luglio, a hore iiii de notte; et 

■per questo monsignore lo governadore et i 

signiuri anciani glie mandarono el campo 

el dito dì, et monsignore andoe a Casielo 

Francho con alquanti cytadini; et adì xxviii 

de luglio andoe in campo, et tute le castele 

sudete a Bologna glie mandaron degli 

uomeni', et adì iiii d'aghosto prexeno achor- 

do salvo l'avere e le persone, et quel zorno 

se partiron e lasono el vichario e 'l cho- 

mesaro, che aveano prixi. Et monsignore 

tolse la tenuta per gli Bolognixi et lasoglie 

el vicharo che gli era prima. 

1448. — El se gnor e de Charpi rende 
el castelo de Seravalle e de Monte Budello 
adì vi d'aghosto, et meser Estor di Spadi 
in Faza governadore in Bologna tolse la te- 
nuta, zoe uno suo Jameglio, et romaxeli per 
vichario. 

1448. — El sole aschurò adì xxviiii del 
mese d'aghosto a hore xvi et stette aschu- 
rado per spacio de Hi quarti d'ora. 

Come el re de Ragona se n'andò in Pu- 
glia. 

1448. — El re de Ragona, se gnor e de 
la Puglia e de Napoli, el quale era a cam- 
po a Piombino et guerezava con gli Fio- 
rentini, se partì del mese de setembre et an- 



29-30. Come.... Puglia] parole scritte in calce 
alla colonna, non essendoci spatio in testa al paragrafo 



1 Tavernelle dell'Emilia, frazione poco distante da 
San Giovanni in Persiceto, circondario e provincia 

5 dell'Emilia. Tutte queste località qui indicate sono 
nella provincia bolognese e quasi tutte del circondario 
di Bologna. 

2 Calderara di Reno, comune del circondario di 
Bologna. 

io 3 Ravone, frazione del comune di Bologna, a due 

chilometri dalla città. 

4 Le Roveri. Vedi nota 4 a p. 7. 

5 Borgo Panigale. Vedi nota 5 a p. 13. Panigale 
vecchio è vicino al Borgo, ora non più indicato nelle 

15 carte topografiche. 



6 Policino, località non distante da Bologna. 

7 Saliceto, frazione del comune di Bologna. 

8 Lovoleto, vicino a Monteveglio nel Bolognese. 

9 Quarto di sotto, per distinguerlo da Quarto di 
sopra frazione del comune di Granarolo dell'Emilia, 
prov. e circ. di Bologna. 

10 Fiesso, frazione del comune di Castenaso, cir- 
condario e provincia di Bologna. 

11 Località non distante da Bologna, ora non ben 
identificabile. 

12 Prunaro, frazione del comune di Budrio, prov. 
di Bologna. 



20 



25 



158 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1448] 



Cronaca A 

Pescharola \ 

el Trebo de Sam Zohanne 2 , 

Cortexella 8 , 

Cadriam 4 , 

Viadagola s , 

Marane 6 

Castenaxe 7 

Cento da Budrio 8 

Medexina 9 . 

Et questo anno venne tanta tempesta, 
che non pioveva volta alchuna che non 
tempestasse in alchuno luogho del contado. 

Adì xx de zugno Guido Antonio di 
Manfridi, signore da Faenza e d'Imola, 
morì a Siena, che l'era gito a li bagni; et 
fu a parlamento cum lo re, che guerezava 
cum Fiorentini. Et misser Tadio suo fiolo 
tolse la tenuta d'Imola et del contado et 
acordosse cum Fiorentini a soldo: et li Fio- 
rentini mandono uno comissario a Ymola, 
et Astore suo fratello tolse la tenuta de 
Faenza. 

Adi 15 de luglio l'armada de' Vene- 
ziani, la quale era in Po, nel contado de 
Cremona, a Chasale Mazore, fu rotta da 
l'armada de' Milanisi et dal conte Fran- 
cesco da Codognola. 

Adì 27 de luglio alquanti fu ora usiti 
de Bologna et del contado, cum fanti del 
signore de Carpi, intrarono nel castello de 
Piumazo 10 a hore quattro de notte; et per 
questo monsignore lo governatore et li si- 
gnuri anziani gli mandorono el campo el 
dicto dì, et monsignore andò a Castello 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

dosene in lo Reame. Et fuo facto levare de 
campo dal dito Piombino dal signore Gis- 
mondo di Malatiesti capetanio di Fiorentini. 
JVbtta: el dito re mostro e in prima de 
fare grandissimi fatti, et fece molto pocho ; 
et gli Scnexi temano con lui. 



Come el campo di Veneciani fuo rotto c - 2 f " 

COL 2 

in Gliara d'Adda. 



1448. — El campo di Veneciani, ci qua- 
le era in Gliara d'Ada, apresso a Chara- 
vazo, fuo rotto ad) xv de setembre n dal 
campo di Milanixi, i quali erano acampadi 
al dito castclo. La chaxonc perchè fuoron 
ritti fuo che volscno dare sechorso a dito 
castclo • et fuoron prexi pili de vii millia 
cavagli, e 'l conte Francese/io da Chudignola 
era capiianio del dito campo, e 7 segnore 
Michele da Chudignola era capiianio di Ve- 
neciani. £>tiisli sono li capetanii che fuo- 
ron prexuni, zoe: 

Roberto da Monte Albotto, 

Gentile Ghatescho, 

Guido Ranghonc, 

messer Diotcsalvi, 

meser Lodovigo di Malvici, ci quale fuo 
mandato in prexonc per le mane de Fran- 
ecscho Pezenino, et luti gli altri fuoron la- 
sali. Ft preseno tuti loro chariazi et tra- 
vachc, tende, pavagliuni et arczentierc. FI 
contado de Pressa prexe acordo con ci conte 
Franccscho. 



4. di ? ] segue nel cod. Malatiesti cariceli. — 21. 
era] segue nel cod. capita cancell. 



io 



1 Pescarola, ora detto anche Pescarolo, frazione 
del comune di Bologna. 

2 II Trebbo o Trebbo, frazione del comune di Bo- 
logna, a nord-ovest. 

3 Corticclla. Vedi nota 13 a p. io. 

* Cadriano, frazione del comune di Granarolo 
dell'Emilia, < ircond. di Bologna. 

5 Viadagola, frazione del comune di Granarolo 
dell'Emilia, circond. di Bologna. 

6 Marano, località non distante da Bologna, fra- 
zione del comune di Castenaso. Da Histinguersl dai 



molti Marano che trovansi nella provincia di Bologna 
e nei luoghi finitimi. r S 

7 Castenaso, comune del circondario di Bologna. 

8 Cento di Budrio, frazione del comune di Budrio 
circondarlo di Bologna, da distinguersi da Cento allora 
del distretto bolognese e ora circondario della provincia 
di Ferrara. 

9 Medicina. Vedi nota 13 a p. 9. 

10 Piumazzo. Vedi nota 12 a p. io. 

11 II testo A porta la data del io settembre 



[A. 1448] 



BONONIENSIUM 



159 



Cronaca A 

Francho cum alquanti cittadini; et adì 28 
dicto andò in campo, et tucte le castelle' 
?o*sudete a Bologna gli mandorono degli 
omini, et adì quatro d'agosto preseno d'a- 
cordo salvo l'avere et le persone, et quello 
zorno se partino et lassono el vichario et 
el comissario che haveano prisi; et mon- 
signore tolse la tenuta per li Bolognisi et 
lasogli el vichario che gli era prima. 

Adì sei d'agosto el signore de Carpi 
rendè el castello de Seravalle l et de Monte 
budello *; et misser Hestore di Spadi in Faz- 
za, governadore in Bologna 3 , tolse la tenu- 
ta, et romasili per vichario uno suo fa- 
meglio. 

Adì 29 d'agosto el sole oscurò a hore 
16 et stecte aschurato per spacio de tri 
quarti d'ora. 

Lo re de Ragona signore della Puglia, 
lo quale era a campo a Pionbino, el qua- 
le rezeva li Fiorentini, se partì del mese 
de setembre et andossene in lo Reame; et 
fu facto livare de campo del dicto castello 
dal signore Sismondo de' Malatesti capita- 
nio de' Fiorentini. Et lo dicto re si mo- 
strava da prima de fare grandissimi facti, 
et fece molto pocho. 

Adì 15 de setenbre el campo de' Ve- 
neziani, lo quale era in Gliara d'Ada, a- 
presso Charavazo 4 , fu rotto da li Milanisi, 
li quali erano acampadi al dicto castello. 
La casone perché funo rotti fu che volseno 
dare sechorso al dicto castello, et fu preso 
più de sette millia cavagli. Et el conte 
Francesco da Codognola si era capitanio 
del campo de' Milanisi. Et el contado de 
Bressa s'acordò de subito cum lo dicto con- 
te. Et quisti sono li nomi di condutieri, 
li quali funo prisi: 

Ruberto da Monte Alboto, 

Gentile Ghatesco, 

Guido Ramgone, 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Come alquanti huomeni de Crevalchore 
diedeno el dito castelo a qui li da 
Chanedolo. 

1 448. — Lodovigo et Valdcsera de me- 
ser Lambcrtino da Chanedolo entrarono nel 
chastelo de Crevalcore con alquanti fuora 
usiti et con Valturio del se gnor e de Charpi ; 
et erano vii cento -persone da chavalo e da 
-piede, et cridavano: " Viva la Ghiexia „; et 
avena la intrata da alcuni homeni del castelo 
adì xxii de setembre. Et prexeno el vichario 
e 7 nodaro, e Ile loro robbe andono a sacoma- 
no, con alquanti citadini, zoé fuoron quisti: ' 

Zohanne Antonio di Galuzi, vichario, citsb-coi.i 

Bettno Lamandino, nodaro, 

Matio de Selvestro, lanarolo, 

Tomaxe de Zorzo, strazarolo, 

Lorenzo da Schandian, 

Piero Machiavello, nodaro, 

Zardo de maestro Antuonio di Galuzi, 

dui figlioli de Rubin zudio; 

e miseno a saco?nano el zudio che tenia 
el bancho del presto; et multi citadini se 
ne fuzino; e tolseno le biave di citadini. 
Et per questo monsignore lo governadore 
et i signiuri anciani mandarono a notificare 
al papa Nicolò quinto el chaxo advenuto. 

El papa mandoe meser Nicolò da Cre- 
mona, vescovo de Piaxenza, el quale venne 
a Bologna adì xi de ottobre, et andoe a 
Ferara a parlamento con lo ?narchcxe Leo- 
neh, et non fece alchuna cosa. E monsi- 
gnore e i signiuri asoldono el segnore 
Estorc di Man/ridi, segnore de Faenza, 
con vi cento cavagli, et andoe alozare a San 
Zohanne in Persexeda. 

Come Valdesera de meser Lambertino 
da Chanedolo fuo prexo et come fuo 
morto. 

1448. — Valdesera de meser Lamber- 



1 Serravalle. Vedi nota i a p. 136. 

2 Monte Budello. Vedi nota 2 a p. 136. 

3 Su questo governatore vedasi sopra, p. 157, 15-16. 



2-4. Come .... Chanedolo] parole scritte nel mar- 
gine destro, non essendoci spazio in testa al capitolo — 
7. Chanedolo] segue nel cod. i cancell. 



4 Caravaggio, comune del circondario di Trevlglio, 
prov. di Bergamo. 



160 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1448] 



Cronaca A 

misser Diotesalvi, 

misser Ludovigo de' Malvizi da Bolo- 
gna, lo quale fu mandato in presone per 
le mano de Francesco Pizinino ; et tucti 
gli altri furono lassati. Et preseno tucti 
li loro chariazi et travache, tende, pavi- 
gliuni et arzentiere. 

Ludovigo et Baldisera figlioli de mis- 
ser Lambertino da Canedolo introno in Cre- 
valchore cum alquanti fuora ussiti et cum 
l'alturio del signore de Carpo l , sì che funo 
circha settecento persone, gridando : u Viva 
Ma Chiexia,,. Et si gli de la intrada al- 
chuni homini del dicto castello ; et fu adì 
22 de setenbre. Et si preseno el vichario 
et el nodaro cum alquanti cittadini, li nomi 
di quali sono quisti, zoè : 

Zohanne Antonio de' Galuzzi, vichario, 

Ser Bittino de' Lamandini, nodaro del 
vichario, 
e. sia Mathio de Selvestro, lanarolo 

Thomase de Zorzo strazarolo, dicto 
Passarotto, 

Lorenzo da Schandiano cum tre figlioli, 

Piero Machiavello, 

dui figlioli de Robino zodio, 
et si misseno a sacomanno el zudio che pre- 
stava; et sei cittadini se ne fugino. Ancho- 
ra tolseno assai biave de' cittadini ch'erano 
in lo dicto castello. Et per questo monsi- 
gnore et li signuri anziani mandono una lit- 
tera al papa Nichola notificandoli el chaso. 

Et el papa mandò misser Nicolò da 
Cremona vescovo de Piasenza *. Et arivò 
a Bologna adì xi d'otobre et andò a Fe- 
rara a parlamento cum lo marchexe Lio- 
nello, et non fé niente. Et per questo mon- 
signore et li signuri anziani asoldono el 
signore Astore de' Manfridi signore de 
Faenza cum sie cento cavagli; et si andò 
a stare a Sam Zohanne in Perzesedo. 

Adi 3 d'otobre Baldisera de misser 
Lambertino da Canedolo fu preso dal si- 

5. segno d' attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

tino da Chanedolo fuo prexo adì iti de 
ottobre dagli soldati del segnore Estore di 
Manfridi soldato di Bolognixi, e mcnolo a 
San Zohanne in Perscxeda ; et prexeno al- 
quanta vituaria che menavano a Crevalchore 
et lx cavagli. E -per questo meser Santo 
di Bentivogli et meser Galiazo Marschoto, 
con Virgilio di Malvici et alquanti loro ami- 
ci, chavalcono adì xxii de dexembre a San 
Zohanne in Persexeda et entrono nel ' casteló 
per la rocha et andono alla caxa dove era 
el dito Valdcsera, ci quale tolseno -per forza 
et fuo menato in rocha, et adì xxiii de 
dexembre el mcnono a Bologna in chaxa de 
meser Santo di Bentivogli, et adì xxiiii de 
dexenbrc fuo menato dal lado del -podestà, 
el quale li fece tagliare el capo, el dito dì, a 
horc xxiii l / ìf nel luoco dove lui avea morto 
Anibalc di Bentivogli, zoè dal trebo di Stur- 
ati, drito ci guasto di Ghixilieri ; et taglia- 
toli la testa, fuo impichato per li piedi in 
mezo la strada et stctili dui zumi, el quale 
zomo fuo in martedì la villa de JVadale. 

1448. — I citadini de Lodi s 'acordarono 
con Milanixi % adì xviii de ottobre ; el quale 
acordo fico sforzevele, però che non aveano 
che vivere, et aveno buoni patti con Milanixi, 

De uno acordo fatto tra Veneciani e 
'l conte Francescho da Chudignola. 

1448. — El conte Francescho da Chudi- 
gnola, ci quale era a campo a Brcssa, s'acor- 
doc con la signoria di Vcnexia, del me- 
xe de ottobre, et rende a' Veneciani tute le 
chaslellc ch'cl gli avea tolte, et andoe in 
Milanexc e roppe la guerra con Milanixi. 
Et discssc che li Veneciani gli davano xiiii 
millia duchati el mexe in fino che lui era 
facto segnore de Milano. Et per questo 
modo i Veneciani reaveno le loro castelle et 
mandono via li loro nemici, et diedeno al 



c.'28b 

COl. 2 



31-33. De. . . . Chudignola] parole scritte ai piedi 
della colonna, non essendovi spatio in testa al capitoletto 



1 Alberto Pio. 

2 Niccolò da Cremona, che fu per alcun tempo 



governatore di Bologna è stato ricordato a p. 144, 37 sg. 
3 La cronaca A ha il 17 di ottobre. 



[A. 1448] 



BONONIENSIUM 



161 



Cronaca A 

gnore Hestore, signore de Faenza, soldato 
de' Bolognisi, et menolo a Sani Zohanne 
in Perzesedo. Et si fu preso vittuaria che 
menavano a Crevalchore et sesanta cavagli. 
Et per questo misser Galeazo Mareschotto 
andò a Sam Zohanne in Perzesedo per fare 
che '1 signore Astore li desse el dicto Bal- 
disera; et non ne volse fare niente. Poi 
del mese de desenbre, nel dicto anno, el 
signore Astore ritornò a Faenza cum le soe 
brigate et lassò Baldisera predicto a Sam 
Zohanne i in guardia d'uno contestabile cum 
circha 25 fanti. Et misser Santo di Benti- 
vogli cum li infrascripti, zoè: 

Misser Galiazo de' Mareschotti, 
Virgilio de' Malvizi, cum alquanti soi 
amisi, andono a Sam Zohanne in Perzesedo 
adì 22 de desenbre, et introno per la ro- 
cha la sira dalle tre hore, et andono alla 
chasa dove era el dicto Baldisera; et quan- 
do Baldisera sentì el romore in chasa, se 
buttò fuora d'una fenestra cum li fieri a 
li piedi et si se mosse uno pè, sì che fu 
preso et si lo menono a Bologna adì 23 
del dicto, et si lo menono in chasa de mis- 
ser Santo di Bentivogli; et adì 24 del dicto 
lo menono in palazo del podestà et lo po- 
destà li fé tagliare la testa, tra hore 23 e 
Ile 24, in quello luogho dove lui havea 
morto Aniballe di Bentivogli, zoè dal treb- 
bo de' Strulichi *, drieto el guasto di Ghixi- 
lieri ; et taiatoli la testa, fu impichato per 
li piedi in mezo della strada, et stetili dui 
zorni; et fu in martedì la vigilia de Nadale.' 
e 3ib Adì 17 d'otobre li cittadini de Lodi 
s'acordorono cum Milanisi; el quale acordo 
fu sforzevole, però che non aveano che vi- 
vere; et haveno boni pacti cum Milanisi. 
Del mese d'otobre lo conte Francesco 
da Codognola, lo quale era a campo a 
Bressa, s'acordò cum la signoria de Vinexia 
et rendè a' Veneziani tucte le castelle che 
gli avea tolto, et andò in Milanese et roppe 



5. menavano] nel cod.: nenavano — 17. segno 
d'attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



Cronaca B 

conte Francescho alquante delle loro briga- 
de da chavalo e da -piede, i quali andono 
in parmexana. 1 



30 



35 



40 



1 San Giovanni in Persiceto, ora Persiceto. Vedi 
nota 8 a p. 9. 



Il Trebbo degli Sturlitti. 



T. XVIII, p. 1, v. iv — n. 



162 



CORPUS CHRONICORUM 



[AA. 1448-1449] 



e. 32 a 



Cronaca A 

la guerra cuna Milanisi. Et disesse che li 
Veneziani li davano quatordese milia du- 
ellati el mese infino che lui era facto signore 
de Millano. Et per questo modo li Vene- 
ziani reaveno le loro castelle et mandono 
via li loro nemisi, et deno al conte Fran- 
cesco alquanto de le loro brigate da cavallo 
et da pè, li quali andono in Parmesana. 

Del mese de desenbre misser Philippo 
da Sarzana, vescovo de Bologna f , fu facto 
cardinale; et venne le novelle adì 25 dicto. 

Adi dicto misser Hestore de Spada 
in Fazza vescovo de Benivento, governa- 
dore in Bologna per papa Nicola quinto, 
fu facto cardinale nelle quatro tenpore % et 
per questo se fé grande allegreza in Bo- 
logna de procesione et de sonare canpane. 
Et adì 4 de zenaro 1449 fu aducto el ca- 
pello a la chiexia de' Croxadi 3 per misser 
Galotto suo fratello, dotore de leze; et 
adì 6 de zenaro, la matina, li signuri an- 
ziani et li confalonieri cum li confaluni an- 
dono a madona Santa Maria di Servi, e qui 
venne lo dicto misser Galotto cum lo ca- 
pello, aconpagnato da multi cittadini a ca- 
vallo ; possa smontò a pè et andorono al pa- 
lazo, et nell'entrare della piazza monsignore 
venne fuora de palazo et sedete nel tribunale 
dove s'erano dati li confaluni, et qui el 
dicto misser Galoto apresentò le bolle et 
el capello, e lette le bolle, lo dicto misser 
Galotto gli mise el capello in capo. Facto 
questo, monsignore de el capello in mano 
a misser Santo di Bentivogli et fece uno 
sermone, possa andarono in palazo, por- 
tando misser Santo el dicto capello ; et 
cliiamosse monsignore de Benivento ; et a- 
dì 7 de zenaro fece cantare una messa so- 
lenne in Santo Pietro, et el dreto desenare 
andò per la città a cavallo cum li citta- 
dini/ 

Anno Christi Mcccc49 de zenaro el 
signore de Carpi abandonò el castello de 
Crevalchore et andò cum soe brigate nel 
contado de Rezo;etgli omini del castello 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 



1449*. — Mcscr Esiore di Sfadi in JFaza c fw 
arcivescovo de Benivento et govcrnadorc in 
Bologna fcr lo fa-pa Nicolò quinto, fuo 
facto chardcnale del mese de dexembre, ne 



1 Intorno alla sua nomina a vescovo di Bologna 
vedi sopra a pp. 154-157. Per il cardinalato cf. ElJBEL, 
II, 108. 

* Cf. Eubel, II, 104. K Astorgio Agnesl già ve- 



scovo di Ancona. 

3 I Crociali. Vedi nota 4 a p. 7. 

4 La notizia è data dalla cronaca A sotto l'anno 
1448. 



[A. 1449] 



BONONIENSIUM 



163 



Cronaca A 

tolseno la rocha al castelano et mandorono 
a Roma al papa Nicola. Et adì 14 de 
febraro alchuni homini del dicto castello ve- 
neno a Bologna a parlare cum li regimenti 
domandando multi pacti, et infino deno el 
castello libero a Bologna. 

Monsignore de Spada in Fazza fece 
certi honori a li regimenti di Bologna et 
ancho fé zostrare uno palio de cremixino ; et 
havé lo honore Galeoto da Faenza, soldato 
del signore Astore de' Manfridi. 

Adì 27 de febraro l se levò uno romore 
in la città de Parma, che l'era uno conte 
Antonio dal Vermo et uno Fredo de Val de 
Sanbro da Bologna et Ludovigo de' Berni 
da Bologna, li quali erano soldati de' Par- 
mesani cum quatrocento fanti. Menavano 
uno tractado cum lo signore Alixandro da 
Codognola de darli Parma ; et essendo ve- 
nuto a la porta lo dicto misser Alixandro, 
li sopradicti li deno la porta; et havea cum 
lui quatro millia persone tra a pè et da 
cavallo, et funo a le mano cum el puovolo ; 
infine el puovolo fu rotto. Ma quilli ch'e- 
rano su la torre mandono zoxo la saraxi- 
nescha, credendo alturiare quilli de fuora, 
et fu el contrario, et lo signore Alixandro 
convenne tornare indreto; et fu preso lo 
conte Antonio et apichato alle fenestre del 
podestà cum cinque conpagni, et l'altre 
squadre fuzino per sotta la saraxinescha ; 
et Fredo havé sedese squassi de corda et 
a la fine fu taiato a pezzi et strasinado. 
Et lo conte Francesco era a campo a Mi- 
lano a cinque miglia in uno luogho dicto 
la badia da Chiaravalle, et mandò a dire 
a li Parmesani che lui voleva Parma, se 
non che li faria cosa che li despiaseria. 
Infino li Parmesani li mandono una ambas- 
saria et rimaseno d'acordo. 

Monsignore de Benivento andò in re- 
gimento et disigli corno elio voleva la ter- 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

le quatro tempore. Et venne le novelle a 
Bologna adì xxv de dexembre, et per que- 
sto se fece festa de champane e de proze- 
sione. Et adì iiii de zenaro del 14.49 f uo 
adulo el capello a la ghìcxia di Croxadi, fer 
meser Galeotto dotore de leze, suo fratello ; 
et adì vi de zenaro, la matina, i signiuri 
anciani et i confaloneri con li conf aloni an- 
darono a madona sancta Maria di Servi, et 
quive venne el dito meser Galeotto con lo 
capello, acomf agnato da multi citadini a ca- 
valo ; -possa smuntono a piede et andar on 
a palazo, e ne l'intrare de la piaza, mon- 
signore venne fuora de palazo et sedette 
nel tribunale, dove s'erano dati gli confa- 
loni; et quive el dito meser Galeotto pre- 
sentò le bolle e 7 capelo; e liete le bolle, 
et dito meser Galeotto glie misse el capelo 
in capo. Fato questo, monsignore diede el 
capelo in mane a meser Santo di Bentivo- 
gli et fece uno sertnone, possa andaron in 
palazo, portando meser Santo el dito capelo. 
Et chiamosse monsignore de Benivento. Et 
adì vii de zenaro fece chantare una solen- 
ne messa in Santo Pietro, e 7 drie dexenare 
andò e a cavalo con li citadini per la cilade. 

1449. — Meser Philipo da Serzana, 
vescovo de Bologna fuo facto char denaie del 
mexe de dexembre et venne le novelle a 
Bologna adì xxv dito 2 . 

Come el signore de Charpi abandonò c. 229 a - coi. ? 
Cre[val]chore. 

1449. — El se gnor e de Charpi aban- 
donò el castelo de Crevalchore, del mexe de 
zenaro, zoe la prima stemana, et andoe con 
sue brigade nel contado de Rezo. Et gli 
uomeni del chastelo tolseno la rocha al ca- 
stelano et mandarono a Roma al papa Ni- 
colò. Et adì xiiii de febraro alcuni huo- 



34-35. Come .... Crevalchore] parole scritte nel 
margine deitro, non essendoci sposto in testa al pa- 
ragrafo 



1 II testo B ha il 17 di febbraio. 

2 La notizia riguardante il cardinalato del fratello 



del papa è data nella cronaca A più su a p. 162, I2-W. 



164 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1449] 



Cronaca A 

ra libera per la Chiexia; de che fu facto 
el conseglio et finalmente fu deliberato de 
non darli la terra; et se fondavano in li 
capitoli de papa Nicola. 
e. 32 b Adì 28 de febraro Parmesani s'acor- 

dono et deno la terra al conte Francesco 
da Codognola, et erali per podestà misser 
Zohanne degli Anzelim da Bologna. 

Adì 28 d'aprile misser Astore de Spa- 
da in Faza, legato de Bologna, se partì et 
andò a Fiorenza et stetili alquanti zorni, 
possa andò al papa ch'era a Spolite ' et non 
tornò più a Bologna. Che Dio el meriti 
secondo che lui fece ; et lassò in suo luo- 
gho el maestro di Croxadi. 

Adì 19 de luglio Estore de' Manfridi, 
signore de Faenza, venne nel conta de Bo- 
logna cum gente d'arme da cavallo et da 
pie, et steteno alquanti zorni al Medesano 8 , 
possa andorono a lozare a Panzano 3 sotto 
Castello Francho, et asoldosse cum Bolo- 
gnisi, et adì primo de setenbre cominzò 
la soa ferma. 

Adì 12 d'agosto se partì el priore di 
Croxadi ch'era luoghotenente *. 

Adì 20 d'agosto Zohanne d'Agostim, 
purgadore, dicto el Moscha, era capitanio 
a Strà Maore, et fu preso cum li infra- 
scripti zoè: 

Domenegho, suo fratello, 

Christovalo dal Chavaletto, orevexe, 

Antonio de Redolfo, messo, 

Philippo di Nani de Binim da Fiorenza. 

Et questo fu perché menavano uno tra- 
tato cum Zohanne Fantuzo et cum li fioli de 
misser Romio de' Pepuli de darli la dieta 
porta. El quale Zohanne et misser Romio 
haveano fugito la morìa a Castello Sam Pie- 
ro, et lì se menava el tratato. Et disse la 
condenasone che '1 dicto Zohanne et mis- 
ser Romio doveano venire cum gente d'ar- 
me da cavallo et da pie, li quali non funo 



I4-16. segno d' attenzione nel margine sinistro — 
36-39. de misser.... moria] parole sottolineate nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

meni del dito castelo veneron a Bologna a 
-parlare agli regimenti, domandando molti 
fatti. In fine diedeno el castelo]. libero a 
Bologna. 

1449. — Monsignore lo governadore e 
legato in Bologna fece alquanti dexenari 
adì xviùi , adì xx et adì xxi et ady xxii 
de zenaro a tuti gli regimenti de Bologna, 
7nerchadanti et artexani. Et adì xxvi de 
zenaro feze zostrarc uno -palio de charme- 
xino; e ave l'onore e 7 priexio uno homo 
d'arme nome Gabelotto degli soldati del se- 
gnor e Estore di Manfridi segnore de 
Faenza. 

Ne la cita de Parma fuo grandissimo 
remore e pericolo, [et al] quanti 
homeni fuoron morti. 

1449. — In la cita de Parma fuo 
grandissimo remore et tradimento adì xvii 
de febraro. El quale tratato menavano gli in- 
frascati, zoe: 

El conte Antonio dal Vermo, 

uno suo fratello, 

Eredo de Val de Sambro, de conta de 
Bologna, 

Lodovigo di Bierni da Bologna, 

meser Marchione da Rimene, 

i quali erano soldati di Parmexani con 
ecce fanti. Menavano uno tratato con meser 
Alcxandro da Chudignola de darli Parma. 
Et venuto a la porta meser Alis andrò con 
iiii millia persone da chavalo e da piede, 
Lodovicho di Bierni sopradito, con li fanti 
suoi e 7 f fatelo del conte Antonio ' et meser coli 
Marchione da Pimene homo d'arme glie 
denno una porta et fono alle mane con lo 
popolo ; alla fine ci popolo fuo rotto. Ma 
quilli ch'erano suxo la torre mandarono zoxo 
la saraxinescha, credendo de alturiare quilli 






C.23Q b 



19-21. Ne.... morti] parole scritte nel margine 
destro non essendovi spatio in testa al capitolo ; alcune 
lettere furono tagliate via dal rilegatore 



1 Spoleto. 
* Mede-sano. 



Vedi nota 5 p. 7. 



3 Panzano. Vedi nota 1 p. 114. 
« Vedi il testo flap. 166, 20-22 



[A. 1449J 



BONONIENSIUM 



165 



Cronaca A 

nominati; et doveano desmetere el stato di 
Bentivogli, che rezeva. Et adì 25 d'ago- 
sto havé taiato la testa in piaza quisti, zoè : 

Zohanne, dicto el Moscha, 

Christofalo dal Chavaletto, 

Antonio de Redolfo, messo, 
et haveano al collo chiave contrafacte et 
ferri cum brache. 

Et adì 30 d'agosto havé tagliato la 
testa per lo dicto tractato quisti, zoè : 

Domenego d'Agostino 

Philippo de Nanim de Benim. 
Et le chase del dicto Moscha et Domenego 
suo fratello et Philipo de Nanim de Benim 
funo asachomanate, che non gli romase 
nulla. 

Et nota che in lo dicto tratato gli era 
e. j.?<zmolte persone' non menzonati, et alchuni 
funo prisi et possa lassati; et ancho se ne 
andò certi amixi de misser Romio de' Pe- 
puli et de Zohanne Fantuzo, li quali erano 
a Chastello Sam Piero et haveano la rocha, 
et gridavano per lo castello: "Viva la 
" Chiexia „, et andavano armati cum li loro 
amixi ; et misser Romio tenia la rocha, et 
quisti erano li castelani, zoè: 

Piero de Zohanne Chazetto, 

Zohanne dal Verde. 

Adì 30 d'agosto IacomoetOpizo fratelli 
et fìoli de misser Guido di Pepuli, li quali 
haveano fugito la morìa a Castello de Cre- 
valchore, tolseno la tenuta cum l'alturio de 
Iacomazo da Castello Bolognese contestabile 
de fanti, lo quale stava per li Bolognisi; 
et li vilani teneno de mano a questo tratato 
et gridavano : " Viva la Chiexia „ ; et fu 
messo a sacomanno la chasa de Iacomazo; 
et adì dui de setenbre gli omini mandono 
per lo vichario a Bologna, scusandose de 
questo facto. 

Adì x de setenbre certi fuora usiti 
de Bologna et de Piumazo et de Castello 
Francho introno in Piumazo, et gli omini 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

di fuori', ma fuo per lo contrario, che meser 
Alisandro convenne tornare indrieto et multi 
de loro fuoron prexi, et fuo prexo el conte 
Antonio dal Vermo et Fredo con alquanti 
altri, di quali fuo im-pichato el conte Antonio 
con v conpagni a le fenestre delpalazo del 
podestà. Et Lodovico di Bierni e 'Ifradelo 
del conte Antonio et meser Marchione da 
Rimene se ne fugino per sotto la saraxi- 
nescha de la porta. JEt Fredo ave xvi tratti 
de chorda molti veteperuxi et ropesse la 
corda, cadde in terra rompendosse tuto, da 
poi fuo impichato e strasinato. 

In quisti zumi el conte Francescho da 
Chudignola, el quale era a campo a Milane 
presso v miglia, in luogo dito la Badia de 
Chiaravalle, mandoe a Parmexani, notifican- 
doli che, remosso ogni casone, volea quella 
citade, et in caxo che non gliela voleseno 
dare, glie vegneria in persona a campo et 
fareveli malcontenti) et per questo i Par- 
mexani li mandarono ambasatori, remanendo 
d'achordo con lui. 

1449. — Monsignore de Benivento, 
chardenale et legato in Bologna, mandoe 
per alquanti citadini de Bologna, de li ma- 
giori del stato, et dise a loro che delibè- 
raseno de dare Bologna libera alla Ghiexia. 
I quali citadini tolseno termene a respondere, 
et adì primo de febraro fezeno conseglio 
et concluxeno che al tuto non voleano dare la 
citade alla ' Ghiexia, et diseno a monsignore e. 229 b - coi. ^ 
che voleano oservare i capituli fatti infra el 
papa Nicolò quinto e 7 comune [de Bologna l . 

1449. — / citadini de Parma s'achor- 
dono con el conte Francescho da Chudignola 
e si li deno liberamente la citade, et adì 
xxvi i de febraro ave la tegniuta libera de 
la dita citade; et meser Zohanne degli An- 
gelini citadino de Bologna era in quel tempo 
podestade de Parma. 



9. meser] segue nel cod. a cancell. 



ra. 



1 In questa cronaca la narrazione è assai più chia- 
Si menzionano i capitoli che furono riportati più 



su in ambedue le cronache. Vedi pp. 145-152. 
2 II testo A ha la data del 38 febbraio. 



166 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1449] 



e- 33° 



Cronaca A 

del castello cum alquanti fanti de Bologna 
et cittadini, la matina per tempo gli cha- 
zono fuora del castello et uciseno dui no- 
mini de loro et preseno Zohanne et Ali- 
xandro suo fiolo dal Borgo Sam Donino de 
Lombardia habitaduri a Spilinberti, li qua- 
li funo impichati in su la piazza de Bolo- 
gna adì dicto de setenbre. 

El conte Francesco da Codognola havé 
el castello de Pizigitoni et el castello de 
Fiorenzola in Parmexana; et havé Lodi et 
deglila misser Charlo da Gonzagha capitanio 
de' Milanisi. Lo quale misser Charlo andò 
a soldo del dicto conte; et li Milanixi con- 
veneno fare uno altro capitanio da poi 
ch'erano stati inganati dal suo capitanio. 
Adì 30 de setenbre li Veneziani ha- 
veno Crema; et venne novelle che Milanixi 
haveano facto paxe cum Veneziani et che 
'1 conte Francesco non volea stare contento 
et seguitò guerra cum li Milanixi : et li Ve- 
neziani prometevano alli Milanixi darli 
aiuto et vittoria.' 

Adì x d'otobre li Bolognisi mandono 
el signore Astore suo capitanio a Medexina 
et havela, et era comissario Zohanne Mal- 
vezo, et desfeno el palanchato et miseno a 
sacho cinque chaxe de li infrascripti, zoè: 
Lolo dal Boscho, 
Manzagallo, 

Zohanne de Maxe de' Vighi, li quali 
funo principio a revelare. 

Francesco Pizinino capitanio de' Mila- 
nixi mori a Milano del mese setenbre; et 
venne le novelle a Bologna adì 12 d'oto- 
bre; et questa novella piaque molto a* Bo- 
lognisi perché era suo grande nemico. 

Adì 29 d'otobre l li Bolognisi andono 
a campo a Castello Sam Piero, et menonli 
la bombarda grossa et butono zoxo el muro 



36-29. "^W d'attenzione nel margine sinistro — 
27-28. et era.... desfeno] parole sottolineate nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

1449. — Mescr Estor di Spadi in Faza, 
chardenale et legato in Bologna -per lo 
papa Nicolò quinto, se farti da Bologna 
adì xxviii d'aprile et andoe a Fiorenza e 
stetevi alquanti zumi; possa andoe al papa 
ch'era a Spoliti et non tornoe più a Bolo- 
gna. Dio el mietiti scchundo che lui feze ; 
et lasoe in suo luocho el mestro di Croxadi. 

1449. — Estor e di Man/ridi, se gnor e 
de Faenza, venne nel contado de Bologna 
adì xviiii de luglio con zente d'arme da 
diavolo e da piede ; et steteno alquanti zumi 
al Mcdcxane, possa andarono alozare a Pon- 
zano, sotto Castclo Francho et asoldosse con 
Bolognixi, et adì primo de setembre comezò 
la ferma soa. 

1449. — El mestro di Croxadi, ch'era 
romaso in palazo per governadore, se partì 
da Bologna adì xii d'aghosto*. 

De uno tratato che facea alchuni ho- 
meni de Bologna. 

1449. — Giovanni de Aghustim, purga- 
dorè, altramente dito ci Moscha, ci quale 
era chapctanio a la porta de Stra Maore, 
fico prexo adì xx x d'aghosto con gli in- c ^J ^ 
frascriti, zoè: 

Domenègo de Aghusti', so fradelo, 
Cristovalo dal Cavaletto, horevexe, 
Antonio de Redolfo, messo, 
Fclipo Denani de Renim da Fiorenza. 
Et questo fuo per uno tramalo che igli 
menavano con Giovanni di Fantuci et figliuoli 
de darli la dita porta. El quale Giovanni 
e mescr Bornio de Pepuli avea fugito la 
morìa a Castclo San Piero e lì se menava 
ci troiaio. La condanaxone disse che f l dito 



24-25. De .... Bologna] parole scritte ai piedi 
della colonna, non essendovi spatio in testa al capitolo 
— 27. segno d'attentione nel lato sinistro — 37-41 • una 
mano posteriore fece parecchi* aggiunte per indicar* che 
con Giovanni Fantuuti c'era Romeo Pepoli 



1 II testo B ha il 27 d'ottobre. testo A. 

* Qui ci sono particolari più ampli che non nel 



[A. 1449] 



BONONIENSIUM 



167 



Cronaca A 

de notte, et certi homini veneno a misser 
Achille de' Malvizi, ch'era comissario, mo- 
strando d'acordarse; intanto venne el vizio 
re de Ragona ch'era in Romagna, et mo- 
strò so possere a' Bolognisi. Et sentendo li 
Bolognisi che li capitava lo signore de 
Mantoa, subito levono el campo et redus- 
seno ogni cosa a Bologna. 

Adì 7 de novembre misser Iacomo da 
Cortona, vescovo de Perosa l t venne a Bolo- 
gna per ambassadore de papa Nicolò quinto 
et andò a lozare in vescoado; et adì 13 
de novembre li signuri anziani gli mando- 
no uno presente de fene, biava, confetione, 
zira, perdixe, capuni, faxani et malvaxia. 

Et adì 16 de dexenbre venne unofameio 
del papa cum lettere, notificandoli che non 
se partisse da Bologna; et adì 21 de desen- 
bre intrò in palazo per governadore per 
lo papa, et fugli facto grandisimo honore, 
et andogli incontra la cherexia cum tucti 
li regimenti et tucte le conpagnie delle arte, 
tucti a piedi, infìno a li Servi, che mon- 
signore era gito in quello luogo; et così se 
ne veneno tucti a piedi infino in palazo, 
cum gran festa et tronfo et sono de can- 
pane. 

Adì 25 de novembre el signore Lu- 
dovigo da Gonzagha, signore de Mantoa, 
venne cum tre millia persone in sul con- 
tado de Bologna, et capitono a Minerbio 
et a Budrio ; et andavano inseme cum quilli 
del vizio re, el andavano robando per lo con- 
tado, intanto che se partino et andono via. 
e. 34« Li soldati de' Bolognixi et el signore 
Astore et Gariotto et Greguoro de' Aniari 
andono, de note, a Budrio et sul el fare del 
dì, asaltono el campo de' nemixi et fune 
rotto una parte, et feno uno bello facto 
d'arme. 

Et nota che li fanti de Bologna gua- 
dagnono belissimamente, et quilli da caval- 
lo funo infugati infìno a Chastenaxe 2 , et fu 
maraveglia che non funo prisi tucti però 



10 



15 



20 



25 



30 



3-3. a misser.... Malvizi] parole sottolineate nel 
cod. — 3. segno d'attenzione nel margine sinistro 



35 



40 



45 



Cronaca B 

Giovanni e miser Romio dovea venire con 
zente d'arme da chavalo e da -piede, i quali 
non fono nomenati, et doveano desmeterc el 
stado che regiva, zioe. Bentivogli. Et adì 
xxv d'aghosto ave tagliato la testa in pia- 
za gli infrascriti, zoe: 

Giovanni dito el Moscha, 

Cristovalo dal Cavaleto, 

Antonio de Bedolfo, messo-, et aveano 
al colo chiave conlrafate e fieri com bran- 
che. Et adì xxx d'aghosto ave tagliato la 
testa -per lo dito tratato, zoé Domenego de 
Aghustim et Filipo de Nani de Benim; e 
le caxe del dito Moscha et Domenego suo 
fratelo et Felipo de Nani de Benim fuoron 
asacomanate, che non glie romaxe nulla. 

Nel quale tratato erano asaissimi cita- 
dini i quali non fuoron nomenati, et alcu- 
ni ne fuoron prexi et possa lasati, et asai 
degli suoi a?nici se n'andarono da lui a Ca- 
stelo San Piero. E meser Bornio di Pe- 
poli e fratelli con Giovanni di Eantuci et gli 
amici suoi cridarono nel dito Castclo tf Viva 
" la Ghiexia „ et andavano armati con loro 
amici; et meser Bornio tenea la rocha et 
quisti erano chastelani, zoè: 

Piero de Zohane Chazetto, 

Zhanne dal Verde. 

1449. — Iacomo et Opezo fratelli e e. 230 a -coi. 3 
figlioli de meser Guido di Pepoli, i quali 
aveano fu gito la murìa a Crevalcore, tolseno 
el dito castelo adì xxx d'aghosto con Val- 
turio de Iacomazo da Castelo Bolognexe, 
contestabele de fanti, el quale era stalo man- 
dato per gli regimenti de Bologna a la 
guardia del dito Castelo, e la mazore parte 
di vilani fuoron a questa novitade. Al quale 
Iacomazo fuo metuda la chaxa a sacomano 
in Bologna perch'era stato traditore agli 
regimenti de Bologna. Et adì ii de se- 
tembre gli uomeni del dito castelo, vedendose 
avere malfato, mandarono a Bologna per 
lo vichario, che dovesse andare a l'oficio suo, 



45. lo] segue nel cod. u cancell. 



1 Cf. Eubel, II, 214. 



2 Castenaso, comune del clrcond. di Bologna, a est. 



168 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1449] 



Cronaca A 

che li nemici haveano notizia de l'andata 
loro et erano tucti in bataglia et haveano 
posti alquanti aguaiti; ma quilli da cavallo 
non guadagnono alchuna cosa, niuna delle 
parte, et tornono a salvamento. 

Adi 12 de desenbre li Bolognisi man- 
dono una ambassaria a Roma, li quali sono 
quisti, zoè : 

Misser Galeazo Mareschotto, 

ser Dionixìo de Castello. 

Et adì 13 de desenbre andò uno bando 
che zaschuna persona potesse andare securo, 
per quatro zorni, per lo conta de Bologna 
possa fu prolongata per dui zorni. 

Et adì 16 de dexenbre venne in Bolo- 
gna el conte Charlo da Campobasso, ch'era 
vize re de Ragona, et fu a parlamento cum 
li regimenti più et più volte; infino se acor- 
dono et li nemici retornarono indreto per 
la via dove erano venuti. Et adì quatro de 
zenaro 1450 li ambasaduri de Bologna tor- 
norono da Roma. 



5. cosa] segue et cariceli, nel cod. — io. nel mar- 
gine sinistro, di mano tarda : Marescotti 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B' 

et quelo che avcano fato era stato per sua 
gardia che temeano del castelano. I quali 
cridono: " Viva la Ghiexia e 'l puovelo „. 

1449. — Alquanti fuor a usiti de Bolo- 
gna e de Piumazo et de Castelo Francho 
entrarono nel castelo de Piumazo adi vi de 
setembre 1 , la matina -per tempo; et gli uo- 
meni del castelo con alquanti fanti de Bo- 
logna et citadini gli chazarono fuora del 
castelo e ucixcno dui huomeni de loro et 
prexeno Giovanni de Bernardo et Alisandro 
suo figliuolo dal Borgo San Donino de Lom- 
bardia, abitdduri a Spilimberti i , i quali fono 
imfichati in su la piaza de Bologna adi 
x del mese de setembre. 

1449. — - FI conte Francescho da Chu- 
dygnola ave adi xxviii d'aghosto ci castelo 
de Picigatum 3 ch'è in Crcmonexe, in su la 
riva d'Adda et chostoli vi millia duchati. 
attcsto e uno forte castelo ; et ave el castelo 
de Fiorenzola, ch'è in Piaxentina, adi viii 
de sctcnbre;' et ave la cita de Lodi, del dito c f j°? 
mexc, da mcscr Charlo da Ghonzagha ca- 
petanio di Milanixi, el quale meser Charlo 
andoe a soldo del dito conte; e gli Milanixi 
conveneno fare un altro capetanio, da poi 
ch'erano stati inganaii dal capctanio loro. 

Come Veneciani aveno Crema. 

1449. — / Veneciani aveno el castelo 
de Crema, ch'è in Gliara d'Ada, el quale è 
fortissimo castelo; et adi xxx de setembre 
venne litcrrc a Bologna come gli Veneciani 
aveano fata la pace con Milanixi. FI conte 
Francescho non volse consentire a questa 
pace anci guerezava con Milanixi; et gli 
Veneciani promiseno a' Milanixi de darli 
sccorso et vituaria. 

[Co]ME I BOLOGNIXI AVENO [MJeDEXINA. 

1449. — / Bolognixi mandarono el 
campo a Medexina adi xi* de ottobre, et 



1 II testo A ha la data del io settembre. 
1 Spilambcrto. Vedi nota 3 p. 35. 



41. Come .... Medexina] parole scritte nel mar- 
gine sinistro, non essendovi spatio in testa al paragrafo 

3 Pizzi^hettone, comune in provincia di Cremona. 5 

4 II testo A ha il io d'ottobre. 



[A. 1449] 



BONONIENSIUM 



169 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

era loro capetanio el segnore Estor di 
Man/ridi. El quale castelo aveno adi xxii 
de ottobre ; e li fanti, che gli erano dentro^ 
veneno in campo, et alquanti huomeni del 
castelo veneno a Bologna) et fuoli mandato 
-per comesario Zorzo di Paxelli, et adi 
primo de novembre comenzono a desfare el 
palanchado ; et miscno a sacomano alquante 
caxe de quilli principali, che f eceno reve- 
lare el castelo contra Bologna ; / numi di 
quali sono quisti, zoe: 

Lolo dal Boscho, 

Manzagallo, 

Giovanni de Tolto, 

Landò di Vigi. 

1445. — Francescho Pezenino, cafetanio 
di Milanixi, morìo a Milane del mexe de 
setembre, et vene le novelle a Bologna adì 
xii de ottobre. Questa novella piacque mol- 
to a' Bolognixi però ch'era loro nimicho 
mortale. 

Come [i Bolognixi mandarono] el campo c - 2S ° b ~ coL * 
a Chastelo san Piero. 

1449. — I Bolognixi mandarono el cam- 
po a Castelo San Piero adi xxvii de ottobre, 
et miseno le bombarde de sopra dal castelo 
et butarono a terra una gran parte del 
muro del castelo^ et f eceno molto danno den- 
tro dal castelo. Et adì xviii de novembre 
a tenpo de notte veneno alcuni huomeni a 
Bologna, de quilli del dito castelo, con me- 
ser Achile di Malvici comesario del campo, 
mostrando de volere acordar se, et non f eceno 
alcuna cosa. 

Nel qual tempo el vice re de Ragona, 
ch'era in Romagna, a Zugo, mandoe a de- 
sfidare el segnore Estor da Faenza; et gli 
segnori anciani de Bologna aveno noelle 
che meser Lodovigo da Ghonzagha, se- 
gnore de Mantoa, venia a li danni de 
Bologna', et per questo mandarono per le 



16. Landò di Vigi] prima era scritto Maxe de ui- 
go nel cod., nome che fu canali. — 20. Questa] segue 
nel cod. noli cancell. 



170 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1449] 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

bonbarde et feceno livare el campo adì 
xxviii de novembre a hore xi, et bruxono 
gli lozamenti e strami, et veneno alozare a 
Sam Lazaro. E anchora Aera comisario 
Zorzo di Pax etti \ 

1449. — Meser Iacomo da Cortona ve- 
scovo de Peroxa venne a Bologna adì xvi 
de novembre, -per ambasadore del papa Ni- 
colò quinto, et andoe alozare in vescoado. 
Et adì xxiii de novembre i signiuri anciani 
gli mandono uno prexente, zoe queste cose, 
in prima: fene, biava, confecione, ciré, pcr- 
dixe, capuni, faxani et malvaxia. 

Et adì xvi de dexembre venne uno fa- 
meglio del papa con letere, notificandoli che 
non se partisse da Bologna et adì xxi de 
dexcìtibre intrò in palazo per governadore 
per lo papa; e foli fato grandissimo honorc 
et andò gli incontra la chirixia con tuti gli 
re gy menti et tute le compagnie de le arte-, 
et andorono a piede tutti infino ai Servi, che 
monsignore era gito in quel' luoco, et cosffoj'* 
se ne veneno tuti a piede de compagnia in- 
fino al palazo con festa et trihumpho et so- 
no de campane. 

Come [meser Lodovigo da Gonzagha se- 
gnore] de Mantoa venne nel con- 
tado de Bologna. 

1449. — Meser Lodovigo da Gonzagha 
segnore de Mantoa venne nel contado de 
Bologna adì xxv de novembre con Hi millia 
persone da cavalo e da piede et veneno a 
Malacompera nel iereno de Cento et mo- 
strava d'esere amicho, possa cavalcoe a Mi- 
nerbio e a Budrio. Et adì primo de de- 
xembre el vice re de Ragona, ch'era a 
Lugo venne con viii cento cavagli in can- 
po con lui et robavano bestiame et quello 
che poseano avere. Et erano soldati del re 
de Ragona, segando che se disse. 



27-29. Come .... Bologna] parole scritte in testa 
alla colonna, non essendovi spazio in capo al paragrafo 
— 34-35. mostrava] segue d cancell. nel cod. 



1 La cronaca B ha qui alcuni particolari di più. 



[AA. 1449-1450] 



BONONIENSIUM 



171 



Cronaca A 



Anno Christi Mcccc50, adì 26 de ze- 
naro, misser Iacomo da Cortona, vescovo 
de Perosa, governadore in Bologna, andò 
a Roma, et andò cum lui li infrascripti, zoè: 

Misser Nicolò Sanudo, cavaliero, 

misser Guasparo dalla Renghiera, do- 
tore, 

Guasparo Malvezo, 
et lassò in suo luogho ser Zohanne da Terne 
toxoriero; et adì 16 de marzo tornono a 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



44. segno d'attenzione nel margine sinistro 



Cronaca B 

1449. — / soldati di Bolognixi, zoè el 
segnore Estore di Man/ridi et Scharioto e 
Greguoro d'Angliari con loro brigata, an- 
darono adì v de dexembre a tenpo de notte, 
al castello de Budrio, el nel fare del zorno 
asaltarono el campo di nemici, eh 7 erano ala 
Rechardina, el romeno tutti quilli ch'erano de 
la dal ponte, et f eceno uno belo fato d'arme. 

Notta che li fanti de Bologna gua- 
dagnano benisemamente, et quilli da cavallo 
fono infugati infino a Chastenaxe, et fuo 
meraveglia che non fono prixi luti, però 
che gli nemici aveano noticia de l'andata 
loro, et erano luti in bataglia et avea posti 
alquanti aguaili. Ma quilli da cavalo non 
guadagnono alcuna cosa neuna de le parte 
et tornono a salvamento. 

1449. — I Bolo gnixi mandarono al pa- 
pa Nicolò una ambasaria adi xii de dexem- 
bre, i numi di quali fuoron quisti: meser 
Galiazo Marschoto et ' ser Dionixio de Cha- 
stelo. 

Et adi xiii de dexembre andoe uno ban- 
do che zaschuna persona potesse andare per 
lo contado de Bologna sechuramente per iiii 
zumi, possa fuo prolongata per dui zumi. 

Et adì xvi de dexembre venne in Bolo- 
gna el conte Charlo da Champobasso, ch'era 
viceré de Ragona, et fuo a parlamento con 
gli regimenti più e piti volte, infine s' acor- 
darono et gli nemici retornarono indredo, 
per la via dove erano venuti, adì xxxi de 
dexembre. 

Et adì iiii de zenaro del 14.50 gli am- 
basatori de Bologna tomaron da Roma. 

1450. — Meser Iacomo da Cortona ve- 
scovo de Peroxa et governadore in Bolo- 
gna andoe a Roma a dì xxvi de zenaro con 
gli infrascriti citadini, zoè: 

Meser Nicolò Sanudo, cavaliero, 

meser Guasparo da la Renghiera, do- 
lore, 

Guasparo di Malvici, 

e lasò in suo luogo ser Giovanni da 
Terni texoriero ; et adì xvi de marzo tor- 



e. 331 a - col. 2 



172 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1450] 



Cronaca A 

Bologna cum uno legato, comò trovarai 
scripto '; et misser Iacomo da Cortona ro- 
mase a Roma. 

Adì 5 de marzo. Questa è una co- 
pia de una litera che mandò el conte Fran- 
cesco: 

Magnifici tanquam fratres charissimi, 
Perché mi rendo certo che le magnificen- 
tie vostre prendeno piacere et consolatione 
assai de ogni prosperitade, honore et bene, 
le aviso corno siandosi heri levato a remore 
el puovolo de quella inclita città de Mi- 
lano, fu taiato a pezzi el proveditore ve- 
neziano, el quale stava qui; ozzi mandorono 
per mi et cossi cum grande solenitade, 
amore, caritade et unione de tucti li citta- 
i4b dini, zentilhomini et populo universal'mente 

me hano electo per loro signore et condu- 
cto qui dentro, sì che ne ho voluto avisare 
esse magniiìcentie vostre le quale certifico 
che elle po' et de questa cittade et de 
ogni mia altra facultade non altramente 
disponere che delle cose sue proprie, de 
le quale più po' disponere et deliberare. 
Datum Mediolani, die 26 februarii 1450 

Franciscus Sforzi a Vizecomes, 
dux Mediolani, Papié, Anglerie- 
que comes ac Cremone, Placen- 
tie, Parme dominus. Iohannes S. 

Nota che '1 conte Francesco havea fa- 
cto guerra a' Milanisi, cominzando del mese 
d'otobre del 1448 infino a questo dì dicto 
di sopra, et renderonse per fame et non per 
amore; et eragli grandissima charestia. Et li 
Veneziani haveano facto grandissimo sforzo 
de gente d'arme da cavallo et da pie et 
molta vituaria. et alcuna cosa non li venne 
facto, sì che li Milanixi se renderono per 
fame e non per amore. 

Adì 16 de marzo Bisarion de Gretia, 



5. marzo] mazo cod. 
cod. 1 cariceli. 



— 14. inclita] segue nel 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

naron a Bologna con uno legato, come tu 
trovarai scrito*; et meser Iaco?no da Cor- 
tona romaxe a Roma. 



Copia d'una litera mandata dal conte 
Francescho da Chudygnola agli se- 
gnori de Bologna adì v de marzo. 

Come el conte Fran[cescho] da Chudi- 
gnola fuo [proclajmato segnore de 
M[illane]. 

1450. — Magnifici tamquam fratres ca- 
risimi. Perché me rendo zerto che le magni- 
-ficencie vostre -prendeno piazere et consola- 
cione assai de ogni mia -prosperitade, honore 
et bene, le adviso come siandose heri levato 
ad remore ci popolo de quella inclita citade, 
fuo tagliato a peci el proveditore vencciano, ,c C oÌi 
el quale stava qui. Hoggi mandarono per 
mi, et così cum grande solenitade, amore, 
caritade et unione de tuli li citadini, zenti- 
lomini et populo, universalmente, me hanno 
electo per loro scgnorc, et conduto qui dentro. 
Sì che ne ho voluto avixarè esse magni fi- 
centie vostre, le quale certifìcho che elle pò 
et de questa citade et de ogni mia altra 
facultade non altramente disponere che delle 
cose sue proprie, de le quale più po' dispo- 
nere e deliberare. 

Datum Mediolani, die xxvi febrarii 
Mccccl. 

Francischus Forcia vicccomès, dux 
Mediolani, Papié, Anglerie, etc. 
comes, ac Cremone, Plaxentie, 
Parme etc. dominus. 

Johannes S. 

Nota che 7 conte Francescho avea fac- 
to guerra a* Milanixi, comenzando del mexe 
de ottobre del 14-4.8 infino a questo dì dito 



11-13. Come .... Millane] parole scritte nel mar- 
gine destro, non essendoci spatio in testa al paragrafo 
— 42. guerra] la parola fu aggiunta più tardi nel 
margine sinistro 



5 » Vedi più giù a pp. 172, 43-173, 3. 



2 Vedi sotto a p. 173, 10-18. 



[A. 1450] 



BONONIENSIUM 



173 



Cronaca A 

cardinale de Nucea l , venne a Bologna per 
legato de Bologna et de la Marcha; et an- 
dogli incontra molta gente cum gran trion- 
fo et festa, et menolo li predicti, zoè: 

MÌ8ser Nicolò Sanudo, 

misser Guasparo dalla Renghiera, 

Guasparo Malvezo, li quali erano an- 
dati per ambassaduri. 

Adì xx de marzo misser Romio di 
Pepuli et Iacomo suo fratello cum Anto- 
nio et Piero fioli de Zohanne de' Fantuzi, 
li quali teniano Castello Sam Piero cum 
la rocha, se partino et andono a stare a 
Lugho in Romagna. Et la parti da soa fu 
in questo modo, zoè che papa Nicola li 
mandò uno comissario, al quale deno la 
tenuta d'ogni cosa et poi deno chomiato a 
misser Romio di Pepuli. 

Adì sei d'aprile l'aqua de l'Avexa 2 cre- 
so sì forte per una piovia che andava so- 
pra el ponte della Preda, et fé multi dan- 
ni, corno è scripto qui de sotta, zoè: in 
prima roppe el muro del ponte ch'è sopra 
el conduto de l'aqua che vene in Sam Ma- 
molo, et roppe de sotta dalla grada dove entra 
dentro dalla cittade et sparse per li campi 
de fuora che sono apresso le mura et andò 
per le fosse de strà Castigliuni et roppe 
el muro del conducto de l'aqua che vene 
dentro per strà Castigliuni et andò infino a 
strà Sam Stevano et buttò a terra uno pezzo 
de muro delli frati de Sam Domenicho et 
uno altro pezzo de muro a Zironimo de 
Bonsignore; et la mazore parte de quilli 
che confinano cum la dieta aqua haveno 
danno imperoché intrava in le loro cha- 
i5<meve, et livava li vaselli de suso' le cha- 
lastre et portavali in qua e in là, spargen- 
dose el vino. Ancora buttò a terra uno pez- 
zo de muro de Santo Martino et roppe el 
molino et el ponte della Segha ch'è sopra 
l'Avesa et alagò gli orti che sono dreto alla 



8. Guasparo Malvezo] parole sottolineate nel cod, 
segno d' attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

de so fra; et render onse per fame e non -per 
amore, et eragli grandissema carestia. M 
li Veneciani aveano fato grandissimo sforzo 
de zente d'arme da cavalo e da piede e molta 
vituaria, et alcuna cosa non li venne facto, 
sì che li Milanixi se renderono -per fame e 
non -per amore. 

1450. — Meser Bissar iom de Gretia 
chardenale de Nuceno venne a Bolonia adì 
xvi de marzo per legato per lo papa Nicolò 
quinto, et intrò cum grandissimo trihumpho, 
et andogli incontra tuta la chirixia e tuti 
gli regimenti e le conpagnie delle arte; et 
intrò in palazo che non li fuo tocho cavalo 
né òaldachino, et era legato de tuta la Ro- 
magna, et tenesse serado le boteghe dui zumi. 

[Co]me meser Romio di Pepoli [rend]é 
Chastelo San Piero e convenne 
[pa]rtirse, et andoe a stare a 
Lugho. 

1450. — Meser Romio di Pepoli et Ia- 
como so fratello con Antonio et Pietro -fi- 
gliuoli de Giovanni di Fantucy, i quali te- 
gniano Castelo Santo Pietro con ' la rocha, e. 231 1 - coi 2 
se partiron del dito castelo adì xx de marzo 
et andarono a stare a Lugo in Romagna. 
La partita sua fuo in questo modo, che 7 
papa Nicolò quinto li mandò per comesario 
uno prete, el quale venne adì xviiii de 
marzo ; et come fuoe nel dito castelo, se fe- 
ce dare le chiave del dito castello al masa- 
ro ; fato questo tolse la tenuta de la rocha 
et diede comiato a meser Romio con li so- 
pra scriti, per parte del papa Nicolò quin- 
to, et diede chumiato alli forastieri ; et così 
se partirono tuti*. 

Come l'acqua de l'Avexa cresete mol- 
to FORTE ET FECE MOLTI DANNI. 

1450. — L'acqua de l'Avexa cr esette 



1 II card. Bessarione. Vedi Eubel, II, 8. 
5 2 Avesa. Torrente che, scendendo dalla porta di 

S. Mamolo, attraversa la città di Bologna. 



20-23. Come.... Lugho] parole scritte nel margine 
sinistro, in basso, non essendoci spazio in testa al pa- 
ragrafo — 33. dito] segue ca cancell. 



3 In questa cronaca la notizia è data con mag- 
giori particolari che non nel testo A. 



174 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1450] 



Cronaca A 

dieta aqua et tucti gl'inpì de rhena et 
intrò in lo canale de Rheno per lo con- 
ducto ch'è al secundo molino cum tanta 
furia che copriva li punti e le moline che 
multi munari haveno danno de farina che 
se bagnò; et eragli alquante moline che 
gli era dentro alta l'aqua più de tre piedi 
de comune et fece una rotta a pè delle 
grade, da lato dentro, che andava in lo 
canale de Rheno, che la portò via più de 
quatro millia charra de terreno. 

Adì 16 de mazo li Bolognixi ebbeno 
Castello Sam Piero et la rocha, et andogli 
Vergilio de' Malvizi per comissario et po- 
destà. Anchora haveno Crevalchore et an- 
dogli Baxilio dalla Renghiera podestà, et 
deglili papa Nicola. 

Adì 24 de mazo santo Bernardino da 
Siena de l'ordine de' frati de Observanza 
fu chalonezato per lo papa Nicola quinto 
in la chiexia de sam Piero de Roma; et 
era al dicto offizio quatordese cardenali et 
quarantaquatro vescovi aparati in pontifi- 
cale et più de doa milia frati del dicto or- 
dine de Observanza, li quali steteno a le 
spese del papa. 

Adì primo d'otobre Lionello signore 
et marchexe de Ferara morì, et successe Bor- 
so suo fratello. 

Adì 19 de desenbre in la città de 
Roma morino circha dusento persone fra 
homini et femine et la mazore parte era- 
no romani et lombardi. Et però nota che 
essendo l'anno del iubileo, in Roma era 
grandissima moltitudine de persone fora- 
stiere li quali erano venuti al perdone et 
solo per essere nella natività de misser Yhesu 
Christo et andando alla chiexia de Sam 
Piero, dove demorava el papa, la turba era 
grandissima et tanto forte che non pote- 
vano andare inanzi, né indreto. et per questo 
uno cardinale mandò uno homo a chavallo, 
lo quale facesse fare largho per potere pas- 
sare, e '1 cavallo insbagotito cominzò a sal- 
tare adesso alle persone et ucise molti ho- 
mini et femine et fu morto el cavallo e 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



15-17. Vergilio.... podestà] parole sottolineate 
nel cod. - segno d 'attentiont nel margine sinistro 



45 



Cronaca B 

sì forte adi vi d' cifrile, a hore xxi, el lu- 
nedì de Pasqua mazore, per uno sgasso d'ac- 
qua che -piove, che l'acqua tochava gli ochi 
di -punti de la pietra, et fece multi danni 
come è scrito qui de sotta. 

In prima roppe el muro del ponte ch'è 
sopra el conduto de l'acqua, che venne in San 
Mamolo, et roppe de soia da la grada, don- 
de intra dentro dalla citade, et sparse per 
li campi de fuora che sono a provo le mu- 
re, et andò per le fosse de stra Chastigliun, 
et roppe el muro del conduto de l'acqua, che 
vene dentro per stra Chastigliun et andoe 
infine a stra San Stievan, et butò a terra 
uno pezo de muro a li frati de Sam Dome- 
nego et uno altro pezo de muro a Gironimo 
de Bonsignore ; e la mazore parte de quilli 
che confinano con la dita acqua aveno dan- 
no però che intrava in le loro chaneve, e 
livava li vaseli de suxo le chalastre et por- 
tavali in qua e in la, sparzendose el vino. 
Ancora butò a terra uno pezo ' de muro da'èoi'i 
San Martino et roppe el mulino e 'l ponte 
de la Sega ch'è sopra l'Avexa, et alagò gli 
orti che sono drieto a la dita acqua che tuti 
gl'impì de rena et intrò in lo canale de . 
Peno per lo condutto, ch'è al secondo molino, 
con tanta furia che co pria li punti e He mo~ 
line, che multi munari avenno danno de fa- 
rina che se bagnò ; et eraglie alquante mo- 
line che gli era dentro alto l'aqua più de 
tri piedi de comune ; et fece una rotta a pè 
de la grada da lato dentro, che andava in 
lo chanale de Reno, che la portò via più 
de iiii° millia carra de tereno et molto .... 
et ... . e no. N\ottà\. . . . [considera el gran 
danno . . . . se'l fosse stato rexo 



Come Bolognixi aveno Cas[telo] San 
Piero. 

1450. — I Bolognixi aveno Castelo Sam 
Piero e la rocha et Crevalchore con la ro- 
cha adì xvi de mazo, et adì xviii de ma- 
zo Baxilio da la Renghiera andoe per vi- 



[A. 1450] 



BONONIENSIUM 



175 



Cronaca A 

l'omo; et per questo gli fu tanto el spin- 
gere delle persone che dolente quilli che 
chadeano a terra. Et questa chalchata fu al 
ponte del Tevaro, et multi se ne anegono, 
li quali montavano suso el ponte, che l'uno 
spingnia l'altro et chadeano ne l'aqua. La 
qual cosa fece dolente molte fameglie; et 
el papa ne fece portare via 14 charra de 
homini e femine morti.' 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

cario a Crev alcove) et adi xxi de mazo 
Vergilio di Malvici andoe per vicario et 
comesaro de Castelo San Piero. Et aveno 
le ditte castele, de comandamento del papa 
Nicolò. 

1450. — Sancto Bernardino da Siena , 
de Vordene di /radi de VOservanza de san 
Francescho, fuo chalonezado adì xxiiii de 
mazo, -per lo -papa Nicolò quinto, in la ghie- 
xia de San Piero de Roma; et era al dito 
officio xiiii chardenali e xx xxiiii viscovi apa- 
rati in pontificale, et pia de ii millia frati 
del dito ordene de Oservanza. /quali ste- 
teno a le spexe del papa Nicolò quinto. 
Et questo fuo el dì de Pascqua roxada. 

1450. — Meser Lionelo da Este, mar- e. ma -coi. 2 
chexe de Ferara, morio adì primo de ot- 
tobre. El quale era stato molto amalato. 
Et meser Borse suo fratello se fece mar- 
chexe de Ferara et tolse la signoria in sé 
de tutte le citade e castele. 

Come in Roma morirono molti homeni 
et femene per una chalchata. 

1450. — In la cita de Roma morir on 
circha ce persone, fra homeny e f emene adì 
xviiii de dexenbre, e Ila mazore parte erano 
romani e lombardi. Et però nota che essendo 
Vanno del iubileo, in Roma era grandissema 
moltitudine de persone foràstiere, i quali 
erano venuti al perdono e solo pgr essere 
nella nativitade de meser Ihesu Christo; et 
andando a la ghiexia de San Piero, dove 
demorava el papa, la turba era grandissema 
et tanto forte che non poteano andare tri- 
nanti né indriedo) e per questo uno chat • denaie 
mandoe uno huomo a cavalo el quale facesse 
fare largo per potere pasare, e 7 cavalo, 
inspaurito, comenzò a saltare adosso a le 
persone et ucise molti homeni e femene, et 
fuo morto el cavalo e l'omo, et per questo 
glie fuo tanto el spinzere delle persone che 
dolentre quilli che cadeano a terra. Questa 



24-35. Come 
margine sinistro 



chalchata] parole scritte nel 



176 



CORPUS CHRONICORUM 



[AA. 1450-1451] 



Cronaca A 



e. 3 5 b Anno Christi Mcccc51, adì 7 de zu- 

gno alquanti rivelli de Bologna cum fanti 
et cerne veneno a lozare al ponte da Rheno, 
li quali funo quisti, zoè: 

Misser Romio de' Pepuli, 

mÌ8ser Galotto da Canedolo, 

Guasparo da Canedolo, 

Ludovigo da Canedolo, 

Africham da Canedolo, 

misser Nicolò de Santo, 

misser Francesco di Ghixilieri, 

misser Nani da Vizam, 

Antonio de' Fantuzi, 

Piero de' Fantuzi, 

Iacomo de misser Cambio de Zambe- 
chari, et altri soi amixi; et erali Agnolo 
fiolo del signore de Carpi et el signore de 
Corezo ; et erano insumma tre milia, a tem- 
po de notte; et in sul dì andono a la grada 
de Rheno et lì introno per de sotta, zoè 
dusento fanti, et asaltono ser Dionisio de 
Castello che era in guarda, et quello rop- 
peno, possa andono a la porta de Galiera 
et presela, et el capitanio fuzì in torre et 
non se volse mai arendere cum tre perso- 
ne; et intrò dentro li dicti fuora usiti cum 
tresento cavagli et andono fino a Sam Piero 
gridando: "Canne, canne „; et alcuni de 
loro andono fino presso piaza et, essendo alle 
mano cum quilli ch'erano in piaza funo 
chazati fino da santo Uxe. Allora fu rosta 
la piaza et el merchà, per la qual cosa 
alquanti de regimenti fuzino cum loro amixi 
per tema de essere traditi da li loro amixi. 
Li quali funo quisti, zoè : 

Misser Galeazo Marescotto, 

misser Achille de Mal vizi, 

Iacomo delli Ingrati, 



44. nel margine sinistro, di mano tarda, Mare- 
scotti — 45. Achille de MalviziJ questo nome è sotto- 
lineato nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

chalcada fuo al -ponte del Tevere, el molti 
se anegono i quali muntavano su.ro el fonte, 
che l'uno spengia l'altro et chadeano ne 
l'acqua. La quale cosa fece dolentre molte 
fameglie. JEl papa ne fece portare via 
xiiii charra de huomeni e de f emene morti. ' 

Come gli Chanidoli e loro amici entra-"/.'/ 
rono in Bologna, et come fuoron 
chazati con loro danno e vergogna. 

1451. — Alquanti rivelli e sbanditi de 
Bologna veneno nel contado de Bologna, 
adì vii de zugno, con zente d'arme da ca- 
vallo e da piede et con molte zerne, et ve- 
neno alozare al Ponte da Reno, la sira. I 
numi di quali fuoron quisti, zoè'. 

Meser Galoto, 



da Chanedolo, 



Guasparo, 

Lodovigo, 

Africhanc 

Iacomo de meser Chambio di Zambe- 
chari, 

meser Romio di Pepoli, 

meser JVicolò de Santo, 

meser Francescho di Ghixilieri 

meser JVane da Vizane, 

Antuonio) de Zohane di jr aniuci 

Ptero 
con multi loro amici et con li diti soldati, et 

Agnolo, figliolo del segnore de Charpi 
com sua brigada, 

i segnori de Chorczo ; et erano in tuto 
circha Hi millia persone da chavalo e da 
piede. 

Et adì viii de zugno, a tempo de 
notte, la mattila a V avemaria del dì anda- 
rono a la grada del chanale de Reno, dal 
merchado et alzaron la dita grada, et multi 
fanti e rivelli veneron dentro, che fuoron 
circha ce huomini, et asaltono ser Dionixio 
de Chastello, ch'era in guarda, el quale ro- 
peno) possa andarono a la porta de Galiera, 
la quale porta prexeno: e V capctanio, ciò 
vedendo, sen fu gì in torre com Hi persone, 



16. e] aggiunto sopra la riga nel cod. — 17. alo- 
zare] cod. 



[A. 1451] 



BONONIENSIUM 



177 



Cronaca A 

Carlo Malvezo, 
et alle nove o diexe hore venne su el Mer- 
chato li infrascripti, zoè: 

Misser Santo di Bentivogli, 

Ludovigo di Bentivogli, 

Iacomo da Lino, 

Guasparo Malvezo, 

Hercules Malvezo, 

Piero Malvezo, soi fìoli, cum cinque- 
cento nomini d'arme et el puovolo, et an- 
dono a trovare li nemixi, gridando: " Segha, 
" segha, Astore, Astore „. Li quali nemixi 
funo infugati et remissi fuora della porta 
cum loro danno et vergogna, et multi de 
loro funo feriti et alquanti funo morti, zoè 
Agnolo d'Alberto di Pigli 1 cum otto con- 
pagni, et uno ne fu morto in strà San Dona' 
c - sóaet uno homo d'arme fu trovato morto nelli 
formenti, armato; et fugendo, ne fu prisi 
molti dalli soldati ch'erano alle castelle et 
dalli vilani. Et funo prixi alquanti cittadini 
rivelli, li quali sono quisti, zoè: 

Misser Francesco de misser Lippo de' 
Ghixilieri, 

Antonio de Vandim peschadore, 

Christovalo Buratim, 

Iacomo Buratim, fratelli, 

Piligrino de Firiam da Pimazo 2 , 
li quali funo apichati a xi de zugno, dal 
guasto de' Ghixilieri; 

Francesco Gombrudo, 

Nicolò de Zohanne d'Anbroxim, 
li quali funo confinati nel Friule; 

Nanim de Zohanne, 

Mathio, sarto, 



2-10. Carlo Malvezo, Guasparo Malvezo, Her- 
cules Malvezo, Piero Malvezo] «0»«' tutti sottolineati 
nel cod. — 29. Pimazo] Pimaco nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



IO 



Cronaca B 

et mai non se volse rendere. Et veneron 
dentro i ditti rivelli con li } fanti e zerne et e. 232 b - coi. 2 
con ccc chavagly. et andarono infino a San- 
cto Pietro et cridavano : " Channe, channe „ ; 
et alquanti de loro andarono infino apresso 
la piaza et fuoron a le mane con quilli 
ch'erano in piaza. In fine fuorom chazati 
infino da sancto Uxe. Alora fitto asbarato 
le boche del Campo del merchado e quele de 
la piaza e in multi luoghi de Bologna ; per 
la qual cosa alquanti de li regimenti de Bo- 
logna se ne fugirono con multi loro amici, 
per loro tema de non essere traditi dalli 
loro amici [. . . ,\orii ; i numi di quali furom 
quisti 3 



a ore viiii in x veneron al Canpo del mer- 
chado li infiras oriti citadini, zoè: 

Meser Sancto di Bentivogli, 

Ijodovigo di Bentivogli^ 

Iacomo da Lim y 

Guasparo di Malvici, 

Herchules, 

figliuoli del 



"I 



Piro, 

dito Guasparo, et con v huomeni d'arme 
et con lo popolo andarono a trovare i ne- 
micy, cridando : " Sega, sega ; et Estor Esto- 
" re „. I quali ne?nici fuoron infingati e re- 
missi fuora de la dita porta coni loro danno 
e vergogna, et molti de loro fuoron feriti 
et alquanti muorti, zoè fiuoron quisti : 

Agnolo figliolo del segnore de Charpi 
con viii conpagni et uno ne fuo morto in 



4. ccc] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 15. 
numi] nel cod. si aveva nubmi, ma -poi il b fu cancel- 
lato — 16. quisti] nel cod. seguivano cinque righe, che 
sono state tutte raschiate e abrase ; in qualche punto 
anzi è rotta addirittura la carta. — 20. viiii, x] questi 
numeri, o lettere romane indicanti numeri, sono scritti 
in inchiostro rosso nel cod. In esso, come si è già av- 
vertito, tutti i numeri espressioni numerali sono scritti 
in inchiostro rosso. — 21. infrascriti] il secondo i fu 
agg. sopra la riga nel cod. — 29. et] aggiunto sopra 
la riga nel cod. — 34. alquati cod. 



1 Alberto Pio o dei Pii signori di Carpi nel mo- 
denese. 

2 Piumazzo. V. n. 12 a p. io. 

15 3 Le cinque righe che nel cod. furono a questo 



punto abrase non si possono restituire coll'aiuto del 
testo A. Il che ci fa supporre che per tale periodo il 
testo A provenisse o da questo cod. o da una copia di 
questo, nella quale l'abrasione era già stata effettuata. 



T. XVHI, p. i, v. iv — 12. 



178 



CORPUS CHRONICORUM 



|A. 1451] 



Cronaca A 

li fu perdona la vita ; 

Zohanne de Nofrio dai Bichieri, fu dona 
a so padre et romaxe a Bologna. 

Et a la bataglia funo morti quisti, zoè : 

Muxotto Veneziani, 

Marchìom de Fortim, munaro. 

Nota che la dieta intrada et aviso fu 
facto per le mano delli infrascripti, zoè : 

Antonio Munaro, 

Christovalo Munaro, 
li quali, del mese d'aprile passato, haveano 
morto de nocte in lo dicto borgo ' Altim 
Guidotti confaloniero ; li quali se ne fugino 
per uno buxo dalla grada sotto terra, et 
tal buxo sapeano quisti perché haveano za 
governato la grada; et cossi essendo fuora 
funo cum li Chaniduli et degli a intendere 
de potere intrare in Bologna per la dieta 
grada, corno è dicto di sopra 2 . 

Adì dui d'agosto 3 lo arloglio, lo quale 
è in piaza nel palazo grande de' signuri 
et de monsignore, fu livero et stabilito de 
fare, excepto lo capello *. 

Adì 17 de novenbre li Bolognixi feno 
desfare el castello de Seravalle, per li tra- 
dimenti che se faceva cum quilli da Carpe 5 
et quilli da Canedolo; et fu apichato lo ca- 
stelano, lo quale havea nome Zohanne Bom 
d'Albertim, frabo, et uno fameglio che havea 
nome Vicenzo da Chasale da Parmexana. ' 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

stra San Donado, da chaxa de meser Sancto 
di Bentivogli, et uno homo d'arme fuo trovato 
morto, tuto armato, de fuora da Gallerà! 
netti f or menti ; et multi loro fuoron prexi da c C oj 3 " 
li soldati, eh' eranno alle castelle e dalli vilani 
del contado. Et alquanti citadiny fuoron 
prexi. I mimi di quali fuoron quisti, zoè: 

Meser Francescho di Ghixilieri, 

Antuonio de Vandim, pcschadore, 

Cristovalo d'Angelin Buratin, chio- 

Iacomo daroli, 

Pelegrim de Firian da Pimazo, i quali 
fuoron impichati adì xi de zugno, dal gua- 
sto di Ghixilieri ; 

Francescho Ghonburudo, 

Nicolò de Zohanne d'Amòruxino, 
i quali fuoron confinati in Friulle ; ma el 
dito Nicolò roppc le confine; 

Nane de Zohanne, 

Matto, sarto, 
al quale fuo -perdonato la vita; 

Giovanni de Nofro dai Bichieri, ci 
quale fuo dato al padre et romaxe a Bo- 
logna. 

Nella quale bataglia fuor om morti, delli 
cita di ni dentro, dui: 

Muxoto di Muxotti, 

Merchiom de Fortim, munaro. 

Notta che la dita intrada et avixo fuo 

facto per le mane degli infrascritti, zoè: 

Antonio et \ . _. 

„ . , } de Biaxio, munary, 

Cristovalo ) ' ■" 

abitaduri in lo borgho de sani Piero, i quali, 

del mexe d'aprile pasato, aveano morto, a 

tempo de notte, in lo dito borgho, Aitino de 

Francescho di Guidoti, uno del numero di 

conjaloncri; et per lo dito homecidio se ne 

fugino per la dita grada 6 , per uno buxo 

de soia, tra la grada c'I muro, ci quale 



it. d'Angelin] corr. nel cod. su dal gelim — 21. 
sarto] nel cod. era salto, poi la parola fu corretta. — 
38. homecidio] V\\ fu agg. sopra la riga. 



' È il Borgo di San Pietro, come apprendiamo crediamo che si accosti più al vero. 



5 dal testo li. 

* V. p. 176. 

3 Grande divergenza c'è tra i due testi per la 
data del compimento del famoso orologio del palazzo 
dei Signori. Il testo R ha la dati, del 26 ottobn-, . 



io 



4 II "capello,, fu terminato, come ci avverte il 
testo li, soltanto nell'agosto dell'anno 1454. 

"' I l'io di Carpi ; vedi n. 1 pag. precedente. 

1 È la Grada del canale di Reno, di cui si parla 
in questa sti onaca ;i p. 176. 15 



[AA. 1451-1452] 



BONONIENSIUM 



179 



Cronaca A 



ì6b Anno Christi Mcccc52. Federigo terzo 
imperadore, della chasa de Striche 1 de Ale- 
magna, venne in Ytalia del mese de zenaro 
del dicto anno cum circha doa milia persone 
da cavallo et da pede per andare a Roma; 
et adì 19 de zenaro intrò in la città de 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

buxo tenea l'acqua seralo, et questo sapea 
costoro , perchè aveano za governata la dita 
grada ; e -pertanto, avendo bando et ritrovan- 
dosi fuori de Bolonia et avendo V animo a 
la parte chanescha] fuoron con li principali 
chanischi a darli ad intendere de potere in- 
trare in Bologna per la dita grada, come 
e dito di sopra 2 . 

Come fuo fato l'areluoio da la spiera, 
ch'è nel palazo grande. 

1451. — Llareluoglio, el quale e in piaza 
nel palazo grande di signiuri e de mon- 
signore, fuo hvero e stabelito de fare e de 
depinzerc adì xxvi del mese de ottobre, 
salvo el capello ch'è di sopra la champana, 
che va coperto de ?netalo inorato, et ogne 
altra cosa era fatta dentro e di fuora. El 
quale chapclo fo livero adi v de aghosto 

I454- 

Come fuo desfato el cas[tello] de Se- 

RAVALLE. 

1451. — £1 castelo de Seravalle, che e 
in Val de Samuoza, fuo comenzato a desfare 
adì xvii de novembre, zoe le mura d'intorno ; 
et fecelo desfare i Bolognixi, per li loro 
tradimenti che menavano con lo segnore 
de Charpi e con li fuorausiti de Bologna. 
Del quale tratato ne fuo impichato el cha- 
stelano de la rocha del dito castelo con uno 
suo fameglio adì vi de novembre. El nome 
del chastelano era questo, Zohannebono de 
Albertine fabro, Vicenzo da Chaxale de Par- 
mexana. 

Come Federico terzo imperadore venne 
in Ytalia et andoe a Roma et fuo 
incoronato, e spoxoe donna et re- 
tornoe in Alemagna e foli fato 
grandisimo honore. 

1452. — Federico terzo imperadore de 



18-20. El . . . 1454] parole scritte più tardi nel cod„ 
forse dalla stessa mano — 21-22. Come... Seravalle] 
parole scritte nel margine destro, non essendoci spazio 
sufficiente in testa al capitoletto cui esse si riferiscono 



5 1 Della casa Von Oesterreich: l'appellativo è una cui appartenne Federico III. 

corruzione del nome tedesco della Casa d'Austria, a 2 V. pp. 176-177. 



e. 2 iì a - col. 2 



180 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1452] 



Cronaca A 

Ferara; a la quale li fu facto grandissimo 
honore per lo marchexe Borso signore de 
Ferara. Et adì 24 del dicto se partì da 
Ferara et venne nel contado de Bologna 
et alozò a Sam Prospero ! ; et adì 25 del 
dicto intrò in Bologna a hore 22 per la 
porta de strà Sam Donato. A la quale fu 
facto grandissimo honore per li regimenti de 
Bologna, et andogli incontra li infrascripti, 
zoè: monsignore lo legato, lisignuri anziani, 
li sedexe confalonieri et massari et porta- 
rono tucti li confaluni et tucta la cherexia et 
tucti li docturi et medici, et portorono tucti 
li confaluni et bandiere de l'arma della 
Chiexia et del puovolo, che furono in tucto 
xxi bandiera: et alquante conpagnie de le 
arte feceno bagordare in molti luoghi per 
Bologna per allegrezza. Et alozò in vescoado 
et fuli facto le spese per niente a tucta la 
corte soa. Et era cum lui lo re d'Unga- 
ria de la età de anni 12, et lo ducha de Stri- 
che suo fratello * cum molti signuri et cava- 
lieri de loro paese, li quali erano tucti bene 
a cavallo, ma erano tucti mal vestiti. Et 
adì 26 de zenaro lo dicto imperadore fece 
nel vescoado de Sam Piero li infrascripti 
cavalieri, zoè: 

Misser Astore de' Manfridi, signore de 
Faenza, 

misser Charlo, 

misser Galotto. soi fioli de età de anni 
12 e 13, 

misser Zohanne de Aniballe di Benti- 
vogli de età de anni '), 

misser Piero Antonio de Paxello, do- 
ctore, 

misser Charlo Malvezo, 

misser Christovalo de' Chazanemixi, 

misser Baldisera Lupri. 



38. Charlo Malvezo] sottolineato nel cod. - segno 
d'attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

la caxa de Striche de Alemanna 3 venne in 
Ttalia del mexe de zenaro 14.52 coti circha 
doc milia -persone da chavalo e da pè, et adì 
xviiii de zenaro intrò in la cita de Fera- 
ra-, al quale fuo fato grandisimo honore 
■per lo marchexe Borse, segnore de Ferara. 
Et adì xxiiii dito se partì da Ferara e 
venne nel contado de Bologna et alozoe a 
San Prospero', et adì xxv dito 1 a hore xxiii 4c ^f 3 ^ 
intrò in Bologna per la porta de strà San 
Donado. Al quale fuo fato grandisimo 
honore per gli regimenti de Bologna, et 
andogli incontra gli infrascriti, zoè : mon- 
signore lo legato, i signuri anciani, i se- 
dexe, confalonieri e masari e tuta la chiri- 
xia, tuti i doctori e medici, et portarono 
iuti i contalo ni e bandiere a l'arma de la 
Ghicxia e del puovelo, che fuoron in tuto 
xxi bandiera. Et alquante compagnie delle 
arte feceno bagordare in molti luochi per 
Bologna, per alcgrcza. Et alozoe nel ve- 
schoado de san Piero et fuoronli facte le 
spexc per niente a tuta la corte soa, d'ogne 
cosa che a loro boxognava. Et era con lui 
el ducha de Strychc suo fratclo, e 7 re de 
Hungaria, ci quale era zovc?ie de anni xv 5 , 
con molti segnori e chavalicri de loro paexc, 
i quali erano tuti bene a chavalo, ma erano 
luti male vestiti. Et adì xxvi de zenaro 
el dito imperadore fece alquanti cavalieri 
nel vescoado de san Piero, i numi di quali 
fuoron quisti, zoè : 

Meser Estor 6 di Manfridi segnore de 
Faenza, 

meser Charlo, \ ,. ,. , .,. 

~ . \ di Manfridi, 

meser (ralcoto, J J 

fr ateli e figlioli del dito meser Estor e, i 

quali erano zuveni d'anni xii in xiii. 

meser Giovanne di Bcntivogli, el quale 



27. Hungaria] segue nel cod. elq cancell. 



io 



1 Non è il San Prospero più noto della pianura 
modenese, circondario di Mirandola, ne quello di Imola, 
ma una località dell'antico vicariato di San Pietro in 
Casale, costituente comune nel sec. XV colla denomi- 
nazione " Comune Siuratici et Sancti Prosperi „. Il 
luogo trovavasi sopra la strada che da Ferrara con- 
duceva a Bologna. 

- Vedi sopra n. i p. 179; il fratello di Federico 



III qui ricordato e Alberto VI detto 11 Prodigo duca 
di Stiria, Carinzla e Carinola. 

; Cioè della Casa d'Austria. Vedi nota 1 della 
pag. preci (leni e. 

* II fislo A ha le ore 22 in luogo di 23, 

"' Il t. sto A segna per errore l'età di 12 anni in 
luogo di 15. 

* Astorre. 



»5 



[A. 1452] 



BONONIENSIUM 



181 



c.j?a 



Cronaca A 

Et adì 27 de zenaro se partì et andò a 
Roma per la corona dello imperio, et tolse 
donna una neza del re de Ragona, poi 
retornò et andò in soe contrade l . Et quello 
dì che venne in Bologna se roppe la can- 
pana grossa, per tanto sonare. 

Adì 21 de marzo la conpagnia de' 
strazaroli speseno lire mille a fare el ca- 
pello a la Croxe de porta 2 , lo quale fu d'oro 
de ducato. 

Li Veneziani, essendo in lega cum lo 
re de Napoli, roppeno guerra al ducha de 
Milano, conte Francesco da Codognola, et 
feceno una coreria in Milanese; et per 
quevSto lo ducha corse in Bresana et presili 
uno castello: et li Veneziani preseno Cre- 
mona, et veneli la invernata adosso. ' 

Del mese de zugno dom Nicolò da 
Verona che stava a Fosola, fu preso dallo 
inchixidore de santo Domenegho perché 
era ìnchantadore de diavoli, et fello de- 
sgradare adì 22 del dicto mese et eragli 
el vescovo et el vichario del vescovo de 
Bologna cum alquante persone notabile et 
el podestà. Et fu posto in suso uno tasello 
de ligname grandissimo et li fu letto la soa 
condenasone, che durò più de meza hora, 
possa el dicto dom Nicolò fu consignato 
al podestà. El quale lo mandò in presone 
a soa posta; et adì 27 del dicto el podestà 
lo mandava cum la soa fameglia al campo 
del merchato a farli tagliare la testa. Et 
quando funo da Santo Tomaso, alquanti 
zoveni asaltono la fameglia del podestà et 
tolseno per forza lo dicto prete. Et in quel- 
lo zorno fu preso uno Bartolomio barbiero, 
dicto Mangazino 3 , da Bologna, ch'era sta' 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

era de etade d'anni vini" e fu figliolo de 
Anibal, 

meser Piero Antuonio di Paxeli, do- 
torc, 

meser Charlo di Mahici, 
meser Cristovalo di Chazanemixi, 
meser Valdesera Lupro. Et adì xxvii 
de zenaro se -partì da Bologna a hore xviiii° 
e andò per stra San Stievan verso Fiorenza, 
et andava a Roma per tore la corona de 
V imperio e per spoxarc donna , la quale era 
neza del re de Ragona *, et spoxola adì 
xvi de marzo in Roma. Et adì xviiii 
de marzo fuo incoronato in Roma per lo 
papa Nicolò quinto ; et andoe a Napoli dal 
re de Ragona, posa venne verso Toschana 
et adì viiii de mazo, a hore xx, intra in 
Bologna per la porta de stra San Stievan. 
Al quale fuo fato grandisimo ' honore come 
e scrito de sopra, salvo che non se bagordò. 
Et adì x dito, la matina, a hore x se n' andoe 
verso Ferara. 

Come la conpagnia di strazaruoli de 
Bologna feze desfare la Croxe de 
Porta e refarla. 

1452. — La conpagnia di Strazaruoli de 
Bologna comenzono a fare desfare el cha- 
pelo de la Croxe, ch'è in porta Ravignana, 
adì xxi de marzo. El quale chapelo fe- 
zeno refare de ligname coperto de quadri 
de ramo indo? adi con una poma e una croxe 
indorada di sopra. Et chostò el dito la- 
voro a la dita conpagnia più de L. iooo 
de bolognini) et fuo livero el dito lavoro 
adì xxiiii de dexembre 1453 B . 



1 La narrazione dello sposalizio e del viaggio 
io dell'imperatore è assai più ricca di particolari nel te- 
sto B. 

% Porta Ravegnana. 

3 Forma errata in luogo di Maganzino, come e 



2. viiii ] una mano posteriore, ma di poco, ag- 
giunse, parte nella riga e parte nel margine: e fu figlio- 
lo de Anibal, parole che abbiamo introdotte nel testo — 
20. gradisimo cod. — 35. sopra] nel cod. leggevasi 
sora, una mano corresse, aggiungendo il p — 36. più de] 
parole scritte più tardi sopra la riga, ma probabilmente 
dalla stessa mano del cod. - 1000] segue nel cod. un s 
lungo tagliato che stava a indicare soldi, cancell. 



detto più avanti in questa cronaca, e corrispondente 
alla forma di Magancino del testo B. 

4 È Eleonora del Portogallo figlia del re Edoardo. 

5 Anche per questo argomento il testo B ha molto 
maggiori particolari del testo A. 



C. 2JJ 6 • cui. 



15 



182 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1452] 



Cronaca A 

de quilli che l'ave tolto. El quale Magan- 
zino fu apichato alla renghiera del podestà 
in su l'ora de nona adì 28 del dicto mese, 
senza sono de canpana et lezere condena- 
sone. Et gli altri conpagni se ne fugino, 
poi da lì alquanti zorni retornono. Li no- 
mi di quali sono quisti, zoè : 

Zohanne de Iacomo d'Anzelim l , 
Aldrovandino de Zohanne Malvezo, 
Zohanne de misser Bernardo da l'A- 
mola, 

Antonio de Martim dalla Cola, 
Nicolò da Remedia, 
Lucha de Iacomo da Sam Zorzo, 
Cexaro della Bella da li Vili, 
Lucha de Guglielmo banbasaro, 
Guglielmo de misser Iacomo da Sam 
Piero, 

Piero de Lorenzo Brocho, 
Nicolò de Robim, mondadore, et molte 
altre persone gli andono et menonlo via, 
et menolo a la Maxom, dove stava mis- 
ser Achille de' Malvizi, et fu mandato 
fuora de Bologna a salvamento. 

El re de Ragona de Napoli venne in 
Toschana adosso a' Fiorentini, et non posse 
fare niente. 

El signore Guglielmo, marchexe de 
Monferà, soldato de' Veneziani, el quale 
guerezava cum el ducha de Milano alla 
citta d'Allexandria della Paglia, et eragli 
a campo cum gente d'arme da cavallo et 
da pie, et fu facto livare de campo cum 
suo danno et vergogna adi 23 del mese 
de luglio dal signore Chorado da Chodo- 
gnola. El quale signore Goglielmo fu in- 
ganato dalli soi soldati, zoè da uno suo 
condutiero nome Santim da Riva, lo quale 
havea molti fanti et chavagli sotto lui; sì 



io. segno d'attenzione nel margine sinistro — 23. 
segno d'attenzione nel margine sinistro — 23. a la 
MaxomJ parole sottosegnate nel cod. — 23-34. misser... 
et fu] parole sottosegnate nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

COiME 1 Venetiani ropeno la guera con 
el conte Francesco da Chudignola, 
ducha de Milane. 

1452. — I Veneciani avendo facto li g a 
corti lo re de Ragona, signore de Naftoli 
e de la Puglia, ropeno la guera cantra del 
conte Francescho da Chudignola, ducha de 
Milane, del mcxe de marzo ; et fezeno una 
chorcria in Milanexe ; et per questo ci 
dito chonte andoe in Br esana con luto suo 
e.rercito el -prese alquante chastclc nel piano 
de Brcsa; et Veneciani prexeno de quelo 
del ducha de Milane del chontado de Cre- 
mona. Et amedui quisti champi stavano e 
stetcno luto questo anno nel contado de Bresa. 
A la fine del mcxe de dexenbre tutti dui li 
diti champi andono alle stancic. El dito 
conte alozò coni soa eente nel Brcsano.' 

1452. — Dom Nicolò da Verona, priete c c 2 }'" 
che slava a Fosela, fuo prexo del mexe de 
zugno da l'inchixidorc de sam Dome-nego. 
El quale priete era negromante e inchan- 
tadorc de diavolli ; et per questo l'inchixi- 
dore el feze desgr adare adì xxii del dito 
mexe de zugno, et eragli el vescovo de ... . 
.... e/ ci vichario del vescovo de Bologna 
con alquante persone notabellc et el pode- 
stà. Et fuo posto in suxo uno lascio de ti- 
gnarne grandisimo, et li fuo lieto la soa 
chondanaxonc, che durò più de meza hora, 
puosa ci dito don Nicolò fuo consygnato al 
podestà, el quale el mandò in prexone a soa 
posta; et adi xxvii del dito mexe, el pode- 
stà ci mandava com soa fame glia al Champo 
del merchado a farli tagliare la testa. Et 
quando fono da San Tomaxe, alquanti zu- 
veni asaltono la fameglia del podestà e tol- 



30. Bretano] seguono nel cod. due righi cancell. 
contenenti queste parole: 1452. Dom Nicolò da Verona 
priete che stava a Fosola fuo prexo. Le parole sono 
presso a poco ripetute in testa alla colonna seguente e 
però furono qui cancellate, costituendo una ripetizione 
inutile — 28. de] segue breve spazio bianco nel eod. — 
30-31. et el podestà J parole aggiunte in margine dalla 
stessa mano del cod. 






1 AngelellI ha ; 1 testo B. 



[A. 1452] 



BONONIENSIUM 



183 



Cronaca A 

che per questo non campezò più in questo 
anno, ma l'una parte et l'altra facevano 
delle chorrerie'. 
e. 37b Adi 28 de novembre el Gran Turcho 
era intorno a Constantinopoli et havealo 
asediato cum molta gente. Et intanto capitò 
in questa terra una ambassaria dello im- 
peradore che andava a papa Nicola per 
socorso, et disseno corno el Gran Turcho 
harebbe Constantinopoli in pocho tempo, 
se non haveano socorso da' Christiani. 

Ancora, cominzosse a fare le fosse de 
Bologna, zoè a chavare adì 20 d'otobre, 
le quale funo date et partide alle conpagnie 
de le arte, et a li contadini del conta de 
Bologna, cossi della montagna, corno del 
piano, et a zascuno castello sugetto a Bo- 
logna. Et li primi nomini che cominzono 
a lavorare funo gli omini de castello Sam 
Zorzo de Piano l , li quali andono tra strà 
Mazore et strà Sam Stevano, et haveno una 
malissima fossa a chavare perché de molta 
aqua li sorzeva ; et li primi della conpagnia 
de le arte funo i fabri, li quali andono tra 
strà Sam Vidale et strà Sam Donado. Et 
questa fu una bona spesa, però che le diete 
fosse erano quasi tucte piene. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

senio per forza ci dito pricte. Et in quel 
zorno fuo prexo uno Bartolomeo barbicro, 
dito Magancino, ch'era staio con quitti ch'a- 
vcano chanpalo el dito priete. El quale fuo 
im-pichato a la renghiera del podestà, in 
su l'ora de la nona adì xxviii del dito mexe, 
senza sono de champana, et non fuo lieto 
chondanaxone alchuna. Gli altri champa- 
gni se ne fugino, ma tornono da lì alquanti 
zumi. I numi di quali fuor on quisti, zoè: 
Zohanne de Iacomo degli Ang eletti, 
Aldrevandim de Zani di Malvici, 
Zohanne de meser Bernardo da V Amola, 
Lucha de facomo da San Zorzo, 
Lucha de Guilielmo, banbaxaro, 
Aniuonio de Martini da la Chola, 
Nicolò de Remielia 
Zexaro de la Bela da i Villi 
Guilielmo de ser Iacomo da Sam Riero, 1 
Lorenzo Brocho, 
Nicolò de Rubini, mondadorc 2 , 
et molte altre persone gli aidono menarlo 
via. El quale fuo menato a la Maxone dove 
stava meser Achile di Malvici chavaliero del 
Tempio. El quale priete fuo mandato fiora 
de Bologna a salvamento. 

Come el champo del re de Ragona vene 
in toschana contra di fiorentini. 

1452. — El champo del re de Ragona, 
signore de Napoli e de la Puglia, vene 
in Toschana, del mexe de luio, contra di 
Fiorentini; et fezeno pocho guadagno de 
chastelle in quelo anno, ma danezono Fio- 
rentini da lato de Siena et in quello de 
Pixa con l'armada, ch'era per mare 3 . 

Come el signore Guilielmo, marchese 
de monferà, fuo fato li vare de 
chanpo d'alisandria. 

1452. — El signore Guilielmo, ?nar- 
chexe de Monferà, soldado di Veneciani, el 



1 San Giorgio di Piano. V. nota io della p. 9. 

* L'ordine dei nomi non è lo stesso del testo A : 

da notarsi qui " Lorenzo Brocho „, mentre nel testo A 



23. aidono] corr. su aidono nel cod. 



si ha "Piero de Lorenzo Brocho,,. 

3 La notizia è esposta assai più diffusamente che 
non nel testo A. 



e. 234 a - cui. 2 



184 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1452] 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

quale guerezava con el ducha de Milane a 
la cita d'Alisandria da la Paia, et eragli 
a champo con zentc d'arme da chavalo e da 
pe, fuo facto livare de champo con suo 
dano e vergogna adì xxiii del mexe de 
luio dal signore Chora da Chudignola. El 
quale signore Guilielmo fuo inganato dalli 
suoi soldati, zoe da uno suo chondutiero no- 
me Santim da Riva, el quale avea molti 
fanti e chavagli soto lui; sì che, -per questo, 
non champezò -più in questo anno, ma l'una 
-parte e V altra fazeano de le choreric. 

Come el Gram Turcho, signore di Tur- 
chi, ASEDIÒ LA CITADE DE CHONSTAN- 
TINOPOLI.' 

1452. — £1 Gram Turcho, signore e -'^ 4 ) 
imperadore di Turchi, asidiò la citade de 
Constantinopoli, per mare e per terra, nel 
dito anno; et erali a champo coni gente in- 
numerabcle. Et fecile alquante bastìe, fa- 
cendoli grandisimo danno con fuocho, et 
davali molte bataglie. Anchora fece fare 
uno chastelo murato apreso Constantinopoli 
viii miglia, ci quale era fortissimo. Et a- 
dì xxviii de novembre arivò a Bologna una 
anbasaria de l' imperadore de Constantino- 
poli, la quale andava al papa Nicolò quinto 
a domandarli secorso. Et diseno come el 
Gran Turcho averebe Constantinopoli in po- 
dio tempo, se non aveano sechorso da' Cri- 
stiani '. 

Come le fose de la cita de Bologna se 
chomenzono a chavare. 

1452. — Le fosse de la cita de Bologna, 
se chomenzono a chavare adì xx del mexe 
(folobre, le qualle fosse fono date e partite 
alle chompagnie de le arte et alli chonta- 
dini del chontado de Bologna, così de la mon- 
tagna come del piane et a zaschuno chastelo 
sugete a Bologna. Et li primi homeni, che 
chomenzono a lavorare, fono gli omeni del 
chastelo de San Zorzo de Piane 2 , i quali 
andono tra stra Mazore e stra San Stievam 
et aveno una malisima fosa a chavare, però 



1 Anche qui la notizia è narrata piìi diffusamente. 



2 San Giorgio di Piano, già ricordato. 



[AA. 1452-1453] 



BONONIENS1UM 



185 



Cronaca A 



Anno Christi Mcccc53. Misser Ludo- 
vigo da Gonzaga, signore de Mantoa co- 
minzò guerra cum la signoria de Vinexia 
et chazò da sì uno suo fratello che se chia- 
mava misser Charlo, el quale andò a la 
signoria de Vinexia et dengli favore. Et 
el dicto andò suso quello de Mantoa a 
guerezare, intanto che feceno de belle me- 
scine l'uno fratello cum l'altro; et a la fino 
misser Charlo fu rotto l . 

In quello anno, per le feste della na- 
tività, misser Stevano Porcharo zentilomo 
de Roma, essendo confinato a Bologna per 
lo papa Nicola quinto, se partì de Bologna 
adi 26 de desenbre, alla secreta et senza 
licentia de misser Bixarion cardinale et 
governadore in Bologna per lo papa, et 
chavalchò a Roma per pigliare lo papa, et 
menava uno tratato cum alquanti cittadini 
romani; ma misser Bixarion ne avisò lo papa, 
el quale mise spie et fecelo pigliare cum 
alquanti altri cittadini in chasa soa la vilia 
de pasqua Epifania, et fezelo impichare 
deschalzo cum dui conpagni nel castello de 
Santo Agnolo. Et disese che '1 faceva que- 
sto tratato a posta de' Fiorentini. 

Adì 17 de febraro, la campana da lo 
rengo fu zittada da Sam Petronio, et pexò 
lire tredese millia, et fu tirada in suso la 
torre adì 26 de febraro'. 
e 38 a Adì 29 de mazo venne una aqua ta- 
manta che uno fiume, ch'è apresso Modeia- 
na *, eresse tanto che tirava chase, moline 
et mure zoxo, et mori gli da cinquanta; et 
fu una cosa fuora de rasone. 

Adì sei 3 de zugno la renghiera dove 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 



che molta acqua li sorgea. E Ili -primi 
delle compagnie delle arte fono i fabri i 
quali andono tra stra San Vidale e stra San 
Donado. Et questa fuo una bona spexa, però 
che Ile dite fosse erano quaxi tute piane. 

Come el signore de Mantoa rompe la ■ 
guera con veneciani nel contado 
de Verona. 

1453. — El signore de Mantoa, zoè 
meser fj>dovigo da Gonzagha, ronpcla guera 
con Veneciani nel conta de Verona, del me- 
xe de dexembre et feze grandisimo danno 
de ' prexuni e de bestiame. Nota che 'l dito e. 23? * - coi. 2 
meser Lodovigo da Gonzagha avea descha- 
zato da sì uno suofratelo, nome meser Charlo 
da Gonzagha, et areali tolto tutte le soe 
chastelle et gente d'arme. El quale meser 
Charlo andoe da la signoria de Venexia, e 
li Veneciani li deno molta gente d'arme da 
chavalo e da -piede et mandonlo nel chontado 
de Mantoa a guerezare con lo dito meser 
Lodovigho da Gonzagha, sì che l'uno fra- 
delo guerezava con l'altro. 

Et questo foe del 1453, che l'andò a 
guerezare con lo fradelo; et feceno molte 
belle scharamuze e bataglie inseme. Et meser 
Charlo fuo roto dal dito meser Lodovigo, 
del mexe de luio del 14.53. 

Come meser Stevam di Porchari, cita- 
dino de Roma, può morto. 

1453. — Meser Stevam di Porchari, 
citadino de Roma, esendo chonfinado in Bo- 
logna per lo papa Nicolò quinto, se partì 
da Bologna adì xxvi del mexe de dexen- 
bre, el dì de san Stevam, senza lizencia de 
meser e Bixariom \ char denaie e governadore 
in Bologna per lo papa, et chavalchoe a Roma 
per pigliare el papa; et menava uno tratato 



II. 1453] corr. più tardi su 1453 — 21. gente] 
nel cod. zente gente — 35. 1453] corr. più tardi su 1452 



1 La narrazione degli avvenimenti è assai più sciano, in provincia di Forlì, 
ampia e precisa nel testo B, come del resto suole ac- 3 II testo B, e credo più giustamente, ha la data 

5 cadere per questi anni. del 26 giugno. 



2 Modigliana, comune della Rocca di San Ca- 



4 II cardinale Bessarlone. 



io 



186 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1453J 



Cronaca A 

sta li signuri anziani, la quale è coverta 
de piombo cum oro, fu stabilita; la quale 
renghiera fu facta de condenasone. 

El Gram Turcho signore et imperadore 
di Turchi, havendo assediato Costantino- 
poli et statoli a campo circha uno anno et 
havendola assediata cum molte gente d'arme 
da pie et da cavallo, per mare et per terra, 
et havendola bombardata, per la quale cosa 
havea butà per terra uno gran pezzo de 
muro, facendo cum loro molte baptaglie, 
per le quale morirono grande quantità de 
homini da tramedoe le parte, ma più Turchi 
che Greci. Et el Gram Turcho, zò vedendo, 
tenne modo che ebbe la città de Pera, 
ch'era de' Zenovixi, et fu adì xx de mazo; 
la quale ebbe per acordo, et è a rinscontro 
de Constantinopoli, che non gli è se non 
uno canale d'aqua a mezo. Et adì 28 de 
mazo ebbe Constantinopoli per forza de 
baptaglia. Nella quale baptaglia furono 
morti da tre milia homini de amedoe le parte 
et fu morto lo imperadore de Constanti- 
nopoli et secondo che disseno alquanti frati 
de Observanzia de sam Francesco, che funo 
prixi nella dieta citade, li quali venene a 
Bologna et disseno tale novitade. Et tucta 
la città fu robata et asacomanata da li 
Turchi et da' Christiani renegati, et molte 
destrutione furono facte de homini et de 
donne, de putti et donzelle, zoveni, vechi, 
monachi et monache, preti et frati, li quali 
furono venduti per schiavi. Et fu preso el 
cardinale de Rusia et venduto per schiavo, 
ma per mezanitade de alchune bone per- 
sone se ne venne a Vinexia poveramente 
et stetili alquanti zorni; possa venne a Bo- 
logna et andò a Roma dal papa Nicolò 
quinto. Et tucte le chiexie furono rubate, 
violate et vituperate et fatone stalle. Et 
dissese che '1 Gram Turcho havea man- 
dato a donare circha quatrocento putti, de 
quilli de Constantinopoli, al Soldano de 



IO 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



36. alchune] segue nel cod. boni cariceli. 



Cronaca B 

con alquanti citadini romani. Ma meser 
Bixariom char denaie -predilo, mando e uno 
choriero al papa, avixandolo de la -partita 
del dito meser Stevam; e 7 papa, ciò udendo, 
mise molte spie per Roma et feze pigliare 
el dito meser e Stevam con alquanti altri 
citadini in chaxa sua la viltà de la pasqua 
Pifatiia, et feccia impichare dcschalzo con 
diti compagni nel chastelo de Sancto Angelo. 
Disesse ch'el facca questo tratato a posta di 
Fiorentini. ' 

1453. — La chanpana de l'orengo fuo c c 2 J 5 ? 
gelata in la ghiexia de san Petronio, verso 
el spedale de la Morie, adì xvii de febraro 
et pcxò libre xiii migliora, et fuo tirada 
in su la torre adì xxvi de febraro. 

D'una fortuna che intravene nel cha- 
stelo DE MUDIGLIANA IN ROMAGNA. 

1453. — El chastelo de M'udì gitana, 
eh' e in Romagna del chonià de Faenza, ebe 
grandisima fortuna d'acqua adì xxviiii 
del mexe de mazo, a ore xvi, in martedì; 
e però nota che, per la piovia grande, uno 
fiume chiamato Bibolo crescte tanto forte ch'el 
tirò zoxo el moline con tute le maxene, e la 
chiuxa ch'è di sopra dal chastelo, ch'era 
groso ci muro de la dita chiuxia vii pie de 
chomune; per la quale acqua s'alaghoe la 
mazore parte del chastelo, et mori glie v 
persone l et perdese molta roba, e Ile chaxc 
roma xeno piene de rena e de brulura; et 
molto vino se perde. E se questa fortuna 
fose stada de notte, come foe de dì, glie 
moria de molte persone 2 . 

1453. — La renghiera del palazo gran- 
de di signuri anciani, ch'è sopra la ptaza, 
la quale è chuverta de pionbo con oro, fuo 
facta e stabelida adì xxvi de zugno. La 
quale renghiera fuo fata de chondanaxun. 



8. pasqua] segue nel cod. phi cancell. — 34. mol- 
ta] segue gel cancell. nel cod. 



1 Cinquanta persone morte, nota il testo A, ma 
è evidentemente un errore. 



2 La notizia è in questa cronaca narrata con molto 5 
maggiori particolari. 



[A. 1453] 



BONONIENSIUM 



187 



Cronaca A 

Babilonia, et altri tanti al re de Tunise de 
Barbarla et al re de Garnata '. Et tucti 
quilli che introno prima in Constantino- 
poli furono tucti richi. La quale città se 
perde per la loro avaritia, però che non 
volseno mai asoldare gente alchuna. Et 
fugli una dona che li fu trovato in zoglie 
et argenti, denari e pagni el valore de 
centocinquanta milia duchati, et uno homo 
el valore de ottanta milia duchati. Et molti 
zentilhomini veneziani et omini de puovolo 
e j<?émer'chadanti de Vinexia, che abitavano in 
Constantinopoli, furono tucti asacomanati 
et rubati et prisi. Li quali tucti scriverò 
qui de sotta per nome; et imprima quisti 
furono trovati in Pera, zoè: 

Ser Philippe Chantarim 2 , 

Chatarim Chontarim, 

Baptista Gritti, 

Nicolò Morexim, 

Zohanne Lordam, 

Zacharia Barbetto, 

Alovixe Thealdine, 

Domene.flfho Grimaldi, 

Piero Zantani e'1 fiolo, 

Mario di Puoli, 

Gironimo Chontarim de Chandia, 

Lorenzo de' Guglielmi, 

Zohanne Rafanim, 

Zohanne Garatom, 

Lucha di Russi, 

Nicolò Zanpani de Candia, 

Rigo d'Armano, 

Domenego Vabatexio, 

Iob Dominici, 

Nicolò Balbi, 

Alovixe Redolii, 

Zorzo Focholo de Chandia. 

Somma tucti quisti che sono vinte dui 3 , 
presuni in Constantinopoli et in Pera. 

Zorzo Michele, 

Betim Zorzim, 

Nicolò Pisam, 

Antonio Barbo, 



5. furono] segue nel cod. tuch cariceli. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

Come el Gran Turcho ebe la cita de 
Chonstantinopoli per forza e mi- 
sela a sachomano et ebe la cita 
de Pera per achordo. 

1453. — El Grani Turcho, signore e 
imperadore di Turchi, esendo stato a cham-po 
circha uno anno a la cita de Constantino- 
poli, et avendola asediala con molte gente da 
piò e da chavalo, per mare e per terra, et 
avendola bombardata, per la guai cosa avea 
butado per terra uno gran pezo de muro, 
fazendo con loro molte bataglic, per le' 
quale morireno grande quanlitade d'omeni 
d'amedue la parte, ma più Turchi che Greci. 
El Gran Turcho, ciò vedendo, tene modo 
eh? ebe la citadc de Pera, ch'era de 1 Genoixi, 
et fuo adì xx de mazo] la quale ebe per 
achordo, et e a rinschonlro de Constanti- 
nopoli, che non gli e. se non uno chanale 
d'acqua a mezo. Et adì xxviii de mazo ebe 
Constantinopoli per forza de bataglia. Ne 
la quale bataglia fuor on morti circha Hi mi- 
lia homeni de amedue le parte, et fuo morto 
V imperadore de Constantinopoli, sechondo 
che diseno alquanti frati de VOservanza de 
san Francesco, che fono prixi ne la dita 
citade; i quali v enono a Bologna e diseno 
tale novitade. Et tuta la citade fuo ru- 
bata et asachomanata da Turchi e da Cri- 
stiani renegati, et molte destruxione fuorom 
facte d'omeni, de donne, de puti e donzelle, 
zuveni e vicchi, monechy e moneche, prieti 
e frati, i quali fuoron venduti per schiavi. 
Et fuo prexo el char denaie de Rusia e ven- 
duto per schiavo; ma per mezanitade de al- 
chune bone persone, se ne venne a Venexia 
poveramente, et sieteli alquanti zumi; posa 
vene a Bologna et andoe a Roma dal papa 
Nicolò quinto. E tute le ghiexie fuoron 
robate e violate e vituperate et fatonc stalle. 
Disesse che 'l Gran Turcho avea mandato 
circha 4.00 putti de quilli de Constantinopoli 
a donare al soldane de Babilonia et altri tanti 



e. 2 J5 a - col. 2 



1 La città di Granata, in Spagna. B; questa cronica non ha tenuto conto che "Piero Zan- 5 

2 Contarmi. " tani e '1 fiolo „ sono due persone e non una, onde 

3 Sono 23 e non 23. Il numero esatto l'ha il testo la spiegazione dell'errore. 



188 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1453J 



Cronaca A 

Piero Michele, 

ser Chavaliero del Retont. 

Soman quisti sei presuni in Castello 
novo. 

Piero Trevisani, 

fra Zorzo Venut, 

Fantim Zem, 

Antonio Toxom. 

Somma quisti cinque presuni mandati 
ad Andrenopoli. 

Zusto Bonifazio cum la soa fameglia, 

Alovixe Navarie, 

Piero Nan) r , 

Nicolò Vinazexe, 

el nolo de ser Iacomo Rocho, 

Andrea Malipiero, 

Zohanne Zem. 

Soman quisti sette, presuni mandati a 
Eno 1 . 

El patrom de la galia sotile, 

Zacharia Grioni, 

el Chavalieri, 

Domenego Boldù, 

mandati a Machalizi. 

Valdisera da Padoa, 

mandato a Galipoli. 

Alovixe Benbo, 

mandato a Dialipopoli. 

Soman quisti sette, tagliati a pczi quan- 
do fu preso la città. 

Aldrovandim de' Zusti cum uno suo iì- 
gliolo, 

Bernardo Storlado, 

Zacharia da Molim, 

Fabrizio Cornue da Candia. 

Soman quisti cinque facti tagliare a 
pezi per lo signore. 

Misser lo balio nostro, 

uno fiolo d'Antonio de Avanzo 2 , 

Adamo Trivisam, 

Andrea Faganelli cum cinque 3 mer- 
chadanti. 



15. Vinazexe] Umarexc cod. — 37. mandati cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

al re de Tunixi de Barbarla et al re de Car- 
nata', e luti quitti, che -prima introito in Con- 
stanlinopoli, fuorom lutti richi. La quale 
citade se -perde per la loro avaritia, però che 
non volse/io mai asoldare zente alchune. Et 
foli una dona che li fuo trovato in zoglie 
et argenti e dinari e pagni el valore de 150 
migliora de duchati, et uno huomo el valore 
de 80 migliar a de duchati. JEt inaiti zen- 
ti'lomcni vencciani et homeni de puovcloffj 
merchadanti de Venexia che abitavano in 
Costantinopoli, fuorom tutti asachomanati 
e robati e prixi. I quali tutti scriverò qui 
de sota per nome. 

In prima; questi fuor 011 retrovati in 
Pera: 

Ser Philipo Chontarim, 

Chain rim Chontarim, 

Batista Grilli, 

Nicolò Morcxim, 

Zohanc Lordam, 

Zacharia Barbclo, 

Aloixe Thealdini, 

Domcncgo Grimaldi, 

Piero Zantanì e 7 figliolo, 

Mafio di Puoli, 

Giront'mo Chontarim de Chandia, 

Ij>rcnzo di Guiliclmi, 

Zohane Rafanim, 

Zohanc ( raratom, 

Lucha di Russi, 

Nicolò Zampani de Chandia, 

Righo d' Armano, 

Domcncgo Vabalcxio, 

Jobc Dominici, 

Nicolò Balbi, 

Aloixe Redolfi, 

Zorzi Focholo de Chandia. 

Soma tuli quisti, che sono xxiii, prexuni 
in Costantinopoli et in Pera. 

Zorzo Michele, 

Belitn Zorgi, 






1 In luogo di sette prigionieri il testo B se^na 12: 
evid"ntemente il testo lì ha tenuto conto di quel tale 
che aveva con se la famiglia, la quale doveva < 
5 composta di sei membri. 

- Sci ondo il testo /; si tratterebbe di Antonio 



'Ir Avanzo, e, separatamente, del figlio del Balio o 
Bailo veneziano. 

3 II testo B ha il numero di 15, ma deve esserci 
errore così nell'una come nell'altra fonte, perché il in 
conto non torna. 



[A. 1453] 



BONONIENSIUM 



189 



Cronaca A 

Soman quisti quindese retignudi in cor- 
te per lo signore. 

Alovixe Chontarim, 

Thomao Palmieri zoglilieri, li quali sono 
in tucto sesanta. 

Et venne le novelle a Bologna et littere 
adì 4 de luglio.' 
csga In questo anno, cominzando del mese 
de marzo, furono de molte tempeste nel con- 
tado de Bologna et in molti altri luoghi, li 
quali non fazo mentione, le quale tempeste si 
fezeno danno nelli infrascripti luoghi, zoè. 

In gli orti de fuora, 

Panigale vechio, 

el Borgo da Panigale ', 

Ravone 2 , 

Pescharola 3 , 

la Barixella 4 , 

Manzolino 5 , 

Sant'Agada 6 , 

Crespolano 7 , 

Montevieglio 8 , 

Monte San Zohanne 9 , 

Savigno 10 , 

li Runchi d'Argile », 

Chamalduli 12 , 

Ronche Machune 13 , 

l'Olmo H , 

la Guarda 15 , 

Masimadego 16 , 

Sam Piero in Chasale 17 , 

Castello Francho i8 , 

Bazane 19 , 

Pimazo 20 , 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

Nicolò Pixam, 

Antonio Barbo, 

Piero Michele, 

ser Chavalicri del Retont. 

Soma quisti 6 prexuni in Chastelo novo. 

Piero Trivixam, 

Fra Zorzo Venni, 

Fantini Geni 21 ; 

Antuonio Toxom. e. iisb - coi. ? 

Soma qteisti 5 -prexuni mandati ad An- 
dr enopoli. 

Zuslo Bonifatio con la sua fame.ia, 

Aloixe Navaire, 

Piero Nany, 

Nicolò Vinazexe, 

el figliolo de ser Iacomo Rocho, 

Andrea Malipiero, 

Zohane Gem. 

Soma quisti xii prexuni mandati a Fno. 

FI patroni de la galia sotile, 

Zacharia Grioni, 

el Chavalieri, 

Domenego Boldà, 
mandati a Machalizi. 

Valdesera da Padoa 

mandati a Galipolli. 

Aloixe Benho, 

mandati a Dialipopolli. 

Soma quisti vii tagliati a piezi quando 
fuo prexo la citade. 

Aldrovandim di Zusti con uno so fi- 
gliolo, 

Bernardo Storlado, 

Zacharia da Molim, 



IO 



iS 



1 Borgo Panigale, v. nota 4 a p. 13. 

2 V. nota 2 a p. 28. 

3 Pescarola, località del comune di Bologna, fuori 
porta Lame. 

4 Baricella, comune del circondario e provincia 
di Bologna, nel piano. 

5 V. nota 3 a p. io. 

6 Sant'Agata bolognese, v. nota 2 a p. io. 

7 Crespellano, v. nota 11 a p. io. 

8 Monteveglio, v. nota 9 a p. io. 

9 Monte San Giovanni, frazione del comune di 
Monte San Pietro, circondario e provincia di Bologna. 

10 Savigno, comune del circondario e provincia 
di Bologna, in colle, sul Samoggia. 

11 V. nota 4 a p. 113. 

12 Camaldoli, località del comune di Bologna, vi- 
cino alla città, a est, alla base del colle. 



13 Potrebbe pensarsi o a Rocca Masnada o a Rocca 
de' Mogni, due località della collina e montagna bolo- 
gnese. 20 

14 È il " Comune Cinquante et Ulmi „ che trovasi 
ricordato tra i comuni dell'antico vicariato di San 
Pietro in Casale. 

15 Località della pianura bolognese, non molto di- 
stante dalla precedente. 25 

1G Massumatico, detto anche Massimatico, fraziono 
del comune di San Pietro in Casale della provincia di 
Bologna, in pianura. 

17 San Pietro in Casale, comune della provincia 

e circondario di Bologna, in pianura. 30 

18 Castel Franco dell'Emilia, v. nota 1 a p. 13. 

19 Bazzano. 

20 Piumazzo, v. nota 12 a p. 10. 

21 Forse della famiglia Zeno. 



190 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1453] 



Cronaca A 

Olvedo », 

Tiola « 

Monte Sam Piero 3 , 
et in molti altri luoghi che non sono scripti : 
et molte fortune de venti et d'aque , saiete 
funo del mese de mazo et de zugno. 

Nota che in questa stade non fu chaldo 
per niente, anzi fu freda et ventosa et fu 
pocho tormento, et male se madurò l'uva 
che le venderne andono molto inanzi. Et 
valse la corba del formento al più infino a 
soldi 44, ma pocho andò a quello presio, 
che la mazore parte andò a soldi 38 in 40. 

Lo dicto anno nel conta de Padoa tu 
uno teribile vento adì sei de luglio, lo 
quale durò circha uno quarto d'ora, et tro- 
vosse morto circha cinquanta persone, et 
chase butade per terra circha cinquecento 
et arbori asaissimi; et molte cose che mai 
non funo vedute le simile. 

La quale fortuna andò per le infra- 
scripte ville; et inanzi al dicto vento an- 
dava uno pocho d'aqua cum uno pocho de 
tempesta, et cominzò corno apresso dirò, et 
in prima: 

Montagnana 4 , 

Valanchone 5 , 

Pozo novo \ 

Tribani \ 

Saletto 8 , 

Santa Lena % 

Schiavania 10 , 
et qui morì misser Charlo de Pii per la 
chasa che li ruinò adosso, 

Conselve ", et qui chadde centoquaran- 
taotto chase, 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



zogliolieri 



a Galipopolli I2 , 



Cronaca B 

Fabricio Chornue de Chandia, 

Soma quisti 5 fati tagliare a piezi per 
lo signore. 

Meser lo balio nostro e uno figliolo, 

Aniuonio d'Avanzo, 

Adamo Trivixam, 

Andrea /Paganelli con 5 mcrchadanti. 

Soma quisti 15 retcniudi in corte -per 
lo signore. 

Aloixe Ckontarim, 

Thomao Palmieri, 

Domcnego Balbi, ) 

uno -figliolo, ) 

i quali fono in Ulto 69 13 . 

Et vene le novelle* a Bologna e literre c ' c 2 3 l 6a t 
adì 4. de luio 14.53. 

De molte tempeste che fono in Bo[lo]- 

GNEXE. 

1453. — In questo anno, chomenzando 
del mexe de marzo, fuoro molte tempeste 
nel chontado de Bologna ci in molti altri 
luoghi, li quali non fazo mentione. 

I.c quale tempeste fcceno danno netti 
infrascripti luoc/ii, zoè in prima: 

In gli orti de fuor a, 

Panigalc vechio, 

el Borgo da Panigalc, zoè una parte. 

Pavone, 

Pesc/iarola, 

Cha?naldolli ', 

Ronchcmarunc, 

V Olmo, 

la (ritarda, 

Masimadegho, 



10-20. liologncxe] nel cod. bognexe 
segue nel cod. or cancell. 



34. nel] 



1 Olivcto, v. nota io a p. io. 

2 Tiola, fraziono del comuni- di Castello di Ser- 
5 ravalle, circondario e provincia di Hologna. 

1 .Monte San Pietro, comune del circondario e 
provincia di Bologna. 

4 Montagnana, noto comune e distretto della pro- 
vincia di Padova, 
io ' Località poco distante da Montagnana, che non 

• onserva più tal nome. 

6 Pozzonovo, comune del distretto di Monselice 
e provincia di Padova. 

' Tribano, comune del distretto di Conselvc in 



provincia di Padova. 15 

lletto, comune del distretto di Montagnana, in 
provincia di Padova. 

J Sant'Elena, comune del distretto di Este, pro- 
vincia di Padova. 

10 Schiavonia, frazione del comune e distretto di 20 
, in provincia di Padova. 

" L'onsclve, comune e distretto della provincia di 
Padova. 

14 Gallipoli. 

13 II testo A (issa il numero a 60; l'errore e forse 25 
ilipeso dall'aver letto per o il 9, 



[A. 1453] 



BONONIENSIUM 



191 



Cronaca A 

l'Argile di Cavagli, 

l'Argile grande, 

Monte Al barn ! , et finì la matina. 

Et anche altre ville ebeno danno, che 
non sono scripte'. 
c-39b Lo dicto anno l'armada de' Veneziani, 
la quale era nelle parte de Costantinopoli, 
zoè a Negroponte preseno 1 6 fuste de' Tur- 
chi adì 18 de luglio in uno luogo nome 
Lo[re]cto 2 ; li quali Turchi haveano rubato 
el dicto paese, et erano mirabilmente ar- 
mate et in ordine de tucte quelle cose che 
a uno homo fa de bisogno; che infino a 
li marinari erano armati de chorame cum 
sopra veste de seda che gli andavano infino 
a li piedi, le quale arme haveano haute 
in Constantinopoli quando el miseno a sa- 
comano; et haveano de molte bandiere de 
setela. Li quali Turchi furono menati in 
Negroponte et molti de loro furono in- 
charzerati et le diete fuste furono somerse 
in sotto l'aqua. 

Misser Mathio da Capua, condutiero de 
gente d'arme et soldato de' Veneziani, fu 
rotto del mese d'agosto a Castello Lione 3 
de Cremonexe da le gente d'arme del conte 
Francesco da Codignola, signore de Mil- 
lano; et erano tre millia persone da cavallo 
et da pè. 

Nota che li Veneziani haveano man- 
dato el dicto misser Matheo nel conta de 
Cremona, solo per fare de campo livare lo 
dicto conte Francesco, lo quale era a cam- 
po in Bresana. Et havendo haute lo dicto 
misser Mathio alquante castelle del conta 
de Cremona, andò a campo a Castello 
Lione, el quale havé salvo conducto da' 
Veneziani, et erano la mazore parte de 
fuora alle loro posessione, onde che funo 
la mazore parte prisi. Allora el dicto misser 
Mathio scanpò intorno al dicto castello, et 
gli omini, zò vedendo, mandorono per so- 
corso al ducha de Millano; de che el ducha 
de Millano li mandò secretamente ottocento 



Cronaca B 

San Piero in Chaxale 

la Barixela, 

Manzoline, 

Chastelo Erancho, 

Sani' Agada, 

Bazane, 

Crespelanc, 

Pimazo, 
1 Montiveglio, 

Olevedo, 

Mon San Zollane, 

Mon San Piero 

Tiola, 

Savignio, 

i Runchi da Argelc A , 
et in molli altri luochi che non sono scripli. 
Et molte fortune de vienti e d'acque e site 
fono del ?nexe de mazo e de zugno. 

Nota che in questa sta de non fuo chaldo 
■per niente, anci fuo freda e ventoxa, et fuo 
pocho formento, et male se madurò l'uva, 
che Ile venderne andono molto innanci. Et 
valse la corbe del f or mento al più in fino a 
25 soldi 4.4., ma pocho andò a quelo priexio; la 
mazore parte andò da soldi j8 in 4,0. 

D'una fortuna de vento che fuo nel 

CHONTADO DE PadOA. 
30 

1453. — Nel chontado de Padoa fuo uno 
teribele vento adì 6 de luio, el quale durò 
circha uno quarto d'ora; et trovose morto 
circha 50 persone, et chaxe butade per terra 
35 500 e arbori 1 asaissimi et molte chose che e. »36 a. coi. 3 
mai non fuoron vedute el simele. 

La quale fortuna andò per Ile infra- 

scripte ville. Et innanci al dito vento andava 

uno pocho d'acqua coni uno pocho de tem- 

40 pesta; et comenzò come apreso dirò, et in 

prima : 

Moniagnana, 

Saleto, 

Valanchone, 
45 Sancta Lena, 



1 Forse Montalbano, frazione del comune di Massa 
Fiscaglia, in provincia di Ferrara. 

2 La parola non si legge bene nel cod. per un 
foro della carta. Probabilmente, seguendo la traccia 
del testo B, è da leggersi Lorecto. 



3 Castelleone, comune della provincia di Cremona, 
da non confondersi con altri Castelleone nominati in 
queste cronache. 

4 L'ordine dei luoghi è diverso da quello seguito 
dal testo A. io 



192 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1453] 



Cronaca A 

cavalli et quatrocento fanti per darli socorso, 
li quali, andati al dicto castello, preseno 
li ascolte del campo et entrorono nel campo 
ne l'alba del zorno; et trovandoli dormire, 
cominzarono a menare le mano et a gridare: 
" Viva el ducha de Milano „, et roppeno et 
preseno le diete gente d'arme da cavallo 
et da pie et aveno tucte le monitione che 
gli erano. 

El castello de Medisina ', del conta de 
Bologna, fu aspianado in alquanti luoghi 
el teraglio et desfacto tucto el palanchado 
adì 13 de setenbre, per comandamento di 
regimenti de Bologna; dissese che mena- 
vano uno tractato cum li fuorausiti de 
Bologna, zoè Zohanne de' Fantuzi. Nel 
quale castello erano stati facti molti trac- 
tati per lo tempo passato, et però funo cossi 
male tratati per li soi mali consigli et cha- 
tivanze.' 
e toa El re Rayneri, signore della Provenza, 

venne nel contado d'Alixandria dalla Paglia 
in alturio del ducha, del mese d'agosto; et 
cominzò a guerezare cum el signore Gu- 
glielmo marchexe de Monferà, el quale 
guerezava cum lo ducha de Millano corno 
soldato de' Veneziani. Et in pochi zorni 
se fece la paxe in fra amedoe le parte. 
Et facto questo, el dicto re chavalchò cum 
tucta la soa gente et cum altre gente d'arme 
ch'erano alla guardia d'Allexandria, et an- 
dono a Milano, et poi andono nel conta 
de Cremona del mese d'otobre et raquistono 
de molte chastelle, ch'erano perdute del 
dicto contado. Da poi andono a campo a 
uno castello ch'amato Ponte Vigo 2 , el quale 
castello fu messo a aacomanno et fatoli 
grande ucisione d'omini de amedoe le parte; 
et disese che gli era stato morto circha 
dusento homini de amedoe le parte. Possa 
andono in Bressana in campo dal ducha 
de Millano; per la quale andata el campo 
de* Veneziani temette et andossene verso 
Bressa, et per questo el ducha de Millano 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

Schiavatila, 

Pozo novoy 

Tribam, et qui morì meser Charlo di 
Pii per la chaxa che li minò adoso ; 

Chonselve, e qui chade 4.8 cha.re s , 

V Argele di Chavagli, 

V Argele grande, 

Monte Alban, et finì a la matina. Et 
anche altre ville ebeno dano, che non sono 
scritte. 

Come l'armada di Veneciani prexeno 
xvi fuste de' Turchi, ne le parte 
de Negro ponte. 

1453. — L'armada di Vene ciani, la quale 
era nelle -parte de Constantmopoli, zoe a JVe- 
groponte, f rexeno xvi fuste de' Turchi adì 
xviii de luio in uno luocho, nome Ijoredo. 
I quali Turchi aveano robado ci dito paexe, 
et erano mirabelcmente armati et in ordene 
de tute quelle cose che a uno /monto fa di 
bixogno ; che infino alli marinari erano ar- 
mati de choracine con sopr aveste de seda 
che gli andavano infino alli piedi, le quale 
arme aveano avute in Constantinopoli quan- 
do el miseno a sachomano ; et aveano de 
molte bandiere de seda. I quali Turchi 
fuoron menati a Negropontc, et multi de 
loro fuoron incharzcrali e Ile dite fuste 
fuorom sotnerse soto l'acqua. 

Come alquanti soldati da chavalo e 

DA PIEDE DI VeNECIANI FUORON RUTI 

a Chastelo Lione de Cremonexe 
dai soldadi del ducha de milane'. 

1453. — Meser Matio da Chapua, chon-^J 6 ^ 
dutiero de zente d'arme et soldato di Ve- 
neciani, fino roto del mexe d'aghosto a Cha- 
stelo Lione de Cremonexe dalle zente d'arme 
del chonte Francescho da Chudignola ducha 
de Milane; et erano ? milia persone da 
chavalo e da pe. 






1 Medicina, v. nota 13 a p. <>. 

2 l'onte Vico, lomune del distretto di Verola nuo- 



ti, scripte] scripe nel cod. 
nel cod. e in ni cancell. 



va, in provincia di Brescia. 

3 II testo A ha j 4S case ! 



22. armati] segue 



[A. 1453] 



BONONIENSIUM 



193 



Cronaca A 

ebbe la mazore parte del conta de Bressa. 

Nota che li Fiorentini condusseno et 
menono questo re Raynero, et fugli a con- 
durlo misser Agnolo Azaiolo ', cittadino de 
Fiorenza. 

Adi 28 de setenbre et d'otobre fu in 
Fiorenza tre taramoti grandissimi et chadde 
chase, mure et fughe de chamini, et misse 
uno gran spavento a' Fiorentini. 

Del mese d'otobre Senixi feceno legha 
cum la signoria de Venexia et el re de 
Ragona signore de Napoli. Et feceno fare 
li Senixi stendardi a dieta legha, cum gran 
festa, a morte et destrutione de' Fiorentini 
et soi sequaci; et venne dom Ferando fìolo 
del re a Siena cum tre millia cavalli. Et li 
Fiorentini feno mettere a sacomano uno 
castello a' Senixi. Vero è che del 1452 li 
Senixi haveano dato el passo et vittuaria 
alle gente d'arme del re de Ragona, che 
guerezavano cum Fiorentini nel conta de 
Rezo 2 . 

Lo dicto anno lo canpanile de ma- 
donna Santa Maria di Servi fu livero de 
fare adì 22 de novenbre, salvo che le co- 
Ione che sono nelle fenestre grande et li 
quatro toresini che sono di sopra. Lo quale 
canpanile fu acresudo dalla prima girlanda 
in suso; li quali toresini funo liveri de fare 
adì sei de luglio 1454; et fu livero e sta- 
bilito de fare el dicto canpanile adì 18 
de luglio nel dicto anno. 



IO 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

Nota che Ili Veneciani aveano mandato 
ci dito meser Matio nel contado de Cremona, 
solo -per fare livare de champo el dito 
chonte /Francesco, ci quale era a cham-po in 
Br esana. Et avendo avute el dito meser 
Matio alquante chastclle del chontado de 
Cremona, andò a champo a Chastelo Lione, 
ci quale avea salvo chondulo da' Veneciani, 
et erano la mazore parte de fuor a alle loro 
posessione, onde che fono la mazore parte 
prixi. Alora el dito meser Matio s'achampò 
intorno al dito chastelo, et gli omeni, ciò 
vedendo, mandono per secorso al ducha de 
Milane. Alora ci ducha li mandò sechreta- 
mente 8oo chavagli e 4.00 fanti per dark 
sechorso, i quali andati al dito chastelo, pre- 
xeno li ascholte del champo et introno nel 
champo ne l'alba del zorno; et trovandolli 
dormire, comenzarono a menare le mane et 
a cridare: " Viva el ducha de Milane „ ; et 
ropeno e prexeno le dite zente d'arme da 
chavalo e da pè, et aveno tute le monecione 
che gli erano. 

Come el chastelo de Medexina fuo a- 
spianado e 'l teraglio in alquanti 

LUOGHI. 

1453. — El chastelo de Medexina, del 
chonta de Bologna, fuo aspianado in al- 
quanti luoghi e 7 tcraglio, e desfato tuto el 
palanchado adì ij e adì 14. de sete?nbre*, 
per comandamento di reg intenti de Bologna. 
Disesse che menavano uno tratato con li 
fuor ausiti de Bologna, zoe Zohane di Fan- 
tuci. Nel quale chastelo erano stati facti 
molli tractati per lo tempo pasato, et però 
fono così tratati per li suo' mali consigli e 
chalivanze. 

Come el re Rainieri signore de la Pro- 
venza vene in Italia.' 

1453. — El re Rainieri, signore de la e. 2j6/> - coi. 2 
Proenza, vene nel chontado d'Alisandria da 
la Paia, in alturio del ducha, del mese d'agho- 



1 Acciaiuoli, celebre famiglia fiorentina. 

2 Lo scrittore vuole indicare Arezzo, non Reggio. 



3 Nel testo A si ha soltanto il giorno 13 settem- 
bre, ma è da seguire in tali particolari questa cronaca. 



T. XVHI, p. 1, v. iv 



!3- 



194 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1453] 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



4(1 



Cronaca B 

sto ; et chomenzò a guerezare con el signore 
Guilielmo marchexe de Monferà, el quale 
guerezava con el ducha de Milane, come 
soldato di Venetiani. Et in puochy zumi 
se feze la paze in fra amedoe le -parte. Et 
fato questo, el dito re chavalchoe con tuta 
soa zente et con altre zente d'arme, ch'erano 
a la guardia d'Alisandria, et andono a Mi- 
lane, poi andono nel chontado de Cremona, 
del inexe de oloère, e raquislono de molte 
chastelle, ch'erano perdute, del dito chonta- 
do l . Da poi andono a champo a uno cha- 
stelo nome Ponte Vigo, ci quale chastclo fuo 
meso a sachomano e f atolli grande ocixione 
d'omcni de amedoe le parte : se dise che gli 
era stato morto circha 200 homeni. Posa 
andono in Brcsana in champo dal ducha. de 
Milane. Per la quale andata el champo di 
Vencciani temete, e andosene verso Bresa. 
Et per questo ci ducha de Milane eòe la 
mazore parte del conta de Bresa. 

Nota che Ili Fiorentini chonduseno e 
meno no questo re Rainieri, et foli a con- 
durlo meser Agnolo Azaiolo citadino de 
Fiorenza. 

D'uno tremoto che vene in Fiorenza. 

1453. — Fn la cita de Fiorenza fuo 
uno tremoto adì 28 de seiembre tra ore 4. 
e 5 de note, el quale feze chaschare molte 
fughe de chamini et feze gran dano nel 
palazo di signiuri. I quali tremoti fono 
tre volte, zoè adi 28 e adì 30 e adì primo 
de otobre: et feze grandisima paura al dito 
populo % . 

Come i Senixi fezeno liga con Veneciani 

ET COM EL RE DE RaGONA. 

1453. — - I Senexi fezeno liga del mexe 
de otobre con la signoria de Vcncxia et con 
el re de Ragona, signore de Napoli e de la 
Puglia. / quali Senexi fezeno fare sten- 



IT^, andono] segue nel cod. a cariceli. 



1 Vedasi quanto si è raccontato poco più sii, in 
questa stessa cronaca, p. 192, 34 sgg. 



'*' La notizia b in questa cronaca narrata assai più 
diffusamente clic non nel testo A. 5 



[AA. 1453-1454] 



BONONIENSIUM 



195 



Cronaca A 



Anno Christi Mcccc54. Misser Baptista 
de Antonio Manzuolo chalonegho de Sam 
Piero et cittadino de Bologna, della capella 
de Santo Archanzelo, fu impichato per la 
gola, per uno tratalo che lui menava, adì 
14 de zenaro, la notte sequente, nella pre- 
sone delle f emine; possa la matina se- 
e . yo^quente fu ' portado alla chiexia de Sam 
Piero per li Batudi del spedale della Morte, 
zoè adi 15 del dicto mese. 

Et in questa matina funo zustisiati per 
lo dicto tratato li infrascripti nomini, zoè : 

Antonio, 

Nicolò fratelli et noli de Mathio To- 
scheto, strazarolo, 

Iacomo de Domenego Biancholim, 

Bertom da Canedolo, del conta de Bo- 
logna, el quale fu impichato per la gola 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

dardy a la insegna de la dita ' liga et fé- e. ? 37 a - coi. i 
zonli chonsagrare con gram festa e trionpho 
turando la liga inseme a morte e destrutione 
di Fiorentini e di suoi amixi. Et 'per questa 
chaxone vene a Siena dom Frante figliolo 
del re de Ragona con j milia chavagli. 

Nota che in questo ano li Fiorentini 
aveano facto metere a sachomano uno cha- 
stelo et uno palazo nel chontado de Siena ; 
vero è che Ili Senixi, de Vano 14.52, aveano 
dado el -paso e vituaria a la zente d'arme 
del re de Ragona, che guerezavano con 
Fiorentini nel chontado d'Arezo 1 . 

Come el. champanile de madonna Sancta 
Maria di Servi fuo acresudo e li- 
vero DE FARE. 

1453. — FI champanile de madona 
sancta Maria di Servi fuo livero de fare 
adi xxii de novembre, salvo che le cholone 
che sono nelle fenestre grande e Ili 4 tore- 
xini, che sono di sopra. FI quale cham- 
panile fuo acresudo da la prima grilanda 
in suxo. I quatti torexini fuoron liveri de 
fare adì vi de luio 14-54- Ft fuo livero 
e stàbelito de fare el dito champanile adì 
18 de luio nel dito ano. 

D'uno tratado che menava meser Bati- 
sta de Antuonio Manzolo, citadino 
de Bologna, chalonego in San Pie- 
ro ET COMO FOE IMPICHADO PER LA 
GOLA PER LO DITO TRATADO. 

1454. — Meser Batista de Antuonio 
Manzolo, chalonego de San Piero et cita- 
dino de Bologna, de la chapela de Santo 
Archanzelo, fo impichado per la gola adì 

14 de zenaro, la note sequente, ne la pre- 
xone de le f emene ; puosa la matina sequente 
foe portado a la ghiexia de san Piero per 
li Batudi del spedale de la Morte, zoè adì 

15 del dito mexe. 

Ft in questa matina fono zustixiadi, per 
lo dito tractado, li infrascripti ' homeni, zoè e. 137 a - coi. 7 
in prima: 



1 Anche questi avvenimenti di Siena sono nar- rati qui con maggiori particolari. 



196 



CORPUS CHRON1CORUM 



|A. 1454| 



Cronaca A 

dalla porta del Pradello: et li sopradicti 
Antonio, Nicolò et Iacomo haveno tagliato 
la testa alla dieta porta per lo dicto tratato. 

Et la condenasone del dicto Bertone 
disse che del mese d'aprile de l'anno pas- 
sato misser Galotto da Canedolo rivello de 
Bologna, abitando a Modena, mandò a dire 
al dicto Bertone se '1 voleva adure in Bo- 
logna alchune arme et meterle in una soa 
chasa che '1 tegnia apresso la porta del Pra- 
dello, la quale porta era murada et se '1 
voleva essere cura loro a rompere el muro 
alla dieta porta. Respose che non voleva 
essere cum loro, ma che li faria bene ser- 
visio de adure le arme et zò che volesseno 
dentro. Et poi del mese de zugno et de 
luglio tre fuorausiti de Bologna, che non 
funo nominati, portono a chasa del dicto 
Bertone diexe chorazine choperte, pichuni 
de ferro, pali de ferro, uno fasso de glia- 
varine cum scorpegli ' : poi el dicto Bertone 
adusse tucte queste cose dentro da Bologna 
in fassi de feno, et miseli in la dieta chasa 
che '1 tegnia dalla porta del Pradello. 

Et la condenasone del dicto Nicolò et 
Antonio fratelli et de Iacomo Biancholino 
disse che '1 sopradicto misser Baptista havea 
mandato per lo dicto Antonio che li venisse 
a parlare, el quale Antonio andò a parlare 
al dicto misser Baptista in chasa soa. Et es- 
sendo cum lui, disse misser Baptista: u An- 
* tonio, io so che tu sei grande amicho de 
" misser Galotto da Canedolo, io te haviso 
" che l'à el modo de possere entrare in Bo- 
u logna cum li soi amisi, et pertanto fa che 
" tu sii in punto quando el bisognarà „ ; et 
fezili de molte proferte et poi se parti. Et 
da Ili alquanti zorni el dicto Antonio disse 
a Nicolò suo fratello: " io te haviso che 
8 uno doctore de questa terra m'à dicto 
" corno misser Galotto da Chanedolo a uno 
" tratato in Bologna etvignirano cum tanta 
" gente che intraranoin Bologna „. Et Ni- 
colò disse : " Chi è quello doctore fl ? Et 



10 



15 



20 



25 



30 



v>0 



40 



45 



Cronaca B 

Antuonio ) fradiegli e figlioli de Ma/io 
JVic/iolò ) Toscheto, strazarolo, 
Jachomo de Domenego Biancholim, 
Bertoni da Chanedolo del chonta de Bo- 
lonia, el quale foe impichado -per la gkola 
da la -porta del Pradclo ; e Ili sopraditti 
Antuonio, Nicolò e Iachomo aveno tagliato 
la testa a la dita porta per lo dito tratato. 
La ckondanaxone del dito Bertone dise 
che del mexe d'aprile de l'ano pasado mescre 
Galoto da Chanedolo rivelo de Bologna, abi- 
tando a Modena, mandò a dire al dito Ber- 
tone s'cl volea adure in Bologna alchune 
arme e fnelerle in una soa chaxa, ch'el te- 
gnia apreso la porla del Pradclo, la quale 
porta era murada, e s'cl voleva esere con 
loro a ronperc ci muro a la dita porta. Re- 
sfioxe che non volca cscre con loro, ma che 
li faria ben servixio de adurc le arme e zò 
che volcscno dentro. Et poi del mexe de 
zugno e de luglio tri fuorausiti de Bolo- 
gna, che non fono nominati, portono a chaxa 
del dito Bertone x choracinc choperte, pi- 
chuni de ferro, pali de ferro, imo faso de 
gliavarinc con scharpiegli. Poi el dito Ber- 
tone adusc tute queste cose dentro da Bolo- 
gna in fassi de fenc, e mixeli in la dita 
chaxa ch'el tegnia, da la porta del Pradclo. 
La chondanaxone del dito JVicholò e An- 
tonio fradiegli e de Jachomo Biancholine 
dise che 'l sopradilo meser Balista avea 
mandato per lo predito Antonio che li ve- 
nise a parlare, ci quale Antonio andò a par- 
lare al dito meser Batista in chaxa soa. Et 
cscndo con lui, dise meser Batista: " Antonio, 
" io so che tu sci grande amigho de ?ncscre 
a Galoto da Chanedolo, io t'avixo che l'à el 
" modo de poscre intrare in Bologna con li 
" suoiamixi, et pertanto fa che tu sii in punto 1 
tt quando ci boxognara „ ; et fezeli de molle^'J 7 ,' 
proferte, et po' se parti. Et da lì alquanti 
turni el dito Antonio dise a JVicholò suo fra- 
telo : " Io t'avixo che uno doctore de questa 
a terra ni' a dito come mèser Galoto da Cha- 



15. soa] aggiunto aopra la riga nel cod., ma dalla 
matto che vergò il cod. stesso 



Scalpelli. 



[A. 1454] 



BONONIENSIUM 



197 



Cronaca A 

respose: " Ell'è misser Baptista Manzuolo „. 
Et Nicolò disse: "Piaseme„. Ancora el 
dicto misser Baptista mandò per lo sopra- 
dicto Iacomo Biancholino e diseli lo dicto 
tractato et domandoli se havea arme alchune 
a chasa. Respose che no, ma che havea 
alla porta de Gallerà, a la chasa del ga- 
belino, doe gliavarine et uno spedo, però 
che lui era gabelino alla dieta porta, che 
lui le mandarla a chasa soa che '1 steva in 
Santa Ysaya. 

Da poi che fu lietto questa condena- 
z/aSone, 'uno altro nodaro de malifizii liesse 
el processo de misser Baptista et disse in 
questo modo: " Che uno zorno el dicto mis- 
ser Baptista chiamò uno suo chieregho chia- 
mato Gelino et disseli : " Te daria l'animo 
" de possere chaminare in fino a Modena ? „ 
Respose che no, perché non se senteva bene. 
Disse misser Baptista : " Poristi chavalcha- 
" re ? ,, Disse de si. * Io te farò dare uno 
" cavallo al vichario del vescovo et la licen- 
u tia et tu andarai a Modena, et voglio che 
" tu porti una lettera a misser Galotto da 
" Chanedolo „, et cossi la portò „. El tenore 
de quella diceva : ft Misser Galotto, ve aviso 
" corno a quisti dì è stato a Bologna misser 
" Crestim Francesco, et in chasa de misser 
" Santo di Bentivogli s'è facto conseglio de 
" metere mille duchati in deposito per fare 
" amazare Guasparo da Canedolo „. Vezudo 
che havé misser Galotto la dieta lettera, li 
rescripse a llui, rengratiandolo molto. An- 
cora disse che '1 dicto misser Baptista andò 
a Rezo per parlare a misser Galotto, et 
quando fu a Modena mandò a dire a misser 
Galotto che li voria parlare; et misser Ga- 
lotto li mandò a dire che non voleva, che 
poria essere scandalo, ma che lui andasse 
a Rezo che lui mandarla uno fra Pelegrino 
che li desse odientia corno a lui proprio. 
Et cossi andò et parlò cum lui, n arandoli 
comò misser Galotto havea el modo de ve- 
nire cum bono alturio dentro de Bologna. 
Partito che fu el fra, misser Baptista tornò 
verso Bologna et mandò a donare uno paro 
de capuni et uno fasano et solzizza grossa 
a misser Galotto. Et quando fu a Bologna 
rescripse altre volte al dicto misser Galotto, 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



50 



Cronaca B 

" nedolo he uno tratado in Bologna et vigni- 
tt rano con tanta zente che intr arano in Bo- 
a Ionia „ . Et Nicolò dise : tt Chi e quelo 
" do et or e ? „. Respoxe: " El e mescr Ba- 
" Usta Manzolo „ . Nicolò dise : u Piaxeme „ . 
Anckora ci dito meser Balista mandò -per 
lo sopradilo Iachomo Biancholine e diseli 
lo dito tractado e domandoli se avea arme 
alchune a chaxa. Respoxe che no, ma che 
avea a la -porta de Gallerà, a la chaxa 
del ghabeline, doe gliavarine e uno spedo, 
però che lui era gabelino a la dita porla, 
che lui le mandarla a chaxa soa, ch'el slava 
in Santo Ixaia. 

Da poi che fuo lieto questa chonda- 
naxonc, uno altro nodaro da' maleficii liesc 
el processo de meser Batista et dise in 
questo modo: Che uno zorno el dito me- 
ser Batista chiamò uno suo chierego, nome 
Gulino, e diseli: " Te darla l'animo de posere 
" chaminare in fino a Modena? „. Respoxe 
che no, perché non se sentia bene. Dise meser 
Batista : " Porislu chavalchare ? v . Dise de 
sì. " Io te farò dare uno chavalo al vichario 
" del veschovo e la lizencia et tu andarai a 
tt Modena, et voglio che tu puorti una litera 
a a meser Galoto da Chanedolo „ ; et così la 
portò. El tenore de quela dizea : " Meser 
" Galoto, avixovc come a quisti dì è stado a 
" Bologna meser Crestim Francescho, et in 
" chaxa de meser Sancto di Bentivogli s'è 
" facto chonseglio de metere mile duchati in 
" depuoxito per fare amazare Guasparo da 
a Chanedolo „ . Vezudo che ave meser Galoto 
la dita litera, li rescrise a lui rengratiandolo 
molto. Anchora dise che 'l dito meser Batista 
andò a Rezo per parlare a meser Galoto, et 
quando fuo a Modena' mandò a dire a meser e. 2370 - coi. 2 
Galoto che li volea parlare-, et ?neser Galoto 
li mandò a dire che non volea, che poria esere 
schandelo, ma che lui andase a Rezo, che ly 
mandarla uno fra Pclegrine che Ili dese 
odientia come a lui proprio. Et così andò 
e parlò con lui, narandoli come meser Galo- 
to avea modo de vegnire con buono alturio 
dentro da Bologna. Partito che fuo el fra, 
meser Batista tornoe verso Bologna et man- 
dò a donare uno paro de chapuni e uno 
faxano e salsiza grosa a meser (raloto. Et 



198 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1454] 



e. 41 b 



Cronaca A 

et mandoli a presentare una scatola de con- 
fetione et panno per maneghitti cum altro 
panno. Et misser Galotto li scripse a lui 
comò havea mandato cinque soi amisi, li 
quali haveano facto una busa nel muro della 
città apresso la porta del Pradello, et che 
misser Baptista li mandasse a dire quanto 
posseva essere alto le mure della porta del 
Pradello, dentro et de fuora. Et misser 
Baptista gli andò in persona et ancho li 
mandò Golino de fuora, et mandò per uno 
fiascho de vino a la Certosa perché paresse 
non fusse andato per altro se non per quello 
vino. Et cossi se scrisseno più volte l'uno 
e l'altro. 

Nota che '1 dicto tractato fu scoperto 
per dui homini fratelli zurati, zoè Cornelio 
de Gretia, lo quale se faceva chiamare da 
Trevise et Iacometto de la Mirandola, a li 
quali fo donato lire mille de bolognini et 
tucte le massarie et robbe ch'erano in chasa 
del dicto misser Baptista, et soldo per do- 
dese lanze et lire 15 de bolognini ogni mese 
per soa provisione. Li quali cominzono a 
fare duchati et pichiuni falsi cum uno suo 
fameglio nome Antonio de conta de Fio- 
renza, et per questo haveno tagliato la testa 
tucti tre adi 17 de setenbre del dicto anno.' 

Lo dicto anno li Fiorentini, essendo in 
discordia cum Senisi, mandorono a tempo 
de nocte alquanti loro soldati alla città de 
Siena, a la quale feceno inferlare una porta, 
del mese de febraro. Et per questo li Se- 
nisi, zò vedendo, mandorono alquanti loro 
soldati adì 12 de febraro et feceno bru- 
sare una porta de Fiorenza, mostrando non 
havere paura de loro. 

Adì 31 de marzo Borgo signore de 
Ferara et Bolognisi feceno uno acordo che 
l'uno l'altro non pagasse bolette a li passi 
che prima pagavano, et fu grande allegreza. 
Et andò la grida alla renghiera cum pifari 
et tronbe ; lo quale acordo fu facto per me- 
zanitade de Iacomo de Pelegrino de li In- 
grati: che da questo tempo indreto ogni 
homo havea pagato tale bolette et passi. 

Adì 13 d'aprile ! venne novelle per cha- 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

quando fiio a Bologna rescripse altre volte al 
dito mescr Galoto et mandogli a prexentarc 
una schatola de chonfetione et pano per ma- 
neghitti, con altro pano. Et meser Galoto 
li scripse a lui come avea mandato cinque 
suoi amixi, i quali aveano facto una buxa 
nel muro de la citade apreso la porta del 
Pradelo, et che meser Batista li mandase 
a dire quanto posea esere alto le mura de 
la porta del Pradelo, dentro e de fuora. 
Et meser Batista gli andò in persona et 
anche li mandò Gulino di fuora, e mandò 
per uno fiascho de vino a la Zertoxa perche 
paresc che non fose andato per altro se non 
per qttelo vino. Et così scriseno più volte 
l'uno a V altro. 

Nota che 7 dito tratato fuo schuperto 
per dui homeni fratelli zurati, zoè Chor- 
nelio de Gretia, el quale se jazea chiamare 
da Trevixe, e lachometo da la Mirandola, 
a Ili qua Ili fuo donato lire mille de bolognin 
e tutte le masarie e robe ch'erano in chaxa 
del dito meser Batista, e soldo per xii lanze 
e lire xv de bolognini ogne mexe per soa 
privixione. I quali chomenzono a fare du- 
chati e pichitmi falsi con uno suo fameio 
nome Antonio del chontado de Fiorenza, et 
per questo aveno tagliato la testa luti tri 
adì xvii de setenbre del dito ano.' 

1454. — I Fiorentini, cscndo in dischor- r c *f " 
dia con Scncxi, mandarono a tempo de note, 
alquanti loro soldati a la cita de Siena, a 
la quale feceno inferlare una porta, del 
mexe de febraro. Et per questo i Senexi, 
ciò vedendo, mandarono alquanti loro soldati 
adi xii de febraro et feceno bruxare una 
porta de Fiorenza, mostrando non avere 
paura delli loro zigni. 

D'uno achordo fato tra el marchexe 
de Ferara da una parte e Bolo- 
gnixi da l'altra parte, che nesuno 
huomo non paghase bolette ne pa- 
sagi da ne6una delle dite parte. 

1454. — Adì xxxi de marzo andò una 
crida a la renghiera del palazo di signiuri 



1 In luogo del 13 di aprile, il testo D ha la data giacche non avrebbe mai tardato tanto tempo il Duca 
del io. Questa data e con tutta probabilità l'esatta; di Milano a mandare tali notizie a Bologna e a Firenze, 



[A. 1454] 



BONONIENSIUM 



199 



Cronaca A 

valari del ducha de Milano che la paxe era 
conclusa tra la signoria de Venexia et el 
ducha de Milano. Li quali chavalari anda- 
vano a Fiorenza. La quale paxe s'è facta 
et conclusa adì otto d'aprile a hore quatro 
de notte in la città de Lodi. Et adì 13 
d'aprile, a tempo de notte, venne uno cho- 
riero per parte de la signoria de Venexia, 
cum lettere notificando la dieta paxe; et la 
matina per tempo ne venne uno altro cho- 
riero del ducha de Milano cum lettere. Li 
quali chorieri funo vestiti de rosato cum 
grande honore et menati a cavallo per la 
cittade menandoli le redane cum trombe et 
pi fari. Et haveano l'arme de la signoria de 
Vinexia et del ducha de Milano et de 
monsignore et del puovolo de Bologna; et 
per alegreza sonò le canpane del comun, 
a martello, tucto quello dì. Et subito 1 venne 
uno choriero da parte de' Fiorentini, comò 
era facta la paxe tra Senixi e loro ; el quale 
fu vestito de rosato, comò li primi chorieri. 

Copia della littera della signoria de 
Vinexia mandata a li regimenti de Bologna. 

Franciscus Foschari, Dei gratiadux Ve- 
neciarum, magniiìcis et potentibus dominis 
antianis consulibus et vexilifero iustitie po- 
puli et comunis Bononie amicis dilectis, 
salutem et sincere diletionis eff ectum. Novi- 
mus continua rerum experientia singularem 
effetionem et diletionem magnifìcentiam ve- 
stram erga rempublicam nostram, et prop- 
terea convenientissimum arbitrati sumus 
secum de gaudiis nostris amicabilem parti- 
cipare ; igitur ad ipsius letitiam et gaudium 
notifficamus die vili instantis, Spiritus santi 
gratiam mediante, conclusam formatamque 
cum honore nostro fuisse bonam validamque 



22. e loro] parole aggiunte dalla stessa mano sopra 
la riga — 36. arbitrati] nel cod. avevasi arbitratis, 
poi /'s fu cancell. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

antiani con trombe e fi/are, sonando Hi 
volte, come -per parte di regimenti di Bolo- 
gna era fato achordo -per sfidale benivolentia 
con meser Borse da Est, marchexe de Fera- 
ra, che nesuno citadino de Bologna overo 
chontadino del dito chontado non dovese 
pagliare alchuni passi, overe bolette o punti 
nelle terre del dito marchexe de Ferara; et 
che ne nesuno Ferarexe o Modenexe, overe 
altri suditi del dito marchexe, non doveseno 
pagare alchune bolette, overe passi o punti 
nel chontado de Bologna, né in la dita citade. 
FI quale achordo fuo facto per mezanitade 
de lacomo de Pelegrim de gV In gradi. Che 
da questo tempo indriedo o gnomo avea pa- 
gado tale bolette e passi e punti. 

Come se feze paxe in fra Veneciani e 
'l. ducha de Milane. 

1454. — Vene novelle a Bologna per 
chavalari del ducha de Milane adì x d'apri- 
le, come la paxe era facta e choncluxa in 
fra el ducha de Milane e la signoria de 
Vinexia. I quali chavalari andavano a Fio- 
renza. La quale paxe s'era facta e chon- 
cluxa adì viii d'aprile a ore iiii de nocte 
in la cita de Lodi. Et adì xiii d aprile, 
a tempo de nocte, venne uno choriero per 
parte de la signoria de Venexia, con litere, 
notifichando la dita paxe. F la matina 
per tempo ne venne un altro choriero 'per e. ?jsa - eoi. 2 
parte del ducha de Milane con litere. I 
quali chorieri fuoron vestili de roxado e 
menati a chavalo per la citade, menandolli 
le radane con trombe e pifare. Ft aveano 
l'arme de la signoria de Venexia e del ducha 
de Milane e de monsignore 2 e del puovelo 
de Bologna. Ft per alegreza sonò le chan- 
pane del chomune, a martelo, luto quel dì. 



S. overe] l'o fu aggiunto più tardi sulla riga 
nel cod. — 14. quale] segue nel cod. a cancell. — 36. 
menati] segue a cancell. nel cod. 



essendo stato firmato l'accordo il giorno 8. Forse fu 
5 fatta confusione con l'arrivo dei rappresentanti di Ve- 
nezia, che giunsero realmente il 13, come appare più 
sotto. 



1 II testo B è assai più preciso, mettendo la data, 
che è il 23 aprile. 

2 II rappresentante del Papa a Bologna, più volte io 
sopra ricordato. 



200 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1454] 



e. 42 a 



Cronaca A 

pacem inter illustrerà dominum ducerti Me- 
diolani et nos ac illustrissimam ligham no- 
strani, perpetuis temporibus, favente Domi- 
no, duraturam.' 

Datum in nostro duchali palatio, die 
10 aprilis, inditione secunda, 1454. 

Copia della littera mandata dal ducha 
de Milano a li regimenti de Bologna. 

Magnificis dominis dominis anzianis, 
consulibus, vexilifero iustitie populi comu- 
nis Bononie, fidelibus amicis nostris cari- 
simis. 

Reverendissime in Christo pater ac ma- 
gnifici amici nostri carissimi. Quantunque 
la nostra illustrisima ligha sempre habia 
desiderato el bene et riposo de tucta que- 
sta nostra Ytalia, et molte pratiche siano 
state per il passato de venire a bona pace, 
nondimeno pare non sia stato voluntade del 
nostro onipotente Dio de venire a tale ef- 
fecto. Ma essendo al presente la mazore 
parte della nostra gente d'arme spezate per 
usire in campo, è 't piazuto a l'altissimo Dio 
de mettere inante novo tratato de pace; 
et non volendo nui guardare ad alcuna 
nostra specialitade, ozi, in questo dì siamo 
venuti cum nostri collegati, adherenti, re- 
cornandati, complici, sequaci ad bona sin- 
cera et tranquilla pace cum la illustris- 
sima signoria de Vinexia et cum tucti soi 
coligati, recomandati, adherenti, complici, 
sequaci : de la quale speriamo debia sequire 
bonissimo fructo a tucta Ytalia et Christia- 
nità. La quale cosa nui havemo voluto no- 
tifficare alla reverendissima signoria et ma- 
gniricentie vostre, perché ne rendemo certi 
ne prenderano piazere et consolatione, sì 
per l'amore che ne portamo, sì per lo bene 
comune de tucta Ytalia. Ex Laude, die vili 
aprilis 1454. 

Franciscus Sfortia vicecomks dux 
Mediolani, Papié, Anglerieque Co- 
mes ac Creinone dominus. 



12. fidelibus] nel cori, leggesti filibus — 43. An- 
glerieque] Anglieque cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Et adì xxiii de acrile venne uno choricro 
da -parte dì Fiorentini, come era facia la 
paxc infra loro e Scnexi. El quale fuo 
vestito de roxato come li -primi choricri. 

Chopia de la litera de la signoria de 
Venexia, mandata ai regimenti de 
Bologna. 

1454. — Francischus Foschari, Dei gra- 
tta dux Vcnetiarum tic. Magnificis et po- 
tentibus dominis antianis consulibus et vexi- 
lifero iusticie populi et comunis Bononie 
amicis diletis, salutem et sincere dilcctionis 
affectum. JVovimus continua rerum cxper len- 
tia singularem cffctionem et dilcctioncm ma- 
gnifìcentiam vcstram erga rempublicam no- 
strani, et propterca convenientissimum ar- 
by Irati sumus scarni de gaudiis nostris 
amycabìlem partiapare; igitur ad ipsius 
leticiam et gaudium notifcamus die vili in- 
stantis, Spiritus sunti gralia mediante, con- 
clusa»! formatamquc coni honorc nostro fuisse 
bonam validaniquc pacem inter illustrem do- 
minum duccm Mediolani et nos ac illustrisi- 
mam ligam nostrani perpetuis temporibus, 
favente Domino, duraturam. 

Datum in nostro ducali palatio, die x 
aprilis, inditione seconda, 1454. 

Copia d'una litera mandata dal ducha 
de Milane alli regimenti de Bo- 
logna. 

1454. — Magnificis dominis dominis 
antianis, consulibus, vexilifero iusticie po- 
pulli comunis Bononie, fydelibus amicis no- 
stris carisimis. 

Rcvcrendisimc in Christo pater ac ma- 
gnifici 1 amici nostri carisimi. ^uantun-''oi. t 
que la nostra ilustrisima liga sempre abia 
desiderato el bene e riposo de luta que- 
sta nostra /lalia, et molte pratiche siano 
state per lo pasato de venire a bona paze, 



28-29. Datum.... 1454] scritto con inchiostro rosso 
nel cod. — 35-38. Magnificis .... carisimis] scritto con 
inchiostro rosso nelcod. — 37. fydelibus] nel cod. fylibus 
— 4 1. l)ona] segue h cancell. nel cod. 



[A. 1454] 



BONONIENS1UM 



201 



Cronaca A 

Copia della littera mandata da li signu- 
ri de Fiorenza a li regimenti de Bologna. 

Reverendissimo in Christo patri ac do- 
mino patri nobis precipuo domino B. ' epi- 
scopo tusculano cardinali niceno apostolice 
sedis legato, nec non magnifìcis ancianis 
nostris carissimis dominis antianis, consu- 
libus, vexilifero iustitie populi et comunis 
Bononie. 

Magnifici domini fratres et amici dia- 
rissimi, divina inspirante gratia, quod fau- 
stum felixque sit, pax inter serenissimum 
regem Aragonorum et illustrem dominum 
Venetorum et illustrem dominum ducem 
Mediolani et comunitatem nostram coliga- 
tosque utriusque partis conclusa est die 
ottavo presentis mensis. Hoc signilicare 
magnificentiis vestris volumus et eas tanti 
/-'^boni'tanteque letitie participes efficeremur, 
neque de tarditate nostra mirentur 2 , sed 
bonis de causis id ciatum esse existimet. 

Datum Florentie, die 18 aprilis 1454. 

Priores artium, vexilifer iustitie populi 
comunis Florentie. 

El batesimo novo ch'è in Sam Piero 
nella capella nova, dove è l'altaro de sam 
Bartolomio, se cominzò de baptezare adì 
xx d'aprile, la vilia de pasqua; et el primo 
che li fu baptezato, fu una fiola de Iacomo 
Quatremezo peschadore, che sta in Galle- 
rà; la quale havea nome Francescha. 

Misser Santo di Bentivogli menò mo- 
gliere adì 19 de mazo, corno qui apresso 
vi scriverò destintamente. Et però nota che 
adì 9 del dicto mese se partino da Bolo- 
gna alquanti cittadini li quali andono a 
Pesaro per la sposa del dicto misser Santo, 



7-8. apostolice sedis] nel cod. apostoli sedia — 
15. Aragonorum] aragonum cod. — 16. illustrimi cod. 
— 20. magnificentii cod. — 25. Prioris cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

nondimeno -pare non sia stato volontà del 
nostro oni-potente Dio de venire a tale effetto. 
Ma essendo al prexente la mazore parte 
delle nostre gente d'arme spazate per uscire 
in canpo, è 't piazuto a Taltisimo Dio de 
meterze innante novo tractato di paze ; et non 
volendo nui guardare ad alcuna nostra spe- 
dalità, hogi, in questo dì, siamo venuti con 
nostri coligati, adherenti, recomandati, com- 
plici, seguaci ad buona sincera et tranquila 
paze con la ilustrisima signoria de Venexia 
et con tutti stioi coligati, recomandati, adhe- 
renti, complici, seguaci. De la quale spe- 
riamo debba seguire bonissimo fructo a tuia 
Italia et Christianità. La qual cosa nui 
avemo voluto notificare a la reverendisima 
signoria et magnificcntie vostre perchè ne 
rendemo certi ne prenderano piazere et con- 
solatone, sì per V amore che ne portano, sì 
per lo bene comune de tuta Italia. 
JEx Laude, die viii aprilis. 

Francischus Sfortia Vicecomes 
dux Mediolani et Papié An- 
glericque Comes ac Cr emone 
dominus. 

Copia d'una litera mandata dalli si- 
gnuri de Fiorenza alli regimenti 
de Bologna. 

1454. — Revercndisimo in Cristo patri 
ac domino patri nobis precipito domino B. 3 
episcopo tuschulano cardinali niceno aposto- 
lice sedis legato, nec non magnijìcis antianis 
nostris carisimis dominis ancianis, consulibus 
et vexilifero iustitie populi et comunis Bo- 
nonie. 

Magnifici domini fratres et amici ca- 
risimi, divina inspirante gratia, quod fau- 



1 È il famoso cardinal Bessarione, Governatore di 
Bologna. 

2 I Fiorentini furono infatti gli ultimi a comuni- 
cò care, per mezzo di lettere, a Bologna la buona novella 



22-26. Ex .... dominus] tanto il luogo di data- 
zione quanto le parole della sottoscrizione sono tutte in 
inchiostro rosio nel cod. — 31-37. Reverendisimo . . . . 
Bononie] anche questa intitolazione è scritta in inchio- 
stro rosso nel cod. — 33-34. apostolice] apostoli cod. 
— 34. sedis] sedia cod. 



ma e da tener presente che i Fiorentini erano assai 
lontani da Lodi, ove la pace si firmò ; e la Signoria 
dovette perciò essere informata più tardi. 
3 II card. Bessarione. 



202 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 14541 



e. uà 



Cronaca A 

la quale era iìola del signore Alixandro da 
Codognola, fratello del conte Francesco da 
Codognola, ducha de Millano. 

Li quali cittadini furono quisti ; zoè: 

Misser Achille de' Malvizi, cavaliero de 
nostra Donna del tempio, 

misser Nicolò Sanudo, cavaliero, 

misser Christovalo de' Chazanemixi, 
cavalieri, 10 

misser Baptista da Castello Sam Piero, 
dotore, 

misser Guasparo dalla Renghiera, do- 
ctore, 

misser Polo dalla Volta, dotore et ca- 
valiero, 

misser Piero Antonio de Paxello, do- 
ctore et cavaliero, 

Ghirardo de misser Christim, 

Francesco de Bivilaqua, 20 

Zohanne Guidotti, 

Zohanne Felexim, 

Bartolomio de Castello, 

Zohanne Benedecto di Barbieri, 

Bartolomio de' Magnani da Sam Zo- 
hanne, 

li quali andono, cum circha setanta- 
cinque cavagli, per la dieta sposa. Et adì 
19 de mazo veneno in Bologna a hore 21 
et introno per la porta de Strà Maore cum 
grandissimo trionfo, et andono infino in pia- 
za, possa veneno per le Orevesarie et per 
Strazaria et andono in strà Sam Donalo a 
chasa del dicto misser Santo. Et venne 
cum la sposa U nomini et otto donne de 35 
reputatione cum dui tronbitti, li quali havea- 
no cum loro circha sesanta cavalli. 

Nota che la dieta festa era in questo 
modo : che, cominzando a la porta de Strà 
Maore iniino da Sam Tomaso dalla salegata 40 
era pieno de magli da ognilado della strada: 
et dal cantone de strà Sam Donado, zoè in 
Porta Ravignana, da zascuno lado de la 
strada' era pieno de magli fino a chasa del 



Cronaca B 

slum fclixque sii, pax inter serenissimum 
regem Ara gommi et illustrem dominimi Vc- 
nentorum et illustrimi dominimi duccni Mc- 
diolani et comunilatcm nostrani coligatosquc 
utriusque partis' concluxa est die octavo c £f% 
prcscntis mensis. Hoc significare magni- 
ficentiis vestris volimus ut cas tanti boni 
tanteque leiicie parlieipcs efficcremur, ncque 
de tarditate nostra mirentur l , sed bonis de 
chausis id datimi esse existimct. 

Datimi Florentic, die xviii aprilis 1434. 

Prioris artium \ populi comunis Flo- 

vcxilifcr iustitic j rentic. 

1454. — El batexemo novo eh' è in Sani 
Piero, ne la chapela nova donde e l'altaro 
de sam Bartolomio, se comenzò a batezarc 
adi xx d'aprile la viltà de pasqua. El 
primo, che li fuo batezato, fuo una figliola 
de facomo £>ualremezo, peschadore, che sta 
in Galiera^ la quale ave nome Franccscha. 

Come meser Santo di Bentivogli menò 
mogliere, e de la festa e apare- 
chiamento ch'el feze et delli duni 
che li fuoron facti da molte per- 
SONE. 

1454. — Meser Santo di Bentivogli 
menò moglierc adì xviiii de mazo, come qui 
a preso ve scriverò destintamentc. Et però 
noia che adì vitti del dito mexe se parlino 
da Bologna alquanti ciladini, i quali andono 
a Pexaro per la spoxa del dito meser Sancto, 
la quale era figliola del signor Alisandro 
da Chudignola, fradclo del chonte France- 
se ho da Chudignola, ducha de Milane. 

I quali ci ladini fono quisti, zoè: 

Meser Achile di Malvizi, chavaliero de 
nostra Dona del Tempio, 

meser Nicolò Sanudo, 

meser Cristovalo di (Cha- 



zanemixi, 



chavalieri 



<>. utriusque] utrusque cod. — 12-14. D»tum...t 
Klorcntic] la datatione e la firma del priore e. del con- 
faloniere di giustttia di Fircnie sono scritte con inchiostro 
rosso nel cod. 



1 Vedasi la pagina precedente, nota 2. 



[A. 1454] 



BONONIENSIUM 



203 



Cronaca A 

dicto misser Santo; et dai Chastigniuoli in- 
fine» a chasa di Bentivogli era coperto di so- 
pra de panni de lana et serado dai ladi cum 
asse d'abedo, cum una porta dinanzi. Et in 
capo de queste tende era una fontana cum 
arborselli dintorno cum girlande e pome- 
ranze suso. Sopra la qual fontana erano 
tre nomini contrafacti, zoè uno homo in 
mezo, che tegnia dui bronzi in mano, el 
quale homo era vistito et chalzato a la de- 
visa del dicto misser Alixandro da Codo- 
gnola, et traseva aqua et vino a quilli dui 
homini, che li stavano davanti, li quali era- 
no vestiti et chalzati a la devisa di Benti- 
vogli ; et da lato dritto traseva aqua et da 
lato mancho vino biancho et per la bocha 
vino vermeglio, la quale aqua et vino an- 
dava in doe choppe, che tegniano li dicti 
homini in mano. Et questa fontana era in 
mezo la strada in dritto la chasa de Iaco- 
mo da Line et de' Bentivogli. 

Et apresso a questa fontana era una 
loza longa circha setanta pie e larga se- 
santa pie, la quale loza pigliava tucta la 
strada et era tucta tasselada d'asse, cum 
abidi de sotta, cum uno albaro in mezo alto 
circha cinquanta pie, cum una lumaga din- 
torno de ligname, la quale era alta circha 
quindese pie, cum uno tasello di sopra che 
li stavano li pifari et tronbitti a sonare. La 
quale lumaga era fassata de panni de razo 
cum fogliame grande facte a oro cum colore 
verde. Sopra el dicto tasello, dove stavano 
li pifari et tronbitti, era uno pavigliunzello 
biancho, cum colonbe bianche vive dintorno, 
cum uno ritorto de una girlanda, che andava 
intorno a l'albaro infìno de sopra; el quale 
albaro tegniva uno paviglione grandissimo 
alla devisa di Bentivogli, cum le corde indo- 
rade et inarientade, cum molte strelle d'oro 
per mezo; el quale paviglione copriva tucta 
la dieta loza, o vero piazza. 

Et dintorno alla dieta piazza era ado- 
bato tucta de panni de razo cum doe cre- 
denze da lato della strada a pè delle co- 
lonne; et in suso una delle diete credenze 



37. ritorto] segue de cariceli, nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



docturi 



doduri e 
chavalicri 



Cronaca B 

meser Batista da Chastelo 
Sani Piero, 

meser Guasparo da la Ren- 
ghiera, 

meser Polo da la Volta, 

meser Piero Antonio de 
Paxelo, 

Ghirado de meser Crestim, 

Francescho di Bivilaqua, 

Giovanni Guidoni, 

Giovanni Felcxim, 

Bartolomio de Chastelo,' 

Giovanni Bencdeto di Barbieri, 

Bartolomio di Magnian da San Zohane ; 
i quali andono com circha Ixxv cavagli per 
la dita spoxa. Et adì xviiii de mazo veneno 
in Bologna a ore xxi '/ 2 et introno -per la 
-porta de Stra Maore con grandisimo trion- 
pho, e andono infino in piaza, posa veneno 
per le Orevexaric e per Strazaria e andono 
in stra San Donado a chaxa dèi dito meser 
Sancto. Et vene con la spoxa xiiii homeni 
et viii donne de reputacione con ii tronbitti, 
i quali aveano con loro circha Ix chavagli. 

Nota che la dita festa era in questo modo : 
che, chomenzando a la porta de Stra Maore 
infino da Sam Tomaxe da la salegada era 
pieno de magli da ogne lado de la strada; 
et dal chantone de stra San Donado, zoè in 
Porta Ravignana, da zaschune lado de la 
strada era pieno de magli infino a chaxa 
del dito meser Sancto ; et dai Chastagniuoli 
infìno a chaxa di Bentivogli era choperto 
di sopra de pani de lana e serado dai ladi 
con ase d'abedo con una porta dinanti. Et 
in chapo de queste tende era una fontana con 
alborselli d'intorno con girlande e pomeran- 
ze suxo. Sopra la qtialc fontana erano Hi 
homeni chontrafadi, zoè uno huomo in mezo 
che tegnia ii brungi in mano ; el quale 
huomo era vestito e chalzato a la devixa 
del dito meser Alisandro da Chudignola, e 
traxea acqua e vino a quilli ii homeni che 
li stavano davanti, i quali erano vestiti et 
chalzati a la devixa di Bentivogli, et da 
lado drido traxea acqua e da lado mancho 



C. 2JV a m c °l- ' 



16. cavagli] aggiunto più tardi dalla stessa mano 
sopra la riga. 



204 



CORPUS CHRONICORUM 



IA. 1454] 



Cronaca A 

erano le infrascripte arzentiere, zoè: sei 
bazili d'argento, di quali gli n'è uno cum 
uno bronzo tucto indorato, nove bronzi l , 
dui bochali grandi cum lo pè, choverchiadi, 
setantacinque taze, dodese quadri, quatro 
piatelli, diese scudelle, diese gardelette, 
una confedera grande cum lo pè, otto con- 
fetiere indorade senza pè. Et in chasa del 
dicto misser Santo era uno altro paviglione, 
cum panni de lana zelestri, in la loza da 
l'orto, el quale paviglione copriva tucto el 
dicto orto; ne la quale loza se parechiava 
quindese tavole. Et nella corte erano doe 
credenze che servivano al dicto paviglione. 

Et in la dieta festa erano quatro schal- 
chi generali vestiti de velutc, et 24 sescalchi 
vestiti tucti ad una liverea, zoè cum vestiti 
de veluto verde; et molti de loro haveano 
rechami de perle in suso le maneghe, cum 
e. <3à la devisa di Bentivogli in piedi.' Li quali 
seschalchi haveano sotto de loro cento- 
quatro serviduri tucti vestiti de drapo de 
seda de zubuni et de zornee, cum la de- 
visa di Bentivogli in piedi, cum molti re- 
chami alle chalze, alquanti de perle, alquanti 
d'argento. Et eragli alla dieta festa circha 
otanta donne. 

La quale brigata adì xx dicto se par- 
tino da chasa cum la mazore parte delle 
donne et cum la sposa, et andono per porta 
Ravignana et per da lo albergo da Lione, et 
veneno per piaza et zoxo per dalle Oreve- 
sarie et per Strazaria et andono a messa a 
Sam Iacomo; et inanzi a Uoro andava el fiore 
di cittadini de Bologna cum alquanti cor- 
tesani del rmirchexe de Ferara, cum tucti li 
sopradicti seschalchi et schudieri, o vero 
serviduri, che non se vedeva se non drapo 
de seda e d'oro et d'argento, ch'era una 
magnilicha cosa a vedere tanta baronia. 

Va per la dieta festa alquante donne 
funo 8chomunichade, perché haveano rotto 
la provisione facta sopra el vestire ~ cum 
volontade de misser lo legato et de tucti 







15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

vino biancho e per la bocha vino vermeglio, 
la quale acqua e vino andava in doe chope 
che teniam ly diti ho meni in mane. Et 
questa fontana era in mezo la strada indriio 
la chaxa de Iacomo da Line e di Bentivogli. 
Et apreso la dita fontana era ima loza 
long a circha Ixx pie e larga Ix pie, la quale 
loza pigliava tuta la strada et era tuta ta- 
selada d'asse con abidi de soia, con uno 
albaro in mezo alto circha L pie, con una 
lumaga d'intorno, de Ugnarne, la quale era 
alta circha xv pie, con uno taselo di sopra, 
che Ili stavano li pi fari e tronbilti a sonare. 
La quale lumaga era fusata de pani de razo 
con fagliarne grande, fate a oro con cholorc c c ' o j' 
verde. Sopra ci dito taselo, dove stavano li 
pi/ari e trombiti, era uno pavaglionzelo bian- 
cho com cholonbe bianche vive d'intorno, con 
uno ritorto d'una g rilanda, che andava in- 
torno a l' albaro infino di sopra. El quale 
albaro tegnia uno pavaglionc grandisimo a 
la devi x a di /Jenlivogli, con le chorde in- 
do rade e inaricntade, con molte strelle d'oro 
per mezo. El quale pavaglionc copria tuta 
la dita loza ovcro piaza. 

E dintorno a la dita piaza era ado- 
bata tuto de pani de razo con ii credenze 
da lado de la strada, a pe delle cholone. Et 
in suxo una de le dite credenze erano le 
infrascritte arcgcnticrc : 

vi bacilli d'arg ento, di quali glie ni era 
uno con uno bronzo, tuto indorado, 
■/ brungi, 

dui bochali grandi, con lo pò e chover- 
chiadi, 

Ixxv taze, 

xii quadri, 

ii/i piatelli, 

x schudcllc, 

x gradclelte, 

una chonfeticra grande, con lo pe, 

vili chonfetiere indorade, senza pè. 

Et in f.haxa del dito meser Sanclo era 
uno altro pavaglionc com pani de lana ze- 






1 Otto soltanto nel testo A'. 

2 Si allude allo Statuto untuario bolognese del 



15. lumaga] segue nel cod. arso cariceli. — 34. 
d'oro] aggiunto sopra la riga nel cod. 



[401 e al Registro delle vesti bollate, nonché alle con- 5 
ferme e agli inasprimenti posteriori. 



(A. 1454] 



BONONIENS1LJM 



205 



Cronaca. A 

gli altri regimenti; et perché li frati de 
Sana Iacomo disseno una messa alle diete 
donne, monsignore li fece intradire le messe 
et gli altri uffizii. 

Et adì 2 1 del dicto mese se zostrò alla 
dieta festa. Et fu sì bella festa corno se 
fesse mai un'altra in Bologna; et fu apre- 
sentato da tucti li cittadini et contadini de 
Bologna, che fu uno gran facto ; et lasso 
perché seria troppo a scrivere '. 

Capitoli facti tra la signoria de Venexia 
et el Gran Turche 

Mi gram signore et grande Amira soldam 
Maghineth bey, figliolo del gran signore Mo- 
rath bey, zuro in Dio el creatore del cielo 
et della terra et del nostro gran profeta 
Machomet et per li sette mufai che tegnemo 
et confesemo nui Musulmani, et in li vin- 
tiquatro profeti de Dio, o più, o meno, et 
in la fede che mi credo et confesso, et in 
l'anima del mio padre, et in la vita mia, et 
in spada che io me zingho. Cum zo sia cosa 
che la mia signoria havesse per avanti pase 
et amicitia cum la illustrissima et excelen- 
tissima signoria de Venexia, et habiando 
voluto fare novo sagramento cum la mia 
signoria et confirmatione della prima paxe 
confermada adì x del mese de setenbre 
in l'anno 6960, inditione quinta decima, in 
Andrenopoli, per la venuta del spectabile 
misser Lorenzo Moro honorevole ambas- 
sadore della prefata illustrissima ducale 
signoria de Venexia, et habiando suo man- 
dato el spectabile et honorevole ambassa- 
dore per la prefata illustrissima ducale si- 
gnoria de Vinexia, misser Bartolomio Mar- 
zello, per confirmatione et conservatione 
della dieta paxe; hanc edam de certe de- 
chiaratione novo contracto, comò apare 
sotto scripti capitoli oltra la ferma della 
^apredicta prima paxe' refermadi et con- 



17. nel cod.: Maghinethey — 42. apare] ripetuto 
due volte nel cod. 



LO 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

lestri in la loza da l'orto, el quale pavaglione 
chopria tuio el dito orto. Ne la quale loza 
s'aparechiaron xv tavolle. Rt ne la chorte 
erano do e credenze , che serviano al dito -pa- 
vaglione. 

Rt ne la dita festa era iiii seschalchi 
generali vestidi de veludo et xxiiii seschalchi 
vestidi tutti a una leverea, zoè con vestidi 
de veludo verde; et molti de loro aveano 
rechami de -perle in suxo le maneghe con 
la devixa di Bentivogli in piede. 1 quali 
seschalchi aveano soto di loro ciiii ser- 
viduri, tutti vestidi de drapo de seda, de 
gibuni e de zornee, con la devixa di Benti- 
vogli in piede, con multi rechami alle chalze, 
alquanti de perle et alquanti d'argento. Rt 
eraglie a la dita festa circha Ixxx donne. 

La quale brigata, adì xx dito, se par tino 
da chaxa con la mazore ' parte delle donne e e. 239 * - coi. 1 
con la spoxa, et andono per porta Ravi gua- 
rnì e per da l'albergo da Lione et veneno per 
piaze e zoxo per da le Orevexaric, e per Stra- 
darle et andono a mesa a Sam Iachomo. Rt 
innanci a loro andava el fiore di citadini de 
Bologna com alquanti chortexani del marche- 
xe de Rerara, con tucti li sopraditti seschalchi 
e schudieri, over e servidori, che non se vedea 
se non drapo di seda e d'oro e d'argento, ch'era 
una magnifica cosa a vedere tanta baronia. 

Rt per la dita festa alquante done 
fono schomunegade perché aveano roto la 
previxione fata sopra el vestire, con volon- 
tade de meser lo legato e de tutti gli altri 
regimenti; et perché li f radi de Sam Iacomo 
diseno una mesa alle dite donne, monsignore 
li fece intradire le mese e gli altri officii. 

Rt adì xxi del dito mese se zostrò a 
la dita festa. 

quisti sono li prexenti fati al dito 
meser Santo per homeni forestieri, 
in prima: 

Monsignore meser lo legato 2 : 



1 Qui il nostro cronista, che certamente conobbe 

il testo B, dal quale molto trasse, tralascia il lungo 

S elenco dei doni presentati a Sante Bentivogli in occa- 



15. zornee] il secondo e fu aggiunto sopra la riga 
nel eod. — 30. tanta] segue nel cod. ba cancell. 



sione dello sposalizio e altri particolari, i quali tutti 
sono riportati nel testo B. 

2 II cardinale Bessarione, come sopra si è già detto. 



206 



CORPUS CHRON1CORUM 



[A. 1454] 



Cronaca A 

elusi in fra la mia gran signoria et la 
illustrissima duchale signoria de Venexia; 
et per io gran signore et grande Amira 
soldan Machmet bey, prometo sopra li dicti 
sagramenti, che de sopra ò zurato, corno 
era la paxe et amicitia per avanti cum la 
illustrissima e ducale signoria de Venexia, 
cossi dico et voglio ancora havere cum la 
prefata illustrissima et ducale signoria de 
Venexia et cum li zentilhomini soi picholi 
et grandi et cum tucti gli altri soi subditi 
et colegati, ò facto et fazo fìdele et pura 
paxe et senza dolo, per mare et per terra, 
cittade, terre, castelle, ysole cum tucti li 
luoghi che signoreza la illustrissima signoria 
de Vinexiaet tucte altre terre, ysole e luoghi 
che li vene el confalone de sam Marcho, 
et quante le levarano da mò avanti, et in 
le cose che i posedeno al dì de ozi et quelle 
che i posederano in el tempo che à venire 
la prefata illustrissima ducale signoria de 
Venexia. 

Capitoli de la paxe 

Primo, niuno delli soldati et homini 
mei, che siano subiecti, o che sotto metes- 
seno alla mia signoria, fazza alchuno danno, 
né che mei metta, pure in l'animo, né con- 
sentire che '1 fazza alcuno danno o vero 
impazo per comandamento o volontade della 
mia signoria, et per alchum caso alcuno ca- 
tivo homo della mia signoria non debia 
fare danno overo impazo ad alcuni del co- 
mune de Vinexia; et se per questo vignesse 
alcuna notitia, overo rechiamo alla mia si- 
gnoria, io li debia chastigare condecen- 
temente secundo el suo delieto, per exempio 
degli altri che se guardarano de fare al- 
chuno danno, overo molestia alla illustris- 
sima ducale signoria de Vinexia et alli soi 
luoghi et subditi; et se mi gran signore non 
chastigasse condecentemente, abia libertà la 
predicta signoria de' Veneziani nuosere a 



10 



15 



20 



25 



30 



5. machmethy cod. — 25. Capitoli 
scritto con inchiostro rosso nel cod. 



paxe] 



35 



40 



Cronaca B 

xxiiii schalolle de chonfietlì, 

xxiiii dupieri de eira, 

vi -panni vivi, 

una chorbe de malvaxia in uno chat atelo; 
Meser Borse da Est, marchexe de Ferara: 

ii peze de getanine charmaxin, zoe una 
alto e baso; 
El texoriero de Bologna: 

una so?na de tribiane de Valdamo; 
Simone da Belvedere: 

una soma de meleranze ; 
Meser Andrea de Sicilia l : 

ii bacili ; 
Meser Nicholò di Buonachursi da Ferara: 

uno strione frescho ; 
Meser Zohane d' Anania *: 

mio bichiero d'argento, chuverchiado, 
indorado ; 

Ser Rafael da Pestoia, chontestabele de 
fanti: 

vi para de chapuni; 
Mar in da Brixighcla: 

iiii para de chapuni ; 
El Forte da la Ripa de Pestoia : 

iiii para de chapuni;* 
Meser lachomo di Giobilli: 

iiii videlli, 

viii forme de formazo ; 
Biaxio Magnane da Rezo: 

x forme de formazo, 

ii patini. 

Quisti sono li prexenti fati per li 
citadini al dito meser santo : 

Giovanili Felexine: 

xxx chiorbe de spelta; 
Fr egirino da San Venanzo: 

xx chuorbe de spelta; 
Burnino di Bianchi: 

vi panni; 
Azo da filarlo: 

uno vaselo de vino bianco de chuorbe 67 ; 



e. 2390 

COI. 3 



1 II famoso dottore dello Studio Andrea Barbazza 
di Messina. 



1 II celebre canonista Giovanni di Anagnl, che 5 
ebbe a scolari il Barbazza e il Tartagni. 



[A. 1454] 



BONON1ENSIUM 



207 



Cronaca A 

quilli, che serano principio del male, pos- 
sando quello chastigare et chorezere; et 
similmente debia fare la illustrissima du- 
cale signoria de Venexia verso la mia si- 
gnoria et verso tucti li mei luoghi. 

Item, se per alcuno caso se trovasse 
nomini li quali havesseno facto tradimento 
contra mi gran signore overo tradimento 
contra la illustrissima signoria de Vinexia, 
o per tradire cittadini, overo terre, overo 
castelle o chasale o ysola, overo alcuno altro 
luogho alla mia signoria, overo a homo 
della mia signoria, debia comandare la mia 
signoria che se restituisca indreto quelle 
cose che fusseno tolte, et del dì de anchuo 
avanti debia comandare che se renda in- 
dreto salvi et cum integritade; cossi e alla 
illustrissima ducale signoria de Venexia si- 
milmente debia fare verso la mia signoria.' 
44i> Item, se homo che fusse subdito della 
mia signoria scanpasse per furto, o vero 
per traditore, overo che tolesse roba o ha- 
vere de' Musulmani et fugisse in luogho 
de' Veneziani, et trovasese el dicto, se de- 
bia retignire la roba inseme cum l'omo; et 
similmente la mia gram signoria debia 
fare verso la illustrissima ducale signoria 
de Venexia. 

Item, li merchadanti et subditi della 
illustrissima ducale signoria de Venexia, 
cum le soe robbe, et quilli che gli averano 
navilii, nave, fuste grande et picole, habia 
libertade de intrare et usire, vendere et 
conparare per tucti i luoghi de la mia si- 
gnoria, et quante volte vorano in li luoghi 
di homini nostri subiecti et sottoposti alla 
mia signoria, corno era consueto in la prima 
et bona paxe, siano salvi in mare et in terra 
corno erano usati avanti nel tempo del gran 
signore mio padre; et similmente de' fare 
la illustrissima ducale signoria de Vinexia. 

Delle galee et fuste armate che usirano 
de Garipoli l et altri luoghi della mia signo- 
ria de quelle se trovase fuora del strecto, 
si se faza la usanza corno de prima. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

Don Zohane pricie a San Muntolo: 

uno vasclo de vino biancho de chuorbe 7 ; 
lachomo Fcraro da Crevalchore: 

UH fauni vivi; 
Alberto degli Albe r gàudi: 

xl chuorbe de spelta; 
Lodovigo di Bentivogli : 

xviii chuorde de spelici; 
Bartolomio de Mine di Russi: 

v tuze d'argento; 
Francescho di Chaluonixi : 

v panni vivi • 
Meser Antonio da Prato Vechio : 

ii brungi, 

ii bacilli d'otone ; 
Meser Andrea da Manzoline : 

xii chuorbe de spelta; 
Meser Vizenzo da le Palioite : 

x chuorbe de spelta; 
Iacomo di Marsilii: 

uno videlo vivo, 

xxv chuorbe de spelta; 
Francescho Guai/arda da San Zohane: 

xx chuorbe de spelta; 
lachomo de Chabriele Lupri: 

UH schatolle de tragia, 

UH mazi de dopie de eira; 
FI chomune de Crevalchore: 

vi taze d 'ar genio ; ' 
Bartolomio de Polo merzaro : 

xiiii chuorbe de spelta; 
lachomo dei Ursi : 

x chuorbe de vine biancho ; 
Rizo dai Dadi: 

Hi para de chapuni ; 
Horbanc da la Fava: 

xii chuorbe de spelta; 
Giovani da li Ar?ne : 

xii para de chapuni ; 
Petruonio di Muxuotii: 

vii para de chapuni; 
Lodovigo di Bianchi: 

xviii chuorbe de spelta; 
Guidaloto di Mazi e Batista d'Alioio: 

ii husali de pano de razo ; 



e. 240 a - col. 1 



29-30. su queste due linee c'è un tratto di penna 



1 Gallipoli. 



208 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1454| 



e. 4$ a 



Cronaca A 

El ducha de Nicoxia et soi fratelli zen- 
tilhomini cum li soi homini et cum tucti soi 
luoghi et cum tucti quilli che hano nave, 
navilii, gallie, fuste soe cum soe robbe siano 
in la paxe et non siano obligati dare tre- 
buto, subietio, overo alcuno altro servisio 
alla mia gran signoria, ma siano subditi 
alla subietione della signoria de Venexia, 
corno sono stati de prima, debiano spazare 
per Veneziani. 

Quante galee, nave et fuste grande et 
picole merchadantesche della mia signoria 
che insirano fuora del strecto de Garipoli 
et altri luoghi della mia signoria, dove che 
se trovasseno, debiano havere da' Vene- 
ziani bona conpagnia et paxe; et similmente 
quelle de' Veneziani, per quanto signoreza 
la mia signoria in terra, siano similmente 
salve. 

Debiano dare alla mia signoria la illu- 
strissima signoria de Venexia per tributo 
de Lepanto, ogni anno del mese de febraro, 
duellati cento delle intrade de Lepanto, 
come i dasevano a mio padre; et per la 
terra che teneno in le confine della mia 
signoria in l'Albania, in luogho del Balsà 
ch'è Scutary, Alesto et Drivasto, per i quali 
dasevano a mio padre duchati dusento, et 
habiano tolto delle mano della signoria del 
Drivasto, debiano dare per Schutary et per 
Alesto duchati cento trentasei, che somma 
in tucto alla mia signoria duchati dusento 
trentasei, del mese de febraro; et sia tenuto 
el balio, che sera in Constantinopoli, man- 
dare alla mia signoria duchati dusento tren- 
tasei boni veneziani'. 

Item, che tucti li merchadanti vene- 
ziani et che per Veneziani sono reputadi, 
de mentre che i siano in alchun luogho 
della mia signoria, o stando, o mandando, 
vendando, o conparando, travignisse alcuno 
caso che '1 se robasse, o fesse alcuno danno, 
o capti vitade alchuna, che '1 non sia tignudo, 
ne retignudo, né impedito uno per uno altro, 
se non quilli che havesseno facto el raan- 
chamento; et similmente de' merchadanti 



10 



15 



20 



J5 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

Anluonio Chantofo : 

ii schatolle de tragia, 

uno mazo de dopic de eira ; 
Giovani de Nofro dai Bichieri: 

uno videlo ; 
Muxeto zudio, con gli altri zudii: 

uno bacile, 

uno bronzo indoradi, 

viti schatolle de tragia, 

ii torte de marzapani, 

vili dupicri de eira, 

ii maci de dopic de eira; 
Lo dovi go da la Renghiera: 

x chuorbc de spelta; 
Bartolomio Bomzoaninc: 

x chuorbc de spelta; 
Meser Marcinone da Muoglio l : 

dui vidielli ; 
Meser Bartolomio degli ArchtUani 

ii schatolle de tragia, 

ii dupicri, 

uno mazo de dopic de eira; 
Meser Piero Magniam : 

ii panni vivi* 

viii chuorbe de spelta; 
Giovani Bologneto e fradiegli : 

x chuorbe de spelta; 
Matio di Annobilii e chompagni: 

ii vidielli, 

xx chuorbe de spelta; 
la e homo da la Renghiera: 

ii schatolle de tragia ; 
Anluonio de Minschardoc: 

uno videlo;' 
Meser Charlo Malvezo: 

ii vidicli; 
Tachomo di Grassi: 

p chapuni; 
Meser Galiazo Marschoto: 

iiii chara de legue grose; 
Marcho degli Aldervandi : 

ii schatolle de tragia, 

uno mazo de dopie de eira; 
Muxeto zudio: 

ii panni; 
Andrea de mastro Zene: 



e .140 a 
col. 2 



1 II giureconsulto Melchiorre da Muglio. di diritto alla Università di Bologna, fatto poi citta- 

2 Bartolomeo Errolani, celebre dottore, professore dino bolognese dal papa. 



[A. 1454) 



BONONIENSIUM 



209 



Cronaca A 

della mia signorìa in luogho de' Veneziani. 
Item, per alchuno caso, schiavo, o vero 
schiava de' Veneziani, per alcuna casone 
che se fusse, se atrovasse in luogho della 
mia signoria che '1 fusse fugito, o che homo 
l'avesse desvià o involado et che '1 sia 
subdito alla mia signoria et fusse doventà 
musulman, debia dare per ogni schiavo 
aspri mille della mia signoria o veramente, 
s'el fusse christiano che '1 se debia rendere 
indreto senza alchuno costo o excusatione; 
similmente debia fare la illustrissima signoria 
de Venexia de' schiavi musulmani. 

Quisti sono capitoli firmati de novo 
per misser Bartolomio Marzello ì ambassa- 
dore della signoria de Venexia al Gran 
Turcho, oltra la confìrmatione della prima 
paxe. 

Che zascuno Veneziam, che per Ve- 
neziani sono reputadi in zascuno luogho del 
prefato signore, specialmente qui in Con- 
stantinopoli, cossi quilli che sono de pre- 
sente corno in lo avignire, possano stare, 
vignire, partire, andare cum le soe fame- 
glie senza alcuno timore et impedimento, 
liberamente, sì per terra corno per mare, 
cum galie, cum nave et ogni navilii; et soi 
merchadanti, condure, vendere, conparare, 
siano tegnudi pagare solamente el chomer- 
chio de tucto quello che i venderano, dui 
per cento, et quello non sera venduto, li 
dicti possa trare per quale paese i vorano 
liberamente senza pagare alchuno chomer- 
chìo, né datio. 

Item, che tucte merchantie se trarano 
de mie paisi, sì de Turchia comò de altro 
luogho per investida et maximamente qui in 
Constantinopoli, pagano solamente dui per 
cento. 

Item, che tucte nave, navilii, galie de 
ogni sorte, che passaranno per questo luo- 
gho, si in l'andare comò in lo retornare, 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

ii schaiolle de tragia, 

ii mazi de dopie de eira) 
Chabriel Poeta: 

iiii schaiolle de ir a già, 

iiii dupieri, 

ii mazi de do-pie de eira; 
Piero dal Pur ego: 

uno videlo; 
Cr esente da Puozo: 

ii forme de formazo, 

ii faxani vivi; 
Meser Valdcsera di Maltachidi: 

x chiorbe de spelta, 

uno videlo; 
Nasimbene Maranine efradiegli, 

viii ckuorbe de spelta; 
Cristovalo degli Ariosti: 

x chuorbe de vino, 

uno videlo ; 
Bon Martini maxenadore: 

viii chuorbe de spelta, 

uno videlo; 
I dacieri dal vino: 

xxxii para de polastri, 

viii para de chapuni; 
Giovani Piatexe: 

l chuorbe de spelta; 
Lucha de Dolfolo e fradiegli: 

viii chaverici, 

iiii para de capuni, 

xl para de polastri; 
Azolim da Quarto: 

vi schaiolle de tragia, 

vi dupieri; 
Le suore de santa Horselina: 

una paniera de zucharini, 

una tovaia vergada; 
Meser Antonio da la Volta : ' 

ii vidielli, 

xiiii para de polastri, 

x para de chapuni, 

iiii schaiolle de chonfìetti, 

ii maci de dopie de eira; 
Giovani di Paxi: 



e. 340 b - col. 1 



32. parara cod. — 33. Azolim] il cod. aveva Azo, 
lim fu aggiunto più tardi da altra matto 



1 È già stato ricordato sopra nella sua qualità di ambasciatore della repubblica di Venezia. 



T. XVIII, p. 1, v. iv — 14. 



210 



CORPUS CHRONICORUM 



|A. 1454! 



Cronaca A 

debia sorgere in lo porto de Constantino- 
poli et qui debia tore quello li piaserà et 
partirse liberamente senza alchuno costo, 
né anchorazo'. 
e . 45 b Item, che tucte teste che serano con- 

ducte de mare Mazore, siando de natione 
Christiana, se possano con dure et trare per 
che luogho li piase liberamente, et se al- 
chuna ne fusse venduta pagare el dicto 
comerchio de dui per cento, dechiarando 
anpuo che '1 non se possa condure, né trare 
alcuna testa musulmana, et siando conducta, 
sia persa senza alcuno pagamento. 

Item, tucti li merchadanti veneziani 
che da le parte da basso condurano cum 
loro assai servisii, alcuno fameglio, o servo, 
o liberto, o sia de che conditione se voglia, 
non si gli possi dare impazo, né fare al- 
cuno inpedimento, né molestia; et questo 
se intenda ancora in merchadanti, che sono 
al presente in questo luogho. 

Item, che le intrade, che havea el pa- 
triarchado de Constantinopoli in tucti li 
luoghi della illustrissima signoria de Vene- 
xia, in tempo dello imperadore grieco de 
Constantinopoli, cossi debia havere ancora 
de presente. 

Item, che tucti li merchadanti del si- 
gnore Turcho andarano cum soe mercha- 
dandie in luoghi della signoria de Vene- 
sia, non debia pagare più de comerchio 
de quello che paga li Venetiani in tucti 
li luoghi del dicto signore Turcho, ma cossi 
debia fare l'uno corno l'altro. 

Item, che tucti navilii de merchantie 
del dicto signore Turcho, che fusseno in- 
chalzadi da soi nemisi sopra alchuno porto 
della illustrissima signoria de Venesia, dove 
sia città, o vero castelle, o vero altra for- 
teza, che '1 se possa defendere, la predicta 
signoria de Venesia sia tignuda de farla 
defendere corno so proprio; e '1 simile sia 
tenuto fare el dicto signore Turco a' na- 
vilii et havere de' Veneziani et de soi sub- 
diti. 

Item, che tucti parichi del dicto signore 
Turcho, che fugirano et vadano in tucti li 
luoghi della illustrissima signoria de Vene- 
xia, quilli siano tegnudi de farli restituire 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



50 



Cronaca B 

uno vaselo de vino, de chiorbe 6, 

viii para de chapuni ; 
Matto Garsandine : 

ii schatolle de chonfietti, 

ii mazi de dopie de eira; 
Gratta de Merigo: 

vi schatolle de chonfietti ; 
Francescho da li Arme: 

una chonfeticra d'argento; 
Zohanc Antuonio de Scharioto: 

v schatolle de chonfietti, 

viii dupien\ 

ii mazi de do fi e de eira; 
Fabruzo Bccharo: 

x -para de chapuni, 

xx para de polastri, 

viii para de pipiuni, 

500 ove; 
Zorzo de Pax eh: 

vi chara de legne ; 
Bernardino Muleto : 

ii schatolle de tragia, 

ii dupieri; 
Vergilio di Malvizi: 

UH pani de zucharo fine, 

iiii schatolle de chonfietti, 

ii maci de dopie de eira, 

iiii dupieri, 

Hi para de faxani, 

1000 melar anze; 
Nicholò Budriolo : 

ii schatolle de chonfietti, 

ii mazi de dopie de eira; 
Rigo dei Vesi: 

ii schatolle de tragia, 

ii mazi de dopie de eira; 
Mescr Valdescra Lupri: 

una chonfeticra d'argento dorada, 
Mescr Daniel da Sam Piero: 

ii chaverici, 

ii paniere de guerche ; 
Meser l'aba da Monzaline : 

vii chaverizi/ 
Sandro de Donato Veluti: 

Ixxii fiaschi de tribiano; 
Bartolomio da la Croxe: 

ii schatolle de chonfietti; 
Charlo Biancheto: 

Hi dupieri, 






c.24ob 
coi. 1 



LA. 1454] 



BONONIENSIUM 



211 



Cronaca A 

de presente, et sia de che conditione se 
voglia; et per lo simile debia observare el 
dicto signore Turcho verso la dieta signoria. 

Item, se occoresse caso rompesse o 
vero pericolasse alchuna galia o vero nave 
et navilii d'ogni sorta e de che conditione 
de' Veneziani o de' soi subditi, in tucti luoghi 
sottoposti al dicto signore Turcho, quelle 
robbe et nomini siano salvi et liberi et cum 
integrità fare satisfa tione de tucto a chi 
^oapartignesse,' de tucto quanto quello fusse 
schapolado et deliberato senza alchuno im- 
pedimento liberamente: et per lo simile de- 
bia observare la illustrissima signoria de 
Venesia verso li subditi del dicto signore 
Turcho. 

Item, tucti qui Ili Veneziani, o vero re- 
putadi Veneziani, che morirà, o vero man- 
charà in luoghi sottoposti al dicto signore 
Turcho, senza testamento, o vero ordina- 
tione, o senza herede, che '1 non sia tochado 
del so cosa alchuna, ma sia facto fare per 
il bailo et tradì e subassi del dicto luogho 
uno vero inventario de tucto el suo, et debia 
restare tucto in deposito in le mane de 
misser lo bailo, et se '1 fusse in luogho dove 
non fusse baylo et fusse alcuno veneziano, 
debia restare in le mano de quello, per 
lo modo dicto, per fino a tanto che '1 sia 
produto littere della illustrìssima ducale si- 
gnoria de Vinexia, che dechiara e comanda 
a chi dare se doverà diete cose ; et per lo 
simile debia observare la illustrissima ducale 
signoria de Vinexia. 

Item, che tucti li nemisi del dicto si- 
gnore Turcho la prefata illustrissima du- 
cale signoria de Vinexia non debia né possa 
darli alcuno subsidio, né aiutorio de galee 
et de nave, né alchuna altra sorta de navilii, 
né per via del suo nolezado, o vero per 
alcuno altro modo, né arme, né vituarie, né 
adiutorio de homini, né denari, vogliando 
venire contra el stado del dicto signore, o 
vero soi luoghi et subditi ; et questo modo 
de' observare la illustrissima signoria de 
Vinexia. 

Item, che tucti castelli e cittade, o vero 
forteza della illustrissima ducale signoria 
de Venexia à in la Romania et Albania 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



50 



Cronaca B 

Hi -pani de zucharo ; 
Piero da la Testa: 

iii° schatulle de chonfietti ; 
Bartolomio Gangifabri : 

ii du pievi] 
Bartolomio di Marschalchi: 

ii schatolle de tragia ; 
Tomaxe da li Agockie, becharo : 

vi chuorbe de vino biancho; 
Matio de Selveslro, lanarolo: 

ii tovaie inoxelade da tavola; 
Polo Chonte: 

x para de chapuni ; 
Mastro Zohane de Sam Zcrvaxe e Alberto 
e Nicolò f ornar o : 

xi paniere de guerche ; 
Bartolomio Marelexc, /ornar o : 

una gerla de guerche; 
Le suore de le Chonvertide : 

ii paniere de guerche. 

Prexenti facti per le chompAgnie de 
Bolonia: 

La chonpagnia del chanbio: 

200 duchati d'oro; 
La chonpagnia di frabi'. 

viii pattni, 

una chorteliera con xxvi chortielli f or- 
nidi d'argento^ indoradi, 

ii taze d' urgente 

ioo lire de pichiuni e tanto fer amento 

che s'adoverò a la festa, per valuda de 
lire 4.0; 
La chonpagnia di nodari: 

150 ducati d'oro ; 
La chonpagnia di mistri de Ugnarne: 

xx duchati d'oro, 

300 hovere a lavorare in la festa; 
La chonpagnia di brentaduri : 

xii chuorbe de vine biancho; 
La chonpagnia de le quatro arte: 

xxx paniere inarientade, 

4.0 bastuni da seschalchi depinti a verde ; 
La chonpagnia di mur aduri: 

xii ducati d'oro; 
La chonpagnia di merchadanti de l'arte de 
la lana: 

una peza de pano roxado ; ' 



212 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1454J 



Cronaca A 

non debia aceptare alcuno inimicho o vero 
traditore del dicto signore Turcho, né darli 
subsidio, né passo per mare, né per terra; 
et se cossi la prefata signoria de Venexia 
non observase, el sia in libertà el dicto si- 
gnore Turcho contra quelle tale terre et 
castelle fare quello li parerà et nientedi- 
meno la paxe non intrarotta né violada se 
intenda; et lo simile observare se de' per 
lo prefato signore Turcho verso la illustris- 
sima signoria de Vinexia. 

Item, la illustrissima ducale signoria 
de Venesia possa et vaglia mandare ad ogni 
suo bom piasere baylo a Constantinopoli 
cum la soa fameglia, secundo soa usanza. 
El quale habia libertà in civile regere et 
governare et iustitia ministrare in fra li soi 
Veneziani de ogni conditione, obligandose 
el dicto signore Turcho fare che soi su- 
bassi daga ogni favore al dicto baylo zo 
che per lui sera richesto, bisognandoli fare 
lo uffizio suo liberamente'. 
e i6b Item, non vogliando el dicto signore 

Turcho che nessuno de Pera, che tusse 
debitore a' Veneziani pagasse, pur inten- 
dando che tucti Zenovixi generalmente, che 
sono debituri de' Veneziani possano essere 
astricti a pagare i lloro debili, excepto quello 
o la valuta che '1 dicto signore Turcho 
havesse facto tore ppr forza a chi fusse stato 
robato de quello V^netian creditore. 

Item, non habiando voluto el dicto si- 
gnore Turcho che quilli de Constantino- 
poli, per lo caso occorso, li siando debituri 
ad alcuno i podesse essere astriti a pagare, 
venendo nientedimeno zascuno venezian 
astreto a pagare benché fusseno similmente 
desfacti per lo dicto caso, fatose molte de- 
sputatione et non posandose in lo modo 
indure lo prefato signore Turcho conten- 
tasse che li dicti pagasse ; tamen per ogua- 
gliarse cum la iustizia, rimase d'acordo che, 
corno quilli de Constantinopoli non deno né 
vogliano i siano constricti perché el simile 
li nostri de simile conditione non siano con- 
striti, sì che non si possi domandare l'uno 



10 



15 



20 



25 



,ii 



40 



45 



Cronaca B 

La chonpagnia di salaruoli: 

xii forme de forni azo, 

Ixvii chiope de salsi za grosa, 

ii vidielli, 

4.00 libre de formazo frescko; 
La chonpagnia di barbieri: 

xii schatolle de chonfelti, 

ii mazi de dopie de eira, 

viii du fieri; 
La chonfagnia degli orivixi : 

l chuorbe de sfelta, 

uno vidclo ; 
La chonfagnia di becharì: 

tino bacile, 

uno bronzo, \ d'argento ; 

vi taze 
La chonpagnia di chalzolari: 

uno du fiero con 4.0 bolognint d'oro; 
La chonfagnia di felacham: 

viii taze d'argento, 

iiii° schatolle de chonfictti; 
La chonpagnia di strazaruoli : 

Ixxx bolognint d'oro; 
L ! chonpagnia di ninnar i: 

40 chuorbe de spelta; 
La chonpagnia di sarti: 

xx duellati d'01 o ; 
La chonfagnia di merzari: 

una pano de razo con ';gure. 

Pkexirnti facti per lkciiastkli.ee ville: 

El diastilo de ^cnto: 

Hi eh a or he e { j 2 de ni a Iva xi a, 

ii vidielli; 
I ortclani de strà San Donado : 

ni vidielli; 
El borgo da Pani gale: 

x chuorbe de vine biancho; 
Argcle x : 

uno vidclo, 

xiiii chuorbe de sfelta; 
Chastelo di Briti*: 

una vasela de vine biancho; 
La chapela de Chaxaia 3 ; 

una videla; 



c.241 a 
col. 1 






1 V. nota 4 a p. 1 13. 

2 Castel de' Brltti, v. nota 17 a p <>. 



rolli. 



3 Casaglia, frazione del comune di Bologna, sui 



[A. 1454] 



BONONIENSIUM 



213 



Cronaca A 

l'altro de' debiti creadi fino al caso del 
dicto luogho. 

Item, che Veneziani possi condure cum 
loro galie et nave ogni sorta argenti in pia- 
tine et altro modo e lavoradi e ructi, et 
tucti li possano vendere e navegare in ogni 
luogho del dicto signore Turcho, comò pò 
trare et remetere dove li parerà et piaserà 
liberamente senza pagare alchum chomer- 
chio, dechiarando che tucti quilli argenti 
non lavoradi né rotti, ma altri si sia tenuti 
quilli a presentare a quello della zecha, 
et quilli fare bollare, et poi disponere quello 
li parerà et piaserà ut supra. 

Item, tucti li danni che fusseno stato 
facti avanti al dicto caso de Constantinopoli 
per li subditi del signore Turcho a tucti 
Veneziani, sì in mare corno in le loro per- 
sone, provando ydoneamente del suo danno, 
el dicto signore Turcho è contento et cossi 
se obliga che tucti siano restituidi integra- 
mente. 

Le quale tucte cose, sì nove corno ve- 
chie, che nui aparse fare et scrivere, ha- 
vemo facto, scripto et conpido et per tucti 
zurade firmade statuide et ordenade per 
nui tenude et observade firmiter, fideliter et 
veraciter per tucti li sopra scripti zuramenti, 
volendo havere fermo et ratho sempre fino 
che quella observarà et ferma haverà la 
prelibata illustrissima ducale signoria de 
Venesia, et per fermeza l'ò facto lo pre- 
sente zuramento. 

Dato ab incharnatione mundi sei milia 
novecento sesanta dui, adì desesete d'aprile, 
inditione secunda, in Constantinopoli.' 

e. 4 7 a Adì 17 de zugno venne una teribile 



28. firmiter] nel cod. si legge franit. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

Zola Predoxa l : 

iiii chara de legnc/ 
Budrio; 

Ixi chorbe de spelta, 

ii vidielli, 

xi "para de chapuni; 
Chaxalechio di Chunti 2 : 

uno videlo; 
Polexem de sira 3 : 

uno videlo; 
Varignana: 

ii vaselle di vino biancho, 

xxxvii chuorbe de s-pelta, 

ii vidiegli, 

x chara de legne ; 
La Beverara 4 : 

uno videlo ; 
La Tonba di Bentivogli : 

uno videlo, 

ii chaverici, 

uno agnelo; 
El borgo de le Lame 8 : 

v chaverizi; 
Le T aver nelle ^ : 

iiii chaverizi; 
Sani Marim 8 : 

uno videlo, 

ii zonchade; 
Savigno : 

xv para de chapuni; 
Fraseneda 9 ; 

vi chaverizi] 
Sasum i0 : 

vi para de chapuni; 
Quarto de soia ll ; 

uno videlo ; 
Gavascdo 12 ; 

uno videlo ; 



e. 241 a - col. 2 



1 Zola Predosa, comune del circondario e provin- 
cia di Bologna, alla base del colle. 

2 Casalecchio dei Conti o solo Casalecchio, co- 
5 mune del circondario e provincia di Bologna, sul Reno. 

3 Policino d'occidente, v. nota 6 a p. 157. 

4 Beverara, frazione del comune di Bologna, in 
piano. 

5 Ebbero il nome di Tomba parecchie località 
io della pianura bolognese; questa è detta dei Bentivogli 

per distinguerla dalle altre degli Alidosi, dei Pepoli ecc. 
8 Poco oltre la porta di Bologna detta delle Lame ; 



analogamente al Borgo degli Alemanni ecc. 

7 E il San Marino frazione del comune di Ben- 
tivoglio, in circondario e provincia di Bologna. 

8 Ora Tavernelle dell'Emilia, presso Lavino di 
sotto, nella pianura bolognese. 

9 Frassineto, frazione del comune di Castel S. Pie- 
tro, circondario d'Imola, provincia di Bologna. 

10 Sassuno, v. nota 6 a p. 102. 

11 Quarto di sotto, v. nota 9 a p. 157. 

1? Gavaseto, frazione del comune di San Pietro in 
Casale, circondario e provincia di Bologna. 



20 



214 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1454] 



Cronaca A 

tempesta che venia de Veronese, et fece 
grande danno et ancho ne venne quello 
anno assai ma non tanto, et generò charestia. 

La chiexia de sam Dona, la quale era 
suso la piazola denanzi dalla chasa de Lu- 
do vigo de' Manzo li in strà Sam Donato, fu 
desfacta et fu posta dove Tè; et fu lo dicto 
Ludovigo de' Manzoli, perché era avanti 
alla soa chasa. 

Sentendo li regimenti de Bologna, che 
a Vinexia se faceva una legha, li mandono 
dui ambassaduri, li nomi di quali sono 
quisti, zoè : 

Virgilio de' Malvizi, 

lacomo delli Ingrati, 
li quali funo recevuti cum grande honore 
dalla dieta signoria. 

In lo dicto anno fu cativo recolto et 
cresé el formento a soldi quaranta su el 
recolto, et el simile el vino; el meschiado 
valeva soldi desedoto infino vintequatro et 
el puro soldi quaranta; si che fu charo lo 
pane e '1 vino; et pochi guadagni erano in 
le arte, ma fu grande abondantia de casta- 
gne e maruni l . 

Adì 9 de setenbre a hore 15 venne 
novelle corno la ligha era conclusa, et fu 
facto grande alegreza de canpane a martello, 
et li Fiorentini mandono uno cavalaro a 
Bologna notificando della dieta ligha ch'era 
facta; el quale cavalaro fu vestido de rosato 
et menato a cavallo per la città cum tronbe 
et pifari cum grande allegreza cum l'arme 
della signoria de Vinexia et del ducha de 
Millano et de Fiorentini et de monsignore et 
del puovolo de Bologna. Et fu facto grande 
allegreza alla retornata delli ambassaduri. 

Adi 18 d'otobre cominzò una piovia 



15. segno d' attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



IO 



1 Queste notizie sono disposte un poco diversa- 
mente nel testo B ; qui più brevi. 

2 Manzolino, v. nota 3 a p. io. 
Piumazzo, v. nota 12 a p. io. 

4 Monteveglio, v. nota 9 a p. io. 

^ ntagata Bolognese, v. nota 2 a p. io. 
' Sassonero o Sasso Negro, antico romun' el 
i dato di Manzuno nel medioevo. 
7 Ba> ' noto comune del bologm- 



Cronaca B 

Manzoline 2 : 

vitti chuorbe de vine biancho 
Pimazo 3 ; 

Hi vidiclli; 
Montivieglio 4 : 

vitti chaverizi ; 
Sancì' Agada 5 : 

xvi chuorbe de scelta, 

tii vidiclli ; 
Sasso Negro 6 : 

viii chaverizi; 
Medexina: 

ii vidielle, 

xx chuorbe de s fella; ' 
Bazanc "' : 

x chuorbe de s fella ; 
San Zorzo de Piane*: 

xv chuorbe de scelta; 
Montircntio 9 : 

viii chaverizi; 
Chastelo Fr ancho: 

ii vidiclli, 

xiiìi chuorbe de spella; 
Monte Bude lo 10 : 

UH chaverizi; 
Gallerà: 

u o videlo ; 
Scravale : 

x chaverizi; 
Samtioza ' ' ; 

ii schatolle de tragia, 

ii du fieri; 
Sam Venanzo i% : 

ii vidiclli; 
San Vincenzo i3 : 

uno videlo ; 
La Pieve de Cento: 

xv zuche de malvasia. 



c.2410 

col. I 



5. vidielli] nel cod. era prima scritto vi gielli, poi 
1 fu corretto 

8 San Giorgio di Piano, v. nota io a p. 9. 

9 Monterenzo, comune del circondario e provin- 
cia di Bologna. 

10 Montebudello, v. nota 2 a p. 136. 

11 Samoggia, v. nota 2 a p. 133. 

12 San Venanzio, frazione del comune di Galliera, 
circondario e provincia di Bologna. 

13 San Vincenzo, frazione del comune di Galliera, 
in circondario e provincia di Bologna. 



15 



20 



[A. 1454] 



BONONIENSIUM 



215 



Cronaca A 

et durò tucta la vernata et tanto cresé le 
aque in le parte de Vinexia, Vicenza et 
Verona, che tirava zoxo le chase, et dreto 
a Po tirò zoxo una fortezza; et moriva 
molta gente. 



Cronaca B 

xvi chuorbe de spelta, 

uno videlo ; 
Montaxego 1 : 

iiii chaverizi; 
El Vedeghè 2 : 

v chaverizi; 
El Vergado: 

vi chaverizi , 
10 El Sckanclo 3 : 

vi chaverizi; 
Monzune: 

xii chaverizi ; 
Geso 4 : 
15 x chaverizi] 

Bargi 5 : 

xii chaverizi; 
Chasano 6 : 

iiii chaverizi; 
20 Monte/redenti 7 : 

viii chaverizi; 
Monchidolo 8 : 

vi chaverizi; 
La bastia da Chò de Roncho 9 , 
25 xvii chaverizi; 

El Toledo": 

vi chaverizi;* 
Liane " : 

xii chaverizi; 
30 Cha-pugnane : 

uno videlo; 
Trasera n : 

iiii° chaverizi; 
Creda : 

viii chaverizi; 
Quarto de sovera 13 : 

uno videlo; 
Sani Zohanne in Persexeda lk : 



e. 241 b ■ col. > 



IO 



' Montasico, frazione del comune di Marzabotto, 
circondario di Vergato, provincia di Bologna. 

2 Vedegheto, frazione del comune di Savigno, cir- 
condario e provincia di Bologna. 

3 Scandio, frazione del comune di Loiano, cir- 
condario e provincia di Bologna. 

4 Gesso, frazione del circondario di Bologna, non 
distante da Casalecchio. 

5 Bargi, frazione del comune di Capugnano, cir- 
condario di Vergato, provincia di Bologna. 

6 Cassano, frazione del comune di Monterenzo, 
circondario e provincia di Bologna. 

7 Montefredente, frazione del comune di San Be- 
nedetto in Val di Sambro, circondario di Vergato, pro- 



vincia di Bologna. 

8 Probabilmente Monghidoro. 

9 Località della pianura bolognese, determinata 
da una opera militare di difesa. 

10 Tolè, frazione del comune e circondario di Ver- 
gato, prov. di Bologna. 

11 Liano, frazione del comune di Castel S. Pietro 
dell'Emilia, circondario d'Imola, provincia di Bologna. 

12 Trasserra, frazione del comune di Camugnano, 
circondario di Vergato, provincia di Bologna. 

13 Quarto di sopra, per distinguerlo da Quarto di 
sotto, v. nota 9 a p. 157. 

u San Giovanni in Persiceto, o Persiceto, come 
oggi si chiama. 



'5 



20 



216 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1454] 



Cronaca A 



Cronaca B 

ioo chuorbc de scelta; 
El chomune da Valle l : 

x chaverizi; 
Bixanc 2 : 

viti chaverizi) 
Log nelle 3 : 

vi chaverizi; 
Zeriglio * : 
10 xi chaverizi; 

El redol- 
ali vidielli; 
Preda Chuluora 6 : 

viti chaverizi; 
15 Lisano 1 : 

vili chaverizi; 
Murane 8 : 

xi -para de chapuni; 
Bagnarola : 
20 xv chiorbe de spella; 

Baraghaza: 

viti chaverizi; 
Mal/olle 9 : 

v chaverizi; 
25 Chiagniano 10 : 

UH chara de legna; 
Saso Mularo ": 

v chaverizi; 
Chazano " : 
30 -*" chaverizi; 

Chaxale Fiomenexe 13 : 

xxvi chaverizi; 
Sangucneda : 

ii chaverizi; 
Chaxi": 

xviiii eh averi zi ; 
Crovara d' Imola 15 : 

xxxi chaverezi, 






1 Valle, antico comunelle» del Vicariato di Mon- 
zuno nel medioevo. 

2 Bisano, frazione del comune di Monterenzo, 
circondario e prov. di Bologna. 

5 8 Lognola o Lognole, frazione del comune di Mon- 

ghidoro, circondario e provincia di Bologna. 

* Cereglio, antico comunello del Vicariato di 
Savigno nel medioevo. 

5 Altedo, frazione del comune di Malalbergo, Cir- 
io condario e prov. di Bologna. 

8 Pietracolora, frazione del comune di Gaggio 
Montano, circondarlo di Vergato, provincia di Bologna. 

7 Lizzano in Belvedere. 

8 Marano bolognese, v. nota 6 a p. 158. 



Frazione del comune di Marzabotto, circonda- 15 
rio di Vergato, provincia di Bologna. 

10 Ciagnano, frazione del comune di Ozzano del- 
l'Emilia, circ. e provincia di Bologna. 

11 Sassomolare, frazione del comune di Castel 
d'Aiano, circondario di Vergato, prov. di Bologna. 20 

li Cassano, frazione del comune di Monterenzo, 
circondario e prov. di Bologna. 

13 Casalfiumanese, comune del circondario d'Imola, 
v. nota 5 a p. io. 

'* Casio, comune del circondario di Vergato, prov. 25 
di Bologna. 

,B Così detta per distinguerla dall'altra Croara del 
comune di San Lazzaro di Savena, vicino a Bologna. 



[A. 1454] 



BONON1ENS1UM 



217 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

ii -para de chwpuni) 
Chamugnano : 

viii chaverizi) 
Chaxola sovera Sira ' : 

Hi chaverizi ; 
El Puozo di Lambertini* : 

Hi vidielli;' 
Minerbio : 

ii vidielli) 
Vezo 3 : 

viii chaverizi; 
Hozane 4 : 

uno Ugnar o de legne ; 
Chastelo del Veschovo 5 : 

uno lignaro de legne) 
Labante : 

So libre de formazo ; 
Garnarolo 6 : 

vi chaverizi; 
Piazano 7 : 

viii chaverizi) 
Gazo 8 : 

uno videh) 
Chastelo San Piero : 

una vasela de vine biancho ; 
Rofené: 

4.00 taglieri d'axero; 
La vila de la Crovara 9 : 

xviiii chara de legne, 

uno charo de meloro e ox emarine 
Slifonti 10 : 

vi chara de legne) 
Mon San Zohane: 

vi chaverizi) 
La Poe ha da Pidiane 11 : 

xxiiii chaverizi) 
Belo : 

xviiii chaverizi) 
Chastigliun de y Gatti 12 : 



e. 242 a - col. 1 



1 Casola, frazione del Comune di Castel di Casio, 
circond. di Vergato, prov. di Bologna: così detta per 
distinguerla da Casola sopra Casio. 

2 Poggio o Poggio de' Lambertini, v. nota 5 a 
5 p. 118. 

3 Veggio, frazione del comune di Grizzana nel 
circondario di Vergato. 

4 Castello del Vescovo, antica località della mon- 
tagna bolognese. 

io 5 Granarolo dell'Emilia, in comune di Castelfranco 

dell'Emilia. 



6 Ozzano dell'Emilia. 

7 Credo sia Panzano, frazione del comune di Ca- 
stelfranco dell'Emilia. 

8 Gaggio di Piano, nel comune di Castelfranco 15 
dell'Emilia. 

9 Questa è la Croara, frazione posta vicino a San 
Rumilo, in comune di San Lazzaro di Savena. 

10 Settefonti. 

11 Rocca Pitigliana, frazione del comune di Gaggio 20 
Montano, nel circondario di Vergato. 

12 Ora Castiglione de' Pepoli. 



218 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1454] 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



4<> 



Cronaca B 

UH chaverizi; 
Verzun e Vtmignano ' : 

x chaverizi; 
Agitano 2 : 

vi chaverizi; 
Montechiaro : 

vi chaverizi ; 
San Martino in Soverzano 3 ; 

viii chaverizi ; 
Sam Zohane in Triaro * : 

xii chaverizi; 
Cresfelano : 

x chiorbe de vino biancho; 
Sam Rufelo 5 : 

tino videlo ; 
Chastelo Guelfo: 

ii vidielli; 
Chanedolo 6 : 

itti chaverizi ; ' 
Sasiglium 7 ; 

iti vidielli; 
Viadagola : 

tino videlo; 
Olevedo 8 : 

x chaverizi; 
Garnaglium 9 : 

x chaverizi, 

uno sacho de formazo; 
Belvedere : 

viii chaverizi, 

Hi sachi de formazo, 

200 taglieri, 

Hi farà de e ha funi; 
bagnano : 

xxviii chaverizi, 

UH du fieri; 
La Rocha de la Chorneda '": 

uno videlo; 
Rudiano ": 

v chaverizi; 



C.2420, 
COI. 2 



IO 



1 Verzuno e frazione del comune di Camugnarv> 
e Vimignano del comune di Grizzana, ambe nel circon- 
dario di Vergato. 

2 Castel d'Aiano, i ormine del circondario di Ver- 
gato. 

3 San Martino in Soverzano, ora castello di San 
Martino, per distinguerlo da altri molti che erano nel 
territorio bolognese nel medioe\o. 

4 San Giovanni in Triario, antico comunello di I 
Vicariato medievale di Budrio. 



' San Rullillo, v. nota i p. 16. 
" Canetolo, località della pianura bolognese, dalla 
quale venne la celebre famiglia Canetoli. 

7 Sassoleone, v. nota 4 a p. io. 

8 Oli veto, v. nota io a p. io. 

9 Granaglione, comune del circondario di Vergato, 
prov. di Bologna. 

10 Rocca Cometa, frazione del comune di Lizzano 
in Belvedere, circondario di Vergato. 

" Rodi ano, fraz. del coni, di Savigno. 



20 



[A. 1454] 



BONONIENSIUM 



219 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Chadriano : 

uno videlo; 
La chapela degli Alamani l : 

iiii torte bianche, 

iiii -paniere de zeriexe; 
Chastelo Bolognexe: 

xxv duchati, 

uno dupiero; 
Crevalckore : 

vi taze d'argento; 
Sani Marine 2 : 

uno videlo; 
L' Archuviezo 3 : 

vi torte bianche; 
Sesto * : 

iiii° zonchade ; 
Mazano: 

ti zonchade; 
Badi e Sicigata 5 : 

vii chaverizi. 

Prexenti facti per chontadini parti- 
chularemente : 

Bartolomio de scr Dondin: 

una chorbe de malvaxia ; 
Pecim da Verzum: 

ii chaverizi; 
Bazo di Dainielli: 

una zesta de fesse; 
Guglielmo da Vederana: 

ii chaverizi; 
Bartolo dal Puozo da Masimade g ho : 

Hi forme de formazof 
Piero Bergamo da Urbizane: 

uno -paro de chapuni; 
Piero da Montebudelo : 

ii chaverizi; 
Pelegrim dal Vergado: 

ii forme de formazo ; 
Piero Bivilacqua: 

ii zeste de ganbari; 
Polonaro da Sorbano: 



< . 2 fj b - col. t 



21. segue nel cod. la parola Perino, che è cariceli. 



1 L'attuale sobborgo degli Alemanni, fuori porta 
Maggiore. 

2 San Marino, v. nota 7 a p. 213. 

S 3 Arcoveggio, frazione del comune di Bologna, a 



nord. 



4 È Sesto imolese. 

5 Due piccoli comunelli dell'antico vicariato di 
Monzuno. 



220 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1454] 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



50 



Cronaca B 

ii chaverizi, 
ii -para de chapuni ; 
Franceschino da Vale: 

uno chaverezo ; 
Zohannc da Vignola: 

iiii chaverizi ; 
FI tnunaro da Rusi: 

vi chaverizi; 
Iachomo Mengheto da San Zohane 

x chuorbe de spelta; 
Nicolò Duxo da San Zohane: 

x chuorbe de spelta; 
Antuonio de Guiduzo: 

ii chaverizi; 
Zohane de Matio da Piani: 

ii chaverizi ; 
Polo de Rigo da Piani: 

ii chaverizi; 
Bertoni da Chavanelle: 

uno chaverezo ; 
Dom Lombardo da Sant'Agada: 

iiii chaverizi; 
Zohane Zanboni: 

vi chaverizi; 
Domencgo Rienzo da Maran : 

uno charo de legne; 
Zohane Folcgno : 

ii chaverizi; 
Franccscho da Vizano: 

ii chaverizi; 
Domencgo d' Andriolo: 

uno chaverezo; 
Ghilino Panzachio : 

v chaverizi ; 
Ramazoto e suoi amixi ; 

ii vi di e Ili; 
lacomo Man g ardo: 

uno chaverezo; 
Antuonio Al uscii ne da Muoio: 

vili para de pi pumi ; 
lacomo, dito ci puto, da Muoio : 

ii chaverizi ; 
Antuonio de Tiolo : 

ii chaverizi;* 
Chabriclc de Benine: 

li para de chapuni; 
Iachomo de Simone: 

ii chaverizi; 
Polo da Sulixano: 



C.242Ò 
COl. 2 



[A. 1454] 



BONONIENS1UM 



221 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

uno chaverezo ; 
Zohanc de Tolomie: 

uno chaverezo, 
Mazonc da Chaxale: 

x 'para de chapuni; 
Iachomo Brozo: 

Hi -para de polastri; 
Zanoto da Valle: 

uno chaverezo ; 
Betine da Chapzignanc: 

iiii chaverizi • 
Chapuam da Montirencio: 

iiii chaverizi; 
Piero Testa d'Anzola: 

ii fax a ni vivi 1 . 

Chapitolli facti in fra la signoria de 
Venexia e 'l Gram Turcho. 

1454. — Mi gram signor e grande Ami- 
ra, Soldam Maghmct bey, figliolo del gram 
signor Morath bey, zuro in Dio ci creatore 
del cielo e de la terra et del nostro gram 
prophcta Machomct et per li scpte mufai 
che tignemo e confessemo nui Musulmany, e 
in li vintiquatro propheti de Dzo, o più, o 
meno, e in la fede che mi credo e confesso, 
e in l'anema del mio padre, e in la vita 
ma, e in la spada che io me zingo. Cum 
zo sia cosa che la mia signoria avese per 
avanti paxe e amecitia cum la illustrissima 
et excelcntissima signoria de Vencxii, et 
alitando voluto fare nuovo sagramento cum 
la mia signoria et confcrmatione de la prima 
paxe confermada adì x del mexe de setcn- 
bre tn l'anno ópóo, inditione quinta decitna, 
in Andr enopoli per la vigniuda del spetabele 
mescr Lorenzo Moro honorevele ambassado- 
re de la prefata illustrissima ducal signoria 
de Venetia; et abiando mo' mandato ci spe- 
tabile et honorevele ambasadore per la pre- 
fata ' illustrisima ducal signoria de Venetia, 
meser Bartolomio Marzelo, per conferma- 
tione et conservatone de la dita paxe; hanc 
etiam de certe dechiaratione nuovo contrato 



e. 243 a - co!, t 



17. fra] segue s cariceli, nel cod. 



1 L'elenco di tutti questi doni è stato omesso dal testo A. 



222 



CORPUS CHRONICORUM 



[A 1454] 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

come affare sotto scripti Capitolli olirà la 
ferma de la predita -prima faxe refermadi 
et conclusi infra la mia gran signoria et 
la illustrissima ducale signoria de Venetia) 
et perciò io gran signor et grande Amira, 
soldati Maghmet bey, prometo sopra i ditti 
sagramenti che de sopra ho zurado, come 
era la paxe et atnecitia per avanti cum la 
illuslrisima e ducal signoria de Vcnetia, 
così digho e voglio ancora havere cum la 
prefata illuslrisima ducal signoria de Ve- 
nelia, con li zentilomoni suoy, picholi e gran- 
di, et cum tuli gli altri suoi subditi e cole g adi, 
hoc facto et fazo fedele et pura paxe e senza 
dolo, per mare e per terra, cilade, terre, 
castelle, isolle cum lutti i luoghi che signore- 
za la illustrisima ducal signoria de Vcnciia, 
et tutte altre terre, isolle e luoghi che lie- 
vienc ci conf alone de san Marcho, et quante 
le levarono da mo' avanti et in le cose che ì 
posedeno al dì d'og-gi et quelle che i posse- 
dcrano in ci tenpo che a a venire la prefata 
illustrisima ducal signoria de Vcnctia. 

Capitolli dell, a paxe. 

Primo. Niuno dclli subditi et home- 
ny mei che siano subiccii, o che se soto- 
metcsseno a la mia signoria, faza alcum 
damno, né che mei meta pur in lo animo, 
né consentire ch'el faza alcuni danno, over 
impazo per comandamento, o volontà de la 
mia signoria, et per alchum caxo alchun 
cativo homo de la mia signoria non debia 
fare danno, over impazo a alcun del comum 
de Vcnctia; et se per questo vegnise alcuna 
noticia over rechiamo a la mia signoria, io 
li debia castigare condccentcmente segando 
ci suo dilieto, per exenpio de' gli altri che c ^f' 
se guardarono de fare alcum danno over 
molestia a la illustrisima ducal signoria de 
Vcnctia et alli suoi luochi et subditti ; et se 
mi gram signore non chastigasse condecen- 
tementc, h'abia libertà la predita signoria di 
Vcneciani nuoxere a quillichc seram principio 
del male, possando quclo chastigare et core- 
gere ; et simelmente debia fare la illustrisima 



35. il cod. ha sopra queste parole un tratto di 



penna. 



[A. 1454] 



BONON1ENS1UM 



223 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

ducal signoria de Venetia verso la mia si- 
gnoria et verso ludi li miei luoghi. 

/lem, se -per alcun caxo se trovasse 
homo, over homeni, i quali avessem facto 
tradimento contra mi grani signore over 
tradimento contra la illustrisima signoria 
de Venetia, o -per tradire ciladin over terre 
over castelle o caxale o yxola, over alcuni 
altro luogho a la mia signoria, over a homo 
de la mia signoria, debia comandare la mia 
signoria che se restiluischa indriedo quelle 
cose che fosem tolte, e dal di de anchuo 
avanti debia comandare che se renda indrie- 
do salvi e cum integritade; cusì e a la illu- 
strisima ducal signoria de Venetia simelmen- 
te debia fare verso la mia signoria. 

/lem, se homo che fosse subdito de la 
mia signoria schanpassc -per furto over per 
traditore over che tolcsse roba o haverc de' 
Musulmanni e fugissc in luogo de' Veneciani 
et trovasscse ci detto, se debia retignire la 
roba inseme cum l'uo?no; e simelmente la 
mia gran signoria debia fare verso la ilu- 
strisima ducal signoria de Venexia. 

/lem, i merchadanli e subditti de la 
illustrisima ducal signoria de Venetia cum 
le soe robbe e quilli che i haverano navillii, 
nave, fusle grande e picolli, abia libertade 
de intrare e usire, vendere e com'parare 
per tutti i luoghi de la mia signoria; e 
quante volte vorano in li luoghi di homeni 
nostri subiecii e sotopuosti a la mia signoria 
corno era consueto in la prima e bona paxe, 
siano salvi in mare e in terra corno erano 
uxati avanti, nel tempo del gran signore 
mio padre; et simelmente de' fare la illu- 
strisima ducal signoria de Venetia. 

De le galee e f uste armade che usirano 
de Garipoli e altri luoghi de la mia signoria, 
de quele se trovasse fuor a del slreto, se faza 
la uxanza corno de prima. 

JSl ducha de Nicoxia e suoi fradici 
zentilihomeni cum i suoi homeni e com tutti 
suoi luoghi e con tildi quilly che ano nave, 
navillii, galie, fusle soe cum soe robbe, siano 
in la paxe, e non siano obligadi dare tra- 
buto, subietio, overo alchuno altro servixio 



e. 24 7/' - Cui. I 



20. over] segue eh cancell. nel cod. 



224 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1454] 



Cronaca A 



IO 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

a la mia gram signoria, ma siano subditi 
a la subiectione de la signoria de Venclia, 
corno sono stadi de prima, debiano spazare 
-per Veneziani. 

gitante galee, nave et /uste grande e 
picole merchadandesche de la mia signoria, 
che insiram fuor a del streto de Garipoli l e 
altri luoghi de la mia signoria, dove che 
se trovaseno, debian avere da' Vcnetiani bona 
compagnia e paxe ; e shnelmenie quelle di 
Veneciani per quanto signoreza la mia si- 
gnoria in terra siano simelmcnie salve. 

Debiano dare a la mia signoria la illu- 
strisima signoria de Venetia, per tributo de 
Lepanto, ogne anno, del mexe de febraro, 
ducati ioo de le intrade de Lepxnto, come 
i daxevano a mio padre; et per la terra 
che tenein in le confine de la mia signoria 
in r Albania in luogo del Balsa, che e Scutary, 
Alesio e Drivasto, per i quali daxevano a 
mio padre ducati 200 e habiano tolto de le 
man de la signoria' de Drivasto, debiano dare c c 'of; ? s 
per Scutari e per Alesio ducati rjó che è 
soma in Ulto a la mia duchati 236 del mexe 
de febraro; et sia tegnudo el bailo che sera 
in Constantinopoli mandare a la mia signo- 
ria ducati 236 buoni veneciani. 

Itcm, che tutti i merchadanti veneciani 
e che per Vcnetiani sono reputadi, de mentre 
che i siano in alcum luogho de la mia si- 
gnoria, o stando, o andando, vendando, o 
comparando, travignise alcuno caxo che 7 se 
rotasse o fesse alcuno danno o captivitade 
alcuna, che 7 non sia tegnudo, né rctegnudo, 
né inpedido uno per uno altro, se non quilli 
che avesseno facto el manchamento ; e simel- 
mcnie di merchadanti de la mia signoria in 
luogho de' Venetiani. 

/lem, per alcuno caxo, schiavo overe 
schiava de' Vcnetiani, per alcuna caxone che 
se fosse, se a trovasse in luogho de la mia 
signoria, che 7 fosse fugido, o che homo 
l'avesse desvia, o involado, et ch'el sia subdito 
a la mia signoria e fosse dove fila mulsuman, 
debia dare per ogne schiavo aspri mille de 
la mia signoria, veramente s'el fosse cristiam 
ch'el se debia rendere indriedo senza alcuno 
costo, o excusatione ; simelmente debia fare 



Gallipoli. 



[A. 1454] 



BONONIENSIUM 



225 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

la ilhistrisima signoria de Venelia di schiavy 
musulmani. 

quisti sono capitoli firmati de nuovo 
per meser Bartolomeo Marzello 

AMBASADORE DE LA SIGNORIA DE VeNE- 
TIA AL, GRAM TURCHO, OLTRA LA CON- 
FIRMATIONE DE LA PRIMA PAXE. 

Che zaschuno Venetian che -per Vene- 
ciani som reputadi in zaschun luogho del 
prefacto signore e spicialmente qui in Con- 
stantinopoli, così quilli che sono ' de prexen- c - tu a ■ < o/ - / 
te corno in lo avignire, possano stare, vignire, 
partire, andare cum le soe fame glie senza 
alcuno timore e inpedimento, liberamente, 
sì per terra come per mare, cum galle, 
cum nave et ogni navillii] et suoi mercha- 
danti condure, vendere, comparare, siano 
tignudi pagare solamente el comerchio de 
tuto quelo i venderano dui per cento, et 
quelo non sera venduto i dicti possa trare 
per qual paexe i vorano, liberamente, senza 
pagharè alchum comerchio né datio. 

Item, che tucte mercantie se tranano 
de mie paixi, sì de Turchia, come d'altro 
luogo per investida et masimamenta qui in 
Costantinopoli, pagano solamente dui per 
cento. 

Item che tucte nave, navillii, galie de 
ogne sorte, che passarono per questo luocho, 
sì in l'andare, come in lo retornare, debia 
sorgere in lo porto de Constantynopoli et 
qui debia tore quelo i piaxera, e partirse 
liberamente, senza alcuno costo, ne ancorazo. 

Item che tutte teste che serano condute 
de mare Mazore, siando de natione cristiana, 
se possam condure, e trare per che luogho 
i piaxe, liberamente, et se alchuna ne fosse 
venduta, pagare el dito comerchio de dui 
per cento, dechiarando anpuò che 7 non 
se possa condure, né trare alcuna testa musul- 
mana, e siando conduta, sia persa senza 
alcuno pagamento. 

Item, tutti merchadanti venetiani, che 
da le parte da basso condurano con lore a 
suoi servixii alcuno f ameglio o servo, o libe- 
ro, e sia de che conditione se voglia, non 
se ie possi dare impazo, né fare alcuno 



T. XVIII, p. i, v. iv — 15. 



226 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1454] 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



50 



Cronaca B 

impedimento, né molestia) et questo se inten- 
da ancora i merchadanti, che sono al prexen- 
te in questo luogho. 

Item ' che le intrade, che avea el Patriar-èlt^ 
chado de Conslantinopoli in ititi luoghi de 
la illustrisima signoria de Venetia, in tempo 
de l'imperadore grieco de Costantinopoli, 
così debia avere ancora de prexentc. 

Item, che tutti i merchadanti del signo- 
re Turcho andarano con soe merchadandie 
in luoghi de la signoria de Venetia, non 
debia pagare più de comcrchio de quello 
che paga i Venetiani in tutti i luoghi del 
decto signore Turcho, ma così debia fare 
l'uno come l'altro. 

Item che tutti navillii de mcrchantie 
del decto signore Turcho, che fossem inchal- 
zadi da suoi nimixi sopra alcum porto de 
la illustrisima signoria de Venetia, dove sia 
cita, over castello, over altra forteza che 7 
se posa de fendere, la predeeta signoria de 
Venetia sia tegnuda de farla de fendere come 
so proprio-, e simcle sia tegnudo fare el 
decto signore Turcho a navillii et avere de' 
Venetiani e di suoi subditi. 

Item, che tutti parechi del decto signore 
l'urcho che fngirano et vadano in iucti li 
luoghi de la illustrissima signoria de Vene- 
tia, quelli siano tegnudi de farli restituire 
de prexentc e sia de che condiliouc se voglia; 
e per lo simele debia obscrvare el decto si- 
gnore Turcho verso la dita signoria. 

Item, se ocoressc caxo ronpesse, ovcrc 
pericolasse alcuna galla, vere nave et navillii 
d'ogne sorla e de che conditione de' Venetiani, 
o de' suoi subditi, in tutti luoghi sotopuosti 
al decto signore Turcho, quelle robbe et ho- 
mcni siano salvi e liberi et con integrità 
fare satisfatione de luto a chi apartignisse 
de luto quanto quello fosse scapolado e deli- 
hcrado senza alcuno impedimento liberamen- 
te; e per lo simcle debia obscrvare la illu- 
strisima ' signoria de Venetia verso i subdiii^f ', 
del dello signore Turcho. 

Item, lutti quilli Venetiani over reputa- 
di Venetiani, che morirà, overo manchara 
in luoghi sottopuosti al decto signore Turcho, 
senza testamento o vere ordenationc o senza 
herede, ch'el non sia tochado del so cosa 



[A. 1454] 



BONONIENSIUM 



227 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



50 



Cronaca B 

alcuna, ma sia facto fare -per el bailo e 
tradì e sudassi del dicto luoco uno vero 
inventario de tutto el suo e debia restare 
tutto in deposito in le mane de meser lo 
bay lo ; e s'el fosse in luogho dove non fosse 
bailo e fosse alcuno venetiane, debia restare 
in le manne de quello 'per lo modo dicto -per 
firn tanto che 7 sia producto litcre della 
illustrisima ducal signoria de Venetia che 
dechiara e comanda a chi dare se dovera 
diete cose; e per lo simele debia observare 
la illustrisima ducal signoria de Venetia. 

Item, che tutti li nimixi del decto signo- 
re Turcho la prefata illustrisima ducal si- 
gnoria de Venetia non debia, né posa darli 
alcum subsidio, né adiutorio de galee e de 
nave, né alcuna altra sorta navillii, né per 
via del suo nolezado, over per alcuno altro 
modo, né arme, né vituarie, né adiutorio de 
homeni, né dinari, vogliando vegnire contra 
el stado del decto signore, overe suo' luoghi 
e subditi ; e questo modo de' observare la 
illustrisima ducal signoria de Venetia. 

Item, che tutti castelli e citade, over for- 
teza, che la illustrisima ducal signoria de Ve- 
netia ha in la Romania et Albania non debia 
acceptarc alcum inimigho, over traditore del 
decto signore Turcho, ne darli susidio né 
passo per mare, né per terra; et se cusì 
la prefacta illustrisima signoria de Venetia 
non observasse, el sia in liberta el dicto si- 
gnore Turcho contra quelle tale terre e castel- 
le fare quello li parerà, e nientedemeno la 
paxe non intr arotta né violada se intenda ; 
e lo simele observare se de' per lo prefato 
signore Turcho verso la illustrisima signoria 
de Venetia '. 

Item, la illustrisima ducal signoria de 
Venetia possa e voglia mandare ad ogni 
so bom piaxere bailo a Costantinopoli con 
la soa fame glia secondo sua uxanza. £1 quale 
abia liberta in civile, regere e governare 
et iustitia ministrare infra li suoi Venetiani 
de ogni conditione, obligandosse el dicto 
signore Turco fare che suo' subassi dagha 
ogni favore al decto bailo zò che per lui 
sera rechiesto, boxognandoli fare lo officio 
suo liberamente. 

Item, non vogliando el dicto signore 



e, 244 b - coi. 3 



228 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1454] 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

Turcko che ninno de Pera che fosse debi- 
tore a' Venetiani -pagasse, -pur intendan- 
do che tutti Zenoixi generalmente che sono 
debituri de' Venetiani possano essere astritti 
a pagare i lloro debiti, exepto quelo o la 
valuda che 7 dicto signore Turcho havese 
facto tore per forza a chi fosse stado robado 
de gitelo venetian creditore. 

Itcm, non habiando voluto el dicto si- 
gnore Turcho che quilli de Constantinopoli 
per lo chaxo occorsoli, siando debituri ad 
alcum, i podesse essere astripti a pagharc, 
venendo nientedemeno zascuno venetian astre- 
cto a pagare bcm che fosseno simelmente 
desfacti per lo dicto caxo, factose molte de- 
sputatione et non possandosc in lo modo in- 
dure, lo pr e facto signore Turcho contentasse 
che i dicti pagasse tanien per oguagliarse 
cum la iusticia. Rimase d'achordo che, co- 
rno quilli de Constantinopoli non deno né 
vogliano i siano consiritti, perchè el simele i 
nostri de simel conditionc non siano consiricti, 
sì che non si possi domandare l'uno l'altro 
de debiti cr cadi fino al caxo del dicto ìuogho. 

/lem, che Venetiani possin condure con 
loro galle e navi ogne sorta argenti in pia- 
tine et altro modo, e ' lavoradi et rutti e tuttt c ^J s " 
li possim vendere et navegare in ogne ìuo- 
gho del dicto signore Turcho, come pò trare 
et remeterc dove li parerà e piaxera libera- 
mente senza pagare alchum comerchio, de- 
chiarando che tutti quilli argenti non lavo- 
rady ne rotti, ma altri si sia tignudi quelli 
a prexcntare a quelo de la cecha l , et quilli 
fare bolare e poi desponere quello li parerà 
e piaxera, ut supra. 

Item, tutti i danni che fosseno stalo facti 
avanti al dicto caxo de Constantinopoli per 
li subditti del signore Turcho a tutti Vene- 
tiani, sì in mare come in le lore persone, 
provando ydoncamente del suo danno, el 
dicto signore Turcho è contento, e chusì se 
obligha che tutti siano rcsiituidi integra- 
mente. 

Le quale tutte cose, sì nove, come vechie. 






38. modo] stgue nel cod. e rutti cariceli. 



1 La Zecca. 



[A. 1454] 



BONONIENSIUM 



229 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



1 Sermide. 

2 Quasi tutte queste località sono state ricordate 
più su, e intorno ad esse s'è dato l'indispensabile per 
la identificazione: solo di qualcuna do il nome attuale, 
essendo espresso alquanto diversamente in questa re- 
dazione. 



Cronaca B 

che nui a farse fare et scrivere, havemo facto, 
scrtpto et confido et -per tutti zurade, firma- 
de } statuide et ordenade per nui tenude 
e observade jìrmiter fideliter et veraciter 
per tutti li soprascripti iuramenti volemo 
avere fermo et ratho sempre fin che quella 
observara et ferma havera la prelibata illu- 
strisima ducal signoria de Venetia e per 
fermeza l'ò facto lo prexente zuramento. 
Dato ab incharnatione mundi vi millia 
viiii cento Ixii adì xvii de aprile, indic- 
tione secunda, in Constantinopoli. 

1454. — Una tempesta venne nel con- 
tado de Bologna adì xvii de zugno ne l'ora 
de vespero, la quale feze grandissimo danno 
a formenti e spelte, fave et uve. 

Nota che la dita tempesta comenzò nel 
contado de Verona et guastò circha uno terzo 
del dito contado; e venne per lo Mantoane e 
paso a Sermene l sopra el Po, et venne drilo 
al chastelo de Cento e de la Pieve, et venne 
in alchuni luoghi senza acqua. La quale 
tempesta danezò el contado de Bolonia ' in le 
infrascripte ville 2 , zoe: Cento, la Pieve, i 
Runchi da Argele, Argelada, San Zorzo 
da lado de sopra, Salapozeta, Stiadegho 3 , 
Spixi 4 , la Vedrà, Color edo, Sanata Maria in 
Dum 5 , Castagnolo menore, Salexedo, Sabium 6 , 
Chadriano, Quarto de sota, Marane, Fiesso, 
Hozane 7 , Varignana, Liane, Fraseneda, Vi- 
driane, Montechalderara et multi altri luo- 
ghi che non sono scripti', et andoe infine a 
le confine di Fiorentini. 

Nota che in questo anno fono molte ten- 
peste, non tanto nel contado de Bologna quan- 
to generalmente per tuta Lonbardia, le quale 
fezeno molti danny et generòe charestia 8 . 

1454. — La ghiexia de meser san Do- 
nado, la quale era era dinanci da la chaxa 
de Lodovigo di Manzuoli in stra San Do- 



5. firmiter] framit' cod. 

3 Stiatico. 
* Spizzo. 

5 Santa Maria in Duno. 

6 Sabbiuno. 

7 Ozzano dell'Emilia. 

8 II testo A dà la notizia assai più brevemente, 



e. 24S a - col. 1 



IO 



230 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1454] 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



col 



Cronaca B 

nado, in suxo quela piazola, fo chomenzada 
a desfare e butare 'per terra adì xxvii de 
mazo ; la quale ghiexia fo refacta rinscontro 
a la dita piazola in suxo el cantone de la 
viazola a pè de Cr esente da Puozo, la quale 
ghiexia fo livera e stabelida de fare adì... 

1454. — Iregimentide Bologna, avendo 
noticia che infra Veneiiani, ducha de Milane 
e Fiorentini se pratichava una zerta liga in 
fra le ditte signorie, mandono dui ambasa- 
duri a Vincxia adì xvi de zugno, i numi di 
quali fono quisti: Ver g ilio di Malvici e 
lacomo degV Ingradi, i quali fono benisima- 
mente vezudi e rezevudi da la dita signoria. 
Et adì v de setembre a hore xv'/^ vene 
novelle come la dita liga era facta e con- 
cluxa; et -per questo comenzono a sonare le 
chanpane del chomune a martelo. Et adì 
vi de setembre vene 1 uno cavalaro di Fio- c - i 

e 

renlini con literrc, notificando come la dita 
liga era facta e concluxa. El quale cava- 
laro fo vestido de roxado et menado a ca- 
valo per la citade con trombe e pifare, et 
con Varine de la signoria de Venexia e del 
ducha de Milane e di Fiorentini e de mon- 
signore e del puovelo de Bologna. 

Et adì viiii de setembre venne i ditti 
ambasaduri a Bologna, et adì x dito, el drie 
de dexenarc andono in palazo dai signiuri 
antiani a twtificharc loro la dita ligha; et 
per questo comenzono a sonare le chanpane 
del comune a martelo, et la sita feno falò 
e festa per alegreza. 

1454. — In questo anno fo cativo re- 
cholto de pane e de vino e zencrulmente d'one 
cosa, salvo che martini e chastagne, che ne fo 
abondantia. Et valca el formento in su el 
recolto soldi 37 in j8, e 7 vino meschiado 
valca soldi 18 infino 24. e 'l puro soldi 4.0 
e V vino vechio soldi 50, sì che fo caro pane 
e vino infino al recolto del 1455. Et puochi 
guadagni erano nelli mestieri e nelle arte, 
et pertanto parea ancora agli omeni esere 
molto più caro per lo poco guadagno che 
fazeano ; et quisti tali puochy guadagni 



ab 

1 



7. adi] segue spazio bianco nel cod. 



[AA. 1454-1455] 



BONON1ENSIUM 



231 



Cronaca A 



Anno Christi Mcccc55. Li regimenti de 
Bologna, havendo noticia che '1 conte la- 
como Pizinino fiolo de Nicolò Pizinino, lo 
quale era stato capitanio generale della si- 
gnoria de Vinexia et alozava nel conta de 
Bressa, a Castello d'Axola, et volea passare 
de za dal Po et venire a li danni de Bo- 
logna, secundo che se rasonava per la ma- 
zore parte della soa gente d'arme et per 
altre persone delle circumstantie, de che 
li nostri regimenti mandono uno ambassa- 
dore al conte Francesco Sforza, ducha de 
e. ^Milano, el quale andò a dì 14 de' febraro, 
el nome del quale fu misser Ludovigo Cha- 
zalovo, cavaliero, el quale zunse a Milano 
a dì 19 del dicto mese, et fu a parlamento 
cum lo dicto ducha, dal quale ebbe bonis- 
sima resposta et megliuri facti et fu benis- 
simamente ricevuto et udito dal dicto du- 
cha. El quale ambassadore cum presteza 
tornò a Bologna a dì 19 de marzo cum doe 
millia cavagli et cinquecento provisionati 
d'una bellissima compagnia; da poi mandò 
circha quatro millia persone cum li infra- 
scripti condutieri, zoè : 

El signore Chorà da Codognola, 
el signore Ruberto da Codognola, 
Christovalo Torello e '1 fiolo, 
Iacomo di Russi da Parma, 
Sagramoro da Parma, 
el figliolo del signore Micheletto da 
Codognola, 

el figliolo del conte Alovixe dal Vermo 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

erano zeneralmcnte per tutte le cir constantie 
qui d'intorno. 

1454. — Una piovia comenzò adì xviii 
de hotobre la sira, la quale duroe tuta la 
vernada et feze grandisimo danno per tuia 
Lonbardia e spicialmente nelli infrascripti 
luoghi, zoe: Padoana, Vixentina, Manloana, 
Ferarexe, el Polexem de Rovigo, Veroncxe, 
fazeano ; et quésti tali puochy guadagni 
Crcmonexe. Ft nel contado de Pavia pro- 
fondò la rocha da Basignana, la quale era 
in su la riva del Po, et mori gli vii persone. 

1455. — Doe galee de' Venetiani, ca- 
regke de mercantia, che veniano d Acqua 
Morta l delle parte de ponente, delle quale 

n'era capitano tino zentilomo ' di Chalvi, ro- e. 2^0 . cui. 2 
peno nel porto de San Nicolò de Lio apreso 
Vinexia, a tempo de nocte, et aneghosse circa 
80 homeni de quitti de la galea de capitanio ; 
e de l'altra galea non se n'anegò nesuno, 
ma pure ropeno a terra. Di quali homeni 
anegati glie ni era 40 da Vinexia. Ft 
questo fo tenuto grandisimo facto, che esendo 
a pè del porto a ronpere in terra per for- 
tuna. F la mazore parte delle robbe, ch'e- 
rano nelle ditte galee, fono retrovate, salvo 
che Ili zuchari. Ma pure ebeno grandissimo 
dano, -però che tute le robbe erano anegate. 
Disesse che aveano avuto de dano xxx milia 
duchati. 

Noia che de la galea del capetanio non 
campò se non dui homeni, zoe capitanio e 
uno pixane. -E fo adi /7 de zenaro. 

1455. — Vene literre a Bologna adì ii 
de febraro per uno cavalaro di Fiorentini, 
come adì xxvi de zenaro nel dito anno el re 
de Ramona signore de la Puglia avea reti- 
Hcado a la paxe e liga facta in fino adì v 
de setembre del 1454- infra Venetiani e ducha 
de Milane e Fiorentini e suoi amixi e chole- 
gaiti de tute le parte; la qual paxe e liga 
fo remessa tuta ne le mane del papa Nicolò 
quinto. Et per questo, monsignore lo go- 
vernadore 2 una con li regimenti de Bologna 



1 Aigues Mortes, 



2 È, come sotto si vedrà, il card. Bessarione. 



232 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1455] 



e. 48 a 



Cronaca A 

quatro squadre del signore Alexandre», 

Amerigho da Sam Severino; 

et andono alozare alle castelle del conta 
de Bologna. 

Doe galee de' Veneziani charegate de 
merchantia che vegniano d'Aqua Morta, del- 
le parte de ponente, de le quale n'era capi- 
tanio uno zentilomo di Chalvi, ropeno nel 
porto de Sam Nicolò de Lio apresso Vi- 
nexia a tempo de nocte, et anegosse circha 
otanta nomini de qui Ili della galea del ca- 
pitanio, et de l'altra galea non se ne anegoe 
nessuno, ma pure roppe non a terra. Di 
quali homini gli n'era da cinquanta da Vi- 
nexia. Et questo fu tenuto grandissimo 
facto che, essendo a pè del porto, rompere 
in terra per fortuna. Et la mazore parte 
delle robbe ch'erano nelle diete galee funo 
retrovate, salvo che li zuchari; ma pure 
ebeno grandissimo danno, però che tucte 
le robbe erano anegate, et disesse che ha- 
veano hauto de danno trenta milia duchati. 

Nota che della galea del capitanio non 
campò se non dui homini, zoè el capitanio 
et uno pisane. Et fu adì IO 1 de zenaro. 

Lo dicto anno venne letere a Bologna 
adì dui de febraro per uno cavalaro de' 
Fiorentini, corno adì 26 de zenaro nel dicto 
anno el re d'Aragona, signore della Pu- 
glia, havea retificado a la paxe et ligha 
facta infino adi 5 de setenbre del 1454 in 
fra Veneziani, el ducha de Millano et Fio- 
rentini et soi amisi et cholegati de tucte le 
parte; la qual paxe et ligha fu remessa 
tucta nelle mane del papa Nicolò quinto. 
Et per questo monsignore lo governadore 
una cum li regimenti de Hologna feceno 
sonare le canpane del comun a martello, 
et liezere la littera mandata delli signuri 
de' Fiorenza, alla renghiera de' signuri an- 
ziani, sonando le tronbe tre volte; et feceno 
comandamento che ogni homo dovesse fare 
festa et falò per allegreza; et fecese tre dì 
procesione per la città, zoè la matina. La 
quale ligha se fece per quindese anni 2 . 

Uno tremoto fu adì sei de febraro nella 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

fezeno sonare le chanpanc del comnue a 
mar telo e liezere la Ut era mandata dalli 
signiuri de Fiorenza a la renghiera di 
signiuri antiani, sonando le tronbe Hi volte ; 
et fezeno comandamento che ogno?no dovese 
fare festa e falò -per alegreza; et fezese 
Hi dì prozesione -per la cita, zoè la matina. 
La qual liga se feze -per anny xxv. 

1455. — Uno tremoto fo adì vi de fe- 
braro ne la montagna de Bologna, zoè per 
Val de Rene 3 . Per lo quale tremoto molte 
caxe caddeno a terra ne la dita valada et 
feze paura a zaschuna persona, però che 
li fo più volte in pocha d'ora.* 



1455. — / regimenti de Bologna, c ;~ 
avendo noticia che 7 conte Iacomo, figliolo 
che fo de Nicolò Pezenine, el quale era 
stado capetanio zcnerale de la zente d'arme 
de la signoria de Venexia et alozava nel 
contado de Bressa, al chastelo d'Axola, volea 
pasare de za dal Po et venire ai danni de 
Bologna, segondo che se raxonava per la 
mazore parte de le soe zente d'arme et per 
altre persone de le cir constantie, mandono 
uno anbasadore al conte Francescho Sforza 
ducha de Milane; el quale andò adì xiiii° 
de febraro e 7 nome del quale fo meser Lo- 
dovigo Cazalovo cavaliero. El quale zunse 
a Milane adì xviiii del dito mexe et fo a 
parlamento con lo dito ducha, dal quale 
ebc bonisima resposta e migliuri facti, et 
foe bcnisima?nentc rezevudo e udido dal dito 
ducha. El quale anbasadore tornò a Bolo- 
gna adì xviiii de marzo con 2000 cavagli 
e 500 privixinali d'una bclisima conpagnia. 
La qual zente andò lozare alle chastelle del 
contado de Bologna. 

E però nota che questa zente non veneno 
tutti inseme, ma veniano a 200 e 300 e 4.00 
chavagli per volta per avere meglio de le 
vituarie. E Ili privixinali veneno in nave, 
zo' per lo Po. De la qual zente n'era 
chapitanio ci signore Chorà e 7 signore 
Ruberto da Chudignola. El quale signore 



c.24.6 a 
ol. 1 



1 II testo B ha la data del 17 gennaio. assai superiore, cioè 25 anni, dal testo lì. 

1 La durata della lega è fissata per un tempo ;i Valli d. 1 Reno. 



[A. 1455] 



BONONIENSIUM 



233 



Cronaca A 

montagna de Bologna, zoè per Val de Re- 
no ; per lo quale tremoto molte chase cha- 
deno a terra nella dieta valada, et fece 
paura a zascuna persona, però che li fu più 
volte in pocha d'ora. 

Misser Bisarion cardinale niceno et 
luoghotenente in Bologna per la Chiexia, 
intendendo che papa Nicola quinto era ama- 
lato a morte et che non poteva canpare de 
quella malatia, secundo che se diceva, se 
partì da Bologna adi 24 de marzo, in lunedì 
a hore 13, et andosene verso Roma cum 
soa brigata. Et cum lui andò li infrascripti 
citadini, zoè : 

Misser Achille de' Malvizi, 

misser Iacomo delli Ingrati, 

misser Piero Antonio de Paxello, ca- 
valiero e dotore. 

Lo quale cardinale non tornò più a 
Bologna. 

Adì 24 de marzo in lunedì a hore 20 
papa Nicolò quinto morì; et venne le no- 
velle a Bologna adì 28 del dicto mese. 

Adì sei d'aprile Calisto terzo fu creato 
papa, et havea nome misser Alfonso di 
Borgi cardinale de Valenza, et era oltra- 
montano; et venne le novelle a Bologna adi 
xi de aprile a hore 21. Et per questo li re- 
gimenti de Bologna feno sonare le canpane 
del comun a martello et tucte, generalmente, 
et falò; et fecese tri dì procesione per la 
cittade. 

Lo dicto anno el conte Iacomo, nolo 
che fu de Nicolò Pizinino, el quale alozava 
per soa stantia al castello d'Asola del conta 
de Bressa, mandò soa gente d'arme del mese 
d'aprile, nel conta de Ferara, ad Argenta; 
et adì 26 d'aprile J el dicto conte Iacomo 
venne a Ferara et fu recevuto dal marche- 
xe misser Borso, signore de Ferara, cum 
grandissimo honore, et desposò nel palazo 
grande del dicto marchexe; et adì dui de 
mazo andò cum soa gente d'arme in Ro- 
magna a lozare de sotta da Codognola; 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



7. cardinale] segue nel cod. vin cariceli. — 16. 
segno d'attenzione nel margine sinistro 



1 II testo B ha il 27 aprile. 

? Queste notizie sulle milizie inviate da Milano 



Cronaca B 

Chora andò a lozare in Romagna al chastelo 
de Chudignola con circa 1000 -persone da 
chavalo e da pè, e 'l signore Ruberto romaxe 
in Bologna et alozava in l'ostarla da la Luna. 

Nota che 'l ducha de Milane mandoe 
circha iiii millia chavagli in Bolognexe, 
senza li fanti, de li quali non fazo menzione 
alcuna, -però ch'io non sepi el zerto. 

Qiiisti sono li condutieri de la dita bri- 
gada, e prima: 

El signore Chora da Chudignola, 

el se gnor e Ruberto da Chudignola, 

Vangelista Savelli, 

Cristovalo Torelo, e 'l figliolo, 

Iacomo di Russi da Parma, 

Sagra moro da Parma, 

el figliolo del signore Michele da Chu- 
dignola, 

el figliolo del conte Aloixe dal Ve mio, 

quatro squadre del signore Alisandro, 

Amerigo da San Severine 2 . ' 

1455. — A/esser Bixarion char denaie e 246 a- o 
niceno et luocoienenie in Bologna per la 
Ghiexia, avendo noticia che 7 papa Nicolò 
quinto era amalato a morte et non possea 
chanparc de quela malalya, secondo che se 
dicea, se partì da Bologna adì xxiiii de 
marzo, in lunedy, a hore xii * / \, et andosene 
verso Roma con soa brigata. Et andò con 
luy li infrascripti citadini, zoè: meser Achile 
di Malvici chavaliero de nostra Donna del 
Tenpio, meser Piero Antonio de Paxelo cha- 
valiero e dolore, Jacomo degl ' Ingradi. El 
quale chardenale più non tornò a Bologna. 

1455. — Papa Nicolò quinto morì adì 
xxiiii de marzo, in lunedì, a hore xx; et 
venne le novelle a Bologna adì xxviii del 
dito mexe. 

1455. — Papa Cha listo terzo fo creado 
ady viii d'aprile, in martedì, a hore xiii, et 
avea nome meser Alfonso di Borgi, char- 



30. marco cod. 



sono collocate assai prima nel testo A, e meno parti- 
colareggiate. 



234 



CORPUS CHRONICORUM 



IA. 14.55] 



Cronaca A 

et erano circha tre millia cavagli et mille 
fanti. Et adì quatro dicto andò a lozare 
a Chamura et a Sam Zorzo nel conta de 
Ravenna. Et per questo la gente d'arme 
del ducha de Milano, ch'era nel conta de 
Bologna se partino adì 9 et adì x de marzo' 
et andono in Romagna; et andogli dusento 
cinquanta cavagli de Bolognisi, et andono 
alozare a pè del castello de Solorolo i , de 
sotto da Faenza, per contradire al dicto 
conte Iacomo, se l'avesse voluto offendere 
el conta de Bologna. 

Nota che in questa brigata del ducha 
de Milano era uno vescovo per la Chiexia 
et chiamavase el vescovo de Ragusa 2 . Et 
adì xi de zugno el dicto conte Iacomo se 
livò de campo, dove alozava, et andò cum 
soa brigata per Galiada 3 verso Toschana, et 
andò nel contado de Città de Castello, possa 
andò nel lago de Perosa et rompe la guerra 
cum Senixi ; et prese doe castelle, delle 
quale ne misse una a sacomanno, nome Ze- 
tona *. Et adì 19 de zugno la gente d'arme 
del ducha de Milano, ch'erano in Romagna 
livono campo et andono in Thoschana dreto 
al dicto conte Iacomo Pizinino; et adì 7 de 
luglio venne nel campo del ducha de Milano 
el signore Zohanne de Vintemiglia cum 
desedocto squadre de gente d'arme et cum 
bella fantaria; lo quale era capitanio della 
Chiexia. Et per questo el conte Iacomo 
livò campo et andò a Chastiglium della IV- 
schara 5 , ch'era del re d'Aragona. Et in 
puochi dì la gente d'arme de' Senixi et de' 
Fiorentini veneno in campo cum le brigate 
del ducha de Millano, sì che se ritrovono 
inseme circha quatordesp milia persone, et 
rescosseno le castelle che havea haute el 
conte Iacomo. Nientedimeno el conte Ia- 
como ebbe da poi per tratato uno castello 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

dettale de Valenza, et era oltramontano ; et 
venne le novelle a Bologna adi xi d'aprile 
a hore xxi K / 2 . Ft -per questo i regimenti 
de Bologna f eceno sonare le chanpane del 
chomune a martello e, generalmente, iute 
le chanpane delle ghiexie grande, e fezeno 
fallò quela sira, per alcgrezza, et iii dì 
prozesione per la citade. 



Come el chonte Iacomo Pezenine passò 
in Romagna e andoe in Toschana a 
fare guerra ai senixi. 

£1 chonte Iacomo, figliolo che fo de 
Nicolò Pezenine, el quale alozava per soa 
slancia al chastelo d'Axola del conta de 
B ressa, mandò soa gente d'arme, del mexe 
d'aprile, nel chonta de Ferara e d'Argenta; 
et adì xxvii d'aprile ci dito conte Iaco?no 
renne a Ferara et fo recevuto dal marche- 
se: meser Borse 1 signore de Ferara, con c ^f 6 f 
grandisimo honore, e desposò nel palazo 
grande del dito marchexe ; et adì ti de 
mazo andò con soa gente d'arme in Roma- 
gna a lozare de soia da Chudignola. Ft 
erano circha iii milia chavagli e mille fanty. 
Ft adì iiti" dito andò a lozare a Chamura 
e a San Zorzo nel chonta de Ravenna. Ft 
per questo la gente d'arme del ducha de 
. Milane, ch'era nel conta de Bologna, se par- 
tino adì p e adì x de mazo et andono in 
Romagna; et andogli 2jo chavagli di Bolo- 
gnixi, et andono alozare a pò del chastelo de 
Solorolo, de soia da Faenza, per contradirc 
al dito conte Iacomo, s'cl avesse voluto offen- 
dere ci conia de Bologna. 

IVota che in questa brigala del ducha 
de Milane era uno vescovo per la Ghiexia 
et chiamavase ci vescovo de Raguxa. 



8. sira] cod. siara | i . ( hiamavasc] nel cod. 

era prima scritto chiavase, il ma fu aggiunto dalla 
stessa mano sopra la riga 



Solarolo, < ormine di I i Ircondario di Faenza, prò 



- vincia di Ravenna 



C'asciano ora in provincia di l'orli. 

4 Cetona, comune del circondario di Montepul- io 

2 Vescovo di Ragusa in quel tempo era Giacomo li ciano, in prov. di Siena. 

da Recanati. 5 Castiglione della Pescaia, comune del circon- 

3 È Galeata comune del circondario di Rocca San darlo e provincia di Grosseto. 



[A. 1455] 



BONONIENSIUM 



235 



Cronaca A 

nome Orbitello cum altre castelette, et cum 
queste faceva gran danno a' Senisi. 

Nota che tucta la gente d'arme da ca- 
vallo et da pè d'amedoe le parte rema- 
seno desfacti, cossi de' Fiorentini, comò de' 
Senixi et del papa e del ducha de Milano 
et del conte Iacomo Pizinino, che '1 dicto 
conte Iacomo venne a tanto che non havea 
mille persone da pè et da cavallo, et se '1 
non fusse stato el re d'Aragona che li dava 
vituaria per mare, al tucto era desfacto; ma 
alla fine fece paxe cum Senixi et ebbe cin- 
quanta migliara de duchati in questo modo, 
che '1 papa li de' vintemilia duchati et li 
Senixi altri tanti e '1 re de Ragona diese 
milia duchati ; et andò alozare nel conta 
de Percsa a posta del papa, per uno anno. 
El quale acordo fu facto del mese de 
luglio 1456. 

Adì 17 et 18 de zugno fu gran fredo 
et nebiazo et piove e nevò in alchuni luoghi 
delle montagne de Bologna; et la mazore 
parte delle persone si se misseno li vestiti 
dallo inverno et li mantelli intorno et sta- 
vano al fuocho. 

Nota che questo mese fu umido et fri- 
gido corno mai fusse veduto per gli uomini 
antixi'. 
e. 49 a Adì 22 de zugno fu consagrà Sam 
Michele in Boscho per misser Daniello da 
Lodi S vescovo, el quale stava per stantia 
nel vescoado de Bologna, et consegrato l'al- 
taro grande, lo dicto vescovo li disse la 
messa grande. A la quale consecratione 
erano li signuri anziani. Et li frati feceno 
uno magno convito alli cittadini e li si- 
gnuri et al vescovo et a tucti quilli che 
funo alla dieta messa. 

Adì 29 de zugno misser Ludovigo da 
Valenza nepote de papa Calisto venne a 
Bologna governadore, cum gran trionfo ; 
lo quale era vescovo di Sogorb; et venne 
cum lui gli ambassaduri ch'erano andati a 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



1 Daniele d'Alunno di Sarsina, vescovo di Forlì. 
* Cetona, v. p. 234 nota 4. 



Cronaca B 

Et adì xi de zugno el dito conte Iacomo 
se livò de champo dove alozava et andò con 
soa brigada 'per Galiada, verso Tosckana, 
et andò nel conta de Cita de Chastello, -possa 
andò ne lago de Peroxa e rompe la guerra 
con Senexi, et prexe doe c/iaslelle, delle quale 
ne misse una a sachomano, nome Zctona *• 
Et adì xviiii de zugno la gente d'arme 
del ducha de Milane, ch'erano in Romagna, 
livono chanpo et andono in Toschana drieto 
al dito conte Iacomo Pezenine. Et adì vii 
de luio venne nel chanpo del ducha de Milane 
el signore Zohanne de xx miglia 5 con xviii 
squadre de gente d'arme et con bella f anta- 
ria] el quale era chapctanio de la Ghiexia. 
Et per questo el conte Iacomo livò chanpo e 
andò a Castigliun de la Peschaglia 4 , ch'era 
del re de Ragona. Et in puochi [dì] la 
gente d'arme di Senexi e di Fiorentini ve- 
neno in chanpo con le brigadc del ducha de 
Milane, sì che se retrovono inseme circha 
xiiii millia persone et reschosscno le casielle 
che avea avute el conte Iacomo. ' Nientede- 
meno el conte Incorno ebbe da poi, per tra- 
ctato, tino chastello nome Orbitello, con altre 
chastelcttc, e con queste fazé gran danno a' 
Senexi. 

Nota che tuta la gente d'arme da 
chavalo e da pè d'amedoe le parte rema- 
xeno desfacti, così de' Fiorentini come de' 
Senexi e del papa e del ducha de Milane 
e del conte Jacomo Pecenine ; ch'el dito conte 
Iacomo venne a tanto che non avea mille 
persone da pè e da chavallo, e s'el non fosse 
stato ci re de Ragona che li dava vituaria 
per mare, al tuto era disfaio ; ma alla fine 
fece paxe con Senexi et ebbe 50 migliara 
de ducati, in questo modo, che 'l papa li de 
xx milia duchati e Ili Senexi alt retanti, e 'l 
re de Ragona x milia duchati, et andò alo- 
zare nel chontà de Peroxa a posta del papa, 
per uno anno. El quale acordo fo facto 
del mexe de luio 14.56. 

2. Et] una mano posteriore aggiunse queste parole 
in margine, che furono poi cancellate', meser Galiazo 
Marescotto era comissario de l'exercìto per li Bo- 
lognisi 

3 Giovanni da Ventimiglia. 

* Castiglion della Pescaia, v. p. 334 nota 5. 



e. 146 't - 



236 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1455] 



• 



Cronaca A 

Roma; et era uno malissimo tempo depiovia; 
et venne sotto uno baldachino de zendale 
azuro et andogli incontra li signuri anziani 
et confalonieri, li sedexe et tucti li citta- 
dini et regole de frati ; et venne per la 
porta de Strà Maore. Et in questo dì se 
corse el palio de sam Piero, per la dieta 
porta; et havelo uno cittadino de Fiorenza. 
Et chiamase cardinale de Santiquatro. 

Adì 29 de zugno papa Calisto chalo- 
nezò in Roma sam Vicenzo de Bretagna 
de l'ordine de frati Predicaturi de santo 
Domeniche 

Lo dicto anno el signore Zohanne du- 
cila de Chalabria, Molo del re Raynero, 
re de Puglia et signore in Provenza, ven- 
ne a Bologna adì dui ' de luglio a hore 22, 
et havea cum lui circha tresento cavalli 
d'una bella conpagnia et bene a cavallo; 
et era cum lui Zanino di Medisi da Fio- 
renza, et andavasene a chasa soa. El quale 
ducha era stato in Fiorenza circa anni tri; 
et andò a lozare in ebasa de Virgilio de 
Malvizi, et stete in Bologna uno zorno. 

Nota che '1 dicto ducha non tenea la 
signoria de Chalabria, però che '1 re d'Ara- 
gona l'avea chazato de signoria lui e '1 
padre, et era in possesione dom Ferante 
fiolo del dicto re de Ragona, sì che né lui 
né '1 padre non possedeano alcuna cosa 
nel reame de Puglia, anzi tegnia per forza 
el re d'Aragona lucto quello reame. 

La torre della chiexia de madonna 
santa Maria de la Masone, ch'è in strà Maore, 
fu livera de menare a pè della via de Mal- 
grado, adì otto d'agosto. La quale torre era 
più inanzi verso la porta della chiexia pre- 
dieta pie trenta cinque, lassando la groseza 
del fondamento, ch'erano pie 48 ' e mezo 
andando infino a luogho donde è conducta. 
La quale torre condusse et menò cum soi 
ingigni mestro Aristotile de' Fieravanti, in- 
gignero da Bologna. Et nel primo mo- 
vimento della torre se ropeno dui asenari 
da uno di ladi de la torre, ch'erano posti 



24-25. segno d'attentlone nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

1455. — Adì 17 e 18 de zugno fo gran 
fredo e neòiazo, e -piove e nevò in alchuni 
luoghi delle montagne de Bologna ; e la 
mazorc -parie delle persone se miseno i ve- 
stidy da l'inverno e i manticlli intorno, et 
stavano al fuoco volontiera. 

Nota che questo mexe fo humedo e 
frigedo come mai fosse veduto per gli uo- 
mcni antixi. 

1455. — La ghiexia de San Michele in 
Boscho, ch'è fuor a de la porta de San Ma- 
molo, fo consagrada adì xxii de zugno per 
meser Daniel da Lodi, vescovo de Forlì, ci 
quale stava per slancia nel vescoado de Bo- 
logna ; et consacrato V altare grande, el dito 
vescovo li disse la messa grande. A la quale 
consacratane erano i signiuri anciani. £1 
dito vescovo con soa fameia romaxe a de- 
xenare con li frati con qnilli citadini, che 
s'erano retrovati a la dita messa, benché li 
signiuri aniiani s erano partity x avanti ltf e ' 4 t 7 f 
messa. Et fogli a quclo dexenare circha 
xxx homcni secolari, i quali fon retegniuti, 
però che III frati fcceno serate la porta de 
la ghiexia et volscno che tucti quilli homeni 
che gli erano dexenaseno con loro 2 . 

1455. — Meser Sam Vizcnzo z , de l'or- 
dene de' fradi de san Domenego de la Ber- 
iagna, fo chalonczado adì xxviiii de zugno 
in Roma per lo papa (,7/alisto terzo. 

1455. — Meser Lodovigo de Valenza 
vescovo de So gora e ncvodo del papa Chalisto 
terzo intrò in Bologna adì xxviiii de zugno 
per legalo per la Ghiexia. Et venne con 
lui gli anbasaduri, ch'erano andati a Roma; 
et era uno malisimo tenpo di piova ; et venne 
sola uno baldachino de zendale azurro ; et 
andogli incontra i sygniuri anciani e con- 
falonieri e Ili sedexe e generalmente ogne 
ciladino che avesse stado, e alquante regolle 
di fradi. E venne per la porta de Strà 
Maore. E questo dì se corse el palio de 



1 II testo B Tia la data del 3 luglio. 

2 Quest'ultimo partirolaro non ì indicato nel 



32. zugno] segue nel cod. a hore xviiii cancell. 



A. 

3 San Vincenzo Ferrcr di Valencia. 



s 



[A. 1455J 



BONONIENSIUM 



237 



Cronaca A 

sotto el fondamento della dieta torre; et 
per questo la torre pigò circha tre pie de 
comun, verso la porta de la dieta chiesia; 
niente dimeno el dicto mestro Aristotile 
redrizò la dieta torre. La quale torre fé' 
condure misser Achille di Malvizi, cava- 
liero de nostra Donna del Tempio; nel quale 
condure et chavare fu malissimo tempo de 
piovia, et fecili molto danno per la molti- 
tudine de l'aqua che li sorgeva et entrava, 
et molte overe gli andono che non gli se- 
riano andate per chasone della dieta piovia. 
L'alteza della torre cum tucto el fondamento 
erano pie 65 de comune, el quadro de la 
torre erano pie xr et 52 e mezo, l'alteza 
del fondamento era pie 756 e '1 quadro del 
fondamento era pie 13, unze 8. Et veneno 
multi forastieri a vedere tale torre. 

Venne novelle a Bologna del mese d'a- 
gosto, corno el papa Calisto terzo havea de- 
liberato de fare una armata contra el Gran 
Turcho; per la qual cosa el dicto papa 
mandò brievi et ambassaduri alle signorie 
et signuri de Ytalia et fuora de Ytalia 
de Christianitade, avisando le loro signorie 
comò lui havea deliberato de rompere guer- 
ra contra el Gran Turcho, et pertanto lui 
pregava caramente zascuna signoria et si- 
gnore che Hi dovesseno dare alturio a la 
dieta armada contra el dicto Turcho, el 
quale guerezava contra Christiani nelle par- 
te de Gretia et Ungaria e de Polonia. Et 
adì 29 d'agosto fu aducto a Bologna uno 
breve per parte del papa Calisto, corno la 
Santitade soa sbandiva la croxe contra el 
dicto Turcho, et che zascuna persona che 
li volesse andare contra era asolto de colpa 
e pena. Et per questo, in questa sira, co- 
minzono a sonare le canpane del comun 
a martello; et alquante chiesie sonono. Et 
la domenega da matina adì 31 dicto se fé' 
una procesione et andono in Sam Petronio, 
et venili monsignore lo legato, et liessese 
uno breve in pergolo nel quale fu longha 
dictrya; et mentre che ligevano el dicto 
breve, ardevano intorno al pergolo xv do- 



10 



15 



7. segno d'attenzione nel margine sinistro — io. 
la] segue nel cod. quale cariceli. 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

san Piero per la dita -porta a hore 21 '/, ; e 
avelo uno citadine de Fiorenza. 

1455. — FI signore Zohanne ducha de 
Chalabria figliolo del re Rainiero re de 
Puglia e signore in Proenza, venne a Bo- 
logna adì Hi de litio a hore xxii K \. iy et 
avea con lui circha 300 chavagli d'una bella 
chonpagnia e bene a chavallo; et era con 
lui Zanino di Medyci da Fiorenza, et an- 
davasenc a casa soa. FI quale ducha era 
stato in Fiorenza circha anni Hi; et andò 
a lozare in chaxa de Vergilio di Malvici. 
Siete in Bologna un zorno. 

JVota che V dito ducha non tenia la 
signoria de Chalabria, però che 'l re de 
Ragona l'avea chazado de signoria lui e 'l 
padre, et era in possesione doni Ferante fi- 
gliolo del dito re de Ragona-, sì che né 
Itti né 'l padre non possedeano alcuna cosa 
nel reame de Puglia, anzi tenia' per forza e. »47 a -coi. -■ 
el re de Ragona tuto quelo reame. 

Come la torre de madonna sancta Maria 
de la maxone fo mossa de so luogo 
per ingegno. 

1455. — La torre de la ghiexia da ma- 
donna sancta Maria de la Maxone, ch'è in 
Stra Maore, fo livera de menare a pe de la 
vya de Malgrado adì viii d'aghosto. La 
quale torre era più innanci verso la porta de 
la ghiexia predila pie xxxv, lasando la gro- 
seza del fondamento de la dita torre, et 
pigliando la groseza del fondamento, erano 
pie 48 7 2 > andando infino al luogo donde e 
conduta. La quale torre chondusse e menò 
con suoi ingigni mastro Aris tot elle de' Fie- 
? -avanti in gigniero da Bologna. Ft nel pri- 
mo movemento de la torre se ropeno dui 
ax enari da uno di ladi de la torre, ch'erano 
puosti sotto el fondamento de la dita torre; 
et per questo la dita torre pighò circha 3 
pie de chomune verso la porta de la dita 
ghiexia; nientedemeno el dito mastro Ari- 
stotelle redrizò la dita torre. La qual torre, 



238 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1455] 



Cronaca A 

pieri de eira. Et letto el dicto breve, montò 
in pergolo uno mestro Paulo da Roma de 
l'ordine de santo Augustino, et cominzò a 
predichare confortando gli omini e donne 
che li voleseno dare alturio a la dieta ar- 
mata, secondo le loro possibilitade, chi de 
e so a denari, chi d'arme, chi de robba' de ogni 
conditione, et confortando gli omini che pi- 

gliasseno el segno della Santa Croxe, avi- 
ta o » 

sando loro ch'egli erano asolti de colpa e 
pena de tucti li loro pechati. Et per questo 
funo elietti alquanti nomini a dovere tenere 
el conto delle robbe et denari che li fusseno 
oferti, et scrivere chi oferiva tali denari 
o robbe, et tenere el conto d'ogni cosa. 
Li nomi di quali furono quisti, zoè : 

Mestro Piero de Scicilia, inchixidore 
de Sancto Domenego, 

Zohanne Guidotti, 

Bartolomio de Lorenzo dai Cospi, 

Tomase de Zanetim, 

lacomo dalla Renghiera. 

El quale predicatore stecte in Bologna 
intino adì 22 de setenbre, et el dì denanzi 
li fu donato una bandiera a l'arma del co- 
mun de Bologna. Et la matina sequente se 
partì, quando ebbe predicato, et fu acon- 
pagnato infimo de fuora della porta de Ga- 
liera da molti homini e donne, et andosene 
verso Ferara; et alquanti homini andono 
cum lui intino a Ferara, di quali haveano 
a mazore parte el segno della croxe. 

\ota che '1 papa eliesse alquanti predi- 
caturi che andasseno per Ytalia, predicando 
et confortando li populi che li dovesseno 
dare subsidio alla dieta armata. Et nota 
che '1 predicto mestro Nicolò da Roma disse 
in pergolo che quisti denari, che se recogli- 
vano a Bologna, el papa voleva che '1 s'ar- 
masse una galea a l'arma del comun de 
Bologna, in su la quale andasse quilli Bo- 
lognisi che pigliavano la croxe, et per que- 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

fé condure meser Achile di Malvici chava- 
liero de nostra Donna del Te?npio. Nel guai 
condure et chavare fo malissimo tempo de 
piovia, et feceli molto danno -per la molti- 
tudine de l'acqua, che li sorgea et entrava, 
e molte over e gli andono, che non ie seriano 
andate, per chaxone de la dita filovia. Eal- 
teza de la torre con tato el fondamento erano 
pie 6j de chomunc, el quadro de la torre 
erano pie xi, o. 2 K / 3 *, l'altezza del fonda- 
mento erano pyè 70. 6 2 , el quadre del fon- 
damento era pie xiii o. viii. Et io scritore 
vite menare più volte la dita torre et fuy 
ne la chava facta, e quisti tali sagi tuolsi 
con mia mano, per essere chiaro d'otte cosa ° • 
et molti forastieri veneno a vedere tale 
torre. ' 

1455. • Venne novelle a Bologna del c £fjf 
mexe d'aghosto, come el papa Chalisto terzo 
avea dcliberado de fare una armada contra 
el Gran Turcho. Per la qual cosa el dito 
papa mandoe brievi et anbasadurì alle signo- 
rie e signiuri d' Italia e fuora d' Italia de 
Cristianitade, avixando le loro signorie come 
lui avea delyberado de ronpere guerra con- 
tra et Gran Turcho, et pertanto lui fregava 
caramente zaschuna signoria e signore che 
Ili dovesseno dare alturio a la dita armada 
contra ci dito Turcho, el quale guerezava 
contra Cristiani nelle -parte de Gretia e 
d'Ongaria e de Poiana *. Et adì xxviiii 
d'aghosto fo aduto a Bologna uno brieve 
per parte del papa Chalisto, come la Santi- 
iadc soa sbandia la croxe contra el dito Tur- 
cho, et che zaschuna persona che li volesse 
andare contra era asollo de colpa e pena. 
Et per questo in questa sira comenzono a 
sonare le champane del chomunc a martello, 
et alquante ghiexie sonono. E la domene- 
ga matina adì xxxi dito se fé una proces- 
sione et andono in San Petronio, et venclly 

42. matina] segue nel cod. a horc cariceli. 






1 II testo A non ha inteso bene la scrittura di tore ai lavori, e la personale visione, non sono nel 

questo passo e in luogo di " o. 2 '/» » ha letto "et 52 testo A, il che sta a provare che quel compilatore trasse 

" e mezo „ : invece di " o. „ (=oncie) ha letto un " 5 „. di qui, e copiando, non poteva certo ripetere l'attesta- 

5 2 II testo A ha piedi 756. /.ione della propria presenza. io 

3 Queste parole attestanti la presenza dello s< rit- * Polonia. 



[A. 1455] 



BONONIENSIUM 



239 



Cronaca A 

sto molti homini preseno el segno della 
croxe. Et da poi che fu recolto certa 
quantità de denari, cum molte arme de più 
conditione et molte movilie, el predicto 
mestro Nicolò contradisse alle prime parole 
che diete havea, et disse che '1 papa volea 
denari e le robbe et che lui non havea 
bisogno d'omini per armare, però che '1 
n'avea assai, et in questo modo fu beffata 
la brigata; et per meno scandalo li fu man- 
dato li denari, et funo lire sette milia du- 
sento cum molte arme de più facta ; et 
questo fu adì 22 de febraro 1456. De que- 
sto parlare non voglio più dire, che molte 
cose me converia scrivere; ma per meno 
scandalo me ne voglio tacere, che pechato 
è a tore l'avere d'altrui.' 
c - *>* La torre della chiexia de sam Biasio 
del castello de Cento fu drizata adì tre 
de setenbre per le mano de mestro Ari- 
stotile, ingignero, da Bologna. La quale 
torre pendeva pie cinque e mezo, et era 
stata uno grandissimo tempo cossi pendente; 
et havé de soa provisione a drizarla lire 
otanta; et ogni altra spesa o vero manufa- 
tura che gli andò fu alle spese del comun 
de Cento. 

Misser Giliberto signore de Corezo fu 
morto del mese de setenbre, et venne le 
novelle a Bologna adì otto dicto; et f ecelo 
ucidere li regimenti de Siena nel loro pa- 
lazo et butare zoxo de quello. 

Nota che questo misser Ghiberto da 
Corezo era capitanio generale de' Senixi; 
et secundo che se disse, lui era stato di prin- 
cipali a fare andare el conte Iacomo Pizi- 
nino cum soa brigata nel tenitoriode' Senixi, 
dicendo et prometendo al dicto conte Iacomo 
de partirse da' Senixi et andare cum lui 
in campo; nientedimeno non se partì, ma 
dava parole generale al dicto conte Iacomo, 
dicendo che per bono rispecto non se po- 
deva partire et che gli faria molto ma- 
zore servisio essendo da lato de' Senixi 
che partirse. Onde el conte, vedendose bef- 
fato da misser Ghiberto, fece fare lettere 
et mandolle a' Perosini, per le quale lettere 
venne noticia a' Senixi el tradimento facto 
per misser Ghiberto ; et però mandono per 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



50 



Cronaca B 

monsignore lo legato, et liesesse uno brieve 
in pergolo, nel quale fo longa dyciria, et 
mentre che legiano el dito brieve, ardeano 
intorno al pergolo xv dupieri de eira. JSt 
lieto el dito brieve, munto in -pergolo tino 
mastro Paulo da Roma de Vordene de sancto 
Angustino et cho?nenzò a -predicare, chonfor- 
tando gli uomeni e donne che li dovesseno 
dare alturio alla dita armada secondo le loro 
posebilitade, chi de dinari, chi d'arme, chi 
de robba d'ogne conditione, et confortando 
gli omeni che pigliaseno el segno de la 
Croxe, avixando loro che gli erano asuolti 
de colpa e pena de tucti i loro peccati. Et 
per questo fono electi alquanti homeni a do„ 
vere tenire el conto delle robbe e dinari che 
li ' fossetto oferti et scrivere chi off cria tale 
dinari o robbe e tenire el conto d'one cosa. 
I numi di quali fono quisti: Maestro Piero 
de Sicilia inchixidore de Sam Domenego, 
Zohanne Guiduotti, Bartolomio de Lorenzo 
dai Chuospi, Tomaxe di Zanetim, Iacomo 
da la Renghiera. El quale predegadore 
slete in Bologna infìno adì xxii de setembre; 
e V dì dinanci li fo donado una bandiera 
a Tarma del chomune de Bologna. E la 
matina sequenle se partì, quando ebbe pre- 
dicato, et fo aconpagnato infino de fuor a 
de la porta de Gallerà da molti homeni e 
donne, et andosene verso Eerara ; et alquanti 
homeni andono con lui infìno a Ferara, di 
quali la mazore parte aveano el segno de 
la croxe. 

Nota che V papa eliesse alquanti pre- 
dicatori che andaseno per Italia predicando, 
confortando i populli ch'elli doveseno dare 
sussidio a la dita armada. 

Nota che V predito maestro Nicolò da 
Roma disse in pergolo che quisti dinari che se 
reccoglieano a Bologna ci papa volea eh' ci 
s'armasse una galea a Tarma del chomune de 
Bologna, in su la quale andasse quilly Bolo- 
gnixi che pigliavano la croxe ; et per questo 
molti homini prexeno el segno de la croxe. 
E da poi che fo racolto certa quantità de 
dinari, con molte arme de più conditione et 
molte movilie, el predito maestro Nicolò con- 
tradisse alle prime parole, che diete avea, 
et disse che 7 papa volea li dinari e Ile 



C. 2 /7 b - io/. 2 



240 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1455] 



Cronaca A 

lui et volseno pigliare nel palazo de' signu- 
ri, ma, metendose a defesa, fu de bisogno 
de ucidere; et cossi fu morto e butado zoxo 
del palazo di signuri, corno traditore. 

Adi xx de desenbre fu uno gran ta- 
ramoto in Bologna et in lo contado, a hore 
quatro e mezo de nocte, in sabato, la vi- 
gilia de misser sam Tomaso ; el quale fece 
paura a zascuna persona che lo udì. Et 
prima venne cum uno strepito, poicominzò a 
scossare ogni edifizio fortemente, et fece 
chaschare molti camini da fuogho in sulle 
chase, et alquante sponde de muro, et chad- 
de el canpanile de madonna santa Maria 
dal Monte, zoè el capelo e le canpane cum 
la mità del canpanile; et molte chiesie de 
la montagna de Bologna ebbeno danno. El 
quale tremoto venne tre volte in questa 
nocte, zoè a hore quatro e mezo cinque e 
mezo et sei' l . 



10 



15 



20 



2. pigliare] segue 1 retticeli, nel cod. 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

robbe e che lui non avea bixogno tVominy 
per armare -però che 'l n'avea assai, et in 
questo modo fo beffata la brigata; et per 
meno schandalo li fono mandati li dinari 
che fono lire seitemilia ducento con molte 
arme de più facta. J£ questo fo adi xxii 
de febraro 14.56. De questo parlare non 
voglio più dire, che molte cose me converia 
scrivere ; ma per ?neno schandelo me ne voio 
tacere, che peccato e a tore l'avere d'altrui. ' 

Come la tore de san Biaxio del cha-"'*/* 
stelo de Cento fo drizata. 

1455. — La torre de la ghiexia de 
san Biaxio del chastelo de Cento fo drizata 
adì Hi de setenbre per le mane de mastro 
Aristotele inginicro da Bologna. La quale 
torre pcndea pie 5 '/s> et era stata uno gran- 
dissimo tenpo così pendente; et ave de soa 
previxione a drizarla lire 80; et ogne altra 
spexa, over e manefatura, che gli andò, foe 
alle spexc del chomune de Cento. 

1455. — Mcscr Giliberto signore de 
Chorezo fo morto del mexe de setenbre, et 
venne le novelle a Bologna adì viti de seten- 
bre; et f ecelo uccidere ly regimenti de Siena 
nel loro palazzo e butarc zoxo de quelo. 

JVota che questo meser Giliberto era cha- 
pitanio generale di Senexi; et secondo che 
se disse, lui era stato di principali a fare 
andare el chonte Iacomo Pezenine con soa 
brigata nel tenetorio di Senexi, dicendo e 
prometendo al dito conte Iacomo de partirsc 
da' Senexi et andare con lui in chanpo; nien- 
iede?neno non se partì, ma dava parolle ge- 
nerale al dito conte Iacomo, dicendo che per 
buono rispeclo non se podea partire et che 
7 gli farla molto mazore servixio, essendo 
da lato dy Senexi, che partirse. Onde el 
conte, vedendossc beffalo da meser Ghiberto, 
feze fare leterc e mandolle a' Pcroxini. Per 
Ile quale leterc venne a noticia a' Senexi el 



30. butara cod. 



1 Alle ore nove, e non alle >ta il (sto li. universitaria di Bologna del testo A [11.607], che noi 

1 Qui è grande lacuna Iella Biblioteca seguiamo. Manca tutto il 1456 e quasi tutto il 1457. 5 



[AA. 1455-1456] 



BONONIENSIUM 



241 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

tradimento facto -per meser Ghiberto ; e fe- 
ro mandano -per lui et volsenlo pigliare nel 
palazo di signiuri, ma, metendosse a diffexa, 
fo di bixogno de uccidere) et così fo morto 
e butado zoxo del palazo di signiuri, come 
traditore. 

1455. — Uno tremoto fo in Bologna 
e nel contado adì xx de dexenbre a hore 
4.'l 2 de no e te, in s abado, la vi Ha de meser 
san Totnaxe; el quale feze paura a zaschuna 
persona che l'udì. JSt prima venne con 
uno strepido, poi comenzò a schosare ogne 
hedifitio fortemente, et feze chaschare molti 
chamini da fuogo in su le chaxe et alquante 
sponde de muro ; et chadde el chanpanile de 
madona sancta Maria dal Monte, zoe el cha- 
pello e Ile chanpane con la mita del cham- 
panillc, e molte ghiexie de la montagna de 
Bologna ebbeno danno. £1 quale tremoto 
venne j volte in questa nocte, zoe a hore 
^7 2 * 5\\% e 9- 

1456. — Una str ella apparve nel prin- 
cipio de zugno, la quale a vedere era redonda 
e grande come tino ochio de boe, de la quale 
ne uscia una fiama larga a modo d'una choa 
de paone, a ragi, et cressea e descressea 
più una volta che un'altra, la qual fiama 
era smorta) et prima apparve in fra oi'iente 
e septentrione, et livavasse la nocte a ore 
5 '/a in 6 ; et adì xvi dito mexe comenzò 
apparire la sira a V avemaria. Et apparia 
nel mezo de ponente e de septenlrione ; et 
quando tramuntava andava per traverso, gi- 
rando verso livante, et presto tramuntava ; 
poy se livava verso ponente. Alla -fine del 
dito mexe de zugno non apparve più.' 

1456. — Veneno litere a Bologna adì e. 2480 - coi. t 
xxii de zugno come in Fiorenza venne uni 



22. Nel cod. segue questa notista cancell. con due 
tratti di penna: 1456: Meser Merchione de San Iacho- 
mo da Muoglo doctore morì adì xxii de febraro, es- 
sendo chonfaloniero de zostixia. Al quale fo facto 
grandenissimo honore. Et andogli tucti i regimenti 
de Bologna e tucte le conpagnie delle arte e Ile re- 
golle di frady. Et quelo dì xxiii che '1 fo sepelido 
non se misse fuora alle boteghe 



T. XVIII, p. 1, v. iv — 16. 



242 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1456] 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



1 Tra Porrttta e Lizzano in Belvedere, 
ancora i segni della estrazione del ft-rm. 



Restai^; 



Cronaca B 

zorno uno zerto licore da tagliere, come 
fuoco, che 'l -parca che la terra ardesse, et 
stette così pei- spatio del dire de dui pater- 
nostri. Drieto a questo venne un tenpo ?nolto 
obscuro e tenebroxo con uno trono grandis- 
simo, el quale durò fermamente per lo dire 
de try paternostri. 

1456. — /// questo anno del mese de 
zugno fo retrovato una venna de terra, che 
tenta ferro, la quale vena è in Val de Reno, 
apresso i Bagni da la Poretta x . 

1456. — Questa stade fo ventosa et 
humeda con poco chaldo,frute poche d'onne 
conditione, bon recholto de formcnto e de 
vine e d'one altra biava. 

1456. — Adì xx de lido xv suore vene- 
no da Ferara a Bologna, delle qualle glie 
ni era viiii da Bologna e Ile vi forastiere, 
ci andono a stare nel moncsticro de sancta 
Chiara, el quale era stato comenzato de fon- 
dare adì xiii de novembre del 14.55. Le 
qual suore veneno in su doe charette choper- 
tc de patino negro ; et aconpagnolle una 
sorella del marchexe de Ferara con altre 
donne con uno chavaliero con alquanti home- 
ni a chavcdlo, in /ino a Bologna. Ft andò gli 
incontra chavalicri e doctori con altri home- 
ni a chavallo in fino a Chortcxella 2 . Que- 
sto monasticro e 't de drycdo dal palazzo de 
Spagna '. 

piasti sono i numi delle dite suore: 

In prima, sore Chatclina de Bartolomio 
di JVigri da Bologna, abadessa, 

sore Zohanna de Rainaldu di Lamber- 
tim da Bologna, 

sore Anna de Zohanne di Morandy da 
Ravenna, 

sore Samaritana de Chechino dy Superbi 
da Ferara, 1 

sore Pacifica de Selvestro Daluolio da c f f b 2 
Bologna, 



21. comenzato) aggiunto nel cod. più tardi nel 
margine sinistro — 34. Nigri] corr. su vigri nel cod. 



'Vedi nota 13 a pag. io. 

* Il collegio di Spagna, fondato dall'Albornoz. 



[A. 1456] 



BONONIENSIUM 



243 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

sore Bernardina de Matto da Casta- 
gnolo da Bologna, 

sore Pelegrina de Vidale di Lianuori 
da Bologna, 

sore Nestaxia de Zohanne di Grassi da 
Bologna, 

sore Paula e sore Chabriella figliole de 
Batista Mezavacha da Bologna, 

sore Thadia de Nicolò Barbicro da 
Bolonia, 

sore Innocentia d'Andrea d' Anichino da 
Fcrara, 

sore Philipa de Manfredo di Boarii da 
Parma, 

sore Modesta de Zorzo d'Argenta, 

sore Malgarita de Salvo da Chavola. 

Come el Gran Turcho fo rotto in On- 
garia da' Cristiani. 

1456. — Adì viiii d'agkosto, iti lunedì, 
a ore xiiii fono adute letere a Bologna, 
mandate da la signoria de Vinexia, come 
el Gran Turcho era stato rotto in Ongaria 
da' Cristiani a uno chastello, nome Vanda- 
rabest, el quale e dito in lingua taliana 
Belgrado, essendo lì a champo con gran- 
dissima quantitade de bombare et molti ingi- 
gni; et avea passado el Danubio con gente 
innumerabille. JSt -per questo, monsignore 
lo legato e Ili regimenti de Bolonia, per 
alegreza, fezeno sonare le champane del 
chomune e quelle de San Piero a martello 
et generalmente quaxi tucte V altre chanpane 
sonono ; e la sira se fé fallò per la citade 
e le prexune del chomune fono rotte et f eces- 
se ni dì processione solenemente, tenendo 
serato le boteghe in fino che la processione 
era retornata a San Petronio. Ft ne la 
dita processione fo portado la tavola de 
nostra donna da San Lucha, la testa de san 
Petronio, la testa de san Friam, la testa de 
sam Domenego, la mane de sancta Zecilia, ' 
con molte altre reliquie ; intorno a la quale 
nostra Donna e teste de sancti erano portati 
5 2 dupieri aprixi. Ft andavano le chompa- 
gnie con li fradi, come f ano el dy del Corpo 
de Christo facendo solennemente la proces- 
sione per la citade. 



240 & - col. i 



244 



CORPUS CHRONICORUM 



IA. 1456] 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

Copia de la litera mandata da la si- 
gnoria de Venetia alli regimenti 
de Bologna de la dita rotta del 
Turcho. 

1456. — Magnificis et potentibus do- 
minis ancianis et vexilifero yusiicie civitatis 
Bononie nobis honorandis. Novitates has 
dominationi vcstre scribere possimus quod 
imperador Turchorum con sua valida po- 
tcntia et con multìs ingeniis ad expugnan- 
dum castrum Valdaraben venerat cum quali 
circa pugna. 

1456. — Magnifici et potentes dominy 
tamquam fratres honorandi. Queste novitade 
a la signoria vostra scrivere possemo, come 
Vinperadore di Turchi con la soa valida 
potentia et con molti ingigni a expugnare 
ci chastclo Vandarabest era venuto, ma con 
quale pugna et con ingigni era venuto, mai 
l'ochio de Vomo non vitte tale cose, non etiam- 
dio con la mente s'è posuto pensare; ma 
intanto el dito chastelo per li chulpi delle 
bombarde guasto, finalmente in la feria quar- 
ta prosimamente passada, dopo l'ora del ve- 
spero circha, el dito caste lo sturma mirabilie 
fezeno; in tanto che per luta la nocie e la 
matina fino a ora de dexenare durò, sì che 
in mezo del chastelo doe volte avemo avuto 
la pugna come in uno canpo ; finalmente 
fuora del chastelo a loro andomo con inpeto 
grandissimo, con li quali fino a sita havemo 
avuto la pugna e lui imperadore di Tur- 
chi del so pr adito chastelo, alturiantoze Dio, 
el chazomo fuora, e tucte le bonbardc et 
ingigni havemo obté gniudi. Et lui solo con r -^ Qa 
quitti che lui era romaxo, in la feria sesta 
prossima, de nocte, confuxo e destructo fugì; 
et conlra alcuni al prexente pertanto se el 
dito inperadorc se movesem exercitualmcnte, 
alora mai più ligiera?nente ci suo reame 
potrebbe obtenire come al prexente, perché 
li principali e Ile soe gente e spicialmenle 
li fantapiè sono dispersi, e Ili dyeti pantapiè 
del dito imperadore, li quali le altre gente 
soe avanzava, quasi sono anichiladi. Et nui 
con lo proprio principe nostro forno al 
tempo de la pugna et V altro dì in lo quale 



[A. 1456] 



BONONIENSIUM 



245 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

ti dito castelo fo assediato, in quel medesimo 
detti homeni nostri alcuni feridi et alcuni 
morti sono; ma nientedemeno, alturiandoze 
Dio, mai uno imperadore de Turchi con 
tanta vergogna fugì come lui fece, come 
deschazato. Ma in -prima con le galee 
loro in l'acqua stemo a combatere, delle 
quale una gran -parte avemo obtegnudo ; 
ma el resto che romaxe, de mentre che in 
la predita feria quinta contra quelle galee 
nui voleam andare, quelle incontinente fu- 
gino, e Ili homeni de quelle saltavano fuor a 
e bruxato anno le dite galee. Et pertanto 
adesso nuy non savemo quelo che nui debiamo 
fare in quelo chastelo, perché non possemo 
dire più quelo essere chastelo, ma tino chanpo 
per lo rojn-pimento e la destructione de quelo. 
Datum in lo luoco predicto, in la feria 
sesta nanti la festa de sancto Iacobo apo- 
stolo, in Vanno del nostro Signore 14.56. 
Johannes de Uniach 
conte bistricense. 

Nota che alchuni homeni veneno del 
dito chanpo e diseno che mai non fu ve- 
duto un champo sì meraviglioxo con tante 
bombarde e ingigni, di quali gli ni era 
alquanti che chavavano la terra de soto le 
mura, et che li Christiani aveano guada- 
gnato robba inestimabelle.' 

1456. — Adì xxii d'aghosto chomen- e. 2490- coi. 1 
zò a sonare l'avemaria a hore xviii, et que- 
sto fo per una bolla, che mandò el papa 
Chalisto terzo a Bologna: et zaschuno che 
dycea tre paircnostri e tre avemarie avea 
100 dì de perdonanza, et chi dicea uno pa- 
ternostro con l'avemaria avea 4.0 dy de 
perdonanza. Mt più che ogne prima dome- 
nega del mese se dovesse fare processione, 
et zaschuno che gli andava confesso et con- 
trido di suoi peccati avea sette anny di per- 
donanza. Questo fo facto, secondo che se 



37-38. avea . . . perdonanza] parole scritte sopra 
queste altre cancell. nel cod.t era asolto di suoi pec- 
cati de colpa e pena — 41-42. avea .... perdonanza] 
scritto nel cod. su: era asolto di suoi peccati de colpa 
e pena cancell. 



246 



'CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1456] 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

disse, a zò che Dio avesse mixericordia a' 
Crystiani contro gVinfidili. 

1456. — Adì xxiii d'aghostOf uno lu- 
nedì de matina a hore x fuor a de Fiorenza 
foe una grande fortuna che rumò -più de 
200 chaxe e chiexie e turre e -palazzi et 
parte delle mure de San Chasano ì ; et mo- 
riglie circha 50 persone, et feriti e stro- 
piati gran quantitade ; chavati e rutti più 
de 5000 pie cFolyvi et querze e nuxe in 
quantitade ; et tucti i stirpi s'ar ecolse inanci 
Pagliari et chapanne, pergolle e vigne, fa- 
cendo danno inestimabelle. La quale fortuna 
venne verso San Chassane et pigliò per tuto 
el pian de Ripolli e passò Arno e andò fino 
presso Muxello * ; de la qual cosa stava la 
brigata stupefacta. 

Chopia d'una litera mandata da N apuli 

DI TERIBILLI TREMOTI CH'ERANO STATI 
IN QUILLI PAIXI. 

1456. — Per darve noticia di teribilli 
tremoti sono stati qua per questa terra et 
atomo a 80 miglia per greco e tramontana 
come Terra de Lavoro, Puglia e Abruzo y 
quali, per quanto dicono quisti valenti home- 
ni, che da la passione de fesa Christo in 
qua mai se sentì piti tcribelle cosa, a nui 
grandemente isbigotiti per le meraviglioxe 
cose a nui facte, le quale credo vi parerà 
giuditio da Dio et che mai più intendessi 
tanto spaventevole cosa, come apresso diremo. C col% 

1456. — Domenega matina, adì v de 
dexenbre a hore io */ 2 , venne um tremoto sì 
tcribelle e sì grande quanto mai fosse sentito ; 
e durò per spatio se dicesse el " Miserere „ 
adaxio e più tosto uno e mezo, chon una ro- 
vinosa forza e remore ; dormendo, con gran 
paura ce desidamo e racomandamoci a Dio ; 
et per sua gratia la caxa nostra non a 
recevuto danno alcuno, et tucti semo sani. 
Facto zorno, uscimo fuori, dove trovamo i 
chaxi intenderete. La ghiexia de San Gio- 



1 Crediamo sia da identificarsi con San Casciano 
in Val di Pesa. 



2 La regione del Mugello. 



[A. 1456] 



BONONIENSIUM 



247 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



50 



Cronaca B 

vani mazore grandeza più che Sancta Tri- 
nità, con j navi, le 2 da lato et in volta 
et in coione in quela de mezo, e tulo mi- 
nato infino a' fondamenti: solo vi resta mezo 
la tribuna de l'altare magiore. 

La ghiexia de Sancta Maria magiore 
si e rovinata infino a' fondamenti. 

Doe durre dinanci al vescoado de me- 
ravigliosa grosseza sono rovinate in sino a 
mezzo ; et in una d'esse era la testa de san 
Genaro • e una anpoluza dentro con sangue 
del dito sancto essi trovata sotto i sassi senza 
alcuna machula. 

Uno chanpanile de Sancto Arpino mu- 
rato de matoni, mura grasse -più de doa 
brazza, aperto et ckaschati in sino al mezzo. 

La ghiexia de sancto Aghostino che he 
tre navij una delle doe da lato ch'era in 
volta la mazore parte è in terra e sfondata 
insino a le sepolture, el choro guasto : el 
resto de la ghiexia è 't aperta in molti 
luoghi. 

La ghiexia de sancto Domenego tuia 
aperta dinanzi spicata resta così. 

La ghiexia de san Piero martire, el 
teto tuto di sopra chaschato e 'l corpo de 
la ghiexia aperto in molti luochi. 

La ghiexia de san Lorenzo a rezevuto 
pocho danno. El dormentorio tucto dentro 
l'abitacione a disfacto. 

La ghiexia de sancta Chiara aperta 
in molti luochi: el chiostro e ruinato una 
parte! 

La ghiexia de la Inchoronata aperta 
in molti luochi. Mi conchiudendo, quante 
ghiexie sono in questa terra sono tute aperte 
et perigholate. 

Sono chadute molte chase insino a' fon- 
damenti et fra l'altre, la zecha vecha cha- 
duta la mazore parte. 

La chasa del chapitanio de la terra 
chaduta in sino a' fondamenti et morto lui 
e dui fugliuoli. 

La chasa de meser Lioneto Cicinello e 
chaduta in fino a' fondamenti, et morto lui 
e la donna soa e tri figliuolli. 

Molte altre case sono rovinate insino a' 
fondamenti, quale una parte et quale doe, 
dove n'e morto molte persone. 



e. 2.<,o a - col. i 



248 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1456] 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

JVel Chastelo Novo una de quelle turre 
de mczo e chaschato cinque merli, dentro a 
alchuna ap ritura, e la ghiexia dentro tuta 
aperta. 

£1 chastelo de Santo Ermo rovinato e. 
macinato infino a 1 fondamenti et mortovi 
odo homeni, che mai se vidde simel cosa; 
eravi doe turre che Ile mura erano grosse 
sie brazza o -più. 

Questa terra a rezevuto sì gran danno 
quanto fosse posibelle, tucte le chase che non 
ci sono chascate sono rimase afe? te e tene- 
brate ed cce morto circha cento persone. 

Altre terre d'intorno a facto gran danno 
come intenderete. 

Aversa, chaduto el chastelo e la ghiexia 
de san Paulo e 'l chanpanile con più altre 
cose. 

Chapua, chadute -più de cento chaxc e 
mortovi più persone, e Ile turre del passo 
chadute sono: 

Chalvilciano, 

Variano, 

la Torre, 

Franchogli, 

Chastelo a Mare ì non a rccevuto molto 
danno, 

. „ ' j non a fato molto danno, 
la Lhava, J 

Benivcnto, tucto disfato e mortovi de- 
gli uomeni quatrocento, la Padulle de Fran- 
cesco Charbone tuia spianata et mortovi tri 
suoi figliuoli con tri altri, c c ^ oa 2 

Ariano, spianato et mortovi i try quarti 
de la gente, e dizese che non e rimaso cha- 
sa in pie. 

Avelino, spianato che mai se vide simel 
cosa; et molte altre terre che non vi conto ; 
e stimase che ne la terra e nelle terre che vi 
conto ci siano morti circha vintemilia chorpi; 
non possiamo ancora sentire el tato. 

La maiesta del re si trova in Puglia 
lungi di qua migla otania, a Fogia, dove 
sono stati picola cosa, et nesuno de la corte 
a recevuto danno alchuno. 

Da poi veneno leterre per meser Her- 
ckule da Fst, fradello de meser Borse mar- 



ci facto danno asai, 



1 Castellammare di Stabia. 



[A. 1456] 



BONONIENSIUM 



249 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



1 Troja, comune del circondario di Bovino, prov. 
di Foggia. 

2 Ascoli Satriano. 

3 Sant'Agata di Puglia, comune del circondario di 
io Bovino, provincia di Foggia. 

4 Apice, comune del circondario e provincia di 
Benevento. 

5 Deve certo intendersi il contado di Molise. 

6 Oratino, comune del circondario e provincia di 
15 Campobasso. 



Cronaca B 

chexe de Ferara, el quale demorava coni 
la maestà del re de Ragona in Puglia, na- 
rando de molte terre derockate -per li ditti 
tremoli, come qui de sotta udiriti; et prima : 
Bichari, tucto disfacio che non pare che 
li fosse mai stato hedifitio alchuno, 

Nocera di Puglia, la mita per terra, 
Troglia ', la mita per terra, 
Canosa, parte de la terra e 'l chastelo 
per terra, 
Aschuli 2 , 



Sani' Agada 5 , 

Apici \ 

el chonta de Mileste s 

Chanpo basso, 

B Oratino 6 , 



con molte altre terre 
sono derochate: 



zoe: 



San Zuliano 



con molte altre terre, 
sono desfate con tuta 
la gente. 



Mergonc 8 , 

San Lupo 9 , 

Cassi i0 ; 

Chuma, 

la Ripa n 

JSt adì xxx de dexenbre vi fono un 1 al- 
tra volta dove chaschono molti hediUcii et 
impaurino sì gli omyni che non ardivano 
de stare ne la citade ; // danni fono mazuri 
più che non se scrive, per chiareza de molti 
homeny, che veneno da JVapuli e de tutte 
quele parte, che diceano cose incrediòelle.' 

Nota tu che legi che per cinque mody e. 250 - coi. 1 
se chognossc quando li tremoti debon venire: 

£1 primo, quando l'acqua del pozo vene 
torbida, e questo adive ne per gli venti che 
voglino uscire fuori de la terra ; 



3. Puglia] corr. su Pugla nel cod. — 5. udiriti] 
corr. su vidiriti nel cod. — 24. le notiate contenute 
in questo capoverso sono quasi letteralmente ripetute nel 
cod., per errore evidentemente; la seconda redazione fu 
cancell. 



7 San Giuliano del Sannio, comune del circon- 
dario e provincia di Campobasso. 

8 Morcone, comune del circondario di Cerreto 
Sannita in provincia di Benevento. 

9 San Lupo, comune del circondario di Cerreto 20 
Sannita in provincia di Benevento. 

10 Cassi e Cuma sono due località minori del ter- 
ritorio Sannita. 

11 Probabilmente Ripabottoni, comune della pro- 
vincia di Campobasso. 25 



250 



CORPUS CHRONICORUM 



[AA. 1456-1457] 



Cronaca A 



e. sta 



Ancora, nel mare Adriano, lontano da 
Vinesia centocinquanta miglia, in luogho 
dicto Parenzo, se anegono cinque nave de 
merchantia et inorigli cinquanta otto per- 
sone. Era loro capitanio de' Veneziani uno 
zentilhomo di Malpieri da Vinesia, et fu 
gran danno de merchantie; et anegossene 
una dove era l'ambassaria del Turcho, che 
veniano da Vinexia et andavano in Turchia 
cum molti drapi d'oro et azaro e ferro, et 
de loro non campò persona, né robba al- 
cuna, perché la nocte li soprazunse. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

El secondo, quando gli oxelli s'adunano 
inseme et non vano volando in alto, ma stano 
menenchonuxi et cerchano le chaverne e bo- 
schi -per forteza • 

JEl terzo, quando -per alchuni zurny sta 
l'aiere quieta, non traendo nyente de vento ; 

JEl quarto, quando el sole è tramontato 
essendo Vagliere chiara e bella senza alchuna 
nebia, dopo el tramontare del sole vene so- 
pra dove è tramontato ci sole uno archo 
d'una nuvola biancha ; 

El quinto, quando la luna e velata d'in- 
torno de jiuvoli de più choluri, essendo 
Vagliere chiara e bella senza alchuna nuvola, 
over e nebia. 

Questi signi significhano tremoti grandi 
li quali stano longo tempo a venire da una 
volta a l'altra. 

1457. — Adì x de zenaro, in lunedì, 
se chomenzb una processione in Bologna e 
durò insino a l'altro lunedì sequente: et fa- 
zease per iute le ghiexie mazure. E la ma- 
zorc parte de le persone fazeano quarexema 
e dezunavano, e Ili bechari non vendeano 
charne, né teniano averto, e Ile chonpagnic 
di Batudi andavano per la citade chantando 
lelanie et quando arivavano alle cruxe, on- 
davano a Dio mixericordia, ad alia vox e, et 
chanlavano in quel luoco letame. El ?nar- 
tedì sequente, zoe adi xviii dito, se fé una 
processione* generale, et andò gli tucti gli^oì°i 
urdini di /radi e prieti, e Ile chonpagniè 
in tenporale e spirtuale, et portono la no- 
stra Donna da San Lucha a la ditta prò" 
cessione et andono a San Iacomo. 

Questo fo facto azò che Dio avesse mi- 
xericordia a la nostra citade et che 7 zc 
liberasse da la fortuna di tremoti. 

1457. — Meser Zohane d' Anania ì , do- 
ctorc excclentissimo et archidiackam in Bo- 
logna, morì adì xvii de genaro. Al quale 
fo facto grandissimo honore adì xviii dito ; 
et andogli i chonfalonieri e masari e Ile 
chonpagnic delle arte con alquanti di se- 
dexe e tute le regole di fradi e prieti', e 









1 II celebre Giovanni d'Anagni, di cui parla a lungo il Fantuzzi, I, 324. 



[A. 1457] 



BONONIENSIUM 



25 i 



Cronaca A 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

quelo dì non se misse fuora alle boteghe. 
JEl quale meser Zohanne era homo molto 
lemoxiniero e de lui ne fo gran danno, e 
tuta soa roba despensò -per Dio, avanti che 
7 morisse. 

Come el conte Federigho da Urbino ' e 
'l conte Iacomo Pezenine, soldadi 
del, re de ragona ropeno guerra 
al signore glsmondo di malatiesty 

SIGNORE DE RlMENE. 

1457. — Essendo stato molte discordie 
e nemecicie, nel tempo -passato, infra el si- 
gnore Gismondo di Malatiesti signore de 
Rimene e de Fano et meser Federigho conte 
da Urbino e soldato del re de Ragona e 
re de Napuli e de la Puglia, venne ne la 
Marcha d'Anchona in alturyo del dito conte 
da Urbino el conte Iachomo Pezenine con 
soa brigada, el quale era soldato del re de 
Ragona; e del mese de novenbre comenzono 
a far guerra al dito signore Gismondo di 
Malatiesty, e tolseli alquante chastelle, delle 
quale certe ne misseno a sachomano. 

Nota che la ditta guerra gli era fatta 
per un'altra chaxone, senza la nemicicia del 
conte* da Urbino, però che 'l re de Ra- e. i.u a - cui. i 
gona li domandava 40 migliara d'alfonsini, 
che li avea prestati insino dal 144.9 perchè 
ll'avea livato come suo soldato. FI dito si- 
gnore Gismondo non volse andare dove li 
comandava el re de Ragona che 7 dovesse 
andare, e però gli avenne molte dexaventure 
e danny nel suo paexe, come tu trovarai 
scritto. 

1457. — Nel mare Andriano 2 luntano 
da Vinexia 150 miglia, in luogo ditto Pa- 
renzo, s'anegono 5 nave de merchantia de' 
Veneciany, e morigli 58 persone. Fra loro 
chapetanio uno gentilomo di Malpieri da 
Venecia. 

Ft nel dito zorno s' 'anegò una ghalea 
d'anbasaduri de' Turchi che venyano da Ve- 
nexia et andavano in Turchia con molti 
drappi d'oro e azaro e ferro, e de loro 



1 Federico III del Montefeltro. 



2 Mare Adriatico. Cosi leggesi anche nel testo A. 



252 



CORPUS CHRONICORUM 



[AA. 1457-1458] 



Cronaca A 



Anno Christi Mcccc58. Adì sei de fe- 
braro, misser Thiberto Brandolim, capitanio 
generale delle gente d'arme del ducha de 
Milano, venne a Bologna cum bella con- 
pagnia, cum misser Sismondo suo nolo; 
et spoxò lo dicto misser Sismondo ma- 
donna Antonia, figliola che fu de Aniballe 
de misser Antonio de' Bentivogli, per soa 
donna. 

Adì 9 dicto, el dì della zobia gliotta, 
el dicto misser Thiberto, cum soa conpa- 
gnia andò a Ymola et sposò per soa donna 
la rìgliola che fu del signore Guido Antonio 
de' Manfridi, signore de Faenza e d'Imola- 

Co-pia d'una littera mandata a Bologna 
di teremoti che fimo a Città de Castello e 
in Per osa. 

Adì 26 d'aprile, a hore 17 e mezo, funo 
grandissimi teremoti a Città de Castello, et 
gitarono a terra circha cento ottanta chase 
insino a li fondamenti et uciseno circha xx 
persone et guastono tucto el palazo del go- 
vernadore et del podestà, li quali cum pi- 
cola cosa andarono per terra; et non gli è 
chasa che non sia fessa e rotta. Et in 
questo dì proprio li dicti teremoti funo in 
Perosa e nel contado, ma non feceno danno 
alchuno; et adì 29 dicto, dalla sira inrìno a 
l'aurora del dì, ne funo centovintecinque, 
et a l'ultimo zettò per terra molte case, et 
molte chave profondissime s'aperseno. Et 
adì ultimo dicto, a hore cinque e mezo ', 
venne un'altro teremoto a Perosa et per lo 
simile a Città de Castello, et gito per terra 
circha quindese magnifiche chase et la ma- 
zore parte delli merli della città ; et per 
questo li cittadini de quella usino fuora 
della città et alozavano per li campi cum 
tende. Et per questo li Perosini cominzono 
a fare grande processione et limosene e 
dezuni per salvamento della loro cittade. El 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

non chanpò -persona, né robba alcalina, per- 
ché la notte li soprazunse. 

Come meser Thiberto Brandoline venne 
a Bologna con soa conpagnia e fece 
spoxare madonna Antonia, figliola 
che fo d'anibale di bentivogli, a 
meser glsmondo so figliolo. 

1458. — Meser Thiberto Brandoline, 
chapetanio generale delle gente d'arme del 
ducha de Milane, zoe de za da Po, venne 
a Bologna con bella conpagnia adì vi de 
febraro; et adi viii dito meser Gismondo 
so figliolo spoxoe madonna Antonia, figliola 
che foe d'Anibale di Bentivogli per soa 
donna. Et adì viiii ditto, el dì de la zuoba 
iotta 2 , el ditto meser Thiberto andò a Imola 
con soa conpagnia e spoxoe per soa donna 
la figliola che fo del signore Guido Anto- 
nio di Manfridi,* signore de Faenza 
d'Imola; et adì xxi ditto el ditto meser 
Thiberto reto) noe a Bologna con soa con- 
pagnia e con soa spoxa, et alozoe in chaxa 
de meser Santo e de meser Zoanne di Ben- 
tivogli. Et ady xxiii ditto, la ma lina, el 
ditto meser Thiberto se partì con soa con- 
pagnia e menò con lui madona Antonia di 
Bentyvogli predita, soa nora, et fo acon- 
pagniato da. multi citadini con molte tronbc 
e fi far e; et uvea con lui alquanti fanti con 
stanbechine e lanze. Et andoscnc in Ij>m- 
bardia alle soe chastellc in Parmexana". 

cliopia d'una litera mandata a bologna 
de' teramoti che fono a cltà de 
Chastelo e in Peroxa. 

1458. — Adì xxvi del mexe d'aprile 
a hore xvii'j., fono grandissimi teramoti a 
Cita de Chastello, el gittarono a terra circa 
180 chaxe insino ally fondamenti et uccixeno 
circha xx persone e guastono tutto el pa- 
lazo del govcrnadore e del podestà, i quali 
con picola cosa andarono per terra. Non 
te chaxa che non sia fessa e rotta. Et in 




e. 25, a 
e col. 3 



1 U testo B ha le ore cinque e tre quarti. 

2 Giovedì grasso, detto nel testo A " zobia gliotta „ 



3 La narrazione dell'avvenimento è qui assai più 
estesa che non nel testo A. 



IA. 1458] 



BONON1ENS1UM 



253 



Cronaca A 

quale teremoto non usi fuora del teretorio 
de' Perosini e de Città de Castello.' 
e 5'b Nota tu che liegi che adì x de marzo 
venne tale novella a Bologna per una lit- 
tera mandata per misser Cambio di Zam- 
bechari, cittadino de Bologna, el quale de- 
morava in quello tempo per stantia in la 
città de Perosa; la quale lettera mandò alli 
regimenti de Bologna, zoè a li sedexe re- 
fermaduri del stado de Bologna. 

Venne lettere a Bologna, adì x de mazo, 
corno el re de Franza havea hauto la città de 
Zenova in questo modo, zoè che, essendone 
duxe misser Perine da Campo Foregoxo 1 
cittadino de Zenoa, el quale havea guere- 
zado cum Zohanne Francesco dal Fiescho, 
fuorausito de Zenova, per tempo de uno 
anno e mezo, el quale Zohanne Francesco 
era subsidiato dal re d'Aragona per mare. 
Dove misser Perine duxe predicto, vedendo 
non possere havere secorso né acordo per 
alcum modo, prese acordo, per mezanità de' 
Fiorentini, cum lo re de Franza de darli 
la città de Zenova liberamente; e '1 re dovea 
dare al dicto misser Perine quatro castelle 
et trenta migliare de duchati, li quali de- 
nari dovea havere a Vignone. Hauto el re 
de Franza la città de Zenova, dede a mis- 
ser Perine predicto quatro castelle, ma non 
li dede li denari, et de vali parole in paga- 
mento; dove che misser Perine, vedendose 
beffato dal re, se parti secretamente et 
venne a trovare Zohanne Francesco dal 
Fiescho et acordonse inseme et comenzono 
a guerezare cum Genoa. Et eragli per luo- 
ghotenente in Zenova misser Zohanne du- 
cha de Chalabria, fiolo del re Rayneri re 
de Provenza. Della quale impresa el dicto 
misser Perine ne capitò male, comò trovarai 
scripto in la presente cronicha 2 . 

Lo dicto anno Nanni di Savii da Cento, 
essendo sbandito del dicto castello, intrò 
cum alquanti soi amisi nel dicto castello 
adì dui de zugno, et andò in piaza non 
facendo ofensione a persona niuna; et li 
contrarli soi, zò sentendo, fugino al castello 



IO 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

in questo dì proprio li ditti teremoti fono 
in Peroxa e nel contada, ma non feceno 
danno alcalino. Et adì 2Q ditto da la sira 
infìno a l'aurora del dì ne fono 125, et a 
l'ultimo gittò -per terra molte chaxe; et 
molle chave profondissime s'aperseno. 

Et adì ultimo dito mexc a hore 5 3 / 4 
venne un altro icramoto a Perosa e per lo 
simele a Cita de Chastello, et gittò per terra 
circha 15 magnifiche chaxe e la magior 
parte delli merli de la cittade : et per que- 
sto li citadini di quella uscino fuora de la 
citade e alozavano per li champi con tende. 
Et 1 per questo li Peroxini comenzono a fare e. 2$ib - coi. r 
grande procesione e limosine e dezunii per 
salvamento de la loro cittade. El quale 
teramoto non uscì fuora del tenitorio de 1 
Peroxini e de Cita de Chasielo. 

Nota tu che lieggi che adì x de mazo 
venne tale novela a Bologna per una litera 
mandata per meser Chanbio di Zanbcchari 
citadine de Bologna, el quale dimorava in 
quel tempo per slancia in la cita de Pe- 
roxa ; la quale litera mandoe alli reggimenti 
de Bologna, zoè alli sedexe refermaduri del 
stado de Bologna. 

Come el re de Franza ave la sygnoria 
de Genoa. 

1458. — Venne littcrc a. Bologna, adì 
x de mazo, come el re de Franza avea avuto 
la cita de Genoa in questo modo, zoè che, 
essendone duxe meser Perine da Champo 
Fureghoxo* citadine de Genova, el quale avea 
guerezato com Zoanc Francesco dal Fie- 
scho, fuorausito di Genoa, per tempo d'uno 
anno e mezo, el quale Zoanne Francesco 
era sussidiado dal re de Raghona per mare ; 
dove meser Perine duxe preditto, vedendo 
non possere avere secorso né acordo per 
alcun modo, prexe acordo, per mezanità di 
Fiorentini, con lo re de Franza de darli 
la cita de Genoa liberamente ; e V re dovea 
dare al dito meser Perine quatro chastelle 
et trenta migliara de duchati, i quali dinari 



1 Pietro II Campofregoso doge di Genova, figlio 
di Battista I. 



2 Vedi più innanzi 

3 Campofregoso. 



p. 267, 31 sgg. 



254 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1458] 



Cronaca A 

della Pieve l . Zò funo quisti : Chiarelli, 
Schali, Guizardini, Oraboni, cum loro amisi. 
Et per questo li regimenti de Bologna li 
mandono alquanti fanti cum alquanti citta- 
dini in alturio del dicto Nanni, però ch'era 
suo amico ; et l'una parte e l'altra erano in 
gran sospecto, facendo grandissime guardie. 
Niente de meno se fece lo acordo in questo 
modo, che Nanni predicto venisse a stare 
a Bologna e li fratelli soi cum soi amisi 
stesseno in Cento, et alquanti de l'altra 
parte contraria non tornasseno in Cento. 
Niente de meno non li fu observato la pro- 
c.s2a messa, imperò che da monsignore de Vin- 
timiglia. governadore de quelle castelle per 
lo vescovo de Bologna 2 , misse dentro la 
parte contraria del dicto Nanni ; li quali 
sempre stimulando de parole gli amisi de 
Nanni, li quali essendo andati molti de loro 
per loro merchantie e robbe, de l'anno se- 
quente 1459, li predicti nemisi de Nanni 
levono romore nel dicto castello et uciseno 
quatro homini degli amisi de Nanni, li quali 
erano forastieri; et quilli de Nanni uci- 
seno uno degli Oraboni, dove che li fra- 
telli de Nanni cum soi amisi se conveneno 
partire del dicto castello et veneno a Bo- 
logna. Et però de preti non te fidare. 

Adì xi de luglio \ el dì de sam Sal- 
vadore, morì lo re d'Aragona ch'era re de 
Napoli e de la Puglia, et romase re uno 
suo figliolo che havea nome dom Ferante 
della Puglia et della Cezilia \ Et venne le 
novelle a Bologna adì quatro d'agosto. 

Lo dicto anno venne lettere a Bolo- 
gna, adì xx de luglio, corno nella chiexia 
de sam Piero de Roma, in la capella de 
santa Peternella, erano state retrovate doe 
cha8se d'argento cum dui corpi d'omini 
dentro. Delle quale chasse gli n'era una 
longha tredese spanne e largha cinque, l 'al- 



io 



15 



20 



25 



30 



35 



29. Et . . . fidare) parole sottolineate nel cod. - nel 
margine destro, di carati, tardo : Nota 



40 



Cronaca B 

dovea avere a Vignone. Avuto el re de 
Pranza la cita de Genoa, diede a meser 
Perìne preditto quatro chastelle, ma non li 
diede li dinari, e davali -parole in pagha- 
mento. Dove che meser Per ine vedendosse 
beffalo dal re se partì secretamente e venne 
a trovare Zoanne Francesco dal Fiescho e 
acordonse inseme e comenzono ' a guerezare c c 2 n 5 ,'^ 
con Genoa. Fravi per luocotenente in Ge- 
noa meser Zohanne ducha de Chalabria fi- 
gliolo del re Rainieri, re de Proenza. De 
la quale inprexa el ditto meser Ferine re- 
chapitò male, come trovarai scritto i?i questo, 
a e. 256 \ 

Come Nany di Savii intrò nel chastelo 
de Cento. 

1458. — Nanni di Savii da Cento, es- 
sendo sbandito del dito castello, intrò con 
alquanti suoi amixi nel dito castello adì ii 
de zugno, et andò in piaza non facendo os- 
tensione a persona ninna. Li contrari suoi, 
ciò sentendo, fu g gino al cast e lo de la Pieve; 
ciò fono quisti: Chiarieli, Schaly, Guizardi- 
ny, Or abuoni con loro amixi. Ft per questo 
li regimenti de Bologna ly mandono al- 
quanti fanti con alquanti citadiny in alturio 
del ditto Nanni, però ch'era suo amicho; 
e l'una parte e l'altra erano in gran su- 
spetto, facendo grandissime guardie. Nyen- 
tedemeno se fece l'acordo in questo modo, 
che Nanni preditto venisse a stare a Bo- 
logna e Ili f "radi e gli suoi con suoi amixi 
steseno in Cento, et alquanti de l'altra parte 
contraria non tornasseno in Cento. Niente- 
demeno non li fo observato la promessa, 
inperochè da monsignore de xx myglia 6 , go- 
vernadore de quelle chastclle per lo vescovo 
de Bologna, misse dentro la parte contraria 
del ditto Nanni; i quali sempre stimulando 



27. Orabuoni] aggiunto più tardi sopra la riga 
nel cod., ma dalla stessa mano 



1 Pieve di Cento. Vedi nota 3 a pag. 9. 
1 È noto che Cento apparteneva, anche pel do- 
5 minio civile, al vescovo di Bologna. 

3 II testo B ha il 25 «iugno. Per la festa di 
S. Salvatore, potrebbe intendersi il SS. Redentore; ma 



tal festa corre al 20 luglio. 
* Sicilia. 

5 La carta si riferisce al cod.; v. p. 269, 15 sgg. io 

6 Intendasi Ventimiglia, la città da cui il Mon- 
signore prendeva il nome. 



[A. 1458] 



BONONIENSIUM 



255 



Cronaca A 

tra era per la mità de questa grande; et 
erano de valuta de quindese migliara de 
duchati. 

Adì xxi dicto venne in Bologna mis- 
ser Thiberto Brandolim cum sua conpa- 
gnia et cum la soa sposa et alozò in chasa 
de misser Santo et misser Zohanne di Ben- 
tivogli. 

Adì 23 del dicto, la matina, se partì 
el dicto misser Thiberto cum soa conpa- 
gnia et menò cum lui madonna Antonia di 
Bentivogli soa nora, et fu aconpagnato da 
molti cittadini cum grande honore de pi- 
fari e trombetti; et havea cum lui alquanti 
fanti cum stanbechine et fanti e lanze; et 
andosene in Lombardia, et era signore in 
Parmesana de sei castelle. 

Adì 4 d'agosto monsignore misser Lu- 
dovigo de' Santiquatri, cardinale de Valenza 
et nevodo de papa Calisto terzo et legato 
in Bologna, se partì da Bologna et andò a 
Roma, perché el papa steva male a morte. 
Et andò cum lui dui cittadini, li nomi di 
quali sono quisti, zoè :' 
52* Misser Scipione de' Gozadini, cavaliero 
e dottore, 

misser Nicolò Sanuto. 

Et adi 18 del dicto li regimenti de 
Bologna mandono una ambassaria al papa, 
li nomi di quali sono quisti, zoè: 

Misser Vianese degli Albergati, 

misser Polo dalla Volta, 

Charlo Bianchetto. 

Lo dicto anno papa Calisto morì, adì 
sei d'agosto, in domenegha, a hore 23; et 
venne le novelle a Bologna adì x dicto, 
el dì de sam Lorenzo. 

Et a dicto dì venne novelle comò el 
Gran Turcho havea cavalchato nella Morea, 
el quale paese havea robato et guasto la 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

de parole gli amixi de Nani, t quali es- 
sendo andaty molti di loro -per loro mer- 
chantie e robbe, de Vanno seguente 14.59, * 
■preditti nemixi de Nani livono remore nel 
ditto castelo et uccixeno 4 /moment degli 
amixi de JVanni, i quali erano' forastieri, 
e quilli de JVanny uccixeno uno degli Ora- 
buoni; dove che Ili fradiegli de Nanni con 
suoi amixi se conveneno -partire del ditto 
castelo e veneno a Bologna. E però de 
priete non te fidare. 

1458. — El re de Rag nona, signore 
de la Puglia e de Napuly, morì ady xxv 
de zugno, el dì de sam Salvador e l , e dom 
Ferantc 2 , so figliolo, romaxe re de Napuli 
e de la Cecilia 3 ; et venne le novelle a Bo- 
logna adì 4 de luio. 

Venne litere a Bologna ady xx de luio 
come nella ghiexia de sam Piero de Roma, 
in la chapella de santa Pctcrnclla, erano 
state rclrovaie doe chasse d'argento con dui 
corpi d'omini dentro; delle quale casse gli 
ni era una long a xiii spana e larga v, 
■l'altra era per la mità di questa grande: 
erano de valuta de xv milia duchati. 

1458. — Meser Lodovigo * da Valenza, 
chardenale e nevodo del papa Chalisto terzo 
e legato in Bologna, avendo noticia che 7 
papa era amalato a morte, se partì da Bo- 
logna adì 4 d'aghosto e andò a Roma; et 
andò con lui dui cittadini, zoè : Meser Si- 
pione di Ghozadini, chavaliero e doctore, e 
miser Nycolò Sanudo. 

Et adì 18 ditto i regimenti de Bolo- 
gna mandono una anbasaria al papa, i numi 
di qualy sono quisti : Meser Vianexe dei Al- 
berghady, meser Polo da la Volta, Charlo 
Biancheto. 



5 4 In luogo del 35 giugno il testo A ha 11 luglio: 

ma in nessuna delle due date corre la festa di S. Sal- 
vatore. 

2 Ferdinando I d'Aragona adottato come figlio da 



e. 2S2 a - cai. / 



2. de Nani] parole aggiunte più tardi sopra la 
riga nel cod., ma dalla stessa mano che scrisse il resto 
— II. castelo] aggiunto più tardi sopra la riga nel 
cod. — 13. segno d'atténnione nel margine sinistro 



Alfonso il Magnanimo. 

3 Sicilia. io 

4 Giustamente il testo A aggiunge il titolo del 
cardinale, che era quello dei Santiquattro. 



256 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1458] 



■ 



Cronaca A 

mazore parte et menatone circha quaranta 
migliara d'anime infra grandi et picoli. 

Adì 18 d'agosto, a hore 14, fu creato 
papa Pio secundo in Roma, et havea nome 
misser Enea Bartolomio di Picolomini da 
Siena ; et venne le novelle a Bologna adì 
21 dicto a hore 23. Et questa sira se co- 
minzò a sonare le canpane a martello, et 
fesse fallò doe sire, et tenese serato dui dì 
le boteghe per allegreza, che non se misse 
fu ora. 

Misser Agnolo da Capranicha, vescovo 
de Rieti, intrò in Bologna per governadore 
per la Chiexia adì 12 de novembre; et ven- 
ne cum lui li nostri ambassaturi ch'erano 
andati a papa Pio secundo. Et andogli 
incontra ructa la cherexia cum le cruxe, 
et tucti li regimenti de Bologna; et venne 
sotta uno baldaohino, comò è usanza, et fulli 
facto grande honore. 

Adì 24 de desenbre, nel castello de 
Budrio, nel borgo verso levante, brusò 13 
chase cum gram fortuna de vento. 

In questo anno fu pocho formento et 
poche fructe et chaldo grandissimo, et non 
piove da sam Piero, de zugno, infìno adì 
x de setembre; et el formento se vendeva, 
del mese de zugno soldi 18 la corba et del 
mese de setembre soldi 25 '. Assai vino se 
guastò in questa stade ; et le venderne co- 
minzono a mezo agosto per molte persone; 
fu vino assai nel piano, alla montagna ne 
fu mezanamente. L'inverno fredissimo et 
lungo, neve assai cum grandissime zelure. 
Assai vechi morino et alquante persone 
morino del male' de coste; seguì tanto tale 
male insino de l'anno 1459. Et nel reame 
de Puglia, per la longa vernata et grande 
fredura, morino quasi la mità del bestiame, 
per manchamento de strame. 



Cronaca B 

1458. — Papa Chalisto terzo morì adì 
vi d'aghosto, in domcncga, a hore 23 ; e 
veline le novelle a Bologna adì x ditto, el c f o f 
dì de san Lorenzo. 

Et a dito dì venne novelle come el Gran 

Turcho avca chavalchato nella Morea, e quel 

paexe avea robbato e guastato la mazor 

parte e menatone circha 14.0 migliara d'ane- 

IO me in fra grandi e -picoli. 

1458. — Papa Pio secondo fo creado 
adì xviiii* s d'aghosto, a hore xiiii , in Poma, 
et avea nome meser Enea Bartolomio di 
Pie huluo mini " da Siena; et venne le novelle 
a Bologna adì xxi dito, a hore xxiii. Et 
questa sira se comenzò a sonare le chanpane 
a martello, e fesse fallò doe sire, e tenesse 
scrado dui dì le boteghe per allegreza, che 
non se misse fuora, e bene se lavorava e 
vendea onestamente. 

1458. — Meser Agnolo da Chapranica, 
vescovo de Rieti, intrò in Bologna per go- 
25 vernadorc per la Ghiexia, adì xii de no- 
venbre, et venne con lui i nostri ambasaduri 
ch'erano andati al papa Pio segondo. Et 
andogli incontra tutta la chierexia con le 
cruxe et tutti li regimenti de Bologna; et 
venne sotta uno baldachino come e uxanza, 
e folli fatto grande honore. 

1458. — Adì xxiiii" de dexenbre, nel 
chastelo de Budrio, nel borgo, verso livante, 
35 bruxoe xiii chaxe con gram fortuna de 
vento. 



1458. — In questo anno fo poco for- 
mento e poche frute e 7 chaldo grandis- 
40 simo; non piove da san Piero de zugno in 
Uno adì x de setenbre. El formento se 
vendea,' del mese de zugno, soldi xviii la c r 2 j ? ^ 
corbe e del mese de setenbre soldi xxv. As- 
sai vino se guastò in questa stade, e Ile 
venderne comenzono a mezo aghosto per 



1 I 25 soldi di prezzo restituiscono una piccola 
differenza dai soldi 18 di prima; ma è da notarsi che 
a settembre vendevasi dopo il raccolto. 

2 II testo A ha 18 agosto: forse nella copia è 



caduto un i del numero xviiii. 5 

3 In tutti e duo i tosti leggesi Enea Bartolomeo, 
invece di Enea Silvio Piccolomlni, come al secolo si 
chiamò Pio FI. 



[AA. 1458-1459] 



BONONIENSIUM 



257 



Cronaca A 



Anno Christi Mcccc59. Zohanne de 
Piero Felexino fu menato in presone da 
lato del podestà adì 23 de zenaro, corno udi- 
rite. Zoe, havendo notizia li regimenti de 
Bologna che '1 dicto Zohanne era stato a 
parlamento cum misser Galotto da Canedolo 
alquante volte de l'anno 1457, essendo lui 
per stantia a Carpi, a tempo de moria, et 
havea lui servito el dicto misser Galotto 
de certa quantità de denari; dove el dicto 
Zohanne, vedendose scuperto de quello che 
facto havea, et più havea promesso al si- 
gnore de Carpo, de servirlo d'alquanti du- 
ellati; et venuto el chanzeliero per li de- 
nari, fu preso secretamente alle bollete et 
menato nella rocha de Sam Zohanne, dove 
che fu sotilmente esaminato, et da costui 
si seppe molte cose. Allora el dicto Zo- 
hanne, vedendo che '1 canzeliero non tor- 
nava, secundo l'ordine dato, se n'andò a 
chasa de Vergilio di Malvizi et fratelli, et 
disse a loro ogni soa facenda; et per questo 
li Malvizi, avanti che l'apalezasseno, volse- 
no la fede della vita soa dalli regimenti; 
poi fu menato nelle forze del podestà adì 
23 de zenaro a hore doe de nocte ; et ha- 
uto da llui la verità de quello che fu do- 
mandato, fu condennato che '1 pagasse alla 
camera del comun de Bologna lire vinte 
una migliara de bolognini, et che '1 dovesse 
pagare a misser Santo di Bentivogli lire x 
migliara de bolognini, perché lui era stato 
inventore delle diete cose; nientedimeno 
el dicto Zohanne non era licentiato, anzi 



31. de... Malvizi] parole sottolineate nel cod. 
segno d'attenzione nel margine destro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

molte -persone. Fo vino assai nel piano, 
alla montagna ne fo mezanamente ; V inverno 
fredissimo e longo, neve assai con grandis- 
seme gelure. Asai viechi morino et alquante 
persone morino del male de chosta, segui- 
tando tal male insino de l'anno 14.59. Et 
nel reame de Puglia -per la longa vernata 
e grande fredura morino quasi la mita del 
bestiame per manchamento de strame. 

Come Zohanne de Piero Felexine fo 
menado nelle forze del podestà et 
pagò xxxi migliaro de lire de bo- 
LOGNINI. 

1459. — Giovani de Piero Felexine fo 
menado in prexone da llado del podestà adì 
xxiii de genaro, come udiriti; zoè, avendo 
noticia i reggimenti de Bologna che 'l dito 
Giovanni era stato a parlamento con meser 
Galoto da Chanedolo alquante volte de l'anno 
I457f essendo lui per stancia a Charpo, a 
tempo de moria, et avea lui servito el ditto 
meser Galotto de certa quantità di dinari] 
dove el dito Giovanny, vedendosse schuperto 
de quello che fatto avea et più avea pro- 
messo al signore de Charpi de servirlo d'al- 
quanti duchati; et venuto el chanciliero per 
li dinari, fo prexo secretamente alle bolette 
e menato ne la rocha de San Zoanne l , dove 
che fo sutilmente axaminato, e da chostui si 
seppe molte cose. Allora el ditto Giovani, 
vedendo che 7 chanciliero non tornava, se- 
condo l'ordene dato, se n'andò a casa de 
Vergilio di Malvici e fradiegli et disse loro 
ogni soa facenda. ' Ft per questo li Mal- r. 
vici, avanti che l'apalezasseno, volseno la 
fede de la vitta soa dally reggimenti. Poi 
fo menato nelle forze del podestà adì xxiii 
de genaro, a ore 2 de notte, et avuto da 
lui la verità di quelo che fo domandato, fo 
condanato che f l pagasse a la ca?nera del 
comune de Bologna lire vinteuna migliara 
de bolognin et che 'l dovesse pagare a me- 



752 b - col. 



6-7. seguitanto cod. — 36. questi cod. 



1 San Giovanni in Persiceto. Vedi nota 8 a p. 9. 



T. XVIII, p. 1, v. iv — 17. 



258 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1459] 



Cronaca A 

stava cum li ferri a li piedi. Allora li Mal- 
vizi, zò vedendo et dubitando della vita soa, 
andono adì 19 de febraro a hore una e 
meza de nocte cum molta gente, et tolseno 
per forza el dicto Zohanne al podestà et 
menonlo a casa soa. Et per questo alquanti 
di regimenti l'ebbeno molto per male et funo 
denanzi da monsignore lo governadore *, 
dove che s'acordono in questo modo, che 
'1 dicto Zohanne fusse menato dinanzi da 
monsignore nelle forze soe, et cossi fu fa- 
cto ; et adì 23 de febraro fu licentiado et 
andosene a chasa de' Malvizi, zoè de Ver- 
gilio et fratelli, et dete bone et sufficiente 
segurtade de pagare li dicti denari; et questo 
dì pagò a misser Santo di Bentivogli du- 
ellati tresento d'oro. Et fu confinato a Ve- 
rona'. 
<■■ & b Dom Ferante, figliolo che fu del re 

d'Aragona 2 , fu incoronato del reame de 
Napoli adì 4 de febraro nella città de Bar- 
letta, de volontà de papa Pio secundo; et 
fugli posto in capo una corona d'oro cum 
pietre preciose, de valuta de ottanta mi- 
gliara de duchati. 

In questo anno, del mese d'aprile, funo 
tante rughe nel conta de Bologna, drieto 
alla costiera della montagna, che feceno 
grandissimo danno alle vide delle aleve et 
alle vigne; et molte vide se sechono per lo 
contado, per chasone della vernata che fu 
fredissima; et grana fredo fu d'aprile et de 
mazo, secundo l'usanza di misi. 

Papa Pio secundo se partì da Roma 
adì 22 de zenaro et andò a Perosa, et adì 
19 de febraro se partì da Perosa et andò 
a Siena, dove fece soa intrada adì 24 dicto. 
Et per questo li regimenti de Bologna, ha- 
vendo notizia che '1 papa voleva venire a 
Bologna per andare a Mantoa, mandono 
per tucti li massari delle castelle et ville 
del conta de Bologna, a li quali imposeno 



10 



15 



20 



25 



30 



3-3. Allora . . . Malvizi] parole sottolineate nel 
cod. — 14. a... Malvizi] parole sottolineate nel cod. 
— 14-15- de... fratelli] parole sottolineate nel cod. 



35 



40 



Cronaca B 

ser Santo di Bentivogli lire diexe mìgliara 
de bolognin, perche lui era stato inventore 
delle ditte cose. Nientedemeno el dito Gio- 
vanili non era lecinciato, anci stava con li 
ferri ai -piedi. Allora li Malvici, ciò veden- 
do e dubitando de la vita soa, andono adì 
xviiii de febraro a ore una e meza de notte 
con molta gente, et tolseno -per forza el dito 
Giovany al podestà e menonlo a chaxa soa. 
Et per questo alquanti delli regimenti l'eb- 
beno molto per male } et fono dinanci da 
monsignore lo governadore,, dove che s* acor- 
dono in questo modo, che 'l ditto Giovany 
fosse menado dinanci da moìisignore nelle 
forze soe, et così fo fatto • et adì xxiii de 
febraro fo lecinciado et andò ssene a casa di 
Malvici, zoe de Vcrgilio e fradiegli ; e diede 
bone e suficicnte segurtade de pagliare i 
ditti dinar y ; et questo dì pagò d meser San- 
to di Bentivogli duchati trexento d'oro. Et 
fo confinado a Verona. 

1459. — Dom Ferante, figliolo che jo 
del re de Raghona fo, incoronado del rea- 
me de JVdpuli adì 4. de febraro ne la citta 
de Barletta, de volontà de papa Pio sc- 
gondo-, et foli posto in capo una corona d'oro 
con pietre pretiose, de valuta de So milia 
duchati.' 

1459. — In questo anno, del mese d'a- c C of 3 " 
prile, fono tante rughe nel conta de Bolo- 
gna, zo? driedo a la chostiera della mon- 
tagna che feceno grandissimo danno alle 
vide delle aleve e alle vigne, et molte vide 
se sechono per lo contado per chaxone de 
la vernada che fo fredissima; et gran fredo 
d'aprile e de mazo secondo l'uxanza di mixi. 

Come papa Pio segondo se partì da Ro- 
ma e venne a Bologna e andoe a 
Mantoa, nel quale luogo fece con- 



26. de 1 ] segue p cancell. nel cod. — 42. a Bolo- 
gna] parole aggiunte più tardi sopra la riga nel cod. 

— 43. concilio] contiolio cod. 



1 Che era monsignor Angelo Capranlca vesc 2 Ferdinando II, ricordato più su, in questa stessa 

5 di Rieti, ricordato poco sopra. cronaca. 



[A. 1459] 



BONONIENSIUM 



259 



Cronaca A 

a zascuno che dovesse menare dentro da 
Bologna una gran quantità de fene, paglia 
et strame, azò che ogni gente che venisse 
a Bologna fusse fornita senza presio d'al- 
chuno pagamento; et più mandono una gri- 
da che zascuna persona, che havesse alcuna 
biava da cavagli, zoè orzo, spelta et fava, 
la dovesseno denonzare, sotto pena de per- 
dere tale biava; et de non vendere tale 
biave ad alcuna persona, senza licentia delli 
sei conservaduri del stado eliecti novamente; 
et più mandono per tucti li massari delle 
conpagnie de Bologna, a li quali fu dato a 
zascuno una scripta in mano adì 17 de 
marzo, che dovesseno mettere in ordine 
molte chase fornite derasteliere, manzadure, 
lietti et ledere tavole e banche, cum molte 
altre cose neccessarie a quelle. Et questo 
perché li regimenti da Bologna haveano 
dal ducha de Millano che gli mandava el 
conte Galeazo Maria conte de Vertù, suo 
figliolo, cum molta gente d'arme da cavallo 
et da pè alla guarda de Bologna. 

Et adì 9 d'aprile li regimenti de Bologna 
mandono in fino a Parma li infrascripti cita- 
dini, zoè : 

Misser Ludovigo Chazalovo, 
misser Christovalo de Chazanemixi, 
li quali fesseno conpagnia al conte Galia- 
zo Maria conte de Vertù, figliolo del ducha 
e- 54 ade' Millano, el quale venia a Bologna cum 
soa gente d'arme. 

Et adì xi dicto andono li infrascripti 
citadini a Castello Francho, zoè: 
Misser Achille de' Malvizi, 
misser Zohanne de' Bentivogli, 
et qui receveteno el dicto conte Galeazo 
Maria cum soa brigata honorevolmente. 
Et adì 12 dicto el dicto conte Galeazo 
intrò in Bologna cum soa brigata a hore 
22, li quali erano circha tresento cinquanta 
persone; et era cum lui alquanti signuri ca- 
valieri et zentilhomini, li nomi di quali sono 
scripti qui de sotta partidamente l . Et ando- 



36. segno di attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

* 

CILIO DOVE VENENO LA MAZOR PARTE 
DELLE AMBASARIE DI CRISTIANI d'ItA- 
LIA E FUORA D'ITALIA, EL QUALE CON- 
CILIO FO FATTO AI DANNI DEL TuRCHO. 

1459. — Papa Pio se g ondo se -partì 
da Roma adì xxii de genaro et andò a 
Perosa, et adì xviiii de febraro se -partì 
da Perosa e andò a Siena, dove fece soa 
entrata adì xxiiii* ditto. Et per questo li 
regimenti de Bologna, avendo notitia che 
7 papa volea venire a Bologna per andare 
a Mantoa, mandono per tutti li masari delle 
chastelle e ville del conta de Bologna, olii 
quali imposeno a ciaschuno che dovesse me- 
nare dentro da Bologna una gran quan- 
titade de fene, paglia e strame, acciò che 
ogne gente da chavallo che venisse a Bo- 
logna fosse fornita senza pricxio d'alchuno 
pagamento ; et più mandono una crida che 
zaschuna persona, ch'avesse alchuna biava 
da chavagli, zoè orzo, spelta e fava, la do- 
vesseno denonzare sotto pena de perdere 
tale biave, et de non vendere tale biave ad 
alchuna persona senza licentia delli sie con- 
servaduri del stado, elietti novamente; et 
più mandono per lutti li masari de le con- 
pagnie de Bologna, alli quali fo dato a 
ciaschuno una scritta in mano, 1 adì xvii de e ?<.? a- coi. 2 
marzo, che dovesseno mettere in ordene molte 
chaxefornide de rastiliere, mazadure 2 , lietti 
e letiere, tavolle e banche con molte altre 
cose necesarie a quelle. Et questo perchè 
li regimenti de Bologna aveano dal ducha 
de Milane che He mandava el conte Gha- 
liazo Maria conte de Vertù, so figliolo, con 
molta gente d'arme da chavallo e da pè a 
la guarda de Bologna. 

Conpagnie de Bologna ch'ebbeno spexe \ 

La conpagnia di nodari, 150 chavagli, 
lietti 4.8, 

sedagliuoli, 64 chavagli, lietti xii, 



1 Vedi più sotto a p. 261, 6 sg. 

2 Mangiatoie. 



3 Questo lungo elenco di Compagnie delle arti 
che diedero il loro contributo è omesso dal testo A. 5 



260 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1459] 



C 54 b 



Cronaca A 

sfli incontra el confaloniero de zustixia cum 
li signuri anziani et monsignore de Vin- 
temiglia x cum tucta la fameglia de monsi- 
gnore lo governadore, li quali lo aspectono, 
alla porta de sam Felixe; et, generalmente, 
gli andò ogni cavaliero, zentilhomo et ci • 
tadino, che havesse cavallo, in fino al La- 
vino. 

Et questo dì 12 dicto venne misser 
Tadio de' Manfridi signore d'Imola, cum 
el vescovo suo, a Bologna, et andono in- 
contra al dicto conte Galeazo:et cum grande 
honore venne dentro da Bologna, et andò 
a lozare nel palazo gregoriano et nella 
chasa de* Muzarelli cum soa brigata; et 
fulli facto le spese d'ogni cosa neccessaria, 
che a llui bisognava cum tucta soa brigata 
mentre che sté in Bologna et nel contado. 
Et adì 14 d'aprile se partì cum soa bri- 
gata la mazore parte et andò a Fiorenza; 
et alquanti di soi romaseno in Bologna et 
qui l'aspetorono; a li quali sempre li fu facto 
le spese d'ogni cosa che li fazea mistiero. 

Et molte squadre de gente d'arme ve- 
neno a Bologna in più volte, li quali se re- 
trovarono essere circha tre millia cavagli 
et cinquecento fanti : et a tucti, general- 
mente, li fu facto le spese. 

Et adì 23 d'aprile el papa se partì da 
Siena, et intrò in Fiorenza adì 25 dicto : 
et adì primo de mazo li Bolognisi mandono 
quatro cittadini a Fiorenza per aconpagnare 
el papa a Bologna. Li nomi di quali sono 
quisti, zoè : 

Misser Achille di Malvizi, 

misser Ludovigo Chazalovo, 

Iacomo degli Ursi, 

misser Piero di Magnam, doctore. 

Et adì cinque de mazo el papa se 
partì da Fiorenza et venne verso Bologna. 

Et adì sei de mazo el conte Galeazo 
intrò in Bologna, che retornava da Fio- 
renza, al quale fu facto grandissimo' honore ; 



10 



15 



20 



25 



30 



36. Achille . . . Malvizi] parole sottolineate nel 
cod.; segno d 1 attentione nel margine sinistro 



35 



40 



Cronaca B 

banchieri, 40 chavagli, 
strazaruoli, 140 chavagli, lietti 30, 
bechari, 130 chavagli, lietti 28, 
sfidali, no chavagli, lietti 18, 
lanaruoli, 72 chavagli, lietti 12, 
banbaxari, 80 chavagli, lietti 4, 
fabri, no chavagli, lietti 12, 
mercadanti, .... chavagli, lietti 18, 
mistri de ligna?ne, 100 chavagli, liet- 
ti 12, 

orivixi, 115 chavagli, liciti io, 
■pilizari, 4.0 chavagli, lietti 4, 
chalzolari, 08 chavagli, lietti io, 
sala-ruoli, 101 chavagli, lietti 7, 
■pelachani, pò chavagli, lietti 18, 
merzari, pp chavagli, lietti io, 
sarti, 4.0 chavagli, lietti 6, 
barbieri, 50 chavagli, lietti 5, 
bixilieri, 101 chavagli, lietti 8, 
chartolari, 40 chavagli, lietti io, 
muraduri, 20 chavagli, lietti 8, 
4 arte, 120 chavagli, lietti 18. 

Et adì viiii d'a-prile li regimcnti de 
Bologna mandono infino a Parma gl'infra- 
scritti citadini, zoè: Mcser Lodovigo Chaza- 
lovo, mcser Cristovalo di Chazanemixi, i 
quali f esseno compagnia al conte 1 Ghaliazo c c ^", 
Maria conte de Verta, figliolo del ducha 
de Milane, ci quale venia a Bologna con 
soa gente d'arme 2 . 

Et adì xi ditto mcser Achille di Mal- 
vici, mcser Zohannc di Bentivogli andono a 
Castel Francho, et qui recevetteno el ditto 
conte Ghaliazo Maria con soa brighada, 
honorevelmente. 

Et adì xii ditto el ditto conte Ghaliazo 
intrò in Bologna con soa brighada a hore 
xxii, i qualy erano circa 350 persone, et era 
con lui alquanti signiuri, chavalieri e genti - 
lomini, i numi di quali sono scritti qui de 
sotta fartidamente '. Et andogli incontra 
el confaloniero de zoslixia con li signiuri 



9. . . .] spatio bianco nel cod. 



1 È stato ricordato, ara ancora spesso. poco sopra a p. 259, 34-39. 

2 La venuta del contedi Virtù >'• stata annunziata '' Vedi sotfo a p. 262, 2 e 



[A. 1459] 



BONONIENSIUM 



261 



Cronaca A 

et fugli facto per misser Santo di Bentivogli 
uno magnifico desenare et per Virgilio di 
Malvizi una nobilissima zena adì otto del 
dicto. 

Quisti sonno quilli che alozavano in 
chasa cum el conte Galiazo Maria nel pa- 
lazo gregoriano et in chasa de Lippo Mu- 
zarello l , zoè : 

El conte Galeazo Maria, 

el magniiìco misser Lanzelolto del 
Maino, 

Piero da Ghallerado, 

misser Grifforte Barcitio, 

misser Otto Vicioconte, 

misser Christovalo da Sonzino, 

Zohanne Lucha Stanpa, 

el seschalcho, 

misser Ventura dal Mayno, 

Francesco da Castelione, 

el capelam. 

Nobili alozadi nel dicto luogho: 

Misser Vergilio Vicioconte, 

misser Guasparo Troamala, 

Lionello Brandolino, 

Galeotto Bivalacqua, 

Zohanne Andrea Tizom, 

Zohanne Iacomo da Trenleio, 

Bè dai Anzoli, 

Piero Antonio Polatus, 

Sagramoro Villano, 

Iacomo da Mantoa. 

Cham arieri alozadi nel dicto luogho: 

Marcho di Nigrio, 

Zohanne Francesco Mendolo, 

Iacomo de Maio, 

Zohanne Zorzo de Maio, 

Borso Scrincius, 

Benedetto da Mantoa, 

Ludovigo Snardus, 

Galasso de Galasso, 

Ludovigo de Oria, 

Bartolomio de Lochamo, 

Gabriolus de Lax. 

Uffiziali alozadi nel dicto luogho et fa- 
migli : 



3-4. segno d'attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

antiarti et monsignore de Vintemiglia con 
tuta la fame glia de monsignore lo gover- 
nadore ; i quali l'aspetono a la -porta de sam 
Felixe ; e generalmente gli andò ogne cha- 
valiero, gentilomo e cittadino, ch'avesse cha- 
vallo, insino a Lavino. 

Et questo dì 12 ditto venne meser Thadio 
di Manfridy, signore d' Imola, con el vescovo 
suo a Bologna, et andono incontra al dito 
conte Ghaliazo. Et con grande honore 
venne dentro da Bologna et andò alozare 
nel palazo Gregoriano e nella chaxa di 
Muzarelli, con soa brighada. Et folli fatto 
le sfexe d'ogne cosa necesaria che a llui 
bixogniava, con tutta soa brighata, mentre 
che sté in Bologna e nel contado. Et adì 
xiiii d'aprile se -partì con la mazor parte 
de soa brighada e andò a Fiorenza ■ et 
alquanti di suoy romaxeno in Bologna e 
qui l'aspetono. Ai quali sempre li fo fatto 
le spexe d'one cosa che Ili facea mestiero. 

Et molte squadre de gente d'arme ven- 
neno a Bologna in più volte, i quali se re- 
trovarono essere circa 3000 chavagli e 500 
fanti, et a tutti, generalmente, li fo fatto 
le spexe. 

Et adì xxiii d'aprile el papa se partì 
da Siena e intrò in Fiorenza adì xxv ditto. 
Et adì primo de mazo i Bolognini mandono 
4. cittadini a Fiorenza per acompagnare el 
papa a Bologna] i numi di quali fono quisti: 
Meser Achile di Malvici, meser Lodovigho 
Chazalovo, Jachomo dei Ursi, meser Piero 
di Magnyam, doctore. 

Et adì v de mazo el papa se partì da 
Fiorenza e venne verso Bologna. 

Et adì vi de mazo el conte Ghaliazo 
Maria intrò in Bologna, che retornava da 
Fiorenza, al quale fo fato grandenissimo 
honore : et folli fatto per meser Santo di 
Bentivogli uno magnifico dexcnarc, et per 
Vergilio di Malvici una nobcllissima cena 
adì viii ditto. 



' - col. 



23-24. venneno] segue a cancell. nel cod. 



1 Muzzarelli. Vedi sopra a p. 260, 16. 



262 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1459] 



Cronaca A 

Antonio, credenziero, 

el despensatore, 

tri preparatori, 

quatro provisionadi, 

dui hostieri a li ussi, 

el spendedore, 

Bom, barbiero,' 
e. 55 a mestro Marcho Mano, sarto, 

dui chuoghi cum tri guatari, 

tre ghaluppi, 

dodese famigli alla stalla, 

diese mulatieri, 

sei trombitti: li quali haveano fra loro 
tucti, fra chavagli et mulli, cento cinquan- 
tasette. 

Nobili squadrieri et cortesani et cha- 
merieri del ducha de Millano: 

Misser lo vescovo de Modena l , 

misser Thiberto Brandoline, 

el signore misser Taddio, signore d'I- 
mola. 

el conte Piero dal Vermo, 

misser Philippo Vesconte, 

misser Piero dalla Pusterla, 

misser Antonello, 

misser lacomo da Piasenza, 

misser Antonio Trotto, 

misser Carlo Bosso, 

misser Allexandro Vesconte, 

misser Federigho Palavisino, 

misser Manfredino da Becharìa, 

Azzo Vesconte, 

Princivalle da Rampugnam % 

Nero Azagliuoli, 

Piero Bochazim, 

Bonim Forte Meletus, 

Nicolò da Tolentino, 

Rolandino da Millano, 

Ettore da Piasenza, 

Rubini da Piasenza, 

Bartolomio, 

Zohanne da Piasenza, 

Zentile da Treviso, 

Azino Stampa, 

Guglielmo da Parma, 

Rizzo da Cortona. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

QuiSTI SONO QUILLI CHE ALOZAVANO IN 
CHAXA CON EL CONTE GhALIAZO MA- 
RIA NEL PALAZO GREGORIANO E IN 
CHAXA DE LlPO MUZARELLO, E PRIMA: 

El conte Galiazo Maria, 

ci magnifico meser Lanzelotto del Maino, 

Piero da Galerado, 

meser Griforte Barcicio, 

meser Otto Viciocontc, 

meser Crist ovaio da Sondrio, 

Zoanne Lucha Stan-pa, 

el seschalco, 

meser Ventura del Maino, 

Francesco da Chastelo Lione, 

el cka-pelam. 

NOBILLI ALOZADI NEL DITTO LUOCO. 

Meser Vergilio Vicio conte 3 , 
meser Guasfaro Tromala, 
Lionello Brandolino, 
Ghaleoto Bivilacqua, 
Zohanne Andrea Tizom, 
Zohanne lacomo da Trcnlicio, 
Be' dei Anzolli, 
Piero Antuonio Polatus, 
Sagramoro Vilano, 
/achomo da Mantoa. 

ChAMARIERI ALLOZADI NEL DITO LUOGO. 

Marcho di Nigrio, 
Zohanc Francesco Meudolo, 
lacomo de Maio, 
Zohanne Zorzo de Maio,' 
Borso Scrincius, 
Benedetto da Mantoa, 
Lodovigo Snardus, 
Ghalasso de Ghalasso, 
Lodovigo de Oria, 
Bartolomio de Lochamo, 
(rhabriolus de Lax. 

Officiali e famigli alozadi nel dito 



col. i ■ 



LUOCO. 

Antuonio, credenciero, con dui compa- 



gni, 



1 Era in quell'anno Vescovo di Modena il celebre 
ranonista Egidio Foscherari bolognese. 



1 Ucve leggersi Lampugnani. 
:i Visconti. 






[A. 1459] 



BONONIENSIUM 



263 



Cronaca A 

Et adì 9 de mazo papa Pio intrò in 
Bologna, a hore vinte, per la porta de Strà 
Maore, et era cum lui otto cardenali et 
vinte viscovi; et fu portado dalli cittadini 
stando a sedere in suso una chadriegha co- 
verta d'oro sotto uno baldachino, essendo 
lui vestito da drappo d'oro. Et andavagli 
inanzi el Corpo de Christo sotto uno bal- 
jjidachino' de drappo d'oro cum nove cava- 10 
gli liardi portanti cuverti de charmesino: 
et li regiinenti li portono le chiave delle 
porte insino alla porta de Strà Maore ; et li 
signuri anziani li denno le diete chiave al 
papa, dando et offerendo a llui la signoria 
de Bologna, et allora el papa restituì le 
chiave a li signuri anziani confirmandogli 
in loro signoria. Et zungendo da chasa de 
Iacomo delli Ingrati, el fece cavaliere Et 
andogli incontra tucta la cherexia de Bo- 20 
logna aparadi in pontificale et li signuri 
anziani cum gli altri regimenti cum li con- 
faluni del puovolo, et generalmente ogni 
altra persona terriera et forastiera. 

Questo si è l'ordinamento facto in Bo- 
logna, zoè: 

Prima, cominzando alla porta del pala- 
zo grande del papa, era uno ponte de le- 
gname che andava infino dalla porta de Sam 
Petronio verso el spedale dalla Morte, cu- 
verto de sopra de panni de lana et dai 
ladi cum pagni, coltrine, cum molti magli; 
el portegho de Sam Petronio era tucto co- 
perto de pagni de lana, et tucta la piazza 
dintorno era piena de magli. Et andando 
zoxo per le Chiavadure et per l'albergo da 
Lione, voltandose alla gabella grossa, andan- 
do in porta Ravignana, seguitando insino 
alla porta de Strà Maore, era cuperto di 
sopra cum pagni de lana, et dai ladi di 
portegni era facto cum tribunali cuperti 
de panni et de banchali et de tapidi et panni 
de razo, et da zascuno lado della strada 
era pieno de magli cum molte erbe e farri. 

Et adì xi dicto venne monsignore de 45 
CoIona 1 . 

Et adì 13 dicto, el dì de pasqua rosata, 



Cronaca B 

el despensatore, 
tri -perforatori, 
quatro provixio[na]di, 
dui ostiari agli ussi, 
e' spendedore, 
Bom barbiero, 

mastro Marc/io Mano, sarto, 
dui chuogki con tri guatari, 
tri ghaluppi, 

dodexe famigli a la stalla, 
diexe mulatieri, 

sic tronbitti. I quali aveano in fra loro 
tutti fra chavagli e mulli 157. 



NOBILLI, SQUADRIERI ET CORTEXANY ET 
CHAMARIERI DEL DUCHA DE MlLANE. 

Meser lo vescovo de Modena, 

meser Thiberto Bardoline z , 

el signore meser Tadio, signor d' Imola *, 

el conte Piero dal Vermo, 

meser Filipo Vesconte, 

meser Piero da Pusterla, 

meser Antonelo, ) , „. 

T ) da Piaxenza, 

meser Iacomo 

meser Antuonio Trotto, 

meser Charlo Bosso, 

meser Alesandro Vesconte, 

meser Fedrigo Palavexino, 

meser Manferdino de' Becharia, 

Azo Veschonte, 

Princivalle da Lanpugniam, 

Niero Azagliuoli, 

Piero Bochacim, 

Boniforte Meleius, 

Nicolò da Tolentino,' 

Rolandino da Milane, e. 954 a . coi. > 

Ettor da Piaxenza, 

Rubini da Piaxenza, 

Barlolomio, \ , _,. 
_ , \ da Piaxenza, 

Zonanne, 

Gentile da Trevixo, 

Azino Stanpa, 

Guilielmo da Parma, 

Rizo da Cortona. 



1 II Cardinale Colonna, che sarà ricordato di 
nuovo più giù, p. 264, 23. 



2 Tiberto Brandolin, ricordato sopra. 
: * Taddeo Manfredi. 



264 



CORPUS CHRONICORUM 



IA. 1459] 



e. 56 a 



Cronaca A 

el papa cantò messa in Sam Petronio et fece 
cavaliero misser Iacomo di Marsilii in la 
dieta chiexia et de el segno suo a tucto 
el puovolo et generalmente a zascuna per- 
sona ch'era in su la piazza de Bologna, 
essendogli tanta gente, donne et homini, che 
quasi non se gli potea stare : el quale segno 
dete alla renghiera del palazo grande sopra 
la porta; el quale segno fu de colpa et 
pena a zascuno ch'era confesso de' soi pe- 
chati. Et el dicto dì el conte Galiazo Ma- 
ria fece cavaliero misser Iacomo da Line 
nella chasa dove alozava. 

Et adì 14 dicto se zostrò uno palio de 
zetanino charmexino, et havé lo honore et 
el presio dui homini, zoè : 

Boldrino, fameglio del conte Galiazo, 

Zohanne Pizinino da Bologna, homo 
d'arme de misser Thiberlo Brandolino. 

Quisti sono li nomi di cardenali: 

Monsignore degli Orsini ', 

monsignore de Collona' , 

monsignore de Roam % 

monsignore sacristo 4 , 

monsignore de Bologna 5 , 

monsignore de sam Marcho % 

monsignore de Vignone 7 , 

monsignore de Nizea 8 , 

monsignore de' Quatro santi Coronato- 
rum *, 

monsignore de santa Sophia '", 

monsignore Zaborensis ". 

Quisti sono li duni facti al |>.ipa et 
cardenali et al conte Galiazo: 

El papa ; 

una coppa d'argento indorada cum du- 
chati mille d'oro, 

corbe cinquanta de farina, 



1 II Cardinale Latino Orsini dei SS. Giovanni 
e Paolo. 

4 II Cardinale Prospero Colonna di S. Giorgio 
in Velabro. 
5 3 II Cardinale Guglielmo de Estontevilla, dal ti- 

tolo di S. Martino in Monti. 

4 II Cardinale Roderico Lanzol Borja, nipote di 
Calisto III, Sacrista. 

5 II Cardinale Filippo Calandrine dal titolo di 
IO S. Susanna, detto " Bononiensis „. 

4 II Cardinale Pietro Barbo veneto, dal titolo di 
San Marco. 

7 II Cardinale Alano de Coetivy, dal titolo di 



Cronaca B 
Come el papa intrò in Bologna. 

Et adi g de mazo papa Pio intrò in 
Bologna, a hore xx, per la porta de Stra 
Maore; et era con lui 8 chardenali et xx 
viscovi; et fo portado dalli citadiny, stando 
a sedere in suxo una chariega chuverta d'oro, 
essendo lui vestido de drappo d'oro, soto uno 

10 baldachino de drappo d'oro; et andava gli 
inanci el Corpo de Christo soto uno balda- 
ckino de drappo d'oro cum p chavagli liardi 
portanti chuvcì ti de charmexine. E Ili reg- 
gimenti li portono le chiave delle puorte 

15 imino a la porla de Stra Maore, e Ili si- 
gniuri antiani li detto le ditte chiave al 
papa, dando e offerendo a llui la signoria de 
Bologna. Allora el papa restituì le chiave 
ai signiuri antiani, confermandogli in loro 

20 signoria. Et g [i] ungendo da chaxa de 
Iacomo degli Ingradi ci fece chavaliero. 
Et andogli incontra tutta la chirexia de 
Bologna aparadi in pontificale e li signiuri 
antiani con gli altri regimcnti con li con- 

25 faluni del puovclo, et generalmente ogne 
altra persona tcricra e forastiera. 

Questo si è l'adobamento patto in Bo- 
logna. 

Prima, comenzando a la porta del pa- 
lazo grande del papa '*, era uno ponte de li- 
gname che andava insino da la porta de Sam 
Pelruonio, verso ci spedale da la Morte, chu- 
verlo de sopra ' de pamiy de lana e dai lady c c lf' , 
con pagni e coltrine con molti magli. El 
portego de Sam Petronio era tutto chuperto 
de pagni de lana e tutta la piaza d'intorno 
era piena de magli. Et andando zoxo per 

S. Prassedc, detto il card. A»ignoncsc. 

K II Cardinale Bessarione Trapezunzio, arcivescovo Ig 
di Nicea, v< scovo-cardinale tosrolano. 

9 II Cardinale Lodovico Milano, spagnuolo, dal 
titolo dei SS. Quattro Coronati. 

10 Un Cardinale di S. Sofia non è ricordato dal- 
(II. 22 s;^.); probabilmente ci fu confusione 20 

di nome. 

11 II Cardinale Giovanni de Mila * Zamorensis „, 
dal titolo di S. Prisca. 

'- È da intendersi il Palazzo Pubblico di Bologna 
dove, insiemi col Reggimento, aveva residenza il rap- 25 
presentante del Papa in tempi normali. 






[A. 1459] 



BONONIENSIUM 



265 



Cronaca A 

corbe cento de vino, 

diese lignari de legne, 

vinte enarra de strame, 
et più fulli facto le spese a llui et a tucta 
la soa fameglia d'ogni cosa che a Moro 
fu de bisogno. 

Il conte Galiazo Maria: 

dui bazili, 

dui bronzi d'argento. 

Alli cardenali : 

cinquanta lire ' de confecti, 

cinquanta lire de eira lavorada, 

cinquanta lire de socizza grossa, 

quaranta corbe de spelta, 

sedese corbe de pane, 

quindese corbe de vino, 

sei charra de strame, 

quatro lignari de legne, 

dui videgli. 

Et adì 1 6 de marzo * el papa se partì 
da Bologna, a otto hore, et andò a Ferara 
per aqua et intrò in Ferara el dicto dì a 
hore 22 ; et quisto dì dicto se partì da Bo- 
logna el conte Galiazzo et misser Thiberto 
Brandoline cum soa brigata; et in tri dì 
tucta la gente d'arme da cavallo et da pè 
tornono in Lombardia. 

Et adì 25 dicto el papa se partì da 
Ferara et andò in nave per andare a Mantoa, 
nella quale fece soa intrada adì 27 de mazo. 
Nel quale luogho fece concilio per oviare 
alle forze del Turcho; et venegli la mazore 
parte delle signorie e signuri de' Christiani 
de Ytalia et fuora d'Italia. 

Nota tu che lezi, mentre che '1 papa 
stecte in Bologna et per lo contado, li fu 
facto le spese d'ogni cosa che gli era de 
bisogno a llui et a soa fameglia; et per lo 
simile fu facto le spese a tucta la gente 
5<;*d'arme da chavallo' et da piede, le quale 
veneno a Bologna, zoè de chase, de lietti, 
strame, biave, legne, pane et vino: et tucti 
funo bem serviti, che, se fusseno stati al- 



1 Deve intendersi libbre. 

2 È un errore, in luogo di 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

le Chiavadure e per da V albergo del Lione, 
voltandosse a la gabella grossa, andando 
in -porta Ravignana, seguitando insino a la 
porta de Stra Maore, era chuperto di sopra 
con pagni de lana; e dai ladi di por Ughi 
era fatto con try buttali chuperti de panni 
e de banchali e tapidi e pani de razo, e da 
zaschuno lado de la strada era pieno de 
magli com molte erbe e fìuri. 

JSt adì xi ditto venne monsignore de 
CoIona. 

JSt adì xiii ditto, el dì de Pasqua ro- 
xada, el papa chantò messa in Sa?n Petronio 
e fece chavaliero meser lacomo di Marsilii 
in la dita ghiexia e de ci segno suo a tutto 
el populo, e generalmente a ciascuna per- 
sona, ch'era in su la piaza de Bologna, 
esendovi tanta gente d'omini e donne che 
quasi non vi si pò tea stare- el quale segno 
diede a la renghiera del palazo grande so- 
pra la porta, el quale segno fo de colpa 
e pena a ciascuno ch'era confesso di suoi 
peccati. El dito dy el conte Galiazo Ma- 
ria 3 fece chavaliero meser lacomo da Line 
ne la chasa dove alozava. 

Ed adì xiiii ditto se zostrò uno palio 
de getanim charmexim, et ave l'onore e 'l 
priexio dui hominy, zoe Boldrine, fameio del 
conte Ghaliazo, et Zohanne Pezenine da Bo- 
logna, homo d'arme de meser Thiberto Bran- 
doline. 

QUISTI SONO I NUMI DI CHARDENALI 4 . 

Monsignore dei Ursini, 

monsignore de CoIona, 

monsignore de Roani, 

monsignore sacristo, 

monsignore de Bologna, 

monsignore de sam Marco, 

monsignore de VigniomJ 

monsignore de IVicea, e. 

monsignore de' Quatro santi Coronato- 



lo/, i 



rum 



mazo „ ossia maggio. 



3 II Conte di Virtù, di cui s'è parlato ripetuta- 



la- 16. e fece. . . ghiexia] parole aggiunte nel mar- 
gine sinistro, ma dalla stessa mano che vergò il eod. 



mente poco sopra. 

4 I nomi dei singoli Cardinali sono stati indicati 
nelle note al testo A, alla pag. precedente. 



266 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1459] 



Cronaca A 

tretanti frati, gli seria stato più discordia. 
Et questa spesa costò al comun de Bologna 
quarantaotto migliara de lire de bolognini. 

Quisti sono quilli che fimo a fare pro- 
visione alle cose che erano necessarie a za- 
scuna persona, che venne a Bologna, zoè: 

Misser Iacomo delli Ingrati, 

Vergilio Malvezo, 

Charlo Bianchetto, et multi altri di re- 
gimenti de Bologna. 

Adì primo de zugno venne una tem- 
pesta nel contado de Ferara et fece danno 
grandissimo in li luoghi infrascripti, zoè: 

La Boara ', 

Chamara *, 

Baura \ 

Chorlo \ 

Valabana , 

Medelana 6 , 

i masti de Sani Iacomo ', 

i masti de Torello, contra Po 8 , 

Aberlugo \ 

Sanido ,n , 

Chamare, una parte ", 

Ottadola ' , 

Fossa alta ", 

Sabionzello ", 

el Finale de Revere . 

Vigo novo ", 



IO 



9. segno d' attenutone nel margine sinistro, conte di 
solito avviene quando si ricordano i Malvetti 



15 



20 



25 



30 



Cronaca B 

monsignore de Santa Sofia, 
monsignore Zaborensis. 

Quisti sono i duni fatti al papa e a' 
chardenali e al conte galiazo : 

Al papa una c/toppa d'argento indo- 
rada con ducati mille d'oro, 

jO chiorbe de farina, 

100 chiorbe de vine, 

io ligulari de legne 

20 charra de strame : et più j oli fatto 

le spexe a lui et a iuta soa fame glia d'ogne 

cosa, che a loro fo di bixogno. 

Al conte Ghaliazo Maria: 

2 bacili, \ } , 

. ) d argento. 
2 brungi ) 

A li chardinali, a ciascuno di loro : 

jo libre de confetti, 

jo libre de eira lavorada, 

50 libre de sosiza grossa, 

/o chiorbe de spelta, 

16 chiorbe de pane, 

1$ chiorbe de vine, 

6 charra de strame, 

•/ Ugnari de legne, 

2 vidiegli. 

Et adi xvi de mazo ci papa se partì 
da Bologna, a horc S, et andò a Ferara per 



Moara, frazione del comune dj Ferrara, poco di- 
stante dalla città, lungo il canale Fossetta. 

- Deve intendersi Tamara, frazione del 1 omum 
di Copparo in provincia di Ferrara. 

1 lioara, tra Ferrara e Copparo, alla sinistra del 
Po di Volano, in provincia di Ferrara. Da non con- 
fondersi con Boara Pisani nel Padovano e Boara l'- 
io lesine in quel di Rovigo. 

4 Corlo, località non distante da Tamara in < o- 

mune di Copparo, lungo la ferrovia Ferrara-Copparo. 

Valabana, piccola località a est di Ferrara, non 

distante dal Po di Volano. 

15 ledelana, frazione del comune di Ostellato, in 

provincia di Ferrara, sul Po di Volano. 

7 Deve intendersi la località denominata Masi 
San Giacomo, ad ovest di San Vito, vicino alla ferrovia 
liologna-Codigoro. 

8 Chiamasi ora Ma i Torello, poco ad oriente di 
Quartesana, sulla f'rrovia Ferrara-Codigoro. 

9 Alberlungo, frazione del comune di Ostellato, 



in provincia di Ferrara, sulla ferrovia Ferrara-Codigoro. 

'" Credo che sia da intendersi San Vito, frazione 
del comune di Ostellato in provincia di Ferrara, lungo 25 
la ferrovia Ferrara-Codigoro. 

11 t'amare, località non distante dalle precedenti, 
ma non facilmente da me ora identificabile. 

'•' Ottadola, piccola località, non bene identifi- 
Cabile, poco ad est di Ferrara, non distante dal Po di 30 
\ olano. 

1:1 l'ossalta, sul Po di Volano vicino a Sabbion- 
1, in provincia di Ferrara. 

14 Sabbione elio. Due località del comune di C'op- 
paro in provincia di Ferrara hanno questo nome, vicine 35 
tra di loro, e poste ambedue sul Po di Volano: Sab- 
bioncello San Pietro e Sabbioncello San Vittore. 

Deve intendersi Finale di Pero, località posta 
ul Po di Volano, a sud-est di Sabbioncello San Vittore. 

16 Deve corrispondere all'attuale Viconovo, piccola 40 
località sul Po di Volano, vicinissima a Sabbioncello 
San Pietro 



|A. 1459J 



BONON1ENSIUM 



267 



Cronaca A 

Venere \ 

Albarea 2 , 

Eldaghà \ 

Libola ', 

et parte dello Stellato \ 

El conte Iacomo Pizinino, capitanio del 
re de Napoli, una cum el conte de Urbino, 
essendo allozati al castello de Fossanbrune *, 
lontana da Rimine 45 miglia, f eceno una 
coreria nel contado de Rimine adì 7 d'ago- 
sto, et preseno centocinquanta presuni de 
Rimine, et molti altri presuni ebeno del 
dicto contado, cum bestiame de più condi- 
tione, che fu uno grandissimo danno a Ri- 
mine et al castello de Santo Archangelo 
et a Savignano, et preseno el castello de 
Sant'Aghada. 

Li regimenti de Bologna mandono una 
ambassaria a papa Pio, ch'era a Mantova, 
adì 9 de selembre 7 ; li nomi di quali funo 
quisti, zoè: 

Misser Achille de' Malvizi, 

misser Ludovigo Chazalovo, 

misser Iacomo de Ili Ingrati; 
et questo fu per casone della adunanza 
che faceva el papa de tucte le ambas- 
sarie de' Christiani; et adì vinte del dicto 
gli andò misser Santo di Bentivogli, et retor- 
nò presto a Bologna. ' 
e 57 a Venne novelle a Bologna, adì 18 de 
setenbre, che misser Perine da Campo Fer- 
goso 8 fuorausito de Zenova, era stato morto 
in Zenova cum circha cento persone da 
cavallo et da pè. 

Nota che '1 dicto misser Perine era a 
campo a Zenova et haveva cum lui cinque 
squadre de gente d'arme cum molta fan- 
taria, de la quale gente d'arme gli n'era 



23. segno d' attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



30 



35 



Cronaca B 

icqua, et intrò in Ferara el dito dì a hore 
xxii. Et questo dì ditto se -partì de Bologna 
el conte Galiazo e meser Thiberto Bardo- 
line con soa brigada; et in try dì tutte le 
gente d'arme da chavallo e da pe tornono 
in Loìnbardia. 

Mt adì xxv dito el papa se partì da 
Ferara et andò in nave per andare a Man- 
toa, nella quale fece soa entrata adì xxvii 
de mazo. Nel qual luogo fece concilio per 
oviare alle forze del Gran Turcho ; et ve- 
ne gli la mazor parte' delle signorie e si- 
gniuri di Cristiani d'Italia e fuor a dt Italia. 

Nota tu che lieggi, mentre che 'l papa 
stette in Bologna e per lo contado, li fo fatto 
le spexe d'one cosa che gli era de bixogno, 
a lui e a soa fameglia; el per lo simele fo 
fatto le spexe a tutte le gente d'arme da 
chavalo e da piede, le quale veneno a Bo- 
logna, zoe de chaxe, de lietli, strame, biava, 
legne, pane e vinc e tutti fono bene ser- 
viti ; che se fosseno stati altretanti fradi, vi 
seria stato più discordia. 

Questa spexa costò al comune de Bo- 
logna lire quarantaotto migliar a de bolo- 
gnini. 

£>uisti sono quitti che fono a fare prc- 
vixione alle cose ch'erano necessarie a cia- 
schuna persona che venne a Bologna' 

Meser Iacomo degl 'Ini gradi, 

Vergilio di Malvici, 

Charlo Bianchetto, e multi altry dy re- 
gimenti de Bolonia. 

Una tempesta venne nel, contado de Fe- 
rara. 

1459. — Adì primo de zugno venne 
una tempesta nel conta de Ferara et fece 



IO 



1 Potrebbe intendersi l'attuale Denore, posta sul 
Po di Volano, di fronte a Sabbioncello San Vittore. 

2 Albarea, località posta lungo il Po di Volano, 
di fronte a Sabbioncello San Pietro. 

3 Si vuol indicare Dogato, frazione del comune 
di Ostellato in provincia di Ferrara, lungo la Ferrovia 
Ferrara- Codigoro. 



34. Bolonia | segue di mano antica, ma diversa 
da quella del cod. : E meser Galeazo Marescotto e 
meser Iacomo da Lino furono al governo de le gente 
d'arme duchesche. Le parole furono poi cancellate con 
tratti di penna 



A È Libolla, frazione del comune di Ostellato, in 
provincia di Ferrara, tra San Vito e Ostellato. 

5 Ostellato, comune della provincia di Ferrara, 
sulla Valle del Mezzano. 

6 Fossombrone. 

7 II testo B ha la data del 6 settembre. 

8 Pietro Campofregoso, di cui s'è parlato sopra. 



>S5 a 



lu/. I 



:bc 



CORPUS CHRON1CORUM 



[A. 1459] 



Cronaca A 

misser Gismondo Brandoline cum tre squa- 
dre delle soe, dove che andati una nocte 
ascalono la dieta cittade, et a hore sei de 
nocte andono infino in piazza et qui gli 
stecteno infino al zorno ; ma livato a romore 
el puovolo, furio cum loro a le mano et 
uciseno el dicto misser Perire cum multi 
altri et preseno misser Gismondo Brando- 
line cum multi altri de soa brigata; ma 
prima che fusseno prisi li tolseno la porta 
che haveano tolta, et però ne fu di loro 
morti et prisi tanti, che quilli che romaseno 
dentro non campò persona che non fusse 
presone; et cossi advene a li homini pes- 
simi et crudeli. 

Et del dicto mese venne a Zenova l'ar- 
mada del re de Franza: et erano 24 galee 
et tre nave grande, le quale andavano a li 
danni del re de Napoli. 

Essendo papa Pio cum tucta la corte 
papale in Mantoa, andò al dicto luogho el 
signore Gismondo di Malatesti per tractare 
acordo cum el conte Federigho da Urbino, 
del quale acordo fu dato el lodo per lo 
ducha Francesco ducha de Millano in que- 
sto modo: che '1 signore Gismondo dovesse 
restituire al conte de Urbino tucte le terre 
et castelle che tegnia delle soe et special- 
mente la Pergola, Lauditorio cum doe altre 
castelle, et ancora li dovea dare uno altro 
castello zoè Petrarobia, o vero Certalto, et 
per segureza de tale paese de a papa Pio 
la tenuta de Sinigaglia et del contado, et 
tucto el vichariato de Fano. Et questo fu 
perché lui era debitore del re de Ragona 
de quaranta migliara de alfolsini, li quali 
denari lui fu condennatoa dovere restituire 
in fra uno certo termine a dom Ferante re 
de Napoli, lìolo che fu del re d'Aragona. 



C. 255 a 

col, 2 



1 L'identificazione di località e data 

rispettivi nomi del I to ', a cui si rimanda: da 
tarsi che l'ordine non \ uguale nei due testi, pure 
rispondendo pressapoco i nomi delle località. I luo 
5 danneggiati dalla grandine si stendono quasi tutti lungo 
il Po di Volano. Vedi note a pp. 267-2I 

2 Qui legg to I \r\icrc. [n 
vece che a Dt-norc. Rovere potrebbe rispondere a Ro- 
to, località posta vicinissima a San Vito, lungo 

ferrovia Ferrara-Codigoro, nel qual caso il ms. do- 
vrebbe avere "Rovere,, in luogo di "Rovere,, 1 
legge nel codice. 



Cronaca B 

danno grandissimo in gli In oc hi infrascripti, 
zoè et -prima l : 

La Boaro, 

Chainara, 

Baura, 

Chorlo, 

Valabana, 

Thamare, una -parte, 

Otadola, 

fossa Alta, 

Sabionzello, ' 

el Finale de Rera, 

Vigonovo, 
15 Rovere 2 , 

Mcdelana, 

i masti de Satn Iacomo, 

i masti di Torello, cantra Po *, 

i Xlbarea, 
20 Aberlugo, 

Savidoy 

el Dogha, 

Libola e parte de lo Stellato. 

Come el conte Iacomo Pkzbnine fece 
una choreria nel contado de rl- 

MENE. 

1459. — RI conte Iacomo Pezenine, cha- 
30 petanio del re de. Napuli mia con el conte 
da Urbino, essendo alatati al castello de 
Fossainbrune \ luntano da Rimette 4.$ mi- 
glia, feccno una choreria nel contado de 
Rimette adì vii d'aghosto, et prexeno 150 
35 prexuni de Rimette e multi altri prexuni 
ckbcno del ditto contado, coni bestiame de 
pi'u conditione, che fo uno grandissimo dan- 
no a Rimene et al castello de Santo Archan- 
gclo s e a Savigniano ' ; et preseno et cha- 
40 stelo de Sanl'Aghada 1 . 

' Il " (Jontra Po „ potrebbe essere una contrap- 
izione dei Masi Torello posti di fronte al Po di 
n.,, ma potrebbe indicare anche la locali tà separata 15 
di Contrapò, all'incontro del diversivo del Volano col 
l'o di Volano, vicinissimo a Ferrara. 
* Fossombronc 

'• Sant'Arcangelo di Romagna, comuni della pro- 
vincia di Forlì, lungo la via Emilia. 20 

ivignano di Romagna, comune della provincia 
di Forlì, lungo la via Emilia. 

7 Deve intendersi Sant'Agata Feltri a, in provincia 
di Pesaro. 



[A. 1459J 



BONONIKNSIUM 



209 



Cronaca A 

Et nota che '1 conte da Urbino et el 
conte Iacomo Pizinino tolseno al signore 
Gismondo de' Malatesti 57 castelle, delle 
quale ne miseno a sacomano et brusono 
37; et se '1 conte Iacomo Pizinino havesse 
facto la guerra corno lui dovea fare, gli 
haveria tolto la mazore parte delle soe for- 
tezze; anzi se portava honestamente de tale 
impresa. El quale lodo fu dato del mese 
de setembre. ' 
c.57b El marchexe da Cotronoe ' fu preso da 
dom Ferante re de Napoli del mese d'oto- 
bre. Facto questo, el dicto re andò cum 
soa gente d'arme a conbatere la città de 
Chatenzagho 2 , dove demorava la donna e 
li fioli del dicto marchexe. Per la quale 
baptaglia morirono 18 homini d'arme de 
quilli del re de Napoli, et non possenno 
havere la dieta cittade et retornono a Na- 
poli cum pocho guadagno. Et questo fu 
principio alle guerre del re Ferante, come 
tu trovarai legendo "' ; ma doppo alquanto 
tempo el dicto marchexe fu licentiado del- 
la presone. 



20 



25 



1 Cotrone. 

2 Catanzaro. 

3 V. in questa stessa cronaca a p. 272, 27 e sgg. 



Cronaca B 

1459. — / reggimenti de Bologna 
mandano una ambassaria a papa Pio, ch'era 
a Mantoa, adì 6 de scttenbre, i numi di 
quali sono quisti, zoè: 

Meser Achille di Malvici, 

meser Lodovigho Chazalovo, 

meser facomo degl'Ingradi; 

e questo fo -per chaxone de l'adunanza 
che fazea el -papa de tutte le ambassarie di 
Cristiani 4 ; et adi xx del dito mexe gli andò 
meser Santo di Bentivogli e retornò presto 
a Bologna.' 

15 

De la morte de meser Perine da Chan- c. 25SO ■ col. t 

pò forghoxo da Genoa. 

1459. — Venne novelle a Bologna, adì 
18 de scttenbre, che meser Perine da Cam- 
poforghoxo & , fuor ansito de Genoa, era stato 
morto in Genoa con circa 200 persone da 
chavallo e da pc. 

Nota che 7 ditto meser Perine era a 
canpo a Genoa et avea con lui cinque squa- 
dre de gente d'arme con molta f untarla, de 
la qual gente d'arme gli era meser Gismondo 
Brandolinc con tre squadre delle soe; dove 
che, andati una notte aschalono la dita citta- 
de, et a ore sie de notte andono infino in 
piaza e quive steteno in sino al zorno. Ma, 
livato a remore el populo, fono con loro alle 
mane et uccixeno el ditto meser Perine con 
multi altri e preseno meser Gismondo Bran- 
duline con multi altri de soa brigada, ma 
prima che fosseno prixi li tolseno la porta, 
che aveano tolta; e però ne fono di loro morti 
e prixi tanti che quilli che romaxeno dentro 
non chanpò persona che non fosse perxone. 
Così adivene agli omini pessimi e crudili. 

J£t del ditto mexe venne a Genoa l'ar- 
mada del re de Pranza ; et erano xxiiii 
gallee e Hi nave grande, le quale anda- 
vano ai danni del re de Napuli. 

Lodo dado per lo conte Francescho du- 
cha de Milane de la guerra ch'era 
tra el signore glsmondo di mala- 

4 Del Concilio di Mantova, e dello scopo del 
medesimo, si è già parlato a p. 267, 8 e sgg. S 

5 Pietro Campo fregoso, di cui s'è parlato più su. 



270 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1459] 



Cronaca A 



io 



15 



20 






30 



35 



40 



Cronaca B 

TIESTI E 'L CONTE FEDERIGHO DA Ur- 
BINE. 

1459. — Essendo -puf a Pio con tuta 
la corte papale in Mantoa, andò al dito 
luoco el signore Gismondo di Malatiesti 1 per 
tractare acordo con el conte Federigo da 
Uròine, del quale acordo fo dado el lodo 
-per lo diicha de Milane * in questo: che 'l si- 
gnore Gismondo dovesse restituire al conte 
da Uròine tutte le terre, chastellc ctiel te- 
gnia delle soc, ' e spicialmcntc la Perghola s ,"f 5 / 
Le/uditorio 4 con dui altri chastelli, ancora li 
dovea dare uno altro chasicllo, zoe Petra- 
roòia h , overo Ccrtalto, e per sigurcza di 
tal paxe de' a papa Pio la tigninda de 
SinigJiaglia e del contado e tutto el vi- 
chariado de Fano. Et questo fo perche lui 
era deòitore del re de Ragona de quaranta 
migliara d'alfonsini, di quali dinari lui jo 
condanaio a dovere restituire in fra uno 
certo ter mene a doni Forante re de JVapuli, 
figliolo che fo del re de Ragona 6 . 

Nota tu che liegi che el conte da Ur- 
òine e 7 conte Iacomo Pezenine tolscno al 
signore Gismondo di Malatiesti $j chastelle, 
delle quale ne misscno a sachomano e òruxono 
J7; et se 7 conte Tachomo Pezenine avesse 
fatto la guerra, come lui dovea fare, gli 
areve tolto la mazorc parte delle soe for- 
tezze, anci se portava honestamenie de tale 
impresa. El quale lodo fo dado del mese 
de sctemòre. 

El marchese: de Chotrone fo preso dal 
re de n apuli. 

1459. — El marchese de Chotrone fo 
preso da dom Ferantr. re de N apuli, del 
mese d'ottoòre. Fato questo, el dito re andò 
con soa gente d'arme a chonòatere la cita 
de Chatenzagho dove dimorava la donna e 
Ili figliuoli del dito marchese. 



27. ne] nel cod. travi me 



1 Sigismondo Malatesta, signore di Rimini. 
1 Francesco Sfor/j. 

3 Pergola, comune della provincia di l'è aro. 

4 Lauditorio. Deve intendersi Auditore (= l'Au- 



ditorio), frazione nella provincia di Pesaro, poco di- 
stante dal fiume Foglia. 

Pietra Rubbia, comune della provincia di Pesaro. 
B Ferdinando figlio di Alfonso il Magnanimo. 



[AA. 145Q-1460] 



RONONIENSIUM 



271 



Cronaca A 



Anno Christi MccccóO. Adì . . . . ' papa 
Pio secondo intrò in Bologna a hore 21 e 
meza; et venia da Mantoa et intrò per la 
porta de Galiera et andò a lozare nel pa- 
lazo grande di signuri antiani, et partisse 
adì 23 dicto a hore 17, et andò, a lozare 
a Pianoro 2 ; et fece chavaliero misser Ray- 
naldo Formaggino, lo quale era in quello 
tempo uno del numero di signuri anziani. 
Et fermò soa corte in Siena, dove demorò 
inaino adì x 5 del dicto anno, et poi andò 
a Roma cum soa corte. 

Nel principio de quaresima el predi- 
catore de Santo Petronio liesse uno breve 
ch'era mandato per parte de papa Pio, et 
corno deliberava che zascuna persona mon- 
dana, cossi femine, corno homini, pagasseno 
una colta chiamata trentesimo, zoè d'ogni 
trenta lire una di toi guadagni, et li preti 
pagasseno la decima. Li quali denari se pa- 
gono in la chiexia de Sam Petronio; et 
voleva questa colta per tre anni, in questo 
modo, zoè che '1 primo pagamento se pa- 
gasse per tucto el mese de marzo, el secun- 
do pagamento per tucto setenbre 1461 4 , et 
zascuna persona che non pagava tal denari 
gli era vedato la confessione e Ila comu- 
nione; per la qual cosa, multi homini, non 
volendo pagare tal denari, non se confes- 
sono, né chomunicono. La quale colta non 
se fé in alchuna città se non in Bologna. 



io. . . .] sfatto bianco nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Per la quale batata morireno xviii ho- 
mini d'arme de quilli del re de Napuli el 
non -posseno avere la ditta citade et retor- 
nono a Na-puli con poco guadagno. E questo 
fo principio alle guere del re Iterante, come 
tu trovarai legendo 5 . Ma dopo alquanto 
tempo, el dito marchese fo licinciado de la 
prexone. ' 

1460. — In questo anno se chomenzò a e. ?s6a ci. , 
chavarc li datieri de Bologna per imbuso- 
lationc, che prima se vendeano agl'incha[n]ti. 
Et così se comenzò a chavare li signiuri 
antiani e confalonieri del puovolo e massari 
de li arie, per imbusolatione , salvo che 'l 
chonfaloniero de zostixia, ch'era fato se- 
gondo che piaxea alli signiuri sedexe. Che 
prima erano fatti per amistade o parcntella 8 . 

1460. — Papa Pio se g ondo intra in 
Bologna adi xxii de genaro, a hore xxi '/ g> 
et venia da Mantoa, et intrò per la porta 
de Ghaliera- andò alozare nelpalazo grande 
di signiuri antiani, et partisse adì xxiii 
dito, a hore xvii. Andò alozare a Pianoro, 
et fece chavalero meser Rainaldo Forma- 
gline, el quale era in quel tempo uno del 
numero di signiuri antiani. Et fermò soa 
corta in Siena, dove dimorò in sino adì x 
de setenbre del dito anno, e poi andò a Roma 
con soa corte. 

1460. — Nel principio de quar esema 
el predegadore de San Petronio liesse uno 
brieve, ch'era mandato per parte de papa 
Pio, come deliberava che zaschuna persona 
mondana, così f emene, come homeni, pagasse 
una cholta, chiamata trentesimo, zoè d'one 
trenta lire iena di tuoi guadagni, e Ili prieli 
pagasseno la diezema', i quai dinar y se pa- 



7-9. Ma .... prexone] aggiunto più tardi nel cod. 



1 Fu il giorno 22 gennaio, come può ricavarsi 
dal testo B. 

2 Pianoro, comune del circondario e provincia 
5 di Bologna, sul Savena. 

3 II trascrittore o redattore della cronaca ha di- 
menticato di indicare il mese, che fu il settembre, come 
abbiamo dal testo B. 

4 In luogo del 1461 deve intendersi 1460, che leg- 



10 



gesi nel testo B e che meglio risponde al fatto; nel 
marzo del 1461 doveva aver luogo il terzo pagamento 
che In questa cronaca non è indicato, evidentemente per 
errore dell'amanuense. 

5 V. in questa stessa Cronaca a p. 272, 41 sgg. 

6 La riforma delle elezioni indicata in questo capi- 15 
toletto è stata dal testo A posta più innanzi, alla fine 
dell'anno. 



272 



CORPUS CHRON1CORUM 



[A. 1460] 



Cronaca A 

Nota, tu che liegi, che '1 papa diceva 
che '1 voleva tal denari per fare guerra al 
Turcho; et non fu la verità, che non fece 
cosa alchuna, ma fu una robaria. 

Misser Agnolo da Chapranicha vesco- 
vo de Rieti et governadore in Bologna, 
per papa Pio, fu facto cardinale del mese 
de marzo, nelle quatro tempore, et venne 
le novelle a Bologna adì 7 de marzo; et 
per questo se fé festa de canpane et de 
falluò. Et adì 17 dicto, a hore xx, el dicto 
misser Agnolo se parli de Bologna et andò 
a Siena dal papa per lo capello; et adì 
otto d'aprile venne in Bologna cum lo ca- 
pello, et intrò in palazzo a hore 22 cum li 
nostri anbassaduri, ch'erano andati al papa, 
zoè: 

Misser Polo dalla Volta, 

misser Christovalo di Chazanemixi ; ' 

et andogli incontra tucta la cherexia ' 
de Bologna, et intrò per la porta de Strà 
Maore sotto uno baldachino, corno è usanza. 

Misser Santo di Bentivogli fé comin- 
zare a fondare uno palazzo, adì 12 de mar- 
zo, nella strada de Sam Donato *. 

Li Zenovisi f eceno una armada, del 
dicto anno, et mandolla a Napoli a li danni 
de dom Ferante re de Napoli, la quale 
armata stecte nel paese de Napoli et de 
Chalabria per spazio de cinque misi ; ma 
sopravenendo l'armata del re d'Aragona 
molto grande, gli Zenovisi una cum Fran- 
zoxi se partino del mese d'agosto et retor- 
nono a Zenoa per loro salvamento: dove 
che '1 re Ferante romase signore del mare 
et dete tale armata a llui bono sochorso. 

El conte Iacomo Pizinino, capitanio de 
gente d'arme, s'acordò cum misser Zohanne 
ducha de Chalabria, rìolo del re Rayneri, 
et cum el principo de Taranto, li quali 
guerezavano cum dom Ferante re de Na- 
poli. Et nella fine de marzo el dicto conte 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



10 



Cronaca B 

gavano ne la ghiexia de Sam Petronio. Et 
volea questa colta -per tri anny, in questo 
modo zoè, che 7 -primo -pagamento se pa- 
gassa per tutto el mese de marzo, el segondo 
pagamento per tutto setembre 14.60, e V 
terzo 1 pagamento per tutto el mese de marzo c c *f 6 " 
14.61 ; et zaschuna persona, che non pagava 
tal dinari, gli era vedato la chonfessione e 
la ckomenionc. Per la qual cosa molli ho- 
meni, non volendo pagare tal dinari, non 
se confessono né chomunighono ; la qual colta 
non se fé in alchuna cita se non in Bologna. 
Nota tu che liegi che 'l papa dicca 
ctiel volea tal dinari per far guerra al 
Turcho. JVon fo la verità, che non feze 
cosa alcuna, ma fo una robaria. 

1460. — Meser Agnolo da Chaprani- 
cha, vescovo de Rieti et governadore in Bo- 
logna per lo papa Pio ", fo facto chardcnale 
del mese de marzo, nelle quatro tempore; 
et venne le novelle a Bologna adi vii de 
marzo ; et per questo se fé festa de chanpane 
e de f alaò. Et adì xvii ditto a hore xx 
ci ditto meser Agnolo se partì da Bologna 
et andò a Siena dal papa, per lo chapello; 
et adì viii d'aprile venne in Bologna con lo 
chapello et intrò in palazo a hore xxii con 
li nostri anbassaduri, ch'erano andati al pa- 
pa, zoe meser Polo da la Volta e meser Cri- 
slovalo di Chazanemixi; et andogli incontra 
tuta la chierixia e Ili regimcnti de Bologna; 
et intrò per la porta de Strà Maore sotto 
uno baldachino, com'r uxanza! 

14oO. Meser Santo di Bentivo gli fè c c 2 J 6b , 
comemarc a fondare uno palazo, adì xii de 
marzo, ne la strada de Sati Donado. 

1 400. — / Genoixi feceno una armada, 
del dito anno, et mandonla a JVapuli ai 
danni de don Ferante re de JVapully. La 



1 II testo B aggiunge :>l clero anche i componenti 
S del Reggimento. 

- Il famoso palazzo eh'.- compi Giovanni Benti- 



4. primo] aggiunto nel margine sinistro nel cod., 
essendo stato omesso nel testo. — 17. robaria] segue pa- 
recchio spatio nel cod. 



voglio e che fu distrutto a furia di popolo nel 1507. 

"■ Sulla venuta di Mons. Angelo Capranica, vedasi 
sopra a p. 258, nota I. 



[A. 1460] 



BONONIENSIUM 



273 



Cronaca A 

Iacomo se partì del conta de Zesena cum 
soa brigata et andò per la Marcha d'Ancho- 
na per forza, et arivò nel paese d'Abru- 
zo, nel quale luogho cominzò la guerra 
nelle terre de dom Ferante. 

Et adì 31 de marzo venne nel contado 
de Bologna el signore Buoxo cum sette 
squadre de gente d'arme, li quali andono a 
Pesaro a trovare el signore Allisandro da 
Chodognola et el conte de Urbino, li quali 
seguitono el dicto conte Iacomo in Abruzo. 

Nota che '1 papa e '1 ducha de Millano 
teneano cum dom Ferante re de Napoli, et 
però li mandono dreto tale capitami; della 
quale guerra el paese del signore Juxia ne 
romase desfacto. 

Adì 12 d'aprile, a hore 15, se lesse uno 
breve, alla renghiera delli signuri anziani, 
mandato dal papa, comò havea concesso 
alla chiexia de Madonna Santa Maria dal 
Monte indulgenza de colpa e pena in per- 
petuo, el dì de Madonna santa Maria de 
mezo agosto, a zascuna persona che gli an- 
darà bene confesso et contrido, di soi pe- 
chati, facendoli oferta secundo la soa de- 
scriptione; et liecto el breve, cominzono 
a sonare le canpane del comune per alle- 
grezza, a martello. ' 
e ssb Misser Tadio de' Manfridi, signore 
d'Imola, chavalchò, adì sei de mazo, a tem- 
po de notte cum gente d'arme de misser 
Thiberto Brandolino, et andono per tore 
Faenza al signore Estore de' Manfridi, si- 
gnore della dieta terra, per uno tractato 
che lui gli havea dentro ; ma essendo loro 
avisati de zio et sentiti dalle guarde de 
Solorolo, f eceno segno de bombarde a quilli 
de Faenza, et funo scoperti e retornosene 
a Ymola. Et per questo el signore Estore 
fece pigliare alquanti homini de Faenza; 
dove che amedoe le parte erano in gran 
sospecto. 

Uno tractato fu discuperto in Ferara, 
adì 29 de mazo ', contra el marchexe Borso 
da Est, signore de Ferara ; el quale tractato 
menava misser Ugozone dalla Badia, citta- 



10 



Cronaca fì 

qual armada stette nel -paese de JVapuli e 
de Chalabria -per spatto de 5 misi', ma so- 
pravenendo Varmada del re de Raghona 
molto grande, gli Genoixi, una con Fran- 
zo xi y se par tino del mese d'aghosto e r et or- 
nono a Genoa, per loro salvamento ; dove che 
'l re Ferante romase signore del mare e 
dede tale armada a lui buono secorso. 



1460. — FI chonte Iachomo Pezenine, 
chapetanio de gente d'arme, s y acordò con 
meser Zohanne ducha de Chalabria, figliolo 
del re Rainieri, et con el principo de Ta- 

15 ranto, i quali guerezavano con don Fe- 
rante re de JVapuli. Ft ne la fine de marzo 
el dito conte Iachomo se partì del conta de 
Cexena con soa brighada, et andò per la 
Marcha d' Anchona per forza, et arivò nel 

20 paese d' Abruzo ; nel guai luoco comenzò la 
guera nelle terre de dom Ferante. 

Ft adì xxxi de marzo venne ?icl conta 
de Bologna el signore Buoxo com vii squa- 
dre de gente d'arme, i quali andono a Pe- 

25 sarò a trovare el signore Alisa ndro da Chu- 
dignola 2 e 7 chonte da Urbine, i quali se- 
guitono el dito conte Iachomo 3 in Abruzo. 
Nota che 'l papa e 'l ducha de. Milane 
teniano con dom Ferante re de JVapuli e 
però li mandono drieto tale chapetanii ; de 
la qual guerra el paese del signore fuxia 
ne romase desfatto. 

De la perdonanza concessa al Monte. 
35 

1460. — Adì xii d'aprile, a hore xv { j ì} 
se liesse um brieve alla renghiera di signiuri 
antiani, mandato dal papa, co?ne avea con- 
cesso alla ghiexia de madona Sancta Maria 

40 dal Monte indidgentia de colpa e pena in 
perpetuo, el di de madona sancta Maria de 
mezo aghosto, a zaschuna persona che gli 
andarli ben confesso e contrido di suoi pec- 
cati, facendoli offerta secondo la sua descre- 

45 tione. Ft lieto el brieve, comenzono a so- 
nare le champane delckomune, per ale grezza, 
a martello. 



e . ?$6 b - col. 2 



1 II testo B ha la data del 28 maggio : del resto 
questa cronaca reca poche righe più sotto la conferma 
che doveva appunto trattarsi di tal giorno, perché dice: 



" adì 28 dicto „. 

2 Alessandro Sforza, signore di Pesaro. 

3 Giacomo Piccinino. 



T. XVIII, p. 1, .v. iv 



18. 



274 



CORPUS CIIKUN1CORUM 



[A. 1400] 



Cronaca A 

dino de Ferara, et Piero Polo de' Seraphini 
di Buondinari; et fu scoperto dal dicto Se- 
raphine di Buondinari. Et adì 28 dicto fu 
preso Piero Polo sopradicto, a hore 18, et 
a hore 20 fu preso el dicto misser Ugozone 
de la Badia; et axaminato alquante volte 
nel castello vechio de Ferara, confessò 
ch'era vero che lui voleva consentire alla 
morte del marchexe Borso, lui e Piero Polo 
de Seraphine de' Bondinari, et haveano 
mandato per uno suo amico chiamato Rizzo 
da Parim, che demorava per stantia in Cha- 
xumaro, al quale disseno : u A che modo 
" aristi d'esere cum nui cum cinquanta ho- 
" mini ? „ ; et lui disse : u Io sono apare- 
k chiato cum cinquanta et cento et cum du- 
" sento de fare quello che me comandante, 
14 pure ch'io non faza cosa che sia contra 
* al mio signore „. Et adì 12 de zugno fu 
tagliato la testa a misser Ugozone nel ca- 
stello vechio, a hore cinque, e Ha soa robba 
fu messa in comune. 

Nota che questo tractato cominzò da 
Piero Polo sopradicto perché el signore li 
domandava molti denari d'uno datio che 
havea conparato, del quale n'avea perduto. 
Al quale Piero Polo el signore li perdonò 
la vita et deschazollo del suo teretorio, però 
che havea promesso a ser Seraphine suo 
padre de perdonarli la vita, el quale havea 
discuperto el dicto tractato. 

Adì 12 de zugno, el dì del sangue 
de Christo, venne una tempesta nel conta 
de Trevixo et nel conta de Padoa et de 
Vicenza et parte de Verona, che guastò 
la mazore parte de' dicti paixi et buttò per 
terra grandissima quantità d'arbori, la quale 
tempesta fece dolente molte fameglie.' 

Adì 3 de luglio fu l'eclisse della lu- 
na a hore una e meza de notte, et ascurò 
la luna per la terza parte; et adì 18 dicto, 
a hore nove e meza, fu l'eclisse del sole, 
et fu nel livare del sole, et ascurò per la 
mità del sole. 

Una tempesta venne nel conta de Mo- 
dena et de Rezo adì 3 de luglio, la quale 
guastò grandemente li formenti et uve; per 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



15 



Cronaca B 

1400. — Mescr Thadio di Man f ridi, 
signor d'Imola, chavalcò adì vi de mazo, 
a tempo de notte, con zentc d'arme de miscr 
Thiberto Brandoline, et andono -per tore 
Faenza al sygnore Estor di Man f ridi, si- 
gnore de la dita terra, -per uno tratado che 
lui gli avea dentro ; ma essendo loro avixati 
de ciò e sentiti dalle guarde de Solorolo l , fe- 
ceno segno de bonbarde a quilli de Faenza 
e tono schoperti, e retornonsenc a Ymola. 
E -per questo ci signore Estor fece pigliare 
alquanti huomini de Faenza, dove che amedoe 
le parte erano in gran suspetto.' 

Come meser Ugozone da la Badia li FO c èlF? 
tagliato la testa, 

1460. — Uno tratato fo discoperto in 
Ferara adì xxviii de mazo contra el ?nar- 
chese Borse da Est, signore de Ferara, el 
qtuil tractato menava meser Ugozone da la 
Batia, cittadino de Ferrara, e Piero Polo 
de Ser afine di Buondinari ; et fo schuperto 
dal dito Serafino di Buondinari. Et adi 
xxviii ditto fo preso Piero Polo sopraditto, 
a hore xviii, et a hore xx fo preso el ditto 
meser Ugozone da la Badia, et axaminato 
alquante volte nel chastcllo vechio de Fe- 
rara, confessò ch'era vero che lui volea co?i- 
scntire a la morte del marchese Borse, lui 
e Pieropolo de Ser afine di Buondinari; et 
aveano mandato per uno suo amicho chia- 
mato Rizo da Parim, che demorava per 
stando in Chaxumaro % , al quale disseno : 
" Che modo arista d'essere con nui con 50 huo- 
* mini? „ Et lui disse: tt Io sono apar e chiato 
" con 50 et con 100 et con 200 de fare quello 
" me comandar iti, pure ch'io non f azza cosa 
" che sia cantra al mio signore „ . Et adì xii 
de zugno, a hore 5, fo tagliato la testa al 
ditto meser Ugozone nel chastcllo vechio, e 
la soa robba fo messa in chomune. 

Nota che questo tractato comenzò da 
Piero Polo sopraditto, perché 7 signore li 
domandava molti dinari d'uno datio eh' avea 
comparato, del quale n'avea perduto', al qual 
Pier Polo ci signore li perdona la vitta e 



1 Solarolo, i ormine del I;i provincia di Ravenna, * Casumaro, frazione dtl comune di Cento, in 

non di '■tanti- da Faenza. provincia di Ferrara. 



IA. 1460] 



150NONIENSIUM 



275 



Cronaca A 

la qual cosa ne romase el paese in molti 
luoghi comò brusato. La quale tempesta 
venne nel conta de Bologna et fece danno 
a Sam Zohanne in Percesedo et a Manzo- 
lino, al Borgo et a Cento da Budrio. 

Venne novelle a Bologna, adì otto de 
luglio, corno dom Ferante re de Napoli era 
stato rotto a castello de Sarno dal ducha 
Zohanne de Chalabria nolo del re Rayneri \ 
et morigli Simonetto de Castello de Piero 
capitanio de papa Pio; et per questo el 
ducha de Milano li mandò el signore Ru- 
berto cum mille cavagli et fanti assai ; per 
la qual andata el re Ferante inanemato uscì 
fuora alla canpagna cum 22 squadre de 
gente d'arme da cavallo et cum tre milia 
fanti. 

El conte Iacomo Pizinino da una parte, 
e '1 signore Allixandro da Chodognola da 
l'altra parte, feceno uno facto d'arme nel 
paese d'Abruzo, al castello de Santo Fa- 
biano, presso alla marina, adì 22 de luglio, 
la quale baptaglia durò da hore 19 infino 
a hore una de notte; et el signore Alixan- 
dro ebbe la pezore per li molti cavagli, che 
li funo guasti et per la grande fantaria che 
havea racolto el conte Iacomo da l'Aquila 
et del contado; et convenne che '1 ducha 
de Milano li mandasse alquante brigate da 
cavallo et da pè et denari per refreschare 
le soe brigate. Ma partitose el conte Ia- 
como d'Abruzo cum soa brigata, andò in 
Canpagna de Roma, et dreto a llui seguitò 
el signore Alixandro et missese inseme cum 
le brigate della Chiesia et andono a campo 
a Monte de l'Olmo, el quale preseno per 
forza, et messe a sacomanno cum doe altre 
castelle, zoè Furane et Cantalupo ; le quale 
castelle erano de misser Iacomo Savello, 
el quale havea facto venire in quello luogho 
el conte Iacomo Pizinino. 

In quello anno fu gran secho, per la 
qual cosa se perdeno li marzadegli; et non 
piove dal principio de mazo insino adì 12 
d'agosto, et molte terre romaseno salde che 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



1 È stato ricordato sopra, in questa stessa cro- 
naca, a pp. 272, 38-273, 6. 

2 San Giovanni in Persiceto; vedi nota 8 a p. S. 

3 Manzolino; vedi nota 3 a p. io. 



Cronaca B 

deschazollo de suo lenitorio, -però ch'avea 
■promesso a ser Serafine suo padre de per- 
donarli la vitta, el quale avea discoperto 
el ditto tractato. ' 



De una tenpesta che venne in la Mar- c. 2S7 a - coi. ? 

CHA TRIVIXANA. 

1460. — Adì xii de zugno, el dì del 
sangue de Christo, venne una tempesta nel 
conta de Trevixo et nel conta de Padoa e 
de Vicenza e parte de Verona, che guastò 
la muore parte di ditti puixi et buio per 
terra grandissima qua?ititade de urbori; lu 
qual tempesta fece dolente ?nolte fumeglie. 

Adì 3 de luglio fo V eclisse de la luna, 
a hore unu e meza de notte, et aschurò la 
luna per la terza parte; et adì xviii ditto, 
a hore nove e mezo, fo l'eclisse del sone (sic), 
et fo nel livare del sole, et aschurò per la 
mito, del sole. 

1460. — Una tempesta venne nel conta 
de Modena e de Rezo adì Hi de luio, la 
quale guastò grandemente li formenti et 
uve, per la qual cosa ne romaxc el puexe 
in molti luochi come bruxaio. La qual tem- 
pesta venne nel conta de Bologna e fece 
danno a Sam Zohanne in Persexeda 2 e a 
Munzoline ~°, ul Borgo * et u Cento du 
Budrio \ 

Don Ferante re de Napuli fo rotto. 

1460. — Venne novelle u Bologna, adì S 
de luio, come don Ferunte re de JV apuli 
era stuto rotto a Chastello de Sarno dal 
ducha Zohane de Chalabria, figliolo del re 
Rainiero; et morigli Simonetto da Chastelo 
de Piero chapeta?iio del papa Pio; et per 
questo el duchu de Milune li mundò el si- 
gnore Ruberto con mille chavaglV e fanti e. 357 *- eoi. 1 
assai ; per la quale andata el re Ferante 
inanemuto uscì fuora a lu chunpugnu con 
xxii squadre de gente d'arme da chavulo el 
3000 funty. 



4 Deve intendersi Borgo Panigale sul Reno, vicino 5 
a Bologna. 

5 Cento di Budrio, piccola località vicina all'abi- 
tato di Budrio, a sud. 



276 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1460] 



Cronaca A 

non se possevano a rompere; le venderne 
bone, semente bone et poche f ructe. ' 
e. 59 b Misser Ludovigho Malvezo, essendo 

chasso dalli Veneziani, venne nel conta de 
Bologna del mese de setenbre et stetili per 
spazio de uno mese et missese in ordine 
cum circha ottocento cavagli et dusento 
fanti, et andò al soldo della Chiexia ; dove 
mentre che lui stecte nel conta de Bo- 
logna non s'apriva le porte la matina se 
non tardi et mandavano ogni notte le sa- 
raxinesche zoxo alle porte. Poi chavalchò 
cum soa brigata et andò dentro dalla Per- 
gola l a posta del papa. Et questo fu perché 
el signore Gismondo de' Malatesti faceva 
racolta de gente, el quale prima era signo- 
re del dicto castello et de molti altri. Et 
del mese de novembre el dicto signore Gi- 
smondo roppe la guerra cum la Chiexia et 
andò a campo a uno castello, nome IMor, 
della quale andata n'ebbe podio honore, 
però che misser Ludovigho Malvezo el fece 
livare de campo cum vergogna et tolsigli 
alquanti chariazi. 

Gironimo de ser Guiduzo da Montevie- 
glio 2 habitadore in Saragoza, cittadino de 
Bologna, fu morto adì 13 de novenbre a 
hore una de notte dal seraglio de Saragoz- 
za, andandosene a chasa, da dui villani, 
zoè: 

Domenegho de Francesco de Lenzo 
da Crespelano, 

Inghiliero de Lorenzo da Mongardine. 

Et adì 14 dicto, la sira, fu preso el 
dicto Inghiliero da Mongardine, el quale 
adì 15 dicto fu zostixiato a hore 22 in 
sabato, corno udirite. Prima fu messo in 
suso uno enarro, nudo ligato a traverso et 
per li piedi a uno stangone dritto, et lì fu 
tanagliato cossi crudelmente corno homo 
che mai fusse tanagliato in Bologna ; et 



4. segno d'attenzione nel margine sinistro — 23. 
Ludovigho Malvezo) parole sottolineate nel cod. - segno 
ii' attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



10 



Cronaca B 

1460. — PI conte lachomo Pezenine 
da una -parte, e 'l signore Alisandro da C'hu- 
dignola da V altra -parte, feceno uno fatto 
d'ar?ne nel faexe d'Abruzo, al chasicllo de 
San Fabiane °, presso alla marina, adì xxii 
de luto. La guai bataglia durò da hore xviiii 
insino a hore una de nocte, e 'l signore Ali- 
sandro ebbe la pezore per li molti chavagli 
che lly fono guasti per la grande fantaria 
che avea racolto el conte lachomo da l'Aquilla 
e del contado-, et convenne che 'l ducha de 
Milane li mandasse alquante brighade da 
chavallo e da pe e dinari per renfreschare 
le soe brighade. Ma partilosse el conte 
Iacomo d'Abruzo con soa brighada, andò 
in champagna de Poma, et drieto a lini 
seguitò el signore Alisandro et misesse in- 
seme con le brighade de la Ghicxia, et an- 
dono a champo a Monte de l'Omo de Dio, el 
quale preseno per fòrza e messo a sacho- 
mano con doc altre chaslelle, zoè Furane * e 
Chantalupo \ le quale chastelle erano de mc- 
scr /achomo Savcllo, ci quale avea fatto ve- 
nire in quel luoco el conte lachomo Pezenine. 

1460. — /// questo anno fo gran se- 
cho, per la qual cosa se perdeno li marza- 
diclli ; et non piove dal principio de mazo 
in sino adì xii d'aghoslo, et molte terre 
romaseno salde, che non se posseno aronpere; 
le venderne bone, formiente bone et poche 
fr ucte. ' 

1400. — Meser Lodovigo Malvezo, es- c c z ) 7h 2 
sendo chasso da li Venetiani, venne nel conta 
de Bologna del mese de seiembre et stetilli 
per spatio d'uno mese, et misesse in ordene 
con circha 800 chavagli et 200 fanti, et 
andò a soldo de la Ghicxia; dove che, men- 
tre lui stette nel conta de Bologna, non s'a- 
pria le puorte la matina se non tardi, et 



1 Della Pergola si è già parlato sopra. 
3 Monteveglio; vedi nota 9 a p. io. 
3 San Fabiano, località Abruzzesi- sul mare Adria- 
tico, non bene identificabile. 



20. de Dio) parole aggiunte nel margine sinistro 
del cod. — 40-41. mentre] aggiunto più tardi sopra la 
riga nel cod., ma dalla stessa mano 



4 Forano, comune del Lazio, vicino alla stazione 
di Stimigliano sulla destra del Tevere. 

"' Cantalupo in Sabina, nel Lazio, a nord ovest [( 
il i Poggio Mirteto. 



[A. 1460] 



BONONIENSIUM 



277 



Cronaca A 

havea anni 24. Prima fu menato pe le 
Chiavadure insino alla gabella grossa et per 
porta Ravignana, andando per lo Mercha- 
to de mezo, insino da chasa di Schappi, 
poi andono in piazza e Ili fu squartado 
vivo cum uno falzone, dandoli per mezo 
el pecto et fatone quatro quarti, li quali 
quarti funo portati alle porte; zoè uno quar- 
to dinanzi cum la testa, alla porta de Sa- 
ragoza, uno quarto a Sam Felixe, uno alle 
Lame, uno a Galiera; et stecteno impichati 
per spazio de tre stemane. El quale In- 
ghiliero fu preso in Galiera in chasa d'Al- 
berto Marozo ; et havé dalli regimenti du- 
ellati cinquanta. El dicto Domenegho so 
conpagno uscì fuora de Bologna et fu man- 
dato uno bando per parte di regimenti, chi 
el desse vivo hareve duchati cento et morto 
duchati cinquanta. 

In questo anno se cominzò a chavare 
li datii de Bologna per imbosulatione, che 
prima si se vendeano agl'inchandi; et così 
se cominzò a chavare li signuri anziani et 
confalonieri del puovolo e massari delle 
arte per imbosulatione, salvo che el con- 
faloniero de zostixia, ch'era facto secundo 
che piaseva a li signuri sedese, che prima 
erano facti per amistade o parentella' '. 
e. 6o a Misser Agnolo da Chapranicha, cardi- 
nale et legato in Bologna per la Chiexia, 
se partì adì 18 de novenbre et andò a 
Roma da papa Pio, che mandò per lui. Et 
andò cum lui dui cavalieri, zoè: 

Misser Christovalo de' Chazanemisi, 

misser Iacomo di Marsilii; 
et tornò a Bologna adì 17 de zugno 1461 
cum li nostri ambassaduri. 

Misser Ludovigho Malvezo, capitanio 
delle gente d'arme della Chiexia in la Mar- 
ella, essendo alozato alla città de Yese cum 
soa brigata, fece una cavalchata adì xi de 
dexenbre alla città de Fano, et preseno più 
de mille chuò de bestie grosse, et menute 



39. Misser . . . Malvezo] parole sottolineate nel 
cod. - segno d'attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

mandavano ogne notte le saraxinescke zoso 
alle puorte. Poi chavalchò con soa brigata 
et andò dentro da la Pergola, a posta del 
■papa. 

E questo fo perché 'l signore Gismondo 
di Malatiesti facea racolta de gente, el 
quale prima era signore del ditto chastello 
e de molti altri) et del mese de novembre 
el dito signore Gismondo rompe la guera 
con la Ghiexia, et andò a chanpo a tino 
chastello nome Mor 2 , de la quale andata 
riebbe poco honore, però che meser Lodovico 
Malvezo el fece livare de chanpo con ver- 
gogna, e tolseli alquanti chariagi. 

1460. — Gironimo de ser Guiduzo da 
Montivieglio, habitadore in Saraghoza, ci- 
tadine de Bologna, fo morto adì xiii de 
novembre, a hore una de notte, dal seraglio 
de Saraghoza, andandosene a chaxa, da dui 
vilani, zoè da Domenego de Francesco de 
Lenzo da Crespelanc e da Inghilicro de 
Lorenzo da Mongardine. Et adi xiiii 
ditto », la sira, fo preso el ditto Inghilicro 
da Monghardine, el quale ady xv ditto fo 
zustixiado a hore xxiii, in sabato, come ude- 
riti. Prima fo messo in suso uno charro 
nudo, lighado a traverso e per li piedi d'uno 
stanghone drito, e lì fo tenagliato così cru- 
delmente come homo che mai fosse tena- 
gliato in Bologna. Et avea anni xxiiii . 
Prima' fo menato per le Chiavadure ' insino e. 258 a - coi. 1 
alla ghabclla grossa e per porta Ravignana, 
andando per lo Mercha de mezo, tnsino da 
chaxa di Schapi, poi andono in piaza e lì 
fo squartado vivo con uno falzone, dandoli 
per mezo el petto, et fattone quatro quarti, 
i quali quarti fono portati alle puorte, zoè 
uno quarto dinanzi con la testa, a la porta 
de Saraghoza, uno qicarto a Sam Felixe, 
uno alle Lame, uno a Ghaliera ; e steteno 
impichati per spacio de tre stemane. El 
quale Inghiliero fo preso in Ghaliera, in 



11. andò a chanpo] parole sottolineate nel eod. 



1 Questa notizia dal testo B è data nel principio Pesaro Urbino? 

dell'anno 1460. 3 Via delle Clavature (ora via Piave), che muove 

2 Che sia Moria, nel comune di Cantiano, prov. di dalla Piazza maggiore. 



278 



CORPUS CHRONICORUM 



IA. 1460] 



Cronaca A 

in quantitade, presimi assai ma di pocha 
taglia, et retornono a chasa a salvamento. 

Del mese de desenbre funo zustixiati 
alquanti frati de l'ordine de sam Francesco 
in la città de Siena per le mano de misser 
Polo dalla Volta, el quale in quello tempo 
era podestà de Siena; li quali frati havea- 
no asassinato uno merchadante forastiero, 
che havea cum lui circha cinque milia du- 
ellati. 

Nota che '1 dicto merchadante, haven- 
dose insoniato per tre volte che '1 gli era 
segato la gola, et de questo lamentandose 
cum l'oste dove lui alozava, al quale l'osto 
li dete per conseglio che lui s'andasse a 
confessare, et cossi fece. Et confessandose 
da uno de' dicti frati, li disse ogni soa 
facenda et quello che lui andava per fare, 
narandogli tucta la quantità de denari che 
lui portava; et hauta l'asolvesone se partì 
da loro et montato a chavallo, andò verso 
Roma. Et li frati, zò sapendo, uscino della 
cittade et postisi in aguaito, preseno et uci- 
seno el dicto merchadante, ma non pos- 
senno pigliare el cavallo, dove erano le 
bolze cum li denari; ma fugissene verso la 
cittade et zonto a l'ostaria, intrò dentro. 
L'osto, zò vedendo, pensò male de lui e 
menò el cavallo alla corte del podestà et 
disseli corno questo merchadante dovea es- 
sere stato morto. Allora el podestà subbito 
mandò soa brigata fuora della cittade, et 
non trovando persona alchuna, se non quii- 
li frati, li quali haveano insanguenato el 
cordone, funo prisi et menati in le forze 
del podestà, a li quali fece iustizia, secundo 
la rasone. ' 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

chaxa d'Alberto Marozo, et ave dalli regi- 
menti due ha jo. El ditto Domencgo so 
chompagno uscì fuora de Bologna, et fo 
mandato uno bando -per far te di rigimienti 
chi iel desse vivo areve duchati ioo e morto 
dite ha ti 50. 

1 460. — Meser Agnolo da Chapranicha, 
chardenale e legato in Bologna -per la 
Ghiexia x , se -partì adì xviii de novembre et 
andò a Roma da papa Pio, che mandò per 
lui; et andò con lui dui chavalieri, zoo 
meser Cristovalo di Chazanemixi e meser 
lachomo di Afarsilii chavalieri con lui in 
chompagnia ; et tornono a Bologna adì 17 
de zugno 14.61 con li nostri ambas aduri. 

1 460. — Meser Lodovigo Malvezo, cha- 
pctanio delle giente d'arme de la Ghiexia 
in la Marcha, essendo allozato a la citta de 
Texe ' con soa brighata, feze una chaval- 
chata, adì xi de dexcmbre, a la città de 
Fano, et preseno più de mille chuo' de bic- 
stie grosse, e mentite in' quantitade, prexuni L c 2 t a , 
assai, ma di pocha taglia; et ritronono a 
chaxa a salvamento. 

1400. — Del mese de dcxcnbre fono 
zustixiati alquanti frati de l'ordene de san 
Francesco in la cita de Siena per le mane 
de meser Polo da la Volta 3 , ci quale in quel 
tempo era podestà de Siena. / qual frati 
aveano asassinato imo merchadante forastiero, 
che avea con lui circha cinque millia duchati. 

Nota che 7 ditto merchadante, aven- 
dosse insoniato per tre volte che 7 gli era 
seghalo la ghola, e de questo lamcntandossc 
con l'oste, dove lui alozava, al quale l'osto 
li de per chonscglio che Itti s'andasse a chon- 
fessarc, et cosy fece. Ft confesandosse da uno 
di ditti frati, li disse ogne soa facenda, e 
quello che lui andava per fare, narandolli 
tutta la quantitade di dinari che lui portava ; 
et avuta V asolvexone, se partì da loro, et 
muntato a chavalo andò verso Roma. Li 
frati, ciò sapendo, uscino de la cittade e 



1 Di lui vedasi sopra a p. 272, 19-35, ove si narra 
riVlla sua nomina a cardinale. 



2 Jesi. 

:| Il Polo ricordato ambasciatore al papa a p. 272. 



[AA. 1460-1461] 



BONONIENSIUM 



279 



Cronaca A 



e. 6ob 



Anno Christi Mccccól. El ducha de 
Yori et el conte de Verniche, signuri nelle 
parte d'Inghilterra, preseno el re Adoardo 
d'Inghilterra, del mese de setenbre, et me- 
nolo in presone al castello de Chalexe; et 
poi, adunato loro exercito, andono a campo 
a Londra cittade, dove che la reyna, adu- 
nato soa gente, de concordia feceno bapta- 
glia inseme, in la quale morirono quindese 
milia homini d'amedoe le parte, ma alla 
fine funo rotti li nemisi della re}ma et fu 
preso el ducha de Yori et fugli tagliato 



1 II duca di York. 

2 II duca di Warwick. 

3 Edoardo IV. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

-postisi in aguaito, -preseno e ucixeno el ditto 
merchadante, ma non posseno pigliare el cha- 
valo, dove erano le bolge con li dinari ; ma 
fugissene verso la città, et zunto a l'oslaria, 
intrò dentro. L'osto, ciò vedendo, pensò 
male de lui e menò el chavallo a la chorte 
del podestà e disselli come questo mercha- 
dante dovea essere stato morto. Allora el 
podestà subitto mandò soa brighata fuora 
de la città et non trovando persona alchuna 
se non quilli frati, li qually aveano insan- 
guenato el chordone, fono prixi e menati in 
le forze del' podestà; alli quali feze iusticia, e. 25 sb - coi. i 
secondo la raxonc. 

Adoardo re d'Inghilterra fo preso dal, 
ducha de lori e dal chonte de wer- 

NICHE. 

1460. — El duca de Tori x e 7 conte de 

Verniche 2 , signiuri nelle parte d' Inghilterra, 

prexeno el re Adoardo d' Inghilterra 3 , del 

mese de setenbre e menonlo in prexone al 

chastelo de Chalexe* ; et poi, adunato loro 

exercito, andono a champo a Londra citade, 

dove che la raina, adunato soa gente, de 

choncordia feceno bataglia inseme, ne la 

quale morirno 15 milia hnomini d'amedoe 

le parte ; ma a la fine fono rutti li nemici 

della raina h e fo prexo el ducha de Tori e 

foli tagliato la testa, e 7 conte de Verniche 

fogì a Chalexe suo chastello 6 . 

El RE DE FRANZA PERDE LA SIGNORIA DE 

Genoa. 

1461. — Venne novelle a Bologna, adì 
14. de marzo, che Ili Genoixi aveano cha- 
zato li Franzoxi fuora de Genoa, in questo 
modo zoe, che adì viiii de marzo uno zo- 
vene de Zenoa, che già per tempo passato 
li suoi antecessory erano stati da Milano, 
zio era anni 70 che Ili suoi erano andati a 
stare a Genoa, levato el remore adì g dito a 
hore 16, cridando : u Viva el puovelo e mura 



* Calais. 

5 Margherita di York. 



6 Questa notizia è posta sotto il 1461 nel testo A. 



280 



CORPUS CHRON1CORUM 



[A. 1461] 



Cronaca . 1 

la testa; et el conte de Verruche fugite a 
Chalexe, suo castello l . 

Venne novelle a Bologna, adì 14 de 
marzo, che li Zenovisi haveano chazato li 
Franzosi fuora de Zenoa, in questo modo, 
zoè che adì 9 de marzo uno zovene de 
Zenova, che za tempo passato li soi ante- 
cessuri erano stati da Milano, zoè era an- 
ni setanta che li soi erano andati a stare a 
Zenoa, levato el romore adì 9 dicto a hore 
19 2 , cridando : " Viva el puovolo e mora li 
tt Franzoxi „ , dove che tucto el puovolo me- 
nuto se misse in arme et chazono per forza 
li Franzoxi in chastello. Et per questo al- 
quanti fuorausiti de Zenoa, zoè Adurni, 
Furegosi cum loro amisi veneno a Zenoa, 
et entrati dentro cum gran furore funo 
in discordia tra loro per fare uno duxe, 
ma non se acordando inseme, funo chazati 
fuora della cittade dal puovolo; ma poi 
concordati inseme, veneno dentro et feceno 
loro duxe misser Prospero Adorno, et fe- 
ceno capitanio del puovolo el fratello dello 
arcivescovo de Zenoa, ch'era di Foreguxi 3 . 

Nota che nel dicto anno, del mese de 
zugno, el duxe de Zenoa chazzò el dicto 
arcivescovo cum soi amisi fuora de Zenoa, 
li quali se redussero per stantia al castello 
di Novy. 

El figliolo del ducha de Yori de In- 
ghilterra, vedendo el padre suo essere mor- 
to e rotto el suo campo, fece suo risforzo 
cum soi amisi e parenti et andono a ritro- 
vare el campo della reyna d'Inghilterra adì 
29 de marzo, la domenega de l'olia, et qui 
per tri zumi continui feceno baptaglia, do- 
ve morirono de molti baruni d'amedoe le 
parte; ma alla fine, el campo della reyna 
non possendo resistere alle forze di nemici, 
funo rotti cum loro danno e vergogna ; et 
fune morti de quilli de la reyna vinte milia 
li omini et de quilli del ducha de Yori otto 
milia homini. 

Nota che ne l'ysola de Inghiltera, quan- 
do sono dui exerciti, non vano a campo 
alle citade, ma vano alla campagna, et ivi 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



Cronaca B 

tt //' Franzoxy „ ; dove che tuio el populo 
mentito se misse in arme e chazono per 
forza li Franzoxi in chastelo. Et per questo 
alquanti fuorausiti de Genoa, zoè Adurni, 
Fureghuxi *, con loro amicy, veneno a Genoa 
et entrati dentro con gran furore, fono in 
discordia tra loro per fare tino duxe, ma, 
non se concordando inseme, fono chazati 
fuora de la citade dal popolo! Ma poi con- c *Jf 8h 
chordati inseme, veneno dentro et feceno 
loro duxe meser Prospero Adorno, et feceno 
chapetanio del popolo el fradello de l'arce- 
vescovo de Genoa, ch'era di Fureghuxi. 

JVota che nel dito anno, del mexe de 
zugno, ci duxe de Zenoa chazò el ditto ar- 
civescovo con suoi amixi fuora di Genoa; 
i quali se redusseno per stancia al chastelo 
de JVuovi*. 

El chanpo de la raina d'Inghilterra 
fo rotto dal figliolo del duca de 
Yori. 

1401. — FI figliolo del ducha de Tori 
de Inghilterra, vedendo el padre suo essere 
morto e rotto el suo champo, feze suo ri- 
sforzo con suo' amixi e parenti e andono 
a ritrovare el champo de la raina d'In- 
ghilterra adì xxviiii de marzo, la dome- 
nega d'olia • et quivc per try zumi continui 
feceno bataglia, dove morirno multi barimi 
d'amedoe le parte ; ina alla fine el chanpo 
della rayna, non possendo resistere alle 
forze di /limici, fo?io rutti con loro danno 
e vergogna, et fone muorti de quilli de la 
raina xx millia huomini e de quilly del du- 
cha de Yori viti millia huomini. 

Nota che ne l'ixola d' 'Inghilterra, quando 
sono dui exerciti, non vano a champo alle 
citade, ma vano a la chanpagna et ive con 
loro risforzo e bonbarde chonbateno inseme: 
et quilli che sono vinciduri de la chanpagna 
romagnino signiuri della citade. 

1461. — I regimenti de Bologna feceno 
bandire e chomandare che 'l non fosse alchuna 
persona del chastello de Cento e de la Pieve, 



1 Per la identificazione di questi personaggi, vedi 
Ir note al testo B, p. 27^. 

16, si trova nel testo />'. 



3 Frcgoso o Campofrcgoso. 

4 La casa genovese dei Frcgoso o Campofregoso. 
: ' È Novi Ligure, 1 ire. in prov. 



(Il Alessandria. 



[A. 1461] 



BONONIENSIUM 



281 



Cronaca A 

cum loro riforzo et bombarde combateno 
inseme, et quilli che sono vinciduri della 
campagna romagnino signuri della cittade.' 
c.óia Lì regimenti de Bologna f eceno ban- 
dire et comandare che '1 non fusse alcuna 
persona del castello da Cento et dalla Pieve, 
li quali per alcuno modo o vero chasone 
usasseno venire suso el conta de Bologna 
senza licentia, alla pena de duchati cento 
d'oro; et se fusseno prisi pagareveno la 
taglia, et se igli venisseno in sul conta de 
Bologna per forza hareveno bando delle 
forche, et se per chaso fusse che igli fus- 
seno feriti o morti, non seria posto in bando 
alchuno de quilli tali che gli avesseno morti. 

Ancora feceno comandamento a ogni 
persona della città et del contado, forza 
et destrecto de Bologna, che'l non fusse 
alchuno che andasse alle diete castelle sotto 
la pena soprascripta; et questo fu adì 25 
d'aprile quando andò questa grida, ma co- 
minzò el primo dì de mazo, però che eb- 
beno quello termine se loro se volevano 
acordare cum li regimenti de Bologna. Et 
per questa casone alquante fameglie se 
partino delle diete terre e castelle ; ma gli 
omini de quelle mandono a Roma dal car- 
dinale de Bologna ' che tignia le diete ca- 
stelle, perché lui provedesse a tale coman- 
damento; ma non hauto risposta bona, 
andono a Ferara dal marchexe Borso et 
oferseno dare a llui le diete castelle, la 
quale offerta non volse aceptare, dicendo 
che quelle castelle erano della Chiexia, ma 
dete a lloro alquanti fanti sotto nome del 
cardinale de Bologna. 

Nota che questa discordia fu rimessa 
al ducha de Milano, et per tre volte andono 
ambassaduri de Bologna alla soa signoria, 
dove che '1 ducha dete uno certo lodo el 
quale non piaque al cardinale, né agli omini 
delle diete castelle, zoè a quilli che reze- 
vano, al quale lodo non volseno rethifìca- 



39. etj aggiunto sopra la riga dalla stessa mano 
del cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



40 



Cronaca B 

i quali per alchuni modo hover chaxone 

osasseno ventre suxo el conta de Bolonia 

senza licencia, a la -pena de ducha 100' d'oro ; e. 259 a - coi. t 

e se fosseno prixi -pagareveno la taglia, et 

se igli venisseno in su el conta de Bologna, 

per forza, areveno bando delle forche, et se 

per chaxo fosse che igli fosseno feriti o 

morti, non seria posto in bando alchuno de 

quilli tali che gli avesseno morty. 

Ancora feceno chomandamento a hogne 
persona de la cita e del conta, forza e de- 
streìo de Bologna, che 'l non fosse alcuno 
che andasse alle ditte chastelle sotto la pena 
sopra scripta ; e questo fo adì 25 d'aprile 
quando andò questa crida, ma comenzò el 
primo dì de mazo, però ch'ebeno quel ter- 
mene, se loro se voleano achordare con ly 
regymenti de Bolonia; et per questa cha- 
xone alquante fameglie se partino delle ditte 
chastelle. Ma gli uomini de quelle mandono 
a Roma dal chardenale de Bologna, che 
tenya le ditte chastelle, perchè lui preve- 
desse a tale chomandamento ; ma, non avuto 
risposta buona, andono a Ferara dal mar- 
chexe Borse et offerseno dare a lui le ditte 
chastelle. L.a quale offerta non volse acetare y 
dycendo che quelle chastelle erano de la Ghie- 
xia, ma diede a loro alquanti fanti soto nome 
del chardenale de Bologna. 

Nota che questa discordia fo remessa 
al ducha de Milane 2 , e per tre volte andono 
anbasaduri de Bologna a la soa signoria; 
dove che 7 ducha diede uno certo lodo, ci 
quale non piacque al chardenale né agli 
omini delle ditte chastelle, zoè a quilly che 
regiano. Al quale lodo non volseno reti- 
-ficare, ma li rigimenti de Bologna li ri- 
tificono. In questo instante el ducha de Mi- 
lane s'amalo d'una grave malatia e dissese 
publicamente ch'era morto, e per questa 
chaxone romaxe sospexa tale discordia.' 

1461. — E eclips e de la luna foe adì e. 2590-01. 2 



1 Filippo Calandrili! di Sarzana vescovo di Bo- 
logna dal 1447 e cardinale dal 1448. E noto che Cento 
5 e la Pieve spettavano al vescovo di Bologna. 



8. chaxo] segue nel cod. i cancell. 



2 Francesco Sforza. Lo Sforza diede parere favo- 
revole ai Bolognesi, onde l'opposizione del Vescovo e 
dei Centesi. 



282 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1461] 



Cronaca A 

re, ma li regimenti de Bologna li rethifi- 
cono; et in questo instante el ducha de Mil- 
lano s'amalo d'una grave malatia, et dissese 
publichamente ch'era morto; et per questa 
chasone romase sospesa tale discordia. 

L'eclisse de la luna fu adì 22 de zu- 
gno, cominzando a l'Avemaria, et durò in- 
fino a hore quatro de notte, inanzi che la 
luna fusse reschiarata. ' 
e. ór à A la fino del mese de zugno fu rotto in 

Abruzo el conte Antonio Caldora, soldato 
del re de Franza et del principo de Ta- 
ranto, el quale andava in alturio del conte 
Iacomo Pizinino, ch'era a campo al castello 
de Loretto ' in Abruzo. Dove che essendo 
noto al signore Allixandro da Codognola 
capitanio del ducha de Millano, andò cum 
soa gente per sochorere la rocha del dicto 
castello et per sochorere misser Mathio da 
Capua et Marco Antonio Torello, ch'erano 
alla guardia de Civita de Chiete *. Et cha- 
valcando nel dicto paese, se inscontrono nel 
dicto misser Antonio Chaldora et quello rup- 
peno cum suo danno et vergogna. Et per 
questo el conte Iacomo Pizinino se livò de 
campo cum soa gente et andossene nei con- 
ta de l'Aquila, et adunato inseme el signore 
Alisandro cum misser Mathio da Capua, 
seguitono el conte Iacomo nel conta de 
l'Aquila et tanto feceno che 'I remisseno 
fuora dell'Abruzo. El quale andò in Puglia 
dal principo de Taranto et dal ducha Zo- 
hanne 3 . 

Et adì 31 d'agosto el signore Alixan- 
dro da Chodognola se partì da Ottona 
mare * solo]cum li Sforzisela et andò in Pu- 
glia, seguitando el conte Iacomo, et remi- 
sesse in conpagnia cum lo re Ferante da 
Napoli . 

L'armada del re de Franza venne a 
Zenoa del mese de zugno, et erano dodese 



2 1. Antonio] anto/u scritto nel margine, in luogo 
di una cancellatura 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

xxii de zugno, chomenzando a V Avemaria, e 
durò in sino a hore ./ de notte innanci che 
la luna fosse reschiarata. 

1461. — A la fine del mexc de zugno 
fo roto in Abruzo el conte Antonio Chaldora, 
soldado del re de Franza e del principo de 
Taranto, el quale andava in alturio del 
chonte Iacho?no Pczenine, ch'era a c/iampo 
al chastclo de Loreto in Abruzo ; dove che 
essendo noto al signore Alisandro da C lin- 
di gnola chapitanio del ducha de Milane, 
andò con soa gente per scchorere la rocha 
del dito chastello e per scchorere meser 
Matio da Chapua e Marcito Antonio To- 
rello, ch'erano a la guarda de Civita de 
Chiete ; et chavalchando nel dito paexe, s' in- 
scontrono nel dito meser Antonio Chaldora 
e quello roppcno con suo danno e vergho- 
gna. Et per questo el conte Iacho?no Peze- 
nine se livò de chanpo con soa gente et an- 
dossene nel confa de l'Aquila, et adunato in- 
seme e sygnorc Alisandro con meser Matio 
da Chapua, seguitono ci chonte Iachomo nel 
conta de V Aquila, e tanto feceno che 'l re- 
misseno fuora de V Abruzo. El quale andò 
in Puglia dal principo de Taranto e dal 
ducha Zohanc de Chalabria. 

Et adì xxx i d'aghosto ci signore Ali- 
sandro da Chudi gnola se party da Hortona 
Marc 1 ' solo con li Sforcischi, et \andò\ in 
Puglia seguitando ci chonte /achomo, e rc- 
misesse in chompagnia con lo re Ferante re 
de ^Yapuli.' 

1461. - IJarmada del re de Franza c c 2 f b l 
venne a Genoa del mexc de zugno, et erano 
dodexe ghallec e tre nave grosse; da poi 
del mese de litio venne molta gente per terra 
da chavallo e da pe, i quali feceno loro adu- 
namene a la cita d'Asty; ma la gente de 






1 Loreto Aprutino, comune della provincia di 
Teramo, nella valle del torrente Salino. 
5 ! Civita di Chieti o Chiete si usò chiamare anti- 

< amente la città ora detta Chieti. 

3 II Duca Ciovanni di Calabria. 

4 Ortona a Mare o semplicemente Ortona, comune 



32. andò] la parola manca al cod., ma fu eviden- 
temente dimenticata dall'amanuense — 39. grosso cod. 



della provincia di Chieti, sulla marina adriatica. 

5 È, rome e noto, Ferdinando I d'Aragona. 

6 Ortona, di cui alla nota 4. Era detta Ortona 
a Mare, per meglio distinguerla da Ortona dei Marsi 
in provincia, o come allora dicevasi, "Comitato,, o 
" Conta „ di Aquila. 



io 



[A. 1461] 



BONONIENSIUM 



283 



Cronaca A 

galee e tre nave grosse. Da poi del mese 
de luglio venne molta gente, per terra, da 
cavallo et da pè, li quali feceno loro adu- 
namene alla città d'Asti. Ma la gente de 
l'armada, volendo dare sochorso per doe 
volte al casteletto de Zenoa, furono mal 
tractati da' Zenovixi, sì che retornono a 
Savona per loro salvamento. 

El signore Iacomo Savello fece paxe 
cum papa Pio del mese de luglio; el quale 
guerezava cum la Chiexia cum l'alturio jdel 
principo de Taranto et d'altri signuri del 
reame : et era suo capitanio el conte Iacomo 
Pizinino, el quale in quello tempo era in 
Abruzo ' in campo contra le terre del re 
Ferante. 

El signore Gismondo de' Malatesti, es- 
sendo in discordia et in guerra cum papa 
Pio, andò adì dui de luglio asaltare el cam- 
po della Chiexia ch'era in la Marcha, in 
luogho dicto Castello Lione 2 ; et qui cum 
bonbardelle et spingarde et balestre fece 
suo risforzo per rompere el dicto campo ; 
et veniali facto, se '1 non fusse stato misser 
Ludovigho Malvezo et misser Piero Polo 
di Nardini, condutieri della Chiexia, li quali 
cum suo ardire et provedimento intraropeno 
gli avixi del dicto signore Gismondo, dove 
che funo morti d'amedoe le parte circha 
centocinquanta homini; et durò questa ba- 
taglia hore cinque. Vero è che misser 
Ludovigho et compagni ebbeno mazore 
danno, però che perdeno li soi lozamenti 
et chariazi; et se la gente della Chiexia 
havesse seguitato el dicto misser Ludovigho 
et misser Piero Polo, haveano quello zorno' 
e. ài agrande vittoria, però che uno condutiero 
del papa, chiamato Zohanne Pizinino da 
Chavagli, non volse mai obedire misser Lu- 
dovigho e conpagno. Et fulli morto el 
dicto misser Piero Polo di Nardi 3 ; et da 
lato del signore Gismondo fu gravemente 
ferito misser Zecho Brandoline, el quale 



25-26. misser . . . Malvezo] parole sottolineate nel 
cod. - segno d'attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

l'armada, voglicndo dare scchorso per doc 
volte al chastcletto de Genoa, forono inol- 
tratati da? Genoixi, sì che retornono a Sa- 
vona per loro salvamento. 

1461. — El signore Iachomo Savelly 
fece paxe con papa Pio, del mese de lido. 
El quale guerezava con la Ghiexia con l'al- 
turio del principo de Taranto e d'altri si- 
gniuri del reame; et era suo chapitanio ci 
conte Iachomo Pezenine, el quale in quel 
tenpo era in Abruzo in chanpo, guerezando 
contra le terre del re Ferante. 

Come el, signore Gismondo di Malatiesti 
rompe el chanpo de la ghiexia in 
la Marcha. 

1461. — El signore Gismondo di Ma- 
latiesti, essendo in discordia e in guerra con 
papa Pio, andò adì ii de lido asaltare el 
chanpo della Ghiexia, ch'era in la Marcha, 
in luoco dito Castclo Lione, et qui con bon- 
bardelle e spinghardc e balestre fece suo ri- 
sforzo per ronpere el ditto chanpo; e ve- 
niali fato se 'l non fosse stato meser Lodo- 
vigo Malvezo e meser Piero Polo di Nar- 
dini, chondutieri de la Ghiexia, i quali con 
suo ardire e providimcntof intraropeno gli e. 2596 
avixi del dito signore Gismondo, dove che 
fono morti d'amedoe le parte circha 150 
huominy. E durò questa bataglia hore 5. 
Vero e che meser Lodovigo e chonpagni 
ebbeno mazore danno, però che perdeno li 
suoi alozamenti e chariagi ; e se la gente 
della Ghiexia avesse seguitato, ci ditto meser 
Lodovigo e meser Piero Polo aveano quel 
zorno grande Victoria, però che uno chon- 
dutiero del papa, chiamato Zohanne Peze- 
nine da Chavagli non volse mai hobedirc 
meser Lodovigo e compagno. Et foli morto 
el dito meser Piero Polo di Nardini; e dal 
lato del signore Gismondo fo gravemente 



44. del] /'1 fu aggiunto più tardi sulla riga 



1 Dall'Abruzzo n'era stato cacciato poco prima, Ancona, nelle Marche, 
come leggesi più su a p. 282, 25-34. 3 Così per errore, in luogo di Nardini, il cui 

5 2 Castelleone di Suasa, comune della provincia di nome è rettamente dato poco più su. 



col. 



284 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1461] 



Cronaca A 

d'alquanti zorni inanzi se n'era fugito cum 
dusento cavagli da misser Ludovigho Mal- 
vezo et andò dal signore Gismondo. Alla 
fine el signore Gismondo romase vincitore 
del campo. 

Nota che monsignore da Chorneto, co- 
missario del campo della Chiexia, fazendose 
facto d'arme, mortalmente, se ne fngì de 
campo cum quatro squadre de gente d'ar- 
me et andossene alla Rocha Contrata l . Et 
questa fu la perdeda e Ila vergogna del 
campo della Chiexia ; et senza dubio, se 
questo non era, el signore Gismondo rice- 
vea vergogna quello zorno. 

Nota che amedoe le parte se tratono sì 
male inseme de ucidere homini et chavagli, 
che in questa stade niuno de loro non usi 
fuora a campo; ma stavano allozati nelle 
castelle e torre. Et però chi manda ho- 
mini vili et de pocho animo per comissario 
nelli 8oi campi, receve danno et vergogna. 

El conte Francesco ducha de Millano 
fece pigliare Sforzino suo figliolo bastardo 2 , 
del mese de luglio, el quale menava uno 
tratato de partirse da lui cum doa milia 
cavagli, et andava a soldo cum lo re de 
Franza; dove che vegnia a essere nemico 
del padre, però che '1 padre sostignia li 
Zenovixi che faceano guerra cum lo re 
de Franza. El quale Sforzino fu impre- 
sonato cum bona guardia \ 

Li Franzoxi, essendo venuti cum suo 
risforzo da cavallo et da piede et cum loro 
armata nel conta de Zenoa, andono adì 1/ 
de luglio, in viegnere, per sochorere el ca- 
stelletto de Zenoa, el quale togniano a lloro 
posta; et l'uno asaltati dalla gente di Ze- 
novixi et dal puovolo, et fra loro fu longha 
baptaglia. Infine li Franzoxi funo sconfidi 
cum loro grandissimo danno et vergogna; 



10 



15 



20 



25 



30 



OD 



40 



Cronaca B 

ferito meser Zecho Branduline, el quale d'al- 
quanti zurny innanci se riera fuggito con 
200 chavagli da meser Lodovigo Malvezo 
e andò dal signore Gismondo. Alla fine el 
signore Gismondo romaxe vincidore del 
chanpo. 

Nota che monsignore de Ebormeto 4 , 
chomesario del champo de la Ghiexia, facen- 
dosse fato d'arme mortalmente, sen fu gì 
de chanpo con quatro squadre de gente 
d'arme et andossene a la Rochachoutrata ò ; 
et questa fo la perdeda e la verghogna del 
chan-po de la Ghiexia ; et senza dubio, se 
questo non era, el signore Gismondo recevea 
verghogna quel zorno. 

Nota che amedoe le parte se tratono 
sì male inseme de uccidere huomini e cha- 
vagli che in questa stade ninno di loro non 
uscì fuora a champo, ma stavano allozati 
nelle chaslelle e terre. Et però chi manda 
huomini vili e de poco animo per chomesarii 
nelli suoi chanpy receve danno con vergogna.' 

1461. — El chonte Francescho ducha c - 26 . oa 

col. I 

de Milane fece pigliare S fortino, so figliolo 
bastardo, del mese de luio. El quale me- 
nava tractado de partirse da lui con doe 
millia chavagli et andava a soldo con lo re 
de Franza, dove che venia a essere nemico 
del padre, però che 7 padre soslenia li Ge- 
noixi, che faceano guerra con lo re de 
Franza. El quale S fortino fo imprexonato 
con buona guardia. 

Comj<; li Franzoxi foro ruti da' Genoixi. 

1401. — Li Franzoxi, essendo verniti 
con suo risforzo da chavalo e da piedi e 
con loro armada nel conia de Genoa, an- 
dono adì xvii de luio, in viegnere, per se- 



4. Lodovigo] segue nel cod. n cancell. — 8. Ebor- 
nieto] parola scritta più tardi sopra la riga, ma dalla 
stessa matto del cod. 



1 Col nome antico di Rocca Contrata e poi pi ìi ' Sopra la liberazione di lui avvenuta dopo tre io 

5 tardi di Rocca Contrada si soleva indicare l'attuale anni di prigionia, vedi più innanzi all'a. 1464. 

città di Arcevia, in provincia di Ancona, sul monte. 11 4 La denominazione Ebormeto, aggiunta più tardi 

luogo era al sicuro dalle armi del Malatesta, perché nel codice, è una corruzione della parola Corneto, che 

molto lontano dal campo in cui la battaglia si combatte. '<■ la giusta. Cf. testo A. 

- Sforza Maria poi duca di Ilari. •'' A ree via. Vedi nota 1 in questa pagina. '5 









[A. 1461] 



BONONIENSIUM 



285 



Cronaca A 

et era loro capitanio Marco di Pii, signore 
de Carpi. 

Nota che in quelo tempo l'arcivescovo 
de Zenoa ' era fuora de chasa soa et havea 
adunato molta gente cum fanti del ducha 
de Millano et misse in mezo li Franzoxi, 
sì che per questa chasone li dicti Franzoxi 
funo sconlicti et morti di loro grande quan- 
titade. Poi el dicto arcivescovo intrò in 
Zenoa cum soa brigata, e '1 populo, ve- 
dendo che per soa casone erano stati vin- 
cituri del campo, non disseno cosa alchuna. 
Allora misser Prospero Adorno, duxe de 
Zenoa, ussì fuora della città per paura; et 
pertanto fu facto duxe misser Ludovigho 
da Campo Furegoso 2 , et misser Spinecto da 
Campo Fureghoxo fu facto capitanio del 
puovolo.' 
c.62b El signoi'e Gismondo di Malatesti se 
partì de campo 3 adì 19 de luglio cum otto 
squadre de gente d'arme et cum sie cento 
fanti et andò verso el paese d'Abruzo per 
essere in alturio del conte Iacomo Pizini- 
no ; ma udito nel suo andare, che '1 papa 
mandava gente d'arme in la Marcha, retor- 
nò indreto alla città de Fano, per guardia 
del suo paese. 

Ludovigho re de Franza morì adì xx 
de luglio *, a hore una de notte, de una 
postema che li venne nella massella; et 
venne le novelle a Bologna adì 3 d'agosto, 
per lettere mandate a misser Santo di Ben- 
tivogli per lo conte Francesco ducha de 
Millano. Et fu facto re el dalfine de Viena 
so nolo mazore 5 , el quale in quello tempo 
non demorava in la corte del padre, però 
ch'era cum lui in grande nemititia, ma di- 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

corere el chasteleito de Genoa, el quale te- 
gniano a loro -posta ; et fono asaltati da la 
gente di Genoixi e dal populo, e fra loro 
fo longa bataglia ; in fine li Franzoxi fono 
sconfitti con loro grandissimo danno e ver- 
gogna. Et era loro chapitanio Marc/io di 
Pigli 6 signore de Charmi. 

Nota che in quel tempo l'arcivescovo di 
Genoa era fuora dy chasa sua et avea adu 
nato molta gente con fanti del ducha de Mi- 
lane et misse in mezo li Franzoxi, si che per 
questa chaxone li ditti Franzoxi fono scon- 
fidi e morti di loro grande quantitade. Poi 
el ditto arcivescovo intrò in Genoa con soa 
brigata e 7 popolo, vedendo che per soa 
chaxone erano stati vencitori del chanpo, 
non disseno cosa alchuna) allora meser Pro- 
spero Adorno duxe di Genoa ussì fuora de 
la cita per paura, et per tanto fo fato 
duxe meser Lodovigo da Chanpo Fure- 
ghoxo "', et meser Spineto da Chanpo Fure- 
ghoxo fuo facto chapitanio del popolo' 

1461. — FI signore Gismondo di Ma- 
latiesti se partì de chanpo adì xviiii de 
luio con otto squadre de gente d'arme e con 
óoo fanti, et andò verso el paese d'Abruzo 
per esser in alturio del chonte Iachomo Pe- 
zenine 8 ; ma udito, nel suo andare, che 'Ipapa 
mandava gente d'arme in la Marcha, re- 
tornò indrieto a la cita de Fano, per guardia 
del suo paexe. 

LODOVIGO RE DE FrANZA MORÌ. 

1461. — Lodovigo re de Franza 9 morì 
adì xx de luio, a hore ima de notte, d'una 



7. Marcho] una mano posteriore fa precedere il 
nome da un Sr con abbreviazione. — 35. Nel margine 
destro, di mano molto tardiva: Carlo settimo muore 
e gli succede Lodovico XI — 38. xx] nel cod. era 
scritto xxviiii poi le lettere viiii furono cancell. 



e. 260 a - co!. 2 



1 Era arcivescovo di Genova in quel tempo Paolo del 1461. Evidentemente il cronista (e altrettanto av- 



Campofregoso protonotario apostolico. 

2 Campofrcgoso. 

3 Cioè dalla Marca d'Ancona, dove poco prima 
io aveva ottenuta vittoria sulle milizie pontifìcie. Vedi 

sopra a pp. 283-284. 

4 Trattasi di Carlo VII detto il Vittorioso, che mori 
appunto, secondo le più note biografìe, il 22 luglio 



viene nel testo B, dal quale questo deriva), confuse il 15 
nome del morto con quello del successore. 

5 Luigi XI. 

6 Marco Pio. 

7 Campofregoso. 

8 Vedi nota 1 a p. 283. 20 

9 Carlo VII. Vedi nota 4 in questa pagina. 



280 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1161J 



Cronaca A 

morava cum el ducha de Borgogna et da 
llui era sostenuto. 

El signore Gismondo di Malatesti, et 
el signore Estore di Manfridi da Faenza, 
funo schomunichati per parte de papa Pio 
in la chiexia de santo Piero del dicto an- 
no; la chasone fu che non voleano dare 
el censo alla Chiexia, comò erano usati de 
fare l . Et al signore Gismondo li fu intra- 
dicte le messe per tucte le soe terre, et fu 
depinto per traditore per le terre della 
Chiexia, per comandamento del papa; ma 
in Bologna li regimenti non volseno tale 
depintura *. 

Novelle habiamo de Romania per uno 
batello d'una nave de botte ottocento, la 
quale è stata presa dall'armata del Turcho 
nel golfo de Sataglia :! , el quale batello ari- 
vò qui adì 29 de luglio cum dodese ma- 
rinari della dieta nave, li quali andavano a 
Vinesia. Disseno essere 26 zorni che s'era- 
no partiti de Sataglia et che lo Gram Tur- 
cho per mare et per terra havea dato sette 
baptaglie ordinate a Sinopia 4 et non l'avea 
possuto bavere : ma nella dieta baptaglia gli 
fu morto una gran gente d'amedoe le par- 
te, tra li quali gli è stato morto el figliolo 
mazore del Gran Turcho, nel campo de 
terra ferma: et per mare gli è stato afon- 
date sei galee conpite et doe nave grosse, 
e sbadate et guaste de multi altri navilii 
dalle bonbarde grosse, che traseano quilli 
de Sinopia; et dopo (mesto el Turcho se 
tirò indreto per alquanti zorni et di novo 
ritornò a campo. Et contra el Turcho era 
venuto uno tartaro per nome Issimichassa. 
el quale venia al serorso de Sinopia cum 
otanta millia cavalli. Per anchora non han- 
no facto baptaglia inseme al partirne de 
quilli. Dio per soa misericordia aiuti quilli 
de Sinopia, che havendo Sinopia serra si- 
gnore de tucta la rivera de Trabisonda. 



25 



1 La cagione principale sta nel fatto clic guerreg- 
giavano contro la Chiesa per il consolidamento e l 'in- 
grandimento dei loro dominii. 

* I Bolognesi non vollero dipingere come tradì- 

5 tore il Malatesta per la parentela che esisteva tra i 

Malatesti e Sante Bcntivoglio a cagione della moglie 

di questo. Aggiungasi che Bologna t< apre alla 

indipendenza da l'orna. 



Cronaca B 

'postema che li venne nella massella ; et venne 
le novelle a Bologna adì ? d'aghosto -per 
litere mandate a meser Santo di Bentivogli 
■per lo chontc Francesco ducha de Milane. 
Et fo fatto re el Dal fine de Vietiti so fi- 
gliolo mazore, el quale in quel tempo non 
demorava in la chorte del padre però ch'era 
con lui in grande nemicicia, ma dimorava 
con el ducha de Berghogna e da lui era 
sostenuto. 

1461. — El signore Gi smondi di Ma- 
lati csti et el signore Est or di Manfridi da 
15 Faenza fono schomunychati per parte del 
papa Pio in la ghiexia de San Piero del 
ditto anno ; la chaxone fo che non voleano 
dare el censo a la Ghiexia, co?ne erano uxati 
de fare. Et al signore Gismondo li fo in- 
traditte le messe per tutte le soe terre, et 
fo depinto per traditore per le terre de la 
Ghiexia per chomandamento del papa. Ma 
in Bologna li regimenti non volseno tale 
dipintura! 

Copia d'una litera mandata da Raghuxa*;*?"/ 
adì ii d'aghosto. 

1 461. — JVovclle habiamo de Romanya 5 
per uno batello d'una nave de botte Soo, la 
quale e stala presa da rannata del Turcho 
nel golfo de Sattalia. El qual battello arivò 
qui adì xxviiii de luto con xii marinari 
della ditta nave, i quali andavano a Vinexia. 
Disseno essere xxvi giorny che s'erano par- 
tili de Sattalia et che lo Gran Turcho per 
mare e per terra avea dato sette bataglic 
Aordinate a Sinopia 6 e non l'uvea possalo 
avere; ma nella ditta baia glia glie fo morto 
40 una gran gente d'amedoe le parte, tra li 
quali gli e stato morto ci figliolo maggiore 
del Gran Turcho, nel champo de terra fer- 
ma, et per mare gli è stalo afondate vi 

'■'■ (iolfo e città della Turchia asiatica, nell'Ana- 
tolia. I" 

4 Sinope, porto e celebre città dell'Asia minore 
sul Mar N'ero, molto frequentato dai mercanti e navi- 
gatori occidentali. 

•'■ Con questo nome si intendeva tutto il territorio 
europeo appartenuto al caduto impero d'oriente. 15 

. li 1 Mar Nero, di cui alla nota 4. 






(A. 14t>l] 



BONONIKNS1UM 



287 



Cronaca A 

Apresso quisti dì uno capilanio del Turcho, 
nome Monyato bey, acorso alle coniìne de 
Ungaria sopra Crovatia tra doe immane per 
nome Sina Sibiana l , alle contine de Bosena 2 , 
et hanno facto tanto danno et prese tante 
anime, che ogni turcho ne mena le desine. 
Questo paese era molto pieno e grasso et 
nobile persone et dabene, ch'è stato uno 
gram male et danno. Li Ungari, el re de 
Boemia e '1 ducila Alberto atendeno a fare 
e. ujaguerraallo imperadore. ' Fati conto che ogni 
dì serano perdenti li Ungari corno bestie ; 
in breve tempo el Gran Turcho gli haverà 
a signorezare per li peccati nostri. 

Petronio de ser Benne Papazone, cita- 
dino de Bologna habitadore dal Feno et 
dalla paglia 3 , fu morto cum madonna Hor- 
solina soa mogliere e Ila soa massara, et 
ferito una soa putta d'anni cinque da uno 
suo fameglio nome Francesco de Valdisera 
da Burghuo del conta d'Allisandria dalla 
paglia, lo quale era stato cum lui cinque zor- 
ni, et amazolo cum uno manarino. Et però 
nota che, volendo chavalchare, el dicto Pe- 
tronio havea comandato al fameglio che 
aconzasse el chavallo. El fameglio, andato 
alla stalla, retornò dicendo: u Misser, el ca- 
" vallo se dole, non so quello che s'abia „. 
Petronio, zò odendo, andò alla stalla per 
vedere che male havea el cavallo, et chi- 
nandose al piede del cavallo, el dicto Fran- 
cesco li dete in sulla testa cum lo mana- 
rino et uciselo et tirolo da parte et chu- 
perselo de ledame. Poi chiamò la massara 
et disse: "Va, acogli quella spelta ch'è lì 
" per terra „ ; et per lo simile acopò la dieta 
massara et cupersela de lledame. Da poi 
chiamò la donna soa et disse : " Madonna, 
tt venite che misser s'à facto male a uno 
" piede „ ; et quella andata nella stalla, fu 
acopata corno gli altri. 

Nota che la stalla era fuora de chasa, 
da lado de drieto, indricto la chiexia de 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

g halle confile e doe nave grosse, e sban- 
dale e guaste de molli allri navilii dalle 
bonbardc grosse che traevano quilli de Si- 
nopia. E di f>oi questo ci Turcho se tirò 
in drieto -per alquanti giorni e di novo re- 
tornò a chanpo. Et contro, al Turcho era 
venuto tini tartaro per nome Isstunchassa, 
el qual venta al sccorso de Sinopia con 8o 
milita chavagli. Per ancora non ano fato 
bataglia inseme al partirne de quilli. Dio 
per sua misericordia aiuti quilli de Sinopia, 
che avendo Sinopia, serra signore de tutta 
la riviera de Tribixonda 4 . 

Apresso quisti dì uno chapitanio del 
Turcho, nome Monyato bey, acorso alle con- 
fine de Ungaria, sopra Crovatia, tra doe 
fiumane, per nome Sina e Sibiana, alle con- 
fine de Bossina r ', et anno fatto tanto danno 
e prese tante anime che hogne turcho ne 
mena le decine. Questo paese era molto 
pieno e grasso e nobelle persone e da bene ' 
che e stato uno gran male e danno. Li 
Hongari e 7 re de Boemia e 7 ducha Al- 
berto atendeno a far guerra a V imperadore 
ed han lui donata la riviera del Danubio: 
fati conto che ogni dì serrano perdenti li 
Ongari, come bestie in brieve tenpo, e 7 Gran 
Turcho gli avera a signorezare per li pec- 
cati nostri. 

Monaldo Vichianus scripsi 6 . 

Come Petronio de ser Benne Papazone 
fo morto da uno so fameio. 

1461. — Petronio de ser Benne Papa- 
zone, citadine de Bologna habitadore dal 
Pene e da la paglia, fo morto con madona 
Horsolina soa mogliere e la soa massara et 
ferito una soa pula d'anni cinque da uno so 
fameglio, nome Francescho de Valdeserra 
da Burghuo del conta d'Alisandria da la 
Paia, el quale era stato con lui 5 zumi, et 
amazollo con uno memorine. Et però nota 



e. ■'•0 b - col. 2 



1 Due affluenti del Danubio. 

2 Bosena, o Bossena, o Bossina o Bosina, parole 
tutte che indicano la Bosnia, prima regione sarmatica, 
poi illirica. La Bosnia rappresentava una muraglia tra 

5 Venezia e l'Italia e l'impero turco. 

3 Nome di una strada della città di Bologna. 



4 E cioè tutto il litorale nord dell'Asia minore, 
dal Bosforo sino a Trebisonda, che è posta nel lato 
orientale del detto mare. 

5 Bosnia. 

6 II nome dello scrittore della lettera non figura 
nel testo A. 



io 



288 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1461] 






Cronaca A 

Sam Prospero, e chiavato la stalla andò in 
chasa et cominzò a stellare li scrigni, et la 
pucta ch'era a llecto cominzò a cridare. El 
dicto Francesco li dette cinque botte in su 
la testa cum uno pezzo de legno e lasolla 
per morta nel lecto; poi robbò le infra- 
scripte robbe, zoè una vesta da donna de 
veluto allexandrino, una zornea de rosato, 
uno zubone de charmesino, una gholana 
de presio de ducati cento, uno zugliello 
de presio de ducati vinte, nove tessudi de 
più coluri cum alquante anelle e duchati 37 
d'oro. Et questo fu adì 14 de setenbre, el 
dì de santa Croxe, in lunedì, la matina a 
hore 15 in 16. 

Et conparato uno cavallo da uno chu- 
zone per duchati dodexe, fugì fuora de Bo- 
logna per la porta de Strà Sam Donato, 
piovendo fortemente ; et quella sira arivò 
alla Molinella. Et desmontato da cavallo 
nell'ostaria de Biasio Zavaio, se fece pre- 
stare di panni perché era tucto bagnato. Et 
drieto a llui el seguitava ser Raphaelle, 
barisello, cum fanti et cavagli, el quale, per 
suo pocho sapere, non lo posse havere, che, 
arivando a l'ostarla, trovò el dicto Fran- 
cesco travestito che manzava, et domandò a 
l'oste se '1 gli era arivato uno a cavallo, et 
quello disse che non gli era arivato nessuno ; 
et uscito de l'ostaria ser Raphaelle, el dicto 
Francesco fugì verso al boscho, et per 
questo modo rimase inganato: ma essendo 
Philippo di Bianchi alla Mezolara \ udito 
tale umicidio, cavalchò alla Mulinella et 
andò in fino suso el Po, et vedendo che co- 
stui non era passato nel Ferarese, fece cer- 
chare da multi soi amisi per' quilli boschi e 
valle, dove che '1 dicto Francesco fu preso 
da uno Zohanne Maria de Iacomo Verne- 
gaglia et da Pelegrino de Christovalo Bonso; 
et trovonli adosso duchati 36 d'oro, li quali 
funo destribuidi a quilli ch'erano cum Phi- 
lippo di Bianchi, et fu menato alla Mezo- 
lara in chasa del dicto Philippo,- et a quisti 
dui che '1 pigliono li fu donato ducati cento 
d'oro et fu chavato de bando Francescho 



Cronaca B 

che, vogliendo chavalcare, el dito Petronio 
uvea comandato al f ameglio che achunzasse 
el chavallo ; e V fameio, andato a la stalla, 
ritornò dicendo : " Mesere, el chavallo se dole, 
a non so che s'abia „ . Petronio, ciò udendo, 
andò a la stalla per vedere che male avea el 
chavallo, e chinandosse al piede del chavallo, 
el dito Francesco li de in su la testa con 
lo manarine e uccixelo e tirolo da parte e 
chupersolo de ledame. Poi chiamò la masara 
e disse : " Va, chuogli quela spelta c/iè li per 
tt terra „, e per lo simelle achopoe la ditta 
massara e chupersela de ledame. Da poi 

1 5 chiamò la donna soa e disse : " Madonna, ve- 
tt nite che mcser s'à fato male a uno piede „ ; 
et quella, andata ne la stalla, fo achopata 
come gli altri.' 

Soia che la stalla era fuora di chaxa, c c li. 

20 da lato de drieto, indrito la ghiexia de sam 
Prospero. Ft chiavato la stalla andò in 
chaxa e comenzò a stelare i scrigni, e la 
pitta ch'era a letto comenzò a cridare: el 
dito Francesco li de 5 botte in su la testa 
con uno pezo de legno e lasolla per morta 
nel letto ; poi robò le infrascripte robbe, zoè 
una vesta da donna de veludo alisandrine, 
una zornea de ro.vado, uno gibone de char- 
mexine, una gholana de priexio de duchati 
100, mio zuiello de priexio de duchati 20, 
nove tesudi de più choluri con alquante anelle 
e duchati trentasette d'oro. Fi questo fò 
adì // de setenbre, ci dì de sancta Croxe, in 
lunedì, la matina a hore 15 in 16. Fi chon- 
parato uno chavallo da uno chuzone per du- 
chati 12, fuggì fuora de Bologna per la 
porta de Strà San Donado, piovando forte- 
mente, e quela sira arivò a la Afulinela 2 . F 
desmuntalo da chavalo, ne l'ostaria de Biaxio 

10 Zavaio, se fece prestare di pani perch'era 
luto bagnato. F drieto a lui ci seguitava 
ser Raphaele barixcllo con fanti e chavagli, 
el quale, per suo poco sapere, non lo posse- 
avere, che, arivando a l'ostaria, trovò el dito 

15 Francesco travestito, che mangiava, e di- 
mandò a l'osto s'el gli era arivato uno a cha- 
valo; e quello disse che non v'era arivato 



r a 

r 



1 Mezzolara, frazione del Comune di Budrio, prò 
vincia di Bologna, nella pianura. 



2 Molinella, comune della provincia di Bologna, 
nella pianura. 






[A. 14bl] 



BONONIENS1UM 



289 



Cronaca A 

Vernegaglia fratello del dicto Zohanne 
Maria. 

Et adì 17 dicto fu menato la sira a 
Bologna, et adì 19 dicto el drieto dese- 
nare fu zostixiato corno qui è scripto. Pri- 
ma fu spogliato nudo et posto in suso uno 
charro et menato in piazza sotto la ren- 
ghiera del podestà ; e liecta la condenasone, 
cominzò el manegoldo a tanaiarlo molto 
crudelmente andando per le Chiavadure 
insino da chasa di Muzarelli, voltandose per 
strà Castigliuni insino alla Croxe, andando 
suso per dalle Scole, et da la Croxe di santi 
insino dalla chasa di Griffuni, andando zoxo 
per da Sam Salvadore, arivono nella con- 
trada dal Feno e dalla paglia dove demo- 
rava el dicto Petronio et soa fameglia, et 
qui al dicto malfactore li fu tagliato la 
mano dricta; poi veneno per lo Merchà de 
mezo, fine in Porta ', et qui li fu tagliato 
la mano stancha; poi andono per dalla ga- 
bella grossa fino in piaza, sotto la renghiera 
del podestà, et qui li chavonno amedui li 
ochi ; et dato alquanto di volta per suso la 
piazza, el feceno squartare in quatro pezzi, 
li quali funo posti alle porte della città. 
Et cossi finì soa vita amaramente. 

Messer Bisarion cardinale niceno, el 
quale venia d'Allamagna et erali stato al- 
quanto tempo, venne a Bologna adì 23 d'o- 
tobre, et fulli facto grande honore, però 
ch'era amato dalla mazore parte di regi- 
menti de Bologna; et andò alozare in la 
chiexia di Servi. Et adì 25 dicto fece ca- 
valiere misser Michele di Ghozadini, el qua- 
le in quello tempo era uno del numero di 
signuri anziani, et era confaloniero de zo- 
stixia Bartolomio de Mino banchiero, et 
fecelo in la dieta chiexia di Servi, a pè 
de l'altare grande, dicto lo offizio del ve- 
spero. Et adì quatro de novembre se partì 
da Bologna et andossene a Roma, per la 
via de Romagna. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca R 

nesuno. Et uscito de l'ostaria ser Raphaele, 
el dito Francesco fugì verso el boscho, e per 
qitesto modo rimase in g anato. Ma t essendo 
Filipo di Bianchi a la Mczolara, udito tale 
humicidio, chavalchò a la Mulinella e andò 
fine in suxo el Po, e vedendo che costui non 
era -passato nel Ferarexe, fece cerchare da 
multi suoy amixi -per quilli boschi e valle, 
dove] che 'l dito Francescho fo -prexo da uno 
Zohanne Maria de Iacho7iio Vemeghaia e 
da Pelegrim de Crislovalo Bonso, e trovonli 
adosso duchati jó d'oro, i quali fono distri- 
buiti a quilli ch'erano con Fili fio di Bianchi, 
et fuo menato a la Mezolara in chaxa del 
dito Fili-po. Ft a quisti dui che V pigliono 
li fo donato duchati ioo d'oro etfo chavato 
de bando Francesco Vemeghaia fradelo del 
ditto Zoannc Maria. 

Et adì xvii ditto fo menato a Bolo- 
gna, la sira, el adì xviiii ditto ci drie 
dexenare fo zustixiato, come qui e scrito : 
prima fo spogliato nudo e posto in suxo uno 
charo e menato in piaza sotto la renghiera 
del podestà; e lieta la chondanaxone, comenzò 
el manegholdo a tenaiarlo molto crudel- 
mente, andando per le Chiavadure infino da 
chasa di Muzarelli, voltandosse per strà 
Chastium 2 infino a la Croxe, andando suxo 
per da le Schole e da la Croxe di Sancii 
infine da chaxa di Grifuni, andando zoxo 
per da San Salvadore, arivono ne la contra 
dal Fene e da la paia, dove dimorava el 
ditte Petronio e sua fameglia, e qui al dito 
malfatore li fo tagliato la mane dritta; poi 
veneno per lo Merchà de mezo fine in Porta, 
e qui li fo tagliato la ?nane stancha ; poi 
andono per da la g abela grossa fine in piaza, 
sotto la renghiera del podestà, e qui li cha- 
vono amedui gli ochi; et dato alquanto di 
volta per suxo la piaza, el feceno squartare 
in quatro piecy, i quali fono puosti alle 
puorte de la citade ; e cosi finì soa vita ama- 
ramente.' 



e . 261 a - cui. 2 



15. menato] nel cod. era scritto per errore me- 
nanato, poi il primo na fu cancell. — 30. Sancti] nel 
cod. leggesi sanciti 



1 Porta Ravegnana. 



2 Strada Castiglione. 



T. XVIII, p. 1, v. iv — io. 



290 



CORPUS CIIRON1CORUM 



[A. 1401] 



Cronaca A 

Papa Pio secundo fece adunare in Ro- 
ma tucti li cardenali, arzevescovi, vescovi, 
abbati, protonotarii et altri chierici de gran- 
de qualitade, et per questo mandò a Bo- 
logna per misser Agnolo da Capranicha l , 
vescovo de Rieti, legato in Bologna. Et 
partisse adì 5 de novembre, a hore 16; et 
andò cum lui misser Iacomo degl'Ingrati, 
uno del numero di sedese. Et tornono a 
Bologna adì 25 de marzo del 1462' 2 . 
e 6 4 a La reyna de Cipri 3 venne a Bologna 

adì 20 de novenbre a hore 19, et havea cum 
lei pocha conpagnia e male in ordine; et 
intrò per la porta de Strà Sam Stevano, et 
andò alozare a l'ostaria de Lione, et fatoli 
le spese per niente. 

Nota che '1 re de Cipri fu chazato et 
toltoli el reame da uno fratello bastardo 
della mogliere, cum l'alturio del soldano 
de Babilonia et degli omini del reame suo. 
Et quella, venendo cum una galia per ve- 
nire a Roma, se inscontrò cum galie de' 
Veneziani, dalle quale fu robata; et zunta 
a Roma, el papa li donò dodese cavagli 
forniti et duchati dusento; et quella poi se 
ne venne a Fiorenza e a Bologna. Et per 
questo li Veneziani mandono a Bologna uno 
suo ambassadore per farla satisfare del suo 
danno recevuto in mare. Et adì 22 dicto 
se partì a hore 18 cum soa compagnia; et 
havea cum lei diese donne et quatro ca- 
valieri de Savoglia: andossene a Modena, 
et fu aconpagnata dal governadore et dalli 
signuri anziani cum molti cittadini. Et se- 
cundo che se diceva, l'andava dal ducha 
de Savoglia per bavere socorso da lui, per- 
ché fu fiola del ducha de .Savoglia vechio, 
el quale fu chiamato papa Felixe \ 

Et però nota che '1 dicto re de Cipri ' 
non volea dare oflizii del suo reame, se non 
a' Franzoxi et oltramontani, de la qual cosa 
indignati li zentilhomini de Cipri, alquanti 
de loro andono al predi cto so cognato, che 



37. Savaglia cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 



char dettale'^'* 



1461. — Meser Bixarion 
nicenOj el quale venia d' Alamagna et evali 
stato alquanto tenpo, venne a Bologna adì 
xxiii d'ottobre ; e foli fatto grande honore, 
-però ch'era amato da la mazore parte di 
regimenti de Bologna; et andò a lozare in 
la ghiexia di Servi. Et adi xxv dito fé 
chavaliero meser Michele di Ghozadini, el 
quale in quel tenpo era uno del numero dy 
signiuri antiany, et era chonfaloniero de zo~ 
stixia Bartolomio de Mine banchiero ; et fe- 
celo in la dita ghiexia di Servi a pe de 
Valtaro grande, dito l'oficio del vespero. Et 
adi 4. de novembre se partì da Bologna e 
andossene a Roma per la via de Romagna. 

1461. — Papa Pio secondo fece adu- 
nare in Roma, del dito anno, tutti li char- 
deuali, arceviscovi, viscovi, abbati, preti, no- 
tari e altri chiericy de grande qualitade, et 
per questo mandò a Bologna per meser 
Agnolo da Chapranica, vescovo de Rieti le- 
gato in Bologna; et partisse adì v de no- 
vembre a hore 16, et andò con lui meser Ia- 
chomo degV ' In gradi, uno del numero di 
sedexe ; e tornano a Bologna adì 25 de 
marzo del 14.62. 

1461. — La raina de Cipri venne a 
Bologna adì xx de novenbre a hore ly, et 
avea con lei poca chonpagnia e male in 
ordenc; et intrò per la porta de Strà san 
Sticvan et andò a lozare a l'ostaria de 
Lione, e fatoli le spexe per nietite. 

Nota che 7 re de Cipri fo chazado e 
toltoli el reame da uno fratclo bastardo de 
la mogliere con l'alturio del saldane de Ba- 
bilonia e degli omini del reame suo ; e quella 
venendo ' con una ghalia, per venire a Roma 
s'inscontroe con chalic de Veneciani, dally 
quali fo robbata. Et zunta a Roma, el papa 
li donò xii chavagli forniti e duchati 200, e 
quella poi se ne venne a Fiorenza e a Bo- 






col. i 



]S. del] segue nel cod. Re cariceli. 



1 Vedilo ricordato più volt • sopra. 

2 L'arrivo non è indicato più giù. 

arlotta di Lusignano, regina di Cipro dal 1 1 ;8, 
Nfel 1459 iveva sposato Luigi di Savoia. 



4 Non fu figliuola di Amedeo VH1 di Savoia, ma 
di Giovanni HI di Lusignano, come si è detto. Ben 
è vero clic era imparentata coi Savoia. 

1 Luigi di Savoia. 



[A. 1401] 



BONONIENSIUM 



291 



Cronaca A 

non dimorava in quello paese, ma era di- 
scazato dal dicto re de Cipri, et cum lui 
romaseno d'acordo de darli el dicto reame. 
Et per questo el dicto cognato andò al sol- 
dane et a llui, cum zuramenti e promesse, 
se ubligò de essere suo sugetto et tributario, 
se li deva alturio a pigliare la dieta ysola. 
Et cossi li venne cum molta gente de mori 
et saracini et tolseli el dicto reame. Et el 
re se redusse in uno castello fortissimo, 
ch'è sopra uno scoglio in suso la marina, 
el quale è una fortezza inextimabile; che, 
havendo lui vittuaria, tucta la genie del 
mondo non Farebbe, tanto è forte quello 
sasso. 

Venne novelle a Bologna, adì x de de- 
senbre, corno erano stati grandissimi tere- 
moti a l'Aquila adì 27 de novembre; per 
la qual cosa erano chadute molte chase et 
morte circha dusento persone, et tucto el 
puovolo uscì fuora alla canpagna per paura 
della morte. 

In questo anno fu bono recolto de pane 
et de vino et poche fructe d'ogni condi- 
tione.' 
64 b Venne novelle a Bologna, del mese de 
desenbre, corno el Gram Turcho havea 
hauto la provintia della Romania; et per 
questo li Veneziani cominzono armare al- 
quante galee et mandolle a Negroponte per 
guardia de loro terre. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

logna. Et per questo li Veneciani mandono 
a Bologna uno suo anbasadore -per farla sa- 
tisfare del suo danno recevuto in mare. Et 
adì xxii ditto se -partì a hore 18 con soa 
confa gnia. Avea con lei x donne e 4. cha- 
valieri de Savoia. Andossene a Modena et 
fo achompagniata dal ghovernadore e dalli 
signiuri anciani con multi ciladini; e se- 
condo che si dicea, l'andava dal ducha de 
Savoia -per avere secorso da lui, perchè fo 
figliola del ducha de Savoia vechio } el quale 
fo chiamato papa Felixe. 

Et però nota che V dito re de Cipri 
non volea dare hofficii del suo reame, se non 
a' Franzoxi et a holtramuntany • de la qual 
cosa indigniali li gentylomini de Cipri, al- 
quanti di loro andono al predito so chu- 
gnato l , che non dimorava in quel faexe, 
ma era dischazato dal dito re de Cipri, et 
con lui romaxeno d'achordo de darli el dito 
reame. E per questo el predito chugnato 
andò al soldane et a lui con zuramenti e 
promesse s'ubligoc d'essere suo sugetto e 
tributario, se He deva alturio a pigliare la 
ditta yxola. Et così li venne con molta 
gente de Mori e de Saraciny e tolseli el 
dito reame. El re se redusse in uno cha- 
stello fortissimo ch'è sopra uno schoglio in 
suxo la marina, el quale è una forteza ine- 
stimabelle, che, avendo lui vytuaria, tuta la 
gente del mondo non l'arebbe, tanto è forte 
per quel sasso.' 

1461. — Venne novelle a Bologna adì e. ?6? a - cui. 2 
x de dexenbre come erano stati grandissimi 
tremoti a l'Aquila adì xxvii de novenbre. 
Per la qual cosa erano chadute molte chase 
e morte circa 200 persone; e luto el popolo 
uscì fuora a la chanpagna per paura de la 
morte. 

1461. — In questo anno fo bono re- 
cholto de pane e de vine e poche fructe d'one 
chonditione. 



17. idigniati cod. 



1 Giacomo, figlio naturale di Giovanni III di Lu- signano, che tenne il regno per breve tempo. 



292 



CORPUS CIIRON1CORUM 



[AA. 1461-1462] 



Cronaca A 



Anno Christi Mcccc62. In questo an- 
no, del mese de zenaro, funo grandissimi 
iridi e grande neve et generalmente zelò 
tucti li liumi per tale modo che non se pos- 
seva masenare, et in molti luoghi gli omini 
ebeno desasio de farina; per la qual zelura 
se secharono li melori, oxemarini, fighi et 
le vide de basso, zoè del piano. 

Nota che nel conta de Ferara e de 
Modena et de Rezo ebeno gran danno; et 
del mese de febraro de molta gente era 
amalata de male de freddo, et multi gli 
n'erano che haveano la febre. Et fu gran- 
dissimo chaldo et secho del mese de mazo, 
per la qual cosa se perdeno li lini, spelte 
et marzadelli. 

Papa Pio secundo fece, nelle quatro 
tempore da Xadale, cinque cardenali ', di 
quali ne veneno a Bologna dui, zoè: 

Monsignore de Constanza, ch'era della 
chà de Franza *. 

monsignore Trabatensis, ch'era borgo- 
gnone 3 . 

Et adì 24 de febraro venne monsi- 
gnore de Constanza, et adì 27 dicto venne 
monsignore Trabatensis; li quali andavano 
al papa per parte del re de Franza, nova- 
mente electo re 4 , et portavano al papa la 
obedientia de tucta la Franza. 

Et però nota che de l'anno 1436 el re 5 
de Franza tolse l'obedientia al papa Euge- 
nio, zoè che '1 non voleva che '1 papa desse 
alcuni benefìcii spirituali nel suo reame, ma 
era lui quello che li dava a chi li piazeva; 
et questo era danno alla corte papale, se- 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

1461. — Venne novelle a Bologna, del 
mese de dexenbre, come el Gran Turcho 
avea avuto la provintia de la Romanya; et 
-per questo li Venitiani comenzono armare 
alquante ghalie e nave, et mandonle a JVe- 
groponte -per guardia delle loro terre. 

1462. — In questo anno, del mese de 
genaro, fono grandissimi /ridi e grande 
neve, e generalmente geloe tutti li fiumy -per 
tal modo che non se possea maxenare; et in 
molti luochi gli omini ebbeno dcxaxio de fa- 
rina. Per la qual gelura se secharono gli 
melori, hoxeinariny, fighi e Ile vide da basso, 
zoè nel piane. 

Nota che 7 chonta de Ferara e de Mo- 
dena e de Rezo ebbeno gran danno; e del 
mexe de febraro molta gente era amalata 
de male de /redo, et multi gli n'erano, 
ch'aveano la febre. E fo grandissimo chaldo 
e secho del mexe de mazo, per la qual cosa 
se perdeno i lini, stiolie spielte e marzadielli.' 



1462. — Papa Pio seghondo fece nelle 
quatro tenporc de JYadale 5 chardenali, di 
quali ne venne a Bologna dui, zoè mon- 
signore de Choslanza, ch'era de la chà de 
Pranza e monsygnore Trabatensis ch'era bor- 
gognone, et adì xxiiii" de febraro venne 
monsignore de Chostanza, et adi xxvii ditto 
venne monsignore Trabatensis. I quali an- 
davano al papa per parte del re de Franza 
novamente elietto re e portavano al papa 
V obedientia de tutta la Franza. 

E però nota che de Vanno 1 f.36 el re de 
Franza tolse l'obedientia al papa [/genio 6 , 
zoè che non volea che 'l papa desse alchuni 
benefitii spirituali nel suo reame, ma era lui 
quello che ly dava a chi li piacea, et per 
questo era danno alla chorte papale, secondo 
che si dicea, più de doxenio migliara de du- 
chaty. 



C.2n:,i 
coi. 1 



4. de la] segue morea cancell. nel cod. 



4 Per i nomi dei cardinali, vedi l'Hriwx, II, 12-13. 
1 E il card. Luigi Albret, episc. Caturcen., dal 
titolo di S. Marcellino e Pietro. 
5 3 È il cardinal Giovanni Joull'roi, episc. Atreba- 



tensis, dal titolo di S. Martino in Monti. 
* Luigi XI. 

"• Carlo VII il Vittorioso. 
' Eugenio IV. 



IA. 1402] 



BONONIENSIUM 



293 



Cronaca A 

cundo che se diceva, più de dusento mi- 
gliara de ducati. 

Et adì x de marzo venne el figliolo del 
signore de Mantoa, ch'era uno de' dicti 
cardenali novelli, et havea cum lui dusento 
cavagli d'una bella conpagnia; el quale 
andava a Roma E . Et in questo tempo se 
retrovavano a Roma più de trenta carde- 
nali, ch'era gram tempo che la corte pa- 
pale non havea hauto tanta gloria. 

Li regimenti de Bologna feceno novo 
principio a extrare li officii di capitanii 
della montagna et podestarie e vicharii del 
conta de Bologna ; erano dati per misi sei 
per zascuno offiziale, e li soprastanti di 
datii erano dati per uno anno; ma hora 
funo extracti per uno anno, zoè li capitanii 
della montagna et li podestà e vicharii, 
cominzando el primo dì de luglio che vene 
et finendo el primo dì de luglio che vira 
del 1463; et li soprastanti che funo extracti 
per anni dui, cominzando el primo dì de 
zenaro che vira del 1463 et finendo corno 
tsase convene; et funo extracti cum' questa 
conventione, che zaschuno uffiziale pagasse 
alla camera del comun de Bologna la mità 
di salarii di loro uffizii, et cossi zascuno 
uffizio fu tassato. Li quali denari se do- 
veano pagare nel termine de 15 dì; et ogni 
altro guadagno che li fusse era di dicti 
ofiziali. Dissese che questa graveza era sta- 
ta posta per donare al ducha de Millano 
lire vinte milia. 

Venne novelle a Bologna, adì 23 de 
marzo, comò li Valachi haveano dato una 
rotta al Turcho in le parte de Valachia 2 et 
morto di loro più de vinte milia et toltoli 
de molte castelle et sachomanati multi vi- 
laggi dreto al Danubio; et più, che li Zor- 
giani 3 haveano preso Trabisonda et bon- 
bardavano el castello. 

Misser Ludovigho Malvezo 4 et misser 



43. Ludovigho Malvezo] parole sottolineate nel 
cod. - segno d'attenzione nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

Rt adì x de marzo venne eljradello del 
signore de Mantoa, ch'era tino di ditti char- 
denali novelli, et àvea con lui 200 chavalli 
d'una bella conpagnia, el quale andava a 
Roma. Rt hi questo tenpo se retrovavano a 
Roma -più de trenta chardenali, eh? era gran 
tenpo che la chorte papale non avea avuto 
tanta gloria. 

1462. — I regimenti de Bologna feceno 
novo principio a extrare gli officii de la città 
e chonta de Bologna adì xxiii de febraro 5 ; . 

Nota che gli officii di capetanii de 
la montagna e podestarie e vichari del 
conta de Bologna erano dati per mixi sie 
per zaschuno hofficiale, e Ili soprastanti di 
datii erano dati per uno anno. Ma hora 
fono extrati per uno anno, zoè li capetanii 
de la montagna e li podestà e 1 li vicharii, 
comenzando el primo dì de luio che vene e 
finendo el primo dì de luio che vira del 14.63-, 
e Ili soprastanti che fono extrati per anny 
dui, comenzando el primo de genaro che 
vira del 1463 e finendo come se convene. 
Rt fone extrati con questa conventione, che 
zaschuno hofficiale paghasse a la camera del 
comune de Bologna la mità di salarii di 
loro hofficii, et così zaschuno hofficiofo tasado. 
I quali dinari se doveano paghare nel ter- 
mene de xv dì; et hogne altro guadagno 
che li fosse era dt ditti hoffìciali. Disesse 
che questa graveza era stata posta per 
donare al ducha de Milane lire vinte millia. 

1462. — Venne novelle a Bologna a- 
dì xxiii de marzo come li Valachi aveano 
dato una rotta al Turcho in le parte de 
Valachia e morto de loro più de xx millia 
e toltoli molte chastelle e sachomanatc molti 
villaggi dreto al Danubio; et più, che li 
Gior giani aveano preso Tribixonda e bon- 
bardavano el ckasielo. 



e. 262 b - col. 1 



1 II cardinal Francesco Gonzaga figlio del Mar- 3 La Georgia era collocata sulle rive del Mar 

chese di Mantova, del titolo di S. Maria Nuova. Nero, nella parte più orientale di esso, e però non 

8 La Valacchia era posta sulla destra del Danubio, distante da Trebisonda. io 

nella parte inferiore del suo corso, alla grande ansa ' Ricordato poco sopra in lotta col Malatesta. 

prima di sboccare nel Mar Nero. 5 La data non è indicata dal testo A, 



e. 6ib 



294 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1462] 






Cronaca A 

Mathio da Chapua, condutiero de gente 
d'arme, chazono el signore Yuxia l , ducha 
d'Atri 2 , et tolsili le soe terre et castelle et 
quello consumono, et fecensi signuri ame- 
dui de una parte de l'Abruzo ; li quali, fa- 
cendo podio conto de tale signoria, andono 
verso Napoli in aiuto del re Ferante, re 
de Napoli. 

El principo della Morea 3 , fratello dello 
imperadore de Constantinopoli morto, ven- 
ne a Bologna adì primo d'aprile, et venia 
da Roma a domandare socorso al papa, pe- 
rò che '1 Turcho gli avea tolto quasi tucto 
el suo principato; et nello intrare che '1 
fece in Roma gli andò incontra tucti li 
cardenali ch'erano in Roma, et tulli facto 
grande honore. 

Misser Thiberto Brandolino, capitanio 
generale delle gente d'arme del ducha de 
Milano, fu preso adì 22 d'aprile dal dicto 
ducha, però che lui se voleva partire cum 
soa gente ; el quale fu impresonato cum bo- 
na guarda, e Ili figlioli et soa gente non 
funo molestati d'alcuna cosa. 

Papa Pio secundo fece chanonezare 
per santa una donna da Siena, la quale era 
anni cento ch'era morta; et la festa soa 
se fa la prima domenegha de mazo; et è 
chiamata santa Chatelina da Siena. 

Misser Pasquale di Malapieri, duxe de 
Vinexia, morì adì 5 de mazo a hore 16; et 
fu facto duxe misser Christovalo di Mori *. 
Et venne le lettere a Bologna adì 22 dicto, 
et al choriero li fu dato brazza diese de 
panno rosato et menato a cavallo per Bo- 
logna cum le tronbe manzi.' 

In questo anno del mese de mazo fu 
grandissimo chaldo, per lo quale fé gran- 
dissimo danno alle biave e formenti, però 
che non piove per niente insino adì 2 de 
novembre. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

1462. — Mescr Lodovigo Malvezo e 
tneser Matto da Chapua, chonduticry de gen- 
te d'arme, chaxono el signore Yuxia ducha 
d'Atri e tolsenli le sue terre e chastelle e 
quelo consumono, et fecense signuri amedui 
de una parte de l'Abruzo ; li gitali, facendo 
■poco conto de tale signoria, andono verso 
Napuli in agliuto ci re Ferante re de 
Napulli! 



1462. — El principo della Morea, fra- 
delo de l'impcradore de Constantino poli, 
morto, venne in Bologna ad) primo d'aprile; 
et venia 'da Roma a domandare secorso al 
papa, però che 'l Turco gli avea tolto quaxi 
tuto ci suo principato. Et ne l' intrare che 
lui fece in Roma gli andò incontra tuli i 
chardcnali, ch'erano in Roma, et folli fato 
grande honore. 

1462. — Mescr Tiberio Brandulinc 
chapctanio generale delle gente d'arme del 
ducha de Milane fo preso adì xxii d'aprile 
dal dito ducha, però che se volca partire 
con soa gente ; el quale fo imprexonato con 
buona guardia, e Ili figlioli e sua gente non 
fono molestati d'alchuna cosa*. 

1462. — Papa Pio se g ondo fece cha- 
nenozarc per sancia una donna da Siena, 
la quale era anny cento ch'era morta, e la 
festa soa se fa la prima domcnega de mazo, 
et "e chiamata sancta Chatelina da Siena. 

1462. — Mescr Pasquale di Malopieri 
duxe de Vencxia morì adì 5 de mazo a 
hore 16 ; et fo fato duxe mescr e Cristovalo 
di Mori. El venne le litere a Bologna a- 
dì xxii dito ; et al choriero li fo dato braza 
diexe de pano roxato e menato a chavallo 
per Bologna con le tronbe innanci. ' 



c.iòjb 
col. 1 






6. consumono] posto sopra la riga, in luogo di 
imprexonono — 27. buona] segue g caneell. nel cod. 



1 Giosia Acquavlva signore di Atri. Giovanni. 
1 Atri, comune della provincia di Teramo. 4 Cristoforo Moro. 

5 ' Demetrio Paleolo/<>. 1 li ebbe dal fratello Co ' Sulla sorte infelice di questo capitano d'arme 

ntin - MI il dominio della Morea Insieme al fratello v. più avanti a p. 306, 29-36. "» 






[A. 1462] 



bononiensium 



295 



Cronaca A 

Nota che '1 mese de zugno fu fredo 
et de luglio per lo simile, cum nebia assai; 
del vino ne fu comunamente, et per Mo- 
denexe et Ferarese valeva la chastellà de 
l'uva più de lire vinte; le somente fimo 
bone, et stecte bom tempo per tucto no- 
vembre. 

L'Avesa se cominzò a voltare adì 9 de 
zugno et cominzono da Sam Martino, zoè 
da lato de sotta apresso Torto di frati, et 
andono voltando infino da Madonna santa 
Maria di Piantavigni, zoè da lato de sopra, 
indricto Allixandro da Sassum ; et fo fenito 
el dicto lavoro adì . . . . * per mano de mestro 
Tomase d'Antonio da Ymola muradore. 

El conte Iacomo Pizinino, essendo in 
Puglia et havendo bisogno de gente d'arme, 
mandò del mese de zugno uno so canzeliero 
al marchexe Borso, signore de Ferara, dal 
quale fu servito d'alquante migliara de du- 
chati, secundo che se disse; cum li quali 
denari asoldò el conte Zohanne Francesco 
dal la Mirandola cum ottocento cavagli, li qua- 
li passonno per Ferarese alla fine de zugno 
et andono a Rimine dal signore Gismondo 
di Malatesti. Et del mese de luglio el dicto 
signore Gismondo, cum soa gente et cum 
li sopradicti soldati, cavalcono in la Marcha 
per andare in Puglia dal conte Iacomo; et 
arivati nelle confine delle Marcha, in su 
el fiume Tronto trovarono misser Mathio 
da Chapua et misser Ludovigo Malvezo 2 
cum soa gente, li quali gli vedorono el 
passo. Et per questo el signore Gismondo 3 
se ne tornò in la Marcha et andò a campo 
a Sinigaglia, per la quale fu mala andata 
per lui, comò più avanti legiriti 4 . 

El campo del Gram Turcho, ch'era 
nel paese de Valachia, fu rotto per aqua 
et per terra dalli dicti Valachi adì 23 de 



15. adi] segue spatio bianco nel cod. — 33. et ... . 
Malvezo] parole sottolineate nel cod. - segno d' attenzione 
nel margine sinistro 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Cronaca B 

1462. — In questo anno del mexe de e. 163 a- coi. t 
mazo fo grandissimo chaldo, -per lo quale 
fé grandissimo danno alle biave e /or mietiti, 
-però che non -piove per niente infino adì 
ii de novenbre. 

Nota che 'l mexe de zugno fo fredo e 
de luio per lo simelle con nebia assai. Del 
vine ne fo chomunamente, et per Modenexe 
e Ferarcxe valea la chastela de l'uva più de 
lire xx, soldi . . . . ; le somicnte fono bone, e 
stette bon tempo per tuto novenbre. 

1 462. — UAvexa se chomenzò a voltare 
adì 9 de zugno, et chomenzono da Sam 
Martim, zoo da lado de sotta apresso Torto 
di Fradi, et andono voltando infino da ma- 
dona sancta Maria di Piantavigni, zoè da 
lado de sopra, in drito a Lisandro da Sasum; 
et fo fenito el dito lavoro adì .... per mane 
de mastro Tomaxe d'Antuonio da limola 
muradore. 

1462. — FI chonte Iachomo Pezenine, 
essendo in Puglia et avendo bixogno de 
gente d'arme, mandò del mexe de zugno 
uno so chanciliero al marchexe Borse signo- 
re de Ferara, dal quale fo servito d'alquante 
migliara de duchati, seghondo che se disse. 
Con li quali dinari asoldò el chonte Fran- 
cescho da la Mirandola con 800 chavagli, 
i quali passono per Ferarexc a la fine 
de zugno e andono a Rimene dal signore 
Gismondo dy Malatiesti. F del mexe de 
luio el dito signore Gismondo con soa gente 
e con li sopraditti soldati chavalchono in la 
Marcha per andar in Puglia dal chonte 
Iachomo; et arivati nelle 1 chonfyne de la Mar- e. 263 a - coi. 2 
cha in su el fiume Tronto, trovarono meser 
Mallo da Chapua e meser Lodovigo Malve- 
zo con soa gente, i quali ie vedono el passo ; 



11 ] così nel cod. — so. adì] segue spatio 

bianco nel cod. — 26. arme] segue nel cod. M cancell. 
— 28. de Ferara] aggiunto dalla stessa mano del cod. 
sopra la riga, perché omesso nel testo 



5 i La data della fine del lavoro manca a tutti e Malvezzi, ai servizi del Re di Napoli, vedasi sopra a 

due i testi, ma è noto che il lavoro fu compiuto in pp. 293, 43-294, 10. io 

breve tempo. 3 Sigismondo Malatesta. 

2 Sull'unione di Matteo da Capua e di Lodovici 4 Vedi in questa stessa cronaca, a p. 297, il sgg, 



296 



CORPUS CHRON1CORUM 



[A. 1462] 



e. 66 a 



Cronaca A 

zugno, et tra prisi e morti funo circha 
quaranta milia; et venne le novelle a Bo- 
logna adì 1 7 de luglio, per littere de mer- 
chadanti veneziani. 

El ducha de Milano, volendo che li 
subditi, zoè gli omini, delle castelle degli 
Angosuoli del conta de Piasenza, pagasseno 
le tasse corno pagavano gli altri contadini 
del suo paese, fece uno exatore a rescodere 
tale tasse ; et per questo gli omini da Viane * 
e d'Albaré * cum molte altre castelle del 
conte Nofro degli Angusoli andono a Pia- 
senza et uciseno el dicto exatore. Et per 
questo misser Ludo viglio da Gonzagha, si- 
gnore de Mantoa, cavalchò cum soa gente 
da cavallo et da pè et andò a Piasenza 
nel principio de luglio, et entrato' dentro, 
fece pigliare in più volte circha cento no- 
mini contadini et quilli fece impichare. Et 
per questo el conte Nofro degli Angusoli 
fé una grande adunata de villani per con- 
trastare al ducha de Milano; dove el signore 
de Mantoa andò a retrovare el dicto conte 
Nofro et quello rompe et prese, et mandolo 
a Milano. De la quale presa ne fu casone 
misser Carlo et misser Zohanne degli An- 
gusoli soi barbani, bene che prima el ducha 
de Millano havea hauto noticia de tucti li 
tradimenti che menava el dicto conte No- 
fro cum li Franzoxi ch'erano a Savona in 
Zenoese, per uno contadino chiamato el 
Peloya. Et per queste cose ne romase de- 
sfacto el castello de Viane et d'Albaré cum 
alchuni altri, perché gli omini de quelle 
se partirono cum loro fameglie et brusaro- 
no loro formenti et chase. Nientedimeno el 
ducha de Millano seguitò sopra de loro 
grande vendecta, però che tra impichati et 
anegati ne funo morti più de quatrocento, 
et molta gente se partì de quello paese et 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



10 



Cronaca D 

et per questo el signore Gismondo se ne 
trono in la Mar e ha el andò a chanpo Sini- 
ghaia 3 ; -per la quale fo male andata per lui, 
come più avanti legiriti*. 

14Ó2. — El chanpo del Gran Tur e ho, 
ch'era nel paexe de Valachia, fo rotto per 
acqua e per terra da li diti Valachy adì 
xxiii de zugno; e tra prixi e morly fono 
circha q.o migliar a\ et venne [la noticia] a 
Bologna adi xvii de litio per literc de mcr- 
chadanii Venecìani. 

De la morte de multi homeni de Piaxen- 
za e la desfatione del conte nofro 

DEGLI AnGHUSUOLI. 

1462. — £1 ducha de Milane volendo che 
li subditti, zoe gli ominy delle chastellc degli 
Anghusuoli s del conta de Piaxenza pagas- 
seno le tasse come pagavano gli altri conta- 
diny del suo paexe, fece uno exatore a re- 
schodere tale tasse; e per questo gli omini 
da Viane e d'Albaré con molte altre chastellc 
del conte Nofro degli Anghusuoli andono 
a Piaxenza e uccixeno el ditto exatore. JSt 
per questo meser Lodovigo da Ghonzagha 
signore de Mantoa cavalcò con soa gente 
da chavalo e da pè e andò a Piaxenza nel 
principio de litio, et entrato dentro, feze 
pigliare in più volle circha ioo huomini 
chontadini e quilli fece impichare. Jt per 
questo el conte Nofro degli Anghusuoli fece 
una grande adunata de villani, per contra- 
stare al ducha de Milane; dove ci signore 
de Mantoa andò a rctrovare el dito conte 
Nofro e quclo ronpc et prexc e mandalo 
a Milane. Della ' qual presa ne fo chaxoné 
meser Charlo e meser Zohanne degli An- 
ghusuoli, suoi barbani. Bene che prima 






,c.26sb 
col. I 



3. a] aggiunto dalla stessa mano del cod. sopra la 
riffa — il. la noticia] le due parole furono omesse dal- 
l'amanuènse 



1 Viano, e più precisamente Viano Casolo, sul 3 Senigallia. 

olle, a sud di Piacenza. * Confronta più innanzi a pp. 297, 29-298, 11, in io 

2 Albareto, luogo montuoso (Un'Appennino nel questo stesso testo. 

distretto piacentino. Questo e il luogo precedente di- ' Anguissola o Angusciola. 

pendevano dagli Angui- sola di Piacenza. 



[A. 1462] 



BONON1ENSIUM 



297 



Cronaca A 

andono a stare in più parte de Lombardia, 
dove loro erano seghuri ; et per questo quel- 
lo paese ne romase consumato. 

Venne lettere a Bologna, adì 16 d'a- 
gosto, per misser Agostino Rosso da Parma 
luoghotenente de Pesaro, per lo signore 
misser Allixandro da Codognola, comò adì 
12 d'agosto a hore tre de notte, tristamente, 
gli omini ch'erano dentro dalla rocha de 
Sinighaglia, la deno al signore Gismondo di 
Malatesti l : la quale fornitola incontinenti, 
ingignandose de livarse cum soa gente per 
redurse a Mondolfo 2 nelle sue terre, fu sen- 
tito dalli nemici soi che stavano atenti, et 
asaltati a hore quatro de notte in modo che, 
perseguitandoli et inchalzandoli, l'ano rotto 
et frachassato cum gran furia lino su le 
porte de Mondolfo. Degli homini d'arme 
funo prisi millecinquecento cavagli et molta 
altra gente ; delli condutieri funo prisi el 
conte Zohanne Francesco da la Mirandola 3 
solo: el signore Gismondo e Selvestro et 
quello da Furlì 4 a gram pena se sono redu- 
cti dentro da Fano; et funo ructi dal conte 
de Urbino capitanio della Chiexia, el quale 
seguitò assai bene la vitoria, però che non 
passò el mese de setenbre che l'ave tucto 
el vichariato de Fano ; da poi venne nel 
conta de Rimine facendo molto danno, et 
havé quasi tucto quello contado. El signore 
Gismondo, comò fu rotto, montò in nave 
et andò in Puglia cum Selvestro a retrovare 
el ducha Zohanne de Chalabria e '1 conte 
Iacomo Pizinino. ' 
e. 66 b El principo de Taranto, el ducha de 
Chalabria e '1 conte Iacomo Pizinino funo 
rotti in Puglia adì 18 d'agosto, a pè de 
Trova 5 ; et roppeli dom Ferante re de Na- 
poli e '1 signore Allixandro da Chodognola 
et dalla gente della Chiexia; et perdeno el 



10 



15 



26. Urbino] segue nelcod. ructi cancell. — 38 adi] 
segue nel cod. un numero di due cifre cancell., cui fu 
sostituito il numero 18 



20 



25 



30 



40 



Cronaca B 

el ducha de Milane avea avuto noticia de 
tutti ti tradimenti che menava ci dito conte 
JVofro con li Eranzoxi, ch'erano a Savona 
in Genoexe, -per uno conladine chiamato el 
Peolla 6 . 

E -per queste cose ne ro?nasc desfato ci 
chastelo de Viane e d'Albare con alchuni 
altri, perchè gli omini de quelle se partirono 
con loro fame glie e bruxarono loro f or mieliti 
e chase. Nientedemeno el ducha de Milane 
seguytò sopra de loro gran vendetta, pero 
che tra impichati e anegati ne fono morti 
più de J/.00 ; et molta gente se partì de quel 
paexe et andono a stare in più parte de 
Lonbardia, dove loro erano seghury. -Et per 
questo quel paexe ne romase chonsumado. 

Come el signore Gismondo dy Malatie- 

STI FO ROTO DAL CONTE DE UrBINE. 

1462. — Venne liierc a Bologna adì 
16 d'aghosto per meser Aghustim Rosso 
da Parma luogotenente de Pexaro per lo 
signore meser Alisandro da Chudignola, 
come adì 12 d'aghosto, a hore 3 de notte, 
tristamente, gli omini che erano dentro da 
la rocha de Sinigaglia, la deno al signore 
Gismondo di Malatiesti. ^uale, fornitola 
incontinenti, ingignandose de livarse con 
soa gente per redurse a Mondolfo nelle sue 
terre, fo sentito dalli nemici suoi che stavano 
atenti, et asaltali a hore 4. de notte in modo 
che, perse guitandolli e inchalzandolli, l'ano 
rotto e frachassato con gran ' furia fino 
sulle puorle de Mondolfo. Degli omini 
d'arme fono prixi 1500 chavagli e ìnolta 
altra gente ; delli condutieri fo preso el 
conte Zohanne da la Mirandola, solo) e 'l 
signore Gismondo e Selvestro e quclo da 
Forlì a gran pena se sono redutti dentro da 



>6 3 b 






1 Abbiam visto sopra come Sigismondo Malatesta, 
di ritorno dalle Marche, si sia rifugiato a Senigallia. 

2 Mondolfo, comune della provincia di Pesaro, sul 
contrafforte dell'Appennino. 

3 Questo personaggio è ricordato poco più su, a 



p. 295, 22-27. 

* Astorre Manfredi. io 

5 Troia, comune della provincia di Foggia nella 

Puglia. 

B II nome si cambia in Peloya nel testo A. 



298 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1462] 



Cronaca A 

loro campo cum tende, trabache e pavigliu- 
ni et chariazi; et fugino dentro da Troya 
cum loro danno et vergogna. Et adì xx 
dicto gli omini de Trova se livono a romore 
et preseno ottanta homini d'arme ch'erano 
in Troya et deno la terra e gli omini al 
re de Napoli, et haveno la rocha a descri- 
ptione, nella quale era Zohanne Cossa ne- 
mico del re de Napoli, et haveno Frioza l 
ch'è lì apresso dodese miglia; et per questo 
assai terre et castelle preseno acordo et 
specialmente el signore Charlo de Sangue- 
ne, che livò le bandiere del re de Napoli. 

Terre et signuri che tengono cum el 
re de Napoli, e prima : 

Tucta chasa Sam Severino cum la ma- 
zore parte de la Chalabria, zoè: 
El duca de sam Marcho, 
el conte de Arena 2 , 
misser .Marine Churialc, 
el conte de Regio \ 
Bardassino, 
Chosenza, 
Bassignano \ 
Castro Vilari \ 
Montelione s , 
Chatanzano 7 , 
Sam Severine * ; 

In Principato e Valle Breventana : 

El conte di Chonza, 

torre del conte de Molitorio, 

el conte d'Avelino, 

el conte de Fondi, 

el conte di Marchone 9 , 



16-17. Terre 
nel cod. — 33. In 
stro rosso nel cod. 



prima] scritto con inchiostro rosso 
Breventana] scritto con inchio- 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

Fano. Et fono rutti dal chonte d'Orbine in 
chafitanio de la Ghiexia, el quale seguitò 
asai bene la vittoria, fero che non -passò ci 
mese de sctembre che l'ave tuto ci vichariado 
de Fané. Da -poi venne nel conta de Rimcnc 
facendo molto danno, et ave quaxi tato qnelo 
contado. FI signore Gismondo n , come fo 
rotto, manto in nave e andò in Puglia con 
Selvestro a rctrovare el ducha Zohanne de 
Chalabria e 7 chonte Iachomo Pez citine. 

Come el chanpo del principo de Taran- 
to e del duca Zoane fo rotto a 
Troya in Puglia. 

14o2. — FI principo de Taranto e 'l 
ducha de Chalabria e 7 chonte Iachomo Pczc- 
nine fono rutti in Puglia, adì 18 cfaghosio, 
a pc de Troia; e ropelli don Ferante re 
de JVapuh e 7 signore Alisandro da Chudi- 
gnola e da la gente de la Ghiexia ; et pcr- 
deno e lloro campo con tende, travachc e 
pavagliuni e chanagi ; e fugino dentro da 
Troia con loro danno e vergogna. Ft a- 
dì xx dito gii ominy de Troya se livono a 
remore e prese no So homini d'arme ch'erano 
in Troya e deno la terra e gli omini al re 
de Napuli, e aveno la rocha a descrccionc. 
JVe la quale era Zohanc Cosa nemico del 
re de Napuli; et aveno Fuoza eh? e lì ' apres- c c ' 
so xii miglia. Et per questo asai terre e 
chastcllc prcscno achordo e spicialmcntc el 
signore Charlo da Sangucne, che livò le 
bandiere del re de JVapuli. 

Terre e signiuri che tengono con el re 
db Napuli, et prima: 

Tutta chasa San Severine con la mazorc 
parie de la Chalabria, zoè: 






2. fono] segue r cancell. nel cod. — 25. livono] 
segue a cancell. nel cod. 



!') 



' Deve intendersi la città di Foggia. 

2 Arena, comuni in prov. di Catanzaro; non molto 
distante deve essere la località seguente di Bardassino. 

' Keggio Calabria. 

1 Intendasi Bisignano, comune della provincia di 
Cosenza, tra Cosenza e Castrovillari. 

5 Castrovillari, circondarlo della provincia di ( 
senza, su un allluente del Crati. 



6 Monteleonc Calabro, circondario della provincia 
di Catanzaro, specchiantesi sul golfo di Sant'Eufemia. 

7 Catanzaro. 

8 San Severino Lucano, comune della provincia 15 
di Potenza. 

9 Morcone. 

10 Federigo di Monti feltro. 
" Sigismondo Malatcsla. 






[A 1462] 



BONONIENSIUM 



299 



e. oy a 



Cronaca A 

el conte de Monte Sarchio, 
el conte d'Ariano, 
el conte di Chaserta, 
el conte di Zeretto x ; 

In Puglia : 

Barletta, 
Tranv 2 , 
Andria, 
Iuvenazzo s , 

el conte de Santo Agnolo cum meza 
la montagna;' 

In lo conta di Molixi 

El conte d'Altavilla, 

Sipione Pandone et le sue terre; 

In Terra di Lavoro: 

Napoli, 

Aversa, 

Chapua, 

Gaietta 4 , 

l'Azerra 5 , 

Nolla, 

Benivento ; 

In Abruzzo : 

El conte de Tagliachozzo, 

el conte d'Albi, 

el conte de Zelano 6 , 

el conte de Manyerii, 

le cinque terre della montagna, 

el conte de' Pepuli 7 , 



7. In Puglia] scritto con inchiostro rosso nel cod, 
— 12. Iuvenazzo] nel cod. prlvenazzo — 15. In.... 
Molixi] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 20. In . . . 
Lavoro] scritto con inchiostro rosso nel cod. — 30. In 
Abruzzo] scritto con inchiostro rosso nel cod. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

El ducha de San Marcho, 

ci chonte de Arena, 

meser Marine churiale, 

el conte de Regio, 

Bardassino, 

Chosenza, 

Bassignano, 

Castrovilari, 

Montelionc, 

Chatanzano % , 

San Severine, 

In Principato e Val Breventana: 

El conte di Chonza, 

terre del conte da Molitorio, 

el conte d'Avelino, 

ci conte de Fondi, 

el conte di Marcitone, 

el conte di Monte Sarchio, 

el conte d'Ariano, 

el conte di Chaxerta, 

el conte di Zeret[toj 9 . 

In [Puglia] 

Barlcta, 
Trani, 
Andria, ' 
Iuvenazo 10 , 

el conte di Santo Agnolo con meza la 
montagna u . 

In lo conta di Molixi: 

El conte d? Altavilla, 

Si-pione Pandone e Ile sue terre. 



e. 2^4 a • col. 2 



23-25. Zeretto, Puglia] i vuoti, determinati da 
uno strappo della carta, sono stati riempiti con l'aiuto 
del testo A 



io 



1 Cerreto Sannita, circondario della provincia di 
Benevento, poco distante dal fiume Calore. 

2 Trani, comune della provincia di Bari, sul mare 
Adriatico. 

3 Giovinazzo, comune della provincia di Bari, sul 
mare Adriatico, tra Bari e Molfetta. 

* Gaeta. 

5 Acerra, comune dell'antica provincia di Casert:i, 



in Campania. 

6 II conte di Celano (Provincia di Aquila). 15 

7 II conte di Popoli (Provincia di Aquila, lungo 
il Pescara). 

8 Catanzaro. 

9 Cerreto Sannita, v. nota 1. 

10 Giovinazzo, v. nota 3. 20 
" S. Angelo, ai piedi del Monte Gargano. 



300 



CORPUS CHRONICORUM 



[A. 1462] 



e. 67 b 



Cronaca A 

Sermone S 

el conte de Sam Valentino 2 , 

Civita de Chiette 3 , 

Lanzano 4 , 

Franchavilla 5 , 

Buchianicho 6 , 

Villa Marina \ 

Payetto 8 , 

Chivelnyxi , 

misser Marino Chapuzino, 

Civita de Penne 10 , 

Loretto u , 

Civita Santo Agnolo l2 , 

Tiranio 13 , 

Campii u , 

Civitella 15 ; 

Terre et signuri che trngnano cum el 

DUCHA ZoiIANNE DE CHALABRIA, 

In Chalabria : 

El marchexe de Chotrone "', 
el marchexe de Yeraze i7 , 
el conte de Synopoli I8 , 
el conte da Xinchastro ,9 ; 

In Puglia et Terra de Barri:' 
El principo de Taranto, 



16. Eampli cod. — H)-20. Terre .... Chalabria| 
scritto con inchiostro rosso nel cod. — zi. In Chalabria] 
scritto con inchiostro rosso. — 28. In... Barri | scritto 
con inchiostro rosso nel cod. 



10 



Cronaca B 
In terra de lavoro: 



15 



20 



25 



Nafuli, 

Aver sa, 

Gha-pua, 

Ghaiela, 

l'Aberra, 

Nola, 

Betty vento. 

In Abruzo: 

El conte de Taiachozzo, 

ci conte d'Albi, 

ci conte de Celano, 

ci conte de Manycri, 

e Ile j terre de la montagna, 

ci conte de Po foli, 

Sermone w , 

el conte de San Valentino, 

Civita de Chicte, 

Lanzano, 

Franchavilla, 

Bnchianeco, 

Villa Maina 2, ; 

Paletto 22 , 

Chivelnyxi, 

meser A farine Capuciano 23 , 



; ' Sulmona, circondario della provincia di Aquila. 

- San Valentino. <{ià in Abruzzo citeriore, comune 
nella provincia ili Chleti. 

Chieti, anticamente più nota sotto il nome di 
Civita di Chleti ; vedi nota 2 a p. 2S2. 
io Linciano, in provincia di Chieti, poco distante 

dal Sangro. 

Francatila al Marc, sull'Adriatico, in Provine ia 
di Chicli. 

6 Bucchianico, comune della provincia di Chieti, 
a sud del Capoluogo. 

7 Villamarina, comune della provincia di Avellino. 

8 Paglieta, comune della provincia di Chieti, vi- 
. ino al Sangro. 

itto il nome Chivelnixi deve intendersi, pro- 
20 babilmente, Guglionesi, tra il Biferno e il 'frigno, poco 
distante dall'Abruzzo, in provincia di Campobasso. 

I Civita o Città di l'enne, come si chiamò n< i 
secoli passati, e l'attuale l'enne, circondario della pro- 
vincia di Teramo. 

II Loreto Aprutino, in pro\ im ì» di Teramo, rii or- 



dato p i vi su. 

12 L'odierna Città Sant'Angelo, comune della pro- 
vincia di reramo, non distante dal mare. 

13 Forse è l'orano Nuovo, comune della provincia 

di Teramo, verso il confine con quella di Ascoli. 30 

14 Campii, comune della provincia di Teramo, poco 
distante dal Capoluogo, a nord-e t. 

1 ' Civitclla del Tronto, comune della provincia 
di Teramo, verso il confine con quella di Ascoli. 

18 Cotrone, circondario della provincia di Ca- 35 
tanzaro. 

17 Geracc Marina, circondario della provincia di 
Reggio Calabria. 

18 Sinopoli, comune della provincia di Reggio 
Calabria, sul versante dei Tirreno. -]o 

19 Nicastro, circondario della provincia di Catan- 
zaro, sul versante del Tirreno. 

-" Sulmona, v. nota 1. 

21 Villa Marina, v. nota 7. 

22 Paglicta, v. nota S. 45 
" :: Ma Caporciano, in prov. di Aquila? 






IA. 1462] 



BONON1ENS1UM 



301 



Cronaca A 

el ducha de Malfì \ 

el conte de Troya 3 , 

Manfredonia, 

Nucera % 

Sam Sci veri 4 , 

Fogia et parte de la montagna de Santo 



Agnolo 5 ; 



In Abruzzo 



Chasa Chaldora tucta cum lo Guasto 6 , 

el conta de Monte Odorise 7 , 

el conta d'Archi 8 , 

l'Aquila, 

Ortona mare 9 , 

la Guardia secha *°, 

Agnone u , 

l'Atessa n , 

Turino l3 , 

el conte de Manopello 14 , 

Achorza mura ,5 ; 

In Basilichato et Principato : 
El principo de Salerno; 

In Terra di Lavoro : 
El conte de Sarno, 



io. In Abruzzo] scritto con inchiostro rosso nel 
cod. — 23. In.... Principato] scritto con inchiostro 
rosso nel cod. — 36. In . . . Lavoro] scritto con inchio- 
stro rosso nel cod. 



10 



15 



20 



25 



Cronaca B 

Civita de Penne, 

Loreto, 

Civita Santo Agnolo, 

Tiranyo, 

Campii, 

Civitella de.' 

Terre e signiuri che tigniano con ei. 0.2640 •coi.» 

DUCHA ZOHANNE DE ChALABRIA. 

In Chalabria: 

El marchese de Chotrone, 
el marchese de Terace 16 ; 
el conte de Sinopolly, 
el conte da Nincasiro ". 

In Puglia e terra de Bari: 

IlI principo de Taranto, 
el ducha de Malfi x% , 
el conte de Troya, 
Manferdonia, 
Nucera 19 , 
Sam Sivieri 20 , 
Foggia, 
e parte de la montagna de S aneto Agnolo i{ . 

In Abruzo: 

Chaxa Chaldora tuta con lo Guasto, 
el conta de Monte Odorixi, 



IO 



1 È Melfi, circondario della provincia di Potenza. 

2 Troia, comune della provincia di Foggia sul 
Celone, vedi sopra, nota 5 a p. 297. 

3 E senza dubbio Lucerà, comune della provincia 
di Foggia a nord ovest, sul colle. 

4 San Severo, circondario della provincia di Fog- 
gia a nord del capoluogo. 

5 Monte Sant'Angelo, in provincia di Foggia alle 
falde del Monte Gargano, v. nota io a p. 299. 

6 Guasto è frazione di Castelpetroso in prov. di 
15 Campobasso: ma qui forse intendesi Vasto (Chieti). 

7 Monteodorisio, frazione della provincia di Chieti. 

8 Archi, comune della provincia di Chieti, vicino 
al Sangro. 

9 Ortona a Mare o al Mare, in provincia di Chieti, 
20 ricordato più su. 

10 Crediamo sia Guardiaregia, comune della pro- 



vincia di Campobasso. 

" Agnone, comune della provincia di Campobasso, 
vicino al confine di quella di Chieti. 

12 Atessa, comune della provincia di Chieti, non 
distante dal Sangro. 

13 Torino di Sangro, in provincia di Chieti, vicino 
allo sfociamento nel mare del Sangro. 

14 Manoppello, comune della provincia di Chieti, 
sulla destra del Pescara. 

15 Titolo nobiliare di famiglia, da un luogo del- 
l'Abruzzo non bene identificabile. 

16 Gerace Marina, v. nota 17 a p. 300. 

17 Nicastro, v. nota 18 a p. 300. 

18 Melfi, v. nota 1. 

19 Lucerà, v. nota 3. 

20 San Severo in provincia di Foggia, v. nota 4. 
- 1 Per molti di questi nomi, vedansi le note ad A. 



302 



CORPUS CIIRONICORUM 



[A. 1402] 



e. 6Sa 



Cronaca A 

el conte della Tripalda ', 

Vicho 2 , 

Massa 3 , 

Castello di Soma *, 

Castello a mare di Scafatii 5 , 

el principo de Rossano 

Carinoli 6 , 

Aliffe 7 , 

la baronia de Fornucula 8 , 

parte del conta de Travetto 9 » 

le caste! le de Sani Zermano, 

Antonio Spinello, 

el ducha di Sora, 

el signore Honorato Ghaetano ; 

In lo conta di Molixi : 

Tacomo da Monteagano, 

el conte de Campobasso, 

chasa da Sanguene. 

Nota tu che liezi che, dapoi che fu 
rotto el conte Iacomo, multi signuri et terre 
preseno acordo cum el re de Napoli, corno 
tu lezerai più inanzi I0 . ' 

El signore Estore di Manfridi signore 
de Faenza, essendo in nimicitia cum misser 
Tadio di Manfridi signore d'Imola, andò a 
tempo de nocte alla rocha da Monte Bapta- 
glia " in Valle de Senno 12 et quella ascalò, 
et prese el castellano e Ili figlioli ch'erano 
di fuora della torre maestra, e Ila donna 



frigi nella dieta torre. Allora li 



:dicti 



P re < 

misseno fuocho alla pontexella; ma, per 

questo, non se volse rendere. Li nemici, 

zò vedendo, mostrono de volere impichare 

el castellano e Ili figlioli, allora la donna li 

de la torre; et cossi ebbe la dieta fortezza 



16. In .. . Molixi] scritto con inchiostro rosso nel 



coti. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



Cronaca B 

ci conta d'Archi, 

l'Aquila, 

Ortona Marc, 

la Guardia Secca, 

Agnone, 

l 'Atessa, 

Turino, 

el conte de Manopelo, 

Achorzamura. 

In Baxilicato e Principato: 
El principo de Salerno. 

In terra de Lavoro: 

El conte de Sarno, 

el conte de Latupalda 13 , 

Vico, 

Massa,' 

Castelo di Soma, 

Cast